Drei

Drei
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (4 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Drei

Il film (del regista di Lola corre, La principessa e il guerriero, Profumo) è incentrato su tre personaggi sulla quarantina afflitti da terribili ossessioni e racconta una parabola tragicomica su amore, moralità e sesso ambientata nella Germania contemporanea, in particolare a Berlino. Hanna e Simon sono una coppia quarantenne che vive a Berlino. All’insaputa uno dell’altra diventano entrambi amici di Adam, un giovane uomo del quale s’innamorano entrambi. Quando Hanna si ritrova incinta sorge il problema di chi sia il padre…

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. marediguai

    Molto preciso nel descrivere una certa Berlino contemporanea, dai vernissage alle mostre d’arte ai bagni nella piscina nello Spree (Badeschiff), dalle partite a calcio al Mauerpark al mondo dei media, e soprattutto quella certa “atmosfera trasgressiva” per cui la città è diventata famosa, è una commedia molto divertente e delicata su un (in)consueto triangolo amoroso. Molto azzeccati gli attori nella loro “normalità”. Un “must” per chi vive o ha vissuto a Berlino. Per gli altri due ore di buon intrattenimento.

Commenta


Varie

CRITICA:

“Il piu sopravvalutato dei nuovi registi tedeschi, Tom Tykwer, che con Drei racconta non senza ironia un amore a tre al tempo delle cellule staminali in una Berlino cosi vicina cosi lontana da quella di wendersiana memoria.” (D. Zonta, L’Unità)

“… Tykwer, sceneggiatore e regista ambizioso [Lola corre, La principessa e il guerriero, Profumo] realizza con Drei un’opera complessa, che massimizza il significato di ogni elemento visivo/narrativo, investendolo di una potente duplicità semiotica che incide il film a un livello profondo e lo rende non immediatamente accessibile. A un primo sguardo la storia del film potrebbe infatti sembrare il pruriginoso racconto di un semplice menage à trois, ma occorre filtrare la percezione del plot e recuperare gli indizi ermeneutici che il regista dissemina lungo il corso narrativo per accorgersi dell’esistenza di uno strato più profondo. Al centro della storia le vicende sentimentali e sessuali di Hanna e Simon, lei presentatrice televisiva, lui organizzatore di eventi artistici, che fanno coppia da vent’anni, ma sanno ritagliarsi nelle loro vite impegnate anche degli spazi per scampare alla monotonia della routine e concedersi capricciose evasioni. Il loro equilibrio quotidiano viene però stravolto quando iniziano entrambi a frequentare di nascosto Adam, un medico del quale s’innamorano precipitando in un tunnel di passione ma anche in un vortice salvifico… Sperimentatore dello stile, che accosta split screen pop multipli a figurazioni che sembrano provenire da una dimensione onirica del passato, Tom Tykwer dirige un melodramma romantico e provocatorio che esplora i tentativi della società contemporanea di conciliare le formule tradizionali dei rapporti sentimentali con le aperture amorali, che si sobbarca un’originale considerazione sulle relazioni tra eros e tanatos, risultati da strane coincidenze e casi fortuiti, che raccoglie pulsioni e istinti e li estende a un allegorico ritratto generazionale. Ambientato in una Berlino inedita, Drei affonda un’incursione interessante nelle derive inattese e insospettate della vita, nelle sorprendenti pieghe dell’anima e nelle crisi emotive che gli eventi scatenano consegnandoci una rappresentazione analitica della vita non comune nel cinema contemporaneo”. (Angela Cinicolo, Movieplayer.it)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.