Rent

Rent
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (28 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Rent

Ispirato alla Boheme di Puccini, trasporta l’azione ai giorni nostri ambientandola in una New York abitata da filmmaker, e musicisti tossici, che dovranno affrontare lo spettro dell’AIDS che ucciderà uno dei protagonisti. Adattamento cinematografico del musical che a Broadway trionfa dal 1996. Il film non ha avuto una buona accoglienza dalla critica americana soprattutto per il fatto di non aver saputo aggiungere nulla alla piece teatrale e per l’ambientazione troppo statica e teatrale che non sfrutta l’occasione che gli offriva lo scenario di una città come New York. Ma probabilmente ha deluso il fatto che il regista dei primi due Harry Potter si sia dedicato a dei temi così difficili e compromettenti come l’aids e la diversità.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

6 commenti

  1. thediamondwink

    Adoro i musicale e Rent è molto interessante, obbligato per chi ama il genere, le canzoni sono strepitose e gli attori davvero bravi…adoro Idina Menzel e dopo aver visto questo film, ancora di più. Un adattamento molto interessante, soprattutto perché naviga tra importanti temi sociali e, soprattutto, perché carica di energia lo spettatore. Dire che la critica spesso non capisce un tubo, è un eufemismo, si sa che molte volte bisogna solo fidarsi del proprio giudizio, non sarà il mio musical preferito, ma vale davvero tanto: consigliato!

  2. Un musical bellissimo,le canzoni mi piacciono da morire e anche la storia,anche se il mdo in cui “risorge” Mimì mi sembra un pò troppo fantasiosa,ma nel coplesso un ottimo film,chissà se un giorno ci sarà la versione teatrale qui in Italia.

  3. pitumpa

    in assoluto il mio film preferito!!!!!!!!!!!!
    allora…mark cohen, l’amore della mia vita…e le canzoni veramente uniche e bellissime. sopratt quella che apre il film “seasons of love”!
    cmq bellissimo ed è il mio preferito…sottovalutato dalla critica ma ve lo consiglio altamente!!!! <3

  4. Jim Puff

    Musical che si rifà alla Boheme di Puccini, trasferendo l’azione in una New York popolata da sbandati di ogni tipo parecchio simpatici.
    Per chi non ha visto l’originale a teatro, una occasione da recuperare.
    Belle le nusiche e quasi tutti i testi e bravi gli attori; peccato per l’ambientazione troppo teatrale.
    Da vedere x riflettere sui mali dell’umanità e sulla solidarietà!

Commenta


Varie

Il film è un moderno adattamento dell’opera “La Boheme” di Puccini che mostra un gruppo di amici e amanti bohemian determinati a vivere per l’arte e la libera espressione individuale negli anni ’80. Il Centro Artistico, dove il gruppo passa la maggior parte del tempo, è una soffitta che appartiene al cantautore Roger e al regista Mark, che sta girando un documentario su “La Vie Boheme”, il loro stile di vita indipendente. L’ex tossico Roger, affetto da Aids e la cui ragazza si suicidò quando seppe di avere contratto il virus, sta iniziando una nuova storia con Mimi, un esotico danzatore tossicodipendente e pure lui HIV positivo.
Mark desidera ancora ardentemente la sua prima ragazza Maureen, un’attrice di teatro che ha ora un’amante lesbica, l’avvocatessa Joanne. L’amore strugge anche l’amico Tom Collins, un insegnate di filosofia che è innamorato di Angel, un musicista transessuale sieropositvo (interpretato da Wilson Jermaine Heredia vincitore di un Tony Award per lo stesso ruolo nel musical di Broadway). Naturalmente c’è anche il cattivo, il nemico comune, personificato da Benny, un ex Bohemian che vuole sposare la figlia del padrone di casa e che ora minacci di sfrattare i suoi vecchi amici a cui aveva promesso l’affitto gratis. . .

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.