The Fosters

The Fosters
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (3 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

The Fosters

Serie progettata da Jennifer Lopez, aiutata dal suo vecchio manager Benny Medina, e prodotta dalla sua società, la Nuyorican Productions. La serie, che affronta le problematiche di una famiglia con due mamme lesbiche, è stata creata e sceneggiata da Peter Page, ex protagonista nel gruppo gay di Queer As Folk, insieme a Brad Bredeweg.
“The Fosters” ci racconta le vicende di una famiglia multietnica composta da due mamme lesbiche e dai loro figli adottivi e biologici. Stef Foster (Teri Polo, “Ti presento i miei”, “Mi presenti i tuoi?”) è ufficiale di polizia e la sua compagna Lena Adams (Sherri Saum, “In Treatment”) è la vice-preside di una scuola. Insieme hanno costruito un’amorevole e solidale famiglia composta dal figlio biologico di Stef (avuto in un precedente matrimonio), Brandon (David Lambert), e dai due gemelli adottati Mariana (Cierra Ramirez, “La vita segreta di una teenager americana”) e Jesus (Jake T. Austin, “I Maghi di Waverly Place”). La loro vita tranquilla viene inaspettatamente sconvolta quando Lena incontra Callie (Maia Mitchell), un’adolescente incattivita da un passato di violenza e abusi trascorso dentro e fuori case-famiglia. Lena e Stef accolgono, con qualche perplessità, Callie nella loro casa, solo per qualche settimana, in attesa che venga trovata una sistemazione definitiva. Callie nota subito come la famiglia Fosters sia alquanto atipica e i suoi commenti feriscono Jesus e Mariana, ancora alle prese con la propria identità. Ai gemelli viene offerta l’opportunità d’incontrare la loro madre naturale, ma non sono sicuri di essere emotivamente preparati e non sanno se condividere questa esperienza con le loro mamme adottive. Inoltre Callie scopre che Mariana nasconde un segreto che potrebbe metterla in guai seri. Brandon, musicista di talento dall’animo gentile, aiuta Callie a districarsi nell’ambiente scolastico e nell’ambiente sociale delle scuole superiori Anchor Beach Community. Si trova poi di fronte ad una difficile scelta quando Callie decide di abbandonare la scuola per rimettersi con qualcuno del suo passato. Quello che succederà in seguito determinerà se Stef e Lena hanno fatto la scelta giusta a prendersi cura di Callie e se hanno spazio nella loro casa e nei loro cuori per un’altra persona.
Il gruppo conservatore “One Million Moms”, nota associazione anti-gay, ha fatto una campagna per il boicottaggio della trasmissione, considerandola una grave minaccia alla santità del matrimonio, e non adatta alle famiglie. Nel 2013 la serie ha vinto ai Teen Choice Awards, premio dedicato ai programmi più adatti per un pubblico dai 13 ai 19 anni, come miglior show tv.

Ruoli LGBT

Monte - Annika Marks

ruolo: Monte
inteprete: Annika Marks

Monte, sicuramente attratta dalle donne (anche se noi non sappiamo quanto), è la Direttrice di Anchor Beach, la scuola dove Lena è un’amministratrice. Ha tentato di baciare Lena una volta, cosa che Lena ha schivato, poi ha frequentato sentimentalmente una donna per un breve periodo. Ha fatto coming out avanti negli anni.

Jude - Hayden Byerly

ruolo: Jude
inteprete: Hayden Byerly

Ufficialmente adottato dalle mamme Stef e Lena, Jude, è un giovane adolescente sta scoprendo chi e cosa lo attrae. Dopo una difficile rottura con il suo primo fidanzato Connor, Jude ha rimesso in discussione la sua identità.

Lena - Sherri Saum

ruolo: Lena
inteprete: Sherri Saum

Lena è l’assolutamente incantevole altra metà  della coppia lesbica che sta crescendo una  famiglia molto moderna in “The Fosters”. Amministratrice in una scuola, è una persona equilibrata e giusta sia con la moglie che coi figli. Con Stef fanno una delle coppie lesbiche più naturali e convincenti che si siano viste nel piccolo schermo.

