$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'focus' => string(12) "cronaca-nera"
    public query_vars -> array(67)
    'focus' => string(12) "cronaca-nera"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "focus"
    'term' => string(12) "cronaca-nera"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "focus"
      'terms' => array(1)
      string(12) "cronaca-nera"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'focus' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(12) "cronaca-nera"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer11596
      public name -> string(12) "CRONACA NERA"
      public slug -> string(12) "cronaca-nera"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer11596
      public taxonomy -> string(5) "focus"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer118
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer11596
    public request -> string(442) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (11596)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152261
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-10 06:44:23"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-10 04:44:23"
      public post_content -> string UTF-8(4269) "<strong>Picchiati dal branco perché gay</strong> Otto arrestati, sei sono minore…"
      <strong>Picchiati dal branco perché gay</strong>
      
      Otto arrestati, sei sono minorenni
      
      Il pestaggio a gennaio: calci, pugni e bottigliate contro due ventenni che uscivano dalla discoteca «Karma». «Siete dei fr...» e poi le botte. La testimonianza: «Continuavano ad aggredirmi anche quando ero a terra sanguinante»
      
      di Andrea Galli
      
      Volevano per forza delle vittime, cercavano soltanto un pretesto. Le 4 di notte del 22 gennaio 2017. Due ragazzi gay, di 20 e 25 anni, avevano appena lasciato la discoteca «Karma» di via Montemartini, al Corvetto, ed erano diretti a una macchina a noleggio parcheggiata nelle vicinanze. All’improvviso è arrivato il «branco» composto da otto ragazzi, sei dei quali - hanno poi accertato i carabinieri della stazione Porta Romana e Vittoria, quella accanto alle «case bianche» visitate da Papa Francesco - sono nati a Milano e dintorni tra il 1999 e il 2001. I balordi, tutti originari della zona - un quartiere popolare eternamente afflitto da problemi di criminalità - hanno accusato le vittime di averli in precedenza spintonati evitando di chiedere scusa.
      
      Era falso: li avevano presi di mira perché omosessuali. Senza nemmeno dare loro la possibilità di ribattere, li hanno insultati e aggrediti: «Siete dei fr...». Calci e pugni ovunque, sul volto, sul costato, sulle gambe. Uno dei due è riuscito a salire in macchina, lasciando macchie di sangue sui finestrini e sul cofano. Da lì ha chiamato per telefono i primi soccorsi, mentre il branco infieriva sull’altro ragazzo, ormai a terra eppure ugualmente raggiunto da nuovi calci, nuovi pugni e in più da colpi scagliati con una bottiglia. Ha riportato fratture al cranio. «Continuavano ad aggredirmi anche quando ero a terra sanguinante», ha raccontato. La scena è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza.
      
      Sazi delle violenze, e preoccupati per l’arrivo imminente delle forze dell’ordine, i giovanissimi del branco sono scappati, non prima di aver rapinato il più giovane dello smartphone e del portafogli. Ed è proprio dal telefonino, in seguito rivenduto, che sono iniziate le complesse, laboriose indagini guidata dai carabinieri agli ordini del maresciallo capo Giuseppe Palumbo, coordinati dal Comando provinciale di Milano diretto dal colonnello Canio Giuseppe La Gala. Attraverso quel telefonino gli investigatori sono risaliti a uno del gruppo dei «picchiatori», e grazie a successive indagini hanno chiuso il cerchio. Otto gli arrestati: due 15enni, quattro 17enni e due 19enni. Le ferite dei due ragazzi sono state giudicate guaribili rispettivamente in 40 e 30 giorni.
      <hr>
      <hr>
      da <a href="http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/picchiati-discoteca-gay-arresti-corvetto-1.3101737" target="_blank">Il Giorno</a>
      
      <strong>Pestaggio omofobo fuori dalla discoteca: otto arrestati, sei sono minorenni</strong>
      
      Tutti italiani e residenti al Corvetto, sono ritenuti i responsabili dell'aggressione dello scorso gennaio fuori da una discoteca ai danni di due ragazzi
      
      Pestati fuori da discoteca, 12 secondi di calci e pugni: "Ci hanno gridato froci di m..."
      Milano, 10 maggio 2017 - Otto arresti per il violento pestaggio ai danni di due ragazzi di 20 e 25 anni avvenuto la notte del 22 gennaio scorso fuori da una discoteca di via Montemartini, in zona Porto di Mare a Milano. Un'aggressione a sfondo omofobo, condita da pesanti insulti e culminata con una rapina, dal momento che al più giovane erano stati portati via il portafogli e lo smartphone.
      
      Dopo una lunga e articolata indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica del tribunale ordinario e da quella del tribunale per i minorenni di Milano e condotta dai carabinieri della stazione di Porta Romana e Vittoria, con il contributo dei colleghi del Nucleo informativo di Milano, i militari hanno arrestato otto ragazzi italiani, sei dei quali minorenni: si tratta di due 15enni, quattro 17enni e due 19enni. Gli arresti sono stati tutti eseguiti in zona Corvetto, quartiere vicino al luogo dell'aggressione dove fin dall'inizio si erano concentrate le indagini. I carabinieri hanno ricostruito come il gruppo di giovanissimi, spinto anche da motivazioni omofobe, avrebbe dapprima ingiuriato e poi colpito i due amici, causando loro lesioni giudicate guaribili e in 40 e 30 giorni. 
      public post_title -> string UTF-8(31) "Picchiati dal branco perché gay"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(31) "picchiati-dal-branco-perche-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-10 09:06:54"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-10 07:06:54"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152261"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152256
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-10 05:53:59"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-10 03:53:59"
      public post_content -> string UTF-8(1291) "<strong>Pestaggio sul bus, condannato il minorenne</strong> TRE ANNI di carcere …"
      <strong>Pestaggio sul bus, condannato il minorenne</strong>
      
      TRE ANNI di carcere per Jurgen Ndrelalaj, all’epoca minorenne, accusato insieme ad altre quattro persone di aver picchiato il barista su un autobus in piazza Caricamento il 14 luglio 2015. Il pubblico ministero del Tribunale dei Minori aveva chiesto la condanna a quattro anni, ma l’avvocato del giovane Alessandro Sola ha ammorbidito il giudice, cercando di convincerlo che il suo cliente si è pentito di quanto fatto quella notte.
      La sentenza segue quella dello scorso gennaio, quando il gup Cinzia Perroni ha condannato a 4 anni e 4 mesi ciascuno degli altri imputati: Lorenzo Giuliani e Federico Burlando, giudicati con rito abbreviato per lesioni gravi.
      Erano invece state assolte le due ragazze (poco più che ventenni) che, secondo l’accusa, avevano partecipato al pestaggio. Secondo i giovani a scatenare l’ aggressione sarebbe stato un apprezzamento che il barista avrebbe fatto nei confronti di una delle ragazze. Il barista di 40 anni, invece, aveva raccontato di essere stato picchiato a sangue perché gay.
      Comunque, il branco lo aggredì una prima volta a bordo dell’autobus e poi in strada. La vittima subito dopo andò in coma per alcuni giorni dopo l’aggressione ed è rimasta con il 75% di invalidità permanente.
      public post_title -> string(42) "Pestaggio sul bus, condannato il minorenne"
      public post_excerpt -> string UTF-8(100) "...Il barista di 40 anni, invece, aveva raccontato di essere stato picchiato a s…"
      ...Il barista di 40 anni, invece, aveva raccontato di essere stato picchiato a sangue perché gay....
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(38) "pestaggio-sul-bus-condannato-minorenne"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-10 08:55:46"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-10 06:55:46"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152256"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151337
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-14 05:23:28"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-14 03:23:28"
      public post_content -> string UTF-8(2157) "<strong>Massacra la moglie con 30 coltellate «Ora vado dall’altra». E uccide l’a…"
      <strong>Massacra la moglie con 30 coltellate «Ora vado dall’altra». E uccide l’amica</strong>
      
      Chieti, tre mesi fa lei lo aveva lasciato. La figlia incinta ricoverata in stato di choc
      
      
      Al capo operaio, intorno alle 13, aveva detto che non sarebbe tornato al lavoro nel pomeriggio perché si sentiva poco bene. Soltanto un paio d’ore prima di compiere la strage che, probabilmente, progettava da giorni.
      
