Young Adult

Young Adult
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (4 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Young Adult

Terza sceneggiatura della scrittrice anticonformista, blogger ed ex-spogliarellista, Diablo Cody (dopo “Juno” e “Jennnifer’s Body”), anche creatrice della bella serie tv “United States of Tara”, e seconda collaborazione con l’amico regista Jason Reitman. Nel film viene affrontata di striscio la tematica del bullismo omofobico. Stupenda interpretazione di Charlize Theron, beniamina del pubblico lgbt e sostenitrice dei matrimonii gay, Oscar per il film lesbico “Monster”. L’altro protagonista è Patrick Wilson, lanciato dal film “Angels in America” dove era il protagonista gay. Mavis (Charlize Theron), scrittrice di libri per ragazzi appena divorziata, rientra nella piccola città natale nel Minnesota per capire cosa ha sbagliato nella vita e riassaporare la spensieratezza di un tempo grazie agli amici del posto, proponendosi anche di riconquistare Buddy (Patrick Wilson), il vecchio fidanzato del liceo. Lui, già sposato e con un figlio appena nato, non ha però alcuna intenzione di riallacciare nessun tipo di rapporto con lei così come tutti gli altri amici, memori della sua reputazione da cattiva ragazza del liceo, e Mavis trova compagnia e sostegno solo in un ex compagno di scuola, Matt (Patton Oswalt), con seri problemi di autostima e segretamente invaghito di lei da anni. Matt era diventato disabile dopo essere stato picchiato dai bulli della scuola perchè lo credevano gay…

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 9/03/2012 al 11/03/2012 20  26.640  2.049

Condividi

3 commenti

  1. zonavenerdi

    Lei è la classica bella del liceo e tutti gli altri le girano attorno. Quando però torna dopo tanti anni in città crede di poter riportare la situazione ai tempi scolastici; ma presto si accorge che mentre gli “sfigati” si sono fatti una vita e sono tutti mediamente felici o comunque realizzati, lei con un divorzio fresco alle spalle e una carriera di scrittrice per ragazzi in fase di stallo è infelice e comunque la “nuova sfigata”. Il film è bello avvincente e con una bella trama. Attori bravi.

  2. roberto67

    Quando la bellezza, quella luminosa di Charlize Theron, non basta a riconquistare un ruolo, quello di reginetta del college, e il cuore del proprio ex ormai sposato e padre di una bimba. Young Adult non è solo un genere narrativo, quello a cui si dedica la protagonista, ma è lei stessa, una donna irrisolta e inquieta, che non riesce a crescere a e liberarsi del passato (le magliette di Hello Kitty, le musicassette anni ’90) mentre il mondo esterno la invidia perché la crede fortunata. Bella e triste in questo caso la scena con la sorella di Matt (quello rimasto storpio dopo un’aggressione perché creduto gay): la ragazza dice di sognare la sua vita, durante le pause del suo lavoro. E’ un film da non perdere, ingiustamente passato inosservato.

Commenta


trailer: Young Adult

https://youtube.com/watch?v=6DyfNXb06cE

Varie

CRITICA:

American comedies have spent the last few years exploring the idea of the man-child — physically mature, but mentally stuck somewhere between high school and adulthood. Now we meet his female counterpart, and it’s not a pretty sight. So much the better: Reteaming pop-savvy scribe Diablo Cody with “Juno” director Jason Reitman, “Young Adult” revels in breaking the rules of safe Hollywood storytelling, casting Charlize Theron as an emotionally stunted YA novelist with limited appeal and no tidy character arc. A B.O. gamble, the deliberately prickly pic courageously risks offending audiences to arrive at a truth beyond its genre’s normal grasp. (Variety)

“…Costruito sul gioco di contrasti, visivi e drammaturgici, Young Adult rappresenta un ottimo lavoro tecnico da parte di Reitman che con un montaggio frizzante ed una maniacale attenzione ai dettagli riesce a centrare il linguaggio giusto. La sua però è un’analisi che ad un certo punto perde il filo del discorso per andare a ripiegare su se stessa con inutili giri di parole, anche quando arriva l’inesorabile momento in cui bisogna tirare le somme ed andare al nocciolo della questione. Da applausi l’interpretazione di Charlize Theron, che tocca i massimi livelli mai raggiunti, indimenticabili i duetti (su tutti quello nel finale con la sorella di Matt) che prendono vita sullo schermo, ma alla fine la sensazione è quella di aver assistito ad un film che non ha mai osato fino in fondo e non ha mai superato la soglia del politicamente scorretto. Da due autori del livello di Reitman e Diablo Cody ci si aspettava qualcosina in più.” (Luciana Morelli, Movieplayer.it)

“… Jason Reitman porta sullo schermo la sceneggiatura accentuando il lato più adulto di Mavis, il suo essere irrisolta, chiusa in un limbo privo di responsabilità e ormai anestetizzata rispetto alla vita vera che gli scorre intorno. Ogni piccolo gesto significativo che la sceneggiatrice mette su carta, Reitman lo rende con la dovuta attenzione (nè troppa nè troppo poca). Ogni sfumatura del personaggio si trasforma in soluzioni di montaggio (geniali quelle che suggeriscono l’alcolismo saltando direttamente dalla serata al corpo di Mavis riverso sul letto), di fotografia (in tutto il film non c’è un colore caldo) e di recitazione. Il terzo polo, e la sintesi del film, è infatti Charlize Theron, misurata, acuta e matura nel declinare le mille sfumature dell’insoddisfazione della sua protagonista che, senza mai nominarla direttamente, porta costantemente sul volto l’assenza di sentimenti. È lei l’ultimo e determinante anello della catena di questa messa in scena finalizzata al massacro dei vincenti. Il suo oscillare tra pentimento e convinzione mostra come non ci siano dei veri migliori in Young adult. Non lo è la sua Mavis, non lo è il nerd cresciuto che gli fa da amico per l’occasione e non lo è la coppietta perfetta, che la giudica come farebbe un prete.
Nella realtà i vincenti non esistono, ci sono solo esseri umani che ne inseguono il mito e altri che vivono la propria vita.” (Gabriele Niola, Mymovies.it – voto 4/5)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.