$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'fonte' => string(7) "vvox-it"
    public query_vars -> array(67)
    'fonte' => string(7) "vvox-it"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "fonte"
    'term' => string(7) "vvox-it"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "fonte"
      'terms' => array(1)
      string(7) "vvox-it"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'fonte' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(7) "vvox-it"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer6940
      public name -> string(7) "vvox.it"
      public slug -> string(7) "vvox-it"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer6940
      public taxonomy -> string(5) "fonte"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer13
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer6940
    public request -> string(441) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (6940)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer148722
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-02-10 06:50:36"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-02-10 05:50:36"
      public post_content -> string UTF-8(3574) "<img class="alignnone size-full wp-image-148723" src="https://www.cinemagay.it/w…"
      <img class="alignnone size-full wp-image-148723" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/02/370210-vox-sposa.jpg" alt="" width="700" height="434" />
      <strong>«Cancellate la “Sposa Barbuta”, ci impone il matrimonio gay»</strong>
      
      Il murales “Barba Bride” raffigurante una sposa barbuta continua a far discutere ad Arcugnano. Come scrive Luisa Nicoli sul Giornale di Vicenza a pagina 24, ieri 200 firme di cittadini sono state depositate in Comune per chiedere la rimozione del graffito firmato dal francese MTO dalla cabina dell’Enel vicino al parco giochi. «Non si riesce a capire come l’Amministrazione abbia potuto permettere l’esecuzione di un’opera del genere – si legge in una lettera a corredo delle firme – il messaggio è: voi genitori dovete educare i vostri figli al matrimonio omosessuale come un fatto di normale consuetudine. E’ una palese forma di condizionamento per cui, con sistemi psichici imposti, si cerca di privare la mente degli altri del loro patrimonio ideologico abituale, tradizionale e prevalente, ovvero l’affettività tra uomo e donna, per sostituirlo con nuove e differenti idee, cioè il matrimonio gay».
      La lettera termina chiedendo quindi la cancellazione dell’opera «sotto una tomba di vernice», o la sua sostituzione con un murales raffigurante una “vera” sposa senza barba e baffi. «Sono perplesso, fatico ad entrare in sintonia con questa mentalità e con questa cultura – commenta amaro il sindaco Paolo Pellizzari -. Mi fa conoscere aspetti di una comunità che pensavo avesse una tolleranza, uno spessore morale diverso da quello che traspare dalla lettera». Ribadendo che il Comune non era a conoscenza del contenuto dell’opera prima della sua realizzazione, il sindaco conclude: «non c’è volgarità ma un tema attuale su cui riflettere. MTO è un artista di livello, di rottura. E ci tenevamo ad avere una sua opera ad Arcugnano».
      
      <hr />
      
      <strong>Arcigay Vicenza: «la “sposa barbuta” non danneggia nessuno»</strong>
      
      Il presidente di Arcigay Vicenza, Thomas Tedesco, interviene con un comunicato nel dibattito sul murales “Barba Bride” realizzato ad Arcugnano. Tedesco fa presente che l’artista MTO, autore dell’opera, gode di «fama internazionale, opera nella più assoluta libertà ed il tema da lui scelto è di grande attualità in quanto affronta sia il tema del matrimonio egualitario, causa per la quale la nostra associazione lotta da sempre, sia il tema dell’identità di genere (differente da sesso biologico ed orientamento sessuale). La realizzazione di un’opera – prosegue – è sempre soggettiva da parte dell’artista, ma è il modo in cui viene trattata che diventa collettivo. La forza del progetto sta proprio nella libertà di espressione e nel fatto che “Barba Bride” non danneggia nessuno ma che anzi, fa luce sulla realtà nella quale stiamo vivendo, il mondo del qui e dell’ora».
      «Il fatto che il tema sia ancora un tabù nelle menti di alcune persone lo dimostra questa petizione, dove si legge che non è “una presa di posizione contro gli omosessuali, ma è per un’educazione nel rispetto di tutti“. Un po’ insomma il solito famoso motto omofobo “non ce l’ho con i gay ma che stiano a casa loro o lo facciano nel privato”. Francamente – conclude il presidente dell’associazione – ci lascia perplessi leggere con quanto livore ci si scagli verso un diritto che riguarda tutti noi, omosessuali e non, che porterà finalmente anche l’Italia verso la vera uguaglianza. Che cosa c’è di più giusto e corretto di un’educazione inclusiva volta al rispetto di tutti, maschi e femmine, etero, omo o bisessuali?».
      public post_title -> string UTF-8(60) "«Cancellate la “Sposa Barbuta”, ci impone il matrimonio gay»"
      public post_excerpt -> string UTF-8(174) "... il sindaco conclude: «non c’è volgarità ma un tema attuale su cui riflettere…"
      ... il sindaco conclude: «non c’è volgarità ma un tema attuale su cui riflettere. MTO è un artista di livello, di rottura. E ci tenevamo ad avere una sua opera ad Arcugnano».
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(52) "cancellate-la-sposa-barbuta-ci-impone-matrimonio-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-02-10 09:31:19"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-02-10 08:31:19"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=148722"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer147437
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-01-11 06:19:21"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-01-11 05:19:21"
      public post_content -> string UTF-8(1030) " <strong>Padova, volantino in parrocchia: «animatore gay, che schifo»</strong> «…"
      <strong>Padova, volantino in parrocchia: «animatore gay, che schifo»</strong>
      
      
      «Che schifo un animatore omosessuale». Questo scrive Claudio Malfitano sul Mattino a pagina 34, il contenuto di un volantino apparso qualche settimana fa in una parrocchia padovana. La vicenda emerge solo ora poichè il destinatario del messaggio, un animatore ventenne, ha postato la foto del volantino sulla sua pagina Facebook denunciando l’accaduto e ricevendo subito una valanga di commenti di solidarietà e il supporto del parroco.
      
      Sul volantino, che lo indica espressamente con nome e cognome, si legge: «vuole animare i nostri figli quando lui stesso non è un buon esempio. Lavora in un negozio per abbigliamento gay, frequenta drag queen, tutte le sere d’estate va al Pride Village mostrandosi in atteggiamento promiscuo. Indossa abbigliamento con scritte discutibili e frequenta persone ignobili». «I nostri bambini vedono tutto e lo prendono in giro – conclude il testo del volantino – Non ha morale. Dove andremo a finire? Basta!».
      public post_title -> string UTF-8(60) "Padova, volantino in parrocchia: «animatore gay, che schifo»"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(48) "padova-volantino-parrocchia-animatore-gay-schifo"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-01-11 09:21:22"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-01-11 08:21:22"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=147437"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer147370
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-01-10 06:49:58"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-01-10 05:49:58"
      public post_content -> string UTF-8(2077) " <strong>Padova, ragazzino gay tolto alla madre</strong> Un decreto del tribunal…"
      <strong>Padova, ragazzino gay tolto alla madre</strong>
      
      
      Un decreto del tribunale per i minori di Venezia ha stabilito che un ragazzino di 13 anni dovrà essere trasferito in una comunità lontano da casa. Il motivo? «I servizi sociali sostengono che i suoi atteggiamenti effeminati sono addebitabili alla mamma e alle sorelle, visto che le sue figure di riferimento sono solo femminili», sostiene l’avvocato della madre, Francesco Miraglia. Come riporta Claudio Malfitano sul Mattino a pagina 2, la madre aveva denunciato il padre per abusi sessuali. Il processo si era poi concluso con un’assoluzione per insufficienza di prove di qui il ricorso in appello alla procura di Padova. Intanto però i servizi sociali identificano la madre come responsabile dell’atteggiamento ostile del figlio nei confronti del padre che il 13enne, mandato in una comunità, non vuole più incontrare.
      
      I responsabili della comunità notano quindi i presunti atteggiamenti effemminati del ragazzino e segnalano tutto ai servizi sociali che a loro volta fanno una relazione al tribunale per i minori. I giudici in un secondo decreto dichiarano entrambi i genitori «decaduti dalla responsabilità genitoriale» per via del «disagio psichico» sofferto dal bambino che sarebbe affetto da un «disturbo di personalità». I passaggi più controversi del decreto fanno riferimento ad un episodio avvenuto a scuola quando il 13enne si presentò truccato da donna.
      
      «Nella relazione con i pari e gli adulti è aggressivo, provocatorio, maleducato, tende a fare l’eccentrico – si legge ancora -. Tende in tutti i modi ad affermare che è diverso e ostenta atteggiamenti effeminati in modo provocatorio». I giudici suggeriscono quindi un «percorso di revisione del suo mondo interno così come oggi lo percepisce». Indignata la reazione del legale della madre: «trovo scandalosa la decisione di allontanare un ragazzino solo per l’ atteggiamento effeminato. Mi sembra un provvedimento di pura discriminazione -, afferma non esistono comunità che possano accogliere un ragazzino che potrebbe essere omosessuale».
      public post_title -> string(38) "Padova, ragazzino gay tolto alla madre"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(37) "padova-ragazzino-gay-tolto-alla-madre"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-01-10 09:04:27"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-01-10 08:04:27"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=147370"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer146220
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-12-15 03:06:51"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-12-15 02:06:51"
      public post_content -> string UTF-8(13360) " <strong>Lettera di un ex gay agli omosessuali</strong> Pubblichiamo la lettera …"
      <strong>Lettera di un ex gay agli omosessuali</strong>
      
      
      Pubblichiamo la lettera aperta scritta da Joseph Marlin agli omosessuali.
      
      
      Caro amico,
      non pensare che non ti capisco. No, ti capisco benissimo. Non voglio dire che so tutto, non mi permetterei mai. Ogni persona è diversa, ognuno ha la sua storia. Due parole però vorrei dirtele. Cerca di ascoltarmi. Togliamo di mezzo tutto, il ddl Cirinnà, le coppie omogenitoriali, i diritti civili, la chiesa retrograda. Togliamo di mezzo tutto per un secondo. Oggetto di questa lettera è una cosa diversa: è la felicità. Voglio parlare di come ti senti veramente. Come stai? Non a livello superficiale, davvero. Sei felice? È vero, puoi rispondermi che nessuno lo è, che la felicità non esiste. Ma stai camminando per cercarla in qualche modo? Probabilmente si, e il modo migliore che hai trovato dopo tante sofferenze è quello che, forse, stai vivendo ora: l’affermazione della tua identità omosessuale. Non voglio mettere in discussione le tue scelte, può darsi siano le più giuste per te, e che lì tu stia vivendo la tua completa felicità.
      
