$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'fonte' => string(19) "corriere-della-sera"
    public query_vars -> array(67)
    'fonte' => string(19) "corriere-della-sera"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "fonte"
    'term' => string(19) "corriere-della-sera"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "fonte"
      'terms' => array(1)
      string(19) "corriere-della-sera"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'fonte' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(19) "corriere-della-sera"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer6028
      public name -> string(19) "Corriere della Sera"
      public slug -> string(19) "corriere-della-sera"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer6028
      public taxonomy -> string(5) "fonte"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer6596
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer6028
    public request -> string(441) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (6028)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer153013
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-29 07:30:43"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-29 05:30:43"
      public post_content -> string UTF-8(12125) "da la Repubblica <div class="articleTitles"> <div class="articleTitle"><strong>“…"
      da la Repubblica
      <div class="articleTitles">
      <div class="articleTitle"><strong>“Niente sangue, sono un presidente democratico”</strong></div>
      </div>
      <div class="articleTexts">
      <div class="articleText"></div>
      <div class="articleText"></div>
      <div class="articleText">«NON c’è stato il sangue, sono un presidente democratico », dichiara Pedro Almodóvar. Ma il capo della giuria del Festival subito aggiunge che «scegliere è stata dura: c’erano personalità con posizioni forti e diverse. Ognuno ha cercato di convincere l’altro, ma c’è stato molto rispetto. E un grande entusiasmo, discorsi potenti ma non violenti. E alla fine eravamo sereni, non abbiamo nemmeno avuto una discussione troppo lunga».</div>
      <div class="articleText">Che il Palmarès di Cannes 70 sia frutto di compromessi lo dimostra l’aggiunta di premi speciali ed ex aequo. E che il cuore del regista spagnolo batte per 120 battiti al minuto — il film sui “guerrieri” malati di Aids — si capisce perché quando ne parla si commuove fino alle lacrime, la voce si rompe: «Non avrei potuto apprezzarlo di più, dall’inizio alla fine, e anche dopo. Ma sono stato fedele al mio intento, il mio voto è valso come quelli di tutti gli altri». E continua: «Indipendentemente dal fatto che io sostenga le istanze LGBT, il film ha raccontato un’ingiustizia ed è un omaggio a quegli eroi che hanno salvato molte vite».</div>
      <div class="articleText">L’entusiasmo delle quattro giurate (le registe Maren Ade, tedesca, Agnès Jaoui, francese, la cinese Fan Bingbing e l’attrice americana Jessica Chastain) spiega la valanga rosa dei premi. La più incisiva è Chastain, che se la prende con «i personaggi femminili disegnati dai maschi». Spiega che «ci vogliono più narratrici» e ringrazia Almodóvar: «Pedro è il miglior esempio di uomo che capace di raccontare donne reali». Il giocherellone Will Smith tifava per il supereroe immigrato dell’ungherese Jupiter’s moon «tra cattolicesimo e superpoteri, quel film parla la mia lingua», scherza «a volte la democrazia in giuria fa schifo». Il regista Paolo Sorrentino, a chi gli chiede quale immagine gli resterà di questo a Festival, confessa: «L’ultima scena del film russo, Loveless, è una scena potente. È una delle cose più belle che abbia mai visto al cinema».</div>
      <div class="articleText"></div>
      <div class="articleText">( ari. fi.)</div>
      </div>
      
      <hr />
      
      da Corriere della Sera
      
      <strong>Ma «120 battiti...» meritava il trionfo</strong>
      
      di Paolo Mereghetti
      
      Un applauso interminabile e una standing ovation hanno ribadito che il vero vincitore di questo festival è Robin Campillo e il suo 120 battiti al minuto , cui è andato il Grand Prix du Jury, di fatto il secondo premio. La Palma d’oro della settantesima edizione, quella che Chopard ha arricchito con diamanti estratti rispettando il lavoro dei minatori (dove arriva il politicamente corretto!), ha premiato invece lo svedese The Square e il regista Robert Östlund, che non ha portato sul palco nemmeno il suo protagonista Claes Bang, vera forza motrice del film, e ha dovuto fare un po’ il pagliaccio per scaldare davvero la platea. In tanti avevamo detto che lo spirito scombiccherato e simil-surrealista poteva convincere Pedro Almodóvar, ma arrivare alla Palma d’oro mi sembra al di là dei suoi meriti, visto che nella seconda parte (probabilmente ancora da limare: l’ha fatto capire anche nel suo discorso di ringraziamento) i fatti si accumulano più che incatenarsi davvero. In generale però bisogna dire che la giuria ha saputo evitare molte delle trappole che questa deludente edizione poteva piazzare sul suo cammino. «Liquidate» con un premio alla sceneggiatura due opere più ambiziose che riuscite — The Killing of a Sacred Deer del fumoso Lanthimos e You Were Never Really Here della Ramsay — gli altri premi sono andati ai pochi film che si sono elevati sopra la media. Personalmente avrei alzato il riconoscimento al russo Nelyubov ( Loveless ) di Andrej Zvjagincev, emozionante squarcio sull’egoismo che si è impadronito della Russia di oggi e premiato con il Prix du Jury (lo stesso che ebbe Sorrentino per Il divo ), ma si sa che all’interno delle giurie gli equilibri «geopolitici» finiscono sempre per far sentire le loro ragioni. Poco da dire sui premi agli attori: più convincente quello femminile (a Diane Kruger) che quello maschile (a Joaquin Phoenix), e un po’ sopravvalutati i meriti della Coppola, da dividere equamente per lo meno con il direttore della fotografia Philippe Le Sourd, ma resta il fatto che certi film fintamente ambiziosi e sostanzialmente furbeschi sono stati sonoramente dimenticati. Lo «sgarbo» della Kidman, che non è venuta a ritirare un premio fatto apposta per lei, potrebbe spingere il festival e il suo direttore a fare autocritica sull’eccessivo peso attribuito alle star (che usano Cannes soprattutto come passerella per le proprie ambizioni: era così complicato noleggiare un aereo privato per tornare sulla Croisette in tempo?). Ma ho paura che certe «lezioni» nessuno le voglia davvero ascoltare. E invece questo è uno dei principali messaggi che ci ha lanciato questa settantesima edizione, insieme alla conferma che i film che non cercano davvero strade nuove e imprevedibili finiscono per non convincere. Né il pubblico né le giurie.
      
      --------------------------
      
      <strong>Almodóvar: «Verdetto non unanime Vince un film politicamente scorretto»</strong>
      
      Sorrentino: emozionato dal russo «Loveless», mi ha colpito l’immagine finale
      
      DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
      
      Cannes Non è frutto di almodrama il verdetto di Pedro. Ma certo di discussioni tra i giurati ce ne sono state tante, fino all’ultimo. La quadratura del cerchio su The Square è arrivata, spiega il presidente della giuria, perché è «un film che parla di qualcosa che stiamo sperimentando tutti, la terribile dittatura del politicamente corretto. E il soggetto è trattato con una grande inventiva, il cast è grandioso, avrei già voglia di rivederlo». Almodóvar lo ammette: non c’è stata unanimità. «Non c’è stato sangue, ci siamo rispettati, il palmarès è frutto di entusiasmo senza violenza. Il che non vuole dire che abbiamo pensato le stesse cose, ognuno di noi aveva criteri diversi».
      
      Si capisce infatti che a Paolo Sorrentino non sarebbe dispiaciuto veder trionfare Loveless («L’immagine che mi porterò del festival è quella finale, una delle più forti mai viste al cinema»). E che Will Smith aveva un debole per Jupiter Moon . «A volte la democrazia è uno schifo», dice con una gran risata. «Ho cercato di convincere Pedro a smetterla di offrirmi favori sessuali per avere il mio voto. Sto scherzando, non fatevi strane idee». E lo stesso Almodóvar spende parole commosse senza nascondere le lacrime, per 120 Battements par minute di Robin Campillo. «Non avrei potuto amarlo di più come altri giurati, di cui sono stato solo la nona parte. È un film importante per ricordare a questo Paese e al mondo che cosa è successo solo pochi anni fa».
      
      Ma l’impressione è che al di là di gusti e passioni, tutti si siano goduti l’occasione di essere per un po’ chicas e chicos Almodóvar. Lui si prende in giro da solo. «Nella conferenza stampa iniziale ho detto cose folli. Tipo che cercavo un capolavoro come Apocalypse now o La dolce vita . Non è giusto fare paragoni simili, ci vorrà tempo per capire il valore. Ma davanti ad alcune pellicole ho sentito l’impatto di trovarmi di fronte a un’opera maestra». Il fantasma di Netflix resta sospeso. Certo né Ojka né The Meyerowitz Stories sono entrati tra i premi. Pedro la prende larga: «Il cinema sta cambiando ovunque, tutti noi nel mondo ci cibiamo di immagini come mai nel passato, abbiamo bisogno di fiction più che mai. Ci saranno sempre dei narratori, vicende che ci fanno aprire gli occhi, che ci emozionano, ci fanno pensare». Maren Ade e Jessica Chastain sottolineano la soddisfazione per il premio per la miglior regia a Sofia Coppola per The Beguiled . «È un riconoscimento importante» dice la regista data per favorita l’anno scorso con Vi presento Toni Erdmann . «Sono felice di incontrare colleghe registe, siamo sempre circondate da uomini, bene che il cinema racconti le donne di oggi».
      