      Francesco Marfisi, 50 anni, operaio di Ortona (Chieti), si è recato nell’abitazione dove risiedeva la ex moglie, Letizia Primiterra, 47 anni, e, dopo averla convinta a scendere, l’ha uccisa a coltellate — più di trenta — nell’androne. «E ora vado dall’altra», avrebbe urlato. È risalito in auto, ha guidato per cinque chilometri fino a contrada Tamarete, e qui ha ucciso con le stesse modalità anche l’amica del cuore della consorte, Laura Pezzella, 33 anni, da lui sospettata di essere il vero motivo della separazione avvenuta circa tre mesi fa.
      
      Letizia, peraltro, aveva paura del coniuge e si era rivolta a un centro antiviolenza.
      
      Due omicidi brutali, riferiscono gli inquirenti, avvenuti a pochi minuti di distanza l’uno dall’altro, e hanno coinvolto anche la figlia 25enne della coppia, incinta, testimone della furia cieca del padre e ora ricoverata in stato di choc all’ospedale Bernabeo di Ortona.
      
      Dopo aver ucciso la moglie e l’amica di lei, Marfisi è tornato sul luogo del primo delitto.
      
      Forse con intenzioni ancora violente nei confronti di un’altra amica che ospitava Letizia. Ad attenderlo ha trovato però i carabinieri, che dopo averlo fermato hanno trovato nella sua auto due coltelli ancora imbrattati di sangue. La confessione è avvenuta poche ore dopo davanti al pm di turno.
      
      «Siamo sconvolti — racconta Diego Di Benedetto, socio della Cogas, l’azienda in cui Marfisi faceva l’operaio — perché questa mattina era al lavoro come sempre e non avremmo mai immaginato un epilogo del genere. Era una persona normale, volenterosa. Ci aveva parlato dei problemi con la moglie, all’inizio era apparso anche rabbuiato, poi però con il trascorrere delle settimane aveva ripreso a comportarsi come prima».
      
      Nicola Catenaro
      public post_title -> string UTF-8(76) "Massacra la moglie con 30 coltellate «Ora vado dall’altra». E uccide l’amica"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(65) "massacra-la-moglie-30-coltellate-ora-vado-dallaltra-uccide-lamica"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-14 08:24:29"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-14 06:24:29"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151337"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150860
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-02 04:51:18"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-02 02:51:18"
      public post_content -> string UTF-8(3398) "<strong>«Se parlavo per me era finita». Il racconto choc del 17enne stuprato in …"
      <strong>«Se parlavo per me era finita». Il racconto choc del 17enne stuprato in un centro massaggi</strong>
      
      Ha confermato tutte le accuse ripercorrendo il suo calvario dai primi palpeggiamenti, consumatisi intorno all’ottobre 2015 quando, con un suo compagno di classe, fu sottoposto ad un massaggio «erotico», fino alla violenza vera e propria andata in scena nell’aprile dell’anno successivo quando, legato sul lettino, sarebbe stato stuprato da Giuseppe Alfieri, Simeone Criscuolo, Salvatore Ultimo ed una quarta persona. Si è aperto ieri, nella caserma dei carabinieri di Nocera, l’incidente probatorio chiesto dalla Procura per far luce sul presunto giro di pedofilia consumatosi all’interno del centro massaggi di via Talamo portato a galla l’estate scorsa in seguito ad una lunga e complessa inchiesta. Ieri, davanti al Gip del tribunale di Salerno Berni Canani e al pubblico ministero Elena Guarino, il 17enne di Cava dei Tirreni, presunta vittima del selvaggio stupro di gruppo consumatosi all’interno del centro massaggi, ha ricostruito la vicenda tenendo in piedi il nucleo centrale delle accuse. Una ricostruzione lunga e particolareggiata, quella resa dal ragazzino che, assistito dall’avvocato Agostino Allegro e in modalità protetta, ha fornito ulteriori particolari sulla vicenda. Nella sala della caserma dei carabinieri dove si è aperto l’esame, c’erano anche Giuseppe Alfieri e Salvatore Ultimo rappresentati dai propri legali, gli avvocati Arturo Della Monica e Francesco Rizzo che hanno cercato di fare venire alla luce alcune contraddizioni nella versione fornita dal ragazzino e hanno infine chiesto una nuova perizia. Non sono bastate tre ore e mezzo al 17enne per ripercorrere tutta la vicenda: l’esame quindi proseguirà questa mattina nell’aula al terzo piano del tribunale di Salerno quando sarà ascoltato anche il compagno di classe del 17enne presunta vittima di una serie di palpeggiamenti.
      
      Il 17enne ha raccontato di essere stato adescato da Alfieri quando si trovava in compagnia di un amico. I due avrebbero dovuto sottoporsi ad una seduta di massaggio semplicemente come modelli per sponsorizzare le attività del centro. Già nel corso del primo appuntamento, tenutosi nell’ottobre 2015, però, le cose sarebbero andate diversamente e il massaggio avrebbe acquisito una connotazione strettamente erotica. I due ragazzi sarebbero stati spinti sul lettino e costretti ad un massaggio particolare con palpeggiamenti alle parti intime. La stessa cosa si sarebbe ripetuta nell’incontro successivo del dicembre 2015. La situazione, però, precipitò e a restare nelle grinfie di Alfieri fu solo il 17enne che cominciò a subire vere e proprie minacce. Se non si fosse piegato alle voglie dell’uomo, i filmati degli incontri precedenti sarebbero finiti in rete e il 17enne sarebbe stato additato come omosessuale da tutti i suoi amici. Si giunse così all’aprile dell’anno successivo quando il 17enne fu sottoposto ad un selvaggio stupro di gruppo. Nel racconto, reso ieri nel corso dell’incidente probatorio, il ragazzino ha fornito ancora una volta, tutti i particolari di quella violenza considerata dagli inquirenti, un vero e proprio “rito iniziatico” per introdurre il minore nell’universo omosessuale. Il 17enne ha raccontato della sala buia, dei cartelli con la scritta «Benvenuto tra noi», delle maschere e delle parrucche con cui gli stupratori erano travisati.
      public post_title -> string UTF-8(90) "«Se parlavo per me era finita». Il racconto choc del 17enne stuprato in un centr…"
      «Se parlavo per me era finita». Il racconto choc del 17enne stuprato in un centro massaggi
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(67) "parlavo-finita-racconto-choc-del-17enne-stuprato-un-centro-massaggi"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-02 08:53:27"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-02 06:53:27"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150860"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150644
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-25 07:40:18"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-25 06:40:18"
      public post_content -> string UTF-8(10940) "<strong>Disabile 13enne violentato dal branco di minorenni madre detective denun…"
      <strong>Disabile 13enne violentato dal branco di minorenni madre detective denuncia</strong>
      