      Per me le cose sono andate un pò diversamente. Vorrei parlarti della mia esperienza, dirti ciò che ho vissuto. Già, ma da dove cominciare? È così difficile esprimere a parole un’esperienza umana, che non è fatta solo di concetti e parole ma anche di carne, sangue, vista, tatto, intuizioni più o meno coscienti. Provo ad andare con ordine. Io ho sempre saputo di essere gay. Semplicemente non ho mai pensato di essere etero. Alle medie è stato il momento in cui ho preso maggiore coscienza sull’attrazione. Dentro di me, però, sapevo da parecchio tempo di essere diverso. Ne parlai con qualcuno già a quell’età. Mi ricordo che quello che dicevo era «da quando ho ricordi è sempre stato così». Questo per dire quanto fosse radicata in me questa percezione. All’epoca non mi interessava la questione ci sono nato o diventato, né mi interessava andare troppo a fondo alla questione del perché fossi così. Pensavo non fosse utile. Sapevo solo di essere così. Non c’era possibilità né volontà di cambiamento, dovevo cominciare a conviverci.
      
      Cominciai i miei primi incontri, quindi, molto precocemente. Per lo più con uomini conosciuti in chat, più grandi di me. Una volta capito chi ero, cercavo un modo per adattarmi e cominciare a sperimentarmi, insomma. Mi ricordo che in quel periodo, sempre alle medie, feci qualche incontro con uno psicologo dello sportello di ascolto nella scuola. Tutto il suo lavoro fu di mostrarmi come non ci fosse alcun problema nell’omosessualità, che dovevo accettarmi e smettere di soffrire per colpa della società omofoba. E così feci. Cominciai a vivermi qualche storia, qualche incontro, a parlare di me con qualcuno. Sempre, devo dire, trovai persone che mi accettavano, mi spingevano a non farmi troppo problemi, a proseguire su questa strada. Se questo era quel che ero, avevo diritto di esprimerlo. Alcuni poi, per lo più ragazze, mi adulavano parlando del mio coraggio e di quanto fosse speciale. Questo devo dire mi dava un senso di conforto e calore.
      
      A un certo punto, però, mi resi conto che qualcosa non stava andando per il verso giusto. Erano gli anni del liceo. Un liceo a predominanza femminile e qualche ragazzo qua e là. Già, i ragazzi. Semplicemente non avevo nessuno strumento per entrare in contatto con loro. Li guardavo da lontano. Erano così diversi da me. Li ritenevo stupidi, superficiali, insensibili, incapaci di un dialogo con le donne, su cui io invece ero parecchio ferrato. E probabilmente a volte era vero. Probabilmente per molti aspetti ero una persona migliore di loro. Perché allora mi attiravano così tanto? Perché facevo fatica persino a salutarli? Li giudicavo inferiori e diversi. A volte, però, mentre li sentivo ridere sguaiati su una qualsiasi cavolata dopo l’ora di educazione fisica in cui si erano sfidati su un campo da calcetto ed io a guardarli, avrei dato qualsiasi cosa per essere uno di loro. Ma come si faceva?
      
      Poi qualcosa precipitò. Un ragazzo, uno di loro, il più bello, il più disinibito e per me il più virile cominciò a rapportarsi più apertamente con me. Io in un misto di paura e gioia cercavo di essergli amico. Lo usavo come scudo per rapportarmi con gli altri, che vedevo ancora così lontani. La nostra però era un’amicizia che mi feriva profondamente. Lui sapeva farci con tutti. Io no. Lui doveva essere mio, dovevo avere da lui tutte le attenzioni. Dovevamo essere sempre più intimi, un’intimità che non mi bastava mai. Mi stavo innamorando, pensavo. O volevo essere lui? Non capivo. In tutto questo, il colpo finale. Un giorno venne e mi disse: «tu sei morboso, triste, io non voglio più stare con te, voglio stare con gli altri, lasciami in pace». Precipitai nell’abisso. L’abbandono. Perché non andavo bene? Perché io no e gli altri si? Come si faceva ad essere uno di loro? Sentivo come se loro mi disprezzassero, non mi ritenessero degno di essere uno di loro, ma io desideravo così ardentemente la loro virilità. Spesso fantasticavo sessualmente su diversi da loro. Poi cominciò a emergere l’angoscia, dormivo male, pensavo continuamente a loro, a lui, il ragazzo di cui mi ero invaghito. Ci pensavo, ma mentre eravamo a scuola avevo una terribile paura che mi impediva il rapporto. Fuggivo. Li respingevo. Li desideravo come non mai. Cominciai a stare malissimo durante le ore di scuola, la sera facevo fatica ad addormentarmi. Ero distante da loro. Volevo essere vicino. Non sapevo farlo. Mi rifugiavo nelle mie fantasie.
      
      Finì tutto nello studio di uno psicologo. E da lì cominciò a venir fuori il mondo sommerso che avevo dentro. Uscirono fuori tante dinamiche all’interno della mia famiglia di cui ero ed ero stato vittima: una madre triste, ipercritica nei confronti del marito, un padre lontano emotivamente ma allo stesso tempo molto presente in forma autoritaria. Avevo una fottuta paura di lui. Era così lontano, così imperturbabile. Almeno ai miei occhi. Cominciò ad essere chiaro il distacco difensivo che avevo messo in atto nei suoi confronti e poi in generale con il mondo degli uomini. Cominciò ad essere chiaro l’attaccamento morboso di una madre di cui credevo di dover curare l’infelicità. Dove era lì lo spazio per me? Dove erano lì i luoghi dove poter esprimere il bambino che ero? I tentativi di spontaneità che avevo venivano repressi. Non potevo uscire dal ruolo che loro mi avevano dato, pena la loro lontananza. Attenzione, non sto parlando di una famiglia disastrata, o di maltrattamenti subiti o chissà quali abusi. Una famiglia all’apparenza normale, che però mi ha ferito enormemente.
      
      Con il mio terapeuta, cominciai ad analizzare anche le mie relazioni attuali. Anche da lì uscirono fuori tante cose, proprio a partire dal confronto reale con quel gruppo classe che tanto mi aveva ferito. Uscì fuori quanto in fondo fossi invidioso di loro, quanto mi sentivo inferiore, quanto tendessi a sessualizzare proprio i ragazzi che mi sembravano essere più diversi da me, che avevano caratteristiche che io sentivo mancanti in me, riconducibili tutti all’idea idealizzata e lontana che avevo di virilità e mascolinità. Era sempre più chiaro, non li desideravo solo sessualmente, c’era qualcosa di più, io volevo essere loro! Mi vennero dati quindi degli strumenti per provare a relazionarmi in modo nuovo con loro, per trovare un contatto più vero di quello che avevo nelle mie fantasie e atti sessuali. Fu un mondo del tutto nuovo e inesplorato per me. Richiedeva sforzo e impegno quotidiano da parte mia, obbligandomi a vincere in qualche modo strati di vergogna e distacco difensivo. Era una fatica diversa da quella che avevo sperimentato fino a quel momento nelle mie relazioni, era una fatica che mi riconnetteva con me stesso e con gli altri. In sintesi: dovevo sfidare ciò che mi faceva più paura, invece di scappare e poi fantasticarci sopra.
      
      Poi un ricordo, come fosse ieri, durante la gita di fine anno. Eravamo tutti lì. I ragazzi. C’ero io, il ragazzo di cui mi ero invaghito un paio di anni prima e gli altri. Ridevamo, scherzavamo. Le ragazze con cui ero abituato a stare poco più in là. Non so come spiegarti. Forse stavo ricevendo i frutti di tutta quella fatica verso la ricerca della mia identità. A un certo punto io ero uno di loro, semplicemente. Non ero più attratto da loro. Non ne avevo bisogno. Ero lì con loro. Non avevo più paura. Ero nel posto che mi era sempre spettato e che avevo sempre desiderato: il mondo degli uomini. Nei tempi che seguirono mi accorsi con sempre più chiarezza che più stavo in quel posto più le attrazioni diminuivano. Non so trasmettervi la gioia per chi viene dalle mie difficoltà di sentirsi connesso in modo autentico con altri uomini. Da uomo a uomo. Da pari a pari. Guardarsi negli occhi, da fratelli. Sulla stessa barca. Non so trasmettere la sensazione di scambiarsi abbracci virili, senza voler rubare niente o sentirsi inadeguati. La gioia di raccogliere tutto il coraggio che hai, scendere di nuovo nel campo che ti attirava e ti spaventava allo stesso tempo. Nel campo di pallone, per esempio. Scoprirsi non dei campioni, ma degni di starci. Accettare anche consigli, perché tu su quel campo non ci scendevi da anni. La gioia di quando ti passano la palla, e magari fai anche un gol. La gioia di riscoprirsi uomo, magari in uno spogliatoio o davanti a una birra. Non superuomo, ma sufficientemente virile sì. Degno. Quando ci arrivai, capi che sì, cazzo, lì era la mia felicità. Li era dovevo volevo stare, da sempre, quello per cui avrei lottato tutta la vita. Non quell’abisso di chiusura, difficoltà, ossessioni in cui ero caduto.
      
      Poi le cose si susseguirono ad una certa velocità: un potere sempre più forte nelle relazioni, una maggiore iniziativa nelle scelte, il chiarimento con papà. Quella volta in cui lo abbracciai e piangendo gli dissi: mi hai ferito ma io voglio essere un uomo come te. Non so come, poi, a un certo punto mi baciai con una ragazza. Non esplose mai dentro di me una carica eterosessuale, non so perché lo feci. Qualcosa mi spingeva. Forse ora catalogavo le ragazze diverse da me e provavo curiosità per loro. Anche sessuali. Avevo reazioni fisiche. Questo si consolidò sempre di più. A un certo punto sapevo chi ero e cosa volevo.
      
      Bene. Sono passati quasi dieci anni. Sono successe tante cose. Tante volte ho detto: ok, finito, ci sono, qui mi fermo, ho raggiunto quello che volevo. Ma ho scoperto che non si arriva mai. Ho scoperto la mia debolezza. Tante cadute. Ho scoperto che la sofferenza che ho provato da bambino andava oltre quello che mi sarei immaginato. Quella storia poi con la ragazza del bacio, non andò granché. Ma poi ho conosciuto una donna forte ma delicata allo stesso tempo, che mi sostiene e mi spinge a diventare sempre di più ciò per cui sono nato. Ah giusto, dimenticavo un paio di cose: io e la donna in questione ci sposiamo. Tra poco più di un anno.
      
      Oggi sono uno psicologo. Lavoro anche con bambini e ragazzi nell’ambito dello sviluppo dell’identità di genere. Sogno una psicologia che possa dare a tutte le persone una seconda possibilità rispetto alle loro ferite inferte nell’infanzia, come è successo a me. Sogno una psicologia che fornisca strumenti per rendere le persone capaci sempre di più di fare scelte libere e consapevoli, e se possibile aiuti le persone a volgere lo sguardo verso valori umani, stabili e positivi. Proprio per questo voglio ringraziare di cuore il mio terapeuta: la persona che so che per primo crede in questa psicologia e ha saputo trasmettermela. Oggi sono un uomo immensamente più vero, stabile, determinato, onesto, con delle intenzioni e motivazioni verso cui tendere rispetto a diversi anni fa. Enormemente più felice.
      
