I GRANDI FILM GAY DEL 2011

I film che maggiormente ci hanno colpito, usciti o in procinto di uscire nel nostro Paese nelle sale o nei diversi festival, con una classifica in progress dei più premiati

Inconfutabile. Ogni anno che avanza il cinema gay cresce in qualità e rilevanza. Anche se il 2011 non ci ha portato capolavori come Brokeback Mountain o Milk, sono molti i film gay applauditi da pubblico e critica e che si sono fatti onore sia nei festival gay che in quelli generalisti. Anche l’Italia si è fatta onore nel mondo (ma in Italia è stato sottovalutato) con “Io sono l’amore” di Luca Guadagnino (colpevolmente trascurato in Italia) che ha addirittura vinto la seconda edizione dei Dorian Awards, i premi che negli USA (Paese che considera il cinema una delle prime risorse nazionali e che di conseguenza è l’Olimpo dei premi cinematografici) vengono assegnati dall’associazione dei critici gay e lesbo (GALECA). Anche “Mine vaganti” ha continuato a raccogliere allori sia in Italia che all’estero, trionfando alla 50ma edizione dei premi Globi d’Oro assegnati dalla stampa straniera in Italia (vince ben 4 premi: miglior film, miglior sceneggiatura, miglior fotografia e attrice rivelazione, Nicole Grimaudo) e ricevendo il Premio della Giuria al Tribeca Film Festival.

In Italia il film gay che nel 2011 ottiene il maggiore incasso e le prime pagine nella sezione spettacoli di quasi tutti i media, è l’americano “I ragazzi stanno bene” di Lisa Cholodenko, il cui grande pregio è soprattutto quello di avere presentato le dinamiche di una coppia omosessuale con famiglia, con la massima naturalezza e normalità. Il film ha ottenuto 4 candidature (film, attrice, attore non protagonista, sceneggiatura) agli Oscar 2011 e ha incassato negli USA oltre 21 milioni di dollari e da noi oltre 1 milione e 300 mila euro, maggior incasso mondiale dopo USA e U.K. (ma, nonostante le aspettative, non raggiunge al botteghino Brokeback che aveva incassato negli USA oltre 83 milioni di dollari e in Italia quasi 4 milioni e mezzo di euro)

Il film gay più osannato dalla critica è stato senz’altro il francese “Tomboy“, che però al botteghino incassa solo 320 mila euro. Il film, un originale sguardo sull’identità sessuale nella pre-adolescenza, ha vinto sia il premio della giuria che quello del pubblico al Festival gay di Torino dopo aver vinto il Teddy Award a Berlino, il festival gay di Philadelphia e il Frameline di San Francisco (il festival gay più prestigioso al mondo)

Al Festival Mix di Milano trionfa invece lo splendido documentario “Il lupo in calzoncini corti” di Lucia Stano e Nadia Delle Vedove, trasmesso anche in versione ridotta da Rai 3 e da pochi giorni disponibile in dvd (imperdibile). Nella sezione lungometraggi di fiction vince meritatamente l’intenso “80 giorni” di Jon Garaño e José María Goenaga, disponibile ora su dvd Queerframe. Senz’altro uno dei film lesbici più interessante del 2011, anno che vede una vera e propria esplosione del cinema lesbico.

Notate che finora abbiamo in pratica parlato solamente di film lesbici ai quali è doveroso aggiungere tre titoli che faranno ancora molto parlare di sè nei prossimi mesi. Il primo è “Pariah“, già premiato ai Gotham Awards e al Sundance Film Festival, che ci racconta la storia di una giovane afro-americana in lotta con la propria identità; il secondo è “Circumstance“, comovente storia d’amore tra due ragazze adolescenti in Iran. Il terzo è “Cloudburst” di Thom Fitzgerald (il regista di 3 Needles, Beefcake e Il giardino dei ricordi), accolto con un’ovazione all’anteprima all’Atlantic Film Festival di Halifax (Canada) il 16 settembre 2011, dove ha ottenuto il premio come miglior sceneggiatura e il premio del pubblico. La storia è quella di due anziane lesbiche, interpretate da due attrici premio Oscar, Olympia Dukakis e Brenda Fricker, che dopo 31 anni di convivenza vedono avvicinarsi il rischio di una separazione forzata e decidono di recarsi in Canada dove per legge è consentito il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Altri titoli lesbici molto interessanti sono ” Codependent Lesbian Space Alien Seeks Same“, già premiato al Festival gay di san francisco e nominato ai Gotham Awards, “Jamie and Jessie are Not Together“, fresca commedia musicale giovanile sulle complicanze del desiderio amoroso.

Concludiamo questa breve rassegna del cinema lesbo con uno sguardo all’imminente futuro offertoci da un film che si annuncia come uno dei blockbuster del 2012, sia nelle sale che negli imminenti premi, Oscar compresi. Stiamo parlando di “Albert Nobbs” per il quale sia Glenn Glose che Janet McTeer stanno ottenendo una marea di nominations. Da noi il film uscirà il 24 febbraio, in tempo per godersi i premi che sicuramente vincerà agli Oscar. Il film racconta una storia d’amore lesbo en travesti ambientata nei primi anni del ventesimo secolo in Irlanda.

