I segreti di Brokeback Mountain

I segreti di Brokeback Mountain
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGGG
  • Media voti utenti
    • (7255 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

I segreti di Brokeback Mountain

Ang Lee, regista eterosessuale, quando tratta l’argomento omosessualità non scherza. E nemmeno rimane in superfice o si pone qualche pruderia. Va al cuore del problema, sessuale o sentimentale che sia. Nel Banchetto di Nozze aveva scavato profondamente nell’istituto familiare, qui scava nell’omofobia della provincia americana, quella che ha come riferimenti l’epopea virile del far-west. Ci restituisce quella parte del filone western che fino ad oggi ci era stata tenuta nascosta, oppure accuratamente velata tra le immagini dei fotogrammi, come già in Fiume Rosso di Hawks del lontano 1948.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

205 commenti

  1. l’amore rude e pregno di tenerezza, lo struggimento esistenziale di Heath e Jake, mi hanno tenuta inchiodata fino all’ultima immagine. Quella solitudine e quel tormento divengono un tutt’uno con la natura che nel suo silenzio è l’unica testimone dei loro reali sentimenti. E’ un film crudo, doloroso, dove le lacrime si asciugano al freddo. Bellissimo.

  2. daniele

    Almeno una volta all’anno, ho voglia di rivederlo. E’ successo ieri e, come sempre, piango sulla scena finale della camicia ritrovata. Tutto un amore racchiuso in un gesto.

  3. thediamondwink

    L’ho rivisto ieri sera su LA7d, devo essere onesto, la regia è eccezionale, bravi gli attori, perché no, anche la sceneggiatura, diciamo un bel pacchetto! ma … anche se molti lo definiscono un “cult” del genere, a me non piace così tanto, ne ho visti di migliori! All’inizio la storia è molto bella, ma poi (secondo me) rivisto, una seconda volta, perde qualcosa, diventa quasi noioso, niente di speciale. E’ un film che mostra una realtà differente dei “mandriani” di un entroterra americano difficile, una visione del “selvaggio” west tutta rosa che ammicca ad una realtà eterosessuale impossibile ma, sotto certi aspetti, veritiera. Diciamo che mi ha colpito molto di più la seconda parte che non la prima, dove l’omofobia stringe la cinghia dell’amore sino a strozzarlo! Ottima la fotografia e il bacio appassionato sotto casa … GRANDE Heath Ledger!!!

  4. Certamente caro perles75, ci sarà sicuramente chi, come te, non l’ha apprezzato. Ho solo detto che, come in tutti i casi di opere molto amate da un pubblico trasversale, c’è gente che per darsi un tono o per sminuire ciò che è ritenuto se non un capolavoro, comunque un film di pregevole fattura (persino presso un pubblico etero e anche da parte della critica) si va a trovare il pelo nell’uovo, quando poi si elogiano film oggettivamente minori (che possono comunque colpire e dare emozioni, beninteso, a seconda della sensibilità di ciascuno). Detto questo, onestamente faccio fatica a trovare un’opera del livello di Brokeback nel cinema a tema dal 2000 in poi (pre-2000 invece ce ne sono, anche se la risonanza mediatica ricevuta da questo film a livello mondiale e’ probabilmente unica, forse per questo e’ cosi poco digerito da chi non l’ha amato)

  5. perles75

    Scusa Nick, ma non ti viene in mente che magari ad alcuni (una minoranza, visto che il film ha un 8.7 su quasi 8000 voti) il film non ha entusiasmato e non perché “piace a tanti e quindi per fare il figo dico che non mi piace”?

    Io l’ho rivisto di recente (arrivando alla fine un po’ affaticato) e confermo il mio 7.

  6. Chiusa la parentesi socio-politica, torno alla pellicola. Attori tutti in stato di grazia (un plauso speciale alla bravura di un mai troppo compianto Heath Ledger, che recita con tutto sé stesso e adotta una impostazione vocale straordinatiamente aderente al personaggio -consiglio la visione in lingua originale-e ad una superba Michelle Williams in un ruolo marginale ma tratteggiato alla perfezione). La regia di Ang Lee è discreta, mai invasiva..del resto non ce n’è bisogno considerata la storia già forte di per sè. La sceneggiatura è solida, la fotografia ammaliante..ci si perde tra quei monti e quelle distese d’erba. Ottimo anche il sonoro e mi stupisco che nessuno citi mai la superba canzone che fa da tema portante del film “A love will never grow old”, una commovente ballata country piena di sentimento e d’emozione.
    In definitiva ci saranno sicuramente film migliori, ma questo occupa un posto particolare nel mio cuore. Voto: se esistesse la lode, la meriterebbe a pieno.

  7. A volte mi sembra che ci sia il tentativo di sminuire per forza un’opera solo perchè molto amata o comunque tenuta in considerazione dalla maggior parte del pubblico. Brokeback Mountain è un film stupendo. Una storia d’amore come ormai se ne vedono poche al cinema, che commuove ed appassiona adolescenti e adulti, donne e uomini, etero e gay. Non mi capita spesso di commuovermi davanti ad un film (specie se un film d’amore, non mi capitava dai tempi di Warren Beatty e Natalie Wood di “Splendore nell’erba”) ma ammetto che con questo faccio davvero fatica a trattenere i brividi e il nodo in gola è assicurato. Ang Lee ha confezionato un piccolo capolavoro e un film che, sono sicuro, rimarrà nel tempo. Perchè la storia va avanti, nella maggior parte dei casi (non parlo dell’Italia, ça va sans dire) nella giusta direzione, ma la memoria di un tempo in cui c’era un amore che non poteva essere vissuto e spesso neppure pronunciato, resterà per sempre.

  8. robin hood

    Credo che solo chi ha vissuto una storia simile possa dare il giusto peso alle pause e ai momenti di doloroso distacco, così come a quel senso unico, euforico, di sentirsi dei fuorilegge assieme.
    E il tempo tiranno me lo rende sempre + solo un ricordo.

  9. daniele

    E’ incredibile: almeno una volta all’anno devo rivederlo e, puntualmente, quando Ennis trova la sua camicia abbracciata a quella di Jack, mi commuovo. Grandissimo capolavoro!
    Molto bello anche il racconto – ben più esplicito – da cui è tratto.
    Voto 10

  10. ManuzManu

    Premetto che non è stato il primo film a tematica visto. Io come voto darei a questo film un bell’otto. Non lo trovo un capolavoro, ma neanche una cavolata. Molto bravi gli attori con la loro interpretazione, ma trovo che questo sia il solito film a tematica proposto per mostrare una visione eterosessuale dell’omosessualità dove gli omosessuali sono tutti ridotti a sposarsi con una donna, ad avere figli, a vedere il loro matrimonio, a farsi scoprire a letto con un altro uomo dalla moglie e divorziare, insomma gli omosessuali sono destinati ad amalgamarsi alla massa e a fare in privato le loro “cose”. Altrimenti ti “tirano per l’uccello” e ti ammazzano, tanto per citare il film. Purtroppo io non lo trovo come un eccessivo capolavoro, lo trovo come un film molto bello con interpretazioni magistrali ma basato su una trama troppo qualunquista. E’ comunque un buon inizio!

  11. luca/ch

    Ci sono film che rivedo perché ne sento il bisogno, altri, visto il gran bene di cui se ne sente parlare, per cercare di comprenderli meglio. Questo appartiene al secondo gruppo. Certo, tecnicamente (non sono certo io quello che può dare giudizi in tal senso), sarà un film perfetto, ma l’unica emozione che riesce a trasmettermi è una grande tristezza. Concordo con quello che qualcuno ha scritto in un altro commento ovvero un film a tematica gay creato per un pubblico eterosessuale (e fin qui tutto a posto), che lascia la sensazione che, con l’intento di voler far cadere alcuni cliché o, forse, denunciare la violenza di una società omofoba, riesca soltanto a dare ulteriore conferma (se ce ne fosse bisogno) al luogo comune: sei omosessuale? sei destinato a soffrire (o a far soffrire)….Perché? Perché il mondo gira così.

  12. zonavenerdi

    Nel genere glbt è solo uno dei tanti film; ma ha dalla sua quella di aver sfondato verso nel pubblico etero e nell’aver fatto parlare di questi temi anche chi credeva di l’omosessualità è una vergogna o poco meno … E non è poco …

  13. labrador

    Uno dei miei film preferiti di tutti i tempi, uno dei pochi che è riuscito a farmi riflettere per giorni e a sentire il dolore dei protagonisti anche alla milionesima visione! Heath Ledger è FENOMENALE! Straziante.