      Perché ti ho raccontato tutto questo? Probabilmente puoi liquidare questa mia storia che ti ho consegnato con il cuore in mano in due parole, dicendo semplicemente «non eri gay» o «sei solo un gay represso a cui hanno lavato il cervello». Oppure no. Oppure puoi provare a lasciarti interrogare da quello che ti ho scritto. Puoi provare a vedere se ci ritrovi qualcosa di tuo. Possiamo guardarci negli occhi e provare a dirci la verità sulle nostre vite, in qualche modo. Probabilmente hai già sofferto parecchio. Rischi di aggiungere ferite a ferite. Forse non è tutto riconducibile all’omofobia interiorizzata, a presunti geni gay o al fatto che l’amore è comunque amore. Forse qualcosa è stata toccato nel profondo della tua identità di uomo e di donna. Forse è successo talmente tanto tempo fa che non ne hai ricordi. Forse, però, da qualche parte, nel fondo del tuo cuore, c’è la possibilità di prenderti cura di quella sofferenza. Te lo devi.
      
      Il rischio è che qualunque scelta che hai fatto e farai in futuro sia per scappare da lì, per non guardare dentro quell’enorme buco. Ma è possibile guardarci dentro e sopravvivere. Te lo devi. Non fermarti alla prima opzione che ti viene data. Non si tratta di provare a essere etero. Qui è in ballo qualcosa di diverso. E non importa il risultato del percorso. Quello che conta è quanto vorrai essere onesto nel vedere chi sei, chi eri, chi avresti potuto essere e soprattutto chi vuoi essere oggi. E muoverti in quella direzione. È in ballo la verità della tua identità. Non aver paura di continuare a camminare, di continuare a cercare la felicità.
      
      Joseph Marlin
      
      
      
      public post_title -> string(37) "Lettera di un ex gay agli omosessuali"
      public post_excerpt -> string UTF-8(248) "... ho conosciuto una donna forte ma delicata allo stesso tempo, che mi sostiene…"
      ... ho conosciuto una donna forte ma delicata allo stesso tempo, che mi sostiene e mi spinge a diventare sempre di più ciò per cui sono nato. Ah giusto, dimenticavo un paio di cose: io e la donna in questione ci sposiamo. Tra poco più di un anno...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(34) "lettera-un-ex-gay-agli-omosessuali"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-12-15 09:11:13"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-12-15 08:11:13"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=146220"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer145870
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-12-05 06:29:58"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-12-05 05:29:58"
      public post_content -> string UTF-8(4267) "<strong>Il caso Minnella, il femminismo ufficiale e la tolleranza gay</strong> M…"
      <strong>Il caso Minnella, il femminismo ufficiale e la tolleranza gay</strong>
      
      Marco Milioni
      
      Il finto stupro denunciato da una giovane vicentina è passato sotto silenzio. Le donne impegnate si fanno sentire solo nelle feste comandate dei diritti?
      
      La storia di Federica Minnella, vicentina di Cogollo condannata a 16 mesi per avere denunciato a carico del padovano Antonio Siviero un falso stupro nel Rodigino, è passata quasi inosservata, non generando tutte quelle discussioni, talvolta da bar, che solitamente fanno seguito a vicende con un che di torbido e pruriginoso.
      
      Nessuna reazione dal mondo delle donne, soprattutto, che di recente ha onorato la Giornata contro la Violenza a loro danno. Forse una parola di stigmatizzazione avrebbe fatto bene alla propria causa, che é sacrosanta. Ma forse, appunto, la sensibilità femminista (cioè delle donne consapevoli e attive nel difendere i diritti delle donne), a parte le associazioni e le intellettuali come la vicentina Luisa Muraro, nell’arena mediatica si accontenta delle occasioni di rito.
      
      Esiste ancora un movimento femminista? La domanda non è pretestuosa. Prendiamo, ad esempio, autorevoli riflessioni che provengono da questo stesso mondo. Come quella della professoressa Camille Paglia. Sociologa americana fra le maggiori,lesbica di sinistra ed atea, pur dichiarandosi femminista definisce il femminismo attuale «malato, indiscriminato e nevrotico» (fra l’altro, era una delle poche che ci aveva preso sulla batosta che avrebbe buscato Hillary Clinton, magnificata da molte politiche nostrane in quanto donna in politica rispetto al sessista Donald Trump: «I democratici che pretendono di parlare ai poveri e ai diseredati, sono sempre più il partito di un’élite fatta d’intellettuali e accademici»). Più o meno sullo stesso solco si muove la filosofa, sempre statunitense, Nancy Fraser, che in un articolo pubblicato sul Guardian tre anni orsono addirittura si poneva la questione di come «il femminismo sia divenuto l’ancella del capitalismo».
      
      La Paglia fornisce un altro spunto interessante: la similitudine fra la battaglia femminista storica, quella degli anni ’60-’70 sui diritti civili, all’odierna battaglia per i diritti Lgbt. Quando sulla stampa americana le è stato chiesto come mai «in questi anni non c’è stato nessun leader gay lontanamente vicino alla statura di Martin Luther King» lei ha risposto così: «Perché l’attivismo nero si è ispirato alla profonde tradizioni spirituali della chiesa a cui la retorica politica gay è stata ostile in maniera infantile. Stridulo, egoista e dottrinario, l’attivismo gay è completamente privo di prospettiva filosofica». Un giudizio duro. Forse troppo, per certi versi.
      
      Ma forse anche utile per quel dovere di autocritica che accompagna ogni forza sociale e politica che si ponga in maniera critica, com’è anche il movimento gay (il quale, sia detto en passant, in alcune sue frange potrebbe pure dimostrare quell’apertura libertaria di cui si fanno portatori: questo quotidiano online, per esempio, è stato bollato come «testata ultracattolica» dagli sdegnosi responsabili del portale Gay.it, evidentemente perché non si tollera che un giornale libero, non cattolico nè anti-cattolico, possa ospitare opinioni diverse dalle loro, esattamente come dà spazio ad altre di segno opposto, come, per citarne qualcuna, un recente articolo sul rapporto fra omosessualità e cattolicesimo, o il bellissimo diario esclusivo di un esponente veneto dell’Arcigay negli Usa, o altre ancora in passato).
      
      Ma per tornare al nostro Veneto, vorremmo porre un’altra domanda. Come mai nessuna donna impegnata in politica e nella società da queste parti ha speso una-frase-una sull’ex gip Cecilia Carreri, massacrata mediaticamente e stroncata nella carriera di magistrato (o magistrata, in ossequio al politicamente corretto linguistico) per una condotta deontologicamente sbagliata che non c’era mai stata, e che guarda caso aveva osato tentare di mandare a processo l’uomo più potente di Vicenza e uno dei più influenti del Veneto, ovvero Gianni Zonin? Non è che alla fine della fiera la sensibilità femminile è ormai molto poco femminista, a meno di non considerare tale le dichiarazioni obbligate nei giorni comandati di femminismo ufficiale?
      public post_title -> string(61) "Il caso Minnella, il femminismo ufficiale e la tolleranza gay"
      public post_excerpt -> string UTF-8(71) "... l’attivismo gay è completamente privo di prospettiva filosofica..."
      ...  l’attivismo gay è completamente privo di prospettiva filosofica...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(52) "caso-minnella-femminismo-ufficiale-la-tolleranza-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-12-05 08:33:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-12-05 07:33:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=145870"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer145015
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-11-16 07:00:45"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-11-16 06:00:45"
      public post_content -> string UTF-8(8630) "&nbsp; <img class="alignnone size-full wp-image-145016" src="https://www.cinemag…"
      &nbsp;
      
      <img class="alignnone size-full wp-image-145016" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2016/11/361116-vari-migliorini.jpg" alt="361116-vari-migliorini" width="672" height="450" />
      <strong>«Chiesa e Lgbt insieme, perché l’amore gay è cristiano»</strong>
      Il giovane teologo Migliorini sull'«ipocristia anti-storica» della parte più «istituzionale» del mondo cattolico. Il cambiamento? Dalla «base». E da Bergoglio
      damiano_migliorini
      Gay e cattolici, due mondi dai rapporti difficili. E chi è sia gay che cattolico? «La dottrina ufficiale sembra spingere a un doloroso aut aut tra due cose positive: o la vita di coppia, o la fede». Eppure trovare una conciliazione razionale tra omosessualità e religione è possibile. «Dipende dal grado di accettazione di sé, dal modello di religiosità che ciascuno fa proprio, e dalla Chiesa incontrata nel prossimo». A spiegarlo è il vicentino Damiano Migliorini, dottorando in Filosofia con specializzazione in Scienze Religiose all’università di Verona. Che tuttavia non vede nero: «fra i cattolici é in atto un percorso di apertura verso i gay».
      LE APERTURE DELLA CHIESA
      «Con il pontificato di Papa Francesco le persone omosessuali si sentono quantomeno più accolte, hanno una speranza in più. Nella Chiesa si sta facendo qualche timido passo avanti». Effettivamente, dai dati raccolti in alcune parrocchie del Vicentino con la dottoressa Beatrice Brogliato e pubblicati nel libro “L’amore omosessuale. Saggi di psicoanalisi, teologia e pastorale”, emerge che tra i fedeli è ormai diffusa una visione positiva dell’omosessualità, soprattutto tra i giovani: stando ai dati, oltre l’80%. «È una linea di tendenza. La chiesa di base è più aperta rispetto a quella istituzionale e riflette la cultura (anche teologica) recente. Eppure molti teologi morali preferiscono “non vedere”: ma possiamo continuare a dire che il popolo è manipolato, oppure possiamo iniziare a comprenderne la saggezza?»
      
      OMOFOBIA DOTTRINALE
      Nel libro Migliorini approfondisce il complesso rapporto tra Chiesa e omosessualità riportando anche le principali tesi degli storici. «La Chiesa primitiva s’è formata in un contesto di crescita dell’intolleranza già avviato nella società romana. Ne è risultato un rafforzamento reciproco tra l’embrionale dottrina ebraico-cristiana procreazionista, i modelli filosofici tardo-antichi e quelli istituzionali. Nei secoli successivi, spesso gli omosessuali hanno trovato nel sacerdozio un rifugio all’intolleranza e alla pressione sociale che vedeva con sospetto i celibi non ordinati». Senza generalizzare, «alcune persone omosessuali all’interno della Chiesa sono le prime a difenderne la dottrina, perché ereditata e funzionale a nascondersi». Di qui la situazione peculiare in cui la Chiesa si trova. «Anche perché chi reprime la propria tendenza non tollera di vedere altri che vivono serenamente e tende a imporre il sacrificio a tutti». Gli atteggiamenti di omofobia dottrinale e pastorale di alcuni sacerdoti, pertanto, «sono dovuti a questo insieme complesso di dinamiche psicologiche e storico-dottrinali, a cui si somma la minaccia di espulsione dalla Chiesa. Un forte deterrente che induce all’omologazione».
      
