$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'focus' => string(7) "cronaca"
    public query_vars -> array(67)
    'focus' => string(7) "cronaca"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "focus"
    'term' => string(7) "cronaca"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "focus"
      'terms' => array(1)
      string(7) "cronaca"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'focus' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(7) "cronaca"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer11466
      public name -> string(7) "CRONACA"
      public slug -> string(7) "cronaca"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer11466
      public taxonomy -> string(5) "focus"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer545
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer11466
    public request -> string(442) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (11466)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152837
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-27 06:17:16"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-27 04:17:16"
      public post_content -> string UTF-8(4097) "<strong>Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una sugges…"
      <strong>Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione collettiva»</strong>
      Milano, denunciato dalle alunne e arrestato nel 2014. Per i giudici colpa di voci, equivoci ed errori
      MILANO Quasi quasi, alla fine, il meno restano i 19 giorni a San Vittore nel raggio degli arrestati per reati sessuali, e i successivi altri 11 mesi ai domiciliari fino allo scadere della custodia cautelare: il meno, in confronto all’accusa di aver approfittato della propria condizione di docente di arte alla scuola media Manzoni di Milano per toccare il fondoschiena, accarezzare le cosce o sfiorare l’inguine di 4 alunne di I e III media.
      
      Una «violenza sessuale» dalla quale il Tribunale ha assolto «con formula piena perché il fatto non sussiste» il professor Maurizio Minora, ritenendolo vittima di una «suggestione collettiva»: innestatasi sulla sua dichiarata propensione a «un atteggiamento fisico e affettuoso sia con i maschi sia con le femmine» (come pacche sulle spalle o sculacciate per farli rientrare in classe), nonché su «voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato, poi persino violentatore del proprio figlio, o egli stesso abusato da piccolo. La Procura della Repubblica, che aveva chiesto la condanna a 2 anni e 6 mesi, non ha impugnato l’assoluzione, e nemmeno la Procura Generale. L’assoluzione è definitiva anche per la collega Ripalta Izzi, per la quale erano stati chiesti 2 anni nell’ipotesi avesse saputo delle molestie ma non le avesse impedite.
      
      Per i giudici Giovanna Ichino, Anna Zamagni e (estensore) Alessandro Santangelo, i denunciati «atteggiamenti sessualmente molesti non trovano riscontri in terze persone, ma solo nelle reciproche» (e «in più punti contraddittorie e/o inverosimili») dichiarazioni delle quattro ragazze, «che non può sottacersi fossero legate da relazioni psicologiche molto complesse»: ad esempio una «psicologicamente succube» della sua migliore amica, o un’altra vittima di bullismo. La ragazza-capogruppo avrebbe dunque cominciato «ad attribuire agli atteggiamenti fisici e affettuosi, da sempre tenuti dal professore, una connotazione sessuale che in realtà non avevano affatto, influenzando le persone a lei più vicine per trovare conferma al suo erroneo vissuto soggettivo».
      
      Tra le incongruenze (valorizzate dai difensori Tiziana Bellani, Gabriele Fuga e Guido Camera), anche il fatto che due ragazze datassero alcune molestie in epoca successiva all’installazione di telecamere che nulla avevano invece mostrato (e non per la presunta fuga di notizie ipotizzata dai vigili a carico della preside, da ciò assolta già nel 2015 dal gup). A detta dei giudici la «suggestione collettiva», scaturita da una lettera scritta da una ragazza sul tema della rabbia alla fine di un laboratorio teatrale scolastico, sarebbe peraltro debordata pure in alcuni atti di indagine: come l’informativa nella quale la polizia locale il 30 maggio 2014 rappresentava al pm Gianluca Prisco e al gip Luigi Gargiulo che le 4 ragazze si erano presentate alla preside lamentando non (come nel reale contenuto delle dichiarazioni) che tutte e quattro avessero detto di sapere che una fosse stata toccata nel fondoschiena quel giorno, ma che il professore avesse «toccato a tutte e quattro il fondo schiena»: circostanza, rimarca invece il Tribunale, «smentita dalle stesse» ragazze, giacché tre in sede di incidente probatorio» nel novembre 2014 «non riferivano affatto di essere state palpeggiate in quel frangente».
      
      Frutto di un equivoco pare essere stata anche la domanda posta all’appena arrestato docente, dalla quale – stando alla trascrizione - sembrava esistere la conferma di una ragazza testimone oculare di uno degli episodi denunciati da una compagna: ciò non poteva invece essere, perché la presunta teste oculare non era mai stata interrogata dalla polizia locale prima dell’arresto dell’uomo il 5 giugno 2014, mentre lo sarebbe stata solo il 14 giugno, peraltro non confermando la scena di cui la si asseriva teste.
      
      Luigi Ferrarella
      public post_title -> string UTF-8(89) "Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione co…"
      Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione collettiva»
      public post_excerpt -> string UTF-8(184) "....«voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bis…"
      ....«voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato, poi persino violentatore del proprio figlio...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(72) "molestie-sessuali-prof-carcere-assolto-fu-vittima-suggestione-collettiva"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-27 07:19:26"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-27 05:19:26"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152837"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152796
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-25 05:49:43"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-25 03:49:43"
      public post_content -> string UTF-8(5736) "<strong>QUESTA È UNA GUERRA ED ECCO IL BOLLETTINO: DA CHARLIE A LONDRA</strong> …"
      <strong>QUESTA È UNA GUERRA ED ECCO IL BOLLETTINO: DA CHARLIE A LONDRA</strong>
      
      di Pierluigi Battista
      La strage al mercatino di Natale, l’assalto al museo del Bardo,  il Tir sul lungomare di Nizza Istantanee di un conflitto che per paura e cecità non chiamiamo con il suo nome
      
      U n bollettino di guerra dal gennaio del 2015, con l’assalto a Parigi alla redazione di Charlie Hebdo e al supermercato ebraico. Di una guerra che per paura e cecità non vogliamo chiamare guerra, ma che ha mietuto infinite vittime di guerra. Episodi clamorosi ed episodi dimenticati, senza un criterio cronologico preciso. Ma che non dovrebbero essere mai dimenticati.
      
      Nel dicembre del 2016 un Tir rubato con targa polacca viene scaraventato nel cuore di Berlino sulla folla che si accalca nel mercatino di Natale, provocando 12 morti. A luglio del 2016, in un centro commerciale di Monaco di Baviera vengono mitragliate a morte 9 persone (l’attentatore si suicida dopo la strage). A Wurzburg, sempre a luglio, un ragazzo armato di ascia si scaglia contro i passeggeri di un treno regionale prima di essere ucciso dalla polizia. Sul treno Thalys diretto a Parigi, nell’agosto del 2015, un terrorista con un fucile sta per uccidere un gruppo di passeggeri ma viene bloccato all’ultimo momento da due soldati americani in licenza in Europa.
      
      Nel luglio del 2015 a Suruc in Turchia, al confine con la Siria, un kamikaze si fa saltare in aria uccidendo 30 persone, tra cui molte ragazze in partenza per Kobane, che avevano scattato un selfie di gruppo subito prima di morire. Nel gennaio del 2016 a Istanbul un uomo si fa esplodere presso l’obelisco di Teodosio ammazzando 13 turisti. A marzo del 2016, a Istanbul, nella centralissima Istiklal Avenue, un uomo si fa esplodere provocando la morte di 4 persone. Nel giugno del 2016 in un’esplosione terroristica all’aeroporto di Istanbul muoiono 45 persone. Nella notte di Capodanno 2017 un terrorista islamico irrompe con un kalashnikov nella discoteca Reina club e uccide 39 persone.
      
      A Oriente come a Occidente
      Nel gennaio del 2016, a Giacarta, in un centro commerciale un terrorista si fa saltare in aria con una cintura esplosiva lasciando sul terreno 8 vittime. A Dacca, in un ristorante situato nel quartiere diplomatico della capitale del Bangladesh, un uomo prende in ostaggio gli avventori e ne uccide ventidue. Nel marzo del 2015, nel museo nazionale Bardo a Tunisi, un attentato terroristico uccide 24 persone. A Susa, in Tunisia, nel giugno del 2015 un gruppo di terroristi irrompe in un centro turistico gridando «Allah Akbar» e uccide 39 persone, molte delle quali erano in spiaggia, sotto gli ombrelloni.
      
