$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'focus' => string(11) "storia-lgbt"
    public query_vars -> array(67)
    'focus' => string(11) "storia-lgbt"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "focus"
    'term' => string(11) "storia-lgbt"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "focus"
      'terms' => array(1)
      string(11) "storia-lgbt"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'focus' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(11) "storia-lgbt"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer11470
      public name -> string(11) "STORIA LGBT"
      public slug -> string(11) "storia-lgbt"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer11470
      public taxonomy -> string(5) "focus"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer27
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer11470
    public request -> string(442) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (11470)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer153020
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-29 06:55:01"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-29 04:55:01"
      public post_content -> string UTF-8(10186) "<div class="main-column"> <p class="blog-title"><img class="alignnone wp-image-1…"
      <div class="main-column">
      <p class="blog-title"><img class="alignnone  wp-image-153021" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370529-stonewall.jpg" alt="" width="602" height="350" /></p>
      <p class="blog-title"></p>
      <p class="blog-title"><strong>Usa, dallo Stonewall Inn a oggi: la storia del Gay pride ad uso di chi invoca la normalizzazione</strong></p>
      
      <div id="foto" class="anchor"></div>
      </div>
      <div class="main-column left-column">
      <div class="article-wrapper"><section class="article-body article-body-blog mondo">Ogni anno, in occasione dei <strong>gay pride</strong> (che negli <strong>Stati Uniti</strong> si svolgono nel mese di giugno), si ripropongono le solite, stolide polemiche. <strong>Cosa c’entra il “pride” cioè l’ “orgoglio” con i diritti civili?</strong> Perché questa carnevalata di culi nudi e poppe all’aria che squalificano “le pur almeno-in-parte-condivisibili rivendicazioni” delle persone Lgbt? Esiste forse un <strong>etero-pride</strong>? Chi cerca “normalità” non dovrebbe tentare di promuovere un’immagine “normale”? Le risposte a queste non-domande oltre che nella ragionevolezza risiedono nella storia americana degli ultimi 50 anni.Negli anni 60 gli Stati Uniti vennero attraversati da <strong>profonde rivoluzioni sociali</strong>. I <strong>Black Riots</strong> di <strong>Philadelphia</strong> del <strong>1964</strong>, furono seguiti da quelli di <strong>Watts</strong> del ’65, di <strong>Cleveland</strong> <strong>and Omaha</strong> del ’66 e infine di <strong>Detroit</strong> e <strong>Newark</strong> del ’67. La guerra del Vietnam, inasprendo conflitti sociali e disparità di censo, aveva innescato la crescita esponenziale del movimento pacifista.
      <div id="glfb-sticky-1" class=""> Il mondo gay preparava la propria riscossa con lentezza e senza <strong>una piattaforma politica comune</strong>. Nel marzo del <strong>1969</strong>, sulla costa ovest, a San Francisco, <strong>Gale Whittington</strong>, allora ventenne, era stato licenziato in tronco dalla<strong> States Steamship Company</strong> perché, su una foto pubblicata dal <em>Berkeley Barb</em>, appariva abbracciato al suo compagno <strong>Leo Laurence</strong>, direttore del <em>Vector</em>, l’organo stampa della “Society for Individual Rights” (Sir). Il Sir, all’epoca l’organizzazione omofila più rappresentativa della città, non seppe o non volle intervenire in difesa di Whittington. Fu allora che Laurence dette vita al “Committee for Homosexual Freedom” (Chf) e, con l’aiuto di Huey Newtown, uno dei leader delle<strong> “Black Panthers”</strong> modellò la sua nuova organizzazione sulla scorta dei gruppi di lotta neri. In quei mesi, oltre a moltissime azioni dimostrative, il Chf, nella persona di un altro militante, il giovane <strong>Carl Wittman</strong>, produsse il “Refugees from Amerika: A Gay Manifesto”, considerato il documento scritto con cui si suole simbolicamente marcare la nascita del <strong>movimento di liberazione gay</strong>. Dalle sue pagine Wittman invitava al coming out di massa, all’autodifesa, all’intransigenza e alla lotta politica.</div>
      Contemporaneamente, sulla costa Est, stava crescendo il malcontento per l’azione della<strong> “Mattachine Society of New York”</strong>. Fondata da <strong>Harry Hay</strong> nel <strong>1950</strong>, la Mattachine Society aveva sempre perseguito un approccio politico detto “ameliorative” cioè morbido e da molti percepito come <strong>troppo “perbene”</strong>, non sufficientemente aggressivo, troppo conciliatorio, più simile a quello di una società di mutuo soccorso e non adatto a perseguire l’agenda di un fronte di liberazione. Tra i membri più critici,<strong> John O’ Brien</strong>, allora ventenne, era stato espulso prima dai Mattachines per essere troppo radicale e poi dalla “Young Socialist Alliance” per essere gay (o più precisamente per essersi rifiutato di smentire voci sulla propria presunta omosessualità). Aveva dunque dato vita ad un nuovo gruppo, ancora anonimo, che era solito riunirsi presso l’ “Alternate U”, una specie di <strong>centro sociale</strong> situato all’intersezione della quattordicesima strada con la 6th Avenue. Il linguaggio del gruppo di O’Brien era fatto di <strong>slogan</strong> come <strong>“Gays Must Fight Back”</strong> o <strong>“Resist”</strong> che invitavano all’azione e miravano al coinvolgimento di un bacino di militanti più ampio possibile. Sul fronte femminile un numero sempre maggiore di attiviste cominciava a nutrire insofferenza verso l’agenda, giudicata troppo debole, delle <strong>“Daughters of Bilitis”</strong> (Dob), la controparte lesbica dei Mattachines. <strong>Martha Shelley</strong>, sebbene membro attivo del Dob e rappresentante del movimento all’interno della <strong>Columbia University</strong>, era tra le voci più inquiete e le sue scelte successive ebbero grande influenza sulla storia dei diritti Lgbt e del <strong>femminismo americano</strong>. Questa la situazione all’alba dei moti di Stonewall.
      <div id="glfb-sticky-2" class=""></div>
      Lo <strong>Stonewall Inn</strong>, situato al numero 53 di Christopher Street, era uno dei luoghi ritrovo più popolari del Greenwich Village. <strong>Sabato 28 giugno 1969</strong> il locale aveva fatto, come al solito, il pienone. Intorno all’una di notte <strong>“Lili Law, Betty Badge e Peggy Pig”</strong> bussarono alla porta, intimando di aprire. Le drag queens avevano affibbiato questi nomignoli agli agenti della polizia che facevano regolarmente irruzione nel bar, così come in tutti gli altri locali del Village. I grimaldelli legali dei quali la polizia si avvaleva erano due: l’articolo <strong>240.35</strong> quarta sezione del Codice Penale e la regolarità delle licenze per vendere alcool. Il famigerato articolo aveva l’obiettivo di punire ogni <strong>“unnatural attire or facial alteration”</strong>; nello specifico chiunque avesse avuto indosso meno di tre oggetti ritenuti <strong>“gender appropriate”</strong> era automaticamente passibile di arresto. Quanto all’alcool, nel 1966 la Corte d’Appello di New York aveva stabilito che anche gli <strong>omosessuali</strong> avevano<strong> diritto al consumo di alcolici</strong> nei locali pubblici (<em>sic</em>!). Ma la licenza dello Stonewall Inn apparentemente non era <strong>regolare</strong>. Con questo pretesto sei agenti, quattro uomini e due donne della First Division Public Moral Squad entrarono nel locale. L’intenzione era di procedere ad uno dei soliti rastrellamenti.
      
      Si racconta che, una volta effettuati i fermi, una lesbica in procinto di essere caricata sulla camionetta, si sia rivolta a tutti coloro che non erano stati arrestati esclamando: “Perché non fate qualcosa?”. Fu allora che la folla si armò di <strong>bottiglie</strong> e <strong>sampietrini</strong> e dette inizio alla rivolta. Secondo i testimoni di quella notte, la drag queen <strong>Marsha P. Johson</strong> riempì una borsa di mattoni e iniziò a fracassare una macchina della polizia. Nel frattempo John O’Brien era venuto in soccorso dalla sede di Alternate U. I vari arrestati erano stati <strong>liberati</strong> e i poliziotti costretti a barricarsi dentro lo<strong> Stonewall Inn</strong> per non essere linciati. Vennero divelti <strong>lampioni</strong> e <strong>parchimetri</strong>, arieti di fortuna, per dare l’assalto ai sei della <strong>Moral Squad</strong>. Mentre tutti si affrettavano verso le cabine telefoniche per chiamare gli amici al rinforzo, si racconta che un’altra drag queen, <strong>Silvia Riveira</strong>, abbia pronunciato le famose parole: <strong>“It’s a revolution!”</strong>. Molti accorsero per dare un contributo alla rivolta, inclusa Martha Shelley, ad oggi uno dei più preziosi testimoni oculari di quella notte, ma intorno alle due e venti il<strong> Tactical Patrol</strong> (la polizia antisommossa) giunse in massa. Un gruppo di drag queens e di avventori transgender accolsero il manipolo sulle note del “Ta-ra-ra Boom-de-ay”. La polizia attaccò ugualmente e <strong>fu violentissima</strong>. Per la popolazione del Village la misura era ormai colma. I tre giorni successivi trascorsero con relativa calma. Ma il mercoledì sera gli animi si riaccesero e ripresero gli scontri, di una violenza inaudita. Era l’inizio di una nuova era per tutte le persone Lgbt perché, parafrasando<strong> Dick Leitsch</strong> della Mattachine Society, era la prima volta che migliaia di persone omosessuali si ribellavano pubblicamente e scendevano in piazza per protestare contro le loro vessazioni quotidiane. Presto la giovane Martha Shelley avrebbe fondato il “Gay Liberation Front” e dalle strade del Village la lotta per la rivendicazione dei diritti civili si sarebbe estesa all’intero territorio degli Stati Uniti. La fine degli anni Sessanta inaugurò <strong>un attivismo</strong> che avrebbe determinato un progresso sociale fondamentale durante tutti gli anni Settanta e nelle decadi successive.
      
      <strong>Così fu la storia e chi invoca una normalizzazione del pride non la conosce</strong>. Non esiste un etero-pride perché non sono mai esistiti articoli del codice penale che facilitassero l’arresto di persone eterosessuali in quanto eterosessuali. E chi si scandalizza di<strong> una donna transgender nuda</strong>, si dovrebbe ricordare del sacrificio che tante <strong>persone transgender</strong> e tante drag queens compirono durante i moti di Stonewall. Ogni anno viene celebrato il pride in memoria di quei giorni. Tutti gli edifici pubblici degli Stati Uniti vengono colorati di luci in segno di solidarietà. Tutti i sindaci delle maggiori città, democratici o repubblicani, prendono parte alla parata. Tutte le più importanti università onorano il ricordo di quelle notti con una cerimonia ufficiale patrocinata dal rettore e nessuno grida allo scandalo. Dal 2000 lo Stonewall Inn è entrato a far parte del registro dei <strong>monumenti nazionali</strong>.
      
      Di qua dall’oceano, quarantasette anni dopo la notte dei riots, le persone Lgbt italiane non possono ancora sposarsi, né adottare figli e la <strong>transfobia</strong> continua ad essere la trincea del pregiudizio.
      
      </section></div>
      </div>
      public post_title -> string(96) "Usa, dallo Stonewall Inn a oggi: la storia del Gay pride ad uso di chi invoca la…"
      Usa, dallo Stonewall Inn a oggi: la storia del Gay pride ad uso di chi invoca la normalizzazione
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(85) "usa-dallo-stonewall-inn-oggi-la-storia-del-gay-pride-ad-uso-invoca-la-normalizza…"
      usa-dallo-stonewall-inn-oggi-la-storia-del-gay-pride-ad-uso-invoca-la-normalizzazione
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-29 08:37:25"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-29 06:37:25"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=153020"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer153009
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-28 06:05:04"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-28 04:05:04"
      public post_content -> string UTF-8(10713) "Il libro "Ho molti amici gay" è un testo di politica: fondamentalmente un "besti…"
      Il libro "Ho molti amici gay" è un testo di politica: fondamentalmente un "bestiario" con tutte le cazzate sparate dai politici italiani sull'omosessualità.
      
      L'autore però si è letto gli atti parlamentari alla ricerca di tali dichiarazioni (tanto di cappello), risalendo fino al caso Cicerone del 1951. Si tratta quindi anche di un testo di storia, anche se ovviamente il dibattito aumenta d'intensità man mano che ci si avvicina ad oggi.
      
      Leggerlo mi ha fatto venire voglia di scrivere per Wikipink la voce su Vincenzo Cicerone.
      
      Giovanni Dall'Orto
      
      <hr />
      
      Vincenzo Cicerone (Lecce, 14 novembre 1919- 5 gennaio 1989) fu membro dell'Assemblea Costituente, e nell'aprile 1948 fu eletto in Parlamento nella circoscrizione di Lecce, nelle liste del Partito Nazionale Monarchico.
      
      Il quotidiano "La Stampa" così descrisse nel 1951 il suo "trionfo elettorale" del 1948:
      
      <em>« Vincenzo Cicerone era sbocciato alla vita politica come un fiore entusiasta. Deputato all'assemblea costituente per la lista monarchica, condusse poi, nella sua penisola salentina, una delle campagne più esuberanti della nostra storia parlamentare, in vista del 18 aprile 1948, sempre in nome del re. A sue spese, le campagne di Lecce furono inondate di immaginette sacre sulle quali, al posto dei Santi e della Vergine, figuravano i volti di personaggi sabaudi; sul retro erano riprodotti i testi dei telegrammi di condoglianza spediti dall'onorevole stesso ad Umberto ed a Maria José in occasione della morte di Vittorio Emanuele III. La rielezione del candidato salentino fu un trionfo. Gli elettori del contado leccese coltivarono la speranza, mai smentita dal loro leader, di un nuovo referendum; Montecitorio acquistò un uomo di punta, delle cui camicie di seta e dei cui pedalini di fil di Scozia si parlava nei caffè di Via Veneto</em><em>. »</em>
      
      Nel 1949 l'eccentrico deputato recitò pure nella parte d'un sacerdote di campagna nel film: Barriera a settentrione, di Luis Trenker, distribuito nel 1950.
      
      Lo scandalo Cicerone (1951)
      Giò Stajano, che con Cicerone condivideva gusti sessuali e giro d'amicizie, lo descrisse (sotto il nome di "zia Vincenza") in Meglio l'uovo oggi, come un omosessuale molto "tradizionale", appassionato di giovani molto virili e possibilmente eterosessuali.
      La carriera politica di Cicerone fu bruscamente stroncata da uno scandalo scoppiato il 3 maggio 1951, quando il suo segretario, Fausto Sarno (ex campione di lotta libera, incontrato mentre faceva il calzolaio nel laboratorio artigiano del Ministero della Giustizia), di 29 anni, gli sparò senza colpirlo tre colpi di pistola nell'appartamento di Cicerone.
      I due erano stati già protagonisti d'una rissa, durante il Natale precedente, in un albergo di Cortina d'Ampezzo, dove Sarno aveva preso a pugni Cicerone, tuttavia lo scandalo in quell'occasione non era andato oltre il pettegolezzo. La relazione era però nei fatti "pubblica":
      
      « L'amicizia dei due divenne infatti in breve intima, tanto che essi erano visti spesso insieme in vari locali romani, in numerosi centri di villeggiatura, come Capri e Viareggio, oppure viaggiare a bordo di lussuose automobili. »
      La crisi era scoppiata quando Sarno aveva annunciato di volersi sposare (ovviamente con una donna). Secondo il giovane, Cicerone avrebbe fatto pressioni tanto asfissianti su di lui (ed anche, come testimoniò il padre della ragazza, sulla sua famiglia, arrivando alle minacce, ragione per cui sarebbe stato denunciato per violenza privata e continuata) da causare la scena drammatica. Secondo Cicerone, invece, lo svolgimento era stato questo: Sarno aveva deciso di lasciare il posto di lavoro, ciononostante aveva cercato di estorcergli con le minacce una forte somma di denaro. Da qui l'alterco, nel corso del quale Sarno s'era impadronito della pistola che Cicerone deteneva in casa (senza licenza, cosa che gli valse una denuncia per porto abusivo di pistola), usandola poi per cercare di ucciderlo.
      
