All Stars

All Stars
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Varie

Cast

All Stars

La serie racconta di un gruppo di amici con la passione del calcio che si ritrovano dopo il lavoro per giocare insieme, proprio come accadeva tempo prima. Decidono poi di iscriversi ad un campionato di calcetto, facendo di tutto per vincerlo. Peccato che la loro squadra non valga granchè e dovranno affrontare varie vicissitudini per restare in gara. I protagonisti sono ormai quasi tutti sposati, o separati, o ancora single che vivono coi genitori e grazie a questi incontri sportivi ritrovano un’isola felice in cui stare bene insieme. Tra questi abbiamo Antonio Cornacchione, il presidente e sponsor della squadra con la sua Biagetti Calcestruzzi e figli, un imprenditore mosso solo dal suo tornaconto, che vende le partite (emblematico dell’Italia contemporanea — dice il comico — sono il disturbatore del gruppo, mi amano e mi odiano, farebbero volentieri a meno di me, come gli italiani con Berlusconi. È una fiction corale, anticonvenzionale). Fabio De Luigi, con moglie incinta (la nostra amatissima Ambra Angiolini) è un collaudatore di videogame immaturo, donnaiolo, che tradisce spesso e volentieri la moglie (con la babysitter, mentre nel format olandese era la madre della moglie). E’ la punta di diamante della squadra, squadra comunque debole tanto da venire sconfitta persino da squadre di down o di donne. Ugo Conti è l’arbitro di tutte le partite, una personaggio alla Monty Python che nella vita è un precario, prima cassaintegrato, poi licenziato, incattivito dalla vita, ma sotto sotto un buono. Diego Abatantuono, come dicevamo, è avvocato e capitano della squadra, figlio di un allenatore. Per il suo ruolo dovrebbe rappresentare i valori tradizionali del mondo del calcio, amatoriale o professionale che sia, tra i quali mascolinità ed eterosessualità. Sarà invece lui stesso ad entare in crisi, scoprendo poco alla volta, proprio negli spogliatoi e durante le partite con gli amici, la sua attrazione verso gli uomini (si vedrà anche un bacio con De Luigi che naturalmente non ricambierà i suoi sentimenti). Abatantuono, che aveva già rivestito un ruolo gay nell’ottimo film “I figli di Annibale“, si è dichiarato entusiasta di questo personaggio che, ha detto, “darà lustro e spessore alle tematiche gay sul piccolo schermo”.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Varie

EPISODI:

1.In cerca d’asilo – Ascolti: 2.241.000, 7,90%
2.Chi la fa l’aspetti – Ascolti: 2.066.000, 7,29%
3.Papà per un giorno – Ascolti: 1.949.000, 7,70%
4.Nessuno è perfetto – Ascolti: 1.516.000, 6,81%
5.Festa a sorpresa – Ascolti: 1.562.000, 5,97%
6.Siamo tutti fratelli – Ascolti: 1.402.000, 6,42%
7.Meglio tardi che mai – Ascolti: 1.498.000, 6,27%

SINOSSI:

(24/9/2010)
All’arrivo al campo, la squadra degli All Stars s’imbatte in un clandestino in fuga che parla solo la sua lingua e non riesce a comunicare con i nostri. Per nasconderlo alla polizia, Samuel viene invitato a completare l’organico. Il ragazzo però è una vera schiappa. Finita la partita nessuno si preoccupa più di lui anche se gli viene permesso di restare nello spogliatoio. Anita, la fidanzata di Fabio incinta e prossima al parto, decide di portargli del cibo nel cuore della notte, ma al suo arrivo al campo viene colta dalle doglie. Il rifugiato risulta essere di grande aiuto durante il parto di Anita. Fabio è uno sciupafemmine, ma questa volta ha esagerato: la babysitter di Andrea è troppo anche per Anita. Lei lo ha sempre perdonato ma stavolta decide di andarsene di casa. Fabio chiede aiuto ai suoi amici che organizzano un pedinamento e trovano Anita in un ristorante con il famoso calciatore Alessandro Costacurta. Fabio si precipita nel ristorante furioso, ma è orgoglioso del fatto che la sua donna esca con un campione! Al campo si sparge la notizia che il campione andrà agli allenamenti. Non solo, giocherà una partita con gli All Stars. Quello che i ragazzi non sanno è che fa tutto parte di un piano di Anita per vendicarsi. Anita e il campione non hanno infatti alcuna relazione se non di tipo professionale.

