Cinema

TUTTI I FILM DELLA 12MA EDIZIONE DEL QUEER LION

Parte il 29 agosto la 75ma edizione della Mostra veneziana quest’anno ricca di ottime anteprime come il nuovo film dei fratelli Coen, “The Ballad of Buster Scruggs“, di produzione Netflix (che vedremo presto diviso in sei capitoli, ognuno con una storia di frontiera americana), oppure, altro titolo Netflix, “Roma” di Alfonso Cuaron, ambientato a Città del Messico e molto autobiografico. Tra i film del concorso principale troviamo anche due titoli inseriti nella gara per il Queer Lion, arrivato alla 12ma edizione (ricordiamo che fu istituito grazie all’impegno del critico cinematografico Daniel N. Casagrande e al direttore della Mostra Marco Müller) che sono “Suspiria” di Luca Guadagnino, il rifacimento del film di Dario Argento con evidenziati i riferimenti omosex, e l’atteso “The Favourite” di Yorgos Lanthimos con Emma Stone, Rachel Weisz e Olivia Colman in un triangolo lesbico.

Peccato che non sia incluso nel Queer Lion anche l’attesissimo “The Other Side Of The Wind” opera incompiuta di Orson Welles (prodotta da Netflix) che racconta di un regista molto virile che s’innamora di un suo attore (in origine era un torero spagnolo). Da segnalare nella Mostra anche “Charlie Says” di Mary Harron che racconta la strage di Bel Air compiuta da Charles Manson (mentre attendiamo l’ultima fatica di Quentin Tarantino sulla stessa vicenda)

Di seguito tutti i titoli in concoro per il 12mo Queer Lion, che saranno valutati da una giuria composta da Brian Robinson del British Film Institute, Rita Fabbri (Università Ca’ Foscari) e dall’attivista lgbt sloveno Jani Kuštrin. Su queste pagine troverete le recensioni dei film del critico Sandro Avanzo.

Da segnalare, tra i film fuori concorso, i capolavori restaurati della sezione Venezia Classici: “Morte a Venezia” di Luchino Visconti (1971), “A qualcuno piace caldo” di Billy Wilder (1959), “Il portiere di notte” di Liliana Cavani (1974), oltre ad un film tanto celebrato all’estero quanto misconosciuto in Italia: “El lugar sin límites” di Arturo Ripstein (1977), che vede protagoniste La Manuela, un travestito, e la Japonesita, sua figlia, nella complicata gestione di un bordello; il film rappresentò il Messico agli Oscar nella categoria miglior film straniero.

FILM IN CONCORSO PER IL 12mo QUEER LION AWARD

Maia, detta Zen, è una sedicenne irrequieta e solitaria che vive in un piccolo paese dell’Appennino emiliano. È l’unica femmina della squadra di hockey locale e i suoi compagni non perdono occasione di bullizzarla per il suo essere maschiaccio.
Quando Vanessa – l’intrigante e confusa fidanzata di un giocatore della squadra – scappa di casa e si nasconde nel rifugio della madre di Maia, tra le due nasce un legame e Maia riesce per la prima volta a confidare a qualcuno i dubbi sulla propria identità.
Entrambe spinte dal bisogno di uscire dai ruoli che la piccola comunità le ha forzate a interpretare, Maia e Vanessa iniziano così un percorso alla ricerca della propria identità e sessualità, liquide e inquiete come solo l’adolescenza sa essere.
Note di regia: Zen sul ghiaccio sottile è una storia di formazione, che segue il percorso emotivo di Maia, detta Zen: un’adolescente in conflitto con la propria identità di genere, per questo incompresa e bullizzata dai…

Note:

Sep 01 | 11:30 Sala Giardino(Lido) | Press, Industry
Sep 01 | 17:30 Sala Giardino (Lido) | Tickets, All Accreditations
Sep 02 | 20:00 Sala Pasinetti (Lido) | Free Coupons, All Accreditations

Bêtes blondes
Aggiungi ai preferiti

Ex star di una sitcom televisiva di breve durata, Fabien beve troppo per ricordare tutto quello che fa e non lo stupisce più nulla. Quando sulla sua strada incontra Yoni, giovane militare triste, non è sorpreso neppure di scoprire la testa di un altro uomo, bella come un sogno, come un ricordo, come un rimprovero.
«Uno spazio cinematografico totalmente alieno: un film audace ed anarchico che non assomiglia a null’altro».
Film presentato alla 33ma Settimana Internazionale della Critica della Mostra di Venezia e in concorso per il Queer Lion

