$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'focus' => string(7) "costume"
    public query_vars -> array(67)
    'focus' => string(7) "costume"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "focus"
    'term' => string(7) "costume"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "focus"
      'terms' => array(1)
      string(7) "costume"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'focus' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(7) "costume"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer11505
      public name -> string(7) "Costume"
      public slug -> string(7) "costume"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer11505
      public taxonomy -> string(5) "focus"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer109
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer11505
    public request -> string(442) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (11505)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152823
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-25 06:36:45"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-25 04:36:45"
      public post_content -> string UTF-8(1574) "<strong>L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre …"
      <strong>L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre ricc***ni”</strong>
      
      Nando Mariano
      
      Carmela Cosmo, meglio conosciuta come La Tarantina, ha 81 anni ed è uno degli ultimi femminielli di Napoli. Oggi vive nel cuore della città, in una piccola stanza ai Quartieri Spagnoli, dove spesso ripensa alla sua vita piena di avventure, il più delle volte brutte, fatte anche di violenza e solitudine.
      
      Oggi, però, il mondo sta cambiando, e trans e omosessuali stanno conquistando sempre più diritti, prima tra tutti quello delle unioni civili. Un mese fa, circa, ad Aversa si è celebrato il primo matrimonio trans d’Italia, ma alla Tarantina non è piaciuto tutto questo clamore, come dichiarato al Corriere del Mezzogiorno:
       
      “Che cosa ha voluto fare questa persona trans che si è sposata? Che cosa mi vuole dire? Ora questa persona dice ‘mi sono sposata’, d’accordo, ma ti stai esibendo per cosa? Per darti visibilità? Il mondo oggi è pieno di omosessuali, l’esclusività l’ho portata io, perché ho 81 anni, lascio immaginare cosa sono stati i miei anni. Oggi il loro mondo è tutto rosa, quello che vogliono ottenere lo ottengono. Avrei voluto vedere se negli anni nostri era possibile. Quali battaglie hanno fatto? Devono ringraziare me che gli ho spianato la strada”.
      
      Eppure, nonostante i passi avanti, secondo il celebre femminiello non saranno mai abbastanza per eliminare le discriminazioni: “Finché ci sarà vita sulla terra la discriminazione non finirà, altre tre generazioni grideranno ricc***e, sono inutili tutte queste discussioni”.
      public post_title -> string UTF-8(82) "L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre ricc***n…"
      L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre ricc***ni”
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(71) "lultimo-femminiello-napoli-matrimoni-trans-ci-chiameranno-sempre-riccni"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-25 09:37:57"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-25 07:37:57"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152823"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152690
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-21 06:04:02"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-21 04:04:02"
      public post_content -> string UTF-8(3055) "SESSO di Giulia Sissa <strong>Il corpo prossimo venturo sarà un corpo antico.</s…"
      SESSO
      
      di Giulia Sissa
      
      <strong>Il corpo prossimo venturo sarà un corpo antico.</strong>
      
      Sarà un corpo mitico, in continua metamorfosi. Non saranno gli dèi a trasformarci, bensì noi stessi. Il desiderio di creare nuovi corpi già ispira il nostro modo di vivere. Possiamo variare le maniere di vestirci, atteggiarci e ornarci; possiamo alterare la nostra presenza estetica con iniezioni, ormoni e chirurgia. Possiamo reinventare la nostra persona erotica. Possiamo cambiare il nostro genere sessuale. Possiamo. Questo “ poter diventare” rovescia il “ dover essere” della natura. È la fine dell’utopia, cioè del senso dell’impossibile.
      Stiamo sperimentando sulla nostra pelle, ma con la benedizione della legge, un corpo malleabile, rielaborato e reinterpretato dai nostri desideri. I nostri tessuti e le nostre reazioni biochimiche non sono realtà fisse e immutabili, bensì la materia prima del nostro farci e rifarci nel tempo. Ci reincarniamo dinamicamente in identità successive. Siamo psicosomatici. Siamo ibridi.
      Siamo mutanti. Per chi crede alla legge naturale o per chi tiene al determinismo economico, questa è una pessima notizia. Soprattutto quando si parla di sessualità e di genere, il “ nuovo materialismo” della filosofia contemporanea fa paura.
      Ma il corpo del futuro è già qui. Lo vediamo nella domanda di riconoscimento per le forme di erotismo e di genitorialità che gli individui contemporanei stanno già scegliendo. È un corpo vissuto attraverso una filosofia della vita ordinaria.
      Trattiamo noi stessi come esseri in carne e ossa, attivi nel mondo con gesti, movimenti, percezioni, emozioni che possono esistere perché abbiamo mani, bocche e cervelli. Siamo letteralmente “ incorporati”. Ci curiamo di noi stessi andando in palestra o spalmando una crema idratante, o ci trascuriamo lasciandoci andare, ma sappiamo di essere comunque nelle nostre mani. Siamo esposti a continue micro-decisioni, in cui si gioca il nostro rapporto incerto con noi stessi. Siamo animali ansiosi. L’anatomia non è un destino, ma una sfida.
      Ho ricevuto in eredità un certo patrimonio genetico: che cosa ne faccio?
      Tra poco potrò modificarlo vistosamente. Leggi, abitudini e corpi sono in via di sviluppo.
      L’autonomia individuale si rinforza e la voglia di pensare con la propria testa ha dato prova di longevità. Il diritto riconosce libertà sempre più estese mentre gli individui sperimentano nuove forme di identità personali. Ma il corpo, e il desiderio, fanno i conti anche con l’immateriale.
      Mentre si amplia il nostro orizzonte di possibilità “ fisiche” personali, il rapporto con i corpi degli altri può diventare più rarefatto, meno necessario.
      Perché la tecnologia ci consente di ampliare le sensazioni e di moltiplicarle. Senza bisogno di esserci. Desideri senza contatto. In questa nuova relazione dei corpi — il nostro, sempre migliorabile e affinabile, e quello degli altri, più distante nella sua concretezza specifica perché sostituibile e ridisegnabile — si gioca la nostra relazione, più o meno pericolosa, con il futuro.
      
      public post_title -> string UTF-8(55) "SESSO - Il corpo prossimo venturo sarà un corpo antico."
      public post_excerpt -> string UTF-8(36) "La possibilità di indossare il corpo"
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(49) "sesso-corpo-prossimo-venturo-sara-un-corpo-antico"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-21 09:05:41"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-21 07:05:41"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152690"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152613
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-19 04:53:24"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-19 02:53:24"
      public post_content -> string UTF-8(2166) "<strong>La salute di Marina Ripa di Meana migliora: “Boicottate il Gay Pride!”</…"
      <strong>La salute di Marina Ripa di Meana migliora: “Boicottate il Gay Pride!”</strong>
      
      di Giulia Drigo 
       
      Marina Ripa di Meana sta meglio, e invita i gay a boicottare il Gay Pride: “È diventato scontato, ridicolo, triste, volgare, baraccone e decisamente settoriale”…
      
      Tredici libri, due mariti, due figli (una biologica e uno adottato), un paio di film, un reality e una vita oltre gli schemi: Marina Ripa di Meana è questo e molto altro. In un’intervista a gay.it ha raccontato di stare molto meglio rispetto a quando si era mostrata a Pomeriggio 5 col volto sfigurato.
      
      “Sto decisamente meglio! L’intossicazione, grazie a Dio, sta passando e, nonostante sia ancora molto debole, il mio viso si sta sgonfiando a vista d’occhio. Da domani riprenderò anche in mano il mio lavoro e questo mi riempie di gioia. (…) Sono anni che lotto contro il cancro e se non avessi fatto certe cure non sarei più qui!“.
      
      Marina Ripa di Meana all’età di 75 anni è ancora un’opinion leader
      
      Marina, poi, ha rivolto un appello ai gay: “Il Gay Pride è diventato scontato, ridicolo, triste, volgare, baraccone e decisamente settoriale. I gay ci sono, stanno bene, sono ben inseriti nella società, sono tra i miei più cari amici e non capisco quali problemi abbiano ancora. Consiglierei a tutti di boicottarlo, perché non se ne esce poi così bene da una pagliacciata come quella“.
      
      Parole forti e inaspettate, considerato che in passato è stata proprio una dei primi a prenderne parte. Secondo l’opinion leader, tuttavaia, un tempo era importante esserci, mentre oggi è diverso: “Ai tempi, il mondo gay, era una minoranza, mentre oggi, com’è giusto che sia, l’essere omosessuale è diventata una cosa normale“.
      
      Parlando del suo passato, Marina Ripa di Meana afferma di non essersi mai fatto mancare nulla: “Più che promiscua direi che non mi sono fatta mai mancare nulla, sessualmente parlando. So di essere molto apprezzata dalle donne, forse oggi più di ieri. Ma son sempre stata attratta dagli uomini“.
      