  14. LoXergho

    Devo dirla tutta??? Non mi è proprio piaciuto… un polpettone di più di 2 ore, dopo 30 minuti mi aveva già stancato! Io ke di solito mi commuovo x tutto (anke x Brave Heart!!!), non ho veersato una cavolo di lacrima… bellissima la fotografia, ma il resto… lasciamo xdere!!! O_O Poi la cosa peggiore e sentire Heath Ledger ke imita uno strano accento Texano, da sbellicarsi! XD Mooolto sopravvalutato a mio avviso. Secondo me ha rovinato la storia il fatto ke fosse così lungo… ora ci penso…

  15. Pur nel pieno rispetto delle opinioni altrui , non definirei mai questo film una cavolata. Come non lo considererei mai un capolavoro assoluto. Dilatare il racconto stringatissimo di Annie Proulx così esemplare e perfetto nella sua oggettiva gelida crudità in un filmone di più di due ore, non poteva certo non lasciare sul terreno alcune qualità insostituibili.
    Ma la bravura eccezionale degli attori, la perfetta fotografia e il coraggio del regista non potranno mai fare dimenticare questo film. Che infatti , e giustamente , è diventato un cult…ma non solo per il mondo gay.

  16. zio Jim

    E’ un film bello ed emozionante. I momenti toccanti sono tanti ma uno in particolare mi è rimasto impresso: Ennis, che finita la stagione di lavoro con Jack vomita di nascosto per il dolore del distacco.

  17. ChumptyDumpty

    Ho visto questo film che ero più piccola di quanto non lo sono adesso che ho quindici anni, e già allora mi ha commossa fino al midollo. In tre anni l’avrò visto un mucchio di volte e devo dire che ogni volta è sempre meglio. Certo, non si può dire che sia una storia sdolcinata e tutta rose e fiori, ma anche se non si vede, anche se è coperto da strati di paura, necessità, responsabilità ed in un certo senso ignoranza, in questo racconto c’è uno degli amori più grandi e profondi che una persona può provare per un altro individuo, perché è così che questa storia deve essere vista, come l’irrequieta storia d’amore di due persone degli anni ’60.
    Jack e Ennis sono davvero una delle coppie più belle e tormentate della storia del cinema.

    Consiglio: Vedetelo in lingua originale e sottotitolata, io ho pianto di più. Ah! E leggete il libro! Ha meno di cento pagine!

  18. CatAnto

    Bellissimo, emozionante, da lasciarti senza fiato. Un’ottima regia, per non parlare di sceneggiatura, dialoghi e musiche…insomma, se un capolavoro del genere è stato apprezzato e premiato, un motivo doveva esserci(lo consiglio in inglese, il doppiaggio italiano fa letteralmente schifo).
    Per concludere, come insegna il film: ‘L’amore è una forza della natura’, che niente e nessuno può fermare, nemmeno i pregiudizi o l’ignoranza.

  19. oltreparis

    sarò molto inpopolare ma a me questo film non mi è piaciuto molto, la fotografia non è male, la trama un po scontata, forse la cosa più carina dell’intero film è che non si scade nel sesso ostentato, io ho votato 5, francamente ho visto di meglio in casa nostra; “miserie e splendori di madame royal” un capolavoro.

  20. DuffyDuck

    Non so che dire se non che è un film bellissimo. È sicuramente una storia che lascia qualcosa dentro e che fa riflettere. Il finale l’ho trovato molto commovente e ammetto di aver versato qualche lacrima… L’Amore (e lo metto con la “A” maiuscola) che c’è fra i due protagonisti è un sentimento veramente forte che credo dovrebbe esserci in qualunque coppia a questo mondo.

  21. reader81

    Il merito più grande di questo film, è di aver portato finalmente all’attenzione di tutto quanto il pubblico, una tematica d’amore omosessuale.
    Se ne è parlato senza tabù, con naturalezza e senza timore alcuno.
    Ovviamente sul film in questione alcune critiche possono essere mosse, per esempio il fatto di aver completamente ignorato la dinamicità del romanzo da cui è tratto, dove la storia appariva molto più immediata e asciutta. Il regista invece qui ha voluto appunto esacerbare i ritmi campestri al fine quasi di voler giustificare l’incontro tra i 2 protagonisti.

  22. E’ un film che mi ha colpito molto in maniera molto positiva,mi aspettavo un film che parlava solo di sesso,invece è un film d’amore coplesso,ti lascia qualcosa dentro,per me,poteva anche essere una storia di persone etero,perchè è l’amore con la a maiuscola l’elemento principale e non in modo specifico l’orientamento sessuale.E’ un film che fa sognare e riflettere.

  23. istintosegreto

    Film esteticamente perfetto. La sceneggiatura ha approfondito e ampliato la novella di Annie Proulx (brevissima, e i personaggi sono appena abbozzati come animali che si accoppiano). Si aggiungano due attori fuori classe e una fotografia da togliere il fiato e otteniamo un capolavoro. Sulla carta. Perché a me questo film non ha fatto impazzire. Cosa manca? Il contatto fisico tra i protagonisti. Volevo più baci, più abbracci, più amore al chiaro di luna. Lo ammetto, sono affetto dalla sindrome di “Vento di passioni”. Dopo tutto, sono gay…

  24. Ho rivisto questo film l’altro giorno, e sì, mi è di nuovo molto piaciuto. Ovviamente bisogna essere pronti a sopportare lunghi silenzi, ma se non si è amanti solo dell’azione il film è da vedere assolutamente. Una storia davvero commovente, paesaggi e musiche stupende, un impatto notevole per la forza e la crudezza.

  25. duranoise

    Quando lo vidi al cinema ne rimasi folgorato! Adesso dopo la morte di Heath Ledger, guardarlo mi mette ancora + tristezza! Cmq rimane il film da oscar qual è! Nella mia personalissima classifica è al n.2.

  26. Fabrizioimperia

    Primo commento in questo sito:)

    il film e’ bello, struggente, gli attori sono tutti bravi , la fotografia ottima.
    Ma non e’ il film migliore che ho visto. Tra i migliori, certo, ma non il migliore.

  27. pitumpa

    la colonna sonora di santaolalla è semplicemente perfetta! poi voglio aggiungere che questo film è uno dei migliori usciti al cinema ed è probabilmente divenuto un cult insormontabile. forse appare in certi tratti lento e anche noioso, ma senza questo film penso che nn saremmo più gli stessi. almeno parlo dal mio punto di vista^^…credo che un tale capolavoro sia in grado di cambiarti dentro e di mostrarti le cose con una nuova prospettiva…
    …magari gli omofobi vedendolo potrebbero capire che nn solo gli etero soffrono…
    un’ultima cosa: il romanzo è piuttosto interessante; a mio parere in certi tratti un po’ troppo volgare, ma è consigliatissimo da leggere…può mettere in luce certe cose che magari nel film nn si apprendono immediatamente 🙂

  28. Si bello… ma da proprio una pessima impressione dei gay a mio parere. L’ho percepito come il classico film gay visto da un punto di vista prettamente etero, infatti, due gay che si sposano, che fanno sesso uomini ecc. Mi sarebbe piaciuto vdere non so qualcosa di diverso, tipo che alla fine avessero trovato la forza di andare a vivere insieme e poi non so…. far morire uno dei due; sarebbe stato lo stesso tragico e avrebbe dato un messaggio più forte. Due gay che nonostante una società avversa, hanno trovato il coraggio di portare avanti quello che sentono e di essere coerenti con se stessi e con le persone che li hanno amati (LE MOGLI.. e i figli, non dimentichiamoceli poveri disgraziati). Ripeto un film fatto sui gay per gli etero, in fondo agli etero fa sempre piacere vedere noi gay come le vittime sacrificali della società, li rassicura che le cose non cambieranno mai, speriamo che in futuro ci siano film più coraggiosi.

  29. luigi 43

    Credo di averlo visto dieci volte e,sempre ,alla fine ho pensato di inviare alla Signora Proulx
    la cassetta del film:”Misery non deve morire”.Ma, “If you can’t fix it,you gotta stand it”

  30. Certo ASCHEN, hai ragione...

    Quante belle parole, qual florilegio, suona tutto così poetico, Caro ASCHEN, soprattutto perchè queste parole sono dette da uno che ha più volte minacciato la redazione di denunciarla…

    TROLL!

  31. 3)Quindi fa la cortesia di evitarti la psicologia spicciola che ti rende ancor più ridicolo.Inoltre chi mette in mezzo il webmaster sei tu, dicendo cancellate questo, cancellate quello, bannate questo e parli a me di spauracchi…. Ma sta zitto che fai più bella figura e eviti al webmaster di cancellare i tuoi interventi stupidi e insignificanti come te. Sei solo un povero ignorante che ha bisogno che qualcuno gli insegni a vivere e io sono qua per questo. Ti bacchetterò ogni santa volta tu interverrai con stupidi, offensivi e maleducati commenti su chiunque, quindi fatti la croce cafone, maleducato, ignorante che non sei altro; ti insegno io a vivere e rispettere gli altri bambino viziato che non sei altro.

  32. 1)Curati. Se hai qualcosa da dire fa la persona educata e dillo in chat non imbrattare le schede, visto che tu mi hai accusato di imbrattare, adesso sai da chi parte la cosa e cioè da te. Per i nik sei ridicolo, non ho alcun motivo per usarne e farmi scudo degli altri utenti, come vedi le cose che ho da dirti e dire in genere le dico in faccia non ho bisogno dei vigliacchi sotterfugi che usi tu. Vedo inoltre che la tua maleducazione e presunzione continua evidentemente sei veramente un gran frustrato. Per quanto riguarda quello che guarda la gente non m’interessa.