      L'onorevole si affrettò a denunciare Sarno, che fu arrestato, tuttavia l'indagine fece emergere una serie di reati economici contro i quali in circostanze normali l'onorevole si sarebbe fatto scudo dell'immunità parlamentare, mentre lo scandalo omosessuale lo privò di ogni indulgenza da parte dei colleghi, che decretarono la fine della sua carriera. Nelle parole della "Stampa" del 1951,
      
      « L'on. Cicerone, giunto all'estremo della pazienza, ha sporto querela contro l'ingrato: e l'ingrato, colpevole di tentato omicidio, è stato tratto in arresto. In guardina il Sarno ha «cantato». Verissimo che l'onorevole gli ha reso molti benefici; lo stipendio era ottimo, il lavoro non massacrante, la vita piacevole: basti bensare che il segretario aveva «conto aperto» presso una grande sartoria di via Veneto a spese del padrone. Verissima la storia dei pugni (lo scandalo ebbe luogo, la sera di Natale, all'hotel Miramonti in Cortina d'Ampezzo) e vera la storia dei colpi di rivoltella andati a vuoto in casa dell'onorevole, a via Panama. Ma — secondo il Sarno — a parte il fatto che anche l'onorevole, in quella circostanza, disponeva di un revolver, è da respingere la tesi di Cicerone, secondo cui l'aggressore avrebbe agito per intimidire il deputato ed estorcergli ancora denaro. La verità, dice il bel calzolaio, è che il deputato manifestava un incomprensibile corruccio di fronte all'annuncio del fidanzamento del suo segretario con la figlia di un commerciante di colori; e il grave è che il commerciante di colori sostiene di fronte alla magistratura d'aver subito intimidazioni e minacce da Cicerone perché il matrimonio non si facesse.
      Che più? All'ultimo momento si è aggiunta, contro l'onorevole, la denuncia di appropriazione indebita mossagli da una ditta torinese: il deputato avrebbe promesso di appoggiare la ditta presso l'INA per ottenere una sovvenzione; la sovvenzione mancò, ma l'onorevole dimenticò di restituire il compenso.
      Non basta. Un agente di cambio romano si lagna di aver ricevuto dall'on. Cicerone assegni a vuoto, un costruttore di Capua accusa il deputato, nientemeno, di strozzinaggio. »
      Un altro articolo specificava meglio i reati economici del Cicerone:
      
      « Reati di usura e di appropriazione indebita sono poi risultati dai rapporti di affari del Cicerone col costruttore edile Santagata, residente a Capua. L'accusa di truffa è invece dipendente da una complicata storia di assegni a vuoto e cambiali con il commerciante romano di calzature Giuseppe Vincenzini. Risulta infine che Vincenzo Cicerone è stato anche denunciato da una ditta di Torino. Egli infatti venne incaricato da una società torinese di ottenere una sovvenzione dalla I.N.A. per un certo affare, previo compenso; Vincenzo Cicerone si fece rilasciare degli effetti in bianco. Il deputato non ottenne la sovvenzione dall'I.N.A., ma riempì ugualmente le cambiali riuscendo a scontarle presso una banca. Di qui la denuncia. »
      La vicenda che aveva portato alla catastrofe è invece raccontata in questo modo:
      
      « Qualche settimana fa il deputato chiedeva alla polizia di procedere contro il Sarno accusandolo di avergli estorto alcuni milioni nei corso di loro determinati rapporti, la cui natura per altro non fu meglio precisata. Tratto in arresto, il Sarno confessava di avere avuto effettivamente del denaro da Vincenzo Cicerone; ma dalle sue dichiarazioni emergevano anche, dopo un meticoloso controllo da parte della questura, vari reati compiuti dal deputato.
      Pochi mesi dopo aver conosciuto il Cicerone, Fausto Sarno diveniva suo segretario particolare e a spese del deputato poteva farsi confezionare da un notissimo sarto alla moda un completo guardaroba per la somma di oltre mezzo milione. Trascorsi alcuni mesi, i rapporti tra i due cominciarono a guastarsi. Il dramma doveva scoppiare la sera del 30 gennaio [sic], nella casa del deputato, in via Panama 110, ove per poco questi non veniva ucciso dai tre colpi di pistola sparatigli dal suo segretario. Il Sarno, infatti, recatosi a tarda ora in casa dell'amico gli chiedeva una forte somma di denaro. Al netto rifiuto del Cicerone, i due si coprivano di insulti e alla fine l'ex lottatore afferrata la pistola che il deputato teneva in casa sparò contro di lui tre colpi, che per fortuna non raggiunsero il segno.
      Il dissidio che ha provocato ora la &lt;&lt;rottura» definitiva fra il deputato e il suo segretario risale a pochi giorni addietro. Il Sarno, fidanzatosi con una bellissima ragazza, figlia di un noto commerciante romano, chiese di rinunciare al suo posto di segretario per essere libero da ogni impegno. Non riuscendo a convincere il giovane a desistere da questo suo proposito, Vincenzo Cicerone giuocò l'ultima carta avvicinando la fidanzata dell'amico e il padre di lei e giungendo perfino a minacciarli di morte. Di qui il reato di violenza privata. »
      Nonostante la revoca dell'immunità parlamentare fosse stata fin lì negata nel 90% dei casi, anche per reati ben più seri[8], lo scandalo omosessuale spinse la commissione parlamentare incaricata dell'autorizzazione a concederla addirittura all'unanimità, cosicché Cicerone fu processato e condannato.
      Egli fu inoltre ulteriormente accusato di millantato credito ed estorsione e falsificazione della firma di Umberto II di Savoia, per aver "venduto" titoli nobiliari, falsificando la firma dell'ex sovrano.
      
      Conseguenze dello scandalo
      
      Cicerone "sbattuto in prima pagina" su "Lo specchio", 29/1/1961.
      Oltre a vedersi stroncata la carriera politica, Cicerone divenne da quel momento bersaglio privilegiato degli strali moralistici ed omofobici dell'estrema destra italiana. Tale accanimento persecutorio non si spiega tanto con la circostanza delle sue relazioni omosessuali (di cui nessuno poteva essere all'oscuro quando Cicerone era deputato in quelle fila), quanto per essersi fatto scoprire per il "colpo di testa" della denuncia, gettando discredito sulla credibilità del moralismo delle destre italiane.
      
      Secondo Giò Stajano, Cicerone fu fatto bersaglio di pesanti pettegolezzi relativi a presunte orge organizzate a casa sua, alle quali il padrone di casa si sarebbe presentato vestito da geisha, ospitando fra gli altri la squadra di calcio della Roma. Nel 1951, dopo la retrocessione in serie B della squadra, sempre secondo il pettegolezzo di Stajano, i tifosi se la sarebbero presa con Cicerone, costringendolo a "cambiare aria" per qualche mese, rifugiandosi in America.
      
      Il 5 luglio 1963 Cicerone fu addirittura arrestato con l'accusa d'essere coinvolto nello scandalo dei Balletti verdi, rimanendo in carcere fino al 26 novembre dello stesso anno. A fronte di tale persecuzione non stupisce che i giornali abbiano registrato almeno due tentativi di suicidio dell'ex onorevole.
      public post_title -> string(87) "Giovanni Dall'Orto ha scritto la nuova pagina di Wikipink dedicata a Vincenzo Ci…"
      Giovanni Dall'Orto ha scritto la nuova pagina di Wikipink dedicata a Vincenzo Cicereone
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(78) "giovanni-dallorto-scritto-la-nuova-pagina-wikipink-dedicata-vincenzo-cicereone"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-28 10:12:10"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-28 08:12:10"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=153009"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152819
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-25 06:46:32"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-25 04:46:32"
      public post_content -> string UTF-8(2521) "<img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370525-vanilla.jpg…"
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370525-vanilla.jpg" alt="" width="729" height="391" class="alignnone size-full wp-image-152820" />
      
      <strong>28 ritratti raccontano la vita segreta delle coppie gay in epoca vittoriana </strong>
       
      L'epoca vittoriana ha segnato un grande cambiamento nella percezione e nella “cura del comportamento omosessuale. Prima del XIX secolo, la teoria imperante era che se non se ne fosse parlato sarebbe stato un comportamento destinato a scomparire da solo. La vita sessuale delle persone veniva considerata sostanzialmente un affare privato, per cui la gente solitamente non parlava di preferenze, stili o particolari delle proprie abitudini sotto le lenzuola. In Inghilterra, in particolare, veniva negata l'ipotesi dell'omosessualità, come se non esistessero gay all'ombra della corona
      Durante il XIX secolo si assistette ad una drammatica escalation di persecuzione contro gli omosessuali. La polizia fu impegnata attivamente nel perseguire un fenomeno che è proprio della natura stessa dell'essere umano. Ad ogni modo, le leggi non furono sempre applicate con rigore, l'importante era non creare degli scandali che finissero sui giornali.
      Lo scandalo più devastante fu proprio di uno dei più grandi letterati dell'800, Oscar Wilde, che venne condannato ai lavori forzati per la propria manifesta omosessualità, scontando 2 anni di lavori forzati che ne segneranno per sempre la vita e la produzione artistica. 
      
      In Inghilterra l'omosessualità sarà illegale, a causa del Buggery Act risalente all'anno 1533, sino al 1967, durante un periodo lungo ben 434 anni. Ii Buggery Act era una legge che puniva con una pena sino alla condanna a morte le persone che compivano atti sessuali non finalizzati alla procreazione (omosessualità ma anche zooerastia).
      Furono centinaia i condannati a morte per sodomia, mentre altri, tra cui Wild ma anche Alan Turing, eroe nazionale e genio inglese che codificò il codice enigma dei nazisti, saranno mandati in rovina dalle pene inflitte. Naturalmente, durante questo periodo non furono solo gli uomini a farsi ritrarre con i propri compagni, ed in questo articolo abbiamo raccontato la vita delle lesbiche in epoca vittoriana. 
      
      Nota bene due punti le immagini sono state tratte dalla galleria di vintage e mi ridai, e le didascalie sono state tradotte in modo letterale. L'effettiva omosessualità delle persone ritratte non è verificata o testimoniata in altro modo se non dalla presenza nella galleria della fonte.
      
      public post_title -> string(75) "28 ritratti raccontano la vita segreta delle coppie gay in epoca vittoriana"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(72) "28-ritratti-raccontano-la-vita-segreta-delle-coppie-gay-epoca-vittoriana"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-25 09:29:03"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-25 07:29:03"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152819"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152620
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-19 05:09:25"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-19 03:09:25"
      public post_content -> string UTF-8(1105) "Adelmo, mostra sull’omosessualità di Antonella Gilpi In occasione della tredices…"
      Adelmo, mostra sull’omosessualità
      
      di Antonella Gilpi
      
      In occasione della tredicesima Giornata Internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia (che si è celebrata ieri) , il Museo Diffuso della Resistenza presenta la mostra “Adelmo e gli altri. Confinati omosessuali nel Materano”.
      
      L’esposizione a ingresso libero dal 20 maggio al 17 giugno cerca di ricostruire le vicende dei confinati.
      
      Si tratta di storie inevitabilmente parziali, ricostruite soltanto sulla scorta delle carte di polizia e degli atti giudiziari nella consapevolezza che la vita delle persone a cui si riferiscono fu più complessa e, si spera serena, di quanto risulta da quella documentazione.
      
      Il racconto di queste vite distrutte e delle loro famiglie vuole essere un’ occasione per ricordare ciò che è stato, ma soprattutto un invito a non chiudere gli occhi di fronte a ciò che ancora oggi accade vicino a noi, ad esempio in Cecenia, e viene occultato con lo stesso sistema: negando l’esistenza dell’omosessualità.
      
      Info: mostra al Polo del ‘900-Palazzo Celso, tel.011.01120781, www.museodiffusotorino.it
      public post_title -> string UTF-8(33) "Adelmo, mostra sull’omosessualità"
      public post_excerpt -> string UTF-8(110) " il Museo Diffuso della Resistenza presenta la mostra “Adelmo e gli altri. Confi…"
       il Museo Diffuso della Resistenza presenta la mostra “Adelmo e gli altri. Confinati omosessuali nel Materano”
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(31) "adelmo-mostra-sullomosessualita"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-19 09:11:43"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-19 07:11:43"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152620"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151562
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-21 06:04:39"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-21 04:04:39"
      public post_content -> string UTF-8(17453) "Primo capitolo del libro: <a href="https://www.academia.edu/32385596/Tribadi_sod…"
      Primo capitolo del libro: <a href="https://www.academia.edu/32385596/Tribadi_sodomiti_invertite_e_invertiti_pederasti_femminelle_ermafroditi_per_una_storia_dellomosessualit%C3%A0_della_bisessualit%C3%A0_e_delle_trasgressioni_di_genere_in_Italia._U._Grassi_V._Lagioia_G.P._Romagnani_eds._Pisa_ETS_2017" target="_blank" rel="noopener noreferrer">Tribadi, sodomiti, invertite e invertiti, pederasti, femminelle, ermafroditi</a>… per una storia dell'omosessualità, della bisessualità e delle trasgressioni di genere in Italia. U. Grassi, V. Lagioia, G.P. Romagnani (eds.), Pisa, ETS, 2017
      
      <strong>Il primo convegno di Storia LGBTQI nel mondo accademico italiano</strong>
      
      Il primo convegno di “storia frocia” in Italia. Così nel discorso inaugurale Gian Paolo Romagnani, nel suo ruolo istituzionale di direttore del dipartimento di Culture e Civilità (al tempo TESIS), e Lorenzo Bernini, allora coordinatore scientifico del centro di ricerca PoliTeSse (Politiche e Teorie della Sessualità), hanno salutato il convegno <i>Tribadi, sodomiti, invertite e invertiti, pederasti, femminelle e ermafroditi </i>
      , tenutosi a Verona nel settembre del 2015. Una definizione non priva di problemi, dal momento in cui nella cultura italiana il termine “frocio”, a differenza dell’inglese “queer”, si riferisce esclusivamente all’omosessualità maschile, che è stata invece discussa, nel convegno e nei saggi contenuti in questo libro, accanto e al pari di una molteplicità di altre forme di “dissidenza” sessuale e di genere. Tuttavia, in mancanza di un termine inclusivo che sia al contempo altrettanto “sfacciato”, abbiamo voluto aprire questa raccolta di saggi, che delle giornate veronesi è il frutto, accogliendo questa provocazione. Provocazione necessaria, se si guarda allo stato del dibattito pubblico in Italia sui temi dell’omosessualità maschile e femminile e delle identità di genere non allineate. La recente legge che ha regolato in Italia le unioni civili rappresenta un passo avanti rispetto alla totale assenza di tutele normative, ma il suo tortuoso iter parlamentare, e il mancato riconoscimento del diritto all’adozione, testimoniano quanto sia ancora lungo il cammino da percorrere. Inoltre, la resistenza e le opposizioni feroci all’introduzione di programmi su omosessualità e identità di genere nelle scuole, e il minaccioso spauracchio di una non meglio identificata “ideologia del gender”, sbandierato da una pluralità di forze conservatrici (incluso l’attuale papa Bergoglio), sono la cartina di tornasole di un’opinione pubblica ancora dominata dalla paura. Paura che spesso si traduce in aggressività e violenza, di cui i soggetti “non allineati” al discorso dominante eterosessista fanno esperienza ogni giorno, riportando, soprattutto nel momento critico dell’adolescenza, ferite a volte irreparabili. L’assenza di un riconoscimento istituzionale delle ricerche storiche su omosessualità e identità di genere non convenzionali nelle Università italiane è dunque la punta dell’iceberg di un problema complesso che affonda le sue radici negli strascichi della cultura patriarcale e ipocritamente familista che ancora domina la società italiana. Questo libro rappresenta un primo tentativo organico di colmare questo vuoto. Esso è tuttavia, al contempo, la testimonianza di una forza vitale che non si è lasciata imbrigliare dalla resistenza istituzionale. Al di fuori dall’accademia, militanti gay, lesbiche, queer e trans (il movimento intersex è ancora sottorappresentato da questo punto di vista), così come insegnanti e professionisti della cultura non inquadrati in un contesto universitario, dagli anni Settanta a oggi in Italia hanno prodotto storia. Questa eredità di elaborazioni culturali e conoscenze è un patrimonio imprescindibile per chiunque si avvicini allo studio della sessualità dissidente.Il presente volume è il frutto di un percorso iniziato nel marzo del 2015, quando il Centro Interuniversitario di Storia Culturale e il centro di ricerca PoliTeSse organizzarono all’Università di Verona una giornata di studi in memoria di John Boswell, pioniere degli studi storici sull’omosessualità e autore del celeberrimo Cristianesimo, tolleranza, omosessualità. Io ero tra i relatori, insieme a Vincenzo Lagioia (cocuratore del presente volume) e Tommaso Scaramella (autore di uno dei saggi). Lorenzo Bernini e Fernanda Alfieri (Fondazione Bruno Kessler, Istituto Storico ItaloGermanico, Trento) erano i discussants. Giovanni Dall’Orto, storico e militante omosessuale, era presente all’evento, e ha animato il dibattito con le sue competenze e le sue critiche. Al termine della giornata, non priva di confiitti, la vitalità di questo campo di ricerca è tuttavia emersa con forza, incoraggiando Fernanda, Lorenzo, Giovanni e me a lanciare un progetto più ambizioso: un bilancio complessivo sullo stato dell’arte della materia e un’occasione di dibattito e confronto per tutti coloro che, accademici e non, si occupassero, o si fossero occupati, di storia delle identità sessuali e di genere non allineate in Italia. Volevamo creare un coordinamento tra il mondo accademico e la storia militante, e tra coloro che avevano fino ad allora portato avanti le loro ricerche nei dipartimenti italiani, spesso nell’isolamento, in molti casi come laureandi e dottorandi. Il progetto conteneva in nuce un certo margine di ambiguità. Avremmo dovuto privilegiare gli studi incentrati sull’Italia o compiuti in Italiafi La seconda definizione apparve la più discutibile, escludendo a priori il prezioso contributo di storici non inseriti nel nostro contesto accademico. La prima si impose dunque come la risposta meno imperfetta all’esigenza di fondo che ci aveva spinti a promuovere l’evento: agire in maniera incisiva su un contesto specifico, quello italiano, caratterizzato, sotto questo aspetto, da una forte arretratezza culturale.Il risultato ha fortunatamente superato le nostre aspettative. I due giorni sono stati intensi e animati da dibattiti, anche accesi, in cui si sono espressi non solo la passione per lo studio, ma anche l’investimento emotivo e umano nei confronti dei temi trattati. Ci tengo a ricordare che l’evento è stato segnato dal lutto: il suicidio, pochi giorni prima dell’inizio dei lavori, di uno dei più attivi partecipanti, tra il pubblico, alla giornata di studi su Boswell da cui il nostro percorso aveva avuto inizio.Non è possibile rendere conto in questa sede della complessità delle discussioni collettive che hanno animato le due giornate veronesi. Uno dei principali oggetti del contendere è stato il ruolo e l’infiuenza delle teorie queer negli studi storici. Abbiamo voluto che questa complessità si rifiettesse nei saggi pubblicati qui a seguire, evitando di imporre un cappello ideologico e metodologico prescrittivo alla varietà di posizioni emerse durante l’evento. Il presente volume si apre con il saggio di Marc Schachter, dedicato ai commentari quattrocenteschi di alcuni passi di Giovenale e Marziale su lesbismo e tribadismo. Il saggio evidenzia, attraverso un’analisi minuziosa, il ruolo rilevante di quest’epoca di transizione nella trasmissione e nel riadattamento di termini e concetti provenienti dal mondo classico. Schachter chiarisce la genesi del quadro concettuale all’interno del quale il desiderio lesbico è stato interpretato nell’epoca moderna, confermando, in linea con studi recenti, quanto l’omoerotismo femminile, sebbene meno perseguito di quello maschile, sia stato oggetto di una considerevole produzione discorsiva. Sempre incentrato sul dominio delle parole il contributo di Silvia Manzi, che analizza il ruolo delle traduziodi rigida riorganizzazione disciplinare del clero e della società cattolica, le autorità ecclesiastiche a livello periferico approfittarono talvolta dei margini di interpretazione lasciati dalla traduzione dal latino al volgare per aggirare la stretta repressiva imposta dal papato sulla morale sessuale.La seconda sezione del libro,
      Follie della natura tre Sei e Settecento, si apre con il contributo di Vincenzo Lagioia, che propone un’analisi erudita e circostanziata delle biografie di uno degli ultimi Medici, Gian Gastone, passato alla storia come dissoluto e vizioso amante di ragazzi. Benché l’incrocio dei documenti sembri confermare le voci sulla sua omosessualità, le tinte fosche con cui la personalità del principe era stata dipinta appaiono ora decisamente più sfumate. Affiancando la principale fonte di questa “leggenda nera”, la
      Vita di Gian Gastone, ad altre testimonianze, Lagioia rivela come le accuse di immoralità fossero usate strumentalmente per screditare un sovrano il cui governo, per la sua liberalità, aveva scontentato molti. Alessia Lirosi ha analizzato le accuse di irregolarità sessuale contro le monache del monastero di Santa Maria Maddalena di Roma. La centralità degli ordini religiosi femminili nella storia dell’omoerotismo femminile è stata già rivelata da ricerche più o meno recenti. Il saggio di Lirosi incrocia questo tema con quello, anch’esso rilevante, della prostituzione femminile: il monastero della Maddalena era infatti abitato da ex meretrici, confermando come l’associazione tra prostituzione e lesbismo, caratteristica della criminologia ottocentesca, affondasse le sue radici in un passato molto più antico nella ricezione dei provvedimenti disciplinari prodotti dalla curia papale nel tempo della Controriforma. Il saggio rivela come, in un momento di rigida riorganizzazione disciplinare del clero e della società cattolica, le autorità ecclesiastiche a livello periferico appro?tta-rono talvolta dei margini di interpretazione lasciati dalla tradu-zione dal latino al volgare per aggirare la stretta repressiva imposta dal papato sulla morale sessuale.La seconda sezione del libro, Follie della natura tre Sei e Settecento , si apre con il contributo di Vincenzo Lagioia, che propone un’analisi erudita e circostanziata delle biografie di uno degli ultimi Medici, Gian Gastone, passato alla storia come dissoluto e vizioso amante di ragazzi. Benché l’incrocio dei documenti sembri confermare le voci sulla sua omosessualità, le tinte fosche con cui la personalità del principe era stata dipinta appaiono ora de-cisamente più sfumate. Affrancando la principale fonte di questa “leggenda nera”, la Vita di Gian Gastone, ad altre testimonianze, Lagioia rivela come le accuse di immoralità fossero usate stru-mentalmente per screditare un sovrano il cui governo, per la sua liberalità, aveva scontentato molti. Alessia Lirosi ha analizzato le accuse di irregolarità sessuale contro le monache del monastero di Santa Maria Maddalena di Roma. La centralità degli ordini religiosi femminili nella sto-ria dell’omoerotismo femminile è stata già rivelata da ricerche più o meno recenti. Il saggio di Lirosi incrocia questo tema con quello, anch’esso rilevante, della prostituzione femminile: il monastero della Maddalena era infatti abitato da ex meretrici, confermando come l’associazione tra prostituzione e lesbismo, caratteristica della criminologia ottocentesca, affondasse le sue radici in un passato molto più antico.
      
