Dalla rassegna stampa Cronaca

«Kevin Spacey mi ha molestato»: l’accusa di Anthony Rapp. E lui si scusa e fa coming out: «Sono gay»

…ho scelto, ora, di vivere la mia natura di omosessuale. Voglio affrontare questo aspetto della mia vita in modo onesto e aperto…

USA
«Kevin Spacey mi ha molestato»: l’accusa di Anthony Rapp. E lui si scusa e fa coming out: «Sono gay»

Anthony Rapp, attore della serie tv Star Trek Discovery, intervistato da Buzzfeed racconta di avere ricevuto avances sessuali da Spacey all’età di 14 anni. Poi l’interprete di Frank Underwood» posta un clamoroso tweet: «Mi scuso». E rivela di essere gay

Kevin Spacey, il Frank Underwood» di House of Cards

«Molestato da Kevin Spacey quando avevo 14 anni e lui ne aveva 24». È un’accusa pesantissima quella mossa da Anthony Rapp, attore della serie tv Star Trek Discovery [Ndr: nel primo ruolo gay della serie], ai danni di Kevin Spacey. Ma è ancora più clamoroso ciò che poi quest’ultimo scrive su Twitter. Perché Spacey — con un lungo post — risponde alle accuse così. «Ho molto rispetto, e ammirazione, per Anthony Rapp. Sono pieno di orrore nell’apprendere questa vicenda. In tutta sincerità non ricordo quest’episodio, che si sarebbe verificato oltre 30 anni fa. Ma se mi sono comportato come lui racconta, gli devo le mie più sincere scuse per un comportamento inappropriato, da ubriaco. Mi scuso con lui per le conseguenze che dice di aver sperimentato, nel suo animo, per tutti questi anni».

Il premio Oscar, e protagonista della serie «House of Cards», continua, facendo coming out: «Questa vicenda mi ha spinto ad affrontare altri aspetti della mia vita. So che ci sono parecchie storie che girano, su di me: alcune sono state alimentate dalla privacy che ho voluto sempre mantenere sulla mia vita. Come coloro che mi sono più vicini già sanno, nella mia vita ho avuto relazioni sia con uomini, sia con donne. Ho amato e avuto rapporti amorosi con uomini in tutta la mia vita. E ho scelto, ora, di vivere la mia natura di omosessuale. Voglio affrontare questo aspetto della mia vita in modo onesto e aperto: e per farlo, occorre che esamini anzitutto i miei comportamenti».


«Molestato da Spacey»
Rapp, l’interprete di Paul Stamets nella riedizione del cult fantascientifico, oggi 46enne, ha raccontato a Buzzfeed News di avere ricevuto pesanti avances sessuali da Spacey nel 1986. All’epoca Rapp aveva 14 anni, Spacey 26. Tutto sarebbe successo a un party nell’abitazione dell’attore due volte premio Oscar — per «I soliti sospetti» e per «American Beauty» — e all’epoca ben lontano dalla celebrità. Rapp era l’unico ragazzino presente alla festa e annoiandosi aveva deciso di andare nella camera da letto dell’attore a guardare un po’ la tv. Passata la mezzanotte però si sarebbe accorto di essere rimasto solo, dopo che tutti gli altri invitati avevano lasciato il party. A quel punto Spacey è entrato in camera salendo sul letto e, avvicinatosi a lui, gli avrebbe fatto delle avances a chiaro sfondo sessuale. I due da allora — stando a quel che ha detto Rapp — non si sarebbero più rivolti parola.

Il clamoroso tweet»
Qualche ora dopo l’intervista apparsa su Buzzfeed (e che Rapp, come lui stesso ha spiegato, è stata data «sull’onda del caso Weinstein»), Spacey ha postato il clamoroso e articolato tweet. Un «cinguettìo» che sta venendo retwittato migliaia di volte.


da La Stampa

“Io molestato da Kevin Spacey a 14 anni”. L’attore si scusa su Twitter e rivela: “Sono gay”

Kevin Spacey chiede scusa per aver molestato Anthony Rapp e rivela di essere gay. La star di House of Cards ha scelto Twitter per rispondere alle accuse che l’attore che dà il volto a Paul Stamets in Star Trek Discovery gli ha rivolto in un’intervista rilasciata a Buzzfeed News. Rapp ha spiegato come, dopo aver conosciuto Spacey, fosse stato invitato a un party a casa sua. All’epoca lui aveva 14 anni, Spacey 26. Era l’unico ragazzino presente alla festa e annoiandosi aveva deciso di andare nella camera da letto dell’attore a guardare un po’ di tv. Passata la mezzanotte però si sarebbe accorto di essere rimasto solo, dopo che tutti gli altri invitati avevano lasciato il party. A quel punto Spacey sarebbe entrato in camera salendo sul letto e, avvicinatosi a lui, gli avrebbe fatto delle avances a chiaro sfondo sessuale. Rapp ha spiegato come da quell’episodio non abbia più parlato a Spacey e di come negli anni abbia avuto il coraggio di raccontare l’accaduto solo a familiari e amici. Ora però, scosso e mosso dallo scandalo Harvey Weinstein, ha deciso di riportare tutto ai media.