Per quanto riguarda il cinema gay maschile, anche se nel 2011 è stato meno dirompente di quello lesbico, lascia comunque il segno con tre rimarcabili titoli: “Beginners“, da noi appena uscito in dvd, con un Christopher Plummer che sta già facendo incetta di premi per il suo indimenticabile ruolo di un gay che fa il coming out in tardissima età, dopo la morte della moglie, e che sarà ancora un esempo per il figlio. Poi un film attesissimo e che in America ha un po diviso la critica (ma per motivi politici più che per la qualità), “J. Edgar” di Clint Eastwood, regista che ormai ci ha abituati ad un capolavoro all’anno. Un film che incoronerà la superba interpretazione di Leonardo Di Caprio, che interpreta l’intera vita del fondatore dell’FBI, il discutibile Hoover, gay velato per tutta la vita trascorsa però quasi per intero al fianco del suo innamorato Clyde Tolson (interpretato benissimo da Armie Hammer, già visto in “The Social Network“). Il film esce da noi il 4 gennaio 2012. Il terzo titolo che abbiamo privilegiato è “Weekend” di Andrew Haigh, grande prova registica e attoriale sul racconto dell’incontro occasionale di una notte di due gay che si prolunga per tutto il weekend e diventa molto di più. Uno,Russel, è il tipo di gay che preferisce tenere isolata la sua vita sessuale e non riesce a liberarsi dai legami con gli amici etero. L’altro, Glen, si trova quasi all’opposto: la sua sessualità è completamente aperta ed è disponibile a qualsiasi esperienza di vita gay. Entrambi stanno cercando di dare un senso alla propria vita. Il film non è facile, basato com’è su fitti dialoghi, ma alla fine ti entra dentro e lascia il segno.

Altri significativi titoli del 2011, che però non ci hanno convinto completamente, sono “Heartbeats” del giovanissimo regista prodigio Xavier Dolan; “Private Romeo” di Alan Brown che ricostruisce in chiave contemporanea e gay la storia di Giulietta e Romeo; “August” di Eldar Rapaport, melodramma sentimentale gay con coppia felice che entra in crisi quando si riaffaccia un amore del passato; “Kaboom” di Gregg Araki, anch’esso come “Beginners”, rifiutato dal circuito distributivo delle sale e confinato in una distribuzione web (dal 13 gennaio su www.ownair.it). Film che prosegue la tematica giovanilistica e ribelle di Araki, con suggestive scene oniriche, sesso (più etero che gay) e personaggi non molto approfonditi.

Sul fronte transgender tre titoli imperdibili: anzitutto il godibilissimo “Romeos” della tedesca Sabine Bernardi, con una storia che piace a tutto il pubbico lgbt, e che ci racconta la nascita di un amore tra due persone completamete opposte: un ragazzo che vuole a tutti i costi esprimere la sua femminilità e un gay supermacho che ha messo al centro della sua vita la virilità. “Gun Hill Road“, di Rashaad Ernesto Green, dramma familiare con al centro il rapporto tra un padre machista e un figlio che sta scoprendo la sua sessualità trans, e “Becoming Chaz“, l’originale documentario di Fenton Bailey e Randy Barbato che segue il cambiamento di sesso della figlia di Cher diventato Chaz Bono, accompagnato dalla fidanzata jennifer e dalla madre inizialmente perplessa. Tutti titoli applauditissimi all’ultimo Festival gay di Torino.

CLASSIFICA FILM USCITI NEL 2011
IN BASE AI PREMI CHE HANNO RICEVUTO

In questa classifica, che riguarda solo opere con significativi riferimenti LGBT, viene assegnata una coppa per ogni premio vinto in Festival internazionali o assegnato da associazioni dedicate

PremiatoBritish Independent Film AwardsMiglior attore esordiente

Tom Cullen
PremiatoBritish Independent Film AwardsMiglior produzione

PremiatoGhent International Film FestivalMiglior film

PremiatoSXSW Film FestivalMiglior film (Emerging Vision)

NominatoLondon Critics Circle Film AwardsMiglior attore

Chris New
NominatoLondon Critics Circle Film AwardsMiglior attore

Tom Cullen
FestivalCzech Gay and Lesbian Film FestivalMiglior film

FestivalCzech Gay and Lesbian Film FestivalPremio del pubblico

FestivalDinard British Film FestivalMenzione speciale

FestivalGolden GlobeMiglior prova

FestivalL.A. OutfestMiglior film internazionale

FestivalNashville Film FestivalMiglior attore

Tom Cullen
FestivalSan Francisco International Lesbian & Gay Film FestivalPremio del pubblico

FestivalToronto Inside Out Lesbian and Gay Film and Video FestivalPremio del pubblico