Stef - Teri Polo

ruolo: Stef
inteprete: Teri Polo

Freeform (ex della famiglia ABC) ha sbaragliato con il suo dramma familiare “The Fosters”, basato su una coppia di lesbiche di razza mista che stanno crescendo i loro figli biologici e adottati. Stef è la super pratica mamma poliziotta con il cuore d’oro.

Curtis - Aaron Ashmore

ruolo: Curtis
inteprete: Aaron Ashmore

Cole (Tom Phelan), “The Fosters” (Trans)
Personaggio ricorrente che una volta stava con Callie, l’ultima adolescente adottata da Stef e Lena. Cole è un uomo trans interpretato da Tom Phelan, uno dei primi attori trans inserito come trans in una serie tv

Connor - Gavin MacIntosh

ruolo: Connor
inteprete: Gavin MacIntosh

Connor è l’atleta carino che s’innamora di Jude e che di conseguenza deve fare coming out col padre omofobico. Anche quando si lasciano, Connor resta sempre nel cuore di Jude.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


trailer: The Fosters

Varie

Serie ideata da Peter Paige e Bradley Bredeweg

Trasmessa dal canale statunitense ABC Family dal 3 giugno 2013 – Ordinata una seconda stagione

Nella seconda stagione il bacio gay più giovane della tv:

ARTICOLO:

Jennifer Lopez premiata dalla comunità gay americana
La cantante e attrice di origini portoricane verrà insignita del GLAAD Award per aver prodotto la serie “The Fosters”, giudicata di grande aiuto alla difesa dei diritti degli omosessuali
Il premio. Jennifer Lopez riceverà il premio Vanguard alla prossima cerimonia dei GLAAD, i premi assegnati dalla comunità gay, lesbica, bisessuale e transgender americana. La cantante e attrice sarà onorata con il riconoscimento che viene dato “agli artisti e ai professionisti del mondo dei media che attraverso il loro lavoro hanno dato visibilità maggiore e una migliore comprensione alla comunità gay, lesbo, bisessuale e transgender” nel corso della cerimonia che si terrà il mese prossimo a Los Angeles. Una delle motivazioni per cui J-Lo ha ottenuto questo tipo di riconoscimento dall’organizzazione che si occupa dei diritti dei gay è stato il suo ruolo di produttrice nella serie televisiva “The Fosters”, che parla di una famiglia formata da una coppia lesbica e dai loro figli, biologici ed adottati.
Le dichiarazione. Sarah Kate Ellis, presidente dell’associazione GLAAD, ha spiegato i motivi della scelta: “Attraverso il suo lavoro nel dare alla luce la serie televisiva “The Fosters” e con il suo comportamento, Jennifer Lopez non ha solo mandato un messaggio di accettazione per adulti e giovani della comunità LGBT, ma ha ispirato una nuova forma di supporto tra i suoi fan sparsi in tutto il mondo. La famiglia è amore e questo è un messaggio che Jennifer ha condiviso con tutto il mondo grazie al suo lavoro pioneristico con The Fosters”. J-Lo è una grande sostenitrice dell’uguaglianza di qualsiasi tipo di matrimonio: “Quando si parla di matrimoni gay, io posso solo dire che credo nell’amore. Credo che quando due persone si incontrano e si amano, devono sempre avere la possibilità di trascorrere la loro vita insieme, tutti hanno diretto agli stessi privilegi”. (105.NET, 25/3/2014)

EPISODI PRIMA STAGIONE (con data uscita USA)

1 – Pilot – 3 giugno 2013
2 – Consequently – 10 giugno 2013
3 – Hostile Acts – 17 giugno 2013
4 – Quinceañera – 24 giugno 2013
5 – The Morning After – 1º luglio 2013
6 – Saturday – 8 luglio 2013
7 – The Fallout – 15 luglio 2013
8 – Clean – 22 luglio 2013
9 – Vigil – 29 luglio 2013
10 – I Do – 5 agosto 2013
11 – The Honeymoon – 13 gennaio 2014
12 – House and Home – 20 gennaio 2014
13 – Things Unsaid – 27 gennaio 2014
14 – Family Day – 3 febbraio 2014
15 – Padre – 10 febbraio 2014
16 – Us Against The World – 17 febbraio 2014
17 – Kids in the Hall – 24 febbraio 2014
18 – Escapes and Reversals – 3 marzo 2014
19 – Don’t Let Go – 10 marzo 2014
20 – Metropolis – 17 marzo 2014
21 – Justice – 24 marzo 2014

