Narcos (terza stagione)

Narcos (terza stagione)
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

Narcos (terza stagione)

Una delle serie più interessanti e coinvolgenti degli ultimi anni, con grandi interpreti ed una modalità di racconto, con veloci immissioni di spezzoni di riprese reali, che la rende estremamente credibile ed attuale, come se fossimo testimoni di quanto sta accadendo o è realmente accaduto (molte scene sono in spagnolo con sottotitoli) . Siamo davanti ad una storia con la S maiuscola e, sebbene venga precisato all’inizio di ogni episodio che si sono prese delle libertà a fini drammatici, difficile per lo spettatore capire cosa possa esserci di completamente inventato (o all’opposto cosa possa esserci di assolutamente veritiero). Merito senz’altro di ottime sceneggiatura e regia. Non dico che non ci siano punti deboli, come quello che certi personaggi (compreso il protagonista poliziotto e i suoi due collaboratori) meriterebbero maggiori approfondimenti, magari con qualche flashback sulla loro vita privata anteriore, ma anche questo nostro desiderio è merito di una storia che ci cattura completamente, facendoci desiderare di saperne sempre di più.

Questa serie entra nel nostro catalogo solo dalla terza stagione per il peso (comunque relativo) che assegna ad uno dei protagonisti principali, omosessuale dichiarato. A proposito di questa terza stagione, dopo due stagioni che avevano seguito l’ascesa e il tramonto di Escobar, vero protagonista di esse (interpretato mirabilmente da Wagner Moura) era difficile immaginare che la serie potesse mantenersi sullo stesso livello di qualità ed interesse, visto la fine dei due principali protagonisti Pablo Escobar e Steve Murphy (anche se Il Trono di Spade ci ha abituati a queste evenienze). La nuova storia, quella del cartello di Cali, sebbene assai meno conosciuta della precedente, si mantiene allo stesso livello d’interesse, grazie anche ad alcuni nuovi personaggi assai accattivanti e all’inserimento di una tematica, quella omosessuale, difficile da pensare all’interno di un mondo criminale e maschilista come quello dei trafficanti di droga. Il personaggio in questione è Hélmer “Pacho” Herrera (Alberto Ammann), personaggio veramente “gay ed orgoglioso” anche nella realtà, come riporta William C. Rempel nel suo libro “At the Devil’s Table: The Untold Story of the Insider Who Brought Down the Cali Cartel”. Ammann riesce a dare a questo personaggio una profondità insolita e a tratti quasi commovente, sebbene si tratti sempre di un feroce malavitoso. Alla fine del primo episodio lo vediamo nella splendida scena del ballo, dove bacia appassionatamete e ripetutamente il suo bel partner davanti ad un pubblico esterefatto ed ammutolito (sicuramente perchè ne conosce la crudeltà). Pacho racconta che quando si dichiarò gay al padre Rodriguez, il capo del cartello di Cali, questi gli disse che purtroppo non si trovava nell’ambiente migliore per lui. Nonostante questo il padre e gli zii lo fecero entrare nel ristretto gruppo di comando. Quando nel corso della storia si arriva al momento cruciale in cui molti stanno per abbandonare il capo, Pacho si ricorda di come sia stato accettato e sceglie per questo di restare fedele. Nei suoi occhi e nei suoi pensieri c’è sempre un fondo di tristezza, anche se non ha mai avuto dubbi sulla sua identità dichiarata, sia dentro che fuori la famiglia. Intuiamo che la sua è sempre una doppia lotta, come gay e come malavitoso, facile e ‘giustificata’ preda per molti. Ammann ha dichiarato che “essere apertamente gay era molto raro in quei tempi, soprattutto nell’ambiente che raccontiamo nella serie. Raccontare questa storia, con scene di sesso gay, e un boss del narcotraffico gay dichiarato, è stato coraggioso da parte degli autori, anche perchè è una serie che viene mostrata in Paesi molto conservatori. Sono felice di interpretare questo personaggio, che spero avrà un futuro interessante”.
Nella serie abbiamo anche la presenza, per qualche episodio, dell’attore Miguel Ángel Silvestre, amatissimo dal pubblico gay per il suo ruolo in Sense8. La serie è stata rinnovata per una quarta stagione incentrata sull’origine del cartello di Juárez.

Ruoli LGBT

Hélmer

ruolo: Hélmer “Pacho” Herrera
inteprete: Alberto Ammann

Figlio di un boss del narcotraffico, entra nel gruppo di comando del cartello di Cali sebbene sia omosessuale dichiarato e fiero

synopsis

A chronicled look at the criminal exploits of Colombian drug lord Pablo Escobar, as well as the many other drug kingpins who plagued the country through the years.

Episodes 3th season:

The Kingpin Strategy, Ep1
The Gentlemen of Cali gather their associates together for a big surprise announcement about the future of their business.

The Cali KGB , Ep2
A gas incident threatens to destroy the agreement between Cali and the government and requires Jorge’s help. Peña has problems with his old contact in Los Pepes.

Follow the Money , Ep3
The Rodríguez brothers are hiding during the negotiations. Pacho meets the Lord of the Heavens in Mexico. Peña’s new DEA team visits Cali.

Checkmate , Ep4
Peña hatches a plan to try to capture Cali leader Gilberto Rodriguez. Amado proposes a business idea to Pacho.

MRO , Ep5
Paranoid about leaks, Miguel cracks down on his security. Pacho makes a decision about his new offer. Peña works on cultivating a witness.

Best Laid Plans , Ep6
Jorge takes a dangerous risk. An accident in New York threatens to expose Chepe. Peña travels to Curacao to arrest a potential witness.

Sin Salida , Ep7
Peña plans another secret operation to topple a member of the Cali cartel but may run out of time while looking for him.

Convivir , Ep8
David seeks revenge on behalf of his father and puts Enrique in danger. Peña asks Don Berna for help on a rescue mission.

Todos Los Hombres del Presidente , Ep9
David follows his suspicions. Peña is shocked to discover the depth of corruption in the Colombian government. Miguel is sought after once again.

Going Back to Cali , Ep10
David and Peña are in a race against each other to find Pallomari. Peña makes a serious decision about the future of his career.

Condividi

Commenta


trailer: Narcos (terza stagione)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.