Dalla rassegna stampa Televisione

Queer as Folk: c'è nell'aria una nuova versione della serie tv lgbt che lanciò Charlie Hunnam

La nuova Queer as Folk avrà un’ambientazione diversa e nuovi protagonisti, staccandosi quindi sia dall’originale che dal remake americano

Queer as Folk: c’è nell’aria una nuova versione della serie tv lgbt che lanciò Charlie Hunnam

Riccardo Cristilli

Russell T. Davies autore dell’originale Queer as Folk ma anche di A Very English Scandal, sarà coinvolto nella realizzazione del remake.


I protagonisti della versione USA di Queer as Folk

Queer as Folk potrebbe tornare in tv. Il canale cable americano Bravo di proprietà del gruppo NBCUniversal – Comcast, starebbe lavorando a una nuova versione della serie TV che ha raccontato l’universo dei rapporti e delle relazioni gay a fine anni ’90.

Queer as Folk nasce nel 1999 dalla mente di Russell T. Davies, recentemente autore della mini-serie di successo A Very English Scandal (andata in onda in Italia su Fox Crime nelle scorse settimane), protagonisti erano tre ragazzi gay di Manchester interpretati da Aidan Gillen, Charlie Hunnam e Craig Kelly.

Nel 2000 il canale canadese Showcase e l’americano Showtime diedero vita a un remake ambientato a Pittsburgh con cinque protagonisti, interpretati da Gale Harold, Randy Harrison, Hal Sparks, Peter Paige e Scott Lowell, durato ben cinque stagioni.

Secondo quanto riporta Variety, che per primo ha pubblicato la notizia, la nuova versione di Queer as Folk vede il coinvolgimento diretto del creatore della versione originale, Russell T. Davies che sarà produttore esecutivo della nuova serie TV. La sceneggiatura e la regia sarà invece affidata a Stephen Dunn, anche produttore insieme a Red Productions che si occupò a fine anni ’90 della serie TV inglese. Universal Cable Productions sarà invece lo studio che si occuperà dello sviluppo e dell’eventuale realizzazione della serie TV.

La nuova Queer as Folk avrà un’ambientazione diversa e nuovi protagonisti, staccandosi quindi sia dall’originale che dal remake americano e sfuggendo alla tentazione di riportare i vecchi personaggi. Nelle intenzioni di tutte le parti coinvolte si tratterà di un adattamento moderno e contemporaneo dei temi dell’originale britannico. Al centro ci sarà un gruppo di amici che ama far festa e girare per i locali, che trova conforto nella comunità gay dopo una tragedia che li colpisce direttamente.

Dopo il recente Dirty John con Connie Britton e Eric Bana, il canale cable Bravo sembra deciso a puntare sulle serie TV, senza abbandonare una programmazione d’intrattenimento variegata che include programmi come il franchise di Real Housewife e Top Chef.


da mondofox.it

Il reboot di Queer as Folk è in lavorazione

di Silvia Artana

È sempre tempo di Queer as Folk. Dopo il remake targato Showtime del 2000, il network americano Bravo realizzerà il reboot della celebre serie britannica interpretata da Aidan Gillen e Charlie Hunnam.

Queer as Folk sta per tornare. Come scrive Variety, il network americano Bravo ha annunciato di avere messo in lavorazione il reboot della serie britannica, andata in onda per due stagioni – la prima di 8 episodi e la seconda di 2 – nel 1999 e nel 2000.

Presentata come un affresco della vita della comunità omosessuale in una grande città (nel caso specifico, Manchester), Queer as Folk racconta le vicende dei 3 uomini gay, Stuart Alan Jones (Aidan Gillen, ovvero Ditocorto in Game of Thrones), Vince Tyler (Craig Kelly) e Nathan Maloney (un giovanissimo Charlie Hunnam, la cui carriera è stata lanciata proprio dallo show inglese).

La serie ha fatto molto scalpore in patria per i temi trattati e i contenuti espliciti, ma nonostante ciò o forse proprio per questo è diventata un piccolo cult. Al punto da essere prontamente riportata sul piccolo schermo dalla rete televisiva Showtime, poco tempo dopo la conclusione dell’originale.

Il network USA ha realizzato un remake con lo stesso titolo, ma ambientato a Pittsburgh (Pennsylvania) e con protagonisti 5 uomini gay e una coppia lesbica. La nuova Queer as Folk è stata trasmessa (con grande successo) per 5 stagioni, dal 2000 al 2005.