      Solo al futuro non pensa mai: “Sono molto avanti negli anni e il futuro lo immagino, in un certo qual modo, sempre più presente. E sempre con Carlo, mio marito“.
      public post_title -> string UTF-8(70) "La salute di Marina Ripa di Meana migliora: “Boicottate il Gay Pride!”"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(57) "la-salute-marina-ripa-meana-migliora-boicottate-gay-pride"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-19 08:55:01"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-19 06:55:01"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152613"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151980
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-02 06:30:48"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-02 04:30:48"
      public post_content -> string UTF-8(5135) "<strong>“Anche io vorrei essere più gay”. Perché è giusto trasformare la rabbia …"
      <strong>“Anche io vorrei essere più gay”. Perché è giusto trasformare la rabbia in felicità.</strong>
      
      scritto da Francesco Dell'Acqua
      
      “Sai Fra, a volte anche io vorrei essere più gay”. E’ la frase che Matteo, un giovane tecnico, “eterosessualissimo” nei gusti, modi e linguaggio, mi ha buttato lì, al rientro di una breve pausa passata scherzando, di una comune e faticosa giornata lavorativa.
      Segue mia faccia basita, a cui segue sua precisazione: “No no aspetta, mi piace sempre la…, però vorrei essere più leggero, capace di scherzare di più, come fate voi, perché io quando lavoro con voi sto benissimo”.
      Preciso. Io ho la fortuna di fare un lavoro creativo, uno di quelli in qui “ciò che sei”, il tuo modo di essere, caratterizza e qualifica anche molto “ciò che fai” e come lo fai. Ed ho la fortuna di farlo spesso (soprattutto ultimamente) insieme ad un amico (vero), con il quale la sintonia professionale e quella umana sono pressoché indistinguibili.
      Io e il mio amico siamo gay, e lo siamo in modo tranquillo e trasparente con tutti quelli che lavorano con noi. Come due eterosessuali qualunque mi verrebbe da dire. In modo “risolto” quindi, ma anche ironico, divertito e divertente. Soprattutto quando le condizioni lo permettono. Ciò significa che durante la nostra giornata spesso si scherza, in primis su di noi, sui nostri difetti e manie, e anche inevitabilmente su ciò che ci circonda e accade. Senza mai mancare di rispetto a nessuno (ci mancherebbe), senza mai compromettere la nostra professionalità e il risultato finale (ci ri-mancherebbe), ma contemporaneamente anche dissacrando e alleggerendo un po’ la tensione a volte spropositata che si crea facilmente nel nostro ambiente, a mio parere più appropriata per il tavolo operatorio di un pronto soccorso.
      All’interno di questo contesto nasce la frase di Matteo. E a parte il narcisistico piacere del vedersi umanamente apprezzati da qualcuno non solo per ciò che sei, ma anche per come rendi migliore il suo tempo, quella frase “a volte anche io vorrei essere più gay”, gettata lì da un ragazzo eterosessuale che sulla carta dovrebbe essere lontano da me anni luce, ha incominciato con le ore a lavorarmi dentro. A girare su se stessa, tirandosi dietro pensieri su pensieri, fino a diventare un piccolo gomitolo di considerazioni ed emozioni.
      La prima cosa a cui ho pensato è stata come il sentirsi liberi e in pace con se stessi, sia sempre contagioso. Induca chi ti sta intorno a farlo a sua volta. A non avere, lui per primo barriere nei tuoi confronti, ma anzi, voglia di provare, adattandola alla sua vita, quella stessa libertà e serenità.
      La seconda cosa a cui ho pensato, è stata quella parola usata da Matteo per spiegarsi meglio, “leggero”, seguita dalle altre “capace di scherzare”. Ho pensato davvero a quanto a me sia costata quella “leggerezza” il cui peso specifico è in realtà pari al piombo. A quanto sia costato spezzare le punte dell’offesa, della canzonatura. Spuntarle per trasformare quelle armi in giocattoli non più in grado di ferire, spaventare o intimidire nessuno, ma anzi, ribaltate nelle tue mani per uso e significato, di rafforzarti affermarti. In grado di renderti forte e vivo.
      La terza cosa alla quale ho pensato è stata la rabbia. Che ho provato io negli anni, tanta, e che provo ancora di fronte alle violenze e alle discriminazioni. Quella che abbiamo provato e proviamo tutti. Quella che devono avere provato i ragazzi dei moti di Stonewall, in quel lontano 27 giugno del 1969 a New York, quando vessati per l’ennesima volta dai “controlli” della polizia hanno trovato il coraggio di ribellarsi e di liberarsi della paura di subire, dando vita al primo Gay Pride della storia. Ho pensato a come tutto questo, tutta questa “rabbia” e paura, avrebbero potuto mangiarci dentro fino all’ultimo. Definirci e qualificarci in ogni azione. E a come invece, contro ogni aspettativa e in linea con il senso etimologico di quel termine, “gay” (gaio), che noi stessi abbiamo scelto per definirci, siamo riusciti a trasformare la rabbia in rivendicazione positiva dell’orgoglio di non avere più paura. A come abbiamo scelto come simbolo della lotta per l’uguaglianza un arcobaleno, che è l’opposto del nero e del buio. Ponte colorato della riconciliazione. A come ogni anno lo usiamo per colorare le centinaia di cortei e manifestazioni politiche, gioiose e provocatorie, i Pride, in tutto il mondo, per dire che esistiamo e chiedere gli stessi diritti alla felicità.
      Ho pensato a come tutto questo caotico cammino di anni e di vite, fosse contenuto, compattato, in quella frase che Matteo ha buttato lì, inconsapevolmente, alla fine di una pausa di lavoro. A come sia sempre la voglia di felicità e la certezza di meritarsela, a rendere migliore la vita e le persone. Ad avvicinarci e a farci sentire simili nelle differenze.
      Alla fine, ho pensato che se anche gli eterosessualissimi omofobi riuscissero così, dopo una pausa caffè, ad ammettere serenamente di “voler essere più gay”, chissà, forse la loro ossessione e violenza, semplicemente, svanirebbero. E il tempo di tutti, sarebbe migliore. Oltre che più felice.
      public post_title -> string UTF-8(84) "“Anche io vorrei essere più gay”. Perché è giusto trasformare la rabbia in felic…"
      “Anche io vorrei essere più gay”. Perché è giusto trasformare la rabbia in felicità.
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(65) "anche-vorrei-piu-gay-perche-giusto-trasformare-la-rabbia-felicita"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-02 09:44:25"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-02 07:44:25"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151980"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151800
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-27 06:32:24"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-27 04:32:24"
      public post_content -> string UTF-8(5820) "<strong>La parola con la B: cancellazione e discriminazione della bisessualità</…"
      <strong>La parola con la B: cancellazione e discriminazione della bisessualità</strong>
      
      di CATERINA BONETTI, ELENA DELLA ROCCA 
      
      Circa un anno fa mi trovavo a cena con amici – persone di sinistra, aperte, attente ai temi di genere e alla questione dei diritti civili – e parlando delle rivendicazioni della comunità LGBT mi sono resa conto che parte dei miei commensali ignorava per cosa stesse la B presente nella sigla. Lesbiche ok, Gay ok, Trans ok, ma B… per cosa sta?
      
      Dopo un primo momento di smarrimento, mi sono trovata a spiegare che B sta per bisessuali e che, nonostante ciò che si dice in giro, si tratta di un orientamento sessuale identitario e non di un atteggiamento o di una modalità relazionale. Ho capito solo allora che circa la bisessualità grande è la confusione sotto il cielo.
      
      Ma dunque che cosa significa e cosa non significa essere bisessuali?
      
      Le persone bisessuali provano una forte attrazione fisica e sentimentale per persone appartenenti al sesso opposto e allo stesso sesso. Questo non significa che siano attratte da chiunque capiti loro accanto.
      Proprio come per chi è eterosessuale o omosessuale, anche chi è bisessuale prova attrazione… per persone che incontrano i suoi gusti dal punto di vista estetico, caratteriale, comportamentale. Bisessuale insomma indica un orientamento in rapporto alla relazione con un* partner o con più partner (considerando anche la presenza di bisessuali nelle comunità poliamorose).
      
      Essere bisessuali non significa essere promiscui. Le persone bisessuali costruiscono una relazione affettiva con un* partner a prescindere dal genere, ma non a prescindere dalla qualità del rapporto, che si struttura secondo il proprio credo e la propria etica. Le persone bisessuali sono monogame o non, hanno relazioni durature o non, tradiscono, si separano come chiunque altro.
      