      Ne vorrebbe ancora di più la star americana. «Vorrei vedere sullo schermo personaggi che riconosco dalla mia vita quotidiana. In questo festival mi ha turbato scoprire come nel mondo si veda la donna». L’impegno a cambiare lo prende a nome di tutti Will Smith. «L’anno prossimo magari mettiamoci anche un paio di registi neri» dice scherzando ma non troppo. «Questa è una comunità globale, con alcuni di loro ho discusso per creare un board che renda più facile l’accesso a questa comunità creativa alle minoranze».
      
      Stefania Ulivi
      
      ---------------
      
      <strong>Palma alla satira svedese</strong>
      «The Square» sul mondo dell’arte
      
      Premio speciale a Kidman
      Kruger e Phoenix i migliori attori
      
      DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
      
      CANNES Il Festival delle belle intenzioni (disattese) ha assegnato la Palma d’oro a una satira svedese, The Square di Ruben Östlund, il quale ha invitato la sala a fare un urlo collettivo. Era nella rosa dei rumours, ma resta la sorpresa. Storia dei vezzi dell’arte contemporanea e del direttore di un museo che cerca di conciliare in maniera maldestra obblighi di lavoro e vita privata. «Sono stato democratico nella discussione», dice il presidente della giuria Pedro Almodóvar. Il Gran premio della giuria, il secondo per importanza, va al francese 120 battiti al minuto di Robin Campillo, unico acuto della nutrita flotta francese: un gruppo di attivisti e la loro lotta contro l’Aids nella Francia degli Anni 90, la loro battaglia per scuotere il governo e sensibilizzare l’opinione pubblica, sarà difficile dimenticare gli sguardi coraggiosi e forti di quei giovani, i dolori nascosti, gli amori, quelle assemblee infuocate contro l’ipocrisia e le pressioni dell’industria farmaceutica. «Lo vivo come un premio collettivo per un film collettivo», dice il regista.
      
      A Sofia Coppola il premio della regia per The Beguiled , assente, ma in un messaggio ha ringraziato il barbuto patriarca Francis Ford Coppola e la mamma, la forza del clan. Premio della giuria a Loveless di Andrey Zvjagincev, ritratto crudo della Russia di oggi, l’assenza di regole, il neocapitalismo selvaggio, il degrado umano, attraverso una coppia in crisi: «Ringrazio in particolare il giurato Will Smith per il fatto di esistere».
      
      C’è un premio nuovo, non annunciato, per il 70esimo anniversario che viene attribuito a Nicole Kidman, senza un film specifico. La regina della vigilia ha fatto quattro tappeti rossi per quattro film, l’unico che ha bucato però era quello di ieri sera dove ha vinto: era assente.
      
      Miglior attrice Diane Kruger, per una volta recita nella sua lingua, il tedesco, in Aus Dem Nichts di Fatih Akin, che chiama «mio fratello»: una famiglia sgominata in Germania da un attentato terroristico e una donna, unica superstite, in cerca di vendetta. Migliore attore Joaquin Phoenix. Per You Were Never Really Here di Lynne Ramsay dove ha una trasformazione fisica alla De Niro in cerca di un pedofilo, armato di martello: «Un premio inatteso», mi scuso per le scarpe (All star nere, ndr ).
      
      L’Italia non ha trovato posto in concorso e si è dovuta accontentare del premio di consolazione di Un certain regard alla bravissima Jasmine Trinca di Fortunata , la guerriera di Torpignattara come l’ha definita il regista Castellitto. E Monica Bellucci è stata una madrina «al dente», in abito nero tutto pizzi e trasparenze, ha esordito in italiano, «Signore e signori buonasera», ha definito il presidente della giuria Almodóvar «mascolino, femminile e molto umano», ha citato i grandi del cinema, compresi Fellini, Tornatore, Fellini, ha detto «che c’è ancora tanto da imparare nel cinema», ha aggiunto che «le donne dovrebbero avere più spazio». E’ finito il triste can can di Cannes 2017, punteggiato dalle «colonne sonore» di buuh alla fine delle proiezioni, e da uno chansonnier Benjamin Biolay che alla cerimonia intona una canzone mesta come questa edizione, mentre l’ultimo sole sparisce dalla Croisette.
      
      Valerio Cappelli
      public post_title -> string UTF-8(39) "Ma «120 battiti...» meritava il trionfo"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(28) "120-battiti-meritava-trionfo"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-29 08:25:13"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-29 06:25:13"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=153013"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer153011
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-29 05:41:30"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-29 03:41:30"
      public post_content -> string UTF-8(4150) "<strong>Cina: appuntamenti al buio (di massa) Il partito diventa agenzia matrimo…"
      <strong>Cina: appuntamenti al buio (di massa) Il partito diventa agenzia matrimoniale</strong> 
      
      di Guido Santevecchi
      
      Linee guida anche alle aziende che obbligano i single a incontri «per trovare l’anima gemella»
      
      DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
      
      PECHINO Il matrimonio è una grande questione nello sviluppo della personalità, dice il compagno He Junke, alto dirigente del Comitato centrale della Lega della Gioventù comunista cinese. Così importante, la questione, che il Partito offre ai ragazzi il proprio aiuto nella ricerca dell’amore. Fino al punto di favorire «appuntamenti al buio» per far scoccare la scintilla.
      
      Non è uno scherzo, questo del Partito comunista cinese disposto ad agire da agenzia matrimoniale: la notizia è stata pubblicata con rilievo dalla stampa statale di Pechino sotto il titolo «La Lega guiderà i giovani nella ricerca dell’anima gemella». Il Primo segretario He Junke ha espresso la sua teoria nel corso della presentazione del «Piano di medio e lungo termine di sviluppo della Gioventù, 2016-2025».
      
      «È una tendenza accertata che i nostri cittadini si sposano e hanno figli più tardi che in passato. Ormai moltissimi prima si laureano e cominciano a pensare alle nozze solo tra i 25 e i 26 anni. Lo stile di vita è cambiato, si cerca un lavoro soddisfacente, socializzare è diventato più difficile e così non si trova il partner ideale», ha spiegato He.
      
      In realtà, per decenni c’è stata l’odiosa legge del figlio unico per disinnescare la bomba demografica e ora che il progetto scellerato è stato abbandonato, il danno è fatto. Il risultato, dicono le statistiche ufficiali, è che nel 2015 c’erano 200 milioni di single in Cina. Un problema sociale che turba il Partito perché il tasso di natalità è crollato al punto da restringere il bacino della forza lavoro e rischia di frenare la crescita della seconda economia del mondo. Oltretutto in Cina l’assistenza sociale è ancora molto limitata, la famiglia svolge ancora il compito predominante nel welfare.
      
      Soluzione in tre punti, comunicata dal leader della Lega della Gioventù che conta 88 milioni di iscritti e 3,87 milioni di sezioni sparse nel territorio: 1) La Lega guiderà i suoi membri in un percorso di formazione sul valore di matrimonio e famiglia. 2) La Lega lavorerà con altre organizzazioni per impegnare i giovani in attività sociali. 3) La Lega si coordinerà con le autorità per standardizzare i servizi di incontro e unione. In Cina proliferano le agenzie e le app online a scopo matrimoniale, ma sono poco regolate e piene di truffe, il Segretario He ha detto anche questo e ha concluso che in ultima analisi il matrimonio «è una questione molto personale». Nella quale però il Partito vuole entrare per dirigere le masse.
      
      Leggendo le cronache di questi giorni si scopre che diverse aziende hanno già risposto alle nuove linee guida e hanno spinto (costretto) i dipendenti scapoli e nubili a partecipare ad appuntamenti al buio di massa organizzati in parchi e stadi. In diecimila sono stati riuniti in una piazza di Hefei, nella provincia dell’Anhui; 300 datori di lavoro hanno convocato i dipendenti per un «carnevale» d’amore a Wuhan, nello Hubei. Chi si è rifiutato è stato contato come «assenteista», scrive il Global Times , quotidiano governativo. «Tutti i single della mia azienda sono stati obbligati a partecipare alla festa sabato scorso e agli uomini è stato detto di prendere in braccio una donna, una cosa davvero imbarazzante», ha riferito Xiao Qiu, impiegato di una società statale di Nanchino. Il tema è serio, è giusto che preoccupi il governo, ma non bisognerebbe ricorrere a questi sistemi, ha commentato il professore Yuan Xin, esperto di pianificazione familiare. Forse nemmeno il Partito-Stato ha il diritto di ordinare ai single: amore e matrimonio. Forse il Segretario He non ha visto il film «The Lobster» del 2015 con Colin Farrell e Rachel Weisz, che immaginava un futuro distopico nel quale per legge i single vengono inviati in un hotel in cui sono costretti a trovare, entro 45 giorni, un compagno o una compagna con cui fare coppia.
      
