The Young Pope

The Young Pope
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (3 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

The Young Pope

Grazie a Sorrentino anche la serialità italiana sta definitivamente (speriamo) imboccando la strada della qualità, vorremmo dire addirittura dell’arte. Cinematografica, perché ormai è chiaro che spetterà alla televisione (e ai suoi grandi schermi hd) di portare avanti la settimana arte, spodestata dalle sale per le quali si progettano solo grandi spettacoloni da circo effetti speciali. Ci vorrà comunque del tempo, per superare l’ostacolo di un pubblico narcotizzato che davanti a “The Young Pope” avrà sicuramente tirato qualche sbadiglio. Solamente perché non ancora abituato ad usare la tv per entrare nella profondità delle cose, dei pensieri, o dei fatti, attraverso immagini preziose e raffinate, inquadrature e scene più lente del solito perché devono lasciarci il tempo di penetrarle, di assorbirle, di arricchirci. Questo è quello che Sorrentino riesce a fare nei suoi film migliori e anche in questa (ancora misteriosa) serie tv. Misteriosa perché due episodi non possono bastare a farci comprendere l’insieme e nemmeno l’obiettivo. Sorrentino ha detto che tutto dovrebbe ruotare intorno alla domanda se Dio esiste oppure no. Una domanda che il giovane Papa Pio XIII, alias Lenny, primo Papa americano, sembra rivolgersi continuamente, ammettendo (per scherzo, dice poi) che forse non esiste. Mentre è consapevole che esistono tante altre urgenze di cui l’uomo ha bisogno, elencate chiaramente nel sogno che fa all’inizio, quando dice che “Ci siamo dimenticati di masturbarci, di usare contraccettivi, dell’aborto, di celebrare i matrimoni gay, di dare la possibilità ai preti di amarsi e di sposarsi, ci siamo dimenticati di avere rapporti senza scopo di procreazione, e senza sentirci in colpa, di divorziare, di far celebrare la messa alle suore, di fare figli in tutti i modi che la scienza ha scoperto. Ci siamo dimenticati di essere felici.” Questo potrebbe essere il suo programma (lo capiremo in seguito) ma intanto gli è chiaro il fatto di trovarsi a capo di una istituzione mondiale che sembra avere come unico scopo quello di preservarsi, di garantirsi un futuro. Cioè di conservarsi. Capisce però che la modalità conservatrice della Chiesa, quella ad esempio personificata dal Cardinal Voiello (un superlativo Silvio Orlando) non è più efficace, non garantisce più gli obiettivi primari. Bisogna cambiare, anche nell’immagine (eclatante la sua proposta del piatto bianco). Il suo maestro è stato un cardinale ambizioso, conservatore e accecato dal desiderio di potere. Lui, l’allievo, non si era posto l’obiettivo del potere ma viene eletto Papa a sorpresa (probabilmente per qualche calcolo sbagliato). Per questo ci appare libero da intrallazzi, estraneo a congiure di palazzo, drammaticamente e sorprendentemente solo. Ma sembra avere le idee molto chiare sul da farsi e sul suo futuro (forse troppo?). La sua ambiguità è solo apparente, le sue incertezze hanno solo bisogno di essere testate. Quando scopre che il responsabile del clero è omosessuale, decide all’istante di rimuoverlo. Non ha la minima incertezza. Probabilmente sa bene che l’omosessualità nel clero è diffusissima ed ingiustificabile secondo la dottrina. Una contraddizione elementare tra il dire ed il fare. Un’ambiguità insostenibile. La sua lotta è solo all’inizio. Per ora abbiamo visto come si sta preparando alla battaglia, come sta organizzato i nuovi vertici del suo esercito… Sorrentino si è imbarcata in un’impresa enorme, che tocca argomenti ed istituzioni ancora fondamentali nel nostro Paese e nel mondo.  La Chiesa, attraverso famiglia Cristiana, ha già detto che presenta un Papa stonato, irreale e blasfemo, che siamo davanti ad una serie stile House of Cards (averne, diciamo noi), tutta congiure di palazzo. Noi attendiamo a dare giudizi definitivi. Riuscirà nell’intento di comunicare qualcosa di nuovo? Senza cadere nell’ovvio o nello scandalistico fine a se stesso? Presto per dirlo, di sicuro c’è che sta usando tutta la sua maestria, tutta la sua arte, tutta la sua stupenda immaginazione. E a noi potrebbe anche bastare. Da rilevare lo share record dei primi due episodi, tre volte superiore rispetto a Trono di Spade, e sei volte di più rispetto ad House of Cards.

synopsis

From Paolo Sorrentino, director of the Academy Award®-winning film ‘The Great Beauty,’ ‘The Young Pope’ tells the controversial story of the beginning of Pius XIII’s pontificate. Born Lenny Belardo, he is a complex and conflicted character, so conservative in his choices as to border on obscurantism, yet full of compassion towards the weak and poor. The first American pope, Pius XIII is a man of great power who is stubbornly resistant to the Vatican courtiers, unconcerned with the implications to his authority. The ten-episode series stars two-time Academy Award® nominee Jude Law as Pius XIII, and Academy Award® winner Diane Keaton as Sister Mary, a nun from the U.S. now living in Vatican City. Sorrentino, who also directed of the upcoming ‘Youth,’ says the series is about “the clear signs of God’s existence. The clear signs of God’s absence. How faith can be searched for and lost. The greatness of holiness, so great as to be unbearable when you are fighting temptations and when all you can do is to yield to them. The inner struggle between the huge responsibility of the Head of the Catholic Church and the miseries of the simple man that fate (or the Holy Spirit) chose as Pontiff. Finally, how to handle and manipulate power in a state whose dogma and moral imperative is the renunciation of power and selfless love towards one’s neighbor.” (Hbo.com)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

2 commenti

  1. Grande Sorrentino, un’ottima serie. Ottime regia e fotografia. Una storia grottesca, satirica, provocatoria, estrema, con un Papa che nessuno oserebbe immaginare. Direi quasi fantascientifica.

Commenta


trailer: The Young Pope

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.