La risposta di Kevin Spacey non si è fatta attendere. Attraverso un lungo tweet, ha prima chiesto scusa a Rapp per la sua condotta riprovevole e ha poi deciso di fare chiarezza sul suo orientamento sessuale: «Ho molto rispetto e ammirazione per Anthony Rapp come attore. Mi ha fatto orrore sentire la sua storia. Sinceramente non ricordo quell’episodio che risale a più di 30 anni fa e che è frutto di un comportamento inappropriato legato ai fumi dell’alcol. Ma se mi sono comportato come lui dice, gli faccio le mie più sincere scuse (?) Questa storia mi stimola a raccontare di più sulla mia persona. Nella mia vita ho avuto relazioni sia con donne sia con uomini. Ho amato e avuto incontri romantici con diversi uomini nel corso della mia vita e ora ho deciso di vivere da uomo gay. Voglio affrontare la cosa onestamente e apertamente (…)».


da Repubblica.it

Kevin Spacey: “Sono gay”. Il coming out arriva dopo un’accusa di molestie sessuali

Il vincitore della statuetta per ‘American Beauty’ ha ammesso di essere omosessuale in un post su Twitter. E si è scusato con l’attore Anthony Rapp per “un comportamento inappropriato” nei suoi confronti a un party di 30 anni fa
Dopo anni di rifiuto a rispondere alle voci sulla sua sessualità, l’attore vincitore dell’Oscar Kevin Spacey ha detto domenica di aver scelto di vivere la sua vita come gay. Spacey, 58 anni, che ha vinto l’Oscar per “I Soliti Sospettii” e “American Beauty”, ha fatto il suo coming out in un post su Twitter. Ha chiesto scusa al suo compagno Anthony Rapp per un incidente che Rapp ha detto essere avvenuto nel 1986. Rapp, che ha partecipato alla “Rent” di Broadway, avrebbe subìto molestie inappropriate proprio da Kavin Spacey all’inizio della sua carriera.
Spacey ha detto di essersi “spaventato” all’ascolto della storia del loro incontro spiegando di “non ricordare sinceramente” perché si tratta di un episodio avvenuto più di 30 anni fa. L’attore ha anche ammesso di dovere a Rapp una “scusa sincera” per quello che diceva sarebbe stato “un comportamento profondamente inappropriato mentre ero ubriaco”.

La storia di Rapp “mi ha incoraggiato ad affrontare altre cose nella mia vita” scriveva Spacey. “Ho amato e ho avuto incontri romantici con gli uomini per tutta la mia vita, e ora ho deciso di scegliere di vivere la vita come gay”. “Voglio affrontare questo onestamente e apertamente”, ha detto l’attore, “e questo iniziando a esaminare il mio comportamento”.

Rapp ha descritto in un’intervista che ha partecipato a una festa ospitata da Spacey in cui l’attore lo ha raccolto, lo ha portato in un letto e si è adagiato su di lui dopo che altri ospiti erano andati via. Rapp ha raccontato che aveva l’impressione che Spacey fosse ubriaco, disse che lo spinse via e se ne andò. Spacey, vincitore del premio Tony per “Lost in Yonkers”, è il protagonista del dramma politico Netflix “House of Cards”. Ha anche lavorato per dieci anni come direttore artistico della compagnia teatrale Old Vic di Londra.


da Il Fatto

Kevin Spacey: “Sono gay”. E si scusa con l’attore Anthony Rapp per averlo molestato

L’attore e regista due volte premio Oscar su Twitter: “Ho amato sia uomini che donne. Ma ho scelto di vivere da omosessuale”. E rivolge “le scuse più sincere” al collega Rapp, che lo ha accusato di averlo molestato dopo una festa nel 1986

“Sono stato molestato da Kevin Spacey quando avevo 14 anni“. L’accusa rivolta all’attore due volte premio Oscar arriva da un collega, Anthony Rapp. La replica di Spacey non si è fatta attendere. In un tweet si è scusato e ha rivelato: “Nella mia vita ho avuto relazioni sia con uomini che con donne. Ora ho scelto di vivere da omosessuale“.