Note:

Sep 02 | 19:45 Sala Perla 2 (Lido) | Press, Industry
Sep 03 | 14:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 04 | 14:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 04 | 19:00 Sala Rossini 3 (Venezia) | Tickets
Sep 04 | 19:00 Sala IMG Candiani 2 (Mestre) | Tickets

Suspiria
Aggiungi ai preferiti

Susie Bannon, una giovane americana, arriva nella prestigiosa accademia di danza Markos Tanz a Berlino nel 1977 nello stesso momento in cui scompare in circostanze misteriose la ballerina Patricia. Mentre fa straordinari progressi sotto la guida della rivoluzionaria direttrice Madame Blanc, Susie stringe amicizia con la ballerina Sara, che condivide con lei i suoi sospetti sui segreti oscuri e minacciosi che incombono sulla compagnia. Spiega il regista Guadagnino: In un’accademia di danza di fama mondiale si muove una presenza oscura, che inghiottirà il direttore artistico della troupe, una ballerina ambiziosa e uno psicoterapeuta in lutto. Qualcuno soccomberà all’incubo. Altri, alla fine, si sveglieranno.
Spiega il regista Guadagnino: “Ogni film che realizzo è come un esordio per me: un nuovo inizio che parte dalle memorie che hanno costruito il mio immaginario. A dieci anni, a Cesenatico, ebbi l’epifania di Suspiria: un poster in un cinema chiuso. Trentasette…

Note:

Sep 01 | 08:30 Sala Darsena (Lido) | Press, Industry
Sep 01 | 11:00 Sala Grande (Lido) | Press, Industry
Sep 01 | 19:15 Sala Grande (Lido) | Tickets
Sep 01 | 22:00 Sala PalaBiennale (Lido) | Tickets
Sep 02 | 09:50 Sala PalaBiennale (Lido) | All Accreditations

The Favourite
Aggiungi ai preferiti

Inghilterra, inizio del XVIII secolo. La regina Anne vede il suo rapporto con la sua consigliera e amante clandestina Sarah Churchill, la duchessa di Malborough, sconvolto dall’arrivo di Abigail, la giovane cugina della duchessa. Ben presto, gli equilibri di potere tra le tre donne finiranno per influenzare anche i rapporti tra la sovrana e la corte. Il fascino di Abigail cattura Sarah che la prende sotto la sua ala mentre Abigail vede la possibilità di un ritorno alle sue radici aristocratiche. Siccome la politica della guerra occupa gran parte del tempo di Sarah, Abigail entra nella breccia per occupare il ruolo di compagna della regina. La loro crescente amicizia le dà la possibilità di soddisfare le sue ambizioni e non lascerà che la donna, l’uomo, la politica o il coniglio si mettano sulla sua strada.
Film in concorso alla Mostra Venezia 75 e in gara per il Queer Lion 2018.

Note:

Aug 30 | 08:45 Sala Grande (Lido) | Press, Industry
Aug 30 | 11:30 Sala Grande (Lido) | Press, Industry
Aug 30 | 22:00 Sala Grande (Lido) | Tickets, All Accreditations
Aug 30 | 22:15 Sala PalaBiennale (Lido) | Tickets
Aug 31 | 08:30 Sala PalaBiennale (Lido) | All Accreditations

Memories of My Body
Aggiungi ai preferiti

Juno è solo un bambino quando suo padre lo lascia nel loro villaggio del Java centrale. Da solo, si unisce a un centro di danza Lengger in cui gli uomini trasformano il loro aspetto e il loro movimento in quello femminile. Ma la sensualità e la sessualità che proviene dalla danza e dai corpi, mescolati con il violento contesto sociale e politico indonesiano, costringe Juno a spostarsi da un villaggio all’altro. Se durante il suo viaggio Juno riceve attenzione e amore dai suoi insegnanti di danza, dalla sua bizzarra zia, dal suo vecchio zio, da un bel pugile e da un Warok, deve comunque affrontare da solo il campo di battaglia che sta diventando il suo corpo.
Note di regia: Ogni film è una dichiarazione o l’espressione di un’inquietudine collegata a questioni personali o socio-politiche. Quando si riesce a comunicarla, si scopre la gioia di fare film. I diciotto lungometraggi che ho diretto analizzano vari temi: dall’Indonesia dell’inizio del XIX secolo all’Indonesia…

