Dalla rassegna stampa Cinema

Dalla testa ai piedi, di Simone Cangelosi, Italia 2007

NUOVI TITOLI DEL CATALOGO TICHOFILM – “Dalla testa ai piedi” testimonia la transizione da donna a uomo che il regista ha vissuto tra la fine degli anni Novanta e il 2005. Cangelosi ha cominciato a lavorare al progetto pensandolo inizialmente come una sorta di diario visivo che lo seguisse passo dopo …

Dalla testa ai piedi, di Simone Cangelosi, Italia 2007

“Dalla testa ai piedi” testimonia la transizione da donna a uomo che il regista ha vissuto tra la fine degli anni Novanta e il 2005. Cangelosi ha cominciato a lavorare al progetto pensandolo inizialmente come una sorta di diario visivo che lo seguisse passo dopo passo nella propria trasformazione fisica e psicologica.
Durante la lavorazione da elaborato rigoroso, quasi scientifico, il film ha cominciato ad assumere un corpo e un senso imprevisti, assorbendo gli effetti di quelle stesse trasformazioni vissute dal protagonista. Dalla testa ai piedi è fatto, in sostanza, di una duplice natura: da una parte è un documentario sulla ricerca dell’identità di genere, dall’altra è diventato lo strumento stesso attraverso il quale il protagonista compie questa ricerca.
Il film, montato al termine della vicenda personale del regista, la ricostruisce intrecciandola a parte delle vicende storiche e delle lotte politiche che hanno avuto luogo all’interno della società italiana negli ultimi vent’anni.
“Produrre Dalla testa ai piedi è stato uno sforzo titanico, per certi versi una follia. Realizzarlo ha significato disattendere tutte le regole del lavoro nel cinema: prima l’ho girato, poi l’ho montato e alla fine il film si è praticamente scritto da solo. Non poteva che essere così per la natura stessa del progetto”. (Simone Cangelosi)

Corrispondenze private, di Corso Salani, Italia 2002

Corrispondenze private chiude il trittico dedicato al lavoro di Corso Salani dopo Gli occhi stanchi e Cono Sur.
Un regista, un’attrice, dialoghi di un film che sono anche brani della propria vita. Paloma Calle (che lavorerà ancora con Salani in Palabras e Imatra) dà voce, volto, incarna insomma tutte le figure femminili che hanno accompagnato Corso Salani nelle sue esplorazioni filmiche, proseguendo quel percorso inestricabile di realtà e finzione che caratterizza tutto il suo cinema.
“Come una lettera alla donna che ha ispirato i personaggi femminili di tutti i film precedenti: una sorta di omaggio, scritto nel tentativo di fermare e rivivere il ricordo di un incontro, attraverso i viaggi, i luoghi, le immagini, i volti e le parole delle attrici incontrate in questi anni.” (Corso Salani)

Il progetto Ticho nasce un anno fa con l’intento di utilizzare il web per aprire una via nuova che permetta di dare visibilità e accesso pubblico a film fortemente penalizzati dalla normale distribuzione in sala. Questo avviene attraverso una piattaforma che rende possibile la visione dei film attraverso uno streaming di alta qualità rispettoso del lavoro degli autori e di facile fruizione per i navigatori della rete.

Buona visione!

www.tichofilm.com

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.