Dalla rassegna stampa Cinema

Ang Lee – I segreti di Brokeback Mountain

Ang Lee – I segreti di Brokeback Mountain
di Elena Spadiliero
VOTO 9

‘I segreti di Brokeback Mountain’ è probabilmente uno dei film più belli del decennio 2000/2010, incentrato su una storia di amore omosessuale, tra due cowboys interpretati da Jake Gyllenhaal e Heath Ledger.
Acclamato da pubblico e critica, I segreti di Brokeback Mountain è probabilmente uno dei film più belli del decennio 2000/2010. La pellicola è incentrata su una storia di amore omosessuale, tra due cowboys magistralmente interpretati da Jake Gyllenhaal e Heath Ledger.

Ennis e Jack sono due ragazzi caratterialmente molto diversi, ma che, appunto, condividono un lavoro stagionale in una zona montuosa del Wyoming. Durante la loro permanenza a Brokeback Mountain, Ennis e Jack si avvicinano, scoprono di piacersi e, in seguito, di amarsi. Alla fine del lavoro, tuttavia, i due prendono strade differenti: negli anni successivi entrambi si sistemano con delle ragazze e iniziano a condurre una vita all’apparenza convenzionale. Tutto cambia quando Jack ed Ennis si incontrano nuovamente. A quel punto la passione si riaccende, anche se l’illusione di una reale vita di coppia resta tale (nel frattempo, la moglie di Ennis ha scoperto casualmente il rapporto che lega il marito a Jack). Fino al tragico e commovente epilogo.

Era la fine degli anni Novanta quando Annie Proulx scrisse un racconto pubblicato sul The New Yorker, riproposto come romanzo in Italia da Baldini Castoldi Dalai col titolo Gente del Wyoming (traduzione di Mariapaola Dèttore). L’autrice non risparmia una critica alla mentalità chiusa e omofoba delle piccole realtà rurali, dove l’omosessualità viene dipinta e punita quasi fosse un reato. In tale contesto, gli omosessuali si trasformano in vittime della società (che li rifiuta) e di sé stessi (in quanto, almeno all’inizio, tentano in tutti i modi di negare la loro natura agli occhi della comunità). In seguito, alcuni prendono coscienza del proprio orientamento sessuale e lo accettano, valutando anche la possibilità di viverlo alla luce del sole (Jack); altri scelgono, pur dolorosamente, di vivere nella menzogna, per paura del giudizio, della condanna all’isolamento o, peggio ancora, a qualche strano ‘incidente’ (purtroppo non si tratta solo di finzione: nell’anno in cui la Proulx pubblicò il suo racconto, in una località vicino a Laramie, sempre nel Wyoming, moriva lo studente Matthew Wayne Shepard, ucciso da due uomini poiché omosessuale).

L’aspetto dei rudi cowboys non basta a Jack e a Ennis per nascondere il loro amore, anche se entrambi cercano un rifugio in esistenze ‘normali’, come mariti e come padri. I segreti di Brokeback Mountain è proprio un film sull’amore, puro e delicato, che non può essere definito e rinchiuso all’interno di rigidi e prestabiliti ruoli sessuali: una pellicola commovente, che spinge (o, almeno, dovrebbe spingere) a negare ogni forma di omofobia e pregiudizio, che insegna qualcosa non solo sull’amore in sé, ma sulla libertà stessa di ciascun essere umano ad amare, chiunque decida di amare.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.