  33. 2)Convivo con il mio compagno da 4 anni e ho abbastanza autostima da sapere cosa mi piace o meno al tuo contrario che fai guerra per stupide sciocchezze e te la prendi con tutto il sito. Come vedi questa lite è cominciate perchè per l’ennesima volta non ti piacciono i commenti negativi ai tuoi film preferiti. Ho una bella comitiva, un compagno, e non m’interessa cosa guarda la gente, è libera di avere la propria opinione come lo sono io. Fattene una ragione sei tu il solo, lo si vede chiaramente offendi gratuitamente, ti metti al di sopra di tutti, pensi che le tue opinioni siano le uniche, non accetti e rispetti gli altri, sei arrabbiato con il mondo intero, aggredisci come un cane rabbioso, tutti comportamenti di un frustrato e di una persona che si isola.

  34. ASCHEN, sappiamo chi sei...

    ASCHEN, ti tradisci di continuo: hai disseminato in 100 commenti, con 100 nicks, troppi indizi “filologici”; in questa scheda hai usato almeno 5/6 alias, ma sempre con lo stesso “stile” claudicante e burino, biascicando sempre gli stessi risibili “concetti”. Non ci casca più nessuno. Vali poco anche come troll/disturbatore. E non farti scudo degli utenti del sito: ti hanno dato addosso più volte, tu parli solo a nome della tua infelicità. Non usare il “noi”, tu rappresenti solo il tuo autismo. Come non ti conviene agitare lo spauracchio dello webmaster, visto che sei stato l’unico a saggiare la sua giusta censura. Accontentati pure dei tuoi giochetti per confondere il prossimo e per far passare la tua gretta “vulgata” sui film “belli”, se questi alleviano la tua sofferenza e la tua solitudine.

    In fondo, ti compatisco.

  35. Ahahahah… e grazie che vuoi discutere…. hai fatto e stai facendo queste figure di M…A davanti a tutta la chat e al webmaster, è normale che non vuoi discutere ti sei reso ridicolo , infantile, presuntuoso, arrogante, e Maleducato. Sai come si dice? La presunzione e l’arroganza sono le più alte forme di ignoranza e e maleducazione, e tu caro mio, sei la persona più arrogante e presuntuosa che ci possa essere.

  36. 1)Non ritengo che una notizia aggredisca i commenti di altre persone ma ritengo la tua manovra scorretta e cioè di ricopiarla nella scheda, se qualcuno è intenzionato a leggere la notizia, la va a leggere nella home page non nella scheda del film ma dimentico che tu ti consideri il zorro della situazione e invece come vedi sei due facce
    2) i discordi di classifica e e titoli sei tu che li metti sempre in ballo e accusi gli altri di averlo fatto accusandomi come anche hai fatto adesso di essere qualcun altro. Sei ridicolo

  37. 3) per il webmaster è semplicemente una risposta che è stata data a te per spiegarti che sei tu che rompe e non il webmaster perché dove c’è polemica ci sei tu e tutti gli utenti del sito ti leggono e lo sanno.
    4) non ho detto che questo film non piace a nessuno ma che devi rispettare chi non la pensa come te e cioè a chi non piace. Hai bisogno di cure come vedi per l’ennesima volta fantastichi e non rispetti i commenti altrui
    5)Visto che le polemiche cominciano sempre da te e tu scrivi nelle schede dei film io ti rispondo nelle schede, se scrivi nella chat io scrivo nella chat, quindi comincia ad essere tu più educato e usare la chat.
    6)Visto che il fatto che non sono Aschen non lo vuoi accettare, pensala come ti pare tanto si è capito che hai qualche serio problema.

  38. ASCHEN, moderati...

    1)Il fatto che ritieni che una innocua notizia presente anche in homepage possa “aggredire” qualcuno o le opinioni di qualcuno testimonia della tua follia.
    2)Anche stavolta, senza che nessuno l’abbia nominata, tiri fuori la tua adorata classifica: lo hai sempre fatto sin da quando il tuo nick era DINO e minacciavi di denunciare la redazione nella scheda di Shelter, che finalmente sei riuscito a far arrivare primo (contento tu…).
    3)Ti spingi a scrivere che “non è il webmaster che da fastidio”, come se qualcuno, tranne te in troppi commenti, lo avesse mai affermato.
    4)Rassegnati, questo film piace alla maggior parte delle persone che l’hanno visto, la tua personale, penosa vandalizzazione di questa pagina lascia il tempo che trova.
    5)Per queste stupide polemiche è stata approntata la chat, impara ad usarla, non è difficile.
    Chiedo cortesemente al webmaster di eliminare questi messaggi. Grazie.

  39. Questo sta fuori

    O mio Dio! Questo pazzo SUL SERIO. Innanzitutto è evidente che soffri di persecuzione, inoltre una notizia che è sulla home page non mi da fastidio anzi ma mi da fastidio se qualche povero pazzo la ricopia in una scheda per aggredire delle libere opinioni DEGLI ALTRI. Inoltre non sono il tuo carissimo amico Aschen e sei tu che stai imbrattando sempre con gli stessi argomenti questo sito, la classifica, i premi che questo film ha vinto, appena esce qualche commento negativo spunti fuori a elencare ogni riconoscimento, offendi gratuitamente e accusi gli altri di farlo, non rispetti le opinioni degli altri, chiami troll tutti e invece chi ci si comporta da tale sei tu ecc. Inoltre non è il webmaster che da fastidio anzi, visto che stà eliminando tutti i tuoi interventi, sta facendo un lavoro egregio, sei tu che dai fastidio e non solo a me ma a tutti curati. Ti piace questo film abbiamo capito ma non scocciare chi non ti condivide.

  40. ASCHEN, sei patetico.

    Guarda che questa notizia è presa dalla homepage di oggi di Cinemagay (che tu evidentemente neanche leggi, preso come sei a insolentire i commentatori e a postare con diecimila nick diversi): se ritieni che anche la redazione “rompa le scatole” con notizie che a te non aggradano (rosica pure…) prenditela con loro (sono mesi che infesti questo sito). Intanto faccio richiesta formale al webmaster di eliminare sia il tuo inutile commento che questo in risposta al tuo: non è possibile che ogni cosa che si scriva nei commenti debba essere vagliata, approvata, contestata e infine sbeffeggiata da un troll ignorante e aggressivo come te. Ricordati che da quando esiste cinemagay sei stato l’unico a cui hanno censurato centinaia di commenti tutti assieme.

    Un grazie alla Redazione e al Webmaster.

  41. Abbiamo capito che ti piace sto film, abbiamo capito che ha vinto premi e preso riconoscimenti, le sappiamo cose quindi che lo ripeti a fare pensi che che nessuno ne sia a conoscenza, o ti da fastidio che qualcuno non la pensi come te a riguardo del fatto che questo film non possa piacere, deve per forza piacere??’ Ma stai bene?? Inoltre il fatto che il film è stata una manovra economica per guadagnare soldoni dalle case prodruttrici che l’hanno fatto è risaputo, super pubblicizzato, attori sexy, storia scontata per nulla nuovo, omosessualità uguale tragedia, che a te piaccia va bene ma non rompere le scatole a chi la pensa diversamente. Risulti solo paranoico.

  42. Ancora premi a Brokeback e Lee

    1 – CINEMARTE ASSEGNA UN PREMIO ALLA CARRIERA AL REGISTA ANG LEE

    L’associazione Cinemarte, promotrice del premio collaterale Queer Lion per il miglior film a tematica omosessuale della Mostra, ha deciso di assegnare un premio alla carriera al regista Ang Lee, presidente della Giuria di Venezia 66, “per lo straordinario contributo al cinema contemporaneo ed in particolare all’immaginario queer attraverso il percorso di film e personaggi entrati nella memoria collettiva, in particolare per aver portato sullo schermo, attraverso “Il banchetto di nozze” e “Brokeback Mountain”, bellissime storie d’amore gay, coniugando la qualita’ della realizzazione al successo di pubblico e critica”.

  43. Ancora premi a Brokeback e Lee

    2 – La targa con il Leone dai colori arcobaleno e’ stata consegnata al regista nel pomeriggo di ieri all’Hotel Des Bains dal presidente dell’associazione Cinemarte Daniel Casagrande. Ang Lee ha dichiarato nell’occasione “Sono molto felice ed emozionato nel ricevere questo premio. Ci sono piccoli e grandi successi nella vita di ognuno, ma sono tutti importanti e questo e’ uno di loro. Ho sempre voluto raccontare storie d’amore universali nel mio cinema. Ho scelto di raccontare queste storie gay perche’ hanno colto la mia attenzione in tempi e modi diversi durante la mia carriera, sempre seguendo un’urgenza artistica. Sono grato di questo riconoscimento”.