      NEGAZIONE E ACCETTAZIONE
      Emblematico il caso di Monsignor Charamsa messo alla porta dal Vaticano dopo aver fatto coming out: «ha reso palese tutto ciò, pagandone il prezzo con una scelta umanamente dura e tormentata, ma che ora lo vede sereno». Al contrario, però, molti gay cattolici scelgono di rinnegare ufficialmente la loro natura. «In linea teorica sarebbe preferibile “uscire dall’ombra”, per creare una massa critica capace di indurre all’accettazione sociale, ma le situazioni di vita sono le più diverse, e spesso l’ideale va calato in esse con prudenza. Non credo sia un problema se uno decide di non fare della sessualità manifesta il perno della propria relazione con gli altri. È una scelta personale». Altro paio di maniche sono i gay – non solo, beninteso, i preti, ma in generale i repressi e specialmente le “velate”, di cui ad esempio è pieno il mondo della politica e delle classi agiate – che non soltanto non si espongono, ma negano quel che sono o addirittura sono omofobi. “Guai agli ipocriti”, diceva il Vangelo. «Questa sì è un’ipocrisia difficilmente giustificabile. Ci si può spendere per una società più tollerante nei confronti delle minoranze sessuali anche se non si dichiara il proprio orientamento. Anche gli eterosessuali dovrebbero essere attivisti lgbt».
      
      STEREOTIPI E PERDONO
      Anche all’interno della galassia arcobaleno, tuttavia, esistono pregiudizi verso la Chiesa e i cattolici in generale. «Alcuni anche comprensibili, in un’ottica di lungo periodo». La Chiesa romana però «non va vista, oggi come un unico blocco, immodificabile e irredimibile». Essa è sia l’istituzione, con la sua storia fatta «di tesori e, purtroppo, di scheletri», sia «il popolo di Dio, l’insieme dei battezzati, con pregi e difetti, dagli ottimi preti di frontiera ai gruppi storici di cristiani lgbt. Inoltre, in questa Chiesa, tanto umana e divina, oggi c’è più libertà di pensiero, e gli atteggiamenti dei fedeli sono i più diversi». Ragionare per stereotipi ereditati e rinfacciarsi le colpe è comunque sterile: «come il Papa ha ricordato di recente incontrando i luterani, è inutile chiudersi nel passato. Non possiamo esserne prigionieri. Nessuno nega lo scontro che, nei secoli, si è verificato tra Chiesa e minoranze sessuali, fatto di errori da entrambi le parti. Ogni pregiudizio ha delle ragioni storiche, che vanno sondate e fatte emergere: la storia può così essere taumaturgica, per capire chi siamo e guardare al futuro, coscienti del passato, ma coscienti anche che il passato è passato». Per riconoscere le colpe passate servono «grande forza psicologica e maturità comunitaria, dono della Grazia. Dobbiamo avere tutti il coraggio del perdono, della tenerezza, dell’incontro. Io credo – lo spero – che la Chiesa e il mondo lgbt siano pronti a camminare insieme».
      
      NODI DA SCIOGLIERE
      Uno dei nodi da sciogliere resta come si possa vivere la propria sessualità senza praticarla, essendo peccato per la dottrina cattolica. «Dal punto di vista strettamente teoretico si tratta di comprendere perché vi sia una minoranza con determinate caratteristiche innate, e quale sia il suo posto nel disegno di Dio. A livello ancor più generale si tratta di capire quale siano i fini della sessualità stessa, e quindi i modi umanizzanti in cui essa possa essere agita». In teologia l’operazione è appena iniziata, ma «è questione di tempo, l’evidenza c’è già, e ogni amore ha la sua razionalità». Va poi risolto un sostanziale paradosso dal punto di vista più pastorale: «la continenza è un carisma (scelto) tra i più difficili da realizzare e riservato a pochi, ma nel caso degli omosessuali è imposto a tutti come conseguente alla loro tendenza (non scelta). Questo porta a preferire i rapporti occasionali promiscui – da cui si può essere assolti se confessati nel sacramento -, rispetto a stabili relazioni affettive – per le quali non c’è assoluzione stando alla dottrina corrente». Invece, anche le persone omosessuali si innamorano e l’amore non può che essere positivo: «chiedere di negarlo e reprimerlo è disumano e irrealistico. È una condanna alla schizofrenia perenne che la Chiesa dovrebbe avere il coraggio di superare, proponendo il bene possibile nella situazione data».
      
      “CRISTOLOGIZZARE”
      In questa posizione, sostiene lo studioso, «non c’è alcuna deriva relativista o edonista. Significa cristologizzare l’amore omosessuale». Eppure, c’è chi teme che la Chiesa possa avviarsi verso un processo di secolarizzazione sulla base di un approccio individualista. Per Migliorini, «il ritorno all’essenziale del Vangelo non è un cedimento alle mode del mondo: anche il mondo è nelle mani di Dio, che può servirsene per indicare alla sua Chiesa una strada da seguire (Rm 11,16-25). Chi conosce la storia della Chiesa – conclude – sa bene che è sempre stata segnata dall’integrazione delle istanze del mondo compatibili con il suo messaggio cristiano: un complicato aggiornamento, un continuo approfondimento, non uno snaturamento. C’è chi, invece, vorrebbe tener sempre vivi rancori antichi. Invece, per ritrovare unità bisogna perdonarsi, saper vedere nell’altro ciò che vi è di buono. Dovremmo essere più fiduciosi nell’opera vivificante dello Spirito, e saper vedere nei movimenti di liberazione integrale degli oppressi, in alcune istanze della teologia protestante e ortodossa, nella cultura della pace e del dialogo, la realizzazione piena del Vangelo e della cattolicità della Chiesa».
      public post_title -> string UTF-8(55) "«Chiesa e Lgbt insieme, perché l’amore gay è cristiano»"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(47) "chiesa-lgbt-insieme-perche-lamore-gay-cristiano"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-11-16 08:58:45"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-11-16 07:58:45"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=145015"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer144798
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-11-12 04:21:35"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-11-12 03:21:35"
      public post_content -> string UTF-8(3092) "<strong>«Cattolici gay, una contraddizione in termini»</strong> Molto scalpore h…"
      <strong>«Cattolici gay, una contraddizione in termini»</strong>
      
      
      Molto scalpore hanno fatto delle affermazioni pronunciate in una recente conferenza in sala stucchi di Palazzo Trissino. «L’adozione normale per una coppia dello stesso sesso? È un campo di discussione aperto, non c’è una preclusione». Siamo ormai avvezzi ad ascoltare simili discorsi ma ha stupito molto che l’artefice sia stato don Matteo Pasinato che è il Direttore dell’Ufficio diocesano vicentino per la pastorale Sociale e del Lavoro (sic!). Ancora di più apprendere che svolge anche la mansione di ”teologo”, come ha sottolineato Monsignor Pizziol in un suo intervento sui media cercando di rintuzzare le curiose esternazioni del suo prelato.
      
      Il Vescovo ha altresì rimarcato che le posizioni di don Pasinato non rispecchiano la posizione ufficiale della chiesa di Vicenza ma che si tratta di «un contributo dal punto di vista teologico e pastorale a una discussione che ha una sua legittimità e un peso nella vita delle persone». Ora: quanto ha opinato il prete-teologo non va solo contro il pensiero della diocesi berica ma di tutta la dottrina della Chiesa universale, ed inoltre è abbastanza singolare che si occupi di questioni teologiche e dogmatiche. Tanto più che don Matteo era seduto al tavolo con membri dell’Associazione Arcigay di Vicenza.
      
      Codesti episodi non sono nuovi: mercoledì 6 maggio 2015 a Vicenza, alle ore 18.30, nel Salone d’Onore del Palazzo delle Opere Sociali in Piazza Duomo è stato presentato il libro “l’Amore Omosessuale” con una nutrita partecipazione curiale tra cui don Andrea Guglielmini assistente generale dell’azione cattolica vicentina e che ha avuto il patrocinio (tra gli altri) dell’Ufficio per la pastorale per il Matrimino e la Famiglia della Diocesi di Vicenza, CTI Coordinamento Teologhe Italiane, Libreria San Paolo, Pastorale giovanile le diocesi di Vicenza, Società Generale di mutuo soccorso, Centro culturale San Paolo ONLUS, Congregazione dell’oratorio di Vicenza, Caritas vicentina, Azione cattolica Vicenza; anche dell’Associazione La parola: se se ne visita il sito si noterà che è formato da “persone omosessuali credenti“, il che è una palese e lapalissiana contraddizione in termini.
      
      Il famoso avvocato Gianfranco Amato, membro dei Giuristi per la vita, in un suo articolo su Il Timone ha stigmatizzato questo incontro soprattutto per il fatto che gli autori del testo si definiscono sperimentatori e sostengono che la Chiesa sia pronta per un cambio di passo e si debba interrogare sulle ragioni profonde che spingono a un riconoscimento anche sacramentale di questo tipo di unioni. Questo dice molto sull’atmosfera ecclesiale che si respira negli ambienti ecclesiali di casa nostra nonostante gli argini posti dall’Ordinario. Oltre a questo resta da ancora da risolvere la questione della Messa more antiquo in città. Oltre ai coetus esistenti ve ne sarebbero altri che la attendono nel capolouogo in base al Motu Proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI che permette l’esistenza di più gruppi stabili in una medesima diocesi. In Jesu et Maria.
      public post_title -> string UTF-8(46) "«Cattolici gay, una contraddizione in termini»"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(36) "cattolici-gay-contraddizione-termini"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-11-12 08:23:26"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-11-12 07:23:26"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=144798"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer143866
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-10-18 06:24:52"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-10-18 04:24:52"
      public post_content -> string UTF-8(5541) "Non solo gay: «ci siamo anche noi bisex» A Verona esiste un'associazione ("Lievi…"
      Non solo gay: «ci siamo anche noi bisex»
      A Verona esiste un'associazione ("Lieviti") di bisessuali: «siamo vittime di pregiudizi. Anche degli omosessuali»
      
      Il dibattito sui diritti e le rivendicazioni gay ha preso talmente piede sui media tanto da oscurare chi, lungi dall’ascriversi dalla cosiddetta ortodossia etero, denuncia una disparità di attenzione quanto meno mediatica. A Verona c’è una associazione con tanto di portale web, “Lieviti”, che è diventata un punto di riferimento nazionale per chi invece porta avanti le istanze del variegato mondo dei bisessuali. La presiede Luigia Sasso (in foto) che in prima battuta spiega di essere «sposata, bisessuale con un uomo che invece è eterosessuale».
      Il che potrebbe apparire come una contraddizione anche se «non è così», sottolinea la Sasso. Che spiega il motivo di un nome tanto curioso scelto per l’associazione da lei presieduta: «Abbiamo scelto questo nome, Lieviti, perché il lievito di birra selvatico può cambiare sesso a volontà, ed altre specie di lieviti non si accontentano di avere solo due sessi». Una metafora in termini biologici sulla quale poggia un convincimento preciso, ovvero quello di volere superare quel costume o una certa morale tradizionale impostati sul dualismo tra uomo e donna o fra quello tra omosessuali: «Volevamo prendere posizione contro il binarismo dei corpi, dei generi, dei desideri. Abbiamo fondato Lieviti perché non esisteva al momento alcuna associazione italiana di bisessuali legalmente riconosciuta, al contrario che in altri paesi d’Europa e negli Usa».
      