Adesso, a distanza di 13 anni dalla conclusione del remake statunitense-canadese e di 18 dalla serie inglese, il creatore dell’originale Queer as Folk, Russell T. Davies, ha deciso di dare una nuova chance alla sua idea.

L’autore di A Very English Scandal (miniserie televisiva su Jeremy Thorpe, trasmessa su FoxCrime) vestirà i panni di produttore esecutivo, insieme a Nicola Shindler di Red Productions (anche lui di ritorno dalla serie originale), a Lee Eisenberg di Quantity Entertainment e a Digital Rights Group (DRG), una società di NENT Studios, che si occuperà anche della distribuzione. Del progetto faranno parte pure Emily Brecht di Quantity, in qualità di co-produttore esecutivo, e Universal Cable Productions (UCP).

Invece, la sceneggiatura e la regia saranno affidati a Stephen Dunn.

Ma come sarà strutturato il nuovo reboot di Queer as Folk?

Al momento, le informazioni sono poche. Stando alle notizie raccolte da Variety, la produzione targata Bravo avrà “personaggi e un’ambientazione completamente nuovi”. In pratica, sarà una “versione moderna della serie originale” e racconterà la storia di un gruppo di amici festaioli, che troveranno sostegno nella comunità gay dopo una tragedia.

Ma è lecito pensare che nuovi dettagli emergeranno con il procedere della produzione.


da optimaitalia.com

Si lavora a un reboot di Queer As Folk, torna la serie pioniera sulle tematiche LGBTQ che fece scandalo

Già in cantiere un reboot di Queer As Folk, prodotto dal creatore della serie originale britannica su cui fu basato il popolare adattamento americano

di Claudia Gagliardi

La notizia di un reboot di Queer as Folk non giunge come una novità assoluta: in un’annata ricca di ritorni dal passato tra remake, revival e nuove edizioni di titoli storici in vari format rinnovati, anche del recupero della serie che è stata pioniera nel trattare tematiche LGBTQ in tv si era già vociferato in passato.

Ora però non si tratta di meri rumors: secondo quanto riporta in esclusiva Variety, il creatore dell’originale serie britannica Russell T. Davies è già al lavoro sul progetto, come produttore esecutivo di un reboot del dramma per Bravo TV, canale via cavo statunitense.

Queer As Folk, nella sua versione originale inglese, fu trasmessa in un’unica stagione da 10 episodi nel 1999-2000 da Channel 4 e su quel format è stato basato il popolare adattamento americano di Showtime.

Il progetto in cantiere è una nuova versione “moderna” della serie madre, incentrata su un gruppo di giovani amici che trovano sostegno nella comunità gay in seguito a una tragedia che li accomuna. Il nuovo Queer as Folk targato Bravo TV si concentrerà attorno a personaggi del tutto inediti rispetto a quelli della serie originale e del suo adattamento degli anni Duemila.

Quest’ultimo fu un grande successo di pubblico, capace di reggere per cinque stagioni su Showtime, dal 2000 al 2005, anche grazie all’ottimo cast composto da Gale Harold, Hal Sparks, Randy Harrison, Peter Paige e Scott Lowell che interpretavano un gruppo di persone omosessuali alle prese con sentimenti, drammi e tragedie ma sostenuti dalla reciproca amicizia in quel di Pittsburgh, in Pennsylvania.

Ora Bravo Tv fa spazio ad una nuova generazione di protagonisti. Stephen Dunn è lo sceneggiatore e produttore esecutivo della nuova serie insieme a Nicola Shindler (Red Productions) e Lee Eisenberg (Quantity Entertainment) e Digital Rights Group. La società di produzione è la Universal Cable Productions.

Di tutti i reboot e revival già in cantiere o ipotizzati per un prossimo futuro, quello di Queer As Folk è certamente il più interessante: la franchezza con cui la serie ha raccontato l’amore tra coppie omosessuali, con scene di sesso esplicite e senza tabù, ha rappresentato una rivoluzione per il pubblico ancora molto puritano di fine secolo scorso, provocando molte polemiche ma ottenendo anche ottimi ascolti al punto da far sì che Channel 4 ne commissionasse una seconda stagione poi mai realizzata (eccetto uno speciale da due puntate molto più castigato).

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.