  44. PER CHI MI HA RISP.

    Mi spiace rispondervi che per me sarà anche un bel film, ma resta il fatto che questo titolo è stato una manovra economica per guadagnare milioni di dollari che hanno fatto Case produttrici come “Alberta Film Entertainment; Focus Features; Good Machine; Paramount Pictures; River Road Entertainment” ( Home Video e soldoni a palate che gli altri film si sognano). E’ un bel film ma non rendersi conto del giro economico costruito attorno ad esso è veramente da paranoici. Gonfiarlo così, è doveroso dire che contrasta la piccola produzione che potrebbe fare veramente molto di più solo se il pubblico l’apprezzasse e appoggiasse di più, ma ciò difficilmente accadrà perché viviamo in un’epoca dove il capitalismo ormai ha condizionato anche le menti dei singoli individui, i quali non si rendono più conto delle macchinazioni e condizioni lasciandosi trasportare e convincere da chi di miliardi già ne ha a palate.

  45. La storia è bellissima,la regia è superlativa, la scenografia è spettacolare, la musica è incantevole, gli attori sono bellissimi e bravissimi e tutta la recitazione è all’altezza del resto;la critica di tutto il mondo lo ha osannato, salvo il doppiaggio di heath, cosa volete di più da un film?

  46. Per PER Hal
    scrivi idiozie, anche i cinepanettoni hanno la distribuzione alle spalle eppure non sono film di qualità.
    Questo è un film che dona emozioni e ti fà sentire una persona diversa ed è di un gran regista come Lee.
    HA RAGIONE HAL, c’è la moda di parlare male di questo film

  47. PER HAL

    caro hal non c’è nessuna moda è solo che se BROKEBACK MOUNTAIN ha avuto tutto questo successo è perchè ha così tante case produttrici alle spalle da far paura, mentre gli altri film a tema si e no ne hanno una, è normale che il film allora viene acclamato è anche uscito nelle sale cinematografiche… gli altri film a tema invece se vengono tradotti in ita è gia un miracolo, quindi facci la cortesia se non sei in grado neppure di capire le manovre economiche che le case prodruttrici fanno per far miliardi stai zitto che fai più bella figura.

  48. Ho come l’impressione che sia diventato di moda parlar male di “Brokeback Mountain”. Situazione un po’ bislacca a dire il vero, ma non certo preoccupante. Questo film è un classico, ha avuto e mantiene una visibilità e una caratura artistica che va ben oltre il ristretto e a tratti asfittico orticello dei “film a tematica”. Dunque , come tutti i grandi film d’autore, non è una visione per tutti, c’è poco da fare. E non è razzismo, è solo la constatazione della inevitabile realtà delle cose: non tutti abbiamo la stessa sensibilità e lo stessa attenzione quando guardiamo un film.

  49. Angel Dumott

    Film meraviglioso!Un capolavoro, attori eccellenti e regia raffinata!Bellissima la storia… il libro è orribile, bella trama ma raccontata e scritta malissimo!!!!!
    Il film lo amo!!!!!Strano, in genere i libri sono meglio… stavolta no!!Bravo Ang Lee!!!!!

  50. Apoxyomenos

    Pessimo film non lo farei mai vedere ai miei genitori per un Coming Out. Tanto sparlato, tanto acclamato e poi quando l’ho visto il classico tema scontato sull’omosessualità, 2 uomini repressi che si sposano e tradiscono le rispettive mogli. Siamo nel nuovo millennio oggi gli omosessuali grazie a Dio hanno altre mete, costruiscono famiglie proprie e si battono per i propri diritti. Non mi è proprio piaciuto mi aspettavo una storia diversa da quelle che siamo sempre stati abituati a vedere ed invece, tanta pubblicità e clamore per dei vecchi temi portati per l’ennesima volta al cinema.

  51. ieri ho visto Brokeback nel formato blue ray in lingua originale e in alta definizione, che ne esalta la bellezza dei paesaggi e l’intensità della recitazione. spero che esca in HD anche in Italia, (per ora c’è solo la versione USA) merita di essere visto al meglio!

  52. massimiliano78

    giulia mi è piaciuto il tuo”commento al mio commento”…ovviamente il paragone con sanremo non era da prendere così alla lettera…devo ricordarmi di usare le virgolette…ciao

  53. Giulia

    Ciao massimiliano, non temere, le offese in questo sito provengono sempre dallo stesso nick… hai chiesto un commento al tuo commento, bhé, che dire, mica un film, qualsiasi esso sia, deve piacerti per forza, giusto? Se a te non è piaciuto, è un’opinione legittima.

    Comunque Brokeback non ha vinto solo tre Oscar, ma una centinaio di premi circa e anche oltre, quindi è ovvio che non tutti questi premi possono esser stati assegnati per un ipotetico “magna magna”. E gli oscar hanno premiato sia film indimenticabili che film appena passabili, il confronto con Sanremo non è pertinente, anche Philadelphia ha vinto alcuni Oscar.

  54. Ultimo tentativo. Mi accusi di bassi insulti e tu (sempre che siano rivolti a me) nel precedente intervento scrivi(?):”tu sei da manicomio”. Faresti perdere la pazienza anche a un santo. Il mio nik é gpaolo e io sono Gianpaolo Veronese res. a S.Donà di Piave prov. Ve. Sarò riuscito a convincerti della mia identità? Attento perché se la risposta fosse no anche l’intervento di uno psichiatra sarebbe inutile.

  55. Il mio film del cuore per il momento è “Shelter” ma sento che lo stò già tradendo con “Do comeco ao fim”. Sono stato innamorato di BBM per ben tre anni ed, ebbene sì! Ammetto di essere un pò frivolo; cosa ci posso fare? Sono riuscito a scaricare non il trailer ma una scena intera del film brasiliano che si può trovare su emule e mi ha sconvolto da tanta poesia. Sono Gianpaolo e nessun altro!

  56. Io ti ho messo il mio nome e cognome anagrafico e ti ho invitato a chiedermi altri dettagli se ti interessava ma la tua stupidità e vigliaccheria te lo impedisce. Ribadisco: impara a scrivere o dedicati ad altre cose.

  57. Io se fossi in té mi vergognerei e non tirar fuori scuse di troppa fretta o altro. gli interventi li fai anche di sabato e domenica. Qualche errore di battitura nessuno te lo rimarcherebbe ma tu dimostri una scolarità inesistente e leggere le tue righe è come vedere un film censurato. Vista la quantità dei tuoi interventi questo sito sembra riservato agli ignoranti. Vai a scuola!

  58. Roberto

    Che bello quando cinemagay era un oasi di pace e i polemici ancora non lo conoscevano… quelli che nel febbraio 2006, epoca del mio primo commento a Brokeback, non venivano qui confondendoti con un altro e spacciandosi per unici detentori della verità sul cinema a tema. Mi dispiace anche che il moderatore-webmaster non intervenga per ridimensionare l’ego di chi pensa che questo spazio sia sua proprietà e offende chi non è d’accordo con lui dandogli del pazzo.

  59. Roberto

    Chi parla di pecche su Brokeback Mountain deve sapere che è un film di Ang Lee, non di uno sconosciuto registucolo mestierante come molti altri film gay themed presenti anche in questo sito. Ang Lee ha vinto: 2 Oscar come Miglior Film (La tigre e il Dragone, Brokeback Mountain), 2 Leoni d’Oro a Venezia (Brokeback Mountain e Lussuria), 2 Orsi d’Oro a Berlino (Banchetto di Nozze e Ragione e Sentimento) e chissà quanti altri che non ricordo. Quindi attenzione a esprimere giudizi troppo affrettati e superficiali sui suoi film, si rischia di fare la figura dell’ignorante… Anche il suo ultimo film “Taking Woodstock”, presentato ieri a Cannes 2009 e dove non manca il protagonista gay, ha riscosso unanimi pareri positivi.

  60. Andrea

    Infine, come da tua richiesta, ti segnalo alcuni prestigiosi e rinomati siti di “tutti i film” (siti non a “a tema” come tu desideri) dove Brokeback Mountain è nelle prime posizioni come gradimento, così ti fai un’idea sulla sua reale reputazione “all over the World” (per visitare i link devi eliminare gli spazi tra le lettere):

    h t t p : / / w w w .rottentomatoes.com/m/brokeback_mountain/?critic=creamcrop

    h t t p : / / movies.about.com/od/awards/tp/movies121805.htm

    h t t p : / / w w w .metacritic.com/film/titles/brokebackmountain

    h t t p : / / w w w .metacritic.com/film/awards/2005/awardsandnominations.shtml

    h t t p : / / w w w .metacritic.com/film/awards/2005/toptens.shtml

    h t t p : / / w w w .imdb.com/title/tt0388795/ratings

  61. Andrea

    Poi, leggi bene ciò che ho scritto: io non ho sostenuto che Brokeback Mountain è un Kolossal, ma bensì lo hai sostenuto proprio tu nel tuo primo commento, mentre io in un mio commento ti ho dimostrato il contrario. Ancora, l’importanza di Brokeback Mountain è tale proprio perchè la sua grandezza è riconosciuta al di fuori del circuito ristretto dei “film a tema”, infatti tutti i numerosissimi e meritatissimi premi che ha vinto gli sono stati assegnati da personalità e da enti estranei agli ambienti GLBT, e il
    successo che ha avuto e ha tuttora la dice lunga sul fatto che questo film è apprezzato ben oltre la esigua e ristretta cerchia di amatori di film “gay-themed”.

