Dalla rassegna stampa Cinema

Vi ha tradito con un uomo? Che fortuna

Dai “Segreti di Brokeback Mountain” una lezione per le mogli deluse

C’ è una scena nei “Segreti di Brokeback Mountain” che fa dire a ciascuna di noi: «E se capitasse a me?». E’ quando Alma guarda dalla finestra e scopre il marito che bacia l’amico con incontenibile passione nel vicoletto sotto casa. La giovanissima moglie del cowbov Ennis Del Mar incassa in silenzio, poi divorzia sempre tacendo, e infine, dopo essersi rifatta una vita, rinfaccia tutto con rancore all’ex marito.
La reazione senza speranza di Alma è sempre possibile, anzi probabilmente sarà ancora la più diffusa e non solo nel Wyoming. E tuttavia, poiché Ennis è un onesto lavoratore, un padre affettuoso e un marito che non aveva cessato di desiderare la moglie, resta il dubbio che il suo matrimonio vada verso il naufragio, perché Alma, bloccata dal pregiudizio, non ha il coraggio di affrontare la questione. Anche Ennis, probabilmente, potrebbe farlo, ma per il “peccatore” sarebbe stato ancora più difficile. Se la donna sapesse ascoltare la natura, invece delle prediche, si potrebbe chiedere con sincerità: “perché l’uomo al quale ancora tengo cerca dell’altro? E a me, come donna, dà più fastidio sorprenderlo con una femmina o con un maschio ?”. Rispondendo con calma, si renderebbe conto che il diavolo gay non è così brutto come lo si dipinge. Se il tuo compagno cerca un’altra, vuol dire che non è contento di te come donna. Questo tipo di tradimento rischia di essere sostitutivo. E’ vero che noi signore crediamo di conoscere come si possono muovere le nostre rivali e pensiamo di poter prendere contromisure più efficaci. Ma, diciamocelo, contendersi un uomo è anche un po’ umiliante.
Viceversa, la relazione omoerotica ti mette sì in discussione come genere femminile, ma assai meno come donna: in fondo, che colpa ne hai se, come in “Brokeback Mountain”, ci sono traumi infantili e romantiche nottate nella solitudine dei monti dalle quali eri esclusa? Se poi, come per Ennis e il suo amico, l’amore gay non esclude quello etero, perché reagire in modo negativo?
Senza scomodare il polimorfismo originario, la visione del marito in preda all’omofilia può diventare l’occasione di un arricchimento personale, di un approfondimento della relazione di coppia esplorando assieme, in assoluta complicità, i recessi del passato che hanno concorso a formarlo, così interessante da farci, a suo tempo, innamorare di lui. E allora la novella Aima -— ma, dovendo fare un film, bisognerebbe lasciare il West e trasferirsi a Londra, Parigi o nella Spagna di Zapatero -— s’intrufolerebbe nella relazione gay non per affondarla ma per trasformarla, nel compimento perfetto del mito di Jules e Jim.

La Repubblica – AFFARI & FINANZA
30 gennaio 2006

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.