      DAL NOSTRO INVIATO
      GIUGLIANO. «Se non fai quello che dico, ti picchio», lo minacciava il leader del branco. Un ragazzo «grande. Cattivo. Che fa paura ». E il più debole subiva. Abusavano di lui nel bagno del campetto vicino alla chiesa. In un vicolo alle spalle della scuola. In casa del capo del gruppo. Una volta tentò di ribellarsi ma quello lo colpì con mestolo da cucina di legno. In un’altra occasione lo prese a schiaffi.
      Le prime violenze risalgono a più di tre anni fa e chissà per quanto tempo ancora sarebbero andate avanti se la madre della vittima non si fosse accorta di tutto una sera di gennaio quando, insospettita da alcuni insoliti messaggi su WhatsApp, sorprese il figlio in una zona isolata assieme a quattro dei suoi aguzzini. Così la donna ha avviato una sorta di “indagine personale”. Ha parlato con il suo ragazzo, poi con gli aggressori e con i loro genitori, quindi è andata dai carabinieri a denunciare tutto.
      È una storia di orrore, sopraffazione ma alla fine anche di coraggio, quella consumata in un quartiere popolare nel cuore di Giugliano che vede adesso otto minorenni raggiunti dalla misura del collocamento in comunità con l’accusa di violenza sessuale ai danni di un tredicenne. Altri tre avevano meno di quattordici anni al momento dei fatti e dunque non sono imputabili. Ha tredici anni la vittima, ma ne aveva poco più di dieci quando tutto è iniziato. È affetto da una lieve forma di invalidità e di difficoltà nell’apprendimento e 17 anni. I due si sono conosciuti in un centro di riabilitazione specializzato. E da quel momento è iniziato l’inferno. Il bullo ha costretto la vittima a subire abusi sia da solo, sia coinvolgendo altri ragazzi. Le violenze venivano consumate di pomeriggio, in luoghi isolati ma comunque sempre nel centro della città come nel caso del bagno del campetto sportivo comunale che si trova all’interno di una chiesa. Una volta, ha raccontato il ragazzino, il leader del branco rimase a guardare dalla finestra del bagno per controllare che tutto andasse secondo i suoi “ordini”. In un’altra circostanza lo attirò con l’inganno a casa sua insieme ad altri componenti del branco, chiudendo la porta e nascondendo le chiavi. Un paio d’anni fa, la famiglia della vittima aveva cambiato casa e per un po’ aveva perso di vista il più grande del gruppo.
      L’incubo però non era finito perché si era sparsa la voce che il tredicenne era gay e bastava nominare il capobranco, minacciando il suo intervento, per costringerlo a subire umiliazioni di ogni tipo. Un clima di ricatto affiorato lentamente. Prima qualche segnale a scuola, rilevato dall’insegnante di sostegno, poi la scoperta da parte della madre di quegli strani appuntamenti fissati su WhatsApp. Fino alla sera del 22 gennaio, quando la donna ha trovato il figlio con quattro aguzzini. Uno del gruppo scappò, gli altri facendo scaricabarile. Ma a quel punto la mamma è andata fino in fondo. Le indagini, condotte dai carabinieri di Giugliano diretti dalla Procura per i minorenni guidata da Maria de Luzemberger, hanno cercato i riscontri al racconto della vittima. Il giudice minorile Angela Draetta ha ritenuto credibile la ricostruzione dei fatti, ritenendo grave la condotta non solo del capobranco ma di tutto il gruppo. Gli indagati sono assistiti dagli avvocati Antonio Dell’Aquila, Melania Maisto e Luigi Poziello. Commenta l’avvocato Dell’Aquila: «Sono vittime anche loro della mancata attenzione da parte della società. Si tratta di minorenni che vanno tutelati. Per loro la presunzione d’innocenza vale ancora di più».
      
      Otto dei minori sono stati collocati in comunità, altri tre non sono imputabili
      LE VIOLENZE
      Il campo di calcetto vicino alla chiesa. Nel bagno venivano consumate le violenze ai danni di un tredicenne.
      Ma anche a casa del capo branco e in luoghi isolati ma sempre nel centro della città di Giugliano
      
      <hr />
      
      <strong>“Prevenzione nelle scuole contro il bullismo diretto”</strong>
      GIUSEPPE DEL BELLO
      AVVERTE subito: «il bullismo ormai è un fenomeno dilagante. In Italia sta diventando una piaga di dimensioni enormi: solo nel 2014 il 50 per cento dei ragazzini tra 11 e 14 anni ha subìto un episodio di violenza». Andrea Fiorillo è docente nel Dipartimento di Psichiatria dell’Ateneo Vanvitelli diretto da Mario Maj.
      Anche quello di Giugliano va inquadrato come bullismo?
      «In questo caso sarebbe corretto definirla forma di “bullismo diretto”: un’aggressione fisica ripetuta e violenta ».
      Ed è difficile da individuare?
      «Sì, se nessuno parla e se manca la dovuta attenzione degli adulti».
      Ma qui si tratta di abuso sessuale.
      «Infatti, è una forma di violenza estrema che non sempre raffigura un quadro di bullismo. In questa situazione l’unico elemento che richiama appunto al bullismo è rappresentato dal numero di violentatori, cioè dal branco. E in qualche modo anche dalla caratteristica delle vittime che, come spesso si registra, si rivelano deboli, affetti da disabilità intellettive o appartenenti a gruppi di minoranze etniche, sociali e culturali».
      Anche gli aggressori erano in condizione di disagio...
      «Spesso pure i bulli presentano caratteristiche psicopatologiche. Il branco di Giugliano apparteneva alla stessa comunità ma, appunto perché “gruppo”, ha messo in minoranza il ragazzino, dandosi man forte l’un l’altro».
      Come prevenire questi fenomeni?
      «Oggi, le misure di prevenzione e di contrasto ci sono. Il nostro istituto sta portando avanti un progetto di sensibilizzazione nelle scuole per informare studenti e insegnanti degli effetti sulla salute mentale dei maltrattamenti subìti in età infantile e adolescenziale. E tra le conseguenze del bullismo figura anche il suicidio».
      In pratica, come si possono scoprire gli abusi sessuali sui minori?
      «Andrebbero valutati improvvisi cambiamenti nel comportamento e nell’umore dei ragazzi: tristezza, chiusura o assenze ingiustificate. E anche sintomi fisici lamentati in assenza di malattie evidenti».
      
      È aggressione fisica ripetuta a danno di un debole. Anche il branco presenta caratteristiche patologiche
      