      Chi fallisce viene trasformato in un animale (a propria scelta).
      public post_title -> string(77) "Cina: appuntamenti al buio (di massa) Il partito diventa agenzia matrimoniale"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(68) "cina-appuntamenti-al-buio-massa-partito-diventa-agenzia-matrimoniale"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-29 07:42:25"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-29 05:42:25"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=153011"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152990
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-28 06:50:30"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-28 04:50:30"
      public post_content -> string UTF-8(8459) "<strong>I critici premiano la storia delle battaglie antiAids</strong> Ieri la f…"
      <strong>I critici premiano la storia delle battaglie antiAids</strong>
      
      Ieri la federazione internazionale dei critici (Fipresci) ha assegnato il premio per il miglior film a <em>120 battiti al minuto</em> di Robin Campillo (in Italia uscirà con Teodora). Racconta le lotte degli attivisti antiAids in Francia negli anni 90: campagne per la ricerca scientifica, battaglie contro l’indifferenza dei politici, storie di dolore. Assegnati anche il riconoscimento per il miglior film di Un Certain Regard e della Quinzaine: Tesnota (Vicinanza) del russo Kantemir Balagov, e A fábrica de nada del portoghese Pedro Pinho.
      
      --------------------
      <strong>Polanski thriller</strong>
      
      «Gioco sull’ambiguità, uno dei miei temi preferiti
      
      Racconto ossessioni di oggi attraverso due donne»
      
      DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
      
      CANNES Roman Polanski sembra un topolino tanto è minuto. Quasi scompare sulla sedia, ha la giacca bianca e i jeans, si scambia un cenno d’intesa con sua moglie, Emmanuelle Seigner, che fisicamente lo sovrasta ma come attrice deve tutto al suo talento di cineasta. «È andata bene, no?», si sente in una sorta di fuori onda alla fine dell’incontro. Nessuna riflessione sulla vicenda giudiziaria che lo insegue da quarant’anni, lo stupro di una minorenne a Los Angeles che non gli consente di mettere piede negli Stati Uniti, dove rischia di finire dietro le sbarre, o di tornarci visto che questa fu l’accoglienza che gli fu riservata per due mesi a Zurigo, mentre si stava recando a ricevere un premio alla carriera.
      
      Non è questa la tribuna per discutere se l’arte cancella la colpa, Polanski a Cannes parla del suo film fuori concorso, gioca in casa, si sente protetto dalla tribù cinefila: ha vinto l’Oscar, la Palma d’oro, l’Orso alla Berlinale, è un re del cinema e deve avere un’accoglienza regale. Però il suo film, D’après une histoire vraie , ha avuto un applauso di cortesia.
      
      Una donna vuole impossessarsi della vita di un’altra donna. Un noir in cui Polanski torna alle origini. «A me ricorda Rosemary’s Baby », dice la moglie Emmanuelle, cui il tempo ha consegnato sul volto lineamenti molto marcati, duri. Il marito invece cita un altro suo vecchio film, L’inquilino del terzo piano . «Questa è una commedia dark che a un certo punto diventa thriller. E il thriller è il mio terreno preferito». A breve compie 84 anni, ogni tanto inciampa sulle parole, Cannes è un tritacarne, è comprensibile un po’ di stanchezza. Ha un guizzo: «Lavorare con la propria moglie non è semplice, quando torniamo a casa io vorrei dimenticarmi tutto, lei vorrebbe parlarmi del suo giorno sul set».
      
      Dalla moglie ha saputo del romanzo di Delphine de Vigan, che lui e Olivier Assayas hanno adattato per lo schermo. «Volevo rispettare il libro, non penso alle mie storie quando devo raccontare un personaggio». Una scrittrice di successo (Emmanuelle Seigner, quinto film col marito) conosce una donna che lavora come ghostwriter di biografie (Eva Green). È una sua ammiratrice, la scrittrice (si chiama Delphine come l’autrice del romanzo) si fida di quella giovane donna seduttiva, manipolatrice, predatoria; diventano amiche, vanno a vivere insieme, ma poi il sipario si strappa... La ghostwriter scrive per gli altri, va su Facebook e manda messaggi al posto della scrittrice, per isolarla. La ghostwriter, abituata a indossare le vite degli altri, le dice: «Ormai siamo intercambiabili». «È la prima volta che giro una storia sul confronto fra due donne», dice Polanski, e tutti a chiedersi perché non abbia menzionato anche Eva contro Eva .
      
      «Certo l’ambiguità è uno dei temi, insieme con realtà e finzione — dice Polanski — siamo tutti ossessionati dalla realtà, dall’esplosione di informazioni. Con un gesto puoi cambiare il destino di una nazione e amplificarlo per milioni di persone. C’è un appetito di verità, di notizie che magari il giorno dopo scopri essere false».
      
      Cannes non può finire senza il suo tormentone: Netflix al Festival e i film che non escono nelle sale. «Non c’è una minaccia per il cinema, vedere un film come Borat assieme ad altre persone che ridono in una sala è sempre meglio che vederselo da soli davanti al televisore».
      
      Valerio Cappelli
      
      ----------------------
      
      <strong>Jasmine Trinca vince al Certain regard </strong>
      Castellitto: una riscossa per l’Italia
      
      «Troppi cecchini contro il mio film». Stasera la Palma: favoriti «120 battiti» e «Loveless»
      
      
      DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
      
      Cannes Ancora poche ore e le scelte di Pedro e i suoi colleghi di giuria smetteranno di essere oggetto di cabale e azzardi. Un palmarès che, comunque vada, sarà una sorpresa. Si capirà se aveva ragione chi scommetteva che Almodóvar, Sorrentino, Chastain & C. avrebbero seguito i gusti dei critici e privilegiato Loveless di Andrey Zvyagintsev, o chi ha puntato subito su The Square dello svedese Ruben Östlund, con il suo Claes Bang in lizza con Dustin Hoffman, Joaquin Phoenix, Robert Pattinson, o il Luis Garrel di Le Redoutable . O, ancora sui 120 battements di Robin Campillo o gli outsider targati Netflix ( Okja o The Meyerowitz Stories ), o Wonderstruck . Sapremo se Sofia Coppola o Naomi Kawase potranno rompere il tabù di una Palma d’oro a una donna, 24 anni dopo Jane Campion. E se l’amica Nicole Kidman entrata da regina uscirà imperatrice, o se dovrà inchinarsi a Diane Kruger, o alla russa Mariana Spivak.
      
      Intanto l’Italia, esclusa per il secondo anno dal concorso, si prende una rivincita con la bella sorpresa di Jasmine Trinca premiata come miglior interprete di Un Certain Regard per Fortunata . Uma Thurman e i suoi moschettieri (i registi Mohamed Diab e Joachim Lafosse; l’attore Reda Kateb) hanno amato la Mamma Roma «coatta e guerriera» che già aveva colpito il delegato generale Thierry Frémaux. Emozionantissima, l’attrice — che nel 2001 era qui con Nanni Moretti per La stanza del figlio (Palma d’oro) — ringrazia in francese, inglese, italiano, dedica il premio alle donne forti come sua madre e sua figlia Elsa, otto anni. Proprio come la piccola Barbara del film in cui, parrucchiera a domicilio, sogna per tutte e due un futuro migliore.
      
      Era stata tentata di fare una follia degna di Fortunata. «Andare sul palco e cantare “Grazie alla vita”. Poi mi sono intimorita vedendo la divina». Il riferimento è a Uma Thurman, la presidente di giuria. «Non mi aspettavo un riconoscimento personale — confessa — penso che il premio si racconti da solo, gli attori sono il coro di Fortunata , il riconoscimento va a tutti: chi l’ha ideato, chi l’ha prodotto. È un film nato con la stessa rabbia e forza della sua protagonista». Merito, dice, di Margaret Mazzantini: da un suo racconto inedito è nata la sceneggiatura. «Lei ha inventato Fortunata, era già tutto là. Lei e Sergio sono capaci di affidare ad altri le loro creature. Come regista, ha avuto solo sguardi d’amore per noi, per farci fare la più bella figura possibile. Mi commuove celebrare questa donna semplice, la sua forza che è vita». Quella con Cannes per lei è una storia lunga e felice. «È un luogo del cuore. La prima volta con Nanni avevo 19 anni. Credo alla potenza degli incontri, anche quello con Sergio è stato fondamentale. Mi ha spinto ad avere coraggio».
      
      «Jasmine — spiega lui mentre, ridendo entrambi, si accorgono che sul premio hanno sbagliato i loro nomi: lei è diventata Treca, a lui manca una T. — ha le qualità fondamentali che dovrebbe avere un artista: talento luminoso, devozione verso quello che fa e sostanziale realtà». È felice («La guerriera Uma ha amato la nostra guerriera di Torpignattara. È raro che ci sia un’identificazione cosi intensa tra un film e un protagonista»), forte dei risultati del box office (tra i primi, 700 mila euro di incasso dal 20 maggio) e le reazioni del pubblico. «Lo sta amando. E anche al mercato è stato tra i più venduti. Un bel segno di ripartenza. Insomma, questo cinema italiano va a Cannes e non esce sconfitto». Fa bene, dice a tutti. Però. «Però dispiace che il cecchinaggio arrivi dal nostro Paese, che ci sia chi preferisce distruggere anziché valorizzare». Il riferimento è chiaro. « Fortunata ha avuto maggiori apprezzamenti dalla critica straniera che italiana, sento strani pregiudizi che ci riguardano. Tre anni fa qui c’erano grandi registi tornati a mani vuote. Non voglio far polemica: ci godiamo questo premio, e il successo in sala. Dimostra che il pubblico al cinema ha bisogno di fare le cose archetipe. Piangere o ridere».
      