      Non di rado la bisessualità viene considerata “una fase” esistenziale o di crescita, un momento di transizione che porta poi al riconoscimento di appartenenza al mondo eterosessuale (pensiamo al fenomeno delle LUG, ovvero lesbian until graduation, dei college americani) o compiutamente lesbico/gay, e questo spesso implica da parte della stessa comunità omosessuale una sorta di disapprovazione e marginalizzazione dei soggetti bisessuali in quanto “non appartenenti ad una sponda”.
      
      Per alcune persone omosessuali, i bisessuali sono etero o gay che hanno fatto una scelta di comodo: per non esporsi, per non decidere, per mantenere aperte tutte le “possibilità”. Questo potrebbe derivare dalla convinzione che l’orientamento sessuale si possa esplicitare nei confronti di un solo genere (il cosiddetto monosexism) e, talvolta, può sfociare in veri e propri casi di bifobia.
      
      Nel corso della storia poi sono stati molti i casi di “bisessualità per costrizione” dovuti alla necessità, assolutamente comune fino poco tempo fa (e oggi in molti paesi del mondo ancora attuale) di costituire una famiglia “tradizionale” pur essendo gay. Anche questo fattore ha contribuito, nell’immaginario comune, a strutturare la bisessualità come qualcosa di transitorio, effimero e indefinito. Una “copertura” insomma per gay e lesbiche vincolati da rigide norme sociali.
      
      Dati alla mano però, le persone che si considerano bisessuali sono in aumento e, pare, soprattutto tra le donne. Le ragioni di questa prevalenza possono essere molteplici, ma in parte sono forse legate al diverso stigma sociale che, nella percezione comune, la bisessualità femminile ha rispetto a quella maschile, e quindi a una minore difficoltà (parlando sempre in termini strettamente connessi alla percezione sociale e non al percorso individuale) nell’accettare questo orientamento da parte di una donna.
      
      La donna bisessuale infatti viene infatti guardata da una parte con maggiore indulgenza – complice forse un’idea di “sorellanza” che almeno nella fase adolescenziale implica, nel senso comune, anche forte contatto e vicinanza fisica con le compagne – dall’altra con (a tratti morbosa) curiosità, in particolare dal mondo maschile che ne fa spesso oggetto di un ricco immaginario pornografico.
      Ripensandoci forse non si tratta poi di un grande vantaggio!
      
      L’uomo bisessuale invece, a differenza di quanto avveniva ad esempio nella Grecia classica, viene visto con sospetto e viene spesso identificato come “pervertito” o, peggio, pederasta.
      
      A queste già ampie difficoltà legate alla percezione sociale della bisessualità da parte della comunità eteronormata si aggiungono le già citate discriminazioni da parte di una componente delle comunità omosessuali, che ritengono la bisessualità un sotterfugio di comodo capace di nuocere profondamente al percorso di affermazione sociale dei gay e delle lesbiche.
      
      Di bisessualità insomma si parla poco, poco si conosce e molto si suppone (spesso erroneamente).
      
      Per questa ragione la comunità bisessuale è spesso messa in secondo piano sul fronte delle rivendicazioni per i diritti civili e poco riconosciuta a livello sociale. Pochi conoscono ad esempio la giornata del 23 settembre, data in cui si celebra l’orgoglio bisessuale, o sanno che il simbolo del movimento bisessuale è formato da due triangoli sovrapposti (blu e rosa) che unendosi formano il colore viola, o – ancora – che esiste una differenza profonda fra bisessualità e pansessualità (ovvero l’orientamento sessuale di chi, potenzialmente, può essere attratto da una persona indipendentemente dal suo sesso o identità di genere, anche nel caso in cui quest’ultima rientri in una concezione non binaria di maschio/femmina).
      
      Mutevole e complessa, la bisessualità rimane per molte persone un mistero, uno spazio multipotenziale dai tratti oscuri che, se analizzato da vicino, rivelerebbe invece tutta l’ordinaria “banalità” tipica del mondo degli amori e degli affetti.
      
      
      public post_title -> string UTF-8(70) "La parola con la B: cancellazione e discriminazione della bisessualità"
      public post_excerpt -> string UTF-8(96) "Di bisessualità insomma si parla poco, poco si conosce e molto si suppone (spess…"
      Di bisessualità insomma si parla poco, poco si conosce e molto si suppone (spesso erroneamente).
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(63) "la-parola-la-b-cancellazione-discriminazione-della-bisessualita"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-27 09:34:22"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-27 07:34:22"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151800"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151439
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-18 06:41:22"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-18 04:41:22"
      public post_content -> string UTF-8(8783) "<strong>Gay in cattedra: l'infedeltà migliora la vita</strong> di Marco Guerra I…"
      <strong>Gay in cattedra: l'infedeltà migliora la vita</strong>
      
      di Marco Guerra
      
      Il segreto di un matrimonio duraturo è la coppia aperta che supera il legame sessuale monogamico con il partner, sul modello di quanto già avviene nella maggioranza delle coppie omosessuali. Ad indicare la direzione della mutazione genetica in corso dell’istituto matrimoniale è Claudio Rossi Marcelli, giornalista, scrittore, attivista lgbt sposato e pluri-utilizzatore di utero in affitto, che sulla versione web dell’Internazionale – rivista di geopolitica del gruppo l’Espresso – ha scritto un lungo articolo in cui riflette su come i comportamenti e gli stili di vita delle coppie gay cambieranno anche il senso del matrimonio tradizionale.
      
      In realtà il pezzo di Rossi Marcelli può essere letto come un vero e proprio coming out della comunità omosessuale. Il giornalista ammette infatti che durante “gli anni della lotta per i diritti civili, le associazioni lgbt non sono state molto propense a insistere su questo aspetto per paura di favorire chi si opponeva al matrimonio egualitario, sventolando la promiscuità sessuale delle persone gay”. “Ora che però il riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso è stato raggiunto in tutti i paesi occidentali – si legge ancora nell’articolo - sembra che lo stile di vita non monogamico degli omosessuali stia perdendo il suo carattere peccaminoso e, soprattutto, che non sia più un segreto”.
      
      Rossi Marcelli fa un discorso talmente limpido che riporta anche diverse statistiche a supporto di questa verità che intende mettere a fuoco:
      
      “Nonostante sia difficile raccogliere dati sui “matrimoni aperti”, cioè quelli dove i partner non godono di un rapporto sessuale esclusivo, una ricerca condotta dallo psicologo Steve Brody della Cambria University, in California, ha stimato che negli Stati Uniti questi sono l’1 per cento del totale, e per di più non se la passano bene: nel 92 per cento dei casi sono matrimoni che falliscono. Se però guardiamo i dati delle coppie formate da due uomini, allora è tutta un’altra storia: circa la metà delle relazioni gay sono coppie aperte e questo non sembra avere effetti sul loro buon funzionamento”.
      
      E ancora, il giornalista dell’Internazionale ricorda che nel 2013 la columnist Hanna Roisin scriveva su Slate del “piccolo segreto peccaminoso” della comunità gay, “raccontando che negli anni ottanta le coppie di uomini non monogamiche erano più dell’80 per cento”. Cita poi il britannico Guardian che ha affrontato l’argomento nel 2015, sostenendo che non sorprende affatto “che siano gli omosessuali a guidare l’evoluzione verso modelli di coppia più moderni”.
      
      Ovviamente tutto questo viene lette sotto una chiave assolutamente positiva da parte dell’attivista e giornalista Rossi Marcelli: “La repressione dell’omossessualità avrebbe quindi lasciato spazio alla creazione di nuove abitudini di coppia al riparo dai dettami sociali, che nel tempo si sono tramutate in una cultura ampiamente accettata della comunità lgbt”. “È possibile infatti – prosegue l’autore del pezzo - che gli omosessuali durante la fase precedente al coming out sviluppino una maggiore capacità rispetto agli etero di analizzare il proprio comportamento sessuale e di parlarne con più facilità. Una sorta di intelligenza sessuale che, come quella emotiva, può diventare un importante strumento per garantire il benessere di una coppia”.
      
      Dunque, soddisfare ogni tipo di pulsione sessuale con chiunque susciti un minimo di attrazione fisica sembra essere la chiave per rendere la coppia florida e felice. Allora perché questa ricetta non funziona nelle coppie etero dove il tradimento seriale è quasi sempre seguito dalla rottura del matrimonio?
      
      Per rispondere a questo interrogativo il giornalista cita Naveen Jonathan, psicoterapeuta familiare e professore alla Chapman University in California, secondo il quale molte coppie gay presentano una profonda consapevolezza della propria sfera sessuale e sono in grado di accordarsi su fino a che punto è lecito spingersi. Al contrario “nella maggior parte dei casi gli etero presumono automaticamente che il loro rapporto sia monogamico”.
      