  62. Andrea

    Dovresti anche specificare quali sono le “parecchie pecche” che sarebbero sfuggite a gran parte del numerosissimo pubblico (milioni di persone per 190 milioni di $ d’incasso), della critica e che sono quindi sfuggite anche a chi ha assegnato ben tre Oscar a questo film (oltre a 125 premi, tutti i più importanti che esistono), ma non sono sfuggite a te. Vedi, il tuo errore marchiano sta nell’attribuire a questo film dei difetti inesistenti, confondendo la tua rispettabile ma discutibile opinione con la realtà dei fatti, ovvero che Brokeback Mountain è un Capolavoro unanimemente riconosciuto, e come tale non può avere le “parecchie pecche” e le altre “osservazioni” che tu ti illuderesti di attribuirgli.

  63. PER ANDREA

    Per quanto riguarda te, Bhe non ci vuol tanto a cercare in internet e guardare le altre clessifiche e non si sta parlando di classifiche di soli siti importanti, altrimenti si fa la fine delle guide culinarie di cui parla striscia la notizia, io parlo di tutte le classifiche se è un colossal come dici tu allora come mai nelle classifiche dei film in genere e, non gay ma di tutti i film etero gay ecc non è al primo posto? Se è un colossal deve esserlo anche al di fuori di un sito gay, ma non lo è, ti spiego il perchè: ha delle pecche. Inoltre io non ho da sollevare alcun polverone io mi guardo tutti i film mi piace il cinema e il teatro e se questi sono in classifica o meno non m’importa io li vedo comunque sinceramente penso a me stesso mica agli altri e delle classifiche Bah…

  64. Andrea

    Ti invito anche ad evitare espressioni del genere “per noi gay”, visto che tu parli esclusivamente a tuo titolo ed esprimi solo le tue opinioni, non quelle di tutti i gay; proprio per questo, trovo almeno ridicola la tua frase: “Rricordo che per noi gay se il film sembra finto è perché magari essendo gay e uomini sappiamo benissimo come ci comportiamo nelle situazioni e certe cose non le faremmo mai”, sia perché i gay, per fortuna, sono come tutte le altre persone, ovvero una diversa dall’altra, sia perché appunto ogni persona, in una determinata situazione, si comporta diversamente da un’altra. Inoltre, il film è ambientato nel Wyoming rurale in un periodo che parte dagli anni ’60 agli anni ’80, perciò le situazioni e le esperienze che descrive non sono minimamente paragonabili a quelle dei giorni nostri o addirittura, come scrivi tu, a quelle di “noi gay e uomini che sappiamo benissimo come ci comportiamo nelle situazioni e certe cose non le faremmo mai”…

  65. Andrea

    Segnalami anche, come hai scritto nel tuo commento, in quali “altri siti a tema Brokeback Mountain è al di sotto del quinto nelle classifiche”: mi raccomando, siti importanti come Cinemagay.it, non sitarelli amatoriali. Visto che tu consideri “fasullinE” le classifiche di Cinemagay.it, (ma per caso tu, e tale DINO, un altro che ha sollevato un polverone sulle classifiche di Cinemagay.it, siete lo stesso commentatore?!) ti segnalo io una classifica assai titolata tratta da quello che è considerato indiscutibilmente uno tra i più importanti siti “a tema”, cioè “AfterElton.com”, che a seguito di un sondaggio tra i suoi lettori ha decretato al primo posto – guarda caso – proprio Brokeback Mountain. Ecco il link:

    h t t p : / / w w w .afterelton . com / movies / 2008 / 9 / 50greatestgaymovies

  66. Andrea

    Poi, vorrei che tu mi segnalassi quali “errori o situazioni sono gravi” che, bontà tua, ritieni di ravvisare nel film. Ti ricordo che alcuni dei quali – presumo – tu credi siano errori – come anche i presunti errori segnalati nel commento di MIO – sono invece la trasposizione fedele dei fatti così come sono narrati nel celebre racconto breve “Brokeback Mountain” (tradotto in italiano con il titolo “Gente del Wyoming”), per opera della non meno celebre scrittrice Annie Proulx (premio Pulitzer, come anche lo stesso sceneggiatore del film, Larry McMurtry), dal quale il film è tratto. Non si tratta di errori, ma di precise ed efficaci scelte narrative.

  67. Andrea

    Ti ricordo poi che Brokeback Mountain non è assolutamente un “colossal” (attenzione, si scrive con la K iniziale, ovvero “Kolossal”), visto che è costato appena 14 milioni di dollari, cifra assai esigua per gli standard cinematografici statunitensi: un Kolossal ha un budget di almeno 150-200 milioni di dollari, migliaia di comparse, costosissimi divi in gran quantità, location, teatri di posa ed effetti speciali altrettanto dispendiosi, tutte peculiarità che in Brokeback Mountain non ci sono.

  68. Giulia

    Ehm, la “pubblicità” non ha ingannato un bel niente, visto che questo film, girato con pochi mezzi e senza l’appoggio delle grandi majors (per ben 7 anni gli sceneggiatori hanno cercato registi e attori disposti a girare il film, e tutti rifiutavano la proposta) ha stravinto tutti i premi possibili, strameritato il gradimento di pubblico e critica solo con la forza della propria bellezza, e non per merito di una presunta “pubblicità”, che se c’è stata è stata solo a carattere negativo: ostracismi e censure mai viste prime.

    Dopo che questo Capolavoro ha duramente conquistato nella Storia del Cinema la posizione che gli spetta, s’è cominciata a sentire in giro qualche opinione bislacca e in malafede sulla sua legittima importanza…

    A chi trovasse il film “lento” consiglio di andare a vedere robe tipo “Fast & Furious”, e a chi lo trovasse finto consiglio proprio di non andare al cinema, dove la finzione regna sovrana.

  69. IO AMO QUESTO FILM..LA MATTINA APPENA M SVEGLIO PENSO A QUESTA STORIA..IMMAGINANDO CM SE FOSSI IO IL PROTAGONISTA..QUESTO FILM M HA PROIETTATO NEL MIO VERO MONDO KE DA ANNI CERCAVO DI OPPRIMERE DENTRO..QUANDO LE COSE DURANTE LA MIA GIORNATA VANNO MALE..IO NN VEDO L’ORA DI TORNARE A CASA&VEDERMI QUESTO FILM..M AIUTA TANTO A PENSARE..&STATO GRAZIE A QUESTO FILM KE HO DTT TT AI MIEI GENITORI..IO OGNI QUALVOLTA LO VEDO QUESTO FILM PIANGO..ANKE SE ORMAI LE BATTUTE LE SO A MEMORIA&LE SCENE NN FANNO ALTRO KE PASSARMI DAVANTI GLI OKKI NELL’ARCO DELLA MIA GIORNATA..XME&CM1DROGA QUESTO FILM..SL KE AL CONTRARIO DELLA DROGA..QUESTO NN M FARà MAI MALE 🙂 🙂

  70. Mi son fatta coraggio e ho rivisto Brokeback Mountain dopo tre anni che lo avevo visto al cinema (è un film che riapre in me vecchie ferite): questo film è cresciuto nel tempo e crescerà ancora, è come il buon vino, più passa il tempo e più migliora. Un Classico.

    “Il tempo invecchia le cose mediocri e rende preziose tutte le altre”

  71. dimenticavo le banane nella foto in alto a sinistra sono veramente ridicole, inoltre non mi sembra neppure il caso di ridicolizzare una persona che non c’è più quindi forse non pensate sia il caso di togliere completamente la foto dalla scheda del film…. almeno così facciamo un po’ le persone serie anche noi gay

  72. BELLO PER CARITA’ VERAMENTE DA PREMI TUTTI MERITATI FOTOGRAFIA, REGIA, ATTORI,MA UNA TRISTEZZA….. ESISTE UN FILM GAY A BUON FINE MI CHIEDO?????
    UNA PCCOLA PECCA PERO’ SEMBRA QUASICHE ALCUNEI AVVENIMENTI VADANO TROPPO IN FRETTA COME PER ESEMPIO QUANDO ENNIS VIENE SUBITO BECCATO DALLA MOGLIE A ANCHE QUALCHE ALTRA SCENA IN CUI LE COSE ACCADONO TROPPO IN FRETTA QUASI COME S IL REGISTA AVESSE VOLUTO ACCELLERARE I TEMPI FORSE UNA MIA IMPRESSIONE MA COMUNQUE UN BEL FILM SOLO UN L PO’ TROPPO TRISTE

  73. Santos from Germany

    Film ME-MO-RA-BI-LE. Uno dei più bei film a tematica gay di sempre. Anzi, definirlo “film a tematica gay” è riduttivo: uno dei più bei film d’amore di sempre!

  74. Roby4ever

    Purtroppo questo film non mi è piaciuto. (Reduce dalla censura di Rai2) e poi dalla versione integrale vista in dvd. Gli attori sono bravi e la regia sapiente, e si vede eccome. Però non mi piace il quadro generale come la sceneggiatura…voto: 6.5/10

  75. AndreaS

    Questo film è un CAPOLAVORO. Grande regia, di statura classica, interpretazioni indimenticabili, sceneggiatura, fotografia e dialoghi perfetti: un film struggente, come pochi ancora se ne vedono. Merita tutti i premi che ha vinto, e anche quei pochi che non ha vinto a causa dell’ottusità di chi non ha voluto attribuirglieli. Un film che rimarrà nel cuore di molti, nella storia del cinema e nel Pantheon delle Opere Immortali.