      Stefania Ulivi
      public post_title -> string(17) "Polanski thriller"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(17) "polanski-thriller"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-28 08:09:21"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-28 06:09:21"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152990"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152989
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-28 06:44:12"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-28 04:44:12"
      public post_content -> string UTF-8(2286) "<strong>Salto di qualità con gli enigmi di Roman</strong> di Paolo Mereghetti Ci…"
      <strong>Salto di qualità con gli enigmi di Roman</strong> 
      
      di Paolo Mereghetti
      
      Ci voleva Polanski, anche se fuori concorso, per rialzare il tono del festival. Certo, D’après une histoire vraie ( Da una storia vera , da novembre in Italia) non ha la forza seduttiva del bellissimo Venere in pelliccia , ma rispetto ai troppi, inutili titoli del concorso si eleva di una buona spanna. La storia, che il regista e Olivier Assayas hanno tratto dal romanzo omonimo di Delphine de Vigan, racconta la crisi di una scrittrice (Emmanuelle Seigner), svuotata dal suo ultimo successo, e l’incontro con una sua appassionata fan (Eva Green). Che però rischia di vampirizzarle la vita. Non una nuova versione di Misery non deve morire , ma piuttosto un’ambigua riflessione sul lavoro creativo, sulla fragilità delle immagini pubbliche (con più di una frecciata ai reality e ai social), sul contrasto fra realtà e finzione, tra scrittori e chi o cosa li ispira. Temi non nuovi nel cinema del regista polacco, che qui li elabora con la sua impeccabile professionalità: tutto sembra perfetto, anche troppo, e infatti vorresti che la storia prendesse una strada inattesa (e non solo per il colpo di scena finale) e che l’ambiguità tipica dei suoi migliori film confondesse di più le carte. Invece alla regista dell’ultimo film in concorso verrebbe da chiedere storie un po’ meno sospese, un po’ meno indizi lasciati senza risposta. Sono quelli che solleva il protagonista di You Were Never Really Here ( Non sei mai stato veramente qui ) di Lynne Ramsay, ex soldato con più traumi che cicatrici (è Joaquin Phoenix, barbuto e appesantito). All’origine delle sue angosce i bambini che ha visto soffrire (a cominciare da se stesso) e che salva a suon di martellate: quando scopre che politica e servizi difendono quel mondo sordido e volgare, allora il suo fragile equilibrio esplode. Insieme alla violenza, naturalmente. Per ribadire il rimpianto per i film di ieri (tipo Fino all’ultimo respiro o Payback – La rivincita di Porter ) e l’incapacità di rifarli oggi senza doversi rifugiare in troppe contorsioni pseudo-psicoanalitiche.
      
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/stelle201728.jpg" alt="" width="272" height="2653" class="alignnone size-full wp-image-152992" />
      
      
      public post_title -> string UTF-8(74) "Cannes - Le stelle di Mereghetti -Salto di qualità con gli enigmi di Roman"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "cannes-le-stelle-mereghetti-salto-qualita-gli-enigmi-roman"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-28 08:04:52"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-28 06:04:52"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152989"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152985
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-28 05:41:43"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-28 03:41:43"
      public post_content -> string UTF-8(3054) "<strong>La regina della disco</strong> Gloria Gaynor ospite di Gerardo Di Lella …"
      <strong>La regina della disco</strong>
      
      Gloria Gaynor ospite di Gerardo Di Lella e della sua orchestra per Anni ‘70. Dance Era mercoledì al Centrale del Foro Italico
      
      Negli anni Settanta Gloria Gaynor contendeva a Donna Summer lo scettro di «disco queen». Ora, alla collega «rivale», scomparsa cinque anni fa, dedica un omaggio che mercoledì porterà anche sul palco del Centrale del Foro Italico durante il concerto «Dance Era», con Gerardo Di Lella e la sua Pop O’rchestra.
      
      Per una notte lo stadio del tennis si trasformerà in un dance floor d’altri tempi, dove il pubblico potrà ballare sulle note di «Le Freak» degli Chic, «Cuba» dei Gibson Brothers, «Can’t Take My Eyes Off Of You» dei Boys Town Gang, «The Best Disco in Town» di Ritchie Family e «Ymca» dei Village People. Di Lella e la sua orchestra di 22 elementi proporranno anche un omaggio agli Abba, mentre la Gaynor ha scelto un medley delle più famose canzoni di Donna Summer come «Last Dance» e «Heaven Knows». «La disco — ha detto Gloria — è viva e sta bene. Semplicemente, oggi ha cambiato nome».
      
      Non mancheranno le hit che hanno segnato la carriera di Gloria partita negli anni Sessanta con i Soul Satisfiers: «Never Can Say Goodbye», «Reach Out, I’ll Be There», «Can’t Take My Eyes Off You» che compie cinquant’anni. E, ovviamente, non rimarrà fuori dalla scaletta «I Will Survive» diventata un successo planetario planetario che ancora oggi, a 39 anni dalla pubblicazione, non si spegne. «La incisi dopo una brutta caduta, costretta in un busto per la schiena – ha ricordato la cantante americana – la mia casa discografica non voleva rinnovarmi il contratto. Ed io ero convinta che quella canzone avrebbe cambiato la mia vita. E così è stato. Amo ancora proporla durante i concerti, la tengo per ultima. La canto anche a casa, ogni volta che ho un problema. Funziona». Non si contano le cover del brano inciso nel 1978: è stato cantato persino in hindi, in versione acustica e punk rock. C’è chi lo considera un grido di battaglia per l’emancipazione delle donne e chi un inno Gay (nel film «In &amp; out» Kevin Kline si lancia in un ballo forsennato sulle note della canzone, fallendo così il test per la mascolinità). Più di recente un gruppo di studenti spagnoli l’ha dedicata alla scuola pubblica. «È una canzone che incoraggia le persone a essere perseveranti, a non scoraggiarsi di fronte alle difficoltà della vita — ha spiegato Gloria — dal momento in cui l’ho incisa la gente non ha fatto altro che raccontarmi come I Will Survive sia stata un incoraggiamento ad andare avanti e a non arrendersi».
      
      Eppure quella che è oggi una delle più popolari melodie della storia della musica (non solo disco) venne snobbata dai dirigenti della casa discografica che la ritennero adatta solo per il lato b del 45 giri. «Oggi la canto in maniera differente da quarant’anni fa. Penso a tutto quello che ho passato: la morte di mia madre, il divorzio, la perdita di uno dei miei nipotini. Canto quelle parole con molta più convinzione, passione. Ed emozione».
      
      Sandra Cesarale
      public post_title -> string(21) "La regina della disco"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(21) "la-regina-della-disco"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-28 07:43:09"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-28 05:43:09"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152985"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152842
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-27 07:10:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-27 05:10:37"
      public post_content -> string UTF-8(3330) "Il sesso e la vendetta risvegliano Cannes Scene hot in «L’amant double» Vacth: m…"
      Il sesso e la vendetta risvegliano Cannes
      
      Scene hot in «L’amant double» Vacth: ma non sono una vittima
      
      Il regista: mi ispiro a Hitchcock
      
      CANNES Assuefatti a tutto quello che si vede su Internet, lo scandalo sessuale al Festival era finito nei souvenir vintage. Ma ecco che in L’amant double François Ozon risveglia i sensi dello spettatore, il quale applaude una scena e non sai se per l’audacia, il senso liberatorio oppure il senso del ridicolo che suscita. Alla fine consensi e qualche buuh: c’è chi dice che è una storia tagliata sul gusto del presidente di giuria Pedro Almodóvar, e allora prudenza.
      
      La scena scandalosa, dunque. Marine Vacth, l’attrice dolce e torbida col volto da Bambi che dai tempi di Giovane e Bella (Cannes 2013) esaudisce ogni fantasia del regista, si mette un fallo finto e sodomizza il fidanzato. Quello dolce, perché ha un fratello gemello che è un tipetto aggressivo, «arrogante e manipolatore» lo descrive il regista. Non è chiaro se quella scena nasca da un incubo o sia verità, ma ormai il fallo è tratto. Altra scena hot, quando la cinepresa, dalla ginecologa, scruta le parti intime. Il regista lo definisce «un thriller erotico». Ha adattato un romanzo di Joyce Carol Oates, cita come fonti ispiratrici, Hitchcock, Truffaut e Inseparabili di Cronenberg: «Ma se lì la storia si sviluppa dal punto di vista dei gemelli, qui si impone la vittima dei due fratelli diabolici».
      
      Una ragazza depressa e con problemi allo stomaco va dallo psichiatra. Lui, rompendo il codice etico di condotta, ha una relazione con lei; dal lettino al lettone, vanno a vivere insieme. Ma le nasconde una parte (intima) della sua vita: l’esistenza del fratello gemello, con cui non si parla da anni. La bella Marine lo vuole conoscere, il gemello fa lo stesso mestiere, lei va in terapia anche con lui e ci finisce a letto.
      