      Le “voci libertine fuori dall’accademia” a cui Tommaso Scaramella ha dato nuova voce sono quelle dei processati dall’Inquisizione veneziana in epoca moderna. Scaramella rivela le connessioni tra le sofisticate posizioni delle accademie, come quella degli Incogniti (nella cui cerchia è maturato uno dei testi più scandalosamente espliciti mai scritti in lode della sodomia, L’ Alcibiade Fanciullo a Scola di Antonio Rocco) e le proposizioni ereticali perseguite dai tribunali della fede, rivelando la trasversalità sociale della circolazione delle idee eterodosse nella Venezia dell’epoca moderna. La sezione sulla seconda età moderna si chiude con il contributo di Clorinda Donato. La studiosa rivela aspetti inediti della produzione di Giovanni Bianchi, autore della Storia di Caterina, recentemente studiata da Marzio Barbagli. Il trattato medico rese celebre la vicenda di una fanciulla che nel Settecento visse per anni in abiti da uomo, prima di unire uccisa a causa delle sue frequenti avventure omoerotiche. L’omosessualità non era un tema isolato negli scritti dello scienziato settecentesco. Il discorso da lui compiuto nel 1719 in occasione di un incontro dell’Accademia dei Difettuosi, analizzato da Donato, è infatti una celebrazione esplicita dell’amore tra uomini e del poliamorismo. La sezione dedicata al passaggio tra l’Otto e il Novecento si apre con lo studio di Charlotte Ross sulle relazioni tra letteratura medica e narrativa a tematica lesbica. Interessata all’«intreccio discorsivo intertestuale», Ross si sofferma su un filone poco studiato, quello dell’«erotismo pseudoscientifico», genere letterario imbevuto di discorsi medici patologizzanti, ispirato da A. Rocco, L’ Alcibiade fanciullo a scola, a cura di L. Coci, Salerno Editrice, Roma 2003 curiosità morbose, ma anche da velati intenti celebrativi nei confronti delle trasgressioni sessuali.L’ambiguo ruolo giocato dal discorso medico è al centro anche del capitolo di Maria Pasotti su un celebre caso di ermafroditismo di fine Ottocento. Virginia Mauri, alias Zefthe Akaira, giocò con le categorie mediche che le erano imposte, sfruttando con spregiudicatezza lo stigma e la «risignificazione esotica»
      del suo corpo per costruire la propria celebrità.Sulla scia di un percorso di studi iniziato da Goretti e Giartosio, Marco Reglia si concentra invece sulle fonti di polizia nel territorio della Venezia Giulia, tra dominio austriaco e regime fascista. Oltre a fornire interessanti spunti di rifiessione sui differenti meccanismi di controllo nei due regimi politici, l’autore riporta alla luce, attraverso le fonti, una ricca sociabilità omosessuale, da cui emergono testimonianze di relazioni affettivosentimentali tra uomini e tra donne che trascendono l’interesse esclusivo nei confronti della sessualità su cui i documenti polizieschi coevi sono spesso esclusivamente centrati.Il saggio di Dario Petrosino sull’Italia della DC apre la sezione conclusiva, dedicata al secondo dopoguerra e all’Italia contemporanea. Petrosino va ben al di là dall’aneddotica e dalla storia del costume, contestualizzando, con una chiave di lettura inedita, il controllo dell’omosessualità nel quadro della politica internazionale postbellica. Il saggio rivela come la repressione delle trasgressioni sessuali in Italia sia stato massicciamente infiuenzato da organizzazioni internazionali come l’Interpol. La persecuzione ai danni degli omosessuali italiani era dunque un corollario delle politiche di alleanza internazionale con il fronte statunitense, dalla svolta maccartista in poi, in un percorso circolare di sessualizzazione dell’opposizione politica e di criminalizzazione della dissidenza sessuale.Nello stesso arco cronologico, seppure con una conclusione anticipata agli anni settanta, Mauro Giori analizza cinema, censura e critica cinematografica. L’autore ricostruisce «una storia di scontri culturali», dove il cinema è parte dell’arena politica sia «come strumento di propaganda» sia come «sostenitore, avversatore o mediatore degli scontri». Nella sua parte conclusiva, il saggio va oltre la storia delle rappresentazioni, abbracciando le pratiche sociali, ricordando come le sale cinematografiche siano state un luogo privilegiato di incontro e scambio sessuale per gli omosessuali maschi vissuti nell’Italia del secondo dopoguerra.Massimo Prearo analizza infine il movimento omosessuale italiano tra la fondazione del FUORI (Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano) negli anni Settanta, e la nascita dell’Arcigay nel decennio successivo. Con accuratezza storica, e con grande acume politico, Prearo indaga le complesse dinamiche che portarono al proliferare di collettivi e organizzazioni in cui l’elitarismo dei modelli rivoluzionari radicali della prima militanza gay era messo in discussione, senza tuttavia cadere nella trappola della teleologia quando analizza la necessità espressa dai movimenti di passare a forme di organizzazione e azione più strutturate. L’autore restituisce l’originalità e il fermento di questo momento storico senza considerare uno sbocco inevitabile, né a fini polemici né a fini celebrativi, la successiva istituzionalizzazione delle politiche dell’Arcigay.Il volume ripercorre poi, con un’intervista a Porpora Marcasciano, presidente del MIT (Movimento Italiano Transessuale), quattro decenni di storia dei movimenti prima omosessuali e poi trans italiani, per chiudersi con una rifiessione sui rapporti tra fede e sessualità nell’Italia contemporanea che si snoda tra storia dei gruppi cristiani omosessuali e rifiessioni teologiche queer.Senza alcuna pretesa di esaustività, questa raccolta di saggi fotografa il fermento degli studi storici incentrati sulle sessualità dissidenti e le identità di genere non allineate in Italia. La molteplicità dei tagli interpretativi spazia dall’analisi solologica allo studio della storia sociale, dalla politica internazionale alla storia del cinema e della letteratura, dalla storia della medicina a quella della filosofia, dalla storia dei movimenti a quella della repressione. Lungi dal rivendicare diritti corporativi, la storia dell’omosessualità, della bisessualità, dell’intersessualità e delle trasgressioni di genere conferma la sua validità come indispensabile strumento critico di interpretazione della storia e dei complessi rapporti di forza che la strutturano...
      public post_title -> string(64) "Il primo convegno di Storia LGBTQI nel mondo accademico italiano"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "primo-convegno-storia-lgbtqi-nel-mondo-accademico-italiano"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-21 10:08:12"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-21 08:08:12"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151562"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151112
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-07 07:30:05"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-07 05:30:05"
      public post_content -> string UTF-8(10027) "<strong>La tecnologia svela gli abbracci gay nei calchi di Pompei</strong> di Al…"
      <strong>La tecnologia svela gli abbracci gay nei calchi di Pompei</strong>
      
      di Alessandra Arachi
      
      Sembra più di un semplice abbraccio, il loro. A vederli così — con il gesso che nel 1863 li rese calchi grazie alla perizia del soprintendente Giuseppe Fiorelli — sembrano un’immagine rubata all ’A rs amand i di Ovidio. Ma sono due uomini. In questa posa li colse a Pompei l’eruzione del Vesuvio, nel 79 dopo Cristo. E in questa posa arrivano a noi nella Casa del Criptoportico, cristallizzati in un abbraccio decisamente erotico che però soltanto adesso si scopre essere omosessuale.
      
      Perché soltanto adesso sui resti umani rinvenuti nel corso dei secoli negli Scavi di Pompei si stanno eseguendole analisi raffinate, a cominciare dal Dna e anche dalla Tac. Fino ad ora, invece, si era andati avanti a braccio, a intuito, si scrutavano le fattezze e le altezze, si immaginava la vita nelle Domus, si ipotizzavano sesso ed età. E, a volte, si sbagliava.
      
      «Infatti nel 1913, quando il soprintendente di Pompei era l’archeologo Vittorio Spinazzola, quei calchi nella casa del Criptoportico erano stati denominati Le due fanciulle », racconta Massimo Osanna, attuale soprintendente degli Scavi, patrimonio dell’Umanità. E spiega: «Anche queste analisi del Dna e della Tac fanno parte del Grande Progetto Pompei, oltre al restauro delle Domus e la messa in sicurezza degli Scavi. Sono analisi molto raffinate che vengono svolte in un laboratorio specializzato a Firenze e che ci forniscono un mucchio di informazioni sulla vita delle persone di Pompei prima dell’eruzione del Vesuvio: oltre al sesso, anche l’età, lo stato sociale, le malattie».
      
      Sono stati catalogati circa 90 di quei resti che l’intuizione dell’archeologo Fiorelli trasformò in calchi perché fece colare il gesso nei vuoti lasciati dalla carne in decomposizione. «L’idea è di farli analizzare tutti quanti e fino adesso ne abbiamo fatti esaminare circa una decina», dice ancora il soprintendente Osanna, prima di svelare un’altra scoperta che potrebbe gettare una luce assai innovativa sulla vita pompeiana.
      
      Una scoperta che riguarda una Domus che negli Scavi è meno famosa e meno centrale della Casa del Criptoportico — che è nella Regio I — ma molto più lussuosa, e infatti si chiama la Casa del Bracciale d’oro per via di un amuleto d’oro — la bulla — rinvenuto sul petto di un bimbo.
      
      Spiega Massimo Osanna: «In questa Domus sono stati rinvenuti tre calchi, ce n’è uno con un bimbo in braccio e vicino a loro un uomo. Senza analisi del Dna e senza dubbio si era delineata la scena di un quadretto familiare: i tre, infatti, stanno uscendo dalla casa».
      
      Ma anche in questo caso, la realtà non è quella che è sembrata finora: «Abbiamo scoperto che è un uomo che tiene in braccio il bambino con la bulla d’oro. E un uomo è la figura che sta vicino a loro in procinto di uscire dalla casa», garantisce il soprintendente Osanna, anche lui un po’ stupito. Come se nella vita pompeiana del 79 dopo Cristo le famiglie arcobaleno fossero all’ordine del giorno come le unioni civili.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da Corriere del Mezzogiorno
      
      <strong>«Gli amanti», l’abbraccio gay di 2000 anni fa </strong>
      
      di Vincenzo Esposito
      Quando Vittorio Spinazzola vide il calco di quei due corpi intrecciati, appena ritrovati nella casa del Criptoportico di Pompei non ebbe dubbi. Un uomo e una donna, abbracciati insieme nell’ultimo istante di vita. E un amore grande, immenso, che fa affrontare insieme la morte, anche la più terribile. Qualcuno li battezzò «Gli amanti». Era il 1922, l’alba dell’Italia fascista, maschia e virile.
      
      <strong>«Gli amanti » e la scoperta del Dna «A Pompei un abbraccio omosex»</strong>
      La rivelazione del soprintendente Osanna dopo i test scientifici
      
      SEGUE DALLA PRIMA
      Un anno dopo, Spinazzola, archeologo e reggente degli Scavi, venne mandato via perché le sue simpatie non erano proprio indirizzate verso Mussolini. «Gli amanti» invece rimasero lì, con alterne fortune, raramente mostrati agli uomini. Ma, nell’immaginario, rimasero il calco più affascinante della storia di Pompei. Simbolo dell’amore e della passione. Per decenni i calchi sono rimasti chiusi nei depositi e non sono mai stati studiati. Per una «Pietas cristiana», perché come spiegò Massimo Osanna nel 2015, «hanno sempre rappresentato corpi di persone morte e non reperti archeologici». Era di maggio, qualche giorno prima della mostra «Rapiti alla morte» prevista nella grande Piramide di legno allestita nell’arena dell’Anfiteatro. Una data storica, non solo per l’esposizione. Quei gessi che nascondevano ossa, fibre di vestiti, fibie, e oggetti comuni che normalmente indossavano i pompeiani del 79 dopo Cristo, potevano essere studiati. Tac, esami del Dna, spettroscopie e quanto di più sofisticato possa donare la moderna medicina. Per uomini e donne di duemila anni prima.
      
      Alcuni calchi vennero addirittura curati con delle flebo perché stavano cedendo al tempo. Per assurdo i più giovani, quelli degli anni Sessanta e Settanta del Novecento. Era stato utilizzato gesso scadente. Meglio, molto meglio quelli di Giuseppe Fiorelli, l’uomo che inventò i calchi nel 1863. Ma i suoi erano intatti per il materiale di altissima qualità utilizzato. Ovviamente la mostra avrebbe riportato davanti agli occhi della gente «Gli amanti». Ma Osanna, con grande rigore scientifico, riportò la verità a cui lo stesso Spinazzola credeva. Non si trattava di un uomo e una donna ma di due donne. Forse una mamma con la figlia. L’amore «rapito alla morte» non era la passione di due amanti ma quello filiale di una madre che con l’ultimo disperato abbraccio tenta di salvare la figlia.
      
      Ieri l’ultimo colpo di scena. Ed è sempre il soprintendente Massimo Osanna ad aggiornare le «puntate» sulla fiction «vesuviana». «Pompei - ha detto a margine di un convegno - non finisce mai di stupire. Si è sempre immaginato che fosse un abbraccio fra donne. Ma Tac e Dna hanno rivelato che sono uomini». E non padre e figlio. Perché si tratta, per la scienza, di due ragazzi di 18 e 20 anni. Quindi ecco la terza verità sull’amore «rapito alla morte».
      
      «Non si può dire - spiega Osanna - che i due personaggi fossero amanti. Ma considerata la loro posizione, si può ipotizzare. È difficile però averne la certezza».
      
      Infatti le analisi hanno evidenziato in maniera matematica che il diciottenne è di sesso maschile, e che con molta probabilità lo è anche il ventenne. Ma su quest’ultimo non c’è certezza perché il Dna, dopo duemila anni, è molto rovinato. L’unica cosa che resiste al tempo è il loro amore.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.notizie.it/pompei-dna-abbraccio-gay-calco-casa/">Notizie.it</a>
      
      <img class="alignnone size-full wp-image-151124" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/04/370407-pompei.jpg" alt="" width="678" height="381" />
      
      <strong>Pompei, Dna rivela forse abbraccio gay nel calco di una casa</strong>
      
      Alessandra Boga
      
      Agli Scavi di Pompei è stato scoperto grazie alla Tac e alla prova del Dna che il calco della cosiddetta Casa del Criptoportico, rivenuto nel 1914 dall'archeologo Vittorio Spinazzola e che sembrava rappresentare una abbraccio tra due donne, in realtà lo rappresenterebbe tra due uomini. Più che un abbraccio, si vede una figura con la testa contro il grembo di un altra in un atteggiamento che sembra intimo, ma grazie ad esami antropologici, morfologici e di ricostruzione dl Dna attraverso campioni di un dente e di ossa – precedentemente puliti e polverizzati –, è certo che i personaggi rappresentati siano due uomini. Si pensa ad uno di oltre 20 anni e di uno di circa 18, ma non è stato possibile se vi fosse una parentela tra i due. La rivelazione è stata fatta durante un convegno dal Prof. Massimo Osanna, direttore generale della Soprintendenza per i beni archeologici di Pompei.
      
      La scoperta
      
      Gli Scavi di Pompei riservano sempre moltissime sorprese. L’ultima è che nel calco della cosiddetta Casa del Criptoportico, scoperto nel 1914 dall’archeologo Vittorio Spinazzola, si trova quello che è stato definito un possibile “abbraccio omosessuale” tra due uomini: lo hanno stabilito la prova del Dna e la Tac. L’annuncio è arrivato durante un convegno da parte del Prof. Massimo Osanna, direttore generale della Soprintendenza per i beni archeologici della rinomata località storica. Egli ha sottolineato che quelle erano sempre state considerate figure di donne, ma ora si è scoperto che non lo sono affatto. Si ipotizza che fossero due uomini morti in atteggiamenti intimi – in realtà non abbracciati, bensì l’uno con la testa contro il petto dell’altro – ma non si può averne la certezza.
      
