Saved

Saved
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (8 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Saved

‘Saved’, film dell’esordiente Brian Dannelly, e’ una satira sui problemi religiosi dei liceali di una scuola cattolica. Gli studenti tentano di interpretare alla lettera il messaggio di Dio, non sempre ottenendo buoni risultati: è così che nel film l’ingenua Mary (Jena Malone, attrice ventenne con alle spalle numerose esperienze cinematografiche tra cui Cold Mountain e Donnie Darko) si mette nei guai quando il suo ragazzo le confessa di essere omosessuale e lei, convinta che sia Gesù stesso a suggerirle di «fare il possibile per salvarlo», perde con lui la propria verginità rimanendo incinta…

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. Jim Puff

    Film da vedere anche se la satira è priva di mordente col finale alla vogliamoci tutti bene, perchè descrive molto bene la realtà di certe istituzioni cattoliche e non solo americane.
    Lo stesso zelo ipocrita, le soluzioni x curare i gay si sono mostrati prepotentemente anche in Italia (vedere l’accanimento dei tanti pseudo cattolici verso i dico).
    La vera carità cristiana alberga lontano dalle tonache vaticane!

Commenta


Varie

Mary, brava ragazza, e Hilary, sua migliore amica e ragazza popolare della scuola, sono all’ultimo anno di un liceo battista. Quando Mary scopre di essere rimasta incinta, Hilary le si rivolta contro e con lei il resto della scuola, tranne alcuni studenti. Sarà allora che Mary scoprirà la vera amicizia.
—————————-
Quando il fidanzato Dean (Faust) le confessa di essere gay, la liceale timorata Mary (Malone) decide di “redimerlo” e resta incinta. Troverà la vera carità cristiana e forse l’amore solo frequentando gli altri paria della scuola: il paralitico Roland (Culkin), l’ebrea provocatrice Cassandra (Amurri) e l’ombroso skater Patrick (Fugit). La satira contro il fondamentalismo cattolico Usa fa quasi simpatia: ma non ci vuole molto a capire che è priva di mordente, tant’è che alla fine anche i “diversi” entrano nelle grazie di Dio. Scritto dal regista, esordiente, con Michael Urban. (Paolo Mereghetti)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.