      A Tel Aviv, il primo gennaio del 2016, un uomo spara sugli avventori di un bistrot, uccidendone due (senza considerare il numero elevatissimo di attentati di matrice islamista in Israele). Nella domenica delle Palme del 2017, due esplosioni nelle chiese copte di Tata e Alessandria d’Egitto fanno strage di fedeli. Nel luglio del 2016 due terroristi islamici, durante la messa mattutina nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, vicino a Rouen in Francia, sgozzano Padre Jacques Hamel dopo averlo costretto a mettersi in ginocchio, gridando «Daesh».
      
      A Copenaghen, nel febbraio del 2015, un giovane con un passamontagna irrompe con un kalashnikov in un caffè dove si svolge un convegno sulla libertà d’espressione alla presenza del vignettista svedese Lars Vills, «colpevole» di aver disegnato vignette considerate blasfeme su Maometto: muore una persona. Successivamente un terrorista attacca la Sinagoga Grande della capitale danese: muore una persona. A Orlando in Florida, nel giugno del 2016, un terrorista spara sulla folla di un night club frequentato dalla comunità gay uccidendo 49 persone. Senza provocare morti, si registrano attacchi di uomini armati di coltelli e asce in un centro commerciale del Minnesota, a New York e nel New Jersey. A Nizza, nel luglio del 2016, durante la festa con i fuochi d’artificio per celebrare la presa della Bastiglia, un terrorista a bordo di un camion lanciato a velocità folle si scaglia sulla folla del lungomare provocando 84 morti. A Londra, sul ponte di Westminster a un passo dal Parlamento inglese, nel marzo del 2017, un uomo si lancia con un suv sui passanti uccidendone cinque. Nell’aprile del 2017, a Stoccolma, nella zona commerciale di Drottninggatan, un camion travolge la folla provocando la morte di 5 persone. A San Pietroburgo, nell’aprile del 2017, un terrorista islamico kirgizo fa esplodere un ordigno in un vagone della metropolitana uccidendo 14 passeggeri.
      
      Dal Bataclan agli Champs-Élysées
      Nel novembre del 2015, a Parigi, circa una decina di terroristi uomini e donne, armati di cinture esplosive, mitragliatrici, fucili e bombe a mano uccide 130 persone al teatro Bataclan, nei pressi dello stadio, in alcuni ristornati, caffè e pizzerie. Nel marzo del 2016 all’aeroporto di Bruxelles due terroristi islamici si fanno esplodere provocando la morte di 31 persone. Dopo appena un’ora nella stazione della metropolitana di Bruxelles vicina alle istituzioni europee esplode un’altra bomba, con il bilancio di 20 morti. Nel febbraio del 2017 un uomo armato di machete e con due zaini sulle spalle ha aggredito dei soldati sotto la piramide del Louvre a Parigi. Nel marzo del 2017, all’aeroporto di Orly, un uomo spara a un posto di blocco e ferisce un’agente di polizia gridando «morirò per Allah». Nell’aprile del 2017, a pochi giorni dalle elezioni presidenziali in Francia, a Parigi, sugli Champs-Élysées un terrorista spara a una pattuglia della polizia e uccide un poliziotto.
      
      Poi ci sono il Pakistan, l’Afghanistan, la Nigeria, lo Yemen. Poi c’è la notte di Manchester, la strage delle ragazze.
      public post_title -> string UTF-8(62) "QUESTA È UNA GUERRA ED ECCO IL BOLLETTINO: DA CHARLIE A LONDRA"
      public post_excerpt -> string UTF-8(151) "...A Orlando in Florida, nel giugno del 2016, un terrorista spara sulla folla di…"
      ...A Orlando in Florida, nel giugno del 2016, un terrorista spara sulla folla di un night club frequentato dalla comunità gay uccidendo 49 persone. ...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(42) "questa-guerra-ed-bollettino-charlie-londra"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-25 07:51:49"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-25 05:51:49"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152796"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152776
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-24 06:45:15"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-24 04:45:15"
      public post_content -> string UTF-8(2772) "<strong>Reggio Emilia, lettera anonima contro il prete amico dei gay</strong> Do…"
      <strong>Reggio Emilia, lettera anonima contro il prete amico dei gay</strong>
      Don Paolo Cugini collega la missiva alla sua attività contro l'omofobia: «Qualcuno, forse della destra cattolica, sta cercando di infangarmi in tutti i modi». Solidarietà dall'Arcigay
      
      <img class="alignnone size-full wp-image-152777" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370524-reggio-emilia.jpg" alt="" width="558" height="372" />
      
      Don Paolo Cugini (al centro)
      REGGIO EMILIA. Una lettera anonima inviata alla Curia e agli organi di informazione di Reggio Emilia per infangare don Paolo Cugini, il parroco di Regina Pacis che solo pochi giorni fa aveva organizzato in chiesa una veglia di preghiera a favore delle vittime dell'omofobia e della transfobia.
      
      Telefonata al cardinale che avrebbe firmato la benedizione anti-pride. Sulla giornata del 3 giugno: «Non voglio commentare perché devo studiare la cosa»
      
      La notizia è stata confermata dallo stesso don Paolo Cugini, che annuncia: «Accuse false, andrò in questura a fare denuncia contro ignoti». Nella lettera, almeno nella versione che circola con una firma in calce volutamente cancellata con tratti di pennarello, si fa riferimento a presunti rapporti intimi tra il sacerdote e alcune parrocchiane e a generiche ed ipotetiche condotte immorali del sacerdote.
      Una lettera priva di riscontri, il cui contenuto viene decisamente smentito dal parroco. Don Cugini collega la missiva alla sua attività contro l'omofobia: «Qualcuno, forse della destra cattolica, sta cercando di infangarmi in tutti i modi - dice il sacerdote raggiunto al telefono dall'Ansa - ho già informato via mail i miei parrocchiani di quanto accaduto. Usano la menzogna per infangare qualcuno che non la pensa come loro, è brutto che ci siano questi modi. La gente della parrocchia sa chi sono, in diversi mi hanno già manifestato solidarietà».
      SOLIDARIETA' DALL'ARCIGAY
      
      «Ho chiamato subito don Paolo. L'impressione è che in questi giorni il clima a Reggio Emilia sia gonfiato da gruppi estremisti, che fanno il loro gioco di paura e negatività. Purtroppo i social tendono a fare da grancassa a voci estreme e isolate, che poi vanno a istigare persone poco stabili». Così il presidente di Arcigay "Gioconda" Reggio Emilia, Alberto Nicolini, commenta in una nota l'episodio della lettera anonima arrivata ai giornali locali con accuse infamanti nei confronti del parroco di Regina Pacis, don Paolo Cugini.
      «Con don Paolo - aggiunge Nicolini - abbiamo poi riflettuto sul clima, gli attacchi, e convenuto che a
      Reggio Emilia dobbiamo lavorare di più per promuovere il benessere e combattere l'omofobia. Il peccato vero è l'istigare le menti deboli, altro che sodomia! Forza don Paolo, evidentemente stai facendo cose giuste».
      
      &nbsp;
      public post_title -> string(60) "Reggio Emilia, lettera anonima contro il prete amico dei gay"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(49) "reggio-emilia-lettera-anonima-prete-amico-dei-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-24 08:27:40"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-24 06:27:40"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152776"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152775
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-24 06:43:53"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-24 04:43:53"
      public post_content -> string UTF-8(11970) "<strong>Gay pride, il cardinale Burke: «Io critico il Papa? Tutta una montatura»…"
      <strong>Gay pride, il cardinale Burke: «Io critico il Papa? Tutta una montatura»</strong>
      Telefonata al cardinale che avrebbe firmato la benedizione anti-pride. Sulla giornata del 3 giugno: «Non voglio commentare perché devo studiare la cosa»
      di Stefano Scansani
      REGGIO EMILIA. Sua eminenza riaggancia il telefono con gentilezza: “Dio vi benedica”. Con gli occhi al cielo e “un impegno a studiare la cosa” si concludono così i 2,29 minuti di comunicazione tra la Gazzetta di Reggio e il cardinale Raymond Leo Burke che sabato scorso avrebbe sottoscritto una benedizione dei gruppi ultracattolici pronti alla processione di riparazione del Gay Pride valpadano del 3 giugno.
      