      Che cosa intende Lieviti per bisessualità? Ed è possibile dare definizioni precise in questo senso in una materia così fluida come la sessualità? «La definizione che usiamo – argomenta la Sasso – si ispira all’attivista americana Robyn Ochs secondo la quale bisessuale è la persona che riconosce di essere potenzialmente attratta, romanticamente e/o sessualmente, dalle persone di più di un sesso e/o genere. Non necessariamente nello stesso momento, non necessariamente allo stesso modo, non necessariamente nello stesso grado».
      
      E c’è di più. «In tanti mi domandano – racconta la presidente – come si faccia a gestire quotidianamente l’attrazione per entrambi i sessi. La risposta che mi sento di dare è che il problema non è l’orientamento sessuale, ma se si vuole essere monogami o poliamorosi. Il monogamo deve evitare le tentazioni. Il poliamoroso, ovvero chi ama più individui contemporaneamente, spesso ha una relazione primaria e deve badare a che le ulteriori relazioni non compromettano questa. Non è che una persona bisessuale abbia un appetito sessuale complessivo superiore a quello dei monosessuali, quindi non riteniamo di avere problemi superiori ai loro». Detto in termini terra terra i bisex, sul piano affettivo, amoroso o sessuale hanno una vita spalmata su più fronti.
      
      Ad ogni buon conto quando si parla di bisessualità ci sono alcuni quesiti che ricorrono in modo abituale. Il primo riguarda quanto questa sia diffusa. La seconda riguarda i problemi che eventualmente incontra un bisex rispetto, ad esempio, ad un o una omosessuale. Da questo punto di vista la presidente di Lieviti cita una recente inchiesta americana secondo cui «i bisessuali sono di più degli omosessuali» mentre un’altra ricerca inglese mostrerebbe che «la bisessualità viene assai apprezzata dai giovani giacché tra le persone di età tra i 18 e 24 anni il 49% si dichiara bisessuale, il 46% eterosessuale, il 2% omosessuale».
      
      La Sasso affronta anche la questione del disvelamento della identità sessuale, che gli anglosassoni chiamano coming out, evidenziando che per i bisex tale pratica esista come per i gay, ma nel caso dei bisex «deve essere ripetuta continuamente» anche per evitare incomprensioni o falsificazioni da parte dei propri partner sottolinea la portavoce.
      
      Ma a fronte di tutte queste evidenze come mai gli omosessuali spesso non credono alla bisessualità, finendo per considerarla omosessualità mascherata? «Nel caso degli uomini bisessuali – precisa la presidente – bisogna dire che tutti pagano le colpe di alcuni. Non pochi giovani uomini omosessuali fanno coming out a rate, ovvero dicono di essere bisessuali prima di trovare il coraggio di ammettere di essere omosessuali, ma non dobbiamo generalizzare. Nel caso delle donne, è una cosa più complicata: molte lesbiche sono convinte che solo una donna possa amare appieno un’altra donna, e che è perciò improbabile che una donna che ne abbia amata un’altra possa poi amare un uomo. Il risultato è che le donne bisessuali sono spesso accusate di essere delle profittatrici. Quelle “che vanno al letto col nemico”».
      
      Ma come vanno le cose per esempio quando si parla di ritrovi o di locali bisex? C’è una particolarità culturale veneta, nel giudizio o pregiudizio nei confronti dei bisex, o va un po’ come in tutta Italia? «Personalmente – abbozza Sasso – non siamo a conoscenza di locali bisex. Semmai, un fenomeno che è stato notato in tutto il mondo è che le donne bisessuali che cercano uomini non hanno bisogno di sforzi particolari, mentre quelle che cercano donne devono ricorrere ad internet o frequentare spazi lesbici. Questo alimenta anche il pregiudizio di chi è convinto che le bisessuali siano in realtà lesbiche opportuniste, ma il motivo è che i corteggiatori maschi sono sempre e comunque più di quelli che una donna può sopportare. Quanto ai pregiudizi – conclude la Sasso – nel Veneto non ne abbiamo trovati di particolare. Diciamo che la situazione è triste in tutta Italia».
      public post_title -> string UTF-8(40) "Non solo gay: «ci siamo anche noi bisex»"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(27) "non-solo-gay-ci-anche-bisex"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-10-18 08:25:09"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-10-18 06:25:09"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=143866"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer80737
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2015-12-03 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2015-12-02 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(10714) "Caro direttore, ho letto con interesse, come sempre, il Suo articolo sulla cosid…"
      Caro direttore,
      ho letto con interesse, come sempre, il Suo articolo sulla cosiddetta “teoria gender”. E’ ormai abbastanza difficile, come veniva ben esplicitato nell’articolo stesso, esprimere punti di vista originali o per lo meno non scontati sull’argomento, che ha subito innumerevoli, violente e strumentali incursioni da parte di molti, specialmente di coloro che sono professionisti nella speculazione becera e finalizzata a catalizzare consenso politico-elettorale.
      
      L’unico presupposto ragionevole dal quale partirei per sviluppare qualsivoglia riflessione è l’assunto secondo cui l’omosessualità è un orientamento diffuso all’interno della nostra comunità, dove per nostra non si intende italiana, europea o occidentale, bensì umana, globale. E’ un fatto. Qualcosa che non ha alcun senso negare o tentare di reprimere e, dal mio modestissimo punto di vista, nemmeno di sostenere o dimostrare con l’ausilio di comunque utili ricerche socio-antropologiche.
      
      Dico questo, caro Mannino, in funzione di un approccio che non può che avere (in particolar modo nel mio caso) una finalità politico-amministrativa. In quest’ottica infatti cerco di proseguire nell’articolazione del ragionamento ponendo a me stesso e a tutti noi un paio di semplici considerazioni: sul serio intendiamo continuare a chiederci se sia giusto o ingiusto garantire diritti a una fetta significativa della popolazione che ha hobbesianamente ceduto la propria sovranità individuale ad uno Stato che si impegna in cambio a garantirne il benessere (diritti civili compresi)? Sul serio intendiamo continuare ad interrogarci se sia “legittimo” aggirare un limite naturale in una società che ha scelto un modello economico come quello che conosciamo, il quale ha già da tempo sacrificato il rispetto per qualunque limite naturale sull’altare del profitto? Veramente, mentre i nostri governanti si riuniscono a Parigi per decidere se alzare la temperatura dell’intero pianeta di 2 o 3 gradi centigradi, noi discutiamo sulla liceità o meno che una coppia di persone che si amano dovrebbe avere di crescere un bambino?
      
      Garantire diritti civili alla comunità lgbt è semplicemente necessario. Poniamoci il problema di come farlo nella maniera più adeguata e rispondente alle esigenze di chi li richiede, senza ledere diritti altrui naturalmente, ma dove per “diritti altrui” non si intendono interessi e bandierine delle varie ideologie conservatrici, piuttosto che delle lobbies (quelle vere) religiose. Senza scordarci peraltro di dare atto alla Chiesa cattolica di aver fatto interessanti aperture sul tema proprio nel periodo in cui si consumava il dibattito pubblico sulle Unioni Civili, aperture che il governo del barricadero Alessandro Zan si è ben guardato dal cogliere per tenere in piedi un baraccone con dentro Alfano e compagnia del resto, questo ed altro.
      
      Per concludere, non riesco a farmi la benchè minima idea sull’opinione che avrebbe potuto avere Pier Paolo Pasolini a questo punto della storia, ma forse del resto poco conta: abbiamo lo straordinario privilegio di poterci fare noi la nostra storia. Facciamocela bene, facciamocela giusta.
      
      Mattia Orlando
      Coordinatore Sinistra Ecologia e Libertà Venezia
      
       
      
      Caro Orlando,
      
      è proprio vero che sono diventati liberali anche i metalmeccanici, figuriamoci i vendoliani: se per voi la società fondata sul dio profitto e sull’insensibilità ecologica é un dato di fatto irreversibile e, a questo punto, accettabile, conferma in pieno l’idea che avevo. E cioé che, voi della sinistra liberal (intesa all’americana, che Dio la stramaledica), siete parte del problema, e non certo la soluzione. Il nichilismo a cui mi riferisco non è oziosa filosofia, é la forma mentale del nostro modo di vivere: non riconoscere più nessun limite, giustificando persino il superamento dell’insuperabile discrimine maschile-femminile. Tradotto in politica, per il sottoscritto vuol dire dire sì ai diritti per gli omosessuali, ma appunto con un limite, l’unico dettato dalla tanto vituperata natura: essere padri e madri. A.m.
      
      -----------------------------
      
      28711/2015
      
      Alessio Mannino
      
      “Teoria gender”, cosa avrebbe detto Pasolini?
      
      Tiriamo le somme di una serie di articoli pubblicati sul tema. Dietro cui si cela "il" tema per eccellenza
      
      L’infuocata polemica sul cosiddetto “gender” e sul disegno di legge Fedeli ha un merito: far rientrare la vita nel dibattito politico, solitamente occupato ad auscultare l’ombelico di lorsignori asserragliati nel Palazzo. Ma è condotta con un tale tasso di fanatismo da ambedue i fronti, per cui il povero cristo che voglia farsi un’idea ancorata alla realtà dei fatti, senza pregiudizi, non ha speranze in partenza. Veneto Vox in questi mesi ha cercato di fornire un ventaglio di spunti e visioni differenti a favor di lettore: da chi nega esista una pericolosa “teoria gender”, a chi pensa l’esatto opposto, passando per l’analisi documentata di libri messi all’indice fino, da ultimo, all’unico caso veneto di scuola “no gender”).
      