      Ozon dice che sono «due archetipi maschili», aggiunge che «in ogni rapporto c’è bisogno di uno spazio mentale dove la fantasia si esprime», paragona la natura selvaggia di Marine Vacth (che è anche modella) a Brigitte Bardot; parla di «fragilità, vulnerabilità, dualità», per spiegare il comportamento della protagonista. «Ma nel film non sono una vittima, né di me stessa né degli altri», sostiene Marine. Ruolo doppio sia per lo strizzacervelli biondo Jérémie Renier (già attore di Ozon in Potiche ), sia per Jacqueline Bisset (a Cannes fece il suo debutto nel 1963), madre anaffettiva di Marine e di una ragazza che un tempo aveva diviso i gemelli. Acuta e ironica, Jacqueline dice che nel film «non ho scene erotiche e non sapevo come contribuire» alla causa di un erotismo che ha spinto l’asticella del desiderio oltre il comune senso del pudore, che al Festival è un concetto senza senso.
      
      Certo lascia ammirati la perversa naturalezza con cui Marine Vacth affronta questa sfida che indaga su dove vanno a parare le follie di un adulterio fuori dagli schemi. Ozon dice che per portare nei Paesi arabi il suo film del 2002 8 donne e un mistero , «ho dovuto tagliare la scena del bacio tra Catherine Deneuve e Fanny Ardant». Ma la notizia del giorno è che Cannes ha trovato finalmente il suo scandalo sessuale, anche se è una carnalità di plastica, che ricorda il Rodin scolpito nel piombo, altro film francese di un’edizione non proprio da antologia.
      
      Valerio Cappelli
      public post_title -> string(41) "Il sesso e la vendetta risvegliano Cannes"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(36) "sesso-la-vendetta-risvegliano-cannes"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-27 07:46:04"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-27 05:46:04"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152842"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152840
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-27 06:34:11"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-27 04:34:11"
      public post_content -> string UTF-8(2308) "<strong>Diane, eroina già in corsa per la Palma</strong> È perché l’anno scorso …"
      <strong>Diane, eroina già in corsa per la Palma</strong>
      
      È perché l’anno scorso non aveva selezionato Frantz , poi applaudito a Venezia, che quest’anno Cannes ha messo in concorso la nuova opera di Ozon, L’Amant double ( L’amante doppio )? Difficile trovare un’altra spiegazione alla selezione di un film così presuntuoso e vuoto, specie di giallo psicoanalitico sulle angosce della 25enne Marine Vacth (ex modella, già interprete di Giovane e bella dello stesso Ozon) che va a vivere col suo terapeuta per scoprire che nasconde troppe cose del suo passato. O forse che lei è incapace di vedere chiaro dentro di sé. Tratto da Lives of the Twins di Joyce Carol Oates (che lo ha pubblicato nel 1987 con lo pseudonimo di Rosamond Smith) il film trascina lo spettatore tra le paure e le fantasie della donna, mentre affastella citazioni e strizzate d’occhio: Hitchcock naturalmente, e poi Cronenberg, De Palma, Lynch, Polanski. Ma commette l’errore che non si può perdonare: gioca sporco con lo spettatore facendogli credere una cosa che poi smentisce. E lascia alla fine la sensazione che tutta questa traballante costruzione sia servita solo per ammirare i corpi nudi dei protagonisti. Molto più lineare il percorso di Aus dem nichts ( All’improvviso ) di Fatih Akin, storia di Katja (Diane Kruger) cui un attentato porta via il marito e il figlioletto. Non ci vorrà molto a capire le responsabilità di una coppia di neo-nazisti ma le prove non sono schiaccianti e al processo vengono assolti. Come reagirà la donna? Il regista non vuole prendere posizione per la sua scelta radicale, ma a farlo — nemmeno tanto implicitamente — è il film, favorendo l’immedesimazione con lo strazio e la voglia di vendetta della madre. Si può rimproverare alla sceneggiatura il suo schematismo narrativo (i simpatici sono tutti da una parte, gli antipatici tutti dall’altra) ma è soprattutto il suo crescendo emotivo che non lascia scampo. È la Kruger l’eroina del film e in suo nome — e in nome di un’interpretazione che la porta in cima ai pronostici per la Palma come migliore attrice — Fatih Akin sacrifica tutto, a cominciare dai dubbi sulle sue azioni.
      
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/stelle201727.jpg" alt="" width="264" height="2442" class="alignnone size-full wp-image-152841" />
      
      public post_title -> string UTF-8(74) "Cannes - Le stelle di Mereghetti - Diane, eroina già in corsa per la Palma"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(59) "cannes-le-stelle-mereghetti-diane-eroina-gia-corsa-la-palma"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-27 07:39:48"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-27 05:39:48"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152840"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152837
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-27 06:17:16"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-27 04:17:16"
      public post_content -> string UTF-8(4097) "<strong>Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una sugges…"
      <strong>Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione collettiva»</strong>
      Milano, denunciato dalle alunne e arrestato nel 2014. Per i giudici colpa di voci, equivoci ed errori
      MILANO Quasi quasi, alla fine, il meno restano i 19 giorni a San Vittore nel raggio degli arrestati per reati sessuali, e i successivi altri 11 mesi ai domiciliari fino allo scadere della custodia cautelare: il meno, in confronto all’accusa di aver approfittato della propria condizione di docente di arte alla scuola media Manzoni di Milano per toccare il fondoschiena, accarezzare le cosce o sfiorare l’inguine di 4 alunne di I e III media.
      
      Una «violenza sessuale» dalla quale il Tribunale ha assolto «con formula piena perché il fatto non sussiste» il professor Maurizio Minora, ritenendolo vittima di una «suggestione collettiva»: innestatasi sulla sua dichiarata propensione a «un atteggiamento fisico e affettuoso sia con i maschi sia con le femmine» (come pacche sulle spalle o sculacciate per farli rientrare in classe), nonché su «voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato, poi persino violentatore del proprio figlio, o egli stesso abusato da piccolo. La Procura della Repubblica, che aveva chiesto la condanna a 2 anni e 6 mesi, non ha impugnato l’assoluzione, e nemmeno la Procura Generale. L’assoluzione è definitiva anche per la collega Ripalta Izzi, per la quale erano stati chiesti 2 anni nell’ipotesi avesse saputo delle molestie ma non le avesse impedite.
      
      Per i giudici Giovanna Ichino, Anna Zamagni e (estensore) Alessandro Santangelo, i denunciati «atteggiamenti sessualmente molesti non trovano riscontri in terze persone, ma solo nelle reciproche» (e «in più punti contraddittorie e/o inverosimili») dichiarazioni delle quattro ragazze, «che non può sottacersi fossero legate da relazioni psicologiche molto complesse»: ad esempio una «psicologicamente succube» della sua migliore amica, o un’altra vittima di bullismo. La ragazza-capogruppo avrebbe dunque cominciato «ad attribuire agli atteggiamenti fisici e affettuosi, da sempre tenuti dal professore, una connotazione sessuale che in realtà non avevano affatto, influenzando le persone a lei più vicine per trovare conferma al suo erroneo vissuto soggettivo».
      
      Tra le incongruenze (valorizzate dai difensori Tiziana Bellani, Gabriele Fuga e Guido Camera), anche il fatto che due ragazze datassero alcune molestie in epoca successiva all’installazione di telecamere che nulla avevano invece mostrato (e non per la presunta fuga di notizie ipotizzata dai vigili a carico della preside, da ciò assolta già nel 2015 dal gup). A detta dei giudici la «suggestione collettiva», scaturita da una lettera scritta da una ragazza sul tema della rabbia alla fine di un laboratorio teatrale scolastico, sarebbe peraltro debordata pure in alcuni atti di indagine: come l’informativa nella quale la polizia locale il 30 maggio 2014 rappresentava al pm Gianluca Prisco e al gip Luigi Gargiulo che le 4 ragazze si erano presentate alla preside lamentando non (come nel reale contenuto delle dichiarazioni) che tutte e quattro avessero detto di sapere che una fosse stata toccata nel fondoschiena quel giorno, ma che il professore avesse «toccato a tutte e quattro il fondo schiena»: circostanza, rimarca invece il Tribunale, «smentita dalle stesse» ragazze, giacché tre in sede di incidente probatorio» nel novembre 2014 «non riferivano affatto di essere state palpeggiate in quel frangente».
      
      Frutto di un equivoco pare essere stata anche la domanda posta all’appena arrestato docente, dalla quale – stando alla trascrizione - sembrava esistere la conferma di una ragazza testimone oculare di uno degli episodi denunciati da una compagna: ciò non poteva invece essere, perché la presunta teste oculare non era mai stata interrogata dalla polizia locale prima dell’arresto dell’uomo il 5 giugno 2014, mentre lo sarebbe stata solo il 14 giugno, peraltro non confermando la scena di cui la si asseriva teste.
      