      Cioè, benedizione dopo benedizione, riparazione dopo riparazione, la marcia di avvicinamento alla manifestazione reggiana si fa irta di colpi di scena e sostanziali no comment. Perché se l’autografo del porporato fosse vero, confermato, autentico, esso rappresenterebbe uno sconfinamento nell’ambito degli equilibri della diocesi di San Prospero, e una nuova critica indiretta alla linea “misericordiosa” di Papa Francesco.
      
      In un filmato di circa quattro minuti il Comitato Beata Giovanna Scopelli invita a manifestare contro il maxi-evento del 3 giugno in favore delle persone lesbische, gay, bisessuali e transessuali conosciuto come REmilia Pride.
      Va solo ricordato che il vescovo diocesano monsignor Massimo Camisasca ha detto no all’utilizzo della cattedrale e del sagrato per la manifestazione ultracattolica. E a spiegarlo è stato don Giordano Goccini responsabile della pastorale giovanile: non si risponde a una provocazione con una provocazione. Va da sè che il confronto o il conflitto va oltre l’happening omosessuale per sua natura provocatorio, colorito, esuberante.
      
      Alberto Nicolini, presidente di Arcigay Gioconda, auspica non emerga una componente politica alla "Processione di riparazione" di sabato 3 giugno contro il REmilia Pride.
      C’è dell’altro. A dodici giorni dal Gay Pride sta infatti affiorando una rete nazionale di opposizione ultracattolica di media, siti, gruppi, associazioni, preti non di questa diocesi come don Giorgio Bellei della parrocchia dello Spirito Santo di Modena che ebbe ospite celebrante con rito latino il cardinale Burke; e poi lo stesso ecclesiastico in prima linea anti-bergogliana.
      
      L'assessore Foracchia denuncia i rischi di "estremismi e polarizzazioni"
      
      L'assessore ai Diritti di cittadinanza denuncia rischi di "estremismi e polarizzazioni, da cattolici e non" dietro alle azioni del Comitato Beata Giovanna Scopelli, organizzatore della "Processione di riparazione" contro il REmilia Pride in programma il 3 giugno.
      Americano, già vescovo di Saint Louis, da anni in Italia, creato cardinale da Joseph Ratzinger nel 2010, è stato prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, demansionato da Bergoglio come patrono e balì del Sovrano Militare Ordine di Malta (ora commissariato), Burke è stato tra i quattro firmatari della lettera che l’anno scorso ha posto i “dubia” (interrogativi) a Papa Francesco sulla sua Amoris Laetitia. Francesco li ha ignorati non rispondendo.
      
      Ma neanche sua eminenza il cardinale diacono, principe di Santa Romana Chiesa risponde alle nostre domande. Lo abbiamo cercato sul telefono fisso di casa sua, in via Rusticucci, in Borgo Pio, a due passi dal Cupolone. Saltato il centralino vaticano, segretari e assistenti, eccolo in diretta.
      Buondì eminenza, lei avrebbe firmato un foglio a sostegno della processione di riparazione contro il Gay Pride del 3 giugno a Reggio Emilia. Perché?
      «Non sono in grado di rispondere oggi su questo aspetto».
      Cioè, qual è la posizione della Chiesa?
      «Non vorrei commentare, perché devo studiare la cosa. Semplicemente non posso».
      Comunque conferma che ha sottoscritto quel biglietto durante la Marcia per la Vita a Roma?
      «Devo vedere... Rispondere al telefono per me non è possibile».
      Sa, perché circola questo biglietto dove c’è la sua firma. Sostanzialmente benedice tutti i gruppi cattolici impegnati nella processione di riparazione a Reggio Emilia quando ci sarà il Gay Pride.
      «Sì, ho capito...».
      La lascio pranzare quindi, eminenza?
      «Cosa?»
      La lascio al pranzo, al lunch... Lei conosce Reggio Emilia?
      «Sì, un po’, perché ho vissuto abbastanza anni in Italia».
      Se non sbaglio l’anno scorso lei è stato a Correggio e prima a Modena.
      «Sì, a Modena, Bologna, Reggio. Sono un po’ vecchio, adesso non mi ricordo».
      Come? Lei è del 1948, non dica che è vecchio per favore... E com’è questa storia che la vede sempre critico nei confronti della Santa Sede, di Papa Francesco?
      «Che storia, scusi?».
      Quella che la vede critico nei confronti della Santa Sede.
      «È tutta una montatura».
      Sì, dei soliti giornalisti.
      «Non vorrei commentare più».
      La ringrazio, buona giornata.
      «Dio vi benedica».
      
      Il nome di Burke e il biglietto di benedizione che secondo Radio Spada avrebbe firmato sabato a Roma continuano a circolare in numerosi siti cattolici conservatori. E va crescendo il numero dei gruppi aderenti alla processione di riparazione. Insomma c’è un tam tam non soltanto sotterraneo che transita per Reggio mirato verso le mura leonine (il confine della Città del Vaticano, il Palazzo Apostolico, Papa Francesco).
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/gay-pride-remilia-livi-1.3140793">Il Resto del Carlino</a>
      
      <strong>"Processione contro il gay pride? Da me pieno sostegno"</strong>
      Il monsignore filosofo Antonio Livi: «La legge Cirinnà è anticostituzionale»
      di ALESSANDRA CODELUPPI
      
      DOPO la benedizione al comitato beata Giovanna Scopelli – che organizza la processione di riparazione del 3 giugno anti ‘REmilia pride’ – da parte del cardinal Raymond Leo Burke, ora arriva il «pieno sostegno» di monsignor Antonio Livi: originario di Prato, 78 anni, ordinato sacerdote nel 1963, è filosofo e decano emerito della facoltà di Filosofia dell’Università pontificia lateranense.
      
      Monsignor Livi, perché appoggia il corteo religioso del comitato Scopelli?
      «Si tratta in realtà di una manifestazione civile: la fanno cittadini che protestano per la massiccia demolizione dell’istituto della famiglia: è una loro libera iniziativa, non un atto di culto ecclesiastico. La Costituzione dice che la Repubblica tutela la famiglia fondata sul matrimonio naturale, non altre forme».
      
      La legge Cirinnà è stata approvata e riconosce altre forme di unione.
      «Sì, ma credo che sia anticostituzionale. Questa manifestazione vuole fare una riparazione a Dio offeso da una manifestazione pubblica che esalta l’unione gay come bene comune quando non la è. Lo Stato, invece, la impone come valore da difendere ed è sbagliato. Se dal punto di vista politico vince la maggioranza in parlamento, su quello sociale si può dibattere e combattere».
      
      Ci sono cattolici che non vedono di buon occhio le veglie di preghiera pro gay discriminati nella parrocchia di Regina Pacis.
      «È una questione diversa. Si può pregare per tutte le persone».
      
      Il vescovo Massimo Camisasca ha negato l’appoggio al corteo, il cardinale Burke lo benedice. Chi ha ragione?
      «Sono piani diversi, ma non conflittuali. Non c’è una guerra».
      
      Difficile da credere.
      «Burke, come me, ha benedetto l’iniziativa su un piano ideale. Conosco Camisasca da molti anni e lo capisco: se non ha ritenuto di avallare il corteo come atto ufficiale della Chiesa, non significa che in cuor suo lo maledica. Nella Chiesa ci sono opinioni diverse, ma non diverse verità. Io ho dato appoggio al corteo, ma Camisasca è un amico e nulla ci separa dal punto di vista della dottrina: nei suoi panni farei lo stesso».
      
