La Dolce vita

La Dolce vita
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (38 voti)
  • Critica
Varie

Cast

La Dolce vita

Grande affresco di un’epoca, di una vita fatta solo di apparenze che nascondono la verità e il dolore, che soffocano la comunicazione e i sentimenti, che lasciano vivere solo in superfice, salvo poi affondare improvvisamente. Ma al di là dei moralismi, il film è un viaggio dentro la nostra storia, dentro l’Italia degli anni del boom, che ci lascia comunque l’amaro in bocca. Durante il viaggio di Marcello nella Roma notturna abbiamo occasione d’incontrare numerosi travestiti e omosessuali , tra i quali Gio’ Staiano, uno dei primi transessuali italiani.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Varie

Marcello è un giornalista che scrive per un rotocalco articoli mondani, in cui figurano fatti e personaggi, noti nell’ambiente di Via Veneto. L’attività professionale lo ha portato ad adottare un sistema di vita molto simile a quello dei suoi personaggi. Così egli passa con indifferenza da una relazione all’altra: mentre convive con Emma non rinunzia ad altre avventure. Ha una temporanea relazione con Maddalena, giovane ricchissima, annoiata della vita, sempre in cerca di sensazioni. L’arrivo di Sylvia, celebre attrice americana, gli fornisce occasione di nuove esperienze sentimentali. Per dovere professionale Marcello si occupa di una falsa apparizione della Madonna, inventata da due bambini dietro istigazione dei genitori. Partecipa ad una festa organizzata da alcuni membri della nobiltà che gli dà modo di accertare il basso livello morale di quell’ambiente. Marcello è amico di Steiner, un intellettuale che riunisce nel suo salotto artisti e letterati. La felice vita familiare dell’amico lo impressiona favorevolmente perchè accarezza l’idea di sposare Emma per iniziare con lei un’esistenza più regolare e tranquilla. Ma qualche tempo dopo Marcello apprende che Steiner, in una crisi di sconforto, si è ucciso, dopo aver soppresso i suoi due bambini. Per superare l’orrore destato in lui dal tragico fatto, Marcello, si getta, senza alcun ritegno, nel turbine della vita mondana. Dopo un’orgia, che ha lasciato in tutti tedio e disgusto, Marcello incontra per caso sulla spiaggia una giovinetta dallo sguardo limpido e innocente, e cerca invano di capire quanto ella gli dice; un canale li divide e non afferra le sue parole, perciò segue i suoi squallidi amici.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.