      NESSUNA “TEORIA” GENDER
      Se intesa come corpus organico di opere e autori che dichiaratamente si riconoscono in una scuola o corrente di pensiero, non esiste una “teoria gender”. Esistono invece filoni di studio socio-antropologico (gender studies) e singoli pensatori, soprattutto pensatrici di matrice femminista (e si capisce: le donne come “sesso debole” e oppresso che lottano per la parità hanno un parallelo negli omosessuali “senza diritti”), che giungono alla conclusione per cui ciò che uno che sente di essere (poniamo: maschio) prevale su ciò che uno é (poniamo: femmina). Secondo tale prospettiva, il genere (gender) è una questione culturale e sociale che l’individuo può elaborare volontariamente, al di là del sesso biologico di nascita. Chi contesta questa impostazione sostiene che il primato é, e deve restare, al dato di natura. Ovvero: l’appartenenza al genere maschile o femminile (l’insieme di modi e scelte che caratterizzano la maschilità e la femminilità) deriva dal fatto di essere maschio o femmina, tertium non datur.
      
      VERO SCOPO (O PAURA): PARITA’ ETERO-OMO
      Da un lato, i No Gender temono come la peste che inculcare ai piccoli la parificazione fra atteggiamenti  etero e omo li induca a considerare l’omosessualità come un’opzione “normale” tanto quanto l’eterosessualità. Il che spianerebbe la strada alla sua diffusione di massa, al matrimonio gay e all’erosione definitiva di quel che rimane dell’istituto tradizionale della famiglia (padre, madre e figli generati da coppia sposata). Dall’altro lato, i Sì Gender mirano a inserire nell’educazione scolastica obbligatoria il rispetto per le famiglie omosessuali (con annessa possibilità di adottare figli, anche in provetta) e per l’omosessualità in sé considerata una pacifica variante dei modi di vita. E, naturalmente, ciò faciliterebbe nella società l’assimilazione delle nozze gay e della totale parificazione fra etero e omo di cui sopra. Senza per questo attentare alla sopravvivenza della famiglia vecchio stampo.
      
      FAMIGLIA GIA’ DISTRUTTA
      Quel che non colgono i No Gender è che la tendenza sottotraccia del nostro mondo, lo scardinamento di ogni limite (etico e quindi anche sessuale), che rende neutre e interscambiabili le differenze naturali, relativizzandole, cambiandone la percezione, trasformandole da dati oggettivi in atti soggettivi, è dovuta all’Economia e alla Tecnica a cui loro, in concreto, non si ribellano punto. E’ il nichilismo, baby. Se tutto è possibile, tutto è permesso. Perciò se voglio essere quel che mi pare, devo poter fare quel che mi pare, e la legge deve garantirmi. E’ la logica, in fondo fisiologica, di una società che mette al centro l’ego individuale, non é un premeditato complotto demopluto di poteri forti mondiali (di cui, nel pur interessante libro che in Italia ha meglio riassunto questa tesi – qui l’intervista all’autrice – non c’è traccia di prova convincente). Ma chi ha lasciato che l’individualismo straccione dilagasse svuotando di senso tutto ciò che incontrava? Anche gli stessi cattolici che in buona fede combattono per la famiglia. Ben prima dell’onda montante sul matrimonio gay (paradossalmente un recupero dell’aspirazione, molto borghese, a “fare una famiglia”), fra un avemaria e l’altro hanno contribuito a sminuirla e declassarla fornicando con la “libertà” di fare di tutto un mercato, una merce con un prezzo, tutto comprabile, tutto vendibile, pregando Dio la domenica e adorando Mammona negli altri sei giorni della settimana.
      
      GAY, MINORANZA INTOLLERANTE
      Gli attivisti gay (una minoranza, come tutti gli attivisti) e i sostenitori dell’educazione al “gender” chiedono ragionevolmente l’ovvio: a scuola si insegni il rispetto per chi é “diverso” (come del resto nel pretendere diritti di buonsenso previsti nelle “unioni civili“). Perciò parlare del ddl Fedeli come cavallo di troia dell’ideologia gender pare un tantino paranoico e sopravvalutante. E’ più banalmente un segno dei tempi, e un legittimo obiettivo politico della lobby gay (che c’é, come ce ne sono tante altre). Quel che è inaccettabile è la loro intolleranza nei confronti di chiunque non ne condivida le battaglie o si azzardi a condurne una che loro non condividono (per dire: la scuola parentale di Padova è stata seppellita di critiche degne di miglior causa, ad esempio dal deputato del Pd Alessandro Zan: ma porca miseria, secondo Costituzione le famiglie saranno libere di educare i propri pargoli come più le aggrada, o bisogna chiedere il permesso a Zan?). Ancor più grave e questo sì rischioso – oltre che infantile – è che si scaglino istericamente, straparlando di “nazismo” e altre paranoie uguale e contrarie a quelle degli avversari, contro lo stesso concetto di “natura”. Due omosessuali non possono fare figli, da qui non si scappa. E’ giusto aggirare un limite naturale, ignorandolo? Questo è il tema.
      
      I LIMITI (TRAGICI) DELLA NATURA
      Il tema dei temi. Perchè investe l’intero modello di vita che abbiamo costruito, sempre più artificiale, che ha devastato non solo l’ecosistema fisico, ma anche desertificato l’ecologia interiore. E’ quel che aveva capito, in anticipo sui tempi, l’omosessuale Pier Paolo Pasolini: la società dei consumi, che consuma tutto compresi i sentimenti e gli ideali, non rispetta più i divieti della natura, misteriosi e tragici. E così si perde, si danna, si nichilizza. Sarebbe stato un Sì Gender o un No Gender, l’anti-borghese e scandaloso Pasolini? Diciamo meglio: su che piano l’avrebbe messa, il libertino e libertario (ma nient’affatto liberale) che andava sistematicamente contro i luoghi comuni del “progresso”, il reazionario rosso Pasolini? In cosa avrebbe identificato il conformismo prevalente?
      public post_title -> string UTF-8(49) "“Gender”, Orlando (Sel Venezia): «diritti ai gay»"
      public post_excerpt -> string UTF-8(159) "Per l'esponente del partito di Vendola la questione è tutta e solo politica: «ha…"
      Per l'esponente del partito di Vendola la questione è tutta e solo politica: «ha poco senso discutere su natura e Pasolini, in una società basata sul profitto»
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(41) "gender-orlando-sel-venezia-diritti-ai-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2015-12-03 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2015-12-02 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(94) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/12/03/gender-orlando-sel-venezia-d…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/12/03/gender-orlando-sel-venezia-diritti-ai-gay/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer80701
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2015-11-29 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2015-11-28 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(6427) "L’infuocata polemica sul cosiddetto “gender” e sul disegno di legge Fedeli ha un…"
      L’infuocata polemica sul cosiddetto “gender” e sul disegno di legge Fedeli ha un merito: far rientrare la vita nel dibattito politico, solitamente occupato ad auscultare l’ombelico di lorsignori asserragliati nel Palazzo. Ma è condotta con un tale tasso di fanatismo da ambedue i fronti, per cui il povero cristo che voglia farsi un’idea ancorata alla realtà dei fatti, senza pregiudizi, non ha speranze in partenza. Veneto Vox in questi mesi ha cercato di fornire un ventaglio di spunti e visioni differenti a favor di lettore: da chi nega esista una pericolosa “teoria gender”, a chi pensa l’esatto opposto, passando per l’analisi documentata di libri messi all’indice fino, da ultimo, all’unico caso veneto di scuola “no gender”).
      
      NESSUNA “TEORIA” GENDER
      Se intesa come corpus organico di opere e autori che dichiaratamente si riconoscono in una scuola o corrente di pensiero, non esiste una “teoria gender”. Esistono invece filoni di studio socio-antropologico (gender studies) e singoli pensatori, soprattutto pensatrici di matrice femminista (e si capisce: le donne come “sesso debole” e oppresso che lottano per la parità hanno un parallelo negli omosessuali “senza diritti”), che giungono alla conclusione per cui ciò che uno che sente di essere (poniamo: maschio) prevale su ciò che uno é (poniamo: femmina). Secondo tale prospettiva, il genere (gender) è una questione culturale e sociale che l’individuo può elaborare volontariamente, al di là del sesso biologico di nascita. Chi contesta questa impostazione sostiene che il primato é, e deve restare, al dato di natura. Ovvero: l’appartenenza al genere maschile o femminile (l’insieme di modi e scelte che caratterizzano la maschilità e la femminilità) deriva dal fatto di essere maschio o femmina, tertium non datur.
      
      VERO SCOPO (O PAURA): PARITA’ ETERO-OMO
      Da un lato, i No Gender temono come la peste che inculcare ai piccoli la parificazione fra atteggiamenti  etero e omo li induca a considerare l’omosessualità come un’opzione “normale” tanto quanto l’eterosessualità. Il che spianerebbe la strada alla sua diffusione di massa, al matrimonio gay e all’erosione definitiva di quel che rimane dell’istituto tradizionale della famiglia (padre, madre e figli generati da coppia sposata). Dall’altro lato, i Sì Gender mirano a inserire nell’educazione scolastica obbligatoria il rispetto per le famiglie omosessuali (con annessa possibilità di adottare figli, anche in provetta) e per l’omosessualità in sé considerata una pacifica variante dei modi di vita. E, naturalmente, ciò faciliterebbe nella società l’assimilazione delle nozze gay e della totale parificazione fra etero e omo di cui sopra. Senza per questo attentare alla sopravvivenza della famiglia vecchio stampo.
      
      FAMIGLIA GIA’ DISTRUTTA
      Quel che non colgono i No Gender è che la tendenza sottotraccia del nostro mondo, lo scardinamento di ogni limite (etico e quindi anche sessuale), che rende neutre e interscambiabili le differenze naturali, relativizzandole, cambiandone la percezione, trasformandole da dati oggettivi in atti soggettivi, è dovuta all’Economia e alla Tecnica a cui loro, in concreto, non si ribellano punto. E’ il nichilismo, baby. Se tutto è possibile, tutto è permesso. Perciò se voglio essere quel che mi pare, devo poter fare quel che mi pare, e la legge deve garantirmi. E’ la logica, in fondo fisiologica, di una società che mette al centro l’ego individuale, non é un premeditato complotto demopluto di poteri forti mondiali (di cui, nel pur interessante libro che in Italia ha meglio riassunto questa tesi – qui l’intervista all’autrice – non c’è traccia di prova convincente). Ma chi ha lasciato che l’individualismo straccione dilagasse svuotando di senso tutto ciò che incontrava? Anche gli stessi cattolici che in buona fede combattono per la famiglia. Ben prima dell’onda montante sul matrimonio gay (paradossalmente un recupero dell’aspirazione, molto borghese, a “fare una famiglia”), fra un avemaria e l’altro hanno contribuito a sminuirla e declassarla fornicando con la “libertà” di fare di tutto un mercato, una merce con un prezzo, tutto comprabile, tutto vendibile, pregando Dio la domenica e adorando Mammona negli altri sei giorni della settimana.
      