      Papa Bergoglio ha detto a fine 2016 che bisogna accogliere gay e trans. Non c’è contrasto con il dettato del Pontefice?
      «Questi cittadini non sfilano in nome del Papa e del vescovo, ma come liberi cittadini. E comunque una volta il Papa e i prelati erano meno disponibili a discutere sui valori non negoziabili, ora c’è un Pontefice che fa una pastorale più aperta».
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/23/gay-pride-reggio-emilia-lo-scontro-e-pure-dentro-la-chiesa-ultracattolici-cardinale-burke-sostiene-il-nostro-corteo-riparatore/3606709/">Il Fatto</a>
      
      <strong>Gay Pride Reggio Emilia, lo scontro è pure dentro la Chiesa. Ultracattolici: ‘Cardinale Burke sostiene il nostro corteo riparatore’</strong>
      
      La prima marcia dell'orgoglio gay nel capoluogo emiliano mobilità una vasta galassia di consevatori che contestano le aperture di Bergoglio. Anche il porporato tradizionalista avrebbe "benedetto" la processione pubblica contro "lo scandalo offerto dal movimento omosessualista". E ora sfidano il vescovo Camisasca perché prenda posizione
      di Thomas Mackinson
      Dopo 60 anni Don Camillo e Peppone se le danno ancora per la bassa padana ma nessuno ride: lo scontro in atto verte sulla “blasfemia dei gay” e fa salire a galla pezzi consistenti del partito locale anti Papa Francesco che da Reggio Emilia va a Milwaukee. Dunque, il 3 giugno si svolge il primo gay-pride nella città emiliana e la notizia ha vivificato l’ambiente conservatore della piana e ingolosito i paladini della lotta alle aperture moderniste del Pontefice. Da cinque giorni fioccano polemiche e accuse. In prima fila tal “Comitato Giovanna Scopelli” che prende il nome da una vergine carmelitana che nel 1485 fondò il monastero di Santa Maria del Popolo. Non è ben chiaro chi ci sia dietro, ma cinque secoli dopo il nome della beata finisce nell’insospettabile esercito di templari che si oppone con ogni mezzo all’evento. A partire da una contro-manifestazione che – come recita il videopromo appena diffuso in rete – “risponde alle offese pubbliche con una manifestazione altrettanto pubblica”. Il punto è che ad aderire non sono già più o soltanto associazioni dai nomi poco probabili come Radio Spada, Riscossa Cristiana, Notizie Pro Vita, Chiesa e post-Concilio, Messainlatino, il quotidiano La Croce e altri. Ma anche porporati e alte sfere vaticane.
      Pare infatti, ma la notizia non è confermata né smentita dall’interessato, che la “processione di riparazione pubblica per lo scandalo offerto dal Remilia Pride e dal movimento omosessualista” (letterale) degli oltranzisti cattolici reggiani sia stata benedetta da Raymond Leo Burke, il cardinale statunitense che insieme ad altri si era opposto a Papa Francesco sui temi della famiglia e del matrimonio. Ebbene, il sito di Radio Spada pubblica l’immagine di un foglio firmato dal porporato per aderire all’iniziativa del Comitato Scopelli che aveva previsto la contro-marcia concomitante al Gay Pride in partenza dalla cattedrale e quindi con svolgimento verso il santuario cittadino della Ghiara. Dà conto poi di quella del teologo e filosofo Monsignor Antonio Livi, fondatore dell’Associazione “Fides et Ratio”. Insomma, si sale di livello.
      
      Ai paladini della croce sembra però non offrire il fianco il vescovo Massimo Camisasca negando chiesa e sagrato così come il responsabile della pastorale giovanile della diocesi Giordano Goccini che ha criticato l’iniziativa perché “a provocazione non si risponde con una provocazione”. Che l’adesione di Burke acuisca la spaccatura è evidente, anche perché contro il Gay Pride si è espresso Giorgio Bellei, parroco dello Spirito Santo di Modena. La vicenda viene seguita dal quotidiano locale la Gazzetta di Reggio che accredita un’escalation dello scontro dietro al quale coverebbe una sempre meno contenibile opposizione alla linea di Bergoglio e della Chiesa che non condanna. “La reazione che va mobilitandosi è extra, è nazionale”, si legge. Mentre la prossima mossa dei templari potrebbe essere premere ancora sul vescovo cittadino perché prenda posizione condannando o ammetta la subalternità al pensiero modernista del Papa. Un dilemma spirituale, forse, per Camisasca che è accreditato come vescovo di Cl (è stato biografo di don Luigi Giussani) nella terra di Dossetti.
      public post_title -> string UTF-8(72) "Gay pride, il cardinale Burke: «Io critico il Papa? Tutta una montatura»"
      public post_excerpt -> string(226) "In un filmato di circa quattro minuti il Comitato Beata Giovanna Scopelli invita…"
      In un filmato di circa quattro minuti il Comitato Beata Giovanna Scopelli invita a manifestare contro il maxi-evento del 3 giugno in favore delle persone lesbische, gay, bisessuali e transessuali conosciuto come REmilia Pride.
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(54) "gay-pride-cardinale-burke-critico-papa-tutta-montatura"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-24 08:28:52"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-24 06:28:52"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152775"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152782
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-24 05:47:44"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-24 03:47:44"
      public post_content -> string UTF-8(1462) "<strong>A piedi dalla Sicilia al Trentino con la croce in spalla: frate Biagio a…"
      <strong>A piedi dalla Sicilia al Trentino con la croce in spalla: frate Biagio a Reggio e a Modena</strong>
      
      Margherita Grassi
      Il missionario laico: “Voglio portare un messaggio di amore e speranza”. Noto come attivista al fianco della comunità omosessuale, ha anche fondato la Missione di Speranza e Carità che oggi accoglie più di 200 senzatetto.
      Frate Biagio Conte sta attraversando a piedi: qui è a Cittanova di Modena (foto Gian Piero Del Monte/Telereggio/Reggionline)
      
      RUBIERA (Reggio Emilia) – Probabilmente questa mattina e nel primo pomeriggio molti di voi l’avranno visto: un uomo, a piedi, lungo la via Emilia, che portava con sé una croce. Si tratta di frate Biagio Conte, 54 anni, siciliano, missonario laico, che insieme a un accompagnatore sta attraversando a piedi l’Italia: partito dalla Sicilia, è diretto in Trentino.
      
      “Voglio portare un messaggio di amore e speranza”, ci ha detto. E’ passato da Reggio Emilia e poi si è diretto a Rubiera e da lì a Modena.
      
      Frate Biagio Conte non è nuovo a imprese di questo tipo: all’inizio degli anni ’90 si era ritirato a vivere come eremita e la sua famiglia ne aveva denunciato la scomparsa a ‘Chi l’ha visto?’. Biagio si era fatto vivo da Assisi, dove era arrivato a piedi. A Palermo è conosciuto come attivista al fianco della comunità omosessuale (ha preso parte al Gay Pride del 2015) e come fondatore della ‘Missione di Speranza e Carità’, che oggi accoglie più di 200 persone senzatetto.
      public post_title -> string(90) "A piedi dalla Sicilia al Trentino con la croce in spalla: frate Biagio a Reggio …"
      A piedi dalla Sicilia al Trentino con la croce in spalla: frate Biagio a Reggio e a Modena
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(74) "piedi-dalla-sicilia-al-trentino-la-croce-spalla-frate-biagio-reggio-modena"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-24 08:48:56"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-24 06:48:56"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152782"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152718
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-22 06:44:38"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-22 04:44:38"
      public post_content -> string UTF-8(2757) "<strong>Esclusivo/Parla il gay braccato per un bacio: «Ora vivo nella paura di a…"
      <strong>Esclusivo/Parla il gay braccato per un bacio: «Ora vivo nella paura di aggressioni»</strong>
      
      di Gianluca Lettieri
      
      «È stato orribile. Per la prima volta nella mia vita, ho avuto paura di andare per strada da solo». Ha 31 anni ed è uno studente universitario il giovane insultato e inseguito perché gay. Due giorni dopo l’episodio omofobo, avvenuto sul lungomare di Pescara, Luca (nome di fantasia) accetta di raccontare la sua serata da incubo.
      