PremiatoGotham AwardsMiglior cast

PremiatoGotham AwardsMiglior film

PremiatoLos Angeles Film Critics Association AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
PremiatoNational Board of Review, USAMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
PremiatoNew York Film Critics Circle AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
PremiatoSoutheastern Film Critics Association AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
PremiatoToronto Film Critics Association AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
NominatoBroadcast Film Critics Association AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
NominatoLondon Critics Circle Film AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
NominatoSan Diego Film Critics Society AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
NominatoSan Diego Film Critics Society AwardsMiglior attrice non protagonista

Mélanie Laurent
NominatoSan Diego Film Critics Society AwardsMiglior sceneggiatura

Mike Mills
NominatoSatellite AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
NominatoWashington DC Area Film Critics Association AwardsMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer
FestivalHollywood Film FestivalMiglior attore non protagonista

Christopher Plummer

NominatoSpirit AwardPremio John Cassavetes

Maryam Keshavarz
FestivalL.A. OutfestPremio del Pubblico Miglior Film

FestivalL.A. OutfestPremio Giuria Miglior Attrice

Nikohl Boosheri
FestivalNew York Lesbian and Gay Film FestivalMiglior film

FestivalRome Film FestMiglior film

FestivalRome Film FestMiglior regia (premio speciale della giuria)

Maryam Keshavarz
FestivalSundance Film FestivalPremio del pubblico

Maryam Keshavarz
FestivalValladolid International Film FestivalMiglior film

PremiatoToulouse CinespañaMiglior attrice

Mariasun Pagoaga
PremiatoToulouse CinespañaMiglior attrice

Itziar Aizpuru
PremiatoToulouse CinespañaMiglior sceneggiatura

José María Goenaga
PremiatoToulouse CinespañaMiglior sceneggiatura

Jon Garaño
PremiatoToulouse CinespañaPremio del pubblico

FestivalFestival Mix MilanoPremio della Giuria miglior film

FestivalBerlin International Film FestivalPremio Teddy

FestivalPhiladelphia International Gay & Lesbian Film FestivalPremio della Giuria

FestivalSan Francisco International Lesbian & Gay Film FestivalPremio del pubblico

FestivalTorino International Gay & Lesbian Film FestivalPremio Giuria Miglior Film

PremiatoGotham AwardsMiglior regista esordiente

PremiatoNational Board of Review, USAFreedom of Expression Award

NominatoBlack Reel AwardsMiglior attore emergente

Kim Wayans
NominatoBlack Reel AwardsMiglior attrice

Adepero Oduye
NominatoBlack Reel AwardsMiglior attrice non protagonista

Kim Wayans
NominatoBlack Reel AwardsMiglior attrice non protagonista

NominatoBlack Reel AwardsMiglior cast

NominatoBlack Reel AwardsMiglior film

NominatoBlack Reel AwardsMiglior regia

Dee Rees
NominatoBlack Reel AwardsMiglior sceneggiatura

Dee Rees
FestivalSundance Film FestivalMiglior film drammatico

FestivalAtlantic Film FestivalMiglior sceneggiatura

FestivalAtlantic Film FestivalPremio del pubblico

FestivalSudbury CinéfestPremio del pubblico

PremiatoSoutheastern Film Critics Association AwardsMiglior attrice non protagonista

NominatoBroadcast Film Critics Association AwardsMiglior trucco

NominatoPhoenix Film Critics Society AwardsMiglior attrice protagonista

Glenn Close
NominatoSatellite AwardsMiglior attrice non protagonista

Janet McTeer
NominatoSatellite AwardsMiglior attrice protagonista

Glenn Close
NominatoSatellite AwardsMiglior sceneggiatura non originale

Gabriella Prekop
FestivalTokyo International Film FestivalMiglior attrice protagonista

FestivalSitges – Catalonian International Film FestivalMiglior attore

Michael Parks
FestivalSitges – Catalonian International Film FestivalMiglior film

FestivalFestival di CannesQueer Palm

FestivalZurich Film FestivalMiglior attore

Deon Lotz

NominatoGotham AwardsMiglior film di piccola distribuzione

FestivalSan Francisco International Lesbian & Gay Film FestivalMenzione d’onore della Giuria

NominatoAcademy of Motion Picture Arts and Sciences of ArgentinaMiglior attore emergente

Javier De Pietro
FestivalBerlin International Film FestivalPremio Teddy

FestivalArpa International Film FestivalMiglior film

FestivalSan Francisco International Lesbian & Gay Film FestivalPremio della Giuria miglior film

FestivalMostra del Cinema di VeneziaQueer Lion

NominatoBroadcast Film Critics Association AwardsMiglior attore

Leonardo DiCaprio
NominatoBroadcast Film Critics Association AwardsMiglior trucco

NominatoGolden GlobeMiglior attore in film drammatico

NominatoSatellite AwardsMiglior attore

Leonardo DiCaprio
NominatoScreen Actors Guild AwardsMiglior attore non protagonista

NominatoScreen Actors Guild AwardsMiglior attore protagonista

Leonardo DiCaprio
NominatoGotham AwardsMiglior film d’esordio

NominatoCasting Society of America, USAMiglior casting


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.