      Gli studi
      
      Studi antropologici sulla conformazione ossea e le caratteristiche morfologiche dei due personaggi hanno dimostrato che si tratta di un adulto di oltre 20 anni e di un giovane che ne aveva circa 18. La prova del Dna invece – con la ricostruzione della sequenza attraverso campioni prelevati da un dente ed ossa, dopo che sono stati puliti e polverizzati – ha portato alla scoperta che la figura più giovane era certamente quella un uomo e forse anche l’altra. Tuttavia in questo caso non si può dirlo con certezza, poiché l’immagine è stata più danneggiata nel tempo. Si sperava anche di scoprire il vincolo di parentela tra i due soggetti – per linea materna –, ma ciò non è stato possibile.
      
      Chi era Vittorio Spinazzola
      
      Vittorio Spinazzola (Matera, 2 aprile 1863 – Roma, 13 aprile 1943), lo scopritore del misterioso calco, nel 1898 era stato designato curatore del Museo nazionale di San Martino di Napoli, incarico che mantenne fino al 1910, quando divenne direttore del Museo archeologico nazionale della città, e nel 1911 Soprintendente agli scavi e ai musei della Campania e del Molise.
      Intanto, dal 1903 al 1907, aveva insegnato archeologia all’Università di Napoli. L’incarico di Soprintendente degli scavi gli consentì di dirigere quelli di Pompei, cosa che fece fino al 1923, quando fu costretto lasciare perché si opponeva al fascismo.
      public post_title -> string(57) "La tecnologia svela gli abbracci gay nei calchi di Pompei"
      public post_excerpt -> string UTF-8(122) "Come se nella vita pompeiana del 79 dopo Cristo le famiglie arcobaleno fossero a…"
      Come se nella vita pompeiana del 79 dopo Cristo le famiglie arcobaleno fossero all’ordine del giorno come le unioni civili
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(54) "la-tecnologia-svela-gli-abbracci-gay-nei-calchi-pompei"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-07 09:06:42"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-07 07:06:42"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151112"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151080
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-06 06:47:26"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-06 04:47:26"
      public post_content -> string UTF-8(1903) "<img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/04/370406-movimento-g…"
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/04/370406-movimento-gay.jpg" alt="" width="541" height="279" class="alignnone size-full wp-image-151081" />
      
      <strong>Storia dei movimenti di liberazione omosessuale in Italia</strong>
      
      Michela Ponzani analizza contesto storico e quadro sociale nel quale avviene il riconoscimento dei diritti civili per la comunità Lesbo, Gay, Bisessuale e Transgender
      
      Grazie ai movimenti di liberazione omosessuale, dal 2016 l’Italia ha una legge per le unioni civili delle coppie omosessuali. Ultima tra le 6 nazioni fondatrici dell’Unione Europea, sono stati necessari oltre 40 anni per riconoscere i diritti civili di cittadini che, nei primi anni ‘70 del ‘900, hanno iniziato a rivendicare con orgoglio la propria esistenza e il diritto a vivere la propria identità sessuale.
      La storia dei movimenti di liberazione omosessuale in Italia è al centro della nuova puntata de “Il Tempo e la Storia”, programma tv di Rai Cultura in onda oggi in tv giovedì 6 aprile alle 13.15 su Rai3 e stasera in tv alle 20.30 su Rai Storia.
      Michela Ponzani e la professoressa Maya De Leo analizzano il contesto storico politico italiano dagli anni ’50 fino a oggi, per delineare il quadro sociale nel quale avviene il riconoscimento dei diritti civili per la comunità Lesbo, Gay, Bisessuale e Transgender, acronimo iniziato a circolare negli anni ’90.
      I movimenti di liberazione LGBT in Italia hanno lentamente acquisito una coscienza politica e hanno lottato per superare i pregiudizi, la repressione giudiziaria e l’esclusione sociale.
      Testimoni di questi movimenti sono l’ex deputata Vladimr Luxuria, organizzatrice, tra gli altri, del primo Gay Pride nazionale nel 1994, e Marilena Grassadonia, presidente dell’associazione Famiglie Arcobaleno che conduce la battaglia politica e culturale per il riconoscimento legislativo delle famiglie omosessuali con figli.
      public post_title -> string(57) "Storia dei movimenti di liberazione omosessuale in Italia"
      public post_excerpt -> string UTF-8(235) "La storia dei movimenti di liberazione omosessuale in Italia è al centro della n…"
      La storia dei movimenti di liberazione omosessuale in Italia è al centro della nuova puntata de “Il Tempo e la Storia”, programma di Rai Cultura in onda oggi giovedì 6 aprile alle 13.15 su Rai3 e stasera in tv alle 20.30 su Rai Storia.
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(51) "storia-dei-movimenti-liberazione-omosessuale-italia"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-06 09:32:44"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-06 07:32:44"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151080"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151083
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-06 06:44:21"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-06 04:44:21"
      public post_content -> string UTF-8(44474) "<img class="alignnone wp-image-151084" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/…"
      <img class="alignnone  wp-image-151084" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/04/370406-sodoma-e-gomorra.jpg" alt="" width="759" height="485" />
      
      <strong>La storia dell'omosessualità nell'Italia moderna: un bilancio</strong>
      
      di Tommaso Scaramella
      
      Indice dell'articolo:
      
      Premessa
      Sessualità e storia
      Foucault e il dibattito teorico-metodologico
      Gli studi sui crimini sessuali e le fonti moderne
      Le potenzialità dell’approccio culturale
      Bibliografia
      
      <strong>Premessa </strong>
      
      L’impressione che potrebbe avere, a prima vista, chi studia la storia moderna è che in Italia la storia dell’omosessualità non esista. Malgrado questa sensazione, è innegabile che negli ultimi anni la produzione storiografica sul tema abbia registrato anche nel nostro paese un visibile incremento di articoli, monografie e traduzioni di opere straniere. Per citare solo alcuni lavori recenti, i lettori italiani possono oggi approfondire Il nemico dell’uomo nuovo. L’omosessualità nell’esperimento totalitario fascista [Benadusi 2005]; sfogliare Fuori della norma. Storie lesbiche nell’Italia della prima metà del Novecento [Miletti, Passerini 2007]; e leggere Quando eravamo froci. Gli omosessuali nell’Italia di una volta [Pini 2011]. Tuttavia, questa pur grossolana selezione è indicativa dell’orientamento seguito dagli studi storici sull’omosessualità: dopo il periodo classico [Cantarella 1988], l’epoca maggiormente frequentata sembra essere quella contemporanea, rispetto alla moderna.
      
      Che il settore contemporaneo rappresenti oggi una sorta di laboratorio teorico-metodologico per la storia dell’omosessualità lo conferma il crescendo di articoli pubblicati sul periodo. Confronti a più voci sono stati ospitati dalla rivista «Contemporanea», dove per esempio si è indagato il rapporto tra Sessualità e storia [Betta 2011]; si è tracciato un primo bilancio multidisciplinare sullo stato degli Studi LGBTIQ in Italia [Scarmoncin 2012a]; e nel forum Gli storici e Michel Foucault [Betta, Capuzzo, Sorba 2014] si è riflettuto sulla ricezione italiana delle opere di un intellettuale che molto contributo ha dato alla storia della sessualità. Si prenda poi il numero monografico di «Genesis», la rivista della Società Italiana delle Storiche (ossia l’ambiente culturale che più attivamente ha promosso nel mondo accademico italiano la ricerca storica su donne, genere, sessualità e omosessualità) intitolato alle Culture della sessualità [Asquer 2012]. È indicativo di questa generale tendenza che per espressa scelta editoriale il periodo approfondito sia stato quello contemporaneo, con l’emergere nel Novecento – secolo della “liberazione sessuale” e dei movimenti LGBT [1] – di una sessualità altra rispetto all’Antico Regime.
      
      Nonostante le recenti incursioni sul contemporaneo, però, la storia dell’omosessualità non può contare su una lunga tradizione storiografica. Fatta eccezione per la recente pubblicazione di Tutta un’altra storia. L’omosessualità dall’antichità al secondo dopoguerra dello storico e attivista Giovanni Dall’Orto – autore peraltro assai critico verso gli studi accademici post-foucaultiani che definisce «invenzionisti» [Dall’Orto 2015] – manca tutt’oggi, come già rilevava Lorenzo Benadusi alcuni anni fa [Benadusi 2007], una storia organica dell’omosessualità di lungo corso, “dal basso” e sociale, che metta al centro i soggetti protagonisti, discostandosi dal mero approccio penale, sull’esempio delle storie sviluppate con la lente del genere o del queer dalle storiografie franco-anglo-americane negli ultimi trent’anni [Pustianaz 1999; Connell 2002]. A fronte di studi storici condotti oggi anche da una nuova generazione di ricercatrici e ricercatori, e da studiose e studiosi esterni al circuito accademico (un bilancio positivo sul tema è stato stilato al convegno organizzato il 21-22 settembre 2015 presso l’Università di Verona dal Centro di ricerca PoliTeSse e dal Centro Interuniversitario di Storia culturale: Tribadi, sodomiti, intertite/i, pederasti, femminelle, ermafroditi… Per una storia dell’omosessualità, della bisessualità e delle trasgressioni di genere in Italia), quello che sembra venir meno nell’ambiente italiano è forse la consapevolezza istituzionale. In questa sede mi propongo di individuare le principali questioni aperte della materia, ragionando sulle difficoltà “ambientali”, sull’avanzamento del dibattito teorico-metodologico e sulla qualità (e quantità) delle fonti moderne. Di seguito, dopo aver presentato una possibile sintesi degli studi sull’Italia moderna, che non ha la pretesa dell’esaustività ma di rappresentare complessivamente più approcci, guarderò alle potenzialità fornite dal cultural turn alla ricerca storica sull’omosessualità.
      
      <strong>Sessualità e storia </strong>
      
      La storia dell’omosessualità è un settore di ricerca giovane, nato negli Stati Uniti tra la fine degli anni Sessanta e i Settanta del Novecento insieme ai movimenti di liberazione omosessuale. Sono gli anni degli scontri allo Stonewall Inn, il gay bar del Greenwich Village di Manhattan, a New York, dove nella notte del 27 giugno 1969 l’ennesima retata della polizia ai danni dei frequentatori del locale dà avvio alle lotte di rivendicazione omosessuale [2]. Al grido di «noi siamo ovunque», la storia dell’omosessualità nasce inizialmente – anche se non esclusivamente: vari tentativi la precedono [Norton 2005] – come storia militante, autoprodotta dagli stessi attivisti allo scopo di dar voce a un passato fino allora taciuto [3]. Lo storico medievista John Boswell la definì «minority history»: una storia frutto dello sforzo di recuperare le tracce di gruppi prima trascurati o esclusi dalla storiografia tradizionale [Boswell 1989]. Fu con la pubblicazione del suo Christianity, Social Tolerance and Homosexuality [Boswell 1980] che il tema dell’omosessualità entrò ufficialmente tra gli interessi della storiografia anglo-americana, mentre nel successivo decennio 1980-90 si assistette a una progressiva accoglienza della materia all’interno dell’istituzione accademica. Nel 1983, ad Amsterdam fu organizzata la prima conferenza internazionale di studi sull’omosessualità, seguita dall’Università di Harvard. Nel 1987, Boswell fu tra i fondatori del Lesbian and Gay Studies Center dell’Università di Yale, mentre nel 1989, il City College di San Francisco istituì il primo dipartimento di Gay and Lesbian Studies degli Stati Uniti.
      
      Un confronto con l’Italia è difficile da realizzare. Più in generale, nel nostro paese sono le questioni di genere ad aver registrato un certo ritardo rispetto alla situazione internazionale, nonostante, per esempio, il genere sia posto espressamente tra gli obiettivi formativi delle classi di laurea triennale in Storia e magistrale in Scienze storiche. Una ricerca condotta dall’Associazione Italiana di Sociologia ha rilevato che nell’anno accademico 2011/2012 solo sedici atenei pubblici su cinquantasette (il 28%) offrivano un insegnamento riconducibile agli studi di genere; e che l’87% dei corsi orientati al genere era stato tenuto da docenti donne [Antonelli, Sarra, Sorrentino 2013]. Analizzando i dati, i relatori hanno commentato alla stampa: «dal report si evince chiaramente la mancanza di studi principalmente incentrati sui generi altri e sul panorama dell’omosessualità come realtà sociale e politica» [4].
      
      A determinare il ritardo italiano hanno contribuito diversi fattori, compresa una tradizionale ritrosia (che non è solo italiana) a parlare pubblicamente di sessualità, sino a farne l’oggetto di uno studio accademico. Nell’Introduzione di Sexuality in World History, lo storico americano Peter Stearns riporta alcune obiezioni che vengono spesso contrapposte allo studio della sessualità nella storia [Stearns 2009, 1-7]. La prima definisce la sessualità «un argomento frivolo, non degno di attenzione storica se paragonato alle vicende realmente importanti della società umana nel passato». Le vicende meritevoli di studio cui Stearns allude sono la politica, la diplomazia, le idee e l’economia, ossia quella cultura “alta” protagonista indiscussa di molti libri di storia. Da quando però gli storici hanno cominciato a occuparsi anche di sessualità è sempre più difficile dare credito a questo tipo di obiezioni. Che la sessualità sia un argomento “frivolo”, giudicato “disgustoso” o “inadatto a un pubblico di studenti”, pare ormai un’opinione da confinare alla sfera dei gusti personali. Di sessualità, nel corso dei secoli, si sono occupate le leggi degli stati, le dottrine delle religioni, i trattati delle scienze, le opere dei letterati. E intorno alla sessualità gli uomini e le donne di ieri e di oggi hanno costruito codici morali, norme comportamentali, ansie, tabù, che sono mutevoli e che dipendono dal contesto culturale cui appartengono.
      
      <strong>Foucault e il dibattito teorico-metodologico </strong>
      
      Accanto alle difficoltà di tipo “ambientale”, ci sono dei problemi dettati dalla materia stessa. Si tratta, infatti, di un campo di ricerca complesso, multidisciplinare, dai confini non pacificati, dall’evidente valenza politica, aperto all’apporto di studiosi militanti esterni all’accademia, e in costante e veloce riformulazione [Scarmoncin 2012b, 691-5; Rizzo 2006a]. Per l’Età moderna, poi, si aggiungono almeno altri due ordini di problemi: in primo luogo, il mancato avvio di un necessario dibattito teorico-metodologico sul tema, com’è avvenuto all’estero e come si è registrato, da ultimo, per il periodo contemporaneo; in secondo luogo, la qualità delle fonti moderne fa spostare inevitabilmente l’attenzione sull’aspetto repressivo, a scapito delle pur presenti implicazioni culturali.
      
      Quanto al piano teorico-metodologico, una delle questioni da sempre più dibattute ha riguardato la difficoltà nel definire per l’Età pre-contemporanea la categoria stessa di omosessualità, ossia il nesso per il passato tra atti sessuali e identità. Da Michel Foucault in poi, la cesura paradigmatica tra la sodomia – intesa come il peccato/reato perseguito durante l’Età moderna, il mero atto sessuale – e l’omosessualità nella sua accezione corrente è stata spesso oggetto di riflessioni, critiche e ripensamenti. È lecito pensare storicamente la categoria di omosessualità? Essa è sovrapponibile al concetto giuridico-morale moderno di sodomia? A tali domande hanno risposto due scuole di pensiero: da un lato, la posizione “costruzionista”, che lavora sulla costruzione culturale della categoria di omosessualità; e dall’altro lato quella “essenzialista”, che invece ne rivendica l’essenza naturale, innata, e dunque metastorica.
      
      Gli storici e gli studiosi della sessualità si sono a lungo confrontati con la periodizzazione proposta da Foucault nel primo volume della Storia della sessualità - La volontà di sapere [Foucault 1976]. Il filosofo francese indica nel 1869-70 l’«origine» della categoria «psicologica, psichiatrica e medica» dell’omosessualità, con la concettualizzazione dell’inversione sessuale espressa in Die Konträre Sexualempfindung dallo psichiatra tedesco Karl Friedrich Westphal. In realtà, la nozione assunta da Westphal non indicava già la categoria omosessuale in sé, ma l’inversione del maschile e del femminile poi distinta, con la differenziazione tra sesso, genere e orientamento sessuale, in omosessualità e transessualità [Bernini 2010, 17-23]. Il neologismo homosexualität (omosessualità) comparve per la prima volta nel 1869, in lingua tedesca, in un pamphlet dello scrittore e attivista ungherese Karl-Maria Kertbeny insieme al suo antonimo heterosexualität (eterosessualità). Riconoscere con Foucault che l’omosessuale, smessi i panni del «relapso» sodomita, «appare» sulla scena occidentale solo nel XIX secolo facendosi «personaggio» – «con un passato, una storia, e un’infanzia, un carattere, una forma di vita; una morfologia anche, con un’anatomia indiscreta e forse una fisiologia misteriosa» [Foucault 1976, 42-43] – ha portato alcuni critici a interpretare questo passaggio come la possibile negazione di un’esperienza omosessuale pre-ottocentesca. Il dibattito che ne è scaturito partiva da una decisiva questione di fondo: dichiarare la “costruzione” discorsiva della categoria di omosessualità nella storia del pensiero occidentale porta conseguentemente a disconoscere la cifra naturale e immanente del desiderio omosessuale? Di contro, già nell’Introduzione al secondo volume della Storia della sessualità, Foucault precisava di non guardare tanto ai comportamenti sessuali o alle idee «attraverso le quali questi comportamenti sono stati rappresentati», quanto piuttosto alla genesi dei saperi sulla sessualità:
      
      Si trattava, insomma, di vedere come si fosse costituita, nelle società occidentali moderne, “un’esperienza” per cui gli individui hanno dovuto riconoscersi come soggetti di una “sessualità”, “un’esperienza” che tocca campi di conoscenza molto diversi e che si articola in base a un sistema di regole e di costrizioni [Foucault 1984, 9-10].
      Gli studi sui crimini sessuali e le fonti moderne
      
      L’attenzione al contesto culturale porta con sé un secondo ordine di problemi interni alla materia: la qualità delle fonti. Se per il periodo contemporaneo – quando cioè la categoria di omosessualità comincia a farsi immediatamente riconoscibile – i documenti sono più numerosi ed eterogenei (dalle fonti giudiziarie alle fotografie, dalle opere letterarie alle rappresentazioni teatrali, dalla corrispondenza privata agli ego-documenti, dagli articoli di giornale ai film e ai nuovi media), per l’Età moderna prevalgono le fonti penali sulla sodomia, al cui studio si sono finora concentrate in modo perlopiù esclusivo le ricerche sull’Italia.
      