      <hr />
      
      “Ho solo fatto il bene di mio figlio” La città incredula è sotto shock “Se qualcuno ha sbagliato paghi”
      DAL NOSTRO INVIATO
      GIUGLIANO. All’uscita di scuola sono tutti in gruppo. I più grandi mescolati a quelli più piccoli. C’è chi si rincorre, chi scherza, chi aspetta un amico. Dal marciapiede di fronte, uno dei ragazzi ne indica un altro che si sta allontanando: «È quello che ha denunciato i nostri amici». Ma lui non può sentirli, fortunatamente. Zaino in spalla, si avvia tranquillo verso casa. È solo. Ma ad aspettarlo c’è la madre. «Quello che dovevo dire, l’ho detto ai carabinieri », dice la donna ai cronisti mentre, con un gesto istintivo, posa il braccio sulla spalla del figlio, in segno di protezione. A chi l’ha incontrata in queste ore, mentre televisioni e siti web rilanciavano la notizia della svolta nelle indagini sugli abusi partite dopo la sua denuncia, questa mamma coraggiosa ha spiegato: «Immaginavo che si sarebbe venuto a sapere, ma non mi interessa. Devo fare il bene di mio figlio».
      Questa dolorosa storia di abusi e sopraffazioni ha scioccato la comunità di giovani che si ritrova in una chiesa del centro di Giugliano, dove c’è un campetto sportivo comunale. Qui si conoscono tutti e nessuno sembra disposto a credere che le violenze possano davvero essersi consumate anche lì, nel bagno vicino al campo. «È come se mi avessero dato un cazzotto nello stomaco, una tegola che mi è caduta addosso », scuote il capo Tammaro Iavarone, per tutti Tammariello, che da anni segue i ragazzi del quartiere come volontario, senza intascare un soldo, e si batte da sempre per il suo quartiere e per la sua città. Organizza tornei e manifestazioni, Tammariello, ha ingaggiato una battaglia per far aprire il campetto e adesso sta male davanti allo scenario delineato dall’inchiesta: «Se qualcuno ha sbagliato deve pagare, non dico di no. Ma non posso pensare che queste cose di cui si parla siano accadute davvero. In che mondo viviamo? E soprattutto, non possiamo fare di tutta un’erba un fascio».
      Non ci credono i ragazzi che sono attorno a lui e consultano nervosamente i cellulari. «Qui siamo come una famiglia. Giochiamo a pallone, al biliardo. Ma quali violenze, non scherziamo. Controllate bene prima di scrivere » ripetono. «La madre di quel ragazzo accompagnava i figli qui e restava a guardarli. Li seguiva, non li lasciava soli», ricorda Tammaro Iavarone. «Due di quelli che hanno accusato li conosco - racconta uno di loro - uno è mio cugino, l’altro è mio amico. Non c’entrano, ne sono sicuro. Li ho visti stamattina, mentre li portavano dai carabinieri. Piangevano a singhiozzi».
      Per il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello, «la comunità di Giugliano è sgomenta. Quello che è accaduto non è assolutamente giustificabile». L’amministrazione, che può contare su un ex capo della Dia, Adolfo Grauso, come assessore alla Legalità, ha preparato una delibera per istituire uno sportello antibullismo. «La nostra attenzione era alta già da mesi su questa vicenda. Ci occuperemo di tutti i protagonisti, a cominciare dai minorenni non imputabili coinvolti nell’inchiesta», sottolinea l’esperta area minori del Comune, Marianna Palma. Il parroco della chiesa di Camposcino, don Leonardo Bruno, invita alla cautela e afferma: «Sono pronto ad accogliere anche i violenti. La Chiesa aiuta tutti. Come pastore provo molto dolore in questo momento ».
      Un altro sacerdote, don Tommaso D’Ausilio, parroco di San Pio X, sottolinea: «Il popolo di Giugliano sa ribellarsi e raccogliere le sfide. Come parrocchie lavoriamo in sinergia e stiamo cercando di fare qualcosa. Alla base di queste situazioni si nascondono disagi familiari: quando in una società si perde il senso della famiglia, arrivano cattivi risultati e lo dico con rammarico».
      Il sindaco non nasconde le difficoltà: «Abbiamo una situazione sociale che diventa sempre più esplosiva, con la crisi economica le famiglie si stanno disgredando. E come amministrazione in questo momento abbiamo in carico 250 famiglie. Ma certo, il fatto che non siano stati colti i segnali di questa tragica storia, rappresenta un fallimento di tutti quanti noi». Assicura il sindaco Poziello che il Comune «si preoccuperà di tutti i minori. Questo ragazzino e la sua famiglia non saranno lasciati soli. Noi saremo al loro fianco. Non sarà semplice cancellare quattro anni di angherie e soprusi, non possiamo pensare che la famiglia possa farcela senza aiuto. Ma ci prenderemo cura anche di coloro i quali hanno messo in atto queste violenze». Quelli però erano in gruppo, la vittima invece era sola. E da solo, finita la scuola, il tredicenne è tornato a casa. Sulla sua bacheca Facebook, c’è la foto di una scritta vergata sull’asfalto con il gesso bianco. “Mamma, sei tutta la mia vita. Ti amo”.
      (d. d. p.)
      public post_title -> string(75) "Disabile 13enne violentato dal branco di minorenni madre detective denuncia"
      public post_excerpt -> string(169) "...si era sparsa la voce che il tredicenne era gay e bastava nominare il capobra…"
      ...si era sparsa la voce che il tredicenne era gay e bastava nominare il capobranco, minacciando il suo intervento, per costringerlo a subire umiliazioni di ogni tipo...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(72) "disabile-13enne-violentato-dal-branco-minorenni-madre-detective-denuncia"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-25 09:07:18"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-25 08:07:18"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150644"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150365
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-18 06:04:39"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-18 05:04:39"
      public post_content -> string UTF-8(2214) "<strong>Padre stupra figlia perchè omosessuale. Voleva educarla</strong> Un padr…"
      <strong>Padre stupra figlia perchè omosessuale. Voleva educarla</strong>
      
      Un padre, non accettando l’orientamento sessuale della figlia, decide di stuprarla, perché in questo modo voleva educarla.
      
      La ragazza ha deciso di confessare alla sua famiglia il suo orientamento sessuale, dicendo ai genitori di essere lesbica. Quello che davvero sorprende in questa vicenda è la reazione del padre e le conseguenze di ciò che ha compiuto. La figlia non ha ricevuto sostegno, come avrebbe dovuto essere, ma è stata vittima delle violenze del padre.
      
      L’episodio, questo terribile episodio si svolge a Coventry, nel Regno Unito, dove un padre di 54 anni, ha abusato della figlia di 16 anni per via del suo orientamento sessuale, per avergli confessato di essere omosessuale. Il padre, non accettando questo orientamento sessuale della figlia, ha risolto la faccenda abusando di lei, stuprandola, dimostrando in questo modo che il rapporto sano e accettabile è solo quello tra uomo e donna e non tra due persone dello stesso sesso.
      
      L’uomo è poi comparso in tribunale per rispondere di violenza sessuale nei confronti della figlia minorenne e per questa accusa è condannato a 21 anni di carcere, mentre la ragazza dovrà subire una riabilitazione psicologica.
      
      In base ad alcune indagini, si è scoperto che già in passato l’uomo aveva abusato di un’altra figlia di soli 11 anni, per poi continuare con la violenza. Le due figlie violentate non hanno mai raccontato la loro esperienza, ma oggi sono scoppiate e hanno raccontato tutto. Una delle figlie ha provato a denunciare, ma non si è risolto nulla.
      
      Il giudice della contea del tribunale di Warwick ha detto che sull’uomo pendono diversi capi di imputazione, come offesa al pudore, molestie su minorenni e abusi sessuali plurimi.
      
      Le ragazze sono ora con degli psicologi che cercheranno di capire come risolvere la situazione. Il giudice, in aula, sentendo quanto successo e sentendo la testimonianza delle due donne, è rimasto scosso.
      
      Il giudice ha proferito queste parole: “Oltre alla violenza sessuale il crimine è aggravato anche dall’umiliazione subita dalla figlia. L’uomo ha infatti mostrato ostilità e disprezzo nei confronti delle donne lesbiche.
      public post_title -> string UTF-8(55) "Padre stupra figlia perchè omosessuale. Voleva educarla"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(54) "padre-stupra-figlia-perche-omosessuale-voleva-educarla"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-18 08:06:08"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-18 07:06:08"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150365"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150342
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-17 06:44:02"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-17 05:44:02"
      public post_content -> string UTF-8(1969) "<strong>Napoli, gay deriso e picchiato ​in piazza dalla babygang</strong> Dietro…"
      <strong>Napoli, gay deriso e picchiato ​in piazza dalla babygang</strong>
      
      Dietro il ferimento di un 36enne, avvenuto nel pomeriggio di oggi, grazie alle immediate indagini condotte dagli agenti del commissariato di polizia Scampia, sono stati denunciati, in stato di libertà, due minori di 14 e 17 anni.
      
