Sei la mia vita
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriMondadori - Collana: Strade blu. Fiction

Sei la mia vita

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Alla guida, c’è un affermato regista. Sul sedile accanto, l’uomo che da molti anni ama di un amore sconfinato. Dove stanno andando? Mentre la città si allontana e la strada comincia a inerpicarsi dentro e fuori dai boschi, il regista decide di narrare al compagno silenzioso il suo mondo “prima di lui”: “La mia vita è la tua e ora te la racconterò, perché domani sarà solo nostra”. Inizia così un viaggio avanti e indietro nel tempo: i primi anni in Italia, dove era giunto dalla Turchia non ancora diciottenne con il sogno di studiare e fare cinema, le persone che hanno lasciato il segno, gli amici, gli amori, le speranze, le delusioni, i successi. Storie che conducono ad altre storie, popolate da figure indimenticabili e bizzarre: una trans egocentrica sul viale del tramonto, un principe cleptomane, un centralinista con il rimpianto della recitazione, una cassiera tradita dalle congiunzioni astrali, una bellissima ragazza dallo spirito inquieto. E poi, raffinati intellettuali, inguaribili romantiche, noti cinefili, amanti respinti e madri niente affatto banali. Sullo sfondo, il palazzo di via Ostiense dove tutto accade, crocevia di solitudini diverse, ma anche di intense amicizie e travolgenti passioni. Il palazzo che nel tempo si è trasformato, conservando però intatti i suoi più intimi segreti.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. roberto67

    L’idea, non nuova di certo, di mescolare biografia e fiction, mi ha lasciato sorpreso e stupito nel finale, perché l’ho trovato di pessimo gusto. Non era meglio raccontare una storia senza inserire così tanti riferimenti autentici e biografici?

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.