      Tutto è iniziato quando ha salutato il suo fidanzato con un bacio, prima di avviarsi in bicicletta verso casa. «Erano più o meno le dieci di giovedì, ci trovavamo vicino alla fontana con i neon colorati, ai confini con Montesilvano - dice Luca, volontario di Arcigay Chieti, associazione che ha denunciato la vicenda parlando di grave assalto omofobico -. È stato un bacio a stampo, è durato un istante: lui era in piedi, io in bici. Due giovani, a bordo di una Punto grigia, hanno rallentato e ci hanno insultato. Poi io ho proseguito verso il ponte del mare e, fino a poco dopo la nave di Cascella, i due tagliavano la strada dalla corsia opposta, si accostavano alla pista ciclabile, aspettavano che io arrivassi in bici e continuavano a offendermi. La cosa si è ripetuta per cinque o sei volte. Avevo paura che mi seguissero fino a casa e mi picchiassero, visto che erano in due».
      
      La vittima racconta di aver contattato invano i numeri di emergenza, ma il passaggio di una pattuglia delle forze dell’ordine ha messo in fuga i due, apparentemente tra i 25 e i 30 anni. «Non li avevo mai visti prima. Stavo usando il telefono - continua Luca - e avevano paura che prendessi la targa, ecco perché sono andati via. Purtroppo non sono riuscito a segnarla. Ho sentito fortemente minacciata la mia sicurezza: ero solo, le forze dell’ordine non mi rispondevano e non sapevo cosa fare». Il giovane riferisce che è andato sia in Questura che dai carabinieri, «ma mi è stato risposto in entrambi casi che, poiché, a parer loro, non si configurava alcun reato, non potevano fare niente». Secondo l'Arcigay, che si è confrontata con l'avvocato Andrea Cerrone, il ragazzo «ha subito una vera e propria violenza privata». Un reato, spiega il legale, «procedibile d'ufficio. Se è vero che l'ingiuria è stata depenalizzata, il fatto stesso che il giovane non sia potuto rincasare, a causa delle condotte minatorie dei balordi, configura un caso di scuola di violenza privata. Una denuncia del genere andava raccolta senza se e senza ma». Arcigay, che si è rivolta anche all’avvocato Francesca Di Muzio, chiede «con forza che, come la Regione Umbria, anche l'Abruzzo si doti di una legge regionale volta al contrasto contro le discriminazioni e le violenze di genere determinate dall'orientamento sessuale».
      public post_title -> string UTF-8(83) "Esclusivo/Parla il gay braccato per un bacio: «Ora vivo nella paura di aggressio…"
      Esclusivo/Parla il gay braccato per un bacio: «Ora vivo nella paura di aggressioni»
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(69) "esclusivoparla-gay-braccato-un-bacio-ora-vivo-nella-paura-aggressioni"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-22 08:47:29"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-22 06:47:29"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152718"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152710
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-22 06:08:30"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-22 04:08:30"
      public post_content -> string UTF-8(3832) "<strong>Notte di paura a Termini</strong> di Paolo Conti Intorno alla stazione d…"
      <strong>Notte di paura a Termini</strong> 
      
      
      di Paolo Conti
      
      Intorno alla stazione dopo il tramonto spaccio e degrado tra vite smarrite, violenze e spacciatori
      
      Via Giolitti è, con via Marsala e piazza dei Cinquecento, uno dei confini della cittadella Termini, il principale snodo ferroviario della Penisola, impegnata in un complesso cambiamento che ne fa un cantiere aperto da mesi. Un palcoscenico di contraddizioni e di contrasti, via Giolitti. Da una parte la contemporaneità e il benessere: la nuova cittadella del Mercato Centrale, aperta fino a mezzanotte nell’Ala Mazzoniana: un luna park di fritti, paste fresche con mille sughi, specialità siciliane, pesce, sushi, un’aria d’Europa. Più in giù, verso via Turati, svetta la terrazza panoramica dell’Hotel Radisson Blu, con la piscina affacciata sulla Roma contemporanea, location di feste esclusive e meeting di grandi aziende.
      
      Intorno, la sera, per la strada si precipita nella marginalità, nel degrado. E sono in tanti ad avere paura, camminando da soli. Prendiamo il marciapiede sopraelevato che, di fronte alla stazione, collega la Discoteca Laziale (uno dei più grandi rivenditori romani di cd, dvd musicali, film e videogiochi) al ristorante Hua Qiao, indirizzo per gourmet nella Chinatown romana: Chef Rubio lo considera il miglior cinese della Capitale. Su quell’asse, appena calato il sole, si radunano decine di immigrati, una piccola folla. Alcuni entrano ed escono in uno dei tanti supermercati anonimi spuntati a Roma, tutti uguali e senza identità. Hanno zaini e borse. Riportano la merce rimasta invenduta sui banchi improvvisati o per le strade (calzini e fazzoletti stretti in mano, proposti ai passanti dove capita). Altri assembramenti a due passi dal Mercato Centrale sono meno equivoci, addirittura espliciti: rapide strette di mano, qualcuno controlla la propria e la infila in tasca. Uno scambio?
      
      Non si tratta di percezioni, non è solo la notte che fa fantasticare di rapine e di droga, basta chiedere al commissariato Viminale. Qualche esempio recente. Venerdì 12 maggio, è notte. Due turisti americani vengono rapinati da due extracomunitari, poi bloccati poco prima dell’alba. Uno dei due, un egiziano di 19 anni, era stato appena scarcerato e torna subito in prigione. Dieci giorni prima un colombiano transessuale era stato pestato a sangue per strada tra le macchine in sosta, lì in piena via Giolitti, nell’indifferenza dei passanti. I poliziotti gli hanno mostrato alcune foto, lui ha riconosciuto gli aggressori, un uomo e una donna romeni, probabilmente gli stavano estorcendo del denaro. E poi, negli archivi 2017 su via Giolitti, arresti su arresti: spaccio di droga, rapine sempre diverse e sempre uguali, furti nei negozi, roba anche da pochi euro, assalti a colpi di bottiglie rotte contro la polizia impegnata nei controlli. E poi le aggressioni sessuali, nella notte della marginalità: per esempio quella ragazza romena colpita alla testa alle 2 del mattino da un nordafricano, poi fuggito, perché non si lasciava toccare.
      
      Via Giolitti, come via Marsala e piazza dei Cinquecento, è una calamita che attira la disperazione degli Ultimi. All’angolo di via Giolitti c’è il Sottopasso Turbigo. Tra i piloni dormono, nonostante il rimbombo assordante del traffico, quattro senzatetto coperti da piumoni e cartoni da imballo. Quella è la loro casa, uno ha accanto un cappello estivo di paglia. Più in là, sull’asse di via Marsala, la povertà, il disagio mentale, l’alcolismo, la solitudine, l’incapacità di farcela, la malattia, hanno creato un immenso albergo all’aperto dove si preparano i giacigli di plastica, ci si lava i denti con le bottiglie d’acqua minerale, si litiga per la priorità di un posto, se capita nascono amori per non restare sempre soli. È la realtà di Termini, tra grande ricchezza e vite smarrite.
      public post_title -> string(24) "Notte di paura a Termini"
      public post_excerpt -> string UTF-8(154) "... un colombiano transessuale era stato pestato a sangue per strada tra le macc…"
      ... un colombiano transessuale era stato pestato a sangue per strada tra le macchine in sosta, lì in piena via Giolitti, nell’indifferenza dei passanti...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(19) "notte-paura-termini"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-22 08:10:57"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-22 06:10:57"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152710"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152684
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-21 07:10:08"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-21 05:10:08"
      public post_content -> string UTF-8(7257) "<strong>L’unione di Scalfarotto con Federico</strong> &nbsp; di Elena Tebano «E …"
      <strong>L’unione di Scalfarotto con Federico</strong>
      
      &nbsp;
      
      di Elena Tebano
      
      «E ora facciamo una piccola forzatura lessicale: viva gli sposi!». L’unione civile tra il sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto e Federico Lazzarovich, suo compagno da 12 anni, si è conclusa con un lungo applauso e queste parole dell’assessore Pierfrancesco Majorino, che l’ha celebrata ieri a Milano. Scalfarotto è il primo esponente di un governo italiano a contrarre un’unione gay e si era battuto a lungo per la legge Cirinnà. «La vittoria politica l’ho celebrata l’anno scorso, qui festeggio una grande felicità privata. Ora— ha aggiunto — cambierò il cognome in Scalfarotto-Lazzarovich». Ai due ieri anche gli auguri dell’ex premier Matteo Renzi.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://video.repubblica.it/edizione/milano/unioni-civili-scalfarotto-a-milano-sposa-il-compagno-finalmente-anche-in-italia-e-possibile/276379/276961">Repubblica.it</a>
      