  76. lukecarafe

    Penso che sia uno dei più bei film che abbia mai visto. Ang Lee del resto ne ha fatti di bei film. L’unica scena che non mi convince è quella del bacio appassionato dopo quattro anni. Come è possibile dopo così tanto tempo al primo incontro essere così passionali? penso che sia un film più per repressi che per gay dichiarati o sereni. Heath Ledger si è sforzato poco in questo film, penso sia un ruolo che gli calza a pennello. Un ragazzo sposato che frequentavo all’epoca della sua distribuzione nei cinema uscì in lacrime quando lo abbiamo visto. E poi mi ha raccontato un sacco di fregnate mesi dopo. Un film che commuove i coccodrilli. Mi piacerebbe proiettare la sequenza della tenda a ripetizione con Povia legato ad una sedia con gli spilli negli occhi….

  77. kikoliberty

    Forse nn l’avrei votato per il primo posto nella classifica dei 50 miglior film…ma cmq un film da oscar…stupendo e bellissime sopratttutto le interpretazioni…

  78. l’ho visto ieri, è bellissimo, anke se è molto, anzi, troppo triste! alla fine si potevano anke mettere insieme e convivere…sono troppo sensibile per questo tipo di finale…ho pianto cm uno stupido…

  79. L’ho visto a Venezia poi ho noleggiato il dvd, l’ho rinoleggiato, ho acquistato letto e riletto il libro poi ho acquistato il dvd e riacquistato il cofanetto con la “truffa” di libro + dvd e ognitanto questo film me lo riguardo; che ne dite? che mi sia piaciuto?

  80. Scusate se esco dal coro, ma personalmente non mi ha toccato piu di quel tanto. La scelta di non fuggire assieme li ha portati obbligatoriamente alla distruzione. Il film mi ha esasperato per la mancanza di forza dei due protagonisti. E che, un po di forza di volontà non avrebbe guastato. Cmq la storia è quella che ci descrive il film e perciò è da prendere o lasciare. Lascio!

  81. le parole non bastano per descrivere questo capolavoro, diventato un cult in pochi anni..strepitoso successo di critica e pubblico.
    Vedremo se il prossimo film (I love you philip morris) con jim carrey e ewan mcgregon bisserà lo stesso successo.

  82. enzo_1982

    a dir poco sublime, da consigliare vivamente ai familiari per far sì che comprendino cosa sia l’omosessualità e come la si viva in questa schifosa società in cui viviamo.

  83. Rainbow87

    Un gran bel film. Emozionante, triste ma travolgente.
    I due attori, Jake Gyllenhaal e Heath Ledger, sono eccezionali.
    Il film riesce perfettamente a mostrare quanto sia difficile, così come in passato anche un po’ oggi, vivere una storia gay liberamente.
    Consigliato!

  84. Melanie26

    mmm…ma sl a me nn è piaciuto??…film lentissimo e dell’amore tra i protagonisti ci fanno vedere poco o niente..a me sembra un film “gay” x eterosessuali…mi ha colpita xò l’incredibile interpretazione dei due attori

  85. Regress

    Un film sincero ma forse a volte un pò frenato …forse nella speranza di sovvenire ai gusti eteromani…A me è piaciuto alquanto e lo consiglio vivamente.

  86. pierrecs

    una poesia unica.

    un unico accenno….ma possibile che i cowboy che andavano a far la stagione erano così belli e curati????
    questo è un pò troppo surreale….

    cmq è un film che lascia il segno!!!
    da non perdere

  87. baltimore

    ho visto il film 2 anni fa..ed è forse uno dei rarissimi film che abbiano lasciato in me il segno.
    quel senso d’amore incondizionato che perdura negli anni,il mancarsi …così tanto da togliere il fiato…
    non sono gay(il che poco importa)e nella mia vita ho avuto 1001 donne ma con nessuna di loro ho mai avuto la fortuna di vivere una passione così grande.

  88. davide & angelo

    castigatore con annesse farfalline,sono solo le persone come voi che meritano l’estinzione… non tutti… per fortuna conosco moltissimi etero molto più intelligenti, sensibili e tolleranti di voi, poveri ignoranti…

  89. davide86

    Il più struggente ed emozionante, ma allo stesso tempo meraviglioso e romantico,melodramma sull’omosessualità di tutti i tempi,trattato con estremo realismo e semplicità ma altrettanto sentimento e passione a ritmo sostenuto. Un grido soffocato contro l’omofobia. Colpisce dritto al cuore e lascia il segno. Un vero capolavoro.

  90. Un film che molto interessante e meraviglioso il rapporto fra i due, bisogna capire che non è ambientato nel 2000, ma negli anni 70 e in una zona dell’America un po’ bigotta, quindi certi problemi vanno un po’ accettati. A me è piacoiuto tanto

  91. Francesco

    Film sopravvalutato, noioso, insignificante, privo di passaggi emozionanti e stimolanti. Sembra quei film tv da 4 soldi che danno di pomeriggio in estate per riempire la programmazione…
    Non so come abbia potuto vincere tutti i premi che ha vinto…

  92. max/rimini

    solo un maestro del cinema può realizzare un film di veri sentimenti, descritto più dalle immagini che dalle parole. Un film che va dritto, dritto al cuore parlando e descrivendo il vero amore che può essere tra< un uomo e una donna ma che fra due uomini.

  93. farfalline

    caro castigatore… hai perfettamente ragione… infatti siamo stati creati per popolare la terra e nn per l’estinzione… un bacio le tue ammiratrici…..

  94. vikysweetgirl

    sono felice di sapere che questo fantastico film abbia fatto commuovere non solo me. è spettacolare. una bellissima storia d’amore. chiunque abbia pregiudizi cerchi di torglierseli e guardi il film, lo consiglio vivamente. la scena dell’abbraccio rimarrà sempre nel mio cuore e anche i dolci occhi di Jack col suo bel cappello nero. insegna forse che bisogna avere il coraggio di vivere quello che desideriamo. e lo dice una ragazza che fin’ora non si8 è mai innamorata seriamente…

  95. Ho vissuto una storia d’amore cosi intensa come quella dei protagonisti del film, e, siccome ormai finita, mi ha riportato a riviverla con la mente col cuore e con l’anima.
    Il film è bellissimo per i paesaggi mozzafiato, le musiche struggenti,la storia bella e avvincente. Viva l’amore in qualsiasi cuore esso alberghi.

  96. De La Croix

    Film terribilmente noioso, dico sul serio! Un patetismo senza pari. La solita storia struggente di omosessuali repressi e in fuga da se stessi e dalla vita! Decisamente sopravvalutato da tutti…probabilmente solo perchè è uno dei pochissimi gay themed movies proposto all’attenzione delle grandi masse. Questa sito è zeppo di titoli molto più interessanti, fidatevi! Un esempio è Luster, tanto per spararla lì! ^_^

  97. Ragazzo14enne

    2 giorni fà ho visto brockeback mountain!devo dire che mi aspettavo di meglio!Certo esprime l’idea dell’amore a prescindere da qualunque cosa:Sesso,condizione o altro.Però sono convinto che poteva essere fatto meglio.Forse perkè in Italia il film è stato tagliato di molte scene!!Lo sapevate?Altro che V.M di 14 anni!!!Ho trovato questo film per niente volgare!!Ho visto di peggio in Tv!!!senza neanche un bollino Rosso!!VERGOGNA!!!Un film non può essere censurato!!non è giusto!!!

  98. odio la feltrinelli

    Già detto tutto sul film e su quanto sia bello un commento sul DVD: peccato!
    Incredibile ma vero a fine 2006 sono riusciti a fare un DVD di qualità non perfetta e dove nelle scene scure già sulla TV 32″ si formano striscioni e le immagini non sono nitite.
    Poi c’è la storia del DVD+Libro che io da vero coglione ho comprato per vedermi qualche speciale in più (e questi seppur non imperdibili ci sono) ma soprattutto per leggermi anche il libro. Ebbene una bella copertina con una bella immagine di Brokeback Mountain titolata Diversi Amori. Bello! Ma poi all’interno che ci trovo? Una pagina, dicasi due facciate (2) in cui si parla di Ang Lee, Lonesome Cowboys, Fiume Rosso, insomma una infarinata di cinema e poi via col libro che però è VIAGGIO di Pier Vittorio Tondelli O_O . Per carità, bel racconto di uno scrittore che mi piace ma non era per quello che ho comprato il DVD+Libro!!! Naturalmente ricontrollando la confezione e con il senno di poi devo ammettere che il coglione sono stato io perché in caratteri da puffo è scritto “chiaramente” (???) di che libro si tratta. O.K., sarò pure stato fesso e frettoloso di avere il DVD figo con libro ma la Feltrinelli dovrebbe spiegarmi cosa ha a che fare la copertina di Brokeback Mountain con un racconto ambientato sulla via ERmilia tra parma e Piacenza. BASTARDI!!!