      In questa prospettiva, Rossi Marcelli torna così sull’eliminazione dell’obbligo di fedeltà in sede di approvazione delle unioni civili voluta dal Nuovo centro destra “nel tentativo di ridimensionare le unioni civili rispetto al matrimonio tradizionale”. “Quello che nelle intenzioni del partito di Alfano era un modo per svilire ulteriormente la nuova istituzione”, suggerisce l’autore del pezzo, “potrebbe invece averne sottolineato un punto di forza”.
      
      Tuttavia, l’anello più debole di questa strada che porta alla felicità è la donna e la sua strutturata inclinazione alla monogamia. L’articolo prosegue infatti affermando che è “interessante notare però che questa tendenza alla non monogamia riguarda esclusivamente gli omosessuali maschi e non le lesbiche”.
      
      Rossi Marcelli sembra quasi tormentato da questo fatto è la spiegazione di tutto questo è da ricercarsi nella “repressione delle sessualità femminile”. “Si può affermare – scrive il giornalista che la mentalità maschilista che ancora pervade la nostra visione del comportamento sessuale delle donne ha un peso non indifferente sulle loro scelte”. In altre parole, il giornalista afferma implicitamente che una donna che non tradisce il proprio partner è soggiogata da un pensiero retrogrado e liberticida.
      
      Infine il giornalista sembra perfino rammaricarsi del fatto che alcuni studi dimostrano che nelle coppie di omosessuali più giovani “mostrino meno entusiasmo nei confronti della coppia aperta”. Di conseguenza, Rossi Marcelli si chiede se in età adulta i ragazzi sapranno “beneficiare dell’intelligenza sessuale acquisita durante gli anni della presa di coscienza del loro orientamento e adattare le relazioni alle loro nuove esigenze”. E tutto il ragionamento si chiude con quello che suona come un auspico: “Dopo decenni in cui abbiamo assistito alla normalizzazione dell’omosessualità, sarebbe anche interessante vedere se stavolta saranno gli eterosessuali a uniformarsi ai gay e non viceversa, slegando la riflessione sull’esclusività sessuale dal modello univoco, per molte coppie perfino irrealistico, che è stato imposto finora”.
      
      Le tesi di Rossi Marcelli non sono una novità, da anni esisto gruppi che rivendicano persino l’esigenza di un riconoscimento legale dei poliamori e delle relazioni promiscue. Richieste in qualche modo avallate da un recente pronunciamento della Cassazione che ha stabilito che l’inosservanza della fedeltà coniugale non è più causa di addebito del divorzio. Come non ricordare poi il disegno di legge, che porta la firma della senatrice Pd Laura Cantini e all’esame della Commissione Giustizia di Palazzo Madama, il cui l’obiettivo è la modifica dell’articolo 143, comma secondo, del codice civile che stabilisce un obbligo di fedeltà, a detta dei firmatari del ddl, qualificabile come “il retaggio di una visione ormai superata e vetusta del matrimonio, della famiglia e dei doveri e diritti tra coniugi”, legata perlopiù alla fedeltà sessuale della donna volta a garantire la legittimità dei figli.
      
      Nel 2013 la nota attivista lgbt, giornalista e scrittrice, Masha Gessen, partecipando ad una conferenza tenutasi a Sidney nel 2012, il cui video è reperibile sul web, affermò che “è ovvio che gay dovrebbero avere il diritto di sposarsi, ma il matrimonio come istituzione non dovrebbe esistere”. L’intellettuale di origine russa ha quindi spiegato che battersi per il matrimonio gay ha per unico scopo la consequenziale dissoluzione concettuale del matrimonio in quanto tale. La Gessen ha detto poi di avere tre figli che hanno cinque genitori e che vorrebbe vivere con un sistema legale che rifletta questa realtà e che non è compatibile con il matrimonio.
      
      Tutte queste iniziative hanno una portata potenzialmente rivoluzionaria che parte dal presupposto che il matrimonio è qualcosa che non c'entra più niente con la procreazione e la stabilità del nucleo familiare inteso come "società naturale", una realtà prepolitica che è riconosciuta e non istituita dallo Stato. Ovviamente nessuno vuole sindacare su cosa succede sotto le lenzuola delle coppie omosessuali e dall’altra nessuno si sogna di sostenere che tutte le relazioni eterosessuali siano al riparo da tradimenti di ogni sorta. Tuttavia mai nella storia si è assistito ad uno sforzo politico e culturale così massiccio impegnato chiedere che il fenomeno di una disordinata promiscuità venga riconosciuto e promosso come un elemento di bene comune. D’altra parte, rendere fluido e intercambiabile qualsiasi tipo di rapporto è uno degli ultimi tasselli per arrivare alla disintegrazione della famiglia e del tessuto sociale.
      public post_title -> string UTF-8(45) "Gay in cattedra: l'infedeltà migliora la vita"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(40) "gay-cattedra-linfedelta-migliora-la-vita"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-18 09:43:18"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-18 07:43:18"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151439"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151437
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-18 05:37:51"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-18 03:37:51"
      public post_content -> string UTF-8(2799) "<strong>Qui a Bari, i baci delle coppie gay</strong> Premetto di non digerire le…"
      <strong>Qui a Bari, i baci delle coppie gay</strong>
      
      Premetto di non digerire le espressioni di effusioni, ma in particolare i baci da parte delle coppie di innamorati in pubblico, tranne che in casi quali una sincera trasmissione dell’affetto e complicità tra i partner, che non sia però insistita, altrimenti diventa una pura forma di esibizionismo. Detto questo negli anni ho notato per strada e in luoghi pubblici un calo di scambi a fior di labbra. Non so se questo è dovuto a un calo del desiderio o a una sorta di neopuritanesimo. Oppure a un ritorno della dimensione intima degli affetti. Tali forme di scambio di “amorosi sensi” pubbliche sono accettabili e riguardano più i giovanissimi. Come non ricordare la celebre poesia di Jacques Prevert “I Ragazzi che si amano”? Essa però andrebbe aggiornata anche alle..unioni civili. Mi spiego. Dopo l’approvazione della legge che autorizza i “matrimoni” tra omosessuali approvata quasi un anno fa, in strada per la prima volta si osservano baci tra innamorati dello stesso sesso. A Bari, sabato scorso e a tarda ora ho visto passeggiare due ragazze in pieno centro, verso la stazione. Una sorta di istinto mi ha fatto immaginare la loro corrispondenza di amorosi sensi data da certe pettinature ed atteggiamenti. L’istinto ha avuto la meglio sulla ragione: le due ragazze, che mi sono sembrate di condizione umile, ad un certo punto (camminavano a braccetto) si sono scambiate degli “audaci” baci in bocca. La cosa non mi ha turbato appunto perché non insistita, e perché attestava una realtà fino a poco tempo fa sommersa. Infine ieri sera, quasi una settimana di distanza, davanti a un negozio del centro di libri e musica frequentatissimo sempre in pieno centro cittadino, un piccolo capannello costituito da minorenni: quattro ragazze e in più due maschietti. Questa volta di classe medio alta, data anche dall’abbigliamento. I due maschi si sono intrecciati in un abbraccio “vorace,” testimonianza di un’amicizia e di una forte una confidenza preesistente. L’abbraccio è stato seguito da un bacio in bocca. Ho pensato a uno scherzo, goliardico. Ma l’atteggiamento è stato reiterato, culminando di nuovo in un bacio intenso e dal godimento sublime. Sono stato colpito però maggiormente dall’atteggiamento delle amiche della coppia: impassibile anzi indifferente, come se il tutto fosse noto e anzi, assai scontato. Trattandosi per quanto riguarda le due coppie gay di giovanissimi ( le donne come gli uomini da me casualmente incontrati), credo che l’approvazione della legge summenzionata li abbia sdoganati dall’oscurità. Il loro atteggiamento non deve dunque sembrare esibizionistico o volgare, ma l’attestazione da parte dei protagonisti di una realtà vissuta come normale e che sgorga da anni di ipocrisie e falsità.
      Romolo Ricapito
      public post_title -> string(35) "Qui a Bari, i baci delle coppie gay"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(26) "bari-baci-delle-coppie-gay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-18 09:39:19"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-18 07:39:19"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151437"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer151296
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-12 07:05:24"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-12 05:05:24"
      public post_content -> string UTF-8(11542) " <strong>Le coppie gay e lesbiche cambieranno il matrimonio tradizionale? </stro…"
      <strong>Le coppie gay e lesbiche cambieranno il matrimonio tradizionale? </strong>
      
      Claudio Rossi Marcelli
      
      
      “Il matrimonio è la tomba dell’amore”, recita un vecchio e impietoso detto, e oggi nella comunità omosessuale c’è chi si chiede se il matrimonio egualitario sarà la tomba del sesso. Mentre in Italia il riconoscimento delle coppie gay e lesbiche esiste solo da un anno, nei paesi dove il matrimonio tra persone dello stesso sesso è una realtà affermata si comincia a discutere su come l’istituto matrimoniale stia influenzando la cultura omosessuale e viceversa. Le coppie gay e lesbiche sono destinate a uniformarsi ai valori del matrimonio tradizionale o saranno una forza innovatrice anche per le unioni etero?
      