      Le indagini sul reato di sodomia hanno riguardato maggiormente due realtà politico-sociali, Firenze e Venezia, durante il periodo rinascimentale. Se ne trova riscontro nella sintesi compilativa di Romano Canosa, Storia di una grande paura. La sodomia a Firenze e a Venezia nel Quattrocento [Canosa 1991], e più in generale nella digressione storica contenuta nello studio sociologico Omosessuali moderni. Gay e lesbiche in Italia [Barbagli, Colombo 2001, 227-284]. Gli studi di Guido Ruggiero [1985] e Patricia Labalme [1984] sul Quattrocento veneziano, e di Michael Rocke sul Rinascimento fiorentino [Rocke 1987; 1996] sembrano evidenziare una netta predominanza, presso gli archivi criminali moderni, della pederastia maschile. Oltre a tale modello, le statistiche registrano campioni di sodomia eterosessuale, spesso compiuta all’interno dei legami matrimoniali, e un numero generalmente elevato di religiosi coinvolti in abusi su minori, classificati anch’essi con l’etichetta di sodomia. Numericamente marginali paiono, nelle fonti criminali, i rapporti paritari tra persone dello stesso sesso, nonché quasi del tutto invisibile è l’omosessualità femminile [De Leo 2007; Lupo 1998; Danna 1994]. Quest’ultimo aspetto solleva ulteriori riflessioni. Alla complessità “ambientale” e costitutiva degli studi sull’omosessualità moderna bisogna aggiungere la difficoltà normativa propria dei rapporti sessuali fra donne. Esaminando i discorsi di teologi e giuristi, Fernanda Alfieri osserva che la rarità dei casi processuali attinenti all’omosessualità femminile doveva essere proporzionale, in una certa misura, alla mitezza di giudizio cui la stessa era sottoposta: nella visione maschile e fallocratica della sessualità, i rapporti tra donne risultavano spesso materialmente inconcepibili [Alfieri 2012]. Lo rileva anche Marzio Barbagli in Storia di Caterina [Barbagli 2014], interpretando in senso omosessuale ed eteronormativo un caso – non così raro [Alfieri 2011] – di travestimento settecentesco con abiti maschili.
      
      Queste pur brevi osservazioni sintetizzano i principali problemi legati all’utilizzo delle fonti penali per una storia moderna dell’omosessualità. In primo luogo, lo squilibrio in favore dei casi violenti. I fascicoli processuali, infatti, ospitano anzitutto quei casi dove una vittima o una persona informata sui fatti denunciava di aver subìto un abuso: un minore, un suo familiare, un barbiere-chirurgo che ne aveva medicato le ferite, una moglie nei confronti del marito, etc. Secondo questa logica, difficilmente le relazioni paritarie e consenzienti tra persone dello stesso sesso sarebbero potute comparire nelle statistiche criminali, data la complicità e l’intimità di tali rapporti. A questo proposito, Claudio Povolo [2004] riporta l’efficace espressione di «crimini senza vittime», utilizzata per descrivere la tipologia di reati della sfera privata – sodomia, prostituzione – per loro natura difficili da comprovare in sede giudiziaria. In secondo luogo, è stato osservato come negli archivi criminali si trovi più propriamente la storia della giustizia criminale, piuttosto che la storia sociale: per riempire i fascicoli di un tribunale – notava Sbriccoli [1988] – conta di più una giustizia efficiente che una società trasgressiva. E dove i documenti riportano le testimonianze dei protagonisti, non si dovrà dimenticare che le parole trascritte hanno comunque subìto la mediazione e il condizionamento dei magistrati: l’imputato avrà pensato anzitutto a scagionarsi, a scapito di confessare la verità. In terzo luogo, bisogna considerare la complessità giuridica della sodomia. Peccato e insieme reato, già qualificato con l’eresia e il crimine di lesa maestà fin dal tardo Medioevo come nefandus, “indicibile”, il delitto di sodomia apparteneva a quei crimini “misti”, propri delle società confessionali, per i quali la separazione normativa tra morale e diritto era molto sfumata. Così, se la competenza penale del reato fu mantenuta ovunque dall’autorità secolare, accadeva altresì che confessori, vescovi e inquisitori se ne occupassero a livello di coscienza o di foro esterno, anche sollevando eccezioni di giurisdizione a tutela di imputati religiosi [Mancino, Romeo 2013]. Quanto all’Inquisizione romana, a differenza di quella iberica, essa non fu mai coinvolta nella condanna materiale della sodomia, anche se quest’ultima poteva destare le domande degli inquisitori quando costituiva sospetto di errore ereticale [Scaramella 2010; Caffiero 2010; Canosa 1994]. Riflettendo sul tentativo del Sant’Uffizio d’interpretare il reato «contro natura» come un crimine ereticale, Vincenzo Lavenia [2009] propone un’analisi del progressivo spostamento dell’azione inquisitoriale verso le parole, più che gli atti. Se ne ricava un intreccio di poteri complesso, non ancora del tutto chiarito dalle ricerche, sul quale lo stesso Lavenia ritorna all’interno di un recente volume, curato da Umberto Grassi e Giuseppe Marcocci [2015], che lancia nuove sfide alla ricerca storica sull’omosessualità verso uno studio comparativo, interdisciplinare e geopolitico della diffusione delle pratiche omoerotiche tra mondo islamico e cristiano.
      
      Dalle ricerche italiane emerge che solo tre Stati cittadini avevano istituito a partire dal Quattrocento un’apposita magistratura che si occupasse del controllo della sodomia: Venezia, Firenze e Lucca. Nel 1418, il Consiglio di Dieci veneziano creò al suo interno lo specifico Collegium contro i sodomiti, esautorando la magistratura dei Signori da notte che fino ad allora aveva vigilato sul reato. Qualche anno più tardi, nel 1432, seguì l’istituzione a Firenze degli Ufficiali di Notte, probabilmente su modello veneziano. La recente pubblicazione del lavoro di Umberto Grassi [2014] sulla magistratura lucchese dell’Offizio sopra l’onestà, i cui componenti si riunirono per la prima volta nel 1448, permette oggi di leggerne i tratti comuni, a partire dalla generale diffusione quattrocentesca della «grande paura» per le pratiche antiriproduttive. Era proprio l’aspetto procreativo a preoccupare i governanti: da un lato, perché in un periodo di ricorrenti crisi demografiche la sodomia separava il desiderio sessuale dal vincolo matrimoniale della procreazione, agitando così lo spettro della fine del mondo; dall’altro lato, perché nessun altro peccato aveva scatenato l’ira divina sul destino di un’intera società. Calamità naturali, sconfitte militari e crisi economiche erano spesso spiegate come la diretta conseguenza di comportamenti sociali immorali e licenziosi, cui porre rimedio con il disciplinamento collettivo [Pelaja, Scaraffia 2008; Davidson 1994]. Alla paura quattro-cinquecentesca, che culminerà con il disciplinamento morale post-tridentino, corrispose generalmente una progressiva mitigazione delle pene a partire dal Settecento, quando «si punisce la devianza estrema, manifestata apertamente, ma si diviene molto più tolleranti nei confronti dei comportamenti illeciti, ma non esercitati apertamente» [Povolo 2004, 8]. Sul versante veneziano, tale tendenza è confermata dalle statistiche processuali ricavate presso i registri del Consiglio di Dieci cinquecenteschi [Scarabello 1980] e seicenteschi [Martini 1988; Davidson 2002].
      
      È una periodizzazione, questa, che si ritrova grossomodo invariata anche nelle ricerche condotte altrove, negli archivi delle altre realtà urbane della penisola. A Brescia due casi tra gli altri hanno attirato l’attenzione degli studiosi: Francesco Calcagno [Dall’Orto 1993] e Giuseppe Beccarelli [Faini 2003], entrambi religiosi e condannati per sodomia su minori, il primo nel 1550, il secondo nel 1711. Il modello pederastico è poi riscontrato nei processi istruiti dal Tribunale criminale di Bologna tra il 1593 e il 1620, dove risultarono imputati soprattutto religiosi regolari [Zuccarello 2000]. Sulla seconda metà del Seicento bolognese si concentra l’analisi proposta da Cesarina Casanova in Crimini nascosti [Casanova 2007], dove vengono esaminati i reati attinenti alla sfera delle relazioni private, tra cui la sodomia. L’Introduzione offre tra l’altro un’ampia riflessione metodologica sull’utilizzo delle fonti penali nella storia sociale. Un successivo intervento di Casanova sul tema della Sanzione penale dei crimini nefandi ha insistito, a partire dal caso bolognese, sulla rarità di procedimenti contro adulti consenzienti, ricavandone che «fosse proprio il reciproco accordo a tenerli nascosti ai giudici» [Casanova 2012, 34]. La conferma giunge anche dai risultati raccolti da Nicola Pizzolato presso l’archivio della Corte arcivescovile di Monreale, dove si osserva che la sodomia acquista rilevanza penale «solo nel momento in cui oltrepassa i limiti di un comportamento riprovato sì, ma entro i limiti del socialmente accettabile, nient’affatto sovvertitore dell’ordine morale, sociale e naturale della comunità, come voleva la dottrina» [Pizzolato 2006, 450].
      
      Le ricerche su Roma hanno restituito delle rilevanti peculiarità. Tracce in senso identitario sono state studiate da Giuseppe Marcocci [2010] partendo da un passo del Journal du Voiage en Italie (1580-1) di Michel de Montaigne, nel quale l’intellettuale francese annotava di una confraternita maschile composta da «certi portoghesi» che solevano celebrare fra loro matrimoni omosessuali nella basilica romana di San Giovanni a Porta Latina. Il ritrovamento nel fondo del Tribunale criminale del Governatore di alcuni frammenti superstiti del relativo processo per sodomia celebrato nel 1578 consente a Marcocci di tracciare una più ampia analisi di quei riti, che portarono alla condanna al rogo di otto dei protagonisti. In quegli stessi anni, nel 1591, l’Inquisizione scoprì a Napoli un’analoga accademia di «frati, chierici, giovani e giovanissimi», dove si officiavano unioni omosessuali secondo il rito religioso con tanto di prammatica [Romeo 2008, 107-111]. Una situazione altrettanto variegata è emersa a Roma nel successivo periodo barocco. Accanto ai rapporti pederastici connotati dalla violenza, le ricerche presso il fondo del Tribunale del Governatore mostrano come la sodomia fosse pratica diffusa tra pari, adolescenti poveri e marginali, nelle bande giovanili romane [Baldassari 2005]. Una ricognizione speculare, infine, effettuata sui procedimenti settecenteschi del Sant’Uffizio romano, ha portato Massimo Cattaneo a constatare
      
      una più lunga permanenza in Italia di diffusi comportamenti di tipo pederastico, e un più lento manifestarsi su ampia scala di rapporti omosessuali di tipo “moderno”, vale a dire caratterizzati da una più marcata e specifica identità e dall’emergere di rapporti sessuali meno gerarchici, non più segnati da imposizione e violenza e anzi in cui emergono dinamiche affettive o addirittura stabili rapporti di coppia [Cattaneo 2006, 75].
      Studi condotti su fonti non processuali, però, come ricorda lo stesso Cattaneo, restituiscono forme diversificate di omoerotismo, e di lungo corso, anche per la realtà italiana [Conoscenti 2009; Giannetti 2007; Pucci 2007].
      
      <strong>Le potenzialità dell’approccio culturale </strong>
      
      Nel 1976, Natalie Zemon Davis esprimeva la necessità di occuparsi, oltre che dei soggetti femminili, anche dei sessi e dei ruoli sessuali per capire «quali significati avessero e in che modo funzionassero come strumenti per mantenere l’ordine sociale o per promuoverne il cambiamento» [Zemon Davis 1976, 90]. In un periodo non a caso fertile per la storia della sessualità – l’uscita del primo volume di Foucault risale allo stesso anno – la storica americana anticipava ciò che anche in storiografia avrebbe preso la forma degli studi di genere. L’allargamento del campo di ricerca dei women’s studies verso il genere, impiegato secondo la fortunata definizione di Joan Wallach Scott [2013] come «un’utile categoria di analisi storica», ha portato gli storici a moltiplicare le possibilità d’indagine sul passato, a partire dalla problematizzazione della differenza sessuale, fino all’ultimo interesse per l’accezione plurale della mascolinità [5]. Uno degli aspetti più interessanti di questo sviluppo epistemologico è rappresentato dalla riflessione sull’influenza del punto di vista dell’osservatore. Negli ultimi trent’anni, ha osservato Peter Burke, «le storiche femministe non si sono solo preoccupate di garantire “visibilità” alle donne, ma anche di scrivere sul passato da un punto di vista femminile». Gli storici, insomma, «sono divenuti sempre più consapevoli del fatto che persone diverse possono vedere uno “stesso” evento o una “stessa” struttura da prospettive molto differenti» [Burke 2008, 107]. Così è accaduto con lo studio dei popoli decolonizzati; nato inizialmente dall’urgenza di pensare una storia postcoloniale, il settore di ricerca si è poi sviluppato nella direzione delle classi subalterne, riservando un’attenzione sempre maggiore alle rivendicazioni e al punto di vista dei vinti. Così è accaduto con il genere, che ha fatto emergere – come nota Sandro Bellassai presentando il suo studio sulla mascolinità – un «sistema complesso entro il quale differenti “versioni” [6] si contrastano, si alleano, si escludono l’un l’altra; […] lungi dall’essere strettamente vincolata alle fondamenta biologiche della specie, la mascolinità, come la femminilità, è un prodotto culturale: in quanto tale, conosce evoluzioni, conflitti e negoziazioni» [Bellassai 2004, 28]. Tale pluralità di voci a partire dal genere si coglie anche dai risultati di alcuni recenti confronti accademici. È il caso, per esempio, del convegno Genere e Storia: percorsi organizzato presso l’ateneo bolognese, che ha richiamato intorno al genere studiose/i dell’Età moderna e contemporanea, spaziando dai ruoli femminili alla storia della criminalità, dalle rappresentazioni dei sessi alla storia «invisibile» della mascolinità e dell’omosessualità [Casanova, Lagioia 2014]; o, ancora, del congresso della Società Italiana delle Storiche Nuove frontiere per la Storia di genere, che ha posto l’attenzione sui confini interdisciplinari e geopolitici del genere come «strumento utile a una riscrittura della storia di donne e uomini negli aspetti sociali e culturali come in quelli economici e politici», in un’ottica non più limitata «ai soli soggetti femminili ma aperta alla men’s history e agli studi LGBTQ» [Guidi, Pelizzari 2013].
      
      Il post-strutturalismo e l’apporto filosofico di Foucault alla storia della sessualità, dal canto loro, hanno contribuito in modo decisivo a problematizzare i paradigmi culturali che invece apparivano oggettivi e metastorici [Hunt 2010]. Le categorie sociali, comprese quelle sessuali ritenute immutabili, hanno cominciato così a mostrarsi flessibili e fluide all’occhio degli osservatori contemporanei. Gli storici e gli antropologi che si occupano dell’India non danno più per scontata la categoria “casta”, considerandola invece una costruzione sociale che ha una storia, una storia politica non dissociabile da quella dell’Imperialismo. […] Anche “classe”, che una volta sia i marxisti sia i non marxisti – pur differendo certo nel modo di interpretarla – accettavano come categoria sociale oggettiva, oggi viene vista sempre di più come un costrutto, culturale, storico o discorsivo. […] Le femministe hanno costantemente invitato gli storici, e gli altri, a considerare il “genere” in questa stessa prospettiva [Burke 2008, 113].
      Nel caso della sessualità, non si è trattato di sostituire acriticamente il dato culturale a quello biologico. Gli studi sul genere hanno evidenziato, piuttosto, che i corpi biologici non sono sufficienti a indicare da soli una definizione certa, univoca, condivisa e stabile nel tempo delle identità, dei ruoli e degli orientamenti sessuali. Sesso e genere, maschile e femminile, vengono studiati anche in quanto ruoli sociali acquisiti in base a un copione che varia nelle diverse culture e subculture e che viene assimilato per la prima volta sulle ginocchia della madre – o del padre – per quanto poi possa certo essere modificato, in seguito, per l’effetto dei compagni di scuola, dei manuali di buone maniere, di una congerie di istituzioni come scuole, tribunali e fabbriche. I copioni contengono indicazioni sulla postura, sul modo di gestire, sulla lingua e sugli abiti, senza parlare delle forme del comportamento sessuale [Burke 2008, 114].
      Con i suoi «punti di forza e di debolezza» [Burke 2012] e nonostante i suoi ritardi italiani [Arcangeli 2010; 2011; 2012], negli ultimi anni la storia culturale ha dato voce a una varietà di argomenti sempre crescente, orientati anche da interessi nuovi come la percezione sensoriale, le emozioni, il corpo e la virilità. Sembra esserci posto per la storia dell’omosessualità. Una storia che possa anche esimersi dal rispondere all’interrogativo se nel passato le persone omosessuali abbiano costituito un gruppo sociale a sé stante e immediatamente riconoscibile da noi osservatori contemporanei. Scrivere la storia, notava Lynn Hunt, «è intrinsecamente provvisorio; facciamo del nostro meglio con le prove che riusciamo a scoprire sapendo al contempo che a nostra disposizione non abbiamo che tracce del passato» [Hunt 2010]. Ricercare le forme e le possibilità di significato attribuite alla sessualità e all’attrazione tra persone dello stesso sesso, a partire da un’imprescindibile contestualizzazione delle tracce rinvenute, pare un buon punto di partenza: più che uno studio biografico, una storia della cultura e del contesto, delle norme e delle trasgressioni, delle retoriche e delle rappresentazioni.
      
