La Favorita

La Favorita
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

La Favorita

Inghilterra, inizio del XVIII secolo. La regina Anne vede il suo rapporto con la sua consigliera e amante clandestina Sarah Churchill, la duchessa di Malborough, sconvolto dall’arrivo di Abigail, la giovane cugina della duchessa. Ben presto, gli equilibri di potere tra le tre donne finiranno per influenzare anche i rapporti tra la sovrana e la corte. Il fascino di Abigail cattura Sarah che la prende sotto la sua ala mentre Abigail vede la possibilità di un ritorno alle sue radici aristocratiche. Siccome la politica della guerra occupa gran parte del tempo di Sarah, Abigail entra nella breccia per occupare il ruolo di compagna della regina. La loro crescente amicizia le dà la possibilità di soddisfare le sue ambizioni e non lascerà che la donna, l’uomo, la politica o il coniglio si mettano sulla sua strada.
Film in concorso alla Mostra Venezia 75 e in gara per il Queer Lion 2018.

synopsis

Early 18th century. England is at war with the French. Nevertheless, duck racing and pineapple eating are thriving. A frail Queen Anne (Olivia Colman) occupies the throne and her close friend Lady Sarah (Rachel Weisz) governs the country in her stead while tending to Anne’s ill health and mercurial temper. When a new servant Abigail (Emma Stone) arrives, her charm endears her to Sarah. Sarah takes Abigail under her wing and Abigail sees a chance at a return to her aristocratic roots. As the politics of war become quite time consuming for Sarah, Abigail steps into the breach to fill in as the Queen’s companion. Their burgeoning friendship gives her a chance to fulfill her ambitions and she will not let woman, man, politics or rabbit stand in her way.

Visualizza contenuti correlati

La recensione del critico e scrittore Vincenzo Patanè

"La favorita" di Yorgos Lanthimos

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 28/02/2019 al 03/03/2019 18  84.658  1.099
dal 21/02/2019 al 24/02/2019 15  70.531  1.195
dal 14/02/2019 al 17/02/2019 12  107.290  1.308
dal 07/02/2019 al 10/02/2019 9  228.440  1.183
dal 31/01/2019 al 03/02/2019 7  656.002  1.832
dal 24/01/2019 al 27/01/2019 3  1.062.688  3.484