      I poliziotti, infatti, sono intervenuti in soccorso del 36enne che era stato, dapprima deriso e, poi, malmenato con un bastone in legno, nonché fatto oggetto del lancio di una bottiglia. L’aggressione, riconducibile ad un episodio di omofobia, ha fatto subito scattare le indagini degli agenti che hanno identificato, in tempi brevissimi, i due minori.
      La povera vittima, soccorsa da personale del 118, è stata trasportata in ospedale, per una ferita lacero contusa alla testa.
      
      I due giovani, intolleranti alla relazione sentimentale tra la vittima ed il suo compagno, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica dei Minorenni.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/17_marzo_16/a-napoli-deriso-picchiato-due-minorenni-perche-gay-c5c771b4-0a81-11e7-9718-54242f5b589b.shtml">Corriere del Mezzogiorno</a>
      
      A Napoli deriso e picchiato da due minorenni perché gay
      Era insieme con un compagno, colpito con bastone e bottiglia. L’aggressione a Scampia
      Prima lo hanno deriso, poi lo hanno colpito con un bastone e gli hanno lanciato contro una bottiglia di vetro. Il tutto perché era omosessuale e stava con il suo compagno mano nella mano. È accaduto a Napoli, nel quartiere di Scampia e a ferire l’uomo sono stati due minorenni di 14 e 17 anni. La vittima, un 36enne, era insieme con il suo compagno quando sono finiti nel mirino dei ragazzi. Un episodio di omofobia che ha fatto subito scattare le indagini degli agenti del commissariato di Scampia. Il 36enne ha subito una ferita alla testa ma non è grave. I due minorenni sono stati denunciati alla Procura della Repubblica dei Minorenni.
      public post_title -> string UTF-8(56) "Napoli, gay deriso e picchiato ​in piazza dalla babygang"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(61) "napoli-gay-deriso-picchiato-%e2%80%8bin-piazza-dalla-babygang"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-17 09:31:11"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-17 08:31:11"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150342"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150300
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-16 06:06:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-16 05:06:37"
      public post_content -> string UTF-8(6523) "<strong>«Erano violenti ma nessuno immaginava questo schifo»</strong> di Eleonor…"
      <strong>«Erano violenti ma nessuno immaginava questo schifo»</strong>
      
      di Eleonora Lanzetti
      Parlano amici e compagni di scuola dei quattro minorenni arrestati
      Vigevano (Pavia) Assordante. È un silenzio assordante quello del giorno dopo a Vigevano. I pochi che commentano non fanno sconti. Dopo che tutti hanno saputo delle violenze e dei soprusi che cinque ragazzini, figli di gente perbene, hanno riservato ad un quindicenne. La noia della provincia. Droghe, microcriminalità, spaccio, non c’entrano nulla. Il non sapere come fare a passare pomeriggi sempre uguali li ha trasformati in bestie.
      
      È così che hanno identificato il bersaglio, vittima debole e gracile, lo hanno accerchiato emotivamente, per poi distruggerlo. Sui social, dove pochi frame bastano a demolirti psicologicamente. Dove se porti un compagno di classe a spasso alla catena come un cane, sei un vincente. Lo credevano, loro. Il premio che hanno vinto questa volta è stato il viaggio al carcere minorile di Milano dove sono rinchiusi con accuse pesantissime.
      
      I video li hanno visti in tanti. Molti hanno persino riso, moltiplicando il potere balordo di quei cinque. C’è stato anche chi, inorridito e preoccupato, ha preso il cellulare ed è andato dalla madre della vittima. Le ha messo davanti agli occhi le atroci brutalità che il figlio era costretto a sopportare per essere accettato dal branco. «Sapevamo degli episodi di bullismo, ma mai avremmo immaginato delle cose così. Fanno schifo!», dice uno studente dello stesso istituto tecnico frequentato dalla gang. Sapevano. Fino a quando qualcuno non ne ha potuto più. E le voci hanno iniziato a girare. I cinque forse sentivano il fiato dei carabinieri sul collo. Per questo hanno cambiato atteggiamento e, amorevoli, hanno chiesto alla vittima di tacere e negare. Era troppo tardi.
      
      Ad aspettare l’autobus fuori dalla stazione c’è una ragazzina. Lei conosce i bulli: «La storia dei treni vandalizzati va avanti da tempo. Questi erano tizi abituati a spaccare roba e magari a chiederti cinque euro con la forza. Ora, però, hanno esagerato». Chi conosceva il branco ha messo in guardia la madre del ragazzo, ed è partita la denuncia. La donna, tra le lacrime, si è scusata con il Capitano Papaleo, che ha coordinato le indagini. Non si era accorta dell’inferno. Lavora dalla mattina alla sera per pagare mutuo e bollette. Non poteva sapere dei pugni e dei calci. Non aveva visto le lacerazioni che il figlio si era medicato dopo esser stato violentato con una pigna mentre era appeso nudo ad un ponte.
      
      «I fatti sono gravissimi. C’era un accanimento che va oltre l’immaginazione — commenta Andrea Sala, sindaco di Vigevano —. Sono contento di come sono state svolte le indagini per la discrezione riservata a questo caso delicato». La scuola diventa luogo in cui sfogare la repressione. «Abbiamo portato avanti molti progetti sul bullismo fino alle scuole medie. Oggi discuteremo in giunta una variazione di bilancio dell’ultimo minuto perché voglio che per il nuovo anno scolastico venga incentivato il sostegno psicologico e sociale nelle classi. Bisogna prevenire e fare in modo che i campanelli d’allarme vengano ascoltati prima che sia troppo tardi».
      
      Genitori convinti di crescere adolescenti modello. Un modello senza valori, fatto di bei vestiti, scarpe costose e iPhone nuovi. Per riprendere meglio le nefandezze di cui si vantavano. Un uomo alla stazione di Vigevano beve un caffè e parla al collega prima di salire sul treno per Milano: «Da padre sono in difficoltà. Fare il genitore è complicato, ma se mi capitasse una cosa simile, mi sentirei un uomo fallito». E l’altro: «Questi erano lasciati a loro stessi» Il silenzio si fa ancora più assordante quando dalla città ci si sposta nella campagna lomellina, teatro dei sadici teatrini. In una frazione con quattro case, una chiesa e un oratorio. In due ore si incrociano tre persone con la testa bassa. Non vola una mosca, le finestre sono chiuse. Succede di tutto e nessuno vede nulla.
      