      Uno degli aspetti che attira l’attenzione degli esperti e della stampa è la diffusione delle coppie aperte tra gli omosessuali. Nonostante sia difficile raccogliere dati sui “matrimoni aperti”, cioè quelli dove i partner non godono di un rapporto sessuale esclusivo, una ricerca condotta dallo psicologo Steve Brody della Cambria university, in California, ha stimato che negli Stati Uniti questi sono l’1 per cento del totale, e per di più non se la passano bene: nel 92 per cento dei casi sono matrimoni che falliscono. Se però guardiamo i dati delle coppie formate da due uomini, allora è tutta un’altra storia: circa la metà delle relazioni gay sono coppie aperte e questo non sembra avere effetti sul loro buon funzionamento.
      
      Nel 2013 la columnist Hanna Roisin scriveva su Slate del “piccolo segreto peccaminoso” della comunità gay, raccontando che negli anni ottanta le coppie di uomini non monogamiche erano più dell’80 per cento. Durante gli anni della lotta per i diritti civili, le associazioni lgbt non sono state molto propense a insistere su questo aspetto per paura di favorire chi si opponeva al matrimonio egualitario, sventolando la promiscuità sessuale delle persone gay. Ora che però il riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso è stato raggiunto in tutti i paesi occidentali, sembra che lo stile di vita non monogamico degli omosessuali stia perdendo il suo carattere peccaminoso e, soprattutto, che non sia più un segreto.
      
      Coming out
      La stampa ha infatti cominciato a trattare l’argomento con una certa scioltezza. “Gli omosessuali devono fare coming out sui loro matrimoni aperti”, è il titolo di un articolo su The Daily Beast. Scrive Nico Lang: “Il 2015 è stato l’anno del matrimonio egualitario e adesso è arrivato il momento di celebrare l’apertura che sta al centro di molte unioni tra persone dello stesso sesso”. Il Guardian racconta della crescente diffusione del modello non monogamico tra gli omosessuali maschi e avanza l’ipotesi che questo tipo di unione raggiunga un livello maggiore di intimità e comprensione:
      
      Che siano gli omosessuali a guidare l’evoluzione verso modelli di coppia più moderni non sorprende affatto: siccome sono stati esclusi a lungo dalla classificazione dei comportamenti sessuali tradizionali, hanno dovuto darsi da soli delle regole create su misura.
      
      La repressione dell’omossessualità avrebbe quindi lasciato spazio alla creazione di nuove abitudini di coppia al riparo dai dettami sociali, che nel tempo si sono tramutate in una cultura ampiamente accettata della comunità lgbt. Nel Regno Unito il 41 per cento delle coppie formate da due uomini non pratica la monogamia e in tre casi su quattro si è trattato di una decisione presa in completo accordo.
      
      Ma oltre al particolare contesto sociale, è possibile che anche l’aspetto individuale giochi un ruolo importante: è possibile infatti che gli omosessuali durante la fase precedente al coming out, in cui devono prendere atto del loro orientamento sessuale e accettarlo, sviluppino una maggiore capacità rispetto agli etero di analizzare il proprio comportamento sessuale e di parlarne con più facilità. Una sorta di intelligenza sessuale che, come quella emotiva, può diventare un importante strumento per garantire il benessere di una coppia.
      
      Molte sfaccettature
      Naveen Jonathan, psicoterapeuta familiare e professore alla Chapman university in California, spiega sull’Atlantic che molte coppie gay presentano una profonda consapevolezza della propria sfera sessuale e sono in grado di accordarsi su fino a che punto è lecito spingersi: “Stabiliscono in modo abbastanza elaborato quali sono le situazioni in cui va bene non essere monogami e quelle in cui bisogna esserlo”. Anche se accordi simili esistono pure nelle coppie uomo-donna, Jonathan ha notato che nella maggior parte dei casi gli etero presumono automaticamente che il loro rapporto sia monogamico e sono molto meno propensi rispetto agli uomini gay a parlare apertamente di sesso, di calo del desiderio e di difficoltà a mantenere un rapporto sessuale esclusivo.
      
      L’apertura delle coppie gay ha molte forme e sfaccettature, le cui caratteristiche sono delineate proprio da quegli accordi altamente specifici di cui parla Jonathan. Esistono coppie che nascono aperte, ma sono più numerose quelle che lo diventano dopo qualche anno. E poi il Guardian raccoglie esempi di apertura regolata: c’è chi ammette rapporti con altre persone, ma non il bacio; chi si apre solo per accogliere una terza persona nel loro rapporto; chi è monogamo a periodi alterni; chi invece si lascia completa libertà di azione e anzi condivide l’eccitazione di sapere che il proprio partner si incontra con altre persone. Insomma, potenzialmente ogni coppia potrebbe trovare la sua formula specifica.
      
      Lo scorso anno il tema della monogamia all’interno delle coppie omosessuali è finito al centro del dibattito parlamentare italiano, durante la discussione della legge sulle unioni civili. Alla vigilia dell’approvazione della legge Cirinnà, il Nuovo centro destra ha preteso l’eliminazione dell’obbligo di fedeltà nel tentativo di ridimensionare le unioni civili rispetto al matrimonio tradizionale. Ma quello che nelle intenzioni del partito di Alfano era un modo per svilire ulteriormente la nuova istituzione potrebbe invece averne sottolineato un punto di forza, considerando che il 45 per cento degli italiani sposati o in coppia dichiara di aver tradito il partner e che il nostro paese ha il più alto tasso di relazioni extraconiugali in Europa (fonte Ifop).
      
      È interessante notare però che questa tendenza alla non monogamia riguarda esclusivamente gli omosessuali maschi e non le lesbiche. Nel 2015 il columnist Dan Savage ha riassunto così la sua visione sull’esclusività sessuale all’interno dei vari tipi di coppia:
      
      Le cose vanno così: le coppie meno inclini a essere monogamiche sono quelle formate da due uomini. Quelle che ci riescono un po’ di più? Le coppie etero; e quelle più monogamiche di tutte? Le coppie lesbiche. È evidente che il problema della monogamia è il cazzo. Quindi è molto semplice: se volete salvare l’istituzione matrimoniale, vietate agli uomini di sposarsi.
      
      Quando ho intervistato Dan Savage durante lo scorso festival di Internazionale a Ferrara, l’ho provocato chiedendogli di raccontare al pubblico quale fosse la sua personale visione della “relazione che c’è tra la monogamia e il cazzo”. Ma lui mi ha sorpreso: “Rispetto a quando ho fatto quella dichiarazione il mio pensiero si è evoluto, perché nel frattempo si è diffuso il matrimonio egualitario e sono emersi i primi dati sui divorzi: ebbene, i matrimoni più longevi sono quelli tra due uomini, al secondo posto ci sono quelli etero e infine quelli che durano meno sono quelli tra due donne. Quindi forse il problema del matrimonio non è il cazzo, ma la pretesa di monogamia. E le coppie di uomini sembrano cavarsela meglio in questo campo”.
      
      Il motivo per cui l’esplorazione del rapporto di coppia aperta sia portata avanti soprattutto da coppie omosessuali maschili e non da quelle femminili sembra trascendere la questione dell’omosessualità e avere radici nel dibattito molto più ampio sulla repressione delle sessualità femminile portato avanti dal femminismo negli ultimi decenni.
      
      La maggior parte degli studi dice che l’atteggiamento delle donne lesbiche nei confronti della monogamia è praticamente identico – se non perfino più chiuso – rispetto a quello delle donne eterosessuali, facendo pensare che, prima ancora dell’orientamento sessuale, sia l’appartenenza al sesso femminile l’aspetto determinante di questa tendenza. Che siano lesbiche o etero, le donne si comportano alla stessa maniera e, anche senza voler entrare in un dibattito troppo complesso, si può affermare che la mentalità maschilista che ancora pervade la nostra visione del comportamento sessuale delle donne ha un peso non indifferente sulle loro scelte.
      