Condividi

Commenta


trailer: La Favorita

Varie

Recensione di Natalia Aspesi su La Repubblica del 7 gennaio 2019

Quando, nelle prime immagini la favorita del momento con gesti ossequiosi la libera dal candido manto di ermellino con lungo strascico e dalla pesante corona, nella realtà della Storia la regina Anne di Gran Bretagna, ultima Stuart, ne ha già fatte di ogni colore: assieme alla sorella maggiore Mary II, che l’ha preceduta sul trono, ha contribuito a cacciare dal trono il padre, re James II, ha rotto i rapporti con Mary e dopo la sua morte anche con il cognato re William III: è riuscita a far cancellare dalla successione il fratellastro James Francis Edward principe di Galles, figlio del deposto re James e della seconda moglie; ha amato moltissimo, riamata, il marito George di Danimarca, ha avuto diciassette disastrose gravidanze, una per anno, e il solo figlio sopravvissuto, William Henry duca di Gloucester, è morto tossicchiando a 11 anni, nel 1700.
Anne, regina a 37 anni, dal 1702, era una vera iena, infelice e maligna, creatrice di pettegolezzi rovinosi, assetata di potere e malaticcia sin dalla nascita. Ma è ovvio che per Yorgos Lanthimos, regista greco trapiantato in Inghilterra, autore di film sgradevoli ammirati da molti, il contesto storico tra i più confusi e spietati d’Inghilterra, interessa per raccontare altro, evitando anche qualsiasi accenno alla durissima guerra di religione, tra cattolici, perdenti come il deposto re, e gli anglicani, come le sue due figlie, vittoriose.
La regina Anne è rintanata in una sua immensa orribilmente sfarzosa camera da letto piena di pasticcini che lei si caccia continuamente in bocca con le mani; è grassa, gottosa, pigra, infelice, incattivita, isolata, sola, circondata dai suoi diciassette coniglietti che rappresentano i figli inesistenti.
Chi al suo posto prende decisioni politiche, come la partecipazione alla guerra di successione spagnola, è Sarah (duchessa di Marlborough e antenata della principessa Diana), amica d’infanzia della regina e sua schiava e padrona. Il ruolo di favorita viene minacciato dall’arrivo della cugina impoverita Abigail Hill, apparentemente sottomessa, che da sguattera conquista la fiducia della regina ingaggiando una quotidiana schermaglia con la rivale per servire, divertire, curare la regina, trasportandola in sedia a rotelle o portantina, anche entrando nel suo letto grande e vuoto.
Alla corte di Anne sono gli uomini a imbellirsi con enormi parrucche a boccoli, nere e sino alla vita, il viso truccato perché il potere consente anche la frivolezza, non alle donne, la cui semplicità è segno di sudditanza e inconsistenza, ma anche di furbo ritegno per poter scegliere chi tentare. Questi uomini, come sempre, ritengono di avere ogni diritto sessuale a cui però le donne sanno di doversi sottrarre. Abigail è in camera sua quando entra il giovane Masham, e lei lo affronta ironica: «Siete qui per sedurmi o violentarmi?». Lui: «Ma io sono un gentiluomo!». Lei: «Allora violentatemi!». E Sarah, che Abigail ha cercato di eliminare ed è stata salvata dalle signore di un bordello, al gentiluomo che le chiede se l’abbiano stuprata risponde serenamente, «No ma fosse necessario, ecco un lavoro ben remunerato». Le donne si sono salvate, ci ricorda Lanthimos, con bellezza, giovinezza, intelligenza, sapere (Abigail quando è sola ha sempre in mano un libro): e nei secoli per loro bui, con qualsiasi mezzo, furbizia, ipocrisia, inganno. E con il sesso, che nel film è usato come prevaricazione e manipolazione, in questo caso da donne su una donna: oppure pensando ad altro come noiosissimo dovere domestico e non coniugale, da una donna, Abigail sull’uomo sposato ma per reciproco interesse.
Tra Sarah e Abigail nasce quella guerra tra donne che dovrebbe assicurare il privilegio in palio per una sola, un marito, un lavoro, un futuro. Il femminismo ha inventato la sorellanza ma il film e forse qualcuno si arrabbierà, pare dubitarne, come esclude totalmente l’esistenza dell’amore essendo tutto asservito alla sopravvivenza e al denaro.
Alla scorsa Mostra di Venezia La favorita ha vinto il gran premio della giuria e quello per la migliore attrice, l’eccezionale Olivia Colman (la bella quarantenne sarà Elisabetta II nel seguito di The Crown): la sua è una regina Anne invecchiata, goffa, che si muove a stento, con un viso disperato e attonito, crudele e annoiato, un suo modo di esprimere fallimento e smarrimento, attimi di piacere e di piccole gioie, con ogni gesto, ogni tentennamento, dentro abiti sontuosi o in spiegazzata camicia da notte. Ammirevoli anche le due favorite, Sarah, Rachel Weitz, e Abigail, Emma Stone: sono le tre donne a occupare lo schermo, mentre gli uomini della corte restano sullo sfondo tra guerre, trame e giochi crudeli. Come quando lanciano arance su un vecchio ciccione nudo, o fanno stupide gare di corsa delle anatre. Quasi tutto avviene tra le mura della corte e del parlamento, come fosse un mondo a parte a decidere il destino di una nazione, di un popolo, di altri paesi, senza averne nessun contatto.
Il che fa pensare all’oggi, reso più incomprensibile e non condivisibile dall’eccesso di comunicazione. La luce naturale del giorno è grigia, quella della notte dorata dalle candele nel fitto buio dei lunghi corridoi segreti, l’uso del quadrangolo distorce spazi immensi sovraccarichi di cose brutte, boiserie, arazzi, quadri statue, vasi per vomitarci dentro.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.