      GAY, MINORANZA INTOLLERANTE
      Gli attivisti gay (una minoranza, come tutti gli attivisti) e i sostenitori dell’educazione al “gender” chiedono ragionevolmente l’ovvio: a scuola si insegni il rispetto per chi é “diverso” (come del resto nel pretendere diritti di buonsenso previsti nelle “unioni civili“). Perciò parlare del ddl Fedeli come cavallo di troia dell’ideologia gender pare un tantino paranoico e sopravvalutante. E’ più banalmente un segno dei tempi, e un legittimo obiettivo politico della lobby gay (che c’é, come ce ne sono tante altre). Quel che è inaccettabile è la loro intolleranza nei confronti di chiunque non ne condivida le battaglie o si azzardi a condurne una che loro non condividono (per dire: la scuola parentale di Padova è stata seppellita di critiche degne di miglior causa, ad esempio dal deputato del Pd Alessandro Zan: ma porca miseria, secondo Costituzione le famiglie saranno libere di educare i propri pargoli come più le aggrada, o bisogna chiedere il permesso a Zan?). Ancor più grave e questo sì rischioso – oltre che infantile – è che si scaglino istericamente, straparlando di “nazismo” e altre paranoie uguale e contrarie a quelle degli avversari, contro lo stesso concetto di “natura”. Due omosessuali non possono fare figli, da qui non si scappa. E’ giusto aggirare un limite naturale, ignorandolo? Questo è il tema.
      
      I LIMITI (TRAGICI) DELLA NATURA
      Il tema dei temi. Perchè investe l’intero modello di vita che abbiamo costruito, sempre più artificiale, che ha devastato non solo l’ecosistema fisico, ma anche desertificato l’ecologia interiore. E’ quel che aveva capito, in anticipo sui tempi, l’omosessuale Pier Paolo Pasolini: la società dei consumi, che consuma tutto compresi i sentimenti e gli ideali, non rispetta più i divieti della natura, misteriosi e tragici. E così si perde, si danna, si nichilizza. Sarebbe stato un Sì Gender o un No Gender, l’anti-borghese e scandaloso Pasolini? Diciamo meglio: su che piano l’avrebbe messa, il libertino e libertario (ma nient’affatto liberale) che andava sistematicamente contro i luoghi comuni del “progresso”, il reazionario rosso Pasolini? In cosa avrebbe identificato il conformismo prevalente?
      public post_title -> string UTF-8(45) "“Teoria gender”, cosa avrebbe detto Pasolini?"
      public post_excerpt -> string(106) "Tiriamo le somme di una serie di articoli pubblicati sul tema. Dietro cui si cel…"
      Tiriamo le somme di una serie di articoli pubblicati sul tema. Dietro cui si cela "il" tema per eccellenza
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(41) "teoria-gender-cosa-avrebbe-detto-pasolini"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2015-11-29 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2015-11-28 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(94) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/11/29/teoria-gender-cosa-avrebbe-d…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/11/29/teoria-gender-cosa-avrebbe-detto-pasolini/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer80124
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2015-10-12 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2015-10-11 22:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(8013) "A oltre mille chilometri dai confronti anche ruvidi che scuotono il Sinodo di Ro…"
      A oltre mille chilometri dai confronti anche ruvidi che scuotono il Sinodo di Roma, monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, non è sprezzante con il teologo polacco Krzysztof Charamsa che, in abito talare, s’è presentato ai giornalisti con il compagno: «Mi ha colpito il suo travaglio e penso che vada capita la sua sofferenza e la sua scelta da uomo libero. Non mi è piaciuto, però, il colpo di teatro alla vigilia di un Sinodo molto delicato per la Chiesa. È un uomo che lavorava e insegnava in Vaticano, ma rispetto la decisione e non lo giudico».
      
      Monsignore, quanti Charamsa ci sono fra le parrocchie e il Vaticano che non trovano il coraggio?
       Sicuramente esistono situazioni simili, ma non saprei dire con che incidenza. Ci sono preti gay che consacrano se stessi nel celibato e lo vivono serenamente in una vita equilibrata. All’ esterno la vita celibataria può apparire limitante e castrante; e sicuramente provoca dei momenti di difficoltà. E questo vale per tutti, per gli eterosessuali e per gli omosessuali. Siamo uomini, non macchine. Ma voglio ripetere, perché non è mai inutile, che l’ omosessualità non è una devianza. E la Chiesa l’ ha ormai quasi capito.
      
      Charamsa non è d’accordo, dice che la Chiesa è spesso omofoba.
       In passato forse, ora molto meno. Ma le vocazioni vanno sempre esaminate e curate con attenzione per evitare situazioni spiacevoli.
      
      Il celibato dei preti è un muro invalicabile per la Chiesa?
       No, in futuro potrebbe cadere anche questa norma, chissà. Il celibato sacerdotale non è legato al diritto divino. E ci sono preti sposati nelle Chiese orientali, cattoliche e non, e diaconi in quella latina. Io sono favorevole alle scelte libere. Ma per chi è già prete non c’è possibilità di matrimonio: non si può sposare chi è già consacrato al servizio a Cristo.
      
      Come la Chiesa di Francesco può accogliere i gay senza lacerare il Sinodo?
       Le unioni omosessuali, da un punto di vista logico e di sostanza, non si possono equiparare a un matrimonio fra un uomo e una donna. Una coppia gay è nel peccato nella stessa misura di una coppia di conviventi di sesso diverso. Mala Chiesa non può ignorare queste realtà e non può emarginare le coppie gay, ma le deve considerare con una dose ancora maggiore di misericordia. Le coppie gay non sono il mondezzaio della società civile. La Chiesa deve aprirsi a questa realtà e garantire ai gay il rispetto della loro dignità e dei loro diritti.
      
      Perché numerosi padri sinodali rifiutano le aperture di papa Francesco sui sacramenti ai divorziati risposati?
       Non tutti comprendono l’ evoluzione dei tempi. Io ho fatto mia la posizione di principio di papa Francesco: non possiamo essere una Chiesa che chiude le porte e tradisce se stessa. Ma ci sono dei punti fermi: il matrimonio è indissolubile e coinvolge l’ uomo e la donna; il problema è il trattamento dei singoli casi. Studiando attentamente i testi biblici bisogna capire il senso letterale, contestuale e logico, e riguardare in questa luce la storia della Chiesa antica.
      
      E cosa propone, monsignore?
       La premessa è che non si può fare un discorso generale. Ma i matrimoni falliti sono tanti e i pentimenti pure, soprattutto fra coloro che poi mettono su una nuova famiglia con stabilità e non sono produttori seriali di divorzi. Su questa linea si inserisce anche l’innovazione del motu proprio del Papa che affida ai vescovi, senza una procedura processuale in senso stretto, l’esame della nullità dei matrimoni falliti. Un’istruttoria rapida e una valutazione caso per caso. E così ha ragione il cardinale Kasper: possiamo immaginare qualche apertura per un possibile ritorno ai sacramenti per i divorziati risposati, rispettando talune condizioni ispirate ai modelli della Chiesa antica. Io sono favorevole a una prospettiva di questo genere.
      
      <hr>
      da AdnKronos
      
      La 'pazza' idea di Luxuria: mons. Charamsa testimonial al Gay Village Roma
       
      Monsignor Krzysztof Charamsa - il sacerdote allontanato dal Vaticano dopo la sua dichiarazione di omosessualità e la presentazione del suo partner - passa dal 'coming out' a testimonial gay? Questa sembrerebbe essere la speranza di Vladimir Luxuria, stando almeno al tweet pubblicato dal conduttore tv Pierluigi Diaco: "@vladimirluxuria nei prox gg in Spagna vedrà Mons #Charamsa Lo vuole testimonial @gayvillageroma 2016".
      
      Qualche giorno fa con un tweet la conduttrice ed ex parlamentare aveva annunciato uno scambio di sms con Charamsa.
         
      Intanto, il monsignore domani alle 9.30 sarà in diretta su Radio Capital, ospite proprio di Luxuria nel programma radiofonico 'Il Geco e la Farfalla', dove racconterà la sua verità sulla vicenda e sulla decisione di trasferirsi con il suo compagno in Spagna, proprio alla vigilia del Sinodo dei vescovi sulla famiglia, tuttora in corso in Vaticano.
      
      <hr>
      da Il Giornale
      
      Monsignor Krzysztof Charamsa: "Sono fedele al celibato ?Mai toccata una donna"
      
      Monsignor Krzysztof Charamsa, il sacerdote polacco dello scandalo e allontanato dal Vaticano dopo aver dichiarato di essere gay, parla e lo fa in un'intervista a «Domenica Live» oggi in esclusiva su «Canale 5». 
      
      Eccone un'estratto. «Dietro di me non c'è nessuna lobby... Ho conosciuto sacerdoti omosessuali, spesso isolati come me, ma non una lobby. La Chiesa ha tra i suoi ministri fantastici sacerdoti omosessuali che non possono essere trattati come sono trattati ora. La legge interna alla Chiesa che vieta l'ordinazione sacerdotale agli omosessuali mi ricorda le peggiori leggi del passato» dice. «Ho detto alla mia Chiesa chi sono in un gesto di disperazione, questo gesto precedeva il Sinodo, io chiedevo alla mia Chiesa: “Per favore non perdete più tempo”. Ormai la mia vita personale non è più un problema. Io sono fedelissimo al celibato perché il celibato si riferisce all'impossibilità di avere moglie: io non ho mai toccato una donna», aggiunge non si capisce bene quanto provocatoriamente, Charamsa. Che poi conclude: «Siate liberi, val la pena, dobbiamo essere coerenti con noi stessi sulla terra per vivere in eterno. Dio ci ama così come siamo».
      
      <hr>
      da Vanity Fair
      
      Monsignor Charamsa: «La Chiesa non può distruggerci la vita»
      
      Torna a parlare Monsignor Krzysztof Charamsa, il sacerdote che sabato 3 ottobre ha fatto coming out. Questa volta si è raccontato a Domenica Live, il programma di Barbara D'Urso. «Di vita ne abbiamo una sola e per vivere in eterno abbiamo bisogno di essere coerenti, perché Dio ci ama come siamo. Non ci ha creato difettosi e questo la Chiesa deve accettarlo, no può continuare a distruggerci la vita», ha detto.
      
      
      IL SEGRETO E' COME UNA CROCE
       E ha continuato: «Sa come si sente una persona che ama la Chiesa e allo stesso tempo si sente odiata e discriminata? Non è una situazione sana, non può portare alla maturazione della fede, perché significa non affrontare la realtà, ed è la realtà che esiste, le idee si costruiscono», ha ribadito. 
      
      Oggi Monsignor Charamsa è felice: «Mi sento libero, felice, e pieno del senso della vicinanza di Dio. In questo passo così sofferto Dio mi era accanto. Una persona nella mia situazione vive in una condizione di stress perenne, nel terrore che qualcuno scopra che sei omosessuale», un segreto che è «come una dura croce da non comunicare a nessuno. E' la tua pena, stare in un armadio fino alla fine della tua vita. Io ho vissuto quel terrore interiore per molti anni e non avevo più come difendermi». 
      