      <hr />
      
      <strong>Il padre di Carolina «Dov’è la legge contro i bulli?»</strong>
      
      di Simona Ravizza
      
      Ennesimo episodio di bullismo, stessa indignazione generale, ma nulla (o quasi) che cambia. Così, dopo il caso di Vigevano, Paolo Picchio scrive alla presidente della Camera Laura Boldrini. È il padre di Carolina, la ragazza di 14 anni che nel gennaio del 2013 si è tolta la vita dopo aver subìto atti di bullismo in rete: «Cosa ci serve ancora per capire che dobbiamo partire dai minori? — chiede Picchio —. Perché Montecitorio non vuole che passi la legge contro il bullismo? Avrà forse ragione chi mi dice che “tanto i minori non votano”? Io non ci voglio credere!». Picchio ricostruisce l’iter tormentato della legge, di nuovo ferma alla Camera: «La senatrice Elena Ferrara, insegnante di musica alle medie di Carolina, si è impegnata nella stesura di un disegno di legge a tutela dei minori. Una proposta nata in Commissione diritti umani e approvata all’unanimità nel maggio 2015. Tutto lasciava immaginare che la Camera, proprio a fronte del sostegno trasversale, avrebbe proceduto celermente — scrive Picchio —. Invece qualcuno ha pensato di estendere il provvedimento agli adulti, applicando un approccio sanzionatorio rispetto all’iniziale impianto educativo. Una legge studiata di concerto con tutti i soggetti interessati, dai ministeri ai colossi del web, che hanno dato la loro disponibilità ad agevolare la rimozione dei contenuti lesivi su richiesta dei minori (...). Con quanto stabilito dalla Camera lo scorso autunno, invece, la legge pensata per tutte le Caroline era diventata la “legge bavaglio”. Così abbiamo perso un altro anno. Fortuna che a fine gennaio il Senato, in terza lettura è tornato allo spirito originario, approvando ancora all’unanimità (un solo voto contrario) il ddl Ferrara». Ma adesso è ancora tutto bloccato: «Cosa dobbiamo aspettarci?», incalza Picchio. La senatrice Elena Ferrara spiega: «Il ddl prevede che ciascun ultraquattordicenne possa inoltrare al gestore del sito internet o del social media un’istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi dato del minore vittima di cyberbullismo». Ma non si tratta solo di semplificare l’oscuramento dei video: «Vengono previsti anche un’educazione continua nelle scuole e lo stanziamento di idonee risorse alla formazione del personale specializzato». Il monito di Picchio: « In gioco c’è molto di più di un padre che trova la forza di scrivere affinché la memoria di sua figlia non sia tradita dalle Istituzioni» .
      public post_title -> string UTF-8(52) "«Erano violenti ma nessuno immaginava questo schifo»"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(34) "violenti-nessuno-immaginava-schifo"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-16 08:09:10"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-16 07:09:10"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150300"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150280
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-15 06:12:51"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-15 05:12:51"
      public post_content -> string UTF-8(2869) "<strong>LE IENE, RAGAZZO GAY "ESORCIZZATO", PARLA IL PRETE: «UNA MONTATURA, SONO…"
      <strong>LE IENE, RAGAZZO GAY "ESORCIZZATO", PARLA IL PRETE: «UNA MONTATURA, SONO STATO RAGGIRATO»</strong> 
      
      «Una montatura». Viene bollata così dal protagonista la vicenda del servizio della trasmissione televisiva “Le Iene”, andata in onda l’altra sera. Il prete-esorcista, che nel servizio tenta di scacciare il demonio dal corpo di un giovane omosessuale, si dice “ingannato e raggirato” dalla giornalista di Italia 1 che ha condotto il servizio.
      
      Per il prelato la montatura del servizio avrebbe falsato lo svolgimento dei fatti. Ecco, comunque, la sua versione sulla vicenda che ha destato grande clamore in Italia e, in particolare, a Casarano.
       
      «Il servizio andato in onda è completamente falsato ed è stato montato ad arte per perorare una tesi che nulla ha a che fare con la realtà – sostiene il parroco - sono stato ingannato e raggirato. In effetti, il ragazzo si è presentato la prima volta consigliato dalla famiglia. A conclusione del primo incontro, nel corso del quale abbiamo pregato con il consenso del giovane, ho detto al ragazzo che qualora avesse ravvisato benefici sarebbe potuto ritornare».
       
      Il ragazzo, in effetti, avrebbe chiesto nuovamente aiuto al sacerdote. «È tornato la seconda volta – continua il prete - con un altro giovane, presentatomi come suo compagno e che aveva una telecamera nascosta, millantando di stare male e mi ha chiesto aiuto. Io l’ho accolto e ho chiesto quali disturbi avesse. Durante la preghiera ha iniziato a manifestare i sintomi propri di un disturbo spirituale, e che alla luce di quanto accaduto, devo ritenere posture studiate, naturalmente non presenti nel servizio mandato in onda. Diversamente non mi sarei inoltrato nella preghiera, in assenza di sintomi legati a disturbi di natura spirituale».
       
      Il sacerdote respinge le accuse di avere pregiudizi nei confronti degli omosessuali. «La forzatura emersa è il collegato ad arte lasciato intendere tra l’esorcismo e l’omosessualità – sostiene il parroco - la preghiera, invece, era motivata dalle manifestazioni di disturbi spirituali, non già dall’omosessualità. Infatti io non ho mai accolto persone in base all’orientamento anche sessuale, ma perché chiedono semplicemente di essere aiutate. È stato scorretto e lontano dalla verità l’avermi attribuito di aver stabilito un legame tra il disturbo e l’omosessualità».
      «La preghiera non aveva niente a che fare con l’omosessualità, ma con quanto avevo ravvisato nel ragazzo. Per quanto riguarda il riferimento alla sessualità – conclude il prete - le mie sono state risposte a sue specifiche domande; gli ho soltanto fatto presente che la finalità degli atti sessuali non può essere solo ludica, ma aperta alla relazione piena e responsabile. L’ho infine rassicurato che le mie raccomandazioni non erano frutto di pregiudizio, infatti avrei dato i medesimi consigli anche ad un eterosessuale».
      public post_title -> string UTF-8(89) "LE IENE, RAGAZZO GAY "ESORCIZZATO", PARLA IL PRETE: «UNA MONTATURA, SONO STATO R…"
      LE IENE, RAGAZZO GAY "ESORCIZZATO", PARLA IL PRETE: «UNA MONTATURA, SONO STATO RAGGIRATO»
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(63) "le-iene-ragazzo-gay-esorcizzato-parla-prete-montatura-raggirato"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-15 09:15:18"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-15 08:15:18"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150280"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150234
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-14 06:36:54"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-14 05:36:54"
      public post_content -> string UTF-8(4141) "<strong>Pavia, presa la baby gang delle stazioni: violenze e abusi esibite in ch…"
      <strong>Pavia, presa la baby gang delle stazioni: violenze e abusi esibite in chat come trofei, arrestati 4 quindicenni</strong>
      
      Anche sei denunce: prendevano di mira compagni di classe o vicini di casa e riprendevano le scene coi telefonini. Alcuni coetanei costretti a subire anche atti sessuali
      
      
      Pavia, presa la baby gang delle stazioni: violenze e abusi esibite in chat come trofei, arrestati 4 quindicenniLe forze dell'ordine l'hanno definita la "baby gang delle stazioni ferroviarie": bulli quindicenni che violentavano e picchiavano coetanei. Quattro sono stati arrestati e sei denunciati dopo le indagini condotte dai carabinieri di Vigevano, in provincia di Pavia, e dal comando provinciale dell'Arma. Secondo quanto è stato ricostruito, la banda di ragazzini avrebbe agito come un 'branco', prendendo di mira i soggetti ritenuti più deboli e incapaci di difendersi, scegliendoli tra compagni di classe o vicini di casa.
      
      Gli abusi. In particolare una di queste vittime, uno studente coetaneo dei suoi aggressori, è stata oggetto di una persecuzione prolungata caratterizzata da violenze fisiche e umiliazioni. Vessazioni che venivano riprese con i telefonini per poi ridicolizzare la vittima nei confronti degli altri ragazzi e aumentare il suo stato di prostrazione, fino a realizzare quella che gli investigatori definiscono una vera 'sudditanza' nei confronti del branco. Le violenze e le persecuzioni nei confronti del 15enne, hanno raggiunto l'apice fra dicembre e gennaio, quando i 'bulli', dopo averlo braccato per strada lo hanno costretto a bere alcolici fino ad ubriacarlo, poi gli avevano messo una catena al collo e l'avevano portato in giro per strada come un cane al guinzaglio. In un'altra occasione, in cinque contro uno l'avevano afferrato con la forza, denudato, tenuto appeso per le gambe a testa in giù sopra un ponte e costretto a subire atti sessuali, brutalizzandolo con una pigna. Il tutto ripreso con un telefonino, con il filmato diffuso tra gli amici.
      