Il protagonista di I soliti sospetti e American beauty ha scritto sul social network che la storia di Rapp lo ha “incoraggiato” a parlare con onestà di questo aspetto della sua vita. “Come le persone più vicine a me sanno, ho amato e avuto rapporti anche con uomini. Voglio affrontare questa cosa onestamente e apertamente, e iniziare da qui ad esaminare il mio comportamento”.

Le parole dell’attore e regista arrivano insieme alle scuse rivolte al collega Anthony Rapp, che in un’intervista a Buzzfeed lo ha accusato di avergli fatto esplicite avance sessuali esplicite nel 1986, quando lui aveva 14 anni e Spacey 26. “Recitavamo entrambi in uno spettacolo a Broadway – ha raccontato l’attore, oggi 46enne – Spacey mi ha invitato nel suo appartamento per una festa e, alla fine della serata, mi ha preso, mi ha messo sul suo letto ed è salito sopra di me”. Rapp ha raccontato l’episodio sulla scia delle denunce di queste settimane, seguite allo scoppio dello scandalo Weinstein, ma anche per la frustrazione e l’incredulità del successo del collega più anziano.

“Ho molto rispetto e ammirazione per Anthony Rapp come attore – ha scritto il Frank Underwood di House of Cards su Twitter – Mi ha fatto più che orrore sentire la sua storia. Sinceramente non ricordo l’episodio, che risalirebbe a più di 30 anni fa. Ma se mi sono comportato così come Rapp ha detto, gli faccio le mie più sincere scuse per quello che sarebbe stato un comportamento profondamente inappropriato dettato dall’alcool”, ha detto l’attore. “Mi dispiace per i sentimenti che dice di essersi portato dietro in tutti questi anni”, ha aggiunto nel lungo “cinguettio” con decine di migliaia di condivisioni.


da Libero.it

Kevin Spacey accusato di molestie confessa: “Sono omosessuale. La violenza? Non ricordo”

Crolla Kevin Spacey. Nel giro di poche ore accusato di violenze sessuali omo e dunque protagonista di un clamoroso coming out sulla suo omosessualità. Tutto inizia con la durissima accusa di Anthony Rapp, attore della serie tv Star Trek Discovery: “Sono stato molestato da Kevin Spacey quando avevo 14 anni e lui ne aveva 24”. La risposta dell’attore e protagonista di House of Cards è arrivata successivamente su Twitter, con un lungo e roboante post: “Ho molto rispetto, e ammirazione, per Anthony Rapp. Sono pieno di orrore nell’apprendere questa vicenda. In tutta sincerità non ricordo quest’episodio, che si sarebbe verificato oltre 30 anni fa. Ma se mi sono comportato come lui racconta, gli devo le mie più sincere scuse per un comportamento inappropriato, da ubriaco. Mi scuso con lui per le conseguenze che dice di aver sperimentato, nel suo animo, per tutti questi anni”. Non conferma né, soprattutto smentisce.

E poco dopo, come detto, piove il coming out del premio Oscar: “Questa vicenda mi ha spinto ad affrontare altri aspetti della mia vita. So che ci sono parecchie storie che girano, su di me: alcune sono state alimentate dalla privacy che ho voluto sempre mantenere sulla mia vita. Come coloro che mi sono più vicini già sanno, nella mia vita ho avuto relazioni sia con uomini, sia con donne. Ho amato e avuto rapporti amorosi con uomini in tutta la mia vita. E ho scelto, ora, di vivere la mia natura di omosessuale. Voglio affrontare questo aspetto della mia vita in modo onesto e aperto: e per farlo, occorre che esamini anzitutto i miei comportamenti”.

Rapp, oggi 46enne, parlando dell’abuso subito racconta di aver ricevuto pesantissime avances sessuali da Spacey nel 1986, quando lui aveva 14 anni e il divo 24. Il tutto sarebbe avvenuto nel corso di un party nell’abitazione dell’attore, all’epoca ancora lontano dalla celebrità. Rapp era l’unico ragazzino presente alla festa e annoiandosi aveva deciso di andare nella camera da letto dell’attore a guardare un po’ la tv. Passata la mezzanotte però si sarebbe accorto di essere rimasto solo, dopo che tutti gli altri invitati avevano lasciato il party. A quel punto Spacey è entrato in camera salendo sul letto e, avvicinatosi a lui, gli avrebbe fatto delle avances a chiaro sfondo sessuale. I due da allora — stando a quel che ha detto Rapp — non si sarebbero più rivolti parola.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.