Dalla rassegna stampa Personaggi

E Jodie commuove la platea sull'amore per l'ex compagna

Golden Globes – Jodie a sorpresa parla del suo amore

Jodie a sorpresa parla del suo amore

Ben Affleck con Argo beffa Spielberg e il suo Lincoln ai Golden Globe di Los Angeles, il premio che apre la strada agli Oscar. Tra le attrici trionfano Jessica Chastain e Jennifer Lawrence. Ma l’evento della serata è Jodie Foster (foto) che fa coming out e parla dell’amore per l’ex compagna, ricevendo l’applauso dei due figli.

E Jodie commuove la platea sull’amore per l’ex compagna
«Unite e felici per vent’anni» Dai due figli scatta l’applauso

NEW YORK — Su Twitter l’America si è spaccata in due tra chi la osanna per «il coraggioso insegnamento pubblico dato ai figli» e chi l’accusa di essersi riscoperta «tardivamente onesta», quando ciò non può più danneggiare la sua stellare carriera, né servire da esempio ai giovani gay perseguitati in tutto il mondo.
«Ho l’urgenza di dire qualcosa che non avevo mai detto in pubblico», ha esordito Jodie Foster, la voce rotta dall’emozione, nell’accettare il Cecil B. DeMille Award per la carriera al Golden Globe, «Sono single». A cinquant’anni compiuti lo scorso novembre, la star vincitrice di due Oscar non ha avuto il coraggio di pronunciare la fatidica parola che molti si aspettavano: lesbica.
«Spero di non deludervi se stasera non farò il grande coming out — si è quasi scusata — l’ho fatto mille anni fa, nell’età della pietra. Erano tempi strani quelli», ha proseguito, «in cui una ragazzina fragile si apriva solo con la famiglia, gli amici, i colleghi di lavoro. Ora mi dicono che tutte le celebrità devono fornire dettagli sulla propria vita privata», ha poi ironizzato, «con conferenze stampa, un profumo e un reality show».
Foster ha ringraziato l’ex compagna Cydney Bernard, sua partner per 20 anni e con la quale ha cresciuto i suoi figli di cui non ha mai rivelato il padre biologico, Charles e Kit Foster, di 14 e 11 anni, che in platea hanno applaudito emozionatissimi le parole della madre. «Ragazzi, questa canzone è per voi. È un grande momento, volevo dire quello che ho più a cuore». Sono bastate queste parole per commuovere l’elegante platea e trascinarla in una standing ovation senza precedenti nella storia del premio. Kate Hudson e Anne Hathaway erano in lacrime, Jane Fonda l’ha definito «l’attimo più profondo della serata», Bill Clinton l’ha ringraziata. Nel condurla giù dal palco Robert Downey Jr. ha saputo dire solo «Wow!». Ma lontano da Hollywood, il clima è meno entusiasta. «Non è un coming out vero come quello di Anderson Cooper, Elton John, Martina Navratilova e Ellen DeGeneres», punta il dito l’inglese Guardian, «nel suo copione Foster si è guardata bene dall’includere parole come gay, lesbica, matrimonio». La star che forse più di ogni altra ha difeso la sfera privata dall’incursione di giornalisti e paparazzi ha, secondo i media, «ribadito il suo diritto alla privacy». «La sua è stata una filippica pro-riservatezza», teorizza il Los Angeles Times. Nonostante le pressioni degli attivisti gay — culminate con la campagna «Absolutely Queer» degli anni 80, quando la sua immagine (e quella di tanti altri omosessuali nascosti) tappezzò le strade d’America — Foster non ha mai voluto discutere il proprio orientamento sessuale. Nel 2007 alcuni media interpretarono un affettuoso ringraziamento alla produttrice Bernard durante un premio come ammissione della sua omosessualità. Lei non confermò e, anzi, nel corso degli anni ha più volte indignato i gay, interpretando film in odore di omofobia come Il Silenzio degli Innocenti.
Non c’è da stupirsi quindi se, sulla Rete, la comunità gay è in armi. «È facile fare outing nel 2013, quando i gay si sposano e fanno i soldati», punta il dito Deb Baer sull’Huffington Post. «Se fosse stata una vera pioniera di Hollywood», gli fa eco Eric Sasson sul Wall Street Journal, «avrebbe aiutato tantissimi giovani teenager come me a sentirsi meno soli, spaventati e incompresi».
«Jodie Foster, è il tuo momento: non prima e non dopo ma quando senti che è il momento giusto», l’ha difesa Ricky Martin su Twitter, mentre Amy Poehler, che ha presentato la cerimonia insieme all’amica e collega Tina Fey, ha esclamato «Noi andiamo a casa con Jodie».
Alessandra Farkas

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.