      La vittima prediletta. E' un ragazzo fragile, uno studente al primo anno di un istituto tecnico superiore, ad essere stato perseguitato in particolar modo dal gruppo. La madre, avvertita da alcuni compagni di scuola su ciò che il figlio stava subendo, aveva cercato di allontanarlo, ma il branco era riuscito comunque a tenerlo ostaggio. Era sistematicamente fotografato mentre subiva atti di bullismo e violenze, le immagini finivano poi su Whatsapp, Twitter, Instagram, Facebook, Telegram e iMessage.
      
      I reati. I carabinieri di Vigevano li hanno arrestati e rinchiusi nell'istituto penale minorile Beccaria di Milano con accuse che vanno dal concorso in violenza sessuale alla riduzione in schiavitù, dalla pornografia minorile (per la diffusione delle immagini delle loro 'imprese' nei social network) alla violenza privata aggravata mediante lo stato di incapacità procurato alla vittima. Cinque minori, di età compresa tra i 15 e i 16 anni sono stati denunciati a vario titolo per danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. Nel corso delle perquisizioni domiciliari eseguite contestualmente alle misure cautelari, i militari hanno rinvenuto e sequestrato diversi martelletti frangivetro asportati dalle carrozze dei treni assaltati.
      
      Il 'branco'. Il gruppo è composto da una decina di ragazzi di buona famiglia, figli di professionisti, commercianti, impiegati, operai. Cinque i 'capi' della banda, tre hanno 15 anni, uno ne ha 16, e c'è anche un tredicenne, per questo non imputabile. La sua posizione, considerata la pericolosità sociale, è al vaglio per l'eventuale richiesta di una misura di prevenzione.
      
      La spediazione punitiva. A carico di alcuni degli indagati,
      
       anche una "spedizione punitiva", avvenuta nel mese di febbraio 2017, nei confronti di due coetanei ritenuti responsabili di aver denunciato, in precedenza, alcuni comportamenti da "bullo" attuati dal capo "branco". I due 15enni sono stati per questo aggrediti di rientro a casa, percossi, spintonati e fatti segno di pugni. Solo l'intervento di un genitore, casualmente di passaggio ha scongiurato ulteriori conseguenze ai due studenti.
      public post_title -> string(111) "Pavia, presa la baby gang delle stazioni: violenze e abusi esibite in chat come …"
      Pavia, presa la baby gang delle stazioni: violenze e abusi esibite in chat come trofei, arrestati 4 quindicenni
      public post_excerpt -> string UTF-8(193) "...in cinque contro uno l'avevano afferrato con la forza, denudato, tenuto appes…"
      ...in cinque contro uno l'avevano afferrato con la forza, denudato, tenuto appeso per le gambe a testa in giù sopra un ponte e costretto a subire atti sessuali, brutalizzandolo con una pigna...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(98) "pavia-presa-la-baby-gang-delle-stazioni-violenze-abusi-esibite-chat-trofei-arres…"
      pavia-presa-la-baby-gang-delle-stazioni-violenze-abusi-esibite-chat-trofei-arrestati-4-quindicenni
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-14 09:38:33"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-14 08:38:33"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150234"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer149946
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-09 06:05:57"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-09 05:05:57"
      public post_content -> string UTF-8(2126) "<strong>Pagani, estorsioni a parroci omosessuali: sacerdote condannato a 4 anni<…"
      <strong>Pagani, estorsioni a parroci omosessuali: sacerdote condannato a 4 anni</strong>
      Diego Caggiano è stato condannato dal tribunale di Isernia con l'accusa di estorsione aggravata. Avrebbe provato ad estorcere soldi a parroci di tendenze omosessuali, con la minaccia di diffondere video e registrazioni compromettenti
      
      Nicola Sorrentino
      
      Ricattava preti con tendenze omosessuali e comprava il loro silenzio, sfruttando i colloqui che un complice effettuava con questi ultimi attraverso registrazioni video. Il tribunale di Isernia ha condannato a 4 anni con l’accusa di estorsione Diego Maria Caggiano, 42enne sacerdote di origini salernitane difeso dal legale Carlo De Martino. La sentenza emessa dai giudici riguarda contestazioni e accuse circoscritte al 2011. In fase investigativa, la procura individuò almeno 12 potenziali vittime: l’uomo agiva con un complice (la cui posizione fu trattata a parte) che attraverso i programmi di chat Messenger e Skype compiva atti di autoerotismo verso diversi sacerdoti. Poi subentrava Caggiano con le richieste estorsive: cinque le imputazioni a suo carico. Le richieste di denaro andavano dai 2 ai 10mila euro: i sacerdoti venivano minacciati dall’uomo, che paventava di pubblicare non solo i video dove i parroci compivano atti sessuali, ma anche conversazioni telefoniche compromettenti, che raccontavano di tendenze e rapporti omosessuali tra sacerdoti.
      
      Le vittime venivano adescate sul web, attraverso una conoscenza su Facebok che mutava poi in un contatto più diretto: gli uomini finiti nella rete dei due provenivano dalla Sicilia, dalla Puglia ma anche dal Molise e dalla Campania. Caggiano, conosciuto anche come "Don Diego", prete ortodosso, officiò diversi anni fa un nuovo luogo di culto nel quartiere Barbazzano, a Pagani. Un piccolo locale frequentato da tante persone, che finì poi nel mirino della Diocesi che lo scomunicò, in quanto non titolato a presiedere alcun rito religioso. Il suo complice, Giuseppe Trementino, scelse di patteggiare davanti al giudice. Ora la condanna a 4 anni in primo grado per Caggiano, con l’accusa di estorsione aggravata.
      public post_title -> string(71) "Pagani, estorsioni a parroci omosessuali: sacerdote condannato a 4 anni"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(65) "pagani-estorsioni-parroci-omosessuali-sacerdote-condannato-4-anni"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-09 09:07:28"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-09 08:07:28"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=149946"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer149859
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-07 06:34:40"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-07 05:34:40"
      public post_content -> string UTF-8(2959) "<strong>Lo abborda sulla chat per gay e tenta estorsione: arrestato 17enne</stro…"
      <strong>Lo abborda sulla chat per gay e tenta estorsione: arrestato 17enne</strong>
      
      Lo ha agganciato su un sito di incontri, specializzato tra quelli per persone dello stesso sesso, intrattenendo conversazioni a sfondo intimamente personale per alcuni giorni.
      
      Così un 17enne ha ottenuto un appuntamento da un perugino che lo ha invitato nel suo appartamento. Ma, una volta giunto a casa dell’uomo, approfittando di una sua momentanea distrazione, ha arraffato la sua borsa con tutto il contenuto ed è scappato. Dopo aver bloccato le carte di credito, l’uomo ha cercato di ricontattare il giovane in chat per riavere il maltolto. Per tutta risposta, il 17enne gli ha detto che doveva pagare mille euro se voleva le sue cose. Il derubato si è quindi rivolto alla polizia.
      