      A commento delle diverse reazioni suscitate dalla pubblicazione del suo libro, qualche anno prima di andarsene, John Boswell tornava sulla questione dell’identità omosessuale. Il suo libro era stato classificato come uno studio “essenzialista”, ma Boswell chiariva: «Definirei “persone gay” più semplicemente quelle persone il cui interesse erotico è diretto in modo predominante verso il proprio genere (cioè senza considerare quanto esse siano coscienti di tale tratto distintivo) [7]. In questo senso, – concludeva lo storico americano – sostengo ancora che ci fossero “persone gay” nella maggior parte delle società occidentali del passato. Non mi è chiaro se questa sia una posizione “essenzialista”. […] Ero e rimango agnostico a proposito delle origini e dell’eziologia della sessualità umana» [Boswell 1989, 27]. Nel bel mezzo di un articolato dibattito “sull’origine” storica dell’identità omosessuale, si direbbe quest’ultima un’osservazione dalla quale ripartire.
      
      <strong>Bibliografia </strong>
      
      Alfieri F. 2011, «Sub ficto habitu virili». Identità, finzione e matrimonio fra le carte del Sant’Uffizio, in Ciappelli G., Luzzi S., Rospocher M. (eds.) 2011, Famiglia e religione in Europa nell’Età moderna, Roma: Edizioni di Storia e Letteratura, 161-173.
      ― 2012, Impossibili unioni di uguali. L’amore fra donne nel discorso teologico e giuridico (secoli XVI-XVIII), «Dimensioni e problemi della ricerca storica», II: 105-125.
      Antonelli F., Sarra G., Sorrentino R. 2013, Il sesso mancante nell’università italiana, «In Genere», 88, &lt;http://www.ingenere.it/articoli/il-sesso-mancante-nelluniversit-italiana&gt;
      Arcangeli A. 2010, La storia culturale in Italia, in Poirrier P. (ed.) 2010, La storia culturale: una svolta nella storiografia mondiale?, Verona: QuiEdit, 162-182.
      ― 2011, Cultural History in Italy, in Rogge J. (ed.) 2011, Cultural History in Europe. Institutions, Themes, Perspectives, Bielefeld: Transcript, 239-255.
      ― 2012, Il volto bifronte della storia culturale, «Memoria e Ricerca», XL (2): 11-22.
      Arru A. (ed.) 2001, La costruzione dell’identità maschile nell’età moderna e contemporanea, Roma: Biblink.
      Asquer E. (ed.) 2012, Culture della sessualità. Identità, esperienze, contesti, «Genesis», XI (1/2).
      Baldassari M. 2005, Bande giovanili e «vizio nefando». Violenza e sessualità nella Roma barocca, Roma: Viella.
      Barbagli M. 2014, Storia di Caterina. Che per ott’anni vestì abiti da uomo, Bologna: Il Mulino.
      Barbagli M., Colombo A. 2001, Omosessuali moderni. Gay e lesbiche in Italia, Bologna: Il Mulino.
      Barilli G. R. 1999, Il movimento gay in Italia, Milano: Feltrinelli.
      Bellassai S. 2004, La mascolinità contemporanea, Roma: Carocci.
      Bellassai S., Malatesta M. (eds.) 2000, Genere e mascolinità. Uno sguardo storico, Roma: Bulzoni.
      Benadusi L. 2005, Il nemico dell’uomo nuovo. L’omosessualità nell’esperimento totalitario fascista, Milano: Feltrinelli.
      ― 2007, La storia dell’omosessualità maschile: linee di tendenza, spunti di riflessione e prospettive di ricerca, «Rivista di sessuologia», XXXI (1): 21-35.
      Bernini L. 2010, Maschio e femmina Dio li creò!? Una critica transmodernista del binarismo sessuale, Milano: Il dito e la luna.
      Betta E. (ed.) 2011, Sessualità e storia, «Contemporanea», XIV (4): 701-743.
      Betta E., Capuzzo P., Sorba C. (eds.) 2014, Gli storici e Michel Foucault, «Contemporanea», XVII (2): 285-322.
      Bini E. 2013, Gli spazi del margine. Storia della sessualità e studi LGBTIQ in una prospettiva interdisciplinare, «La camera blu. Rivista di studi di genere», IX (9), &lt;http://www.tema.unina.it/index.php/camerablu/article/view/1978/1953&gt;
      Boswell J. 1980, Christianity, Social Tolerance and Homosexuality, Gay People in Western Europe from the Beginning of the Christian Era to the Fourteenth Century, Chicago-London: The University of Chicago Press (trad. it. 1989, Cristianesimo, tolleranza, omosessualità. La Chiesa e gli omosessuali dalle origini al XIV secolo, Milano: Leonardo).
      ― 1989, Revolutions, Universals, and Sexual Categories, in Duberman M., Vicinus M., Chauncey G. (eds.) 1989, Hidden from History: Reclaiming the Gay and Lesbian Past, New York: Meridian, 1-33.
      Burke P. 2008, What is Cultural History?, Cambridge: Polity Press (trad. it. 2009, La storia culturale, Bologna: Il Mulino).
      ― 2012, Strengths and Weakness of Cultural History, «Cultural History», I (1): 1-13.
      Caffiero M. 2010, Roma, in Prosperi A. (eds.) 2010, Dizionario Storico dell’Inquisizione, vol. 3, Pisa: Edizioni della Normale, 1337-1340.
      Canosa R. 1991, Storia di una grande paura. La sodomia a Firenze e Venezia nel Quattrocento, Milano: Feltrinelli.
      ― 1994, Sessualità e Inquisizione in Italia tra Cinquecento e Seicento, Roma: Sapere 2000.
      Cantarella E. 1988, Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico, Roma: BUR.
      Casanova C. 2007, Crimini nascosti. La sanzione penale dei reati «senza vittima» e nelle relazioni private (Bologna, XVII secolo), Bologna: CLUEB.
      ― 2012, Meglio non dire che punire: la sanzione penale dei crimini nefandi, in Lagioia V. (ed.) 2012, Storie di invisibili, marginali ed esclusi, Bologna: Bononia University Press, 33-42.
      Casanova C., Lagioia V. (eds.) 2014, Genere e Storia: percorsi, Bologna: Bononia University Press.
      Cattaneo M. 2006, «Vitio nefando» e Inquisizione romana, in Formica M., Postigliola A. (eds.) 2006, Diversità e minoranze nel Settecento, Roma: Edizioni di Storia e Letteratura, 55-77.
      Connell R. W. 2002, Gender, Cambridge: Polity Press (trad. it. 2006, Questioni di genere, Bologna: Il Mulino).
      Conoscenti D. 2009, Boccaccio, Dante e l’omosessualità nella cultura del Trecento, «Allegoria», LIX: 27-41.
      Dall’Orto G. 1993, Adora più presto un bel putto, che Domendio. Il processo a un libertino omosessuale: Francesco Calcagno (1550), «Sodoma», VI (5): 43-55.
      ― 2015, Tutta un’altra storia. L’omosessualità dall’antichità al secondo dopoguerra, Milano: Il Saggiatore.
      Danna D. 1994, Amiche, compagne, amanti. Storia dell’amore tra donne, Milano: Mondadori.
      Davidson N. S. 1994, Theology, Nature and the Law: Sexual Sin and Sexual Crime in Italy from the Fourteenth to the Seventeenth Century, in Dean T., Lowe K. J. P. (eds.) 1994, Crime, Society and the Law in Renaissance Italy, Cambridge: Cambridge University Press, 74-98.
      ― 2002, Sodomy in Early Modern Venice, in Betteridge T. (ed.) 2002, Sodomy in Early Modern Europe, Manchester: Manchester University Press, 65-81.
      De Leo M. 2003, Omosessualità e studi storici, «Storica», XXVII: 27-60.
      ― 2007, «Una parola scritta con l’inchiostro invisibile». Per una storia della storiografia sull’omosessualità femminile, «Genesis», VI (1): 225-243.
      D’Emilio J. 1991, La storia gay: un nuovo settore di ricerca, «Rivista di storia contemporanea», XX (1): 88-105.
      Faini M. 2003, Eresia e società nella Brescia del primo Settecento. La vicenda di Giuseppe Beccarelli, «Studi Veneziani», XLVI: 141-183.
      Foucault M. 1976, Histoire de la sexualité. La volonté de savoir, Paris: Gallimard (trad. it. 1978, La volontà di sapere, Milano: Feltrinelli).
      ― 1984, Histoire de la sexualité. L’usage des plaisirs, Paris: Gallimard (trad. it. 1984, L’uso dei piaceri, Milano: Feltrinelli).
      Giannetti L. 2007, Devianza di gender nella commedia e nella cultura del cinquecento italiano, «Acta Histriae», XV (2): 399-414.
      Grassi U. 2014, L’Offizio sopra l’onestà. Il controllo della sodomia nella Lucca del Cinquecento, Milano: Mimesis.
      Grassi U., Marcocci G. 2015 (eds.), Le trasgressioni della carne. Il desiderio omosessuale nel mondo islamico e cristiano (secc. XII-XX), Roma: Viella.
      Guidi L., Pelizzari M. R. (eds.) 2013, Nuove frontiere per la Storia di genere, 3 voll., Salerno: Collana scientifica dell’Università di Salerno.
      Hunt L. 2010, La storia culturale nell’età globale, Pisa: ETS.
      Labalme P. 1984, Sodomy and Venetian Justice in the Renaissance, «The Legal History Review», LII (3): 217-254.
      Lavenia V. 2009, Indicibili mores. Crimini contro natura e tribunali della fede in Età moderna, «Cristianesimo nella Storia», XXX (3): 513-541.
      Lauritsen J., Thorstad D. 1976, Il primo movimento per i diritti degli omosessuali (1864-1935), in Lauritsen J. et al. (eds.) 1976, Gay Gay: storia e coscienza omosessuale, Milano: La Salamandra.
      Lupo P. 1998, Lo specchio incrinato. Storia e immagine dell’omosessualità femminile, Venezia: Marsilio.
      Mancino M., Romeo G. 2013, Clero criminale. L’onore della Chiesa e i delitti degli ecclesiastici nell’Italia della Controriforma, Roma-Bari: Laterza.
      Marcocci G. 2010, Matrimoni omosessuali nella Roma del tardo Cinquecento. Su un passo del «Journal» di Montaigne, «Quaderni storici», CXXXIII (1): 107-137.
      Martini G. 1988, Il «vitio nefando» nella Venezia del Seicento. Aspetti sociali e repressione di giustizia, Roma: Jouvence.
      Miletti N., Passerini L. (eds.) 2007, Fuori dalla norma. Storie lesbiche nell’Italia della prima metà del Novecento, Torino: Rosemberg &amp; Sellier.
      Norton R. 2005, Early Gay Historians, &lt;http://rictornorton.co.uk/earlygay.htm&gt;
      Pelaja M., Scaraffia L. 2008, Due in una carne. Chiesa e sessualità nella storia, Roma-Bari: Laterza.
      Pini A. 2011, Quando eravamo froci. Gli omosessuali nell’Italia di una volta, Milano: Il Saggiatore.
      Pizzolato N. 2006, «Lo diavolo mi ingannao». La sodomia nelle campagne siciliane (1572-1664), «Quaderni storici», CXXII (2): 449-480.
      Povolo C. 2004, La vittima nello scenario del processo penale. Dai crimini senza vittime all’irruzione della vittima nel dibattito sociale e politico, «Acta Histriae», XII (1): I-XIV.
      Prearo M. 2015, La fabbrica dell’orgoglio. Una genealogia dei movimenti LGBT, Pisa: ETS.
      Pucci P. 2007, Tra atto sessuale e marchio d’identità: aspetti della sodomia in alcune novelle dal XIV al XVI secolo, «Rivista di letteratura italiana», XXV (2): 25-39.
      Pustianaz M. 1999, The «white hole» of gay studies in Italy, &lt;http://old.www.gay-web.de/fluss/konferenz/pustianaz.html&gt;
      Rizzo D. (ed.) 2006a, Omosapiens. Studi e ricerche sugli orientamenti sessuali, Roma: Carocci.
      ― 2006b, Public Spheres and Gay Politics since the Second World War, in R. Aldrich (ed.) 2006, Gay life and culture. A world history, London: Thames&amp;Hudson, 198-221 (trad. it. 2007, Vita e cultura gay, Venezia: Cicero edizioni).
      Rocke M. 1987, Il controllo dell’omosessualità a Firenze nel XV secolo: gli Ufficiali di notte, «Quaderni storici», LXVI (3): 701-723.
      ― 1996, Forbidden Friendships. Homosexuality and Male Culture in Renaissance Florence, New York-Oxford: Oxford University Press.
      Romeo G. 2008, Amori proibiti. I concubini tra Chiesa e Inquisizione, Roma-Bari: Laterza, 107-111.
      Ruggiero G. 1985, The Boundaries of Eros: Sex Crime and Sexuality in Renaissance Venice, New York-Oxford: Oxford University Press (trad. it. 1988, I confini dell’eros. Crimini sessuali e sessualità nella Venezia del Rinascimento, Venezia: Marsilio).
      Sbriccoli M. 1988, Fonti giudiziarie e fonti giuridiche. Riflessioni sulla fase attuale degli studi di storia del crimine e della giustizia criminale, «Studi storici», XXIX (1): 491-501.
      Scarabello G. 1980, Devianza sessuale e interventi di giustizia a Venezia nella prima metà del XVI secolo, in Tiziano a Venezia. Atti del convegno di studi, Vicenza: Neri Pozza Editore, 75-84.
      Scaramella P. 2010, Sodomia, in Prosperi A. (ed.) 2010, Dizionario Storico dell’Inquisizione, vol. 3, Pisa: Edizioni della Normale, 1445-1450.
      Scarmoncin L. (ed.) 2012a, Gli studi LGBTIQ in Italia. Uno sguardo multidisciplinare, «Contemporanea», XV (4): 691-724.
      ― 2012b, Studi LGBTIQ, politica e cultura in Italia, in Scarmoncin L. (ed.) 2012, Gli studi LGBTIQ in Italia. Uno sguardo multidisciplinare, «Contemporanea», XV (4): 691-724, 691-695.
      Scott J. 2013, Genere, politica, storia, Fazio I. (ed.), Roma: Viella.
      Stearns P. N. 2009, Sexuality in world history, London-New York: Routledge.
      Zemon Davis N. 1976, Women History in Transition. The European Case, «Feminist Studies», III (3/4): 83-103.
      Zuccarello U. 2000, La sodomia al tribunale bolognese del torrone tra XVI e XVII secolo, «Società e storia», XXII (87): 37-51.
      
      <strong>Note</strong>
      
      1. L’acronimo LGBT sta per lesbiche, gay, bisessuali, transessuali/transgender; cui si aggiunge IQ, ossia intersessuali e queer.
      2. Il Gay Liberation Front fu fondato negli USA nel 1969. Un pioneristico tentativo di associazionismo omosessuale risale al Comitato scientifico umanitario, avviato nel 1869 intorno alle opere di K. H. Ulrichs: cfr. Lauritsen, Thorstad 1976. Sul movimento italiano, cfr. Barilli 1999. Un recente volume di Massimo Prearo coglie la genesi e le trasformazioni dei movimenti LGBT italiani: cfr. Prearo 2015.
      3. Cfr. Bini 2013; Rizzo 2006b; De Leo 2003; D’Emilio 1991.
      4. Prandi S. 2013, Studi di genere, «solo 16 atenei coinvolti. E l’87% dei corsi è fatto da donne», «Il Fatto Quotidiano», 10 maggio. URL: &lt;http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/05/10/studi-di-genere-mappa-su-57-atenei-pubblici-solo-16-coinvolti-e-l87-e-fatto-da-donne/589236/&gt;
      5. Bellassai 2004; Rizzo 2006b; Arru 2001; Bellassai, Malatesta 2000.
      6. “Versioni” di femminilità e mascolinità, n. d. a.
      7. Come invece aveva inizialmente considerato, partendo dalle società greco-romana: Boswell 1980.
      public post_title -> string UTF-8(61) "La storia dell'omosessualità nell'Italia moderna: un bilancio"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "la-storia-dellomosessualita-nellitalia-moderna-un-bilancio"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-06 09:51:04"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-06 07:51:04"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151083"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150849
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-02 07:01:20"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-02 05:01:20"
      public post_content -> string UTF-8(4778) "<img class="alignnone size-full wp-image-150850" src="https://www.cinemagay.it/w…"
      <img class="alignnone size-full wp-image-150850" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/04/370402-cor-bandiera.jpg" alt="" width="186" height="403" />
      
      <strong>Addio all’artista della bandiera arcobaleno</strong>
      È morto a 65 anni Gilbert Baker, l’artista di San Francisco che creò la bandiera con i colori dell’arcobaleno, simbolo della comunità gay. L’artista disse di aver voluto trasmettere con quei colori l’idea della diversità e dell’inclusione.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.repubblica.it/esteri/2017/04/01/foto/baker_morto_inventore_bandiera_rainbow-161944969/1/#1">Repubblica.it</a>
      
      Il mondo lgbt piange l'artista americano Gilbert Baker, scomparso all'età di 65 anni: era considerato il "padre" della bandiera arcobaleno, simbolo del movimento gay, lesbico, bisex e trans. Baker è deceduto nel sonno, nella sua casa di New York. Era popolare per aver creato nel 1978 il celebre drappo a otto colori (uno per ogni aspetto della simbologia New Age, dalla spiritualità alla natura, alla sessualità) per la giornata della libertà omosessuale, evento che ha poi ispirato i Gay pride, le marce per i diritti delle persone lgbt. Le tinte della bandiera si sono ridotte prima a sette e poi alle attuali sei per praticità e risparmio economico. Per distinguere la "bandiera gay" da quella della Pace bisogna far caso al numero dei colori, che sono sette per la bandiera della Pace e sei per quella gay (manca l'azzurro). Occhio anche ai colori caldi che sono posti in alto nella bandiera gay (in basso a quella della Pace).
      
      Baker, ex militare, aveva imparato a cucire da solo all'età di 20 anni, e subito aveva cominciato la sua militanza nei primi movimenti lgbt a San Francisco. "Ho il cuore infranto. Il mio più caro amico è scomparso", commenta su Facebook l'attivista statunitense Cleve Jones. "Gilbert ha regalato al mondo la bandiera arcobaleno e a me 40 anni di amore e amicizia. Non riesco a fermare le lacrime. Ti amerò sempre", ha concluso, invitando i suoi amici di San Francisco a riunirsi per una veglia su una enorme bandiera arcobaleno nel quartiere di Castro
      a cura di PASQUALE QUARANTA
      
      &nbsp;
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2017/04/01/muore-gilbert-baker-padre-della-bandiera-arcobaleno-simbolo-dei-diritti-gay_oq0IlOAJbckUFeInQjBd0K.html">AdnKronos</a>
      
      Muore Gilbert Baker, padre della bandiera arcobaleno simbolo dei diritti gay
      
      E' morto, all'età di 65 anni, Gilbert Baker, l'artista americano 'padre' della bandiera arcobaleno, simbolo dei diritti e della libertà omosessuale. Baker è deceduto nel sonno, nella sua casa di New York, nella notte fra giovedì e venerdì.
      