      E i giovani?
      Oltre alle lesbiche c’è poi un altra parte della comunità omosessuale che mostra meno entusiasmo nei confronti della coppia aperta: i più giovani. Uno studio condotto dal ricercatori Blake Spears e Lanz Lowen ha infatti indicato che la nuova generazione di gay tende alla monogamia molto più di quelle precedenti: “L’aspetto più dirompente è la nettissima prevalenza di relazioni monogamiche (86 per cento), ma anche il fatto che il 90 per cento dei uomini gay nella fascia di età più bassa ambisce a una relazione esclusiva. Questo è un cambiamento epocale rispetto alle generazioni passate”.
      
      Tra le cause di questa tendenza c’è sicuramente il riconoscimento delle unioni omosessuali e la maggiore accettazione dell’omosessualità, che portano i più giovani ad avere un comportamento maggiormente uniformato alle relazioni etero. Però va anche tenuta presente la natura del campione in questione: gli intervistati che erano in coppia erano comunque persone giovani, in un’età in cui le relazioni durano meno e in cui non hanno ancora raggiunto il calo dell’attrazione, che è il momento in cui la maggior parte delle coppie gay sembra cominciare a considerare alternative all’esclusività sessuale.
      
      Resta da vedere se in età adulta i ragazzi sapranno invece beneficiare dell’intelligenza sessuale acquisita durante gli anni della presa di coscienza del loro orientamento e adattare le relazioni alle loro nuove esigenze. E dopo decenni in cui abbiamo assistito alla normalizzazione dell’omosessualità, sarebbe anche interessante vedere se stavolta saranno gli eterosessuali a uniformarsi ai gay e non viceversa, slegando la riflessione sull’esclusività sessuale dal modello univoco, per molte coppie perfino irrealistico, che è stato imposto finora.
      
      Un salto culturale che richiederà anche la creazione di un contesto libero da pregiudizi: in un articolo che racconta come gli studi scientifici sulla monogamia siano spesso influenzati da un invisibile preconcetto morale, Quartz fa notare che l’uso di termini come “infedeltà” e “tradimento”, o perfino “vittima”, finiscono per inibire gli intervistati e nuocere alla neutralità delle ricerche.
      
      Nelle conclusioni della loro ricerca sul comportamento dei più giovani, Spears e Lanz esprimono chiaramente questa esigenza: “Durante le interviste abbiamo notato che stranamente tutti i ragazzi impegnati in una relazione, a prescindere che fossero in una relazione monogamica o meno, si sono lamentati di ricevere critiche nei confronti del tipo di coppia che avevano scelto. Questo ci fa capire che, come comunità lgbt, dovremmo smettere di fare proselitismo per il tipo di coppia che preferiamo e smettere di demonizzare quello a cui non aderiamo, creando invece un ambiente nel quale poter discutere serenamente e scegliere in piena libertà sia il modello monogamico sia la coppia aperta”.
      public post_title -> string(64) "Le coppie gay e lesbiche cambieranno il matrimonio tradizionale?"
      public post_excerpt -> string UTF-8(89) "... negli anni ottanta le coppie di uomini non monogamiche erano più dell’80 per…"
      ... negli anni ottanta le coppie di uomini non monogamiche erano più dell’80 per cento...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "le-coppie-gay-lesbiche-cambieranno-matrimonio-tradizionale"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-12 08:47:50"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-12 06:47:50"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=151296"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150937
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-04 05:58:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-04 03:58:37"
      public post_content -> string UTF-8(6163) "<strong>Giovanni Ciacci: “Sapete perchè le spose vestono di bianco? Tutte le cur…"
      <strong>Giovanni Ciacci: “Sapete perchè le spose vestono di bianco? Tutte le curiosità nel mio nuovo libro”</strong>
      Scritto da: Carmen Pugliese
      
      “Il velo fa sposa” è il primo libro che consiglia il dress code per i matrimoni omosessuali
      Dal matrimonio di Grace Kelly a quello di Charlene di Monaco, dagli errori commessi dalle celebrities italiane a quelle internazionali, “Il velo fa sposa“ (Centauria, 14.90 euro) ripercorre le tappe storiche più significative del fatidico sì. Per la prima volta si parla anche del dress code per i matrimoni omosessuali. In un mondo sempre più tecnologico cambiano le regole del fatidico sì, con selfie da spedire agli ospiti e libretti digitali, ma una cosa è certa: il buon gusto non passa mai di moda! Ecco cosa ci ha raccontato Giovanni Ciacci del libro scritto con la stylist delle spose Pinella Passaro. Lo stylist di Detto Fatto assicura: “Non è il classico libro da matrimonio alla Enzo Miccio!“.
      
      Com’è nata l’idea di scrivere il libro?
      Sono stato ospite in vari matrimoni gay e ho visto tanto cattivo gusto, così ho pensato che bisognasse scrivere un libro sui matrimoni. Non si tratta del classico libro in cui si elencano le regole da rispettare… Innanzitutto c’è un capitolo sui matrimoni omosessuali ed è il primo libro al mondo ad averlo. Poi ho voluto mettere le curiosità storiche su alcuni matrimoni vip o di grandi famiglie reali. È quasi più una visione storica, poi con il matrimonio omosessuale in Italia abbiamo raggiunto un grande traguardo e quindi è anche questo un momento che segna la storia. E mi piaceva che venisse ricordato!
      Per la prima volta si parla del dress code per i matrimoni gay. In cosa differiscono da quelli eterosessuali?
      In realtà non differiscono in niente. Serve buon gusto in tutti e due, non si deve fare una carnevalata. Ho visto matrimoni in cui entrambi gli uomini erano vestiti di bianco, dimenticando che il bianco possono indossarlo solo le donne. Ad esempio, nel caso di matrimonio omosessuale tra due donne si possono usare gli abiti bianchi. Gli uomini no, possono indossare solo il blu, il resto risulta volgare. Il tight se non ti chiami William d’Inghilterra, se nel cognome non hai almeno due o tre titoli o se non ti chiami Lapo Elkann non lo puoi indossare, quindi il mio consiglio è: stattene a casa! Così come l’idea di mettere i cappelli: solo se sei una blasonata, sennò sembra che vai alla festa di paese. Non siamo dei Windsor e ci vuole classe e stile per portare una cosa!
      
      Perché è diverso dagli altri libri tema wedding?
      Non è il classico libro scritto da Enzo Miccio, che è un wedding planner, questo è un libro anche storico. Per esempio racconto che il vestito della Regina Elisabetta è stato fatto con bachi da seta allevati solo in Inghilterra, perché c’era la guerra e non si potevano importare bachi dal Giappone. Poi spiego perché le spose si vestono in bianco. Questa tradizione l’ha portata la regina Vittoria che nell’Ottocento era follemente innamorata della Norma di Bellini, una vestale celta che indossava questo vestito morbido bianco. Lei si volle vestire proprio come la vestale dell’opera lirica. Da lì nasce la moda dei vestiti bianchi perché fino ad allora tutte le donne si vestivano in oro o in argento. Le donne del popolo, invece, usavano i vestiti tradizionali. Guarda caso Lucia Mondella che va a sposarsi con Renzo, ne “I promessi sposi“, ha il vestito tipico della Lombardia del Seicento, la testa con gli spilli a raggiera e il vestito tradizionale.
      
      Damigelle: sì o no?
      Non amo la damigella, però per esempio al matrimonio di Martina Stella (che è stato molto bello!) c’erano damigelle vestite in glicine, c’erano bambini e bambine piccoli fino a quelle più grandi e l’ho trovato un tocco di colore carino, ma deve essere fatto con gusto. Proprio come il selfie all’altare, se lo fanno gli sposi va bene, ma non si può riprendere tutto a qualsiasi ora e in qualsiasi momento! Sarebbe un’idea carina, ad esempio, fare il selfie all’altare e poi spedirlo a tutti gli invitati.
      
      Ci sono tante curiosità su matrimoni celebri. Qual è quella che ti ha colpito di più?
      Tante! Per esempio come mai Charlene di Monaco ha voluto fare una torta con dei fiori molto particolari sopra. Una torta commestibile con dei fiori sopra fa un po’ strano, ma lei ha voluto che fossero riprodotti tutti i fiori del suo Paese. Da qui l’unione della grande pasticceria francese, in questo caso monegasca, con i fiori del Sud Africa. Poi ho anche raccontato che il più grande matrimonio della storia, quello tra Grace Kelly e il Principe Ranieri, in realtà è stato sìun grande amore, ma anche un grande film. Per la prima volta le telecamere hanno ripreso un matrimonio come se fosse un vero film. Guarda caso al momento del sì, lei ha tirato dalla manica un micro fazzolettino di pizzo e si è asciugata la lacrima… Così Charlene di Monaco, cinquant’anni dopo ha fatto la stessa cosa.
      