  99. Pecoraio

    Buonasera sono un pecoraio e da tre anni convivo con una pecora, l’altro giorno un gay prepotente mi ha offesso e picchiato per via della mia diversità. Confido nell’aiuto dei registi d’autore ipocriti che dicono di difendere i diritti dei pecorai.

  100. Il castigatore

    Anche se stimo Pasolini, però tutto quello che affermava sull’Italia che cambiava era sempre in funzione del fatto che gli venivano a mancare i ragazzi per la notte; se non avesse avuto questo tipo di desiderio se ne sarebbe fregato. Cari Marco & Mauro se per evitare la sovrappopolazione dovessimo fare tutti i gay staremo freschi. Nei film gay si fanno vedere spesso gli altri che odiano a morte il protagonista gay in modo che il pubblico è portato a vedere come personaggio negativo quelli che fanno del male al gay così si distoglie l’attenzione, per il pubblico non gay, dal non sano comportamento del protagonista. Insomma il gay nei film è quasi sempre buono, sensibile e intellettuale, mentre gli antagonisti sono prepotenti; nella realtà si vedono tante teste calde gay, rissosi e nevrotici, per carità non tutti.

  101. Jim Puff

    Di questo gran bel film è gia stato detto pressoché tutto!
    A differenza del racconto breve “Gente del Wyoming” di E.Annie Proulx, da cui il film è tratto, che descriveva la storia tagliandola con l’accetta e dove le personalità alla cartavetro facevano a gara con l’asprezza dei paesaggi, Ang Lee ci fa amare i 2 mandriani, riesce a coinvolgerci e a farci parteggiare x loro, e lo fa, oltre che con la storia, con le musiche, con gli attori (davvero bravi), ma soprattutto con le immagini: sempre meravigliose, inni alla libertà, quelle che accompagnano i loro momenti d’amore; alquanto torve, buie, sciatte e disperate quando la loro vita è tra i famigliari.
    Un insegnamento dal film: affinchè quando apriamo i nostri armadi, non restiamo a rimirare due camicie rimpiangendoci sopra, viviamo la nostra (o le nostre storie) intensamente, contro ogni ostacolo, contro le ipocrisie: è la nostra storia, le altre sono solo al cinema!!!!

  102. Il bacio nella tenda è disgustoso….secondo me è stato un film sopravvalutato…la storia è granchè il film fa molto leva sulla regia che è molto buona e su un pò di musichette sdolcinate messe al momento giusto….Se avete occhio critico ve ne accorgerete anche voi…non fatevi prendere x il culo dai vari premi

  103. questo film è veramente stupendo!!! consiglio a tutti quelli che non l’Hanno ancora visto di andare a comprare il dvd, perchè questo film MERITA DI ESSERE VISTO. complimenti anche ai due attori Heath Ledger e Jake Gyllenhaal che sono stati FENOMENALI

  104. ciao a tutti ragazzi io ancora non sono riuscito a verderlo ,
    ma leggendo tutte i vostri commnti, me ne pento amaramente di non averlo visto. prima o poi lo drovò comprare così mi toglierò dalla mente l’ansia che mi porto da tempo .
    ciao ragazzi e buona estate. Peter

  105. Semplicemente stupendo…di una dolcezza e forza inkredibile. Il film + bello ke abbia mai visto…perkè sekondo me parla a tutti…alle kose universali ke ci legano, e nn scemenze sul fatto ke il vero amore è solo etero…parla di scelte ke si devono fare per nn vivere di rimpianti, semplicemente il koraggio di vivere…io penso ke la maledizione +orribile sia l’inkapacità di Amare, a qls livello..e quindi..poko importa qale sia l’oggetto del tuo amore..amate indiscriminatamente perkè è il modo +intenso di vivere la vita..è un film ke mi è rimasto dentro, una poesia..ripeto, parla a tutti, basta saper ascoltare…
    Ok…:-)dp qst disqisizioni filosofike diko ke lo attendo kon ansia il dvd perkè DEVO averlo!IMPERATIVO KATEOGRIKO ASSOLUTO!!

  106. E chi se lo leva più dalla testa, dal cuore, dagli occhi…son 3 mesi che mi commuovo anche solo sentendolo nominare. Di una bellezza sconvolgente, perfetto, capolavoro, balzato in testa alla mia personale classifica dei film più belli. Continuo a chiamarlo film. Ma è un film questo ? Per me è arte allo stato puro. Grazie ad Ang Lee, ad Heath Ledger e a Jake Gyllenhaal, per averci donato delle emozioni che non ci eravamo neanche mai sognati, al cinema. In attesa del DVD, consiglio l’acquisto del soundtrack, un mix di brani strumentali e ballate country stupende.

  107. kikka(etero)

    mio dio sto piangendooooooooooooooooooooooooooooooooooo come una matta nn ce la faccio più da quando l’ho visto mi è rimasto dentro non dico balle! è meraviglioso!!mi ha fatto capire tante cose. un cosiglio? rivedetelo più volte, io ogni volta che lo guardo mi accorgo di qualcosa di nuovo! tre cose hanno lasciato più delle altre il segno dentro di me: il bacio nella tenda, gli sguardi del meraviglioso jake e le lacrime di ennis nel finale davanti alle camicie. nn li dimenticherò mai. vietato ai minori di 14 anni? bè io HO 14 anni! spero nn sia un problema. ciao a tutti

  108. franca1

    il piú bel film che abbia mai visto… il piú tenero abbraccio della storia del cinema… e che dire di quel bacio nella tenda? sono invidiosa da morire

    il doppiaggio? uno schifo…. vergogna, guardatelo in inglese anche se non capite una parola, vi verrá la pelle d’oca
    VOTO 100

  109. g|lly88

    finalmente l’ho visto,ke posso dire….stupendo!!!!un amore così bello distrutto dall’odio e l’ipocrisia d alcune persone….nn è affatto lento ma t fa capire pian piano la nascita del loro amore….bellissima la scena qnd jack dorme in piedi e ennis lo abbraccia da dietro e gli dice ke tornerà domani mattina e qnd ennis sale sul cavallo jack s gira e gli lancia uno squardo da innamorato perso……unico…..

  110. Uno dei film più belli che mi sia mai capitato di vedere. E non è nemmeno lento (come è sembrato a qualcuno) perché il regista ha voluto descrivere la nascita di un amore tra le montagne con la bellezza delle immagini e dei silenzi. Il film racconta molte storie che in modo diverso tutti (omosessuali e non) abbiamo vissuto. Tutti abbiamo avuto una Brokeback Mountain e molti forse, ancora oggi, ci tornano spesso. Un film che fa riflettere e commuove. Grazie ad Ang Lee.

  111. Ro.berto

    E’ un film che non si dimenticherà. La storia (davvero toccante) parla di un’intesa sessuale che dovrà fare i conti con l’incapacità dei protagonisti (come i gay odierni) di relazionarsi e del loro ferirsi (sfuggendosi), arrivando a un sentimento che li legherà per sempre. Al contempo, i due cowboy (nonostante offuschino l’immagine del gay-effeminato, tipico di oggi) rappresentano bene come i gay sappiano rincorrersi senza “incontrarsi” mai. Assieme al tema della morte, il film abbina quello delle storie-impossibili (tipiche dei gay), che approdano solo al fallimento; è un film che va ben al di là della storia tra due giovani, bensì volge lo sguardo al destino dell’uomo, rivelandone i risvolti agghiaccianti dei propri limiti irrisolti. L’immagine di Ennis che apre l’armadio per vedere la vecchia camicia di Jack (sopra alla sua), appesa accanto a una foto sbiadita delle loro amate montagne, è di una tristezza che dilania. Un po’ come la tristezza e il senso di infelicità assoluti che attraversano la vita di quasi tutti i gay che anelano al sublime, ma si consegnano ad amori che non vedranno mai la luce e a vite che troveranno il loro senso solo nella loro conclusione.

  112. Bello, profondo, vero. Niente storielle romantiche, niente filmetto all’americana. E’ una storia d’amore con la A maiuscola, di quell’amore poco raccontato, quello che nasce innocentemente e poi, irrefrenabile, esplode e rimane a lungo a lungo ancora, anche quando si è lontani, anche quando la vita cambia radicalmente. Quello che però deve essere tenuto nascosto, colpa del tempo, del luogo, delle persone; quello che diventa sia linfa vitale che veleno per l’anima.
    E’ l’amore che più fa male: non quello non corrisposto, ma bensì quello che non può essere vissuto liberamente, quello che deve ricorrere alla clandestinità non come forma di ribellione ma come necessità di sopravivvenza.
    Come Brokeback Mountain era tra le pagine del racconto di Annie Proulx quell’unico posto in cui l’amore poteva essere vissuto, solo lì, altrove no, altrove “non succede”; oggi Brokeback Mountain è una mosca bianche tra le tante pellicole d’amore; autentica, rude, struggente.
    Maginfici gli scenari naturali, selvaggi e liberi delle montagne di Brokeback contrapposti a quelli chiusi e stereotipati dei paesini texani del 1960 riprodotti in totale autenticità.
    Non rende quanto la short-story da cui è ispirato, in fondo abbraccia 20 anni di eventi, troppo una grande prova anche per una mago come Ang Lee. Forse molto veloce, a volte sommario, procedente a grossi balzoni per poter reccogliere i migliori momenti di quelle pagine in soli 120 minuti di pellicola….. Ma comunque merita, lascia gran belle immagini nella mente e nel cuore; e se ci si immerge bene strappa anche diverse lacrimuccie, specialmente nelle scene finali che sono tra le più stuggenti mai viste su uno schermo.