      L'artista creò nel 1978 il celebre drappo a otto colori per la giornata della libertà omosessuale, evento che ha poi ispirato i gay pride, diffusi nel mondo. Baker, ex militare, aveva imparato a cucire da solo all'età di 20 anni, e subito aveva cominciato la sua militanza nei primi movimenti Lgbt a San Francisco.
      
      "Ho il cuore infranto. Il mio più caro amico è scomparso", commentato sui social network l'attivista statunitense Cleve Jones. "Gilbert ha regalato al mondo la bandiera arcobaleno e a me 40 anni di amore e amicizia. Non riesco a fermare le lacrime. Ti amerò sempre", ha concluso, invitando i suoi amici di San Francisco a riunirsi per una veglia su una enorme bandiera arcobaleno nel quartiere di Castro, dove vive una grandissima comunità Lgbt. L'annuncio della morte di Baker ha scatenato una valanga di omaggi sui social.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Usa-morto-Gilbert-Baker-creo-bandiera-simbolo-della-comunita-gay-1e53660f-df33-4938-9ef9-dfb3a9ce59ed.html">RaiNews</a>
      
      E' morto Gilbert Baker: creò la bandiera simbolo della comunità gay Disegnò una bandiera con otto colori nel 1978 per la giornata degli omosessuali, precursore del Gay Pride. I colori poi furono ridotti a sei, ognuno dei quali rappresenta un diverso aspetto dell'umanità
      
      Gilbert Baker, l'artista di San Francisco che creò la bandiera con i colori dell'arcobaleno, simbolo della comunità gay, è morto all'età di 65 anni. Lo riferisce il San Francisco Chronicle precisando che l'artista è morto nel sonno. Baker disegnò una bandiera con otto colori nel 1978 per la giornata degli omosessuali, precursore del Gay Pride. I colori poi furono ridotti a sei, ognuno dei quali rappresenta un diverso aspetto dell'umanità. L'artista disse che volle trasmettere l'idea della diversità e dell'inclusione, utilizzando "qualcosa dalla natura per rappresentare che la nostra sessualità è un diritto umano". Nel 2015, il Museum of Modern Art di New York acquistò la bandiera per la sua collezione di design, definendola una "potente pietra miliare".
      public post_title -> string UTF-8(43) "Addio all’artista della bandiera arcobaleno"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(6) "150849"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-02 08:41:20"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-02 06:41:20"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150849"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150315
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-16 07:20:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-16 06:20:37"
      public post_content -> string UTF-8(18024) "<img class="alignnone wp-image-150316" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/…"
      <img class="alignnone  wp-image-150316" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/03/370316-rol-pride.jpg" alt="" width="679" height="455" />
      
      <em>Le proteste davanti al nightclub gay Stonewall Inn durante il raid della polizia il 27 giugno 1969. Foto di NY Daily News Archive via Getty Images</em>
      
      <strong>Il Gay Pride all’epoca di Trump</strong>
      Dalle rivolte di Stonewall alla nuova presidenza, ecco uno sguardo dentro il presente, il passato e il futuro del movimento LGBTQ
      
      di JEREMY LYBARGER
      
      Chevy Chase, quartiere borghese di Washington, è stato invaso durante una tiepida serata di Gennaio. Gli invasori – più di 200 – indossavano giarrettiere arcobaleno e tutù e, armati di cartelloni fatti in casa, si sono raccolti attorno alla casa di uno dei nuovi abitanti della zona, Mike Pence, l’uomo che solo 48 ore dopo avrebbe giurato come vice presidente degli Stati Uniti. La manifestazione è stata organizzata come un “queer dance party” su Facebook, e aveva l’obiettivo di far capire a Pence che l’omofobia e la transfobia non sono più tollerate in questo paese. Ascoltando Madonna, Beyoncé e Lady Gaga, i manifestanti si sono messi a twerkare sulle macchine al grido di “Daddy Pence, come dance with us!“.
      
      Pence, impegnato a cena con il governatore del Wisconsin Scott Walker, non era dell’umore giusto per ballare. Questo non ha fermato la disco-manifestazione, durata oltre 3 ore e accompagnata da ampi segni d’approvazione di tutto il vicinato, notoriamente di fede politica Democratica. «Abbiamo colpito l’immagine di Pence, di questo uomo etero e omofobico» ha detto Firas Nasr, uno degli attivisti dietro all’evento. «Eccomi qui a scuotere il culo di fronte a casa sua». Non è la prima volta che Mike Pence viene schernito proprio nel suo giardino. Qualche giorno dopo il suo trasloco, infatti, molti vicini hanno issato bandiere arcobaleno fuori dalle loro case, un rimprovero non proprio discreto.
      
      Nonostante tutto questo supporto, però, il movimento LGBTQ era in modalità-crisi, preoccupato da tutto quello che potrebbe succedere con il nuovo inquilino della Casa Bianca. La storia anti-LGBTQ di Pence è nota a tutti, dal religious freedom bill che ha firmato come governatore dell’Indiana fino alla conversion therapy del 2000. L’atteggiamento tiepido di Trump verso il movimento – soprattutto a proposito del tema del matrimonio omosessuale, definito come una questione “risolta” – è in aperto contrasto con il GOP e la sua base elettorale evangelica e conservatrice. Il contrasto c’è anche con molti dei membri del suo governo. Di recente, infatti, l’amministrazione ha annullato la direttiva di Obama che permetteva agli studenti transgender di usare il bagno in cui si sentissero più a loro agio. I rumor su un nuovo executive order, questa volta dedicato alla riduzione dei diritti sul lavoro della gente LGBTQ, hanno mandato nel panico molti liberal, tra cui Anthony Oliveira, che ha consigliato ai suoi 23,000 followers su Twitter: «Sposatevi, fate assicurazioni e passaporti adesso».
      
      Resistere a Trump è diventato una sorta di passatempo nazionale, almeno per tutti quelli che hanno riempito le Women’s Marche, assediato aeroporti e municipi e che continuano a controllare la politica, sia che si occupi di health care che di immigrazione. Quest’estate, quando il movimento LGBTQ e i suoi alleati si riuniranno per il Pride – in tutte le città del paese, sia negli stati Repubblicani che in quelli Democratici – avranno occasione per capire come bilanciare la contestazione con la festa. Si tratta di un tema che si è presentato varie volte nei cinquant’anni di storia del movimento per i diritti gay: durante le rivolte di Stonewall, la crisi dell’AIDS, il matrimonio per persone dello stesso sesso e anche lo scorso anno in occasione del massacro avvenuto al nightclub Pulse, a Orlando. L’insediamento di una presidenza così di destra aumenterà ancora la posta in gioco. Gli organizzatori del Pride – che, stavolta, sanno perfettamente che questa sarà molto di più che una parata – guardano alla storia per trovare l’ispirazione. Gli attivisti come Firas Nasr, nel frattempo, vedono il futuro del movimento meno come un campo da battaglia e più come una pista da ballo. Il Gay Pride 2017 ha tre mesi di tempo per capire di cosa vuole parlare.
      Il 27 Giugno 1970 circa 3,000 persone LGBTQ hanno manifestato dal Greenwich Village a Central Park, a New York, un percorso di 5km. Drag Queens con parrucche bouffant e serpenti piumati marciavano insieme ad attivisti armati di cartelli: “All Power to Butch Bull-Dykes“, “I am your worst fear, I am your best fantasy“. L’evento, chiamato Christopher Street Gay Liberation Day, fu replicato in contemporanea a Chicago, San Francisco e Los Angeles, dove un migliaio di persone ha manifestato camminando per Hollywood Boulevard. La marcia era organizzata per l’anniversario della rivolta di Stonewall Inn, quando gay, drag-queens, transgender e tanti altri hanno combattuto contro un raid della polizia. I rivoltosi tiravano bottiglie e mattoni, davano fuoco alla spazzatura e si abbandonavano a cori spontanei – tutto questo almeno fino alle 4 di mattina, per due nottate consecutive. Non era la prima situazione del genere – ce ne sono tante altre, come quella della Cafeteria di Compton del 1966 e quella del Black Cat Tavern di San Francisco, nel 1967. Stonewall, tuttavia, ottenne una copertura mediatica imponente, tra cui The Village Voice, e ha ispirato e dato forza al movimento LGBTQ: nacquero il giornale Gay e il collettivo Gay Activist Alliance. Stonewall è spesso indicata come l’inizio della liberazione del movimento gay americano e ancora oggi ispira il Pride.
      
      Negli anni ’80, mentre l’AIDS falcidiava il paese, il Pride si è trasformato in un teatro di contestazione politica. Una delle espressioni più forti del Pride del 1987, a New York City, era la parodia di un campo di quarantena, completo di filo spinato e guardie paramilitari, una risposta alla proposta di isolare i pazienti di AIDS dal resto della società. Un decennio dopo, quando il numero di morti per AIDS cominciava a scendere, il Pride si è evoluto in qualcosa di più corporate, sviluppando un marketing originale e una struttura di PR. Le aziende che volevano rifarsi l’immagine o corteggiare i dollari dei gay – come la Coors, un’azienda boicottata negli anni settanta per le sue attività omofobe – hanno cominciato a sponsorizzare la manifestazione. Il trend non si è fermato. Gli organizzatori del Pride di New York City dell’anno scorso hanno stimato di aver ricevuto 2,4 milioni di dollari di sponsorizzazioni. Attivisti come Ann Jane, a San Francisco, vedono questa cosa come un tradimento delle radici del Pride: «Sembra una cosa più legata all’intrattenimento, per un pubblico etero», dice. Le comunità lesbo e transgender hanno organizzato le loro manifestazioni nel 1993 e nel 2004, manifestazioni che Jane considera più «organiche e vicine alle vere esigenze della comunità queer».
      
      Oggi è normale per i progressisti incolpare il Pride di essere diventato una sorta di frat party pieno di loghi aziendali. Non è facile capire quando questo cambiamento sia avvenuto, ma è sicuramente prima che Burger King presentasse il suo “Proud Whopper” nel 2014, prima che Apple aiutasse il Pride di San Francisco con 8,000 persone, una dimostrazione di bontà aziendale dal sapore quasi militare. Negli ultimi due anni, però, il Pride si è trovato di fronte a eventi importantissimi. La corte suprema ha legalizzato il matrimonio per persone dello stesso sesso nel 2015 e, lo scorso Giugno, gli eventi del Pulse hanno trasformato il Pride in un memoriale delle 49 persone uccise.
      
      «Il Pulse ha avuto un impatto molto serio,» dice Ryan Bos, direttore della Capital Pride Alliance di Washington e organizzatore del Pride della città. «Gente che non sarebbe mai venuta al Pride si è presentata e si è sentita parte della comunità. Quest’anno è la stessa cosa.»
      
      Anche quest’anno, infatti, i membri della comunità LGBTQ hanno subito violenze. Il Southern Poverty Law Center ha dimostrato che 95 degli 867 crimini compiuti dopo le elezioni sono stati diretti contro persone del movimento. ThinkProgress ha individuato 261 crimini d’odio nei primi tre mesi della presidenza Trump, 36 rivolti specificamente contro persone LGBTQ. (Per non parlare degli Ebrei, dei Musulmani, degli immigrati, degli Afroamericani e tanti altri ancora).
      
      «Abbiamo già organizzato il Pride con presidenti ostili, ma Trump rappresenta una cosa nuova,» dice James Fallarino, media director del Pride di New York City. L’uomo è particolarmente preoccupato dalla promessa di Trump di togliere i fondi a Planned Parenthood, un programma che gli consente di prendere la pre-profilassi, PrEp, una pillola che presa giornalmente previene la trasmissione dell’HIV nel 99% dei casi. Quando gli chiedo se il Pride di quest’anno sarà più politico, mi dice: «Dobbiamo trovare un equilibrio tra la politica e la celebrazione – anche durante la crisi dell’AIDS la gente ballava».
      
      Questo equilibrio è ancora più complicato da trovare nell’America più rurale, stati dove le protezioni legislative per le persone LGBTQ sono sempre più a rischio. In Montana, per esempio, è ancora legale discriminare la gente LGBTQ. Il 20 Febbraio il Judiciary Committee dello Stato ha votato contro una legge che avrebbe abolito questa discriminazione. In South Dakota, nel frattempo, il legislatore ha proposto una legge che consentirà alle agenzie di adozione a sfondo religioso di discriminare genitori dello stesso sesso, e un’altra proposta di legge anti-transgender si è fermata in commissione il mese scorso. (Il governatore del South Dakota, un Repubblicano, ha dichiarato che avrebbe comunque esercitato il diritto di veto sulla proposta).
      
      Queste tensioni sono parte delle ragioni che hanno spinto i Pride di Louisville, Sioux Falls, Billings e Birmingham ad alzare il tiro politico della manifestazione. Come dice Fallarino, «i Pride locali possono cambiare le persone in un modo che per noi di New York è impossibile». Il Pride di Birmingham, in Alabama, ha una funzione differente anche secondo il suo organizzatore Destiny Clark, che spiega come per una coppia gay sia ancora rischioso passeggiare mano nella mano. In Montana, il director del Big Sky Pride, Kevin Hamm, dice che la situazione economica di quest’anno avrà un grosso impatto positivo sulla comunità LGBTQ locale.
      
      «Nel 2014 abbiamo generato 175,000 dollari in un weekend», dice Hamm. «Poco meno di 200,000 a Great Falls, nel 2016. Adesso ci amano tutti.» Quest’anno, secondo le sue stime, i partecipanti al Pride di Billings saranno circa 5,000.
      
      Secondo l’organizzatrice del Pride del South Dakota, Ashley Gaddis, anche loro stanno vivendo un cambiamento simile. L’anno scorso, infatti, è riuscita a convincere l’amministrazione di Sioux Falls a illuminare la scritta iconica della città d’arcobaleno – una vittoria incredibile per una città che ha solo un gay bar “non ufficiale” e dove Trump ha preso il 53% dei voti. I cartelli di supporto a Trump sono ancora distribuiti nel quartiere della Gaddis, bandiere confederate issate in tutti i giardini, persino adesivi di Ben Carson.
      
      «La gente non cammina per Sioux Falls vivendo liberamente il suo essere queer», ha detto. «La parola queer è ancora un insulto qui».
      
      Come lo è in alcune parti del Kentucky e dell’Alabama, dove gli organizzatori del Pride hanno dovuto combattere con provocazioni, bullismo e violenza. A Birmingham, per esempio, hanno sparato di recente a due donne transgender. Una è morta; l’altra è in pericolo di vita. A Louisville, in Kentucky, l’organizzatore Rodney Coffman ricorda un suo amico che ha ricevuto un’immagine della morte attraverso i social media.
      
      «Succedono cose che succedevano negli anni ’70 e ’80, quando la gente ti passava accanto in macchina urlando ‘frocio’», dice. «Non avevano le palle di dirtelo in faccia».
      
      Tutte queste comunità LGBTQ rurali sono pronte al contrattacco. Destiny Clark, direttrice del Central Alabama Pride, sostiene che l’elezione di Trump ha unito la comunità in Birmingham più di qualsiasi altro evento, almeno nell’ultimo decennio. In Kentucky, Coffman nota come alcune aziende insospettabili abbiano deciso di supportare il Pride di quest’anno. In Montana, infine, Hamm si aspetta maggiore partecipazione e un tono più politico – in uno Stato dove due gay bar distano almeno 5 ore di macchina.
      
      «Per sopravvivere a tutto questo dobbiamo essere uniti», dice Clark. «Rosa Parks non si è mai fermata. Martin Luther King non si è mai fermato. Sylvia Rivera non si è mai fermata. Stonewall non si è mai fermato».
      
      Come si fa a fare un Pride più politico? C’è un modo giusto per essere politicamente schierati e festeggiare allo stesso tempo?
      
      La storia ci offre alcuni esempi. In un saggio recentemente pubblicato su Bookforum, Sarah Jaffe ricorda ACT UP, il gruppo di pressione che si è occupato dei malati di AIDS e le cui azioni degli anni ’80 e ’90 – il preservativo gigante sulla casa di Jesse Helm, l’occupazione di Times Square – provocarono sia attenzione mediatica che novità legislative. «La lezione di ACT UP è che un gruppo piccolo ma motivato può fare abbastanza caos da far cambiare idea anche all’amministrazione più ostile del mondo», ha scritto.
      
      Andrew Velez, un attivista del Bronx che si è unito ad ACT UP nel 1987, ha tratto dall’esperienza un altro insegnamento: «Il buon senso è troppo costoso». Si ricorda di un’azione compiuta ad Albany, quando i manifestanti si ricoprirono il viso di sangue finto urlando “Il governo ha le mani sporche di sangue!”. Andarono sui giornali di tutto il mondo e fecero capire all’amministrazione che con loro non c’era da scherzare.
      «L’AIDS ha acceso i riflettori su tutto quello che non andava nella nostra società,» dice Velez elencando tutti i problemi: economia, razza, genere sessuale, children welfare. Due generazioni dopo l’amministrazione Trump fa la stessa cosa. Il famoso attivista Peter Staley sostiene che Trump potrebbe politicizzare il Pride esattamente come fece l’AIDS negli anni ’80, a patto che i progressisti continuino a spingere gli organizzatori in questa direzione. L’umorismo e l’umiliazione, dice, sono ancora armi potenti per il Pride come lo erano per ACT UP, Queer Nation, Lesbian Avengers, Guerilla Girls e Stop AIDS Now.
      
      Waiyde Palmer, un altro veterano di ACT UP, la mette così: «La protesta senza umorismo è solo rabbia e insoddisfazione». La sua filosofia da attivista è che ogni movimento ha bisogno di due lati: uno più estremo, la “pitbull portion“, e uno più cortese, la “reasonable legislative portion“, lato che consente di confrontarsi con il legislatore. Le proteste in stile ACT UP, però, oggi devono confrontarsi con legislazioni pesanti verso i manifestanti almeno in 10 stati.
      
      «Riuscivamo a fare queste cose estreme e passarla liscia perchè eravamo disperati e avevamo pochi anni da vivere», dice Staley. «Non sono sicuro di poter contare su questo tipo di risposta oggi».
      