      Visto che si avvicinano le belle giornate, che colore consiglieresti di indossare agli invitati?
      Pastello e molto tenui. Ho visto grandi cafonate, come Anna Tatangelo che si è presentata ad un matrimonio vestita di rosso, con la pancia scoperta. O Ivana Trump che si è presentata scollata con un vestito oro.
      
      Abito corto o gonne a palloncino per le invitate più giovani: sì o no?
      Sì, a me l’abito lungo non piace ai matrimoni. Quello è consentito solo dopo le 18-19, perché vedere la mattina la gente vestita da sera mi fa tanto matrimonio di Enzo Miccio alla Sorrisa.
      
      Recentemente al posto dei libretti sono stati distributi degli iPad…che ne pensi di questa svolta tecnologica?
      Mi piace molto! L’ho visto anche io in alcuni matrimoni. Bisogna voltarsi dietro perché abbiamo una grande tradizione in fatto di matrimoni, ma oggi bisogna essere 3.0, anzi forse anche  5.0! Io per esempio ho deciso per la promozione di questo libro di fare solo testate online!
      
      Il mese più bello per sposarsi?
      Maggio è il mese delle spose, però a me piacciono molto i matrimoni invernali. Per esempio sono stato ad un matrimonio in costiera amalfitana in inverno e l’ho trovato molto chic e sofisticato! E poi a chi non piace il mare d’inverno?
      public post_title -> string UTF-8(99) "Giovanni Ciacci: “Sapete perchè le spose vestono di bianco? Tutte le curiosità n…"
      Giovanni Ciacci: “Sapete perchè le spose vestono di bianco? Tutte le curiosità nel mio nuovo libro”
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(86) "giovanni-ciacci-sapete-perche-le-spose-vestono-bianco-tutte-le-curiosita-nel-mio…"
      giovanni-ciacci-sapete-perche-le-spose-vestono-bianco-tutte-le-curiosita-nel-mio-libro
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-04 09:00:32"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-04 07:00:32"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150937"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150936
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-04-04 05:55:22"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-04-04 03:55:22"
      public post_content -> string UTF-8(4440) "<strong>Oltre i confini di maschio e femmina. Negli Usa ora i giovani sono “flui…"
      <strong>Oltre i confini di maschio e femmina. Negli Usa ora i giovani sono “fluid”</strong>
      
      Per due millennials su dieci la sessualità è un elemento fluttuante
      
      PAOLO MASTROLILLI
      INVIATO A NEW YORK
      
      Quando uno chiede a K.C. Clemens, 28 anni di Brooklyn, come si identifica, la risposta è questa: «Sono bianco, di robusta costituzione, finocchio, nonbinary e trans». Rowan invece si descrive come «gender fluid», ossia di genere fluido; Tyler Ford «agender», cioè asessuata; Jacob Tobia «genderqueer», ossia tendente all’omosessualità ma non proprio sicuro; e Marie McGwier «gender non conforming», cioè non conforme alle classificazioni tradizionali del genere. Ecco la prossima rivoluzione sociale degli Usa, che rischia di esplodere con le sue contraddizioni nell’era Trump: il diritto delle persone di scegliere il proprio sesso, e magari cambiarlo a piacimento nel corso della vita. 
      
      Il 16 marzo scorso il settimanale Time aveva messo questo fenomeno in copertina, con il titolo «Beyond He ore She: The Changing Meaning of Gender and Sexuality», cioè «oltre lui e lei: come cambia il significato di genere e sessualità». Poco prima, a gennaio, il National Geographic aveva stampato in prima pagina la foto di Avery Jackson, trans di 9 anni a Kansas City. Secondo un sondaggio commissionato dall’organizzazione per i diritti degli omosessuali e trans GLAAD, il 20% dei millennials non si identifica strettamente con un genere. Non solo come maschi o femmine, ma neppure come omosessuali o transgender. Pensano che la sessualità sia un elemento fluttuante della loro personalità, non definitivo e non vincolato alle caratteristiche fisiche con cui sono nati, e tanto meno a come la società li vede o vuole vederli. Facebook, che col suo miliardo di frequentatori è forse la principale piattaforma globale di connessione tra gli esseri umani, lo ha già capito, e infatti offre circa 60 opzioni diverse per identificare il genere dei propri utenti. Ammesso che vogliano farlo. Sui nostri passaporti, invece, è ancora obbligatorio indicare il sesso maschile o femminile, e uno dei primi atti del presidente Trump è stato annullare il provvedimento con cui il suo predecessore Obama aveva garantito protezione ai membri della comunità LGBTQ, ad esempio consentendo loro di andare nei bagni che ritengono più affini alla propria natura. 
       
      La lotta per l’affermazione dei diritti sessuali è antica, e negli Stati Uniti ha vissuto anche momenti violenti, come la storica rivolta allo Stonewall Inn del Greenwich Village nel 1969. La sentenza Obergefell v. Hodges, con cui il 26 giugno 2015 la Corte Suprema ha riconosciuto i matrimoni gay, ha costituito una pietra miliare, ma ormai siamo già oltre. Nel 2014 Time aveva pubblicato un’altra copertina scandalo intitolata «The Transgender Tipping Point», sostenendo che dopo l’accettazione dei gay, l’America era pronta anche alla svolta nei confronti dei suoi cittadini trans, stimati in circa un milione e mezzo di persone. Obama aveva voluto che alla Casa Bianca si costruisse un bagno aperto a tutti i sessi, come peraltro succede già in tutte le nostre case, e questo voleva essere un segno dei tempi che cambiano. Poi l’8 novembre scorso Donald Trump ha vinto le elezioni, e alcuni analisti democratici hanno attribuito la sconfitta di Hillary Clinton anche al fatto di essere andati troppo avanti sui temi sociali: «Gli americani non sono ancora pronti a condividere i bagni». 
       
      La spaccatura è molto profonda. Da una parte ci sono i liberal, che considerano la storia come un progresso lineare e sono certi del punto di approdo, nonostante la battuta d’arresto rappresentata dall’elezione di Trump. Dall’altra ci sono i conservatori, ispirati in larga parte anche dalla dottrina religiosa, secondo cui Dio ha pensato il sesso come uno strumento per la riproduzione, e quindi chiunque lo pratica senza questo scopo, etero, omo, trans, commette un peccato. 
       
      I giovani «fluid» però sono oltre simili logiche. Criticano anche i gay e i trans che hanno basato le loro lotte sul diritto di affermare l’omosessualità e il cambio di sesso, perché si tratta comunque di scelte definitive. Sfidano la società con la determinazione a decidere il proprio destino, non sono più isolati grazie ai social, solidarizzano tra loro accettando qualunque scelta degli altri, ma per prevalere dovranno prima sconfiggere chi l’8 novembre ha votato Trump come reazione a questo nuovo mondo. 
      public post_title -> string UTF-8(74) "Oltre i confini di maschio e femmina. Negli Usa ora i giovani sono “fluid”"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(57) "oltre-confini-maschio-femmina-negli-usa-ora-giovani-fluid"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-04-04 08:57:37"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-04-04 06:57:37"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150936"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150647
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-25 06:12:05"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-25 05:12:05"
      public post_content -> string UTF-8(3631) "<strong>Happy Gay Friendly</strong> di Giovanna Donini Milano. Domenica. Pranzo …"
      <strong>Happy Gay Friendly</strong>
      
      di Giovanna Donini
      
      Milano. Domenica. Pranzo a casa di amici d'infanzia. Siamo cresciuti insieme, io lei e lui, poi loro due si sono innamorati e sposati, a Treviso. Adesso fatalità viviamo tutti qui a Milano. Sono felice. Quando ci incontriamo mi sento a casa.
      
      Lui Fabio, è un figo vero. Lavora in Borsa, nella Finanza, ma credetemi non saprei dire esattamente che lavoro fa perché la sua professione ha un nome complicatissimo e quando mi ha spiegato esattamente di che si tratta io ho capito solo: "... E poi viaggio in tutto il mondo". Lei Gloria, è stupenda. Fa la maestra d'asilo. In tre secondi, ha fatto innamorare il mio bambino che la guardava come se dal cielo fosse caduto un giullare molto più attrezzato e bello di me. Solo per lui, infatti, aveva preparato una fila di giochi pazzeschi che a momenti BimBum (lo chiamiamo così) non voleva più andarsene.
      
      Ad un certo punto durante il pranzo è partito il momento "i ricordi degli anziani" e gli anziani in questo caso eravamo noi.
      
