Le Invasioni barbariche, le

Le Invasioni barbariche, le
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (13 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Le Invasioni barbariche, le

Un film molto bello, politicamente scorretto (vedi l’uso delle droghe e della corruzione) che utilizza l’agonia di un “felice libertino” malato di cancro per raccontarci dove sta andando il mondo di oggi. E’ un film fatto di dialoghi, stilisticamente si presenta come il seguito del “Il declino dell’impero americano” (ma non solo, anche i protagonisti sono gli stessi, vent’anni dopo), che riesce però a convolgerci completamete, riuscendo a divertirci e nello stesso tempo a farci riflettere. Lo inseriamo in questa lista per la presenza, tra gli amici che assistono il malato, di una coppia gay convivente e molto bene integrata. Peccato che il regista la utilizzi poco e con molta discrezione.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

2 commenti

  1. thediamondwink

    Politica, religione, droga e sesso, non mancherebbe niente in questo film se non fosse che l’ho trovato triste e malinconico. Il figlio perfetto, con il lavoro perfetto e la ragazza perfetta, sprofonda nei bassifondi dello squallore sociale per amore del padre, un amore difficile da capire forse “automatico” o “dovuto”, non so, ma un amore che non mi piace. La triste vita del padre, ricca solo di avventure sessuali, viene raccontata con flashback noiosi, contornata dai ricordi degli amici, anch’essi riguardanti il sesso, in cui tutto diventa ridondante e palesemente barboso. Un amore costruito a tavolino, dove sicuramente quello che risalta è la malinco-noia, e un amore incomprensibile tra genitori e figli e una forte voglia di arrivare alla fine…in tutti i sensi!

  2. zonavenerdi

    Il film gira attorno al riunirsi di una famiglia in seguito alla malattia del padre di famiglia.

    Devo dire che francamente il film non ha ne una trama accettabile e nemmeno un ritmo adeguato. In poche parole mi sono annoiato molto.

Commenta


Varie

Il cinquantenne Remy viene ricoverato in un ospedale di Montreal. La sua ex moglie Louise chiede al figlio Sébastien (da tempo trasferitosi a Londra) di rientrare a casa. Il giovane esita dal momento che è ormai troppo tempo che con suo padre non ha più nulla da dirsi. Cedendo, alla fine, ai sentimenti, Sébastien torna a casa e, non appena arrivato, si adopera in tutte le maniere per sostenere il padre nella sua difficile prova. Fra l’altro, riesce anche a riunire il vecchio gruppo di parenti ed amici che un tempo frequentava Remy. In loro sarà rimasto qualcosa dello spirito dei giorni passati?

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.