(28/9/2010)
Anita andrà via per il fine settimana: per la prima volta nella sua vita, Fabio deve trascorrere un week-end da solo con suo figlio Andrea. Diego lo convince però a unirsi alla squadra per la partita. La partita è dura come sempre. Fabio sta giocando veramente alla grande e gli avversari lo feriscono, tanto che Fabio deve essere portato in ospedale. Qui Fabio sta corteggiando la dottoressa quando riceve l’ennesima telefonata di Anita. Improvvisamente si rende conto di essersi completamente dimenticato di Andrea. Manda Alessandro e Francesco al campo. Alessandro torna effettivamente con il bambino, ma può finire tutto bene con un gruppo di pasticcioni come gli All Stars? Diego deve pagare una somma al cimitero perché il padre, storico allenatore della squadra, non venga spostato nell’ossario. Mentre è al cimitero scopre che suo padre non è esattamente l’uomo che lui conosceva. Saranno i suoi compagni di squadra a convincere il presidente a dedicare al padre di Diego un torneo di beneficenza riabilitandolo così agli occhi del figlio.

(5/10/2010)
E’ il compleanno di Diego. Fabio compra il regalo in un sexy shop. Gli altri fanno una colletta per fargli uno scherzo, facendogli trovare al campo una prostituta. Diego però al campo non si presenta e così sono i compagni ad andare da lui. Quando arrivano a casa di Diego è in corso una mega festa. E’ evidente che Diego ha un’altra vita, gay, oltre a quella della squadra. Per la squadra è previsto un incontro amichevole contro un club tedesco. In considerazione della lunga storia calcistica dell’Italia contro la Germania, i ragazzi si preparano bene, ma quando arriva il pullman degli avversari scoprono che si tratta di giovani affetti dalla sindrome di Down. La partita va verso una totale sconfitta dei down tedeschi che continuano a giocare con il sorriso sul volto. Durante l’intervallo la squadra si trova in una situazione difficile: seguire l’istinto e andar giù pesante con i tedeschi down o essere civile e renderla una piacevole partita di pallone?

(15/10/2010)
La madre di Fabio vuole divorziare e Fabio chiede l’aiuto del suo amico Diego avvocato. Lui glielo rifiuta. Fabio scopre che suo padre è omosessuale e comincia a indagare su chi sia il suo compagno. Una serie di strane coincidenze lo portano a cercare anche fra i suoi compagni di squadra. Partecipando a un concorso, Solar vince sei biglietti per la finale degli Europei tra Inghilterra e Italia, ma decide che ci andrà con le altre donne. I ragazzi cercano senza successo di entrare in possesso del biglietto della propria fidanzata; sono quindi costretti ad acquistarli tramite un bagarino che purtroppo per loro è in combutta con il presidente. I biglietti si rivelano falsi. I ragazzi cercano di entrare nello stadio fingendosi addetti ai lavori, ma vengono fermati dalla celere e chiusi in un cellulare con un gruppo di hooligans. Quando l?Italia segna però la loro gioia è incontenibile, così come la rabbia dei tifosi avversari. Nel frattempo le ragazze, annoiate, stanno guardando nello Skybox una puntata di Centovetrine.

(22/10/2010)
Diego scopre per caso che Fabio sta per sposarsi. I compagni, che non sono stati avvisati, sul principio ci rimangono un po’ male, ma poi decidono di organizzargli una festa a sorpresa. E quale sorpresa migliore di fargli trascorrere il suo addio al celibato con le ex fidanzate? Allo stesso tempo, Chiara e le altre sono solleticate dall’idea di organizzare una “controfesta” per l’addio al nubilato di Anita. I due gruppi si incontrano al campo. Alessandro ha una nuova auto. I nostri devono giocare in trasferta, ma nessuno vuol andare con lui, preferiscono piuttosto rischiare la vita nella carretta di Bebo, o godere dell’ospitalità del furgone di Paolo. Bebo e Fabio danno un passaggio a due sgallettate e ingaggiano un inseguimento ad Alessandro. Sembrano divertirsi un sacco finché il serbatoio del gas non fa strani rumori. Allo stesso tempo i passeggeri del furgone di Paolo restano senza benzina. Gli All Stars si ritrovano tutti sull’auto di Alessandro e quando raggiungono il campo della squadra avversaria, scoprono che Diego ha frainteso e la partita era da giocare in casa.