PERSONAGGI PRINCIPALI

Teri Polo è Stef Marie Foster : Un ufficiale di polizia che è la madre biologica di Brandon, ex-moglie di Mike, e attuale moglie di Lena. E’ una donna molto forte e resistente. Callie inizialmente non si sente a proprio agio intorno a lei a causa della sua posizione come poliziotto.

Sherri Saum è Lena Adams Elizabeth Foster : Lena è la moglie di Stef , la matrigna di Brandon, e la madre adottiva/affidataria degli altri bambini . E’ vice preside bi-razziale della ‘scuola charter’ che i bambini frequentano. Ha avuto Callie dopo essere uscita dal centro di detenzione minorile. E’ molto consapevole delle persone che la circondano e assume il ruolo di madre premurosa per tutti i bambini.

Maia Mitchell è Callie Jacob : Callie, 16 anni, è uno dei nuovi figli adottivi della famiglia Foster. E’ molto testarda e ama profondamente suo fratello minore, Jude. Lei e Brandon si danno da fare per rilevare Jude dalla sua ultima casa adottiva, dove è stato abusato dal padre adottivo. In “Lo voglio”, Lena e Stef decidono di adottare Callie.

David Lambert è Brandon Foster : Brandon è il 16enne figlio di Stef e del suo ex-marito Mike. E’ uno degli interessi amorosi di Callie. Ha molto talento musicale, scrive pezzi per pianoforte che presenta per ottenere borse di studio.

Jake T. Austin è Jesus Foster : Jesus è uno dei gemelli che Lena e Stef hanno preso in tutela da bambini e alla fine adottati. Ha 15 anni ed è il più disinvolto dei gemelli. Ha la sindrome da deficit di attenzione e iperattività, per la quale prende delle medicine.

Cierra Ramirez è Mariana Foster : 15enne sorella gemella di Jesus, Mariana è stata presa in tutela da bambina e alla fine adottata, con Lena e Stef. E’ molto intelligente e femminile, e si preoccupa molto per il suo aspetto. E’ popolare e sociale, ama spettegolare, e parla spagnolo fluentemente. E’ ingenua quando si tratta di certi argomenti – soprattutto della sua madre naturale.

Hayden Byerly è Jude Jacob : Jude è il fratello minore di Callie, che Callie e Brandon hanno salvato dagli abusi di una casa adottiva. E’ un bambino tranquillo e sereno con le case-famiglia, anche se è stato spostato da casa a casa insieme a sua sorella. Una volta arrivato nella casa dei Fosters comincia rapidamente ad adattarsi al nuovo stile di vita e diventa più loquace ed energico. A scuola fa facilmente nuove amicizie. Comincia anche ad esprimere ciò che realmente è, sviluppa sentimenti per un ragazzo che gli piace, e comincia a indossare abiti più belli.

Danny Nucci è Mike Foster : Mike, sergente della polizia di San Diego è il padre di Brandon ed ex marito di Stef ed ex suo compagno di pattuglia nella polizia. Col progredire della serie, scopriamo che Mike ha un problema con l’alcol.