  113. Doppiaggio… si forse… fotografia… anche… Ma sapete che vi dico ? CHISSENEFREGA. Il film lancia un segnale duro, forte, ma allo stesso tempo sensazionale, un inno alla vita e al DOVERE di ognuno di noi di cogliere le gioie che la vita stessa ci offre.. prima c’era molta più omofobia rispetto ad oggi… e se proprio ci pensiamo bene, ognuno di noi ha un Brokeback Mountain dentro di sè. Un capolavoro forse è dir poco. Vietato ai minori di 14 anni ? Certo, si tratta di un governo CLERICONAZISTA cosa vi aspettavate?
    Nulla mi vieterà cmq di noleggiarne un dvd e farlo vedere a tutti,anche i miei figli. Oggi i ragazzini non sono così stupidi da non saper cogliere l’AMORE celato e segreto in questa opera di Lee. Anzi, forse le nuove generazioni potranno insegnare alle vecchie come funzionano moltissime cose.
    Evviva, la premiazione di questo film mi fa ben sperare.
    Qualcosa sta cambiando nel panorama mondiale.
    Evviva, cominciamo così, un giorno il pregiudizio non esisterà più.
    [email protected]

  114. cataniabear

    Uno dei film piu´ belli degli ultimi tempi. Bellissima la fotografia. Sono rimasto affascinato, da subito, dall´immobilità del paesaggio..dal cowboy nascosto sotto il cappello..da quella “lentezza” che pare ad alcuni sia pesata. Il film parla d´amore (non di UNA storia d´amore), e non può fare a meno di raccontarci anche la sofferenza che fa parte essa stessa dell´amore. Mi piace molto il “vissuto” ma non “detto”. Mi piace l´originalità del film che per la prima volta accosta amore/sesso tra uomini e VIRILITA´. Un binomio mai raccontato dal cinema. Mi piace quella tenda in mezzo alle montagne, come i “nostri” luoghi nascosti, un microcosmo dove amarsi liberamente. Senza condizioni e condizionamenti. Un posto dove essere veri. A vivere un catturato “al lazzo” ma ugualmente perduto perché ogni amore si perde. Ma siamo noi a perdere quando ancor prima vi rinunciamo.

    Io spero che questo capolavoro non verrà etichettato semplicemente come “film per gay” perché sarebbe certamente riduttivo e perché, fondamentalmente, non è così. E´ un film sull´amore, sulla tenerezza, sulla passione, sulla solitudine.. su sentimenti che appartengono a tutto il genere umano. Il cinema è pieno di film d’amore e ogni giorno ce n’è uno nuovo.. sembrava impossibile che ci fosse ancora qualcuno che avesse qualcosa di diverso da dire, ed invece..!
    Il film mi è rimasto in testa e nel cuore come pochi. Tornerò a vederlo.
    [email protected]

  115. Non ho parole,non vi nascondo che ho pianto per tutto il secondo tempo del film…….ho capito tante cose da questo film. Spero che venga candidato agli oscar!!!!!! Voto 10+++++

  116. ho visto il film circa una settimana fa e da quella sera sono ossessionato da ogni colonna sonora, scena del film, trailer del film che vedo o sento in tv o radio…mi è piaciuto davvero tantissimo, era da tempo che non uscivo dal cinema davvero soddisfatto del film appena visto, vorrei tanto rivederlo per capire meglio e vedere tanti particolari che magari sfuggono…poi gli attori tanto di cappello, soprattutto Jake, finale struggente e pieno di lacrime…da vedere, voto 10.

  117. un film a tematica gay cosi bello non lo vedevo da quando fragola e cioccolato! sono uscito dal cinema senza vergognarmi di aver pianto mi ha fatto capire che abbiamo una vita sola che siamo foglie nel vento per cui l’amore trovato non dobbiamo lasciarlo scappare!
    propongo un altare per il regista taiwanese.
    buona visione!
    a presto
    el caupo.

  118. MaxMilano

    Concordo per il doppiaggio. Fa schifo. Voluto? Mi viene da pensare visto che i trailers in Italia si sono visti a pochi giorni dall’uscita! Di solito i nostri doppiatori sono i migliori del mondo. E poi spesso gli americani hanno una voce stridula e penosa. So, tra l’altro, che hanno studiato gli accenti apposta e il linguaggio di basso profilo vista l’estrazione sociale… Lo andrò a vedere in inglese. Comunque a parte questo “neo” il film e eccezionale. La seconda parte ti paralizza alla poltrona con il groppo in gola. La scena più triste: la scritta “deceded” sulla lettera tornata in dietro. Tanto amore e venire a scoprire per caso che la persona amata non c’è più. E il pentimento atroce di non avere fatto quello che avrebbero dovuto fare da sempre: stare insieme…

  119. mercurio

    ho visto il film e mi è piaciuto molto. Unico neo è che il doppiaggio lascia molto a desiderare. E’ strano perchè gli italiani nel doppiaggio sono tra i più bravi al mondo. Che non sia stato fatto di proposito? Ho visto il trailer in lingua originale ed è decisamente meglio.

  120. L’ho visto al Festival del Cinema, a Venezia. Trovo il film bellissimo, ben interpretato e con una meravigliosa fotografia. Sono curioso di sentire il doppiaggio, perché la voce originale del cowboy “biondo” è incredibilmente caratterizzante…Andatelo a vedere, vale tutti i 7 euro del biglietto.

Commenta


trailer: I segreti di Brokeback Mountain

Varie

Estate 1963, Signal, Wyoming. Due giovani cowboy, Ennis Del Mar (Heath Ledger) e Jack Twist (Jake Gyllenhaal) vengono assunti come pastori dal rancher locale, Joe Aguirre (Randy Quaid) e mandati a pascolare le pecore sulla grande montagna di Brokeback. Stringono presto una leale amicizia che per gioco si trasforma in qualcosa di più intimo. Alla fine dell’estate, lasciano Brokeback per imboccare ognuno la propria strada. Ennis sposa Alma (Michelle Williams), dalla quale avrà due figlie. Jack, in Texas, sposa la regina del rodeo, Laureen (Anne Hatheway) con la quale entra in affari e che gli darà un figlio. Dopo quattro anni, Ennis riceve una cartolina di Jack che lo informa di una sua visita in Wyoming. I due si riabbracciano dopo lungo tempo e decidono di continuare a vedersi in segreto per molti anni, fedeli alla passione che non li ha mai abbandonati.
———————————————–

Dalla rass. stampa una selezione degli articoli più interessanti:

I segreti di Brokeback Mountain
18/01/2006 – Corriere della sera Giovanna Grassi e M. Porro
Cowboy gay, trionfo ai Golden Globes
18/01/2006 – il Giornale – SILVIA KRAMAR
Vince «Brokeback Mountain» È l’anno del cinema omosex
18/01/2006 – Il Mattino – Valerio Caprara
Globe, trionfo per Ang Lee e i cowboy gay
17/01/2006 – La Repubblica – IRENE BIGNARDI
Annie Proulx “Il mio racconto d´amore gay diventa bandiera della tolleranza”
14/01/2006 – Io Donna – Paola Piacenza
Più struggente di Titanic, più epico di Via col vento.
13/01/2006 – FilmTV – Raffaella Giancristofaro
Cuori selvaggi
09/01/2006 – L’Unità – Francesca Gentile
Cristiani Usa: vade retro cowboy gay
06/01/2006 – Pride – Vincenzo Patanè
Anche i cowboy sono gay
08/01/2006 – Il Riformista – Francesco Bonami
Arriva Ang Lee con i cowboy gay che fanno gli indiani
04/01/2006 – il Giornale – Silvia Kramar
Sorpresa Usa, cinema pieni per i cowboy gay e innamorati
31/12/2005 – Ciak
Gli articoli di CIAK dedicati al film
31/12/2005 – Best Movie
Gli articoli di BEST MOVIE dedicati al film
29/12/2005 – Ap – Sandy Cohen (tr. RM)
Annie Proulx racconta la nascita di “Brokeback Mountain”
17/12/2005 – Sight & Sound – Edward Buscombe (tr. GM)
Man to man
15/11/2005 – Cineforum – Luca Malavasi
Brokeback Mountain di Ang Lee
12/09/2005 – L’Unità – Alberto Crespi
Ang Lee va più a Ovest degli americani
05/09/2005 – Film.it – Adriano Ercolani
Uno dei lungometraggi più belli di questo festival di Venezia
03/09/2005 – il Giornale – Michele Anselmi
Appassiona il western omosex di Ang Lee

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.