Moana

Moana
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Moana

Miniserie in due puntate dedicata alla breve vita di Moana Pozzi, prodotta da Polivideo per Sky Cinema. La serie ha avuto una produzione assai travagliata, prima per la controversa scelta del cast, poi per le polemiche sollevate da Cicciolina e infine per il cambio di regia, che doveva essere del creatore e sceneggiatore Cristiano Bortone, col quale la produzione ha avuto divergenze sia d’impostazione che di contenuti, che l’hanno portata a sostituirlo con Alfredo Peyretti. Purtroppo, a nostro giudizio, il risultato ha risentito di queste problematiche, e il prodotto finale ci è sembrato alquanto discontinuo, con fastidiose e inutili lungaggini sulle scene hard, e molti personaggi poco riusciti se non male interpretati. Salviamo naturalmente l’impegno messoci dalla protagonista Violante Placido che ci restituisce una Moana assai veritiera, sempre in bilico tra ingenuità e arguzia, tra amorevolezza e calcolo, tra bisogno d’amore e aspirazione al successo. Viene presentata bene anche la svolta che dovrebbe allontanarla dal porno e portarla verso la politica e l’impegno culturale, con la campagna elettorale durante la quale difende il diritto alla libertà, i diritti dei diversi e delle minoranze. Un altro personaggio riuscito ci è sembrato quello dell’amico Mario, interpretato da Giuseppe Soleri, un gay col quale abita e che le vuole molto bene, e che diventerà il suo truccatore. Solo leggermente effeminato, ci ha lasciato un po’ perplessi quando lo ritroviamo nella seconda parte, diventato Maddalena, già operato e finalmente felice, ma ormai tagliato fuori dalla complicata vita di Moana. Deludente invece l’interpretazione di Fausto Paravidino (era il gay sterotipato ma efficace di Romazo Criminale) nel ruolo di Riccardo Schicchi, cacciatore di talenti e imprenditore porno, che ci offre un personaggio da macchietta, sopra le righe e poco credibile. Complessivamente un film che voleva essere coraggioso e dirompente e che invece non ci ha detto nulla o poco di nuovo.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. zonavenerdi

    L’ho visto tre anni e mezzo fa quando è uscito in prima tv su Sky Cinema. L’ho trovato ben fatto, anche se troppo condensato. Avrei voluto una serie cvon qualche puntata in più per raccontare meglio la storia. Infatti si racconta anche il personaggio psicologico e la rivalità sempre meno nascosta con Ilona Staller.

Commenta


Varie

SINOSSI

Vediamo Moana bambina, poi adolescente, già bella e desiderabile e per questo additata come una provocatrice. Osteggiata da una famiglia bigotta e molto religiosa decide di lasciare tutti e di trasferirsi a Roma appena maggiorenne, dopo qualche lavoro saltuario come modella e come comparsa in tanti e famosi film si accorge che il porno era la strada che l’avrebbe portata verso la notorietà assai più in fretta. Tutto inizia quando incontra un giovane attore australiano e se ne innamora; lui la convince a girare un film hard insieme, Valentina – Ragazza in calore, garantendole che non sarebbe mai stato rilasciato in Italia, cosa che invece succede puntualmente di lì a poco rovinando i suoi rapporti con la tv di Stato e, per sempre, quelli con la famiglia. Sul set conosce l’allora fotografo di scena Riccardo Schicchi con il quale gira la prima pellicola a luci rosse del circuito di serie A col suo vero nome, intitolata Fantastica Moana. Entrata nell’entourage di Diva Futura, l’agenzia del talentscout Schicchi, Moana conosce Ilona Staller in arte Cicciolina e tra le due nasce un’amicizia, ma anche una grande rivalità. Poi gli spettacoli live nei teatri la lanciano definitivamente nel mondo del porno e le danno anche una notevole pubblicità sulla stampa per via dello scandalo giudiziario in cui rimane coinvolta: nel film si raccontano infatti le numerose irruzioni della polizia nella sede di Diva Futura e durante gli spettacoli, ma anche la sofferenza per il rifiuto della famiglia che la abbandona al suo destino senza mai più rivolgerle la parola, il rapporto di grande affetto e amicizia con l’amico gay Mario, suo truccatore personale nonchè coinquilino per tanti anni, un libro pubblicato a sue spese in cui raccontava della sua vita e dei suoi amanti ‘celebri’, e il dietro le quinte dei suoi film più famosi. (Luciana Morelli)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.