      
       Il sacerdote ci ha tenuto a sottolineare che nessuno l'ha guidato in questo coming out. «Sono uscito davanti alla mia chiesa "Sono gay", e dietro di me non ho nessuna lobby. La Chiesa ha tanti fantastici ministri che sono omosessuali e non possono essere trattati come avviene in questo momento». 
      E ha concluso: «La legge che vieta di ordinare sacerdoti persone omosessuali mi ricorda le peggiori leggi e non dico quali. E ironizza: «Il celibato è il divieto di vivere in matrimonio con una donna. Allora io sono fedelissimo al celibato, non ho toccato mai una donna».
      public post_title -> string(43) "Vescovo Mogavero: Chiesa accolga coppie gay"
      public post_excerpt -> string UTF-8(298) "..., monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, non è sprezzante …"
      ..., monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, non è sprezzante con il teologo polacco Krzysztof Charamsa che, in abito talare, s’è presentato ai giornalisti con il compagno: «Mi ha colpito il suo travaglio e penso che vada capita la sua sofferenza e la sua scelta da uomo libero...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(42) "vescovo-mogavero-chiesa-accolga-coppie-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2015-10-12 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2015-10-11 22:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(95) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/10/12/vescovo-mogavero-chiesa-acco…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/10/12/vescovo-mogavero-chiesa-accolga-coppie-gay/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer77796
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2015-03-25 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2015-03-24 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(3817) "Queste Sentinelle staranno anche in Piedi, ma alla pubblica opinione mostrano il…"
      Queste Sentinelle staranno anche in Piedi, ma alla pubblica opinione mostrano il didietro. Nel senso che, rifiutandosi a priori di farsi conoscere meglio (attraverso noi giornalisti, che non siamo tutti uguali), si fanno del male da soli. Perché circondando le loro letture silenziose “per la libertà d’espressione e per la tutela della famiglia naturale fondata sull’unione tra uomo e donna” di ineffabile mistero, finiscono col lasciar campo libero a possibili, e a questo punto un po’ giustificate, demonizzazioni. Noi – e non solo noi, sappiamo anche di altre testate, praticamente tutte – ci abbiamo provato, a contattarli per tempo, visto che domenica 29 marzo saranno in piazza Matteotti a Vicenza alle 16:30. Niente da fare, non hanno voluto rispondere a nessuna domanda.
      
      Ora, capiamo e in una certa misura condividiamo la riscoperta del valore del “silenzio”, in questo fracasso continuo che è la modernità. E apprezziamo l’originalità (mutuata da esperienze francesi) del tutto pacifica di leggere pubblicamente senza proferir verbo. Però anche le Sentinelle vivono nel 2015, e siccome scendono sulla pubblica strada, dovrebbero tener conto che l’agorà di oggi è anche e soprattutto il foro mediatico. Con tutti i suoi limiti e difettacci, ma tant’è. Critichino quanto pare a loro i giornalisti conformisti e servi del pensiero unico, ma spiegare le loro ragioni al popolo – che li conosce più per quel tizio che si travestì da nazi (geniale) per ridicolizzarli, che non per altro – è un rischio da correre.
      
      Così ci diranno se è vero, come scrive qualcuno, che a contendersi politicamente l’egemonia del loro movimento sono Alleanza Cattolica di Massimo Introvigne e Forza Nuova, che pare battibecchino fra loro. Cioè chi, insomma, ha dato il via alle prime manifestazioni, o chi si è aggiunto dopo. E siccome immaginiamo siano in gran parte cattolici e pure cristiani, avendo l’obbligo di dire la verità ci potrebbero dire se fra loro c’è qualche uomo o donna dichiaratamente omosessuale. Scrivono giustamente nella loro autopresentazione: nessuna contrapposizione fra etero e omo. E allora, anche solo per statistica, ci sarà qualche omosessuale nelle loro file. Posto che un privato cittadino ha diritto a non rivelare la propria vita intima, e uno potrebbe essere bisex trisex o anche onanista per scelta, una Sentinella gay che testimoniasse perché non è d’accordo coi gay organizzati, sarebbe squarciare un velo.
      
      Sul punto della difesa della libertà d’opinione, le Sentinelle hanno non ragione: hanno straragione. Aggiungere, come vuole il ddl Scalfarotto, la discriminante di omofobia e transfobia alla legge Mancino sull’istigazione all’odio razziale è sbagliato alla radice perché sbagliata è la legge Mancino. E questo perché in una democrazia che si professa liberale (e non totalitaria, dove le maggioranze schiacciano a colpi di norme le minoranze) i reati d’opinione non dovrebbero esistere tout court. Per chi commette violenze fisiche (aggressione) o verbali (ingiuria) il codice prevede già punizioni, e se non bastano, si inaspriscano quelle.
      
      Contro le Sentinelle si paleseranno anche i sostenitori del ddl Scalfarotto e dei diritti gay in una Street Parade sicuramente più allegra, più gaia, più smart. Tuttavia non si capisce come si fa a conciliare la richiesta di maggiori diritti per una minoranza con quella di limitare la libertà d’espressione altrui, fosse anche delle idee più becere (il cui unico confine, invalicabile, dev’essere l’uso della forza, e non della parola). Per citare Belushi: io li odio, i nazisti dell’Illinois. Ma loro devono poter odiare me. Altrimenti divento come loro. Non vogliamo offendere nessuno, ma vorremmo ricordare che ci fu un famoso nazi-gay nella Storia, il comandante delle camicie brune Ernst Roehm. Non era un tipo molto tollerante.
      public post_title -> string(42) "Sentinelle catacombali. E rischio nazi-gay"
      public post_excerpt -> string UTF-8(157) "... a contendersi politicamente l’egemonia del loro movimento sono Alleanza Catt…"
      ... a contendersi politicamente l’egemonia del loro movimento sono Alleanza Cattolica di Massimo Introvigne e Forza Nuova, che pare battibecchino fra loro...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(41) "sentinelle-catacombali-e-rischio-nazi-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2015-03-25 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2015-03-24 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(94) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/03/25/sentinelle-catacombali-e-ris…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2015/03/25/sentinelle-catacombali-e-rischio-nazi-gay/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer148722
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-02-10 06:50:36"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-02-10 05:50:36"
      public post_content -> string UTF-8(3574) "<img class="alignnone size-full wp-image-148723" src="https://www.cinemagay.it/w…"
      <img class="alignnone size-full wp-image-148723" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/02/370210-vox-sposa.jpg" alt="" width="700" height="434" />
      <strong>«Cancellate la “Sposa Barbuta”, ci impone il matrimonio gay»</strong>
      
      Il murales “Barba Bride” raffigurante una sposa barbuta continua a far discutere ad Arcugnano. Come scrive Luisa Nicoli sul Giornale di Vicenza a pagina 24, ieri 200 firme di cittadini sono state depositate in Comune per chiedere la rimozione del graffito firmato dal francese MTO dalla cabina dell’Enel vicino al parco giochi. «Non si riesce a capire come l’Amministrazione abbia potuto permettere l’esecuzione di un’opera del genere – si legge in una lettera a corredo delle firme – il messaggio è: voi genitori dovete educare i vostri figli al matrimonio omosessuale come un fatto di normale consuetudine. E’ una palese forma di condizionamento per cui, con sistemi psichici imposti, si cerca di privare la mente degli altri del loro patrimonio ideologico abituale, tradizionale e prevalente, ovvero l’affettività tra uomo e donna, per sostituirlo con nuove e differenti idee, cioè il matrimonio gay».
      La lettera termina chiedendo quindi la cancellazione dell’opera «sotto una tomba di vernice», o la sua sostituzione con un murales raffigurante una “vera” sposa senza barba e baffi. «Sono perplesso, fatico ad entrare in sintonia con questa mentalità e con questa cultura – commenta amaro il sindaco Paolo Pellizzari -. Mi fa conoscere aspetti di una comunità che pensavo avesse una tolleranza, uno spessore morale diverso da quello che traspare dalla lettera». Ribadendo che il Comune non era a conoscenza del contenuto dell’opera prima della sua realizzazione, il sindaco conclude: «non c’è volgarità ma un tema attuale su cui riflettere. MTO è un artista di livello, di rottura. E ci tenevamo ad avere una sua opera ad Arcugnano».
      
      <hr />
      
      <strong>Arcigay Vicenza: «la “sposa barbuta” non danneggia nessuno»</strong>
      
      Il presidente di Arcigay Vicenza, Thomas Tedesco, interviene con un comunicato nel dibattito sul murales “Barba Bride” realizzato ad Arcugnano. Tedesco fa presente che l’artista MTO, autore dell’opera, gode di «fama internazionale, opera nella più assoluta libertà ed il tema da lui scelto è di grande attualità in quanto affronta sia il tema del matrimonio egualitario, causa per la quale la nostra associazione lotta da sempre, sia il tema dell’identità di genere (differente da sesso biologico ed orientamento sessuale). La realizzazione di un’opera – prosegue – è sempre soggettiva da parte dell’artista, ma è il modo in cui viene trattata che diventa collettivo. La forza del progetto sta proprio nella libertà di espressione e nel fatto che “Barba Bride” non danneggia nessuno ma che anzi, fa luce sulla realtà nella quale stiamo vivendo, il mondo del qui e dell’ora».
      «Il fatto che il tema sia ancora un tabù nelle menti di alcune persone lo dimostra questa petizione, dove si legge che non è “una presa di posizione contro gli omosessuali, ma è per un’educazione nel rispetto di tutti“. Un po’ insomma il solito famoso motto omofobo “non ce l’ho con i gay ma che stiano a casa loro o lo facciano nel privato”. Francamente – conclude il presidente dell’associazione – ci lascia perplessi leggere con quanto livore ci si scagli verso un diritto che riguarda tutti noi, omosessuali e non, che porterà finalmente anche l’Italia verso la vera uguaglianza. Che cosa c’è di più giusto e corretto di un’educazione inclusiva volta al rispetto di tutti, maschi e femmine, etero, omo o bisessuali?».
      public post_title -> string UTF-8(60) "«Cancellate la “Sposa Barbuta”, ci impone il matrimonio gay»"
      public post_excerpt -> string UTF-8(174) "... il sindaco conclude: «non c’è volgarità ma un tema attuale su cui riflettere…"
      ... il sindaco conclude: «non c’è volgarità ma un tema attuale su cui riflettere. MTO è un artista di livello, di rottura. E ci tenevamo ad avere una sua opera ad Arcugnano».
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(52) "cancellate-la-sposa-barbuta-ci-impone-matrimonio-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-02-10 09:31:19"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-02-10 08:31:19"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=148722"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(2) "13"
    public max_num_pages -> float2
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "6a4409f20b2883e003c997356de1e9a7"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033