      Luigi Ferrarella
      public post_title -> string UTF-8(89) "Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione co…"
      Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione collettiva»
      public post_excerpt -> string UTF-8(184) "....«voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bis…"
      ....«voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato, poi persino violentatore del proprio figlio...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(72) "molestie-sessuali-prof-carcere-assolto-fu-vittima-suggestione-collettiva"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-27 07:19:26"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-27 05:19:26"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152837"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152829
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-26 07:30:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-26 05:30:37"
      public post_content -> string UTF-8(6358) "<strong>Michele Bravi «Spero di innamorarmi: uomo o donna non conta</strong> Al …"
      <strong>Michele Bravi «Spero di innamorarmi: uomo o donna non conta</strong>
      
      Al liceo odiavo i prof, ho ancora la rabbia dentro»
      
      di Chiara Maffioletti
      
      Sarà la pelle bianchissima, saranno gli occhi azzurri, il sorriso dolce. Saranno tutte queste cose e altre ancora, ma la prima impressione su Michele Bravi è quella di un ragazzo tenero e quasi compassato. Errore. E anche grosso. Michele Bravi è uno che parla e parecchio, si appassiona, si butta, litiga e, se non condivide, ci mette meno di due minuti per mandare chi ha di fronte — diciamo — a quel paese. Un carattere che gli ha garantito parecchie discussioni e un 4 fisso in condotta al liceo. Ma un carattere, anche, che lo ha portato dritto dove è ora, con un disco, Anime di carta , che da dopo Sanremo non l’ha più fatto fermare, alla faccia di chi gli diceva che il successo, quello arrivato dopo aver vinto X Factor , non lo avrebbe rivisto più. «Ho dimostrato quello che volevo ma non era scontato, capisco chi non comprendeva le mie scelte». Tipo dire di no al primo invito al Festival e aspettare tre anni per mettere piede all’Ariston: «Quando mi aveva chiamato Fazio dopo X Factor , mi sono detto: ma come faccio a presentarmi su quel palco? Avevo 18 anni, non ero pronto a dire niente». Certo, «se avessi saputo quanto sarebbe stata dura dopo, non so cosa avrei fatto. È andata bene, ma lo so ora. Mi hanno detto che ci voleva coraggio per dire no: io ho sempre pensato che è più coraggioso esporsi senza essere sicuro di quello che dici».
      
      Questo non toglie che «ho provato rancore per chi mi diceva che era finita. Dentro casa mia volavano i vaffanculo (una parola che si ripeterà abbastanza spesso nel corso della chiacchierata). Adesso provo rancore per la falsità, quando mi sento dire: l’ho sempre saputo. Non lo sapevo io, stai zitto. Ero il primo ad avere dubbi, ma certe persone non si rendono conto di che impatto possa avere una frase». Specie su di lui, che si sente «perseguitato dal mondo, sono paranoico. E mi piace essere sfacciato», ammette.
      
      Bisogna esserlo se Tiziano Ferro scrive un testo per te e tu gli rispondi che in certi passaggi non ti riconosci: «Non è una prima donna e mi ha insegnato tanto. Quei passaggi li abbiamo riscritti insieme. Se non capisco quello che dico non riesco a cantarlo», spiega come se fosse la cosa più normale del mondo.
      
      Un’attitudine che lo accompagna da sempre: «Al liceo mi piaceva studiare ma odiavo i miei professori, del tipo che se li incontro per strada anche adesso faccio ancora fatica a trattenere la rabbia». Il motivo? «Non so relazionarmi con chi chiude la lezione con il libro: per me devi avere un immaginario molto più ampio, ci sono troppi professori e pochi maestri. Io avevo bisogno di qualcuno che mi cambiasse. Il fatto che non lo capissero mi fa saltare la testa».
      
      Ma la dolcezza, l’emotività? «C’è ma su ogni cosa mi faccio anche un sacco di film mentali, non riesco a tenere ferma la mente: vado, mi perdo, mi ripiglio...». Hanno parlato di questo suo periodo come di una rivincita, «ma io non ho mai smesso e non mai iniziato davvero. Faccio musica come professione da tre anni e mezzo: non voglio essere all’apice a 22 anni. A me il batti il ferro finché è caldo terrorizza: e a 30 anni cosa racconto?».
      
      Per ora i suoi sentimenti: «Non faccio troppi ragionamenti, se scaletti la tua vita diventa una prigionia. Posso raccontare solo quello che vivo». Non ha fatto calcoli nemmeno quando, a Vanity Fair , ha detto che stava male per una storia finita: «Mi hanno chiesto chi era la ragazza per cui soffrivo e ho solo risposto: veramente è un ragazzo. Incredibile. Chi ha la mia età mi ha detto: mi spiace. Le persone più grandi invece hanno fatto titoloni, scritto che ero stato coraggioso. Ma per cosa? Ho solo detto che stavo male perché avevo chiuso una storia». Per lui non è stato un coming out: «Questa necessità di dire tu stai da una parte o dall’altra per me non c’è, e credo sia lo stesso per molti della mia generazione. So di avere un minimo di influenza: non voglio mettere da solo delle categorie».
      
      Quindi i commenti in cui gli dicevano «ora sei libero di amare, che scelta forte, bravo... mi hanno stupito. Mi fa rabbia chi dice: “Se la società fosse così sarebbe tutto più semplice”. Le cose si cambiano solo vivendole con naturalezza. Con il termine coming out mi stai buttando fuori da una categoria e non è così». Anche perché, «ci sono i miei testi, gli aggettivi che uso, le “a” e le “o”, che parlano per me. Ho raccontato anche quello che è successo dopo questa storia finita, che è quello che succede a tutti: ti lasci e vai con chiunque. Così ho scritto anche del sesso orale con una ragazza. E quindi? Canto “ho lasciato troppe volte la mia impronta sopra un letto”. Cosa sto dicendo? Che stavo lì a fare di tutto. Per questo non riconosco quella venatura eroica che pure, rispetto al mio ego, fa piacere. Sono solo un interprete della mia vita». Se la prossima persona che gli farà battere il cuore sarà un uomo o una donna non è un punto: «Mi auguro solo di innamorarmi, di chi non conta. Male che vada il prossimo disco lo dedicherò al mio cane, si chiama Signora Longari: siamo in simbiosi. Dà forma al mio vivere: aiutarla mi aiuta, toglie un po’ del mio ego». Ma l’idea di avere figli, ora, lo terrorizza: «La mia classe era di 13 persone: tre sono già diventati genitori. Ho un’ansia terribile che possa succedermi, rovinerei la vita di qualcun altro, ho 20 anni, mi prenderebbe male solo l’idea. Finirei in analisi subito e il bambino in qualche centro... Madonna, adesso me l’avete augurata... Mi è salita un’angoscia... Anche una mia amica storica è rimasta incinta, orribile, le ho detto: ma tu hai la mia età, nooo». Concetto chiaro.
      
      «Ho grossa difficoltà a stabilire rapporti saldi, prima che capisca l’altro e mi faccia capire ce ne vuole. La leggerezza non è il mio carattere: vivo tutto male. Ma quando canto non mi faccio più paranoie: vivessi cantando sarebbe tutto più bello». Tornasse indietro risponderebbe ancora male ai professori? «Sì, sì. Se capisco che non c’è più modo di comunicare, il vaffanculo per me è l’unica soluzione. Hai la possibilità di giudicarmi? Ok. Io però ho quella di mandarti affanculo. Se sei solo interessato a impormi qualcosa è il mio modo per dire stai lontano da me». Non sarà dolce ma, in effetti, efficace.
      public post_title -> string UTF-8(59) "Michele Bravi «Spero di innamorarmi: uomo o donna non conta"
      public post_excerpt -> string UTF-8(318) "... «Mi hanno chiesto chi era la ragazza per cui soffrivo e ho solo risposto: ve…"
      ... «Mi hanno chiesto chi era la ragazza per cui soffrivo e ho solo risposto: veramente è un ragazzo. Incredibile. Chi ha la mia età mi ha detto: mi spiace. Le persone più grandi invece hanno fatto titoloni, scritto che ero stato coraggioso. Ma per cosa? Ho solo detto che stavo male perché avevo chiuso una storia»...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(52) "michele-bravi-spero-innamorarmi-uomo-donna-non-conta"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-26 07:52:53"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-26 05:52:53"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152829"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152831
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-26 06:40:58"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-26 04:40:58"
      public post_content -> string UTF-8(2307) "<strong>Colpi di scena senza l’ironia di Tarantino</strong> A unire i due film i…"
      <strong>Colpi di scena senza l’ironia di Tarantino</strong>
      