————————–

RECENSIONE di Alessandra De Tommasi su Movieplayer.it

La mela può cadere lontano dall’albero e forse non tutti i lupi sono cattivi. Ci vuole coraggio – parola di The Fosters – per scegliere una via poco battuta, lontana dalla saggezza popolare e dalla comfort zone. Soprattutto quando il mondo che ti circonda ha bisogno di darti un’etichetta per inserirti nella giusta categoria di classificazione.
La famiglia è il primo tassello di un’identità e la casa dovrebbe essere un luogo sicuro dove ancorare le proprie certezze, ma se mancano entrambe allora la vita può trasformarsi un inferno. Come può un bambino colmare questo vuoto? E come può farlo un adolescente, per cui l’esistenza sembra già confusa e complicata abbastanza?
ABC Family continua a proporre modelli domestici poco tradizionali per aderire con maggiore realismo ad una società in continua evoluzione. Le neonate scambiate alla nascita di Switched at birth, il binomio surreale suocera-nuora di Bunheads e le gemelle separate dal destino di The Lying Game ne sono la prova, ma con gli orfani di The Fosters si propone di andare oltre. La serie, prodotta da Jennifer Lopez, mette da parte i facili buonismi in nome di una disinvoltura narrativa un po’ fuori dagli schemi narrativi classici.
Lena (Sherri Saum, In Treatment) è una poliziotta che si ritrova l’ex marito Mike (Danny Nucci) come collega mentre cresce il loro figlio Brandon (David Lambert) con la compagna Stef (Teri Polo, West Wing), vicepreside della scuola che il ragazzo frequenta assieme ai gemelli che la coppia ha adottato. Mariana (Cierra Ramirez) e Jesus (Jake T. Austin, I maghi di Waverly) sono infatti stati abbandonati da piccoli dalla madre naturale, una tossicodipendente che non ha mai fatto parte della loro esistenza. Ora sono alla vigilia dei 15 anni e iniziano a porsi svariate domande, soprattutto quando sotto il tetto dell’appartamento viene accolta Callie (Maia Mitchell, in onda il 14 settembre su Disney Channel con il film Teen Beach Movie, presentato in anteprima al Giffoni Film Festival). La ragazza passa direttamente dal riformatorio all’affido temporaneo, perpetuando un’instabilità familiare che le appartiene da quando ne ha memoria. Non ha mai resistito per più di 6 mesi nella stessa famiglia ed è quella che viene definita comunemente come una combinaguai.
Diffidente, ostinata, aggressiva: nessuno prima dei Fosters le ha mai dato una seconda chance, né ha voluto conoscerla realmente. Non sanno che ha un fratello minore per cui darebbe la vita, Jude (Hayden Byerly): in quattro anni ha cambiato sette scuole differenti.
Quando Stef la ospita, si sente rispondere da Lena: “Non possiamo salvarli tutti. Non siamo la famiglia Brady”. Anche Mike fa battute sui “randagi” accolti dalla ex e non si può dire certo che le mamme dei compagni di classe nell’esclusivo istituto sulla spiaggia facciano i salti di gioia all’idea che i pargoli frequentino una teenager con precedenti.
Tutti i personaggi condividono un senso di inadeguatezza profondo, per un motivo o per l’altro. Additati come diversi, emarginati o semplicemente giudicati, si ritrovano a lottare per esprimere la propria voce e in alcuni momenti sono i primi a condannare se stessi. Stef ha sempre considerato l’origine birazziale (mamma afroamericana, papà bianco) come un generatore di confusione, Mariana e Jesus non riescono del tutto ad entrare in contatto con la comunità latina da cui provengono, Lena vive l’omosessualità con svariati sensi di colpa nei confronti dell’ex marito, Brandon si ritrova “invaso” da nuovi fratelli e sorelle senza poter realmente decidere i propri spazi. Callie e Jude, poi, vivono nel perenne status di ospiti, con la valigia sempre pronta per spostarsi in una nuova, e spesso temporanea, situazione. Senza contare che il ragazzino ha già subito violenze in passato, a cui si aggiungono alcuni episodi di bullismo. Il motivo? Si è presentato a scuola con lo smalto blu sulle mani.
Ciò che maggiormente li accomuna è il desiderio di una stabilità emotiva, che plachi la sete di consensi, insita in ciascuno di loro.
Uno dei maggiori pregi di questa serie risiede proprio nella scrittura, capace di cogliere il cuore dei personaggi e di accompagnarli in un percorso narrativo coerente. I dialoghi brillanti prendono quindi vita grazie ad un cast ben assortito e perfettamente funzionale alle esigenze del copione.
Una fotografia calda incornicia location incantevoli, a volte in stridente contrasto con il disagio dei protagonisti, e un ritmo efficace scandisce ed equilibra i toni drammatici con quelli da commedia.
The Fosters ha l’effetto di un colpo di fulmine, ma – stando alle ottime premesse dei primi episodi – non si esaurisce così rapidamente.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.