Il servo di Byron
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriFazi

Il servo di Byron

“Perché è nato Lord ed è alto più di sei piedi!”. Questa, nelle parole di John Keats, la vera ragione dello strepitoso successo di George Gordon Byron. E c’è già, in questo sferzante giudizio, lo sguardo che osa spingersi oltre la barricata di una leggenda vivente, di Byron e soprattutto del “byronismo”, di un’efficacissima costruzione di sé quale luciferino seduttore, signore dei salotti londinesi. Riprendendo l’intuizione keatsiana, Franco Buffoni ci svela definitivamente l’uomo Byron: capace di amare soltanto ragazzi, ossessionato dal rimpianto per il suo grande amore perduto, Edleston, in una società quella inglese del primo Ottocento – in cui l’omosessualità era punita con la gogna e l’impiccagione. Dietro la maschera del fratellastro incestuoso e dell’homme fatal, c’è dunque la verità di un’intera vita in fuga, costretta a celare un segreto “infamante” conosciuto solo da pochi. Tra questi, il servo-amante Fletcher, coetaneo di Byron, che in questo libro rivela molte vicende finora taciute nelle biografie ufficiali del poeta: dall’iniziazione alla corte di Alì Pascià in Albania, durante il grand tour, al suo innamoramento non corrisposto per Shelley, dal misero fallimento del suo matrimonio di facciata alla passione per Lukas, giovane patriota con cui Byron si legò durante la sua ultima, fatale avventura politico-militare in Grecia.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.