      A unire i due film in concorso ieri a Cannes è il tentativo dei registi di fare un cinema diverso da quello che ci aspetta. Il che sarebbe comunque positivo, a patto che il nuovo abbia un senso e una necessità che non siano solo la voglia di sorprendere. Con Krotkaja (lo stesso del racconto di Dostoevskij La mite , ma con criptici legami al libro), l’ucraino Sergej Loznitsa racconta la Russia di oggi e il suo abisso morale e materiale attraverso l’odissea di una donna che ha il marito in carcere. Siccome il pacco che gli ha inviato le torna indietro senza un perché, si mette in viaggio verso la prigione in Siberia ma nessuno vuole darle spiegazioni, né al carcere né alla polizia. E quando cerca aiuto — da un’ambigua affittacamere, da un misterioso traffichino, da chi si proclama difensore dei diritti — non cava un ragno da un buco. Ma se fino a quel momento, Loznitsa usa un registro cupamente realistico che toglie letteralmente la parola alla protagonista con i suoi invadenti ubriaconi, le sue prostitute sfatte, i suoi enigmatici mafiosi, all’improvviso l’atmosfera kafkiana si trasforma in una commedia farsesca e sgargiante, dove la lettura di una Russia corrotta e autoritaria si dissolve in un circo pseudo-felliniano ripetitivo e fiacco. Che finisce per annullare l’efficacia della prima, cupa parte. Invece i fratelli Josh e Benny Safdie lasciano le storie minimali e newyorkesi dei loro esordi autoriali per usare in Good Time una star come Robert Pattinson all’interno di una storia d’azione: un poco di buono rapina una banca col fratello handicappato (interpretato da Benny Safdie) ma il loro pressapochismo e un po’ di sfortuna rovinano tutto, costringendo Pattinson a fuggire in una New York di derelitti e scombinati. Film di genere a intermittenza, dove i colpi di scena e le esplosioni di violenza si stemperano in lunghe tirate verbali (come in Tarantino, ma senza la sua ironia) e in scorci di miseria umana, Good Time ha più l’aria di un divertimento interno alla logica arty dei suoi registi che di un film che vuole comunicare qualcosa di nuovo.
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/stelle201726.jpg" alt="" width="262" height="2218" class="alignnone size-full wp-image-152832" />
      
      public post_title -> string UTF-8(77) "Cannes - Le stelle di Mereghetti - Colpi di scena senza l’ironia di Tarantino"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(63) "cannes-le-stelle-mereghetti-colpi-scena-senza-lironia-tarantino"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-26 08:02:05"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-26 06:02:05"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152831"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152800
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-25 06:13:46"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-25 04:13:46"
      public post_content -> string UTF-8(787) "<strong>Il pop sinfonico di Zero</strong> È quasi un melodramma, l’ultimo doppio…"
      <strong>Il pop sinfonico di Zero</strong>
      
      È quasi un melodramma, l’ultimo doppio cd di Renato Zero intitolato Zerovskij - Solo per amore (Tattica). Per l’ascoltatore non è facile arrivare alla fine di un viaggio che sta a cavallo fra cantautorato e opera lirica. Sono forti i testi (cui ha collaborato Maurizio Fabrizio), sono maestose le musiche e l’orchestra diretta da Renato Serio fin dalla struggente Infiniti treni .
      
      Pop sinfonico e bilanci di vita in Mi trovi dentro te , versi come «Noia e mendicità il mondo mi perdoni se sono ancora qua» in Ti dò i voli miei , mentre in Colpevoli una frustata di pessimismo: «Vulnerabili e precari, il bel Paese non respira più». Un gran disco, quasi un musical che in tour dal vivo dovrebbe brillare ancor di più. (Mario Luzzatto Fegiz)
      public post_title -> string(24) "Il pop sinfonico di Zero"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(18) "pop-sinfonico-zero"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-25 08:14:43"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-25 06:14:43"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152800"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152798
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-25 06:05:45"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-25 04:05:45"
      public post_content -> string UTF-8(2247) "<strong>Un dramma che punta sulle metafore</strong> Sofia Coppola torna al roman…"
      <strong>Un dramma che punta sulle metafore</strong>
      
      Sofia Coppola torna al romanzo The Beguiled di Thomas Cullinan dopo Don Siegel e La notte brava del soldato Jonathan . Il suo film, che in Italia uscirà col titolo L’inganno , cancella molte delle ambiguità della prima versione ma in questo modo perde la forza di apologo sul desiderio e la frustrazione che aveva il film con Clint Eastwood. Qui Colin Farrell, caporale nordista ferito in Virginia e raccolto da una delle poche allieve di un’isolata scuola per ragazze di buona famiglia sudista, ha un comportamento molto più lineare e prevedibile: campione di virilità, conquista Edwina (Kirsten Dunst) ma vorrebbe approfittare anche di Alicia (Elle Fanning) e finisce inevitabilmente per finire vittima della direttrice del pensionato (Nicole Kidman). Girato in pellicola nell’insolito formato 1,66 (inadatto alle televisioni panoramiche di oggi) per far meglio risaltare i valori pittorici della fotografia di Philippe Le Sourd, il film perde in questo modo ogni sfumatura gotica: la regia della Coppola punta tutto sulla forza metaforica del confronto maschi/femmine che l’ultima inquadratura, con il gruppo delle donne protette e insieme imprigionate dal cancello della villa, ribadisce con la forza di un cinema professionale e tradizionale. Se il Rodin di Doillon, terzo dei quattro film francesi in concorso, è uno dei punti più bassi del festival, specie di biografia intellettuale di uno scultore (il monocorde Vincent Lindon) che aveva le idee più chiare sull’arte che sulle donne, la giapponese Naomi Kawase sembra resuscitare la tradizione dei benshi (i commentatori dei film muti) per la protagonista di Hikari ( Verso la luce ) che spiega i film a un pubblico di ipovedenti. Tra di loro c’è un fotografo che sta perdendo la vista e con cui la ragazza inizia un percorso, in parte reale in parte metaforico, alla ricerca della luce e dei suoi valori poetici. Una specie di omaggio a qualcosa che sta irrimediabilmente sparendo e che prende le forme (un po’ scontate) dei tramonti e degli alberi agitati dal vento.
      
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/stelle201725.jpg" alt="" width="287" height="1996" class="alignnone size-full wp-image-152799" />
      
      public post_title -> string(69) "Cannes - Le stelle di Mereghetti - Un dramma che punta sulle metafore"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "cannes-le-stelle-mereghetti-un-dramma-punta-sulle-metafore"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-25 08:09:42"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-25 06:09:42"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152798"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer153013
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-29 07:30:43"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-29 05:30:43"
      public post_content -> string UTF-8(12125) "da la Repubblica <div class="articleTitles"> <div class="articleTitle"><strong>“…"
      da la Repubblica
      <div class="articleTitles">
      <div class="articleTitle"><strong>“Niente sangue, sono un presidente democratico”</strong></div>
      </div>
      <div class="articleTexts">
      <div class="articleText"></div>
      <div class="articleText"></div>
      <div class="articleText">«NON c’è stato il sangue, sono un presidente democratico », dichiara Pedro Almodóvar. Ma il capo della giuria del Festival subito aggiunge che «scegliere è stata dura: c’erano personalità con posizioni forti e diverse. Ognuno ha cercato di convincere l’altro, ma c’è stato molto rispetto. E un grande entusiasmo, discorsi potenti ma non violenti. E alla fine eravamo sereni, non abbiamo nemmeno avuto una discussione troppo lunga».</div>
      <div class="articleText">Che il Palmarès di Cannes 70 sia frutto di compromessi lo dimostra l’aggiunta di premi speciali ed ex aequo. E che il cuore del regista spagnolo batte per 120 battiti al minuto — il film sui “guerrieri” malati di Aids — si capisce perché quando ne parla si commuove fino alle lacrime, la voce si rompe: «Non avrei potuto apprezzarlo di più, dall’inizio alla fine, e anche dopo. Ma sono stato fedele al mio intento, il mio voto è valso come quelli di tutti gli altri». E continua: «Indipendentemente dal fatto che io sostenga le istanze LGBT, il film ha raccontato un’ingiustizia ed è un omaggio a quegli eroi che hanno salvato molte vite».</div>
      <div class="articleText">L’entusiasmo delle quattro giurate (le registe Maren Ade, tedesca, Agnès Jaoui, francese, la cinese Fan Bingbing e l’attrice americana Jessica Chastain) spiega la valanga rosa dei premi. La più incisiva è Chastain, che se la prende con «i personaggi femminili disegnati dai maschi». Spiega che «ci vogliono più narratrici» e ringrazia Almodóvar: «Pedro è il miglior esempio di uomo che capace di raccontare donne reali». Il giocherellone Will Smith tifava per il supereroe immigrato dell’ungherese Jupiter’s moon «tra cattolicesimo e superpoteri, quel film parla la mia lingua», scherza «a volte la democrazia in giuria fa schifo». Il regista Paolo Sorrentino, a chi gli chiede quale immagine gli resterà di questo a Festival, confessa: «L’ultima scena del film russo, Loveless, è una scena potente. È una delle cose più belle che abbia mai visto al cinema».</div>
      <div class="articleText"></div>
      <div class="articleText">( ari. fi.)</div>
      </div>
      
