Accedi

Disponibile su Netflix lo speciale natalizio di Sense8, anticipazione della seconda stagione

È da ieri disponibile su Netflix un nuovo episodio di Sense8.
I protagonisti, ancora interconnessi tra di loro ripartono e devono affrontare le conseguenze delle scelte fatte nel corso della prima stagione.
Lo speciale natalizio ci regala un episodio di oltre due ore in cui Lito ed il suo compagno Hernando si ritrovano, loro malgrado, a subire le conseguenze del coming out pubblico di Lito.
Nomi ed Amanita consolidano il loro legame, durante il tentativo di sfuggire ai loro persecutori.
Anche durante questo episodio, diretto da Lana Wachowski, il legame fisico, oltre che psichico, tra i protagonisti viene enfatizzato fortemente con una scena di sesso di gruppo.

Non ci offre nuovi spunti di riflessione e non concede nulla di più di quanto già concesso nella prima stagione, ma più probabilmente si tratta di un boost funzionale al lancio (l’uscita purtroppo è prevista per il 10 maggio) della seconda stagione.

Aml Ameen lascia il ruolo di Capheus a Toby Onwumere.

Ricordiamo che Sense8 è una serie prodotta, tra gli altri, dalle sorelle Lana e Lilly Wachowski.
Ed è proprio di pochi mesi fa la notizia della completa transizione di Lilly verso il genere femminile.

Entrambe nate maschi, le sorelle, hanno completato con tempi e modalità diverse il loro percorso di transizione.

In questa serie, come nel bellissimo Cloud Atlas, le sorelle, registe e produttrici, non mancano di inserire storie LGBT, creando personaggi sensibili ed allo stesso tempo combattivi e sfrontati, che hanno il grande pregio di rendere sempre più sfumati i contorni delle relazioni umane.

Perché come ci ricorda Hernando in questo episodio, durante un imbarazzante momento di omofobia all’università generato dall’immagine che estranei hanno fatto circolare sul web di Hernando e compagno che scopano, commentata da uno studente come froceria porno, abbiamo la bellissima risposta di Hernando che dice:

“…laddove qualcun altro, qualcuno che abbia occhi capaci di vedere al di la delle convenzioni sociali, dei pregiudizi classificatori…un tale osservatore vedrebbe un immagine di due uomini, catturati in un atto di piacere. Erotici, ma anche vulnerabili…entrambi connessi al momento, l’uno all’altro, all’amore.”