      <strong>Unioni civili, Scalfarotto a Milano sposa il compagno: "Finalmente anche in Italia è possibile"</strong>
      
      <iframe class="rep-video-embed" src="http://video.repubblica.it/embed/edizione/milano/unioni-civili-scalfarotto-a-milano-sposa-il-compagno-finalmente-anche-in-italia-e-possibile/276379/276961&amp;width=320&amp;height=180" width="320" height="180" frameborder="0" scrolling="no"></iframe>
      
      Ivan Scalfarotto ha detto "sì" e ha sposato il compagno Federico Lazzarovich al termine di una cerimonia al Palazzo Reale di Milano. "Finalmente anche in Italia è possibile", ha detto Scalfarotto, che è il primo esponente di governo a unirsi civilmente. Dopo lo scambio delle fedi, la cerimonia si è conclusa con il tradizionale lancio di riso da parte di amici e parenti
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/scalfarotto-e-il-primo-membro-del-governo-a-sposare-il-compagno/">Il Fatto</a>
      
      <img class="alignnone wp-image-152706" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370521-scalfarotto2.jpg" alt="" width="777" height="395" />
      
      <strong>Scalfarotto è il primo membro del governo a sposare il compagno</strong>
      
      Per la prima voltaun membro del governo italiano, dichiaratamente omosessuale, si è presentato in Comune per unirsi con il proprio compagno in una cerimonia civile. Ieri a Palazzo Reale a Milano, nella sala degli specchi, si è celebrata l’unione di Ivan Scalfarotto, sottosegretario allo Sviluppo economico nel governo Renzi prima e con Gentiloni ora
      
      &nbsp;
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.ilgiornale.it/news/politica/e-italia-prime-nozze-gay-nel-governo-scalfarotto-e-federico-1399814.html" target="_blank" rel="noopener noreferrer">Il Giornale</a>
      
      <img class="alignnone size-full wp-image-152699" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/370521-scalfarotto.jpg" alt="" width="665" height="221" />
      
      <strong>E in Italia prime nozze gay nel governo: Scalfarotto e Federico hanno detto sì</strong>
      
      Il sottosegretario sposo dopo la legge Cirinnà. Gli auguri (con ironia) di Renzi
      
      Cristina Bassi
      
      Milano - Un «sì» che è anche una tappa storica. Ivan Scalfarotto, sottosegretario allo Sviluppo economico, ieri mattina ha sposato a Milano il compagno Federico Lazzarovich.
      
      È il primo esponente del governo italiano a sposarsi civilmente in un'unione omosessuale a un anno esatto dall'entrata in vigore della legge Cirinnà.
      
      «Oggi sono solo un privato cittadino che si sposa, finalmente in un Paese in cui è possibile», ha detto Scalfarotto ai cronisti presenti. E a una giornalista che gli chiedeva se fosse emozionato ha risposto: «Lei si è mai sposata? Allora lo sa». La cerimonia è stata celebrata nella sala degli Specchi di Palazzo Reale dall'assessore comunale alle Politiche sociali, amico del sottosegretario e compagno di tante battaglie politiche e di partito Pierfrancesco Majorino. Erano presenti parenti e amici della coppia, ma nessun membro del governo o volto della politica nazionale. Il segretario del Pd Matteo Renzi ha fatto gli auguri ai neo sposi dal palco della Scuola di politica dei democratici alla Fondazione Feltrinelli, sempre a Milano: «Faccio gli auguri a Ivan Scalfarotto, che si è unito mezz'ora fa a Federico, a cui esprimo la mia solidarietà», ha scherzato l'ex premier.
      
      «È emozionante - ha sottolineato Majorino - poter condividere questo momento straordinario nella vita di due persone a cui vogliamo bene. E questo rappresenta anche una straordinaria innovazione nella vita del Paese. Abbiamo di fronte l'unione civile tra un esponente del governo e un uomo molto più bello e affascinante di lui - ha aggiunto con una battuta l'assessore -, la cosa però è un primato in Italia per l'appartenenza di Ivan». Nel corso della cerimonia la sorella minore di Scalfarotto, Federica, ha dedicato una lettera alla coppia: «Oggi finalmente - ha detto commossa - anche tu hai la tua famiglia riconosciuta per legge. Dicevano che le unioni civili avrebbero minacciato il matrimonio tradizionale. Io ho sempre sostenuto che non avrebbero mai scalfito il mio matrimonio e non sbagliavo. Oggi sento la mia unione, tradizionalissima, ancora più forte; oggi voi mi avete dato un'ulteriore conferma di quanto sia potente l'amore». Majorino invece ha letto una poesia di Emily Dickinson, poi ha concluso: «Viva Federico e Ivan, viva gli sposi! Facciamo una minima forzatura lessicale, ma diciamolo lo stesso». Applausi, auguri e lancio del riso.
      
      All'uscita dalla sala gli sposi, in abito scuro, mazzetto di fiori bianchi uguale all'occhiello e cravatta grigia (Ivan) e azzurra (Federico), hanno salutato gli ospiti dando loro appuntamento per la serata all'Osteria del Treno. Attesi al ricevimento anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, che con Scalfarotto è stata in prima linea nella battaglia per i diritti delle coppie gay, e altri esponenti del Pd e del governo. Prima di Scalfarotto anche Anna Paola Concia, da deputata del Partito democratico, si è sposata nel 2011 con la compagna Ricarda Trautmann. Il rito era stato però celebrato in Germania, proprio perché in Italia mancava ancora una legge sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso.
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da <a href="http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/12390643/ivan-scalfarotto-unione-civile-matrimonio-gay-sfregio-governo-sfotto-renzi.html" target="_blank" rel="noopener noreferrer">Libero</a>
      
      <strong>Ivan Scalfarotto si sposa col compagno: nessun rappresentante del governo tra i presenti</strong>
      
      Sorrisi e applausi al Palazzo Reale di Milano dove Ivan Scalfarotto si è unito civilmente al compagno Federico Lazzarovich. Il sottosegretario allo Sviluppo economico è il primo esponente di governo a ufficializzare il proprio legame con il rito introdotto esattamente un anno fa, con la promulgazione della legge sulle unioni civili. Alla cerimonia non era presente, tuttavia, alcun rappresentante del governo. L'unico a fargli gli auguri, a stretto giro, è stato l'ex premier e segretario del Pd Matteo Renzi , che dimostrando il consueto senso dell'humor ha twittato "faccio gli auguri a Ivan Scalfarotto che mezz’ora fa si è unito con il compagno Federico, a cui va la mia solidarietà".
      public post_title -> string UTF-8(36) "L’unione di Scalfarotto con Federico"
      public post_excerpt -> string(88) "Ivan Scalfarotto si sposa col compagno: nessun rappresentante del governo tra i …"
      Ivan Scalfarotto si sposa col compagno: nessun rappresentante del governo tra i presenti
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(28) "lunione-scalfarotto-federico"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-21 09:46:03"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-21 07:46:03"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152684"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152692
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-21 06:43:48"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-21 04:43:48"
      public post_content -> string UTF-8(3050) "<strong>Pescara, gay bacia il fidanzato: viene inseguito da un’auto e offeso</st…"
      <strong>Pescara, gay bacia il fidanzato: viene inseguito da un’auto e offeso</strong>
      
      Pescara - La sua unica colpa è di aver mostrato pubblicamente i suoi sentimenti, di aver dimostrato davanti a tutti il suo amore. Come fanno tanti ragazzi, che in strada e in piazza si tengono per mano, e poi magari si baciano appassionatamente.
      
      E però, il suo trasporto non era dedicato a una ragazza, ma a un altro uomo. Gay come lui. Tanto è bastato per trascinarlo in un incubo, anche con il terrore di conseguenze fisiche.Sì, un grave episodio di omofobia.
      