      Tra un "ti ricordi quello e un ti ricordi quando" salta fuori lui: "Ti ricordi che a Treviso eri l'unica donna che stava con una donna?". Io rido, ci penso un attimo e poi dico: "Beh ma quindi eravamo in due, no?". Ridiamo e ci pensiamo un attimo e poi aggiungo: "Io e lei forse eravamo sfacciate, ma in realtà chissà quante e quanti altri...". Nessuno ride e lui prende in mano il suo cellulare apre la rubrica e dice: "Della nostra città nessuna delle persone che ho salvato in rubrica mi risulta essere gay e avrò almeno 100 numeri, ti sembra normale?".
      
      No, non mi sembra normale, penso.
      
      "Nessuno degli uomini che conosco è gay, ma statisticamente è improbabile. Sai cosa significa? Che hanno paura di uscire allo scoperto e se hanno paura è anche colpa mia". Chiedo perché. "Perchè noi tra amici tendiamo a fare spesso quelle battute che si fanno per ridere". Chiedo quali e lui fa un breve, ma preciso elenco che riporto fedelmente:
      
      -quando uno indossa un maglione un po' troppo colorato: "oh ma come sei bella oggi, il tuo fidanzato come sta?"
      
      -quando uno dice che di calcio o di rugby non ne capisce niente: "poverina forse preferisce la pallavolo?" -quando uno dopo una partita di tennis si fa la doccia si asciuga i capelli e si mette la crema per i capelli: "ho giocato con Serena Williams e non me sono accorto?"
      
      -quando uno non guida la macchina: "ti fai venire a prendere tutte le sere dal tuo lui?".
      
      Come potete notare queste battute girano tutte intorno allo stesso concetto: se sei gay o lo sembri non sei un vero maschio. Il maschio vero infatti guida, gioca a calcio, non usa le creme e non indossa maglioni troppo colorati. Certo, come no.
      
      "Mi rendo conto" dice il mio amico "che partiamo da un concetto sbagliato e anche da uno stereotipo sbagliato".
      
      "Infatti è così"
      
      "Sono solo battute, ma evidentemente fanno male e portano le persone a chiudersi e a nascondersi" aggiunge e infine conclude con un finale che mi fa emozionare "e forse siamo noi eterosessuali adesso a dovere cambiare, a smettere di essere così superficiali, forse siamo noi che dobbiamo cominciare a metterci la faccia, aiutare chi non riesce anche per colpa nostra ad essere liberamente se stesso".
      
      Milano. Domenica. Sono tornata a casa così felice. Non siamo soli. Non siamo solo noi a dover lottare per cambiare le cose.
      
      Nel frattempo BimBum comincia a fare i primi versetti, niente di che più che altro grida vocali assordanti. Chissà quando parlerà. Chissà quale sarà con esattezza la prima parola che dirà. A me va bene tutto, basta che non dica Gloriaaaaaaaa.
      public post_title -> string(18) "Happy Gay Friendly"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(18) "happy-gay-friendly"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-25 09:13:11"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-25 08:13:11"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150647"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150569
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-23 06:24:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-23 05:24:37"
      public post_content -> string UTF-8(2864) "<strong>Gay, studio rivela: non fanno carriera a causa del timbro di voce</stron…"
      <strong>Gay, studio rivela: non fanno carriera a causa del timbro di voce</strong>
      
      
      LONDRA – Gay e lesbiche, sul lavoro non accedono a cariche importanti a causa del suono della voce: è quanto emerge da uno studio dell’University of Surrey ed effettuato in Italia. I gay, secondo la ricerca, subiscono delle discriminazioni sul posto di lavoro a causa delle voci dal suono più femminile e lo stesso vale per le lesbiche la cui voce tende a essere rauca.
       
      Nel corso di un esperimento, alcune persone eterosessuali hanno ascoltato la voce di omosessuali e sostenuto che dovrebbero essere pagati meno proprio per il timbro di voce diverso. I ricercatori dell’University of Surrey, hanno fatto ascoltare a 40 uomini etero la voce di omosessuali ed eterosessuali e contemporaneamente mostrato una foto di chi parlava.
      I partecipanti non erano stati informati sull’orientamento sessuale della persona che avrebbero ascoltato.
      
      Successivamente, è stato chiesto loro di esprimere un’opinione sui candidati, per quanto riguardava l’idoneità a diventare amministratore delegato e quale la loro retribuzione mensile.
      Chi ha correttamente identificato la voce di gay o lesbiche ha osservato che erano inadeguati al ruolo, per cui il timbro della voce è stato il fattore chiave che ha portato alla discriminazione. Possedere una voce “eterosessuale” o “lineare”, invece che “gay”,  ha indotto gli ascoltatori a pensare che fossero i candidati più adatti all’incarico lavorativo e meritassero uno stipendio più alto.
      
      Per quanto riguardava le candidate lesbiche, gli ascoltatori hanno giudicato che la voce “mancasse di femminilità” e hanno ricevuto valutazioni più basse rispetto alle donne etero.
      Fabio Fasoli, a capo dello studio, ha osservato:”I risultati dimostrano che il semplice suono della voce è sufficiente a far scattare degli stereotipi, emerge che nonostante tutto il lavoro per ridurre la discriminazione contro la comunità LGBT, le persone incasellano un individuo prima ancora di conoscerlo. Ed è evidente che nel lavoro e nella carriera, è un vero problema”.
      In un altro studio, i partecipanti sono stati invitati ad ascoltare due voci e immaginare quali fossero i loro interessi.
      
      Risultato: le voci omosessuali, secondo gli ascoltatori, erano meno interessate ad attività “tipicamente maschili”, tipo il calcio, e più interessate a quelle “tipicamente femminili” come la danza. Quando ai partecipanti di sesso maschile è stato chiesto se volessero conoscere chi aveva una voce “gay”, hanno risposto che avrebbero evitato.
      
      Fasoli ha concluso che “il fatto più preoccupante dello studio è l’atteggiamento inconscio dei partecipanti: gli uomini etero eviterebbero di scegliere un gay come amico. Il che dimostra che, consapevoli o meno, nella nostra società c’è un livello inaccettabile di discriminazione nel confronti della comunità LGBT”.
      public post_title -> string(65) "Gay, studio rivela: non fanno carriera a causa del timbro di voce"
      public post_excerpt -> string UTF-8(150) "...discriminazioni sul posto di lavoro a causa delle voci dal suono più femminil…"
      ...discriminazioni sul posto di lavoro a causa delle voci dal suono più femminile e lo stesso vale per le lesbiche la cui voce tende a essere rauca...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "gay-studio-rivela-non-fanno-carriera-causa-del-timbro-voce"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-23 08:26:18"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-23 07:26:18"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150569"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152823
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-25 06:36:45"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-25 04:36:45"
      public post_content -> string UTF-8(1574) "<strong>L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre …"
      <strong>L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre ricc***ni”</strong>
      
      Nando Mariano
      
      Carmela Cosmo, meglio conosciuta come La Tarantina, ha 81 anni ed è uno degli ultimi femminielli di Napoli. Oggi vive nel cuore della città, in una piccola stanza ai Quartieri Spagnoli, dove spesso ripensa alla sua vita piena di avventure, il più delle volte brutte, fatte anche di violenza e solitudine.
      
      Oggi, però, il mondo sta cambiando, e trans e omosessuali stanno conquistando sempre più diritti, prima tra tutti quello delle unioni civili. Un mese fa, circa, ad Aversa si è celebrato il primo matrimonio trans d’Italia, ma alla Tarantina non è piaciuto tutto questo clamore, come dichiarato al Corriere del Mezzogiorno:
       
      “Che cosa ha voluto fare questa persona trans che si è sposata? Che cosa mi vuole dire? Ora questa persona dice ‘mi sono sposata’, d’accordo, ma ti stai esibendo per cosa? Per darti visibilità? Il mondo oggi è pieno di omosessuali, l’esclusività l’ho portata io, perché ho 81 anni, lascio immaginare cosa sono stati i miei anni. Oggi il loro mondo è tutto rosa, quello che vogliono ottenere lo ottengono. Avrei voluto vedere se negli anni nostri era possibile. Quali battaglie hanno fatto? Devono ringraziare me che gli ho spianato la strada”.
      
      Eppure, nonostante i passi avanti, secondo il celebre femminiello non saranno mai abbastanza per eliminare le discriminazioni: “Finché ci sarà vita sulla terra la discriminazione non finirà, altre tre generazioni grideranno ricc***e, sono inutili tutte queste discussioni”.
      public post_title -> string UTF-8(82) "L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre ricc***n…"
      L’ultimo femminiello di Napoli: “Matrimoni trans? Ci chiameranno sempre ricc***ni”
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(71) "lultimo-femminiello-napoli-matrimoni-trans-ci-chiameranno-sempre-riccni"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-25 09:37:57"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-25 07:37:57"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152823"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(3) "109"
    public max_num_pages -> float10
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "1e7e32f6c629046b1fdaf7563c155ea8"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033