Ma la Spagna non era cattolica?

Ma la Spagna non era cattolica?
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQ
  • Media voti utenti
    • (153 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Ma la Spagna non era cattolica?

Il Governo Zapatero, nel suo primo anno di attività, ha determinato l’approvazione di numerose leggi, alcune di queste riguardano materie particolarmente delicate sotto il profilo etico ed hanno destato (e destano) un grande dibattito sia all’interno del paese che all’esterno. In questo contesto, una televisione spagnola, impressionata dall’interesse suscitato all’estero da questi temi, in particolare in Italia, si è interrogata in relazione alla percezione di queste materie (soprattutto le unioni omosessuali) presso la popolazione italiana. Per questo ha inviato una propria troupe in Italia, precisamente a Roma e nel Lazio, per realizzare un documentario incentrato sulle loro opinioni, in un ambiente intriso di cattolicesimo e vicino, anche fisicamente, al Vaticano. Andrea Miguel Hernandez, regista dell’inchiesta si troverà però catapultato in una situazione a lui molto personale. Una donna che aveva amato a Madrid vari anni prima ora vive a Roma ed è legata sentimentalmente ad una donna…

Visualizza contenuti correlati

Condividi

20 commenti

  1. MA L’ARGENTINA NON ERA CATTOLICA? Anche lì votata legge per le nozze gay! L’Italia resterà l’unico paese (cosiddetto evoluto), nei secoli dei secoli, a non riconoscere alcun diritto agli omosessuali…………….. AMEN

  2. Finalmente l’ho visto. Molto interessante. Soprattutto la lunga intervista presente negli extra, al ragazzo gay picchiato a Roma 2 anni fa.. Sebbene sia un ragazzo giovane dice delle cose molto sensate.. Da vedere

  3. Da oggi potrebbero fare un altro film dal titolo ma il Portogallo non era cattolico? Anche lì è stata varata la legge per i matrimoni gay.. Che schifo l’Italia, solo qui siamo rimasti nella preistoria!!! Non sembra assolutamente di stare in una paese democratico e occidentale, ma in uno di quelli integralisti e dittatoriali!!!

  4. Franc77

    Non sono per niente d’accordo con il tuo giudizio! Io l’ho acquistato ieri a Milano, era da tempo che volevo vederlo. L’ho trovato un film interessante soprattutto perchè analizza bene l’Italia (cerca di argomentare). Secondo me “banale” sei tu che non hai capito il film di Marcias. Credo che sia un documentario da vedere e soprattutto che ci fa capire tante cose. Decisamente da vedere e collezionare

  5. Recuperato in DVD appena uscito.
    Docu-fiction (?!) banale e deludente. Niente a che vedere con l’ottimo “Improvvisamente l’inverno scorso”. Il sottotitolo (“Storia di un cambiamento che non ci aspettavamo”) è decisamente fuorviante, visto che il film, di fatto, parla solo dell’Italia all’ombra del Cupolone, con una intervista fiume al solito Grillini, che non aggiunge assolutamente niente a quello che purtroppo già sappiamo. Decisamente perdibile.

  6. eleonora

    Che bello! comprerò subito il dvd in libreria di MA LA SPAGNA NON ERA CATTOLICA, Grande Peter Marcias! avete visto il suo film UN ATTIMO SOSPESI del 2008? un bellissimo film con il mitico Paolo Bonacelli (attore per Pasolini e Cavani), Nino Frassica, Roberto Nobile e Andrea Dianetti (di AMICI).

  7. Claudietta

    Questo film ha più senso di tutti i documentari che la tv ci ha propinato sulle unioni civili, nei salotti televisivi o al tg. Finalmente un informazione come si deve. Finalmente uno spaccato di italia reale e non ufficiale. Finalmente. Un bel 7

Commenta


trailer: Ma la Spagna non era cattolica?

https://youtube.com/watch?v=YkmrGC_fIcU%26hl%3Dit_IT%26fs%3D1

Varie

Dal 27 Gennaio 2010 è disponibile in tutte le librerie d’Italia e acquistabile su internet il dvd del film documentario MA LA SPAGNA NON ERA CATTOLICA? del regista sardo Peter Marcias edito da Casini Editore. Apprezzata in numerosi festival internazionali di cinema nel 2007 tra cui Torino Glbt, Venezia e Madrid, la pellicola è accompagnata da numerosi contenuti extra, scene inedite, sottotitoli in varie lingue e un prezioso booklet curato dallo sceneggiatore Marco Porru, dove si approfondiscono le riforme del premier spagnolo Zapatero in materia di unioni omosessuali.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.