Note:

Sep 06 | 19:30 Sala Casinò (Lido) | Press, Industry
Sep 06 | 22:00 Sala Volpi (Lido) | Press, Industry
Sep 07 | 14:00 Sala Darsena (Lido) | Tickets, All Accreditations
Sep 07 | 21:00 Sala Web | Tickets
Sep 08 | 12:00 Sala PalaBiennale (Lido) | Tickets, All Accreditations

C'est ça l'amour
Aggiungi ai preferiti

Forbach, Francia orientale, oggi. Mario, un uomo senza grandi ambizioni, tranne che per le questioni d’amore, deve ricominciare da capo dopo che sua moglie se n’è andata di casa. Ora è alle prese con due figlie adolescenti, proprio quando lui stesso sta attraversando una specie di crisi adolescenziale. Frida, quattordici anni, incolpa suo padre dell’assenza della madre e nutre sentimenti contraddittori verso la nuova fidanzata. Niki, diciassette anni, presto lascerà la famiglia. Intanto fa la bella vita. Mario sembra destinato a perdere le donne che ama. Dovrebbero tutti lasciarsi andare. Forse accettando di perdere qualcuno, è possibile ritrovare se stessi. «Come nei miei lavori precedenti – ha dichiarato la regista – mi sono ispirata alla mia storia e alla cittadina dove sono cresciuta, Forbach, che quando ero piccola fu devastata dalla crisi delle miniere mentre la mia famiglia andava in pezzi per la partenza di mia madre. Questo film è per me un percorso di…

Note:

Aug 29 | 11:30 Sala Perla (Lido) | Press, Industry
Aug 30 | 17:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 07 | 11:30 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations

Il quarantenne Egor Korshunov è una guardia forestale siberiana che lavora in una compagnia ambientale locale, combattendo senza paura contro i bracconieri nella taiga. Buon padre di famiglia, è rispettato dai suoi compaesani ed è in attesa di un secondo figlio dalla moglie Natalia quando scopre di avere un cancro terminale e due soli mesi di vita. Privo di aiuti sia da parte della medicina tradizionale che dei riti sciamanici, e senza altre opzioni a disposizione, decide di tentare un ultimo disperato passo: cambiare del tutto identità per ingannare la morte, come fece Zhamba, un leggendario eroe della mitologia siberiana. Basato sui ricordi d’infanzia della co-regista Natalia Merkulova, sulle storie e le leggende che si tramandavano nel villaggio della Siberia in cui è cresciuta.
Presentato nella sezione Orizzonti della Mostra di Venezia e in gara per il Queer Lion

Note:

Sep 04 | 19:45 Sala Casinò (Lido) | Press, Industry
Sep 04 | 22:00 Sala Volpi (Lido) | Press, Industry
Sep 05 | 14:15 Sala Darsena (Lido) | Tickets, All Accreditations
Sep 05 | 21:00 Sala Web | Tickets
Sep 06 | 12:00 Sala PalaBiennale (Lido) | Tickets, All Accreditations

José
Aggiungi ai preferiti

Il diciannovenne José vive con sua madre in Guatemala: una vita dura in uno tra paesi più pericolosi, violenti e religiosi nel mondo. La vita della madre si divide tra chiesa e vendita di panini, mentre José, il più giovane ed il preferito tra i suoi figli, passa le giornate consegnando cibo in strada e su bis affollati. Rassegnato ed introverso, nei momenti liberi gioca col telefono e cerca sesso occasionale. L’incontro con Luis, però, spinge José verso passioni, sofferenze ed una riflessione sulla propria esistenza che non aveva mai immaginato prima.
Note di regia: «La stretta relazione tra madre e figlio, è una delle chiavi di lettura della cultura dell’America Latina – il moralismo tradizionale che convive con il machismo estremo, la violenza e la religione. Le lunghe interviste realizzate in dodici paesi centro e sud americani hanno finito per condurci in Guatemala. José mette in discussione quelle immagini popolari dell’America Latina che spesso fanno immaginare…

Note:

Aug 29 | 17:00 Sala Perla (Lido) | Press, Industry
Sep 06 | 11:30 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 07 | 20:00 Sala Perla 2 (Lido) | Free Coupons, All Accreditations

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.