      Perchè il ragazzo è stato inseguito e insultato da due persone a bordo di un’auto che lo hanno minacciato e offeso per il suo orientamento sessuale. Protagonista dell’episodio, avvenuto a Pescara giovedì sera, all’indomani della Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia , è un giovane che stava tornando a casa in bici, dopo aver salutato il suo fidanzato con un bacio, sul lungomare della città adriatica. A denunciare la vicenda è l’Arcigay di Chieti.
      
      
      I due individui, racconta l’associazione, per cui, tra l’altro, il ragazzo è volontario, hanno assistito alla scena del bacio ed avrebbero subito iniziato ad urlare contro il giovane e ad insultarlo. Non contenti, dopo la prima serie di offese, lo avrebbero inseguito, superandolo e fermandosi più volte per aspettarlo, continuando ad insultarlo. Spaventato, il giovane ha evitato di tornare a casa, per non rivelare il suo domicilio.
      
      Mentre la vittima cercava di contattare i numeri di emergenza, il passaggio di una pattuglia delle forze dell’ordine ha messo in fuga le due persone. Il giovane ha poi deciso di sporgere denuncia: «Si è recato sia in Questura sia dai carabinieri - afferma l’Arcigay - ma gli è stato risposto in entrambi casi che, poiché, a parer loro, non si configurava alcun reato, non potevano fare niente».
      
      Secondo l’associazione, che si è confrontata con l’avvocato Andrea Cerrone, dottore di ricerca in tutela dei diritti fondamentali all’Università di Teramo, il ragazzo «ha subito una vera e propria violenza privata». Un reato, spiega il legale, «procedibile d’ufficio. Se è vero che l’ingiuria è stata depenalizzata - aggiunge l’avvocato - il fatto stesso che il giovane non sia potuto rincasare, a causa delle condotte minatorie dei balordi, configura un caso di scuola di violenza privata e non è escluso che si possano ravvisare anche altri reati. Una denuncia del genere andava raccolta senza se e senza ma». L’avvocato Francesca Di Muzio, penalista e cultrice di criminologia e vittimologia, sottolinea che «il monito, in assenza di una legge ad hoc, è quello di continuare a denunciare al fine di creare dei precedenti giurisprudenziali che possano indicare la strada al legislatore».
      
      Arcigay coglie l’occasione per «chiedere con forza che, analogamente a quanto ha fatto la Regione Umbria, anche l’Abruzzo si doti di una legge regionale volta al contrasto contro le discriminazioni e le violenze di genere determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere».
      public post_title -> string UTF-8(68) "Pescara, gay bacia il fidanzato: viene inseguito da un’auto e offeso"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(57) "pescara-gay-bacia-fidanzato-viene-inseguito-unauto-offeso"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-21 09:13:38"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-21 07:13:38"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152692"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152676
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-20 06:44:11"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-20 04:44:11"
      public post_content -> string UTF-8(3234) "<strong>Pescara. Dopo il bacio al fidanzato, inseguito e ingiuriato perché gay</…"
      <strong>Pescara. Dopo il bacio al fidanzato, inseguito e ingiuriato perché gay</strong>
      
      Paura per un episodio omofobo denunciato da Arcigay. Per un’ora chiede aiuto senza esito
       
      PESCARA. Aveva appena salutato il suo fidanzato con un bacio sul lungomare poi ha inforcato la propria bici per dirigersi a casa. Ma giovedì sera, a Pescara, sono statti visti da due tizi in una macchina che hanno dato luogo ad un triste «assalto omofobico» nei confronti di un ragazzo volontario di Arcigay Chieti.
      Tutto è accaduto in pieno centro, verso le 22. Due individui che hanno assistito alla scena a bordo di un’auto hanno iniziato a gridare subito con tono minaccioso improperi legati al suo orientamento sessuale («lasciamo immaginare quali: è stata utilizzata tutta la gamma dei possibili insulti», dice l’Arcigay Chieti).
      L’episodio non si è chiuso subito: i due hanno iniziato ad inseguire il ragazzo in bici per un bel tratto superandolo e fermandosi più volte per aspettarlo e ogni volta che si avvicinavano (anche guidando contro mano) gli hanno urlato contro ingiurie con tono violento, spaventando moltissimo il ragazzo che sulla propria bici non ha potuto far rientro subito in direzione di casa in quanto, sentendosi minacciato, non voleva rivelare loro il suo domicilio.
      L’Arcigay che denuncia il fatto spiega che a nulla sono valse le chiamate ai numeri di emergenza che per molti minuti hanno squillato a vuoto.
      
      113 ed il numero diretto della questura non sono stati d’aiuto, nemmeno una pattuglia che in quel momento passava ha risposto alle sue richieste di aiuto - tirando dritto -, ma almeno ha avuto l’effetto di far scappare i due violenti.
      Intorno alle 23 il ragazzo si è recato sia in Questura che dai carabinieri per sporgere denuncia, ma gli è stato riposto in entrambi casi che poiché, a parer loro, non si configurava alcun reato loro non potevano fare niente.
      «Noi di Arcigay Chieti», dice l’associazione, «vogliamo sottolineare e denunciare quanto sia grave non solo l’inseguimento minaccioso con ingiurie operato ai danni del ragazzo, che ha subito una vera e propria violenza privata, quanto anche la totale assenza di aiuto delle forze dell’ordine, che altresì hanno frettolosamente liquidato - sia telefonicamente che di persona - il ragazzo non curandosi minimamente del fatto che non spetta a loro giudicare la presenza o meno di un reato in un episodio di violenza e ingiuria.
      Cogliamo l’occasione per chiedere con forza che - analogamente a quanto ha fatto la Regione Umbria - anche l’Abruzzo si doti di una legge regionale volta al contrasto contro le discriminazioni e le violenze di genere determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere, che assolutamente non ha alcuna attinenza con le opinioni, come tanti oppositori di questa legge si affannano ad affermare erroneamente. In Senato è arenata ormai da anni una legge contro l’omofobia proprio a causa di posizioni di veto davvero incomprensibili».
      
      
      L’episodio è accaduto il giorno successivo alla «Giornata Internazionale contro l’omofobia e la transfobia» del 17 maggio, che ha visto anche il Presidente Mattarella lanciare un messaggio contro l’omofobia, quale violazione inaccettabile dei diritti umani universali.
      public post_title -> string UTF-8(70) "Pescara. Dopo il bacio al fidanzato, inseguito e ingiuriato perché gay"
      public post_excerpt -> string UTF-8(88) "Paura per un episodio omofobo denunciato da Arcigay. Per un’ora chiede aiuto sen…"
      Paura per un episodio omofobo denunciato da Arcigay. Per un’ora chiede aiuto senza esito
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "pescara-bacio-al-fidanzato-inseguito-ingiuriato-perche-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-20 09:07:35"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-20 07:07:35"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152676"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152614
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-19 03:55:56"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-19 01:55:56"
      public post_content -> string UTF-8(620) "<strong>Le Iene, il servizio choc sugli omosessuali e le parole di Giovanardi sc…"
      <strong>Le Iene, il servizio choc sugli omosessuali e le parole di Giovanardi scatenano la rete</strong>
      
      FUNWEEK - Quanto è difficile essere omosessuali in Italia? Questo si è chiesto Nadia Toffa de Le Iene, prima di rivolgere la stessa domanda a Carlo Giovanardi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per la famiglia dal 2008 al 2011. Il servizio shock, andato in onda il 17 maggio, in occasione della Giornata Internazionale contro l’omofobia, ha scatenato la furia e l’incredulità degli spettatori che nel 2017 sono costretti ancora a sentire che l’omosessualità è contro natura.
      public post_title -> string(87) "Le Iene, il servizio choc sugli omosessuali e le parole di Giovanardi scatenano …"
      Le Iene, il servizio choc sugli omosessuali e le parole di Giovanardi scatenano la rete
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(78) "le-iene-servizio-choc-sugli-omosessuali-le-parole-giovanardi-scatenano-la-rete"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-19 08:57:26"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-19 06:57:26"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152614"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152519
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-17 07:30:35"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-17 05:30:35"
      public post_content -> string UTF-8(2541) "<strong>È il giorno contro l’omofobia, veglia da don Stinghi</strong> Stasera le…"
      <strong>È il giorno contro l’omofobia, veglia da don Stinghi</strong>
      Stasera le preghiere anti discriminazioni in tutta Italia. Il parroco: l’omosessualità è un mondo
      
      Veglie di preghiera per le vittime dell’omofobia. Papa Francesco ha aperto agli omosessuali, e in Italia alcune parrocchie hanno così deciso di ospitare nelle chiese delle celebrazioni liturgiche impensabili fino a pochi anni fa. Ma a Firenze c’è un’esperienza che è nata molto prima della storica apertura del Pontefice ai gay. E per il gruppo Kairos, che stasera organizzerà una veglia di preghiera alla Madonna della Tosse, in occasione della giornata mondiale contro l’omofobia, sarà l’undicesima volta.
      