(29/10/2010)
La vita facile di Gianluca crolla quando l’assistente sociale lo obbliga a cercarsi un lavoro. Con l’aiuto dei ragazzi egli trova un posto perfetto: una cavia per gli esperimenti medici. Un litigio tra Fabio e Anita arriva a un livello tale di aberrazione che lei lo caccia di casa. Alla fine si ritrova costretto a dormire nell’ultimo posto al mondo dove avrebbe immaginato: il laboratorio dove lavora Gianluca come cavia. Qui, allettato dai soldi facili, si è fatto ricoverare anche Bebo. Ma il lavoro delle cavie è tutt’altro che una passeggiata… Le autorità locali hanno iniziato una campagna contro la violenza nello sport. Il presidente del club è costretto a organizzare una “partita della correttezza” (Fair Play game) e incarica del progetto Gigio. La squadra non ne vuole sapere e Gigio fa pochi proseliti, il presidente e Gigio decidono quindi di affidare il progetto alle compagne dei giocatori. Questi non la prendono benissimo, anche perché il campo diventa un giardino fiorito. Intanto Francesco riceve da Gigio una pomata per curare dei fastidiosi funghi che ha all’inguine. Sarà proprio un commento sui suoi funghi a fargli perdere la testa e a innescare una rissa in campo. Sembra che lo sport abbia bisogno di un po’ di sana aggressività.

(5/11/2010)
Bebo, in crisi per la fine del suo legame con Chiara, si fa convincere da Gianluca a iscriversi a una chat. Anche Fabio e Anita sono in crisi. Anita va da un analista e invita ai suoi incontri settimanali anche il riluttante Fabio. L’analista ritiene più utile studiare Fabio nel suo habitat naturale: il campo di calcio della squadra. Ma vorrà veramente studiare Fabio e gli All Stars o sarà una tecnica per restare il più a lungo possibile accanto ad Anita? Paolo è alle prese con la gelosia di Solar. Mentre Alessandro è alle prese con le insicurezze della moglie Marta. Il campo di calcio dovrebbe essere come al solito la loro isola felice, ma un giornalista ha scritto un pessimo articolo sugli All Stars. I nostri vogliono quindi riscattare il proprio onore e lanciano la sfida al giornalista. Quando la squadra avversaria arriva si scopre che la giornalista è una donna, Giusy, e la squadra è femminile più nell’aspetto che nello stile di gioco. A fine partita Giusy chiede un passaggio a Paolo, ma i due vengono sorpresi da Solar che va su tutte le furie.

(12/11/2010)
Paolo ha promesso alla moglie Solar di trascorrere la domenica al mare con i figli. All’arrivo al club un nuovo volto cattura l’attenzione di tutti. Si tratta della nuova barista Nadia. Il fatto che Paolo non si sia presentato si rivela un grosso problema, perché nessuno dei ragazzi è capace di parare. Diego telefona più volte a Paolo per cercare di convincerlo a venire e giocare la partita, ma Paolo non cede: giocare questa partita significherebbe un’altra settimana di litigi con la moglie. Quando finalmente tutto è sistemato in macchina e sono pronti a partire, incontrano sul vialetto di casa tutti i parenti della moglie. E’ la goccia che fa traboccare il vaso. Paolo corre al campo per aiutare i suoi compagni… a costo della vita. La squadra è devastata dalla perdita del portiere Paolo. Diego scopre che Paolo aveva un amico di vecchia data, Bulbino, che dev’essere invitato al funerale. Nessuno però sa chi sia questo Bulbino. Arriva il giorno del funerale. Il presidente della squadra sta facendo le prove del discorso. Al funerale intervengono anche i nemici giurati della squadra, i Riders, per rendere omaggio al rivale defunto. Quando arriva il turno del presidente, egli non c’è, così a turno dicono tutti qualcosa. Diego mentre pronuncia il suo discorso si ricorda di chi sia Bulbino…

(19/11/2010)
Dopo la scomparsa di Paolo, Diego fa di tutto per aiutare la vedova. Cerca anche di esaudire l’ultimo desiderio del morto: spargere le sue ceneri sul campo di San Siro.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.