      <hr />
      
      da Corriere della Sera
      
      <strong>Ma «120 battiti...» meritava il trionfo</strong>
      
      di Paolo Mereghetti
      
      Un applauso interminabile e una standing ovation hanno ribadito che il vero vincitore di questo festival è Robin Campillo e il suo 120 battiti al minuto , cui è andato il Grand Prix du Jury, di fatto il secondo premio. La Palma d’oro della settantesima edizione, quella che Chopard ha arricchito con diamanti estratti rispettando il lavoro dei minatori (dove arriva il politicamente corretto!), ha premiato invece lo svedese The Square e il regista Robert Östlund, che non ha portato sul palco nemmeno il suo protagonista Claes Bang, vera forza motrice del film, e ha dovuto fare un po’ il pagliaccio per scaldare davvero la platea. In tanti avevamo detto che lo spirito scombiccherato e simil-surrealista poteva convincere Pedro Almodóvar, ma arrivare alla Palma d’oro mi sembra al di là dei suoi meriti, visto che nella seconda parte (probabilmente ancora da limare: l’ha fatto capire anche nel suo discorso di ringraziamento) i fatti si accumulano più che incatenarsi davvero. In generale però bisogna dire che la giuria ha saputo evitare molte delle trappole che questa deludente edizione poteva piazzare sul suo cammino. «Liquidate» con un premio alla sceneggiatura due opere più ambiziose che riuscite — The Killing of a Sacred Deer del fumoso Lanthimos e You Were Never Really Here della Ramsay — gli altri premi sono andati ai pochi film che si sono elevati sopra la media. Personalmente avrei alzato il riconoscimento al russo Nelyubov ( Loveless ) di Andrej Zvjagincev, emozionante squarcio sull’egoismo che si è impadronito della Russia di oggi e premiato con il Prix du Jury (lo stesso che ebbe Sorrentino per Il divo ), ma si sa che all’interno delle giurie gli equilibri «geopolitici» finiscono sempre per far sentire le loro ragioni. Poco da dire sui premi agli attori: più convincente quello femminile (a Diane Kruger) che quello maschile (a Joaquin Phoenix), e un po’ sopravvalutati i meriti della Coppola, da dividere equamente per lo meno con il direttore della fotografia Philippe Le Sourd, ma resta il fatto che certi film fintamente ambiziosi e sostanzialmente furbeschi sono stati sonoramente dimenticati. Lo «sgarbo» della Kidman, che non è venuta a ritirare un premio fatto apposta per lei, potrebbe spingere il festival e il suo direttore a fare autocritica sull’eccessivo peso attribuito alle star (che usano Cannes soprattutto come passerella per le proprie ambizioni: era così complicato noleggiare un aereo privato per tornare sulla Croisette in tempo?). Ma ho paura che certe «lezioni» nessuno le voglia davvero ascoltare. E invece questo è uno dei principali messaggi che ci ha lanciato questa settantesima edizione, insieme alla conferma che i film che non cercano davvero strade nuove e imprevedibili finiscono per non convincere. Né il pubblico né le giurie.
      
      --------------------------
      
      <strong>Almodóvar: «Verdetto non unanime Vince un film politicamente scorretto»</strong>
      
      Sorrentino: emozionato dal russo «Loveless», mi ha colpito l’immagine finale
      
      DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
      
      Cannes Non è frutto di almodrama il verdetto di Pedro. Ma certo di discussioni tra i giurati ce ne sono state tante, fino all’ultimo. La quadratura del cerchio su The Square è arrivata, spiega il presidente della giuria, perché è «un film che parla di qualcosa che stiamo sperimentando tutti, la terribile dittatura del politicamente corretto. E il soggetto è trattato con una grande inventiva, il cast è grandioso, avrei già voglia di rivederlo». Almodóvar lo ammette: non c’è stata unanimità. «Non c’è stato sangue, ci siamo rispettati, il palmarès è frutto di entusiasmo senza violenza. Il che non vuole dire che abbiamo pensato le stesse cose, ognuno di noi aveva criteri diversi».
      
      Si capisce infatti che a Paolo Sorrentino non sarebbe dispiaciuto veder trionfare Loveless («L’immagine che mi porterò del festival è quella finale, una delle più forti mai viste al cinema»). E che Will Smith aveva un debole per Jupiter Moon . «A volte la democrazia è uno schifo», dice con una gran risata. «Ho cercato di convincere Pedro a smetterla di offrirmi favori sessuali per avere il mio voto. Sto scherzando, non fatevi strane idee». E lo stesso Almodóvar spende parole commosse senza nascondere le lacrime, per 120 Battements par minute di Robin Campillo. «Non avrei potuto amarlo di più come altri giurati, di cui sono stato solo la nona parte. È un film importante per ricordare a questo Paese e al mondo che cosa è successo solo pochi anni fa».
      
      Ma l’impressione è che al di là di gusti e passioni, tutti si siano goduti l’occasione di essere per un po’ chicas e chicos Almodóvar. Lui si prende in giro da solo. «Nella conferenza stampa iniziale ho detto cose folli. Tipo che cercavo un capolavoro come Apocalypse now o La dolce vita . Non è giusto fare paragoni simili, ci vorrà tempo per capire il valore. Ma davanti ad alcune pellicole ho sentito l’impatto di trovarmi di fronte a un’opera maestra». Il fantasma di Netflix resta sospeso. Certo né Ojka né The Meyerowitz Stories sono entrati tra i premi. Pedro la prende larga: «Il cinema sta cambiando ovunque, tutti noi nel mondo ci cibiamo di immagini come mai nel passato, abbiamo bisogno di fiction più che mai. Ci saranno sempre dei narratori, vicende che ci fanno aprire gli occhi, che ci emozionano, ci fanno pensare». Maren Ade e Jessica Chastain sottolineano la soddisfazione per il premio per la miglior regia a Sofia Coppola per The Beguiled . «È un riconoscimento importante» dice la regista data per favorita l’anno scorso con Vi presento Toni Erdmann . «Sono felice di incontrare colleghe registe, siamo sempre circondate da uomini, bene che il cinema racconti le donne di oggi».
      
      Ne vorrebbe ancora di più la star americana. «Vorrei vedere sullo schermo personaggi che riconosco dalla mia vita quotidiana. In questo festival mi ha turbato scoprire come nel mondo si veda la donna». L’impegno a cambiare lo prende a nome di tutti Will Smith. «L’anno prossimo magari mettiamoci anche un paio di registi neri» dice scherzando ma non troppo. «Questa è una comunità globale, con alcuni di loro ho discusso per creare un board che renda più facile l’accesso a questa comunità creativa alle minoranze».
      
      Stefania Ulivi
      
      ---------------
      
      <strong>Palma alla satira svedese</strong>
      «The Square» sul mondo dell’arte
      
      Premio speciale a Kidman
      Kruger e Phoenix i migliori attori
      
      DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
      
      CANNES Il Festival delle belle intenzioni (disattese) ha assegnato la Palma d’oro a una satira svedese, The Square di Ruben Östlund, il quale ha invitato la sala a fare un urlo collettivo. Era nella rosa dei rumours, ma resta la sorpresa. Storia dei vezzi dell’arte contemporanea e del direttore di un museo che cerca di conciliare in maniera maldestra obblighi di lavoro e vita privata. «Sono stato democratico nella discussione», dice il presidente della giuria Pedro Almodóvar. Il Gran premio della giuria, il secondo per importanza, va al francese 120 battiti al minuto di Robin Campillo, unico acuto della nutrita flotta francese: un gruppo di attivisti e la loro lotta contro l’Aids nella Francia degli Anni 90, la loro battaglia per scuotere il governo e sensibilizzare l’opinione pubblica, sarà difficile dimenticare gli sguardi coraggiosi e forti di quei giovani, i dolori nascosti, gli amori, quelle assemblee infuocate contro l’ipocrisia e le pressioni dell’industria farmaceutica. «Lo vivo come un premio collettivo per un film collettivo», dice il regista.
      
      A Sofia Coppola il premio della regia per The Beguiled , assente, ma in un messaggio ha ringraziato il barbuto patriarca Francis Ford Coppola e la mamma, la forza del clan. Premio della giuria a Loveless di Andrey Zvjagincev, ritratto crudo della Russia di oggi, l’assenza di regole, il neocapitalismo selvaggio, il degrado umano, attraverso una coppia in crisi: «Ringrazio in particolare il giurato Will Smith per il fatto di esistere».
      
      C’è un premio nuovo, non annunciato, per il 70esimo anniversario che viene attribuito a Nicole Kidman, senza un film specifico. La regina della vigilia ha fatto quattro tappeti rossi per quattro film, l’unico che ha bucato però era quello di ieri sera dove ha vinto: era assente.
      
      Miglior attrice Diane Kruger, per una volta recita nella sua lingua, il tedesco, in Aus Dem Nichts di Fatih Akin, che chiama «mio fratello»: una famiglia sgominata in Germania da un attentato terroristico e una donna, unica superstite, in cerca di vendetta. Migliore attore Joaquin Phoenix. Per You Were Never Really Here di Lynne Ramsay dove ha una trasformazione fisica alla De Niro in cerca di un pedofilo, armato di martello: «Un premio inatteso», mi scuso per le scarpe (All star nere, ndr ).
      
      L’Italia non ha trovato posto in concorso e si è dovuta accontentare del premio di consolazione di Un certain regard alla bravissima Jasmine Trinca di Fortunata , la guerriera di Torpignattara come l’ha definita il regista Castellitto. E Monica Bellucci è stata una madrina «al dente», in abito nero tutto pizzi e trasparenze, ha esordito in italiano, «Signore e signori buonasera», ha definito il presidente della giuria Almodóvar «mascolino, femminile e molto umano», ha citato i grandi del cinema, compresi Fellini, Tornatore, Fellini, ha detto «che c’è ancora tanto da imparare nel cinema», ha aggiunto che «le donne dovrebbero avere più spazio». E’ finito il triste can can di Cannes 2017, punteggiato dalle «colonne sonore» di buuh alla fine delle proiezioni, e da uno chansonnier Benjamin Biolay che alla cerimonia intona una canzone mesta come questa edizione, mentre l’ultimo sole sparisce dalla Croisette.
      
      Valerio Cappelli
      public post_title -> string UTF-8(39) "Ma «120 battiti...» meritava il trionfo"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(28) "120-battiti-meritava-trionfo"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-29 08:25:13"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-29 06:25:13"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=153013"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(4) "6596"
    public max_num_pages -> float550
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "9be162a171e3d16de6f17912448a946e"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033