      Tutto iniziò nel 2006, quando un piccolo gruppo di gay fiorentini, tutti ispirati alla fede cristiana, decise di raccogliersi per ricordare un ragazzo che si era suicidato a Torino, vittima del bullismo dei compagni di scuola. Ad accoglierli allora fu la chiesa valdese di via Micheli, per la prima storica veglia di preghiera. «La partecipazione fu larghissima, una sorpresa anche per noi», racconta Innocenzo Pontillo. Poi arrivarono le veglie anche alla chiesa battista. Fino a che, nel 2010, Kairos che vagava per la città in cerca di un posto dove riunirsi, non trovò la risposta della parrocchia della Madonna della Tosse di don Giacomo Stinghi. «Per me che sono cresciuto a Grassina — racconta don Stinghi — “buho” era l’offesa peggiore che si potesse fare. Poi ho scoperto che quello dell’omosessualità è un mondo. E impari che non c’è nulla di sbagliato».
      
      All’inizio, tra Kairos e la Madonna della Tosse c’è un momento di studio. I ragazzi dell’associazione cominciano a frequentare la parrocchia. A maggio 2011 c’è la prima storica volta di una liturgia dedicata alle vittime gay. Quest’anno dopo la veglia che si terrà alle 20,50, ci sarà una fiaccolata per le vittime dell’omofobia che sfilerà per via Cavour fino a piazza del Duomo. Ad aderire, molte organizzazioni cattoliche: Pax Cristi, la parrocchia di Sant’Andrea in Percussina, le Piagge, le suore domenicane San Tommaso d’Aquino, i missionari comboniani, la comunità vetero-cattolica.
      
      E un mese fa, ad aprile, un’altra svolta: durante la visita pastorale del cardinale Giuseppe Betori alla Madonna della Tosse, ad accoglierlo c’è anche il gruppo Kairos. Ufficialmente non fa parte della parrocchia, ma Betori ascolta anche la testimonianza di uno dei ragazzi. «C’è una parrocchia — commenta Betori — dove non si dà mai retta…». Poi guarda don Stinghi. E gli sorride .
      
      Giulio Gori
      public post_title -> string UTF-8(52) "È il giorno contro l’omofobia, veglia da don Stinghi"
      public post_excerpt -> string UTF-8(97) "Stasera le preghiere anti discriminazioni in tutta Italia. Il parroco: l’omosess…"
      Stasera le preghiere anti discriminazioni in tutta Italia. Il parroco: l’omosessualità è un mondo
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(35) "giorno-lomofobia-veglia-don-stinghi"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-17 08:02:59"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-17 06:02:59"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152519"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152837
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-27 06:17:16"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-27 04:17:16"
      public post_content -> string UTF-8(4097) "<strong>Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una sugges…"
      <strong>Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione collettiva»</strong>
      Milano, denunciato dalle alunne e arrestato nel 2014. Per i giudici colpa di voci, equivoci ed errori
      MILANO Quasi quasi, alla fine, il meno restano i 19 giorni a San Vittore nel raggio degli arrestati per reati sessuali, e i successivi altri 11 mesi ai domiciliari fino allo scadere della custodia cautelare: il meno, in confronto all’accusa di aver approfittato della propria condizione di docente di arte alla scuola media Manzoni di Milano per toccare il fondoschiena, accarezzare le cosce o sfiorare l’inguine di 4 alunne di I e III media.
      
      Una «violenza sessuale» dalla quale il Tribunale ha assolto «con formula piena perché il fatto non sussiste» il professor Maurizio Minora, ritenendolo vittima di una «suggestione collettiva»: innestatasi sulla sua dichiarata propensione a «un atteggiamento fisico e affettuoso sia con i maschi sia con le femmine» (come pacche sulle spalle o sculacciate per farli rientrare in classe), nonché su «voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato, poi persino violentatore del proprio figlio, o egli stesso abusato da piccolo. La Procura della Repubblica, che aveva chiesto la condanna a 2 anni e 6 mesi, non ha impugnato l’assoluzione, e nemmeno la Procura Generale. L’assoluzione è definitiva anche per la collega Ripalta Izzi, per la quale erano stati chiesti 2 anni nell’ipotesi avesse saputo delle molestie ma non le avesse impedite.
      
      Per i giudici Giovanna Ichino, Anna Zamagni e (estensore) Alessandro Santangelo, i denunciati «atteggiamenti sessualmente molesti non trovano riscontri in terze persone, ma solo nelle reciproche» (e «in più punti contraddittorie e/o inverosimili») dichiarazioni delle quattro ragazze, «che non può sottacersi fossero legate da relazioni psicologiche molto complesse»: ad esempio una «psicologicamente succube» della sua migliore amica, o un’altra vittima di bullismo. La ragazza-capogruppo avrebbe dunque cominciato «ad attribuire agli atteggiamenti fisici e affettuosi, da sempre tenuti dal professore, una connotazione sessuale che in realtà non avevano affatto, influenzando le persone a lei più vicine per trovare conferma al suo erroneo vissuto soggettivo».
      
      Tra le incongruenze (valorizzate dai difensori Tiziana Bellani, Gabriele Fuga e Guido Camera), anche il fatto che due ragazze datassero alcune molestie in epoca successiva all’installazione di telecamere che nulla avevano invece mostrato (e non per la presunta fuga di notizie ipotizzata dai vigili a carico della preside, da ciò assolta già nel 2015 dal gup). A detta dei giudici la «suggestione collettiva», scaturita da una lettera scritta da una ragazza sul tema della rabbia alla fine di un laboratorio teatrale scolastico, sarebbe peraltro debordata pure in alcuni atti di indagine: come l’informativa nella quale la polizia locale il 30 maggio 2014 rappresentava al pm Gianluca Prisco e al gip Luigi Gargiulo che le 4 ragazze si erano presentate alla preside lamentando non (come nel reale contenuto delle dichiarazioni) che tutte e quattro avessero detto di sapere che una fosse stata toccata nel fondoschiena quel giorno, ma che il professore avesse «toccato a tutte e quattro il fondo schiena»: circostanza, rimarca invece il Tribunale, «smentita dalle stesse» ragazze, giacché tre in sede di incidente probatorio» nel novembre 2014 «non riferivano affatto di essere state palpeggiate in quel frangente».
      
      Frutto di un equivoco pare essere stata anche la domanda posta all’appena arrestato docente, dalla quale – stando alla trascrizione - sembrava esistere la conferma di una ragazza testimone oculare di uno degli episodi denunciati da una compagna: ciò non poteva invece essere, perché la presunta teste oculare non era mai stata interrogata dalla polizia locale prima dell’arresto dell’uomo il 5 giugno 2014, mentre lo sarebbe stata solo il 14 giugno, peraltro non confermando la scena di cui la si asseriva teste.
      
      Luigi Ferrarella
      public post_title -> string UTF-8(89) "Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione co…"
      Molestie sessuali, prof in carcere poi assolto «Fu vittima di una suggestione collettiva»
      public post_excerpt -> string UTF-8(184) "....«voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bis…"
      ....«voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato, poi persino violentatore del proprio figlio...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(72) "molestie-sessuali-prof-carcere-assolto-fu-vittima-suggestione-collettiva"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-27 07:19:26"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-27 05:19:26"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152837"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(3) "545"
    public max_num_pages -> float46
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "039d65dc0047f285e941666f944d9035"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033