Dalla rassegna stampa Cinema

«Ho conosciuto il dolore che racconto nel film»

Ozpetek presenta «Saturno contro»

«Saturno Contro». Macchè. Per un giorno, tutti sono accorsi per vedere da vicino il regista Ferzan Ozpetek e i protagonisti del film, nelle sale da venerdì scorso. Ragazzi e soprattutto ragazze con gli occhi “sgranati” per la presenza del bel Luca Argentero. Ma in prima fila anche i futuri registi e attori della Facoltà di Lettere e Filosofia.
Gli studenti hanno aperto un vero e proprio dibattito, ponendo svariate domande. Qualcuno, addirittura, si è candidato per il prossimo lavoro del regista di origine turca. «Mi piacerebbe diventare una brava regista almeno la metà di quanto lo è Ozpetek – sottolinea Sara, studentessa del Dams – trovo che nei sui film affronti dei temi molto attuali con grande sentimento. Durante “Saturno Contro” ho pianto come una pazza, e questo perché Ozpetek con i suoi film riesce a trasmettere agli spettatori forti emozioni». Commedia dai toni malinconici ed anche amari. Al centro la storia di un gruppo di persone che diventa indirettamente lo specchio della società di oggi. «Ho conosciuto il dolore straziante che si vive quando un amico caro sta lottando tra la vita e la morte e tu non puoi fare altro che aspettare fuori dalla stanza di ospedale in attesa di un segnale qualsiasi. Ho cercato di trasmettere il sentimento straziante dell’imminente separazione, e del senso di impotenza di fronte a qualcosa più grande di te a cui puoi solo soggiacere». Regista e attore in serata hanno salutato il pubblico al cinema.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.