      Allora, su indicazione della squadra mobile, l'uomo ha fissato un incontro in un luogo pubblico con il ragazzo all'apparenza per dargli i soldi chiesti. Ma si sono presentati anche gli agenti ed è scattato l'arresto. L’accusa è furto aggravato e tentata estorsione. Il diciassettenne è stato trasferito in un istituto di pena per minorenni.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da<a href="http://www.ilmessaggero.it/umbria/perugia_gay_chat_incontri_ricatto_polizia-2300554.html"> Il Messaggero</a>
      
      <strong>«Mi inviti a casa tua?»: Perugia, 17enne abborda i gay e poi li ricatta</strong>
      
      PERUGIA - Lo ha agganciato su un sito di incontri, specializzato tra quelli per persone dello stesso sesso, intrattenendo conversazioni a sfondo intimamente personale per alcuni giorni. Così un 17enne ha ottenuto un appuntamento dalla sua vittima, un perugino del ’58, riuscendo a farsi invitare nel suo appartamento.
      
      Ma una volta giunto a casa dell’uomo, approfittando di una sua momentanea distrazione, ha arraffato la sua borsa con tutto il contenuto dandosi alla fuga. Resosi conto dell’accaduto, dopo aver bloccato le carte di credito, l’uomo cercava di ricontattare il giovane in chat per tentare di rientrare in possesso dei propri effetti personali. Per tutta risposta, il 17enne gli offriva uno scambio: per riottenere quanto sottratto la vittima avrebbe dovuto sborsare 1000 euro.
      
      Il derubato, vista la situazione, si rivolgeva alla polizia. Su indicazione degli agenti della squadra mobile la vittima, apparentemente accondiscendendo alla richiesta, fissava un nuovo incontro in un luogo pubblico; ma stavolta ad attendere l’estorsore si sono presentati anche i poliziotti. A nulla sono valsi i tentativi del giovane di cautelarsi utilizzando anche una 19enne quale tramite: arrivato il momento dello scambio, per il 17enne sono immediatamente scattate le manette.
      
      L’accusa, per lui, è di furto aggravato e tentata estorsione; è stato trasferito in un istituto di pena per Minorenni.
      Sono in corso da parte dei poliziotti della squadra mobile gli accertamenti finalizzati a ricostruire eventuali sue responsabilità nell’ambito di episodi analoghi accaduti di recente in città.
      public post_title -> string(66) "Lo abborda sulla chat per gay e tenta estorsione: arrestato 17enne"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(59) "lo-abborda-sulla-chat-gay-tenta-estorsione-arrestato-17enne"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-07 08:37:20"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-07 07:37:20"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=149859"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152261
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-10 06:44:23"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-10 04:44:23"
      public post_content -> string UTF-8(4269) "<strong>Picchiati dal branco perché gay</strong> Otto arrestati, sei sono minore…"
      <strong>Picchiati dal branco perché gay</strong>
      
      Otto arrestati, sei sono minorenni
      
      Il pestaggio a gennaio: calci, pugni e bottigliate contro due ventenni che uscivano dalla discoteca «Karma». «Siete dei fr...» e poi le botte. La testimonianza: «Continuavano ad aggredirmi anche quando ero a terra sanguinante»
      
      di Andrea Galli
      
      Volevano per forza delle vittime, cercavano soltanto un pretesto. Le 4 di notte del 22 gennaio 2017. Due ragazzi gay, di 20 e 25 anni, avevano appena lasciato la discoteca «Karma» di via Montemartini, al Corvetto, ed erano diretti a una macchina a noleggio parcheggiata nelle vicinanze. All’improvviso è arrivato il «branco» composto da otto ragazzi, sei dei quali - hanno poi accertato i carabinieri della stazione Porta Romana e Vittoria, quella accanto alle «case bianche» visitate da Papa Francesco - sono nati a Milano e dintorni tra il 1999 e il 2001. I balordi, tutti originari della zona - un quartiere popolare eternamente afflitto da problemi di criminalità - hanno accusato le vittime di averli in precedenza spintonati evitando di chiedere scusa.
      
      Era falso: li avevano presi di mira perché omosessuali. Senza nemmeno dare loro la possibilità di ribattere, li hanno insultati e aggrediti: «Siete dei fr...». Calci e pugni ovunque, sul volto, sul costato, sulle gambe. Uno dei due è riuscito a salire in macchina, lasciando macchie di sangue sui finestrini e sul cofano. Da lì ha chiamato per telefono i primi soccorsi, mentre il branco infieriva sull’altro ragazzo, ormai a terra eppure ugualmente raggiunto da nuovi calci, nuovi pugni e in più da colpi scagliati con una bottiglia. Ha riportato fratture al cranio. «Continuavano ad aggredirmi anche quando ero a terra sanguinante», ha raccontato. La scena è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza.
      
      Sazi delle violenze, e preoccupati per l’arrivo imminente delle forze dell’ordine, i giovanissimi del branco sono scappati, non prima di aver rapinato il più giovane dello smartphone e del portafogli. Ed è proprio dal telefonino, in seguito rivenduto, che sono iniziate le complesse, laboriose indagini guidata dai carabinieri agli ordini del maresciallo capo Giuseppe Palumbo, coordinati dal Comando provinciale di Milano diretto dal colonnello Canio Giuseppe La Gala. Attraverso quel telefonino gli investigatori sono risaliti a uno del gruppo dei «picchiatori», e grazie a successive indagini hanno chiuso il cerchio. Otto gli arrestati: due 15enni, quattro 17enni e due 19enni. Le ferite dei due ragazzi sono state giudicate guaribili rispettivamente in 40 e 30 giorni.
      <hr>
      <hr>
      da <a href="http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/picchiati-discoteca-gay-arresti-corvetto-1.3101737" target="_blank">Il Giorno</a>
      
      <strong>Pestaggio omofobo fuori dalla discoteca: otto arrestati, sei sono minorenni</strong>
      
      Tutti italiani e residenti al Corvetto, sono ritenuti i responsabili dell'aggressione dello scorso gennaio fuori da una discoteca ai danni di due ragazzi
      
      Pestati fuori da discoteca, 12 secondi di calci e pugni: "Ci hanno gridato froci di m..."
      Milano, 10 maggio 2017 - Otto arresti per il violento pestaggio ai danni di due ragazzi di 20 e 25 anni avvenuto la notte del 22 gennaio scorso fuori da una discoteca di via Montemartini, in zona Porto di Mare a Milano. Un'aggressione a sfondo omofobo, condita da pesanti insulti e culminata con una rapina, dal momento che al più giovane erano stati portati via il portafogli e lo smartphone.
      
      Dopo una lunga e articolata indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica del tribunale ordinario e da quella del tribunale per i minorenni di Milano e condotta dai carabinieri della stazione di Porta Romana e Vittoria, con il contributo dei colleghi del Nucleo informativo di Milano, i militari hanno arrestato otto ragazzi italiani, sei dei quali minorenni: si tratta di due 15enni, quattro 17enni e due 19enni. Gli arresti sono stati tutti eseguiti in zona Corvetto, quartiere vicino al luogo dell'aggressione dove fin dall'inizio si erano concentrate le indagini. I carabinieri hanno ricostruito come il gruppo di giovanissimi, spinto anche da motivazioni omofobe, avrebbe dapprima ingiuriato e poi colpito i due amici, causando loro lesioni giudicate guaribili e in 40 e 30 giorni. 
      public post_title -> string UTF-8(31) "Picchiati dal branco perché gay"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(31) "picchiati-dal-branco-perche-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-10 09:06:54"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-10 07:06:54"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152261"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(3) "118"
    public max_num_pages -> float10
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "78a063f87ca5ba6e934f3e0fbf258463"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033