Figli dell'arcobaleno. Madri lesbiche, padri gay, diritti negati in Italia
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriDonzelli - Collana: Interventi

Figli dell'arcobaleno. Madri lesbiche, padri gay, diritti negati in Italia

Ogni sera, in Italia, prima di andare a letto ci sono bambini che danno il bacio della buonanotte a due papà o a due mamme. I gay e le lesbiche stanno mettendo su famiglia anche nel nostro paese, nonostante uno Stato quