Dalla rassegna stampa Cinema

Crolla il mito dei rudi cow boy: gay pure loro

MOSTRA DEL CINEMA Una storia passionale stravolge i canoni dei film dedicati al selvaggio West

Si è parlato di gay, ieri alla Mostra del cinema. Di una storia tenera e passionale che stravolge i canoni del pensiero comune che identifica nella figura del cow boy il maschio per eccellenza. Il film “Brokeback mountain” parla invece del rapporto tra due romantici mandriani, interpretati da Jake Gyllenhaal ed Heath Ledger. E se la pellicola girata da Ang Lee sfida le regole, un altro regista orientale, Takeschi Kitano, le ha ribaltate nel giorno in cui ha presentato il suo film sorpresa, annunciando di voler porre fine a film violenti. «D’ora in poi punterò sulla pace e sulle donne», ha detto. E per restare in tema di donne, protagoniste della giornata sono state la cantante svedese Björkcon “Drawing restraint 9” e Calista Flockhart, protagonista di “Fragile”, accompagnata in passerella dal compagno Harrison Ford, accolto con entusiasmo dal pubblico del Lido. Nulla a che vedere, però, con la popolarità riscossa da George Clooney che anche ieri, reduce da un party riservato alla Giudecca, ha firmato autografi e scattato foto assieme ai fan.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.