      Nonostante tutto questo, gli organizzatori del Pride 2017 hanno deciso di unire la contestazione alla festa seguendo l’esempio delle Women’s March e del queer dance party. Proprio la marcia delle donne ha ispirato l’Equality March for Unity and Pride organizzata per l’11 Giugno a Washington. Altre marce di solidarietà sono organizzate ad Austin, Seattle, Indianapolis e Portland. «Gli organizzatori dei Pride di tutto il mondo stanno cercando di capire come sfruttare questa nuova energia, come creare cambiamento», dice Ryan Bos della Capital Pride Alliance. «Ormai è un movimento globale».
      
      Come tutte le forme di resistenza, il Pride è qualcosa di più della singola giornata di manifestazione. Molte organizzazioni legate all’evento, sia rurali che metropolitane, supportano ogni giorno dell’anno le no-profit LGBTQ e altre forme di associazione locale. Chris Classen, Presidente del Pride di Los Angeles, dice che «non riesco a pensare a nessun evento vecchio di 50 anni e ancora capace di ispirare le nuove generazioni.» Al netto delle critiche – come quella sulle corporate sponsorship – il Pride è centrale per il movimento LGBTQ da mezzo secolo. Per alcuni un termometro politico, per altri un momento di formazione importantissimo, un modo per farsi ascoltare in città dove la diversità non è ben accolta.
      
      «I gay sanno come festeggiare,» dice Classen, «Ma abbiamo anche lottato per 50 anni. Non abbiamo abbandonato le armi.» Mi dice anche che il Pride di Los Angeles di quest’anno tornerà simile a quello degli anni ’70: ci saranno una marcia di solidarietà e un’assemblea, gli attivisti si riprenderanno le strade della città. A Washington il tema di quest’anno è “unapologetically proud”, termine che per l’organizzatore Ryan Bos significa essere orgogliosi della propria razza, genere, orientamento sessuale e individualità – un grido di battaglia di tutti che richiama i giorni di Stonewall e di ACT UP. Come dice l’attivista Andrew Velez, questo movimento è nato dai movimenti per i diritti civili e per i diritti delle donne: «Non siamo mai stati violenti, ma siamo stati arrabbiati – dice – c’era un pensiero dietro alle cose che facevamo, un coraggio e un’ironia che ha unito gente di età, genere e background diversi». La sua voce trema mentre ricorda amici, morti da tempo, che non rimasero in silenzio: «Quei froci erano così coraggiosi».
      
      Il movimento LGBTQ americano si trova, nel 2017, di nuovo alla ricerca di strategie audaci e coraggiose per affrontare minacce nuove. Forse la cosa più audace di tutte – scaturita da Birmingham, Billings, Washington, Louisville, Sioux Falls e San Francisco – è anche la più ovvia: continuare a combattere e manifestare, non importa cosa succeda.
      
      «Quando facciamo due passi avanti e uno indietro puoi vederla come una regressione, o come un po’ di cha-cha-cha», dice Kevin Hamm. «Io preferisco il cha-cha-cha. Non c’è niente di peggio che attaccare chi è queer. Abbiamo combattuto da malati, e abbiamo vinto».
      public post_title -> string UTF-8(31) "Il Gay Pride all’epoca di Trump"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(24) "gay-pride-allepoca-trump"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-16 09:04:34"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-16 08:04:34"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150315"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer149409
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-02-26 06:41:09"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-02-26 05:41:09"
      public post_content -> string UTF-8(801) "&lt;iframe src="http://www.lastampa.it/modulo/slideshow/jsp/video_embed.jsp?u=7e…"
      &lt;iframe src="http://www.lastampa.it/modulo/slideshow/jsp/video_embed.jsp?u=7e9ce248-fb62-11e6-9749-01f50f0065c5&amp;w=560&amp;h=315" width="560" height="315" frameborder="0"&gt;&lt;/iframe&gt;
      
      <strong>Viaggio della memoria: nei campi di concentramento la strage di gay e lesbiche</strong>
      
      Non è la prima volta che il Treno della Memoria affronta il tema dell’Olocausto omosessuale. Quest’anno è stato presentato un volume che raccoglie le testimonianze di gay e lesbiche sopravvissuti nei campi di sterminio. Sull’Omocausto è intervenuto anche il senatore Carlo Giovanardi che dice: «Il Treno della memoria» si è trasformato, in “Omocausto”, con treni Lgbt esclusivamente dedicati agli omosessuali e alle lesbiche che persero la vita nei campi di concentramento»
      Servizio di Lodovico Poletto
      public post_title -> string(78) "Viaggio della memoria: nei campi di concentramento la strage di gay e lesbiche"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(69) "viaggio-della-memoria-nei-campi-concentramento-la-strage-gay-lesbiche"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-02-26 09:01:06"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-02-26 08:01:06"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=149409"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer149370
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-02-25 05:27:32"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-02-25 04:27:32"
      public post_content -> string UTF-8(2026) "<strong>Giovanardi: indecente paragone fra omocausto e olocausto</strong> di Raf…"
      <strong>Giovanardi: indecente paragone fra omocausto e olocausto</strong>
      
      di Raffaella Cantone
       
      “La legge 211 del 2000 ha istituito il Giorno della Memoria al fine di ricordare la Shoah (Sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, con l’organizzazione di momenti di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati, militari e politici italiani, nei campi nazisti”.
      
      “Incredibilmente l’iniziativa denominata “Treno della memoria”, nata per portare studenti a conoscere i luoghi simboli dell’Olocausto del popolo ebraico con in testa Auschwitz, si è trasformata, a cura degli organizzatori,  in “Omocausto”, con treni Lgbt esclusivamente dedicati agli omosessuali e alle lesbiche che persero la vita nei campi di concentramento nazisti e nella presenza, in tutti i Treni della Memoria, di attivisti del Torino pride e del Puglia pride, “per formare tutti gli accompagnatori sui temi Lgbt e su una corretta terminologia di genere”. Lo afferma Carlo Giovanardi, senatore di Idea.
      
      “A parte il controverso e ambiguo rapporto fra i capi del nazismo, alcuni dei quali notoriamente omosessuali, e altre forme di omosessualità non gradite al regime, - continua Giovanardi - ancora una volta si scopre che questo indottrinamento degli studenti viene finanziato con centinaia di migliaia di euro di danaro pubblico, in totale difformità con le iniziative che la legge  sul Giorno della Memoria ha voluto fossero sviluppate nelle scuole di ogni ordine e grado”.
      
      “Nei campi di sterminio finirono oppositori politici, massoni, sacerdoti antifascisti, lesbiche, omosessuali, zingari, vagabondi, etilisti, malati di mente, prostitute, testimoni di Geova: una tragica  pagina di storia  - conclude il senatore - che non consente però di giocare con le parole inventandosi uno sfacciato ed indecente paragone fra un immaginario omocausto e l’Olocausto di sei milioni di ebrei”.
      public post_title -> string(56) "Giovanardi: indecente paragone fra omocausto e olocausto"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(53) "giovanardi-indecente-paragone-fra-omocausto-olocausto"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-02-25 09:29:12"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-02-25 08:29:12"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=149370"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer153020
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-29 06:55:01"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-29 04:55:01"
      public post_content -> string UTF-8(10186) "<div class="main-column"> <p class="blog-title"><img class="alignnone wp-image-1…"
      <div class="main-column">
      <p class="blog-title"><img class="alignnone  wp-image-153021" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370529-stonewall.jpg" alt="" width="602" height="350" /></p>
      <p class="blog-title"></p>
      <p class="blog-title"><strong>Usa, dallo Stonewall Inn a oggi: la storia del Gay pride ad uso di chi invoca la normalizzazione</strong></p>
      
      <div id="foto" class="anchor"></div>
      </div>
      <div class="main-column left-column">
      <div class="article-wrapper"><section class="article-body article-body-blog mondo">Ogni anno, in occasione dei <strong>gay pride</strong> (che negli <strong>Stati Uniti</strong> si svolgono nel mese di giugno), si ripropongono le solite, stolide polemiche. <strong>Cosa c’entra il “pride” cioè l’ “orgoglio” con i diritti civili?</strong> Perché questa carnevalata di culi nudi e poppe all’aria che squalificano “le pur almeno-in-parte-condivisibili rivendicazioni” delle persone Lgbt? Esiste forse un <strong>etero-pride</strong>? Chi cerca “normalità” non dovrebbe tentare di promuovere un’immagine “normale”? Le risposte a queste non-domande oltre che nella ragionevolezza risiedono nella storia americana degli ultimi 50 anni.Negli anni 60 gli Stati Uniti vennero attraversati da <strong>profonde rivoluzioni sociali</strong>. I <strong>Black Riots</strong> di <strong>Philadelphia</strong> del <strong>1964</strong>, furono seguiti da quelli di <strong>Watts</strong> del ’65, di <strong>Cleveland</strong> <strong>and Omaha</strong> del ’66 e infine di <strong>Detroit</strong> e <strong>Newark</strong> del ’67. La guerra del Vietnam, inasprendo conflitti sociali e disparità di censo, aveva innescato la crescita esponenziale del movimento pacifista.
      <div id="glfb-sticky-1" class=""> Il mondo gay preparava la propria riscossa con lentezza e senza <strong>una piattaforma politica comune</strong>. Nel marzo del <strong>1969</strong>, sulla costa ovest, a San Francisco, <strong>Gale Whittington</strong>, allora ventenne, era stato licenziato in tronco dalla<strong> States Steamship Company</strong> perché, su una foto pubblicata dal <em>Berkeley Barb</em>, appariva abbracciato al suo compagno <strong>Leo Laurence</strong>, direttore del <em>Vector</em>, l’organo stampa della “Society for Individual Rights” (Sir). Il Sir, all’epoca l’organizzazione omofila più rappresentativa della città, non seppe o non volle intervenire in difesa di Whittington. Fu allora che Laurence dette vita al “Committee for Homosexual Freedom” (Chf) e, con l’aiuto di Huey Newtown, uno dei leader delle<strong> “Black Panthers”</strong> modellò la sua nuova organizzazione sulla scorta dei gruppi di lotta neri. In quei mesi, oltre a moltissime azioni dimostrative, il Chf, nella persona di un altro militante, il giovane <strong>Carl Wittman</strong>, produsse il “Refugees from Amerika: A Gay Manifesto”, considerato il documento scritto con cui si suole simbolicamente marcare la nascita del <strong>movimento di liberazione gay</strong>. Dalle sue pagine Wittman invitava al coming out di massa, all’autodifesa, all’intransigenza e alla lotta politica.</div>
      Contemporaneamente, sulla costa Est, stava crescendo il malcontento per l’azione della<strong> “Mattachine Society of New York”</strong>. Fondata da <strong>Harry Hay</strong> nel <strong>1950</strong>, la Mattachine Society aveva sempre perseguito un approccio politico detto “ameliorative” cioè morbido e da molti percepito come <strong>troppo “perbene”</strong>, non sufficientemente aggressivo, troppo conciliatorio, più simile a quello di una società di mutuo soccorso e non adatto a perseguire l’agenda di un fronte di liberazione. Tra i membri più critici,<strong> John O’ Brien</strong>, allora ventenne, era stato espulso prima dai Mattachines per essere troppo radicale e poi dalla “Young Socialist Alliance” per essere gay (o più precisamente per essersi rifiutato di smentire voci sulla propria presunta omosessualità). Aveva dunque dato vita ad un nuovo gruppo, ancora anonimo, che era solito riunirsi presso l’ “Alternate U”, una specie di <strong>centro sociale</strong> situato all’intersezione della quattordicesima strada con la 6th Avenue. Il linguaggio del gruppo di O’Brien era fatto di <strong>slogan</strong> come <strong>“Gays Must Fight Back”</strong> o <strong>“Resist”</strong> che invitavano all’azione e miravano al coinvolgimento di un bacino di militanti più ampio possibile. Sul fronte femminile un numero sempre maggiore di attiviste cominciava a nutrire insofferenza verso l’agenda, giudicata troppo debole, delle <strong>“Daughters of Bilitis”</strong> (Dob), la controparte lesbica dei Mattachines. <strong>Martha Shelley</strong>, sebbene membro attivo del Dob e rappresentante del movimento all’interno della <strong>Columbia University</strong>, era tra le voci più inquiete e le sue scelte successive ebbero grande influenza sulla storia dei diritti Lgbt e del <strong>femminismo americano</strong>. Questa la situazione all’alba dei moti di Stonewall.
      <div id="glfb-sticky-2" class=""></div>
      Lo <strong>Stonewall Inn</strong>, situato al numero 53 di Christopher Street, era uno dei luoghi ritrovo più popolari del Greenwich Village. <strong>Sabato 28 giugno 1969</strong> il locale aveva fatto, come al solito, il pienone. Intorno all’una di notte <strong>“Lili Law, Betty Badge e Peggy Pig”</strong> bussarono alla porta, intimando di aprire. Le drag queens avevano affibbiato questi nomignoli agli agenti della polizia che facevano regolarmente irruzione nel bar, così come in tutti gli altri locali del Village. I grimaldelli legali dei quali la polizia si avvaleva erano due: l’articolo <strong>240.35</strong> quarta sezione del Codice Penale e la regolarità delle licenze per vendere alcool. Il famigerato articolo aveva l’obiettivo di punire ogni <strong>“unnatural attire or facial alteration”</strong>; nello specifico chiunque avesse avuto indosso meno di tre oggetti ritenuti <strong>“gender appropriate”</strong> era automaticamente passibile di arresto. Quanto all’alcool, nel 1966 la Corte d’Appello di New York aveva stabilito che anche gli <strong>omosessuali</strong> avevano<strong> diritto al consumo di alcolici</strong> nei locali pubblici (<em>sic</em>!). Ma la licenza dello Stonewall Inn apparentemente non era <strong>regolare</strong>. Con questo pretesto sei agenti, quattro uomini e due donne della First Division Public Moral Squad entrarono nel locale. L’intenzione era di procedere ad uno dei soliti rastrellamenti.
      
      Si racconta che, una volta effettuati i fermi, una lesbica in procinto di essere caricata sulla camionetta, si sia rivolta a tutti coloro che non erano stati arrestati esclamando: “Perché non fate qualcosa?”. Fu allora che la folla si armò di <strong>bottiglie</strong> e <strong>sampietrini</strong> e dette inizio alla rivolta. Secondo i testimoni di quella notte, la drag queen <strong>Marsha P. Johson</strong> riempì una borsa di mattoni e iniziò a fracassare una macchina della polizia. Nel frattempo John O’Brien era venuto in soccorso dalla sede di Alternate U. I vari arrestati erano stati <strong>liberati</strong> e i poliziotti costretti a barricarsi dentro lo<strong> Stonewall Inn</strong> per non essere linciati. Vennero divelti <strong>lampioni</strong> e <strong>parchimetri</strong>, arieti di fortuna, per dare l’assalto ai sei della <strong>Moral Squad</strong>. Mentre tutti si affrettavano verso le cabine telefoniche per chiamare gli amici al rinforzo, si racconta che un’altra drag queen, <strong>Silvia Riveira</strong>, abbia pronunciato le famose parole: <strong>“It’s a revolution!”</strong>. Molti accorsero per dare un contributo alla rivolta, inclusa Martha Shelley, ad oggi uno dei più preziosi testimoni oculari di quella notte, ma intorno alle due e venti il<strong> Tactical Patrol</strong> (la polizia antisommossa) giunse in massa. Un gruppo di drag queens e di avventori transgender accolsero il manipolo sulle note del “Ta-ra-ra Boom-de-ay”. La polizia attaccò ugualmente e <strong>fu violentissima</strong>. Per la popolazione del Village la misura era ormai colma. I tre giorni successivi trascorsero con relativa calma. Ma il mercoledì sera gli animi si riaccesero e ripresero gli scontri, di una violenza inaudita. Era l’inizio di una nuova era per tutte le persone Lgbt perché, parafrasando<strong> Dick Leitsch</strong> della Mattachine Society, era la prima volta che migliaia di persone omosessuali si ribellavano pubblicamente e scendevano in piazza per protestare contro le loro vessazioni quotidiane. Presto la giovane Martha Shelley avrebbe fondato il “Gay Liberation Front” e dalle strade del Village la lotta per la rivendicazione dei diritti civili si sarebbe estesa all’intero territorio degli Stati Uniti. La fine degli anni Sessanta inaugurò <strong>un attivismo</strong> che avrebbe determinato un progresso sociale fondamentale durante tutti gli anni Settanta e nelle decadi successive.
      
      <strong>Così fu la storia e chi invoca una normalizzazione del pride non la conosce</strong>. Non esiste un etero-pride perché non sono mai esistiti articoli del codice penale che facilitassero l’arresto di persone eterosessuali in quanto eterosessuali. E chi si scandalizza di<strong> una donna transgender nuda</strong>, si dovrebbe ricordare del sacrificio che tante <strong>persone transgender</strong> e tante drag queens compirono durante i moti di Stonewall. Ogni anno viene celebrato il pride in memoria di quei giorni. Tutti gli edifici pubblici degli Stati Uniti vengono colorati di luci in segno di solidarietà. Tutti i sindaci delle maggiori città, democratici o repubblicani, prendono parte alla parata. Tutte le più importanti università onorano il ricordo di quelle notti con una cerimonia ufficiale patrocinata dal rettore e nessuno grida allo scandalo. Dal 2000 lo Stonewall Inn è entrato a far parte del registro dei <strong>monumenti nazionali</strong>.
      
      Di qua dall’oceano, quarantasette anni dopo la notte dei riots, le persone Lgbt italiane non possono ancora sposarsi, né adottare figli e la <strong>transfobia</strong> continua ad essere la trincea del pregiudizio.
      
      </section></div>
      </div>
      public post_title -> string(96) "Usa, dallo Stonewall Inn a oggi: la storia del Gay pride ad uso di chi invoca la…"
      Usa, dallo Stonewall Inn a oggi: la storia del Gay pride ad uso di chi invoca la normalizzazione
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(85) "usa-dallo-stonewall-inn-oggi-la-storia-del-gay-pride-ad-uso-invoca-la-normalizza…"
      usa-dallo-stonewall-inn-oggi-la-storia-del-gay-pride-ad-uso-invoca-la-normalizzazione
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-29 08:37:25"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-29 06:37:25"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=153020"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(2) "27"
    public max_num_pages -> float3
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "dc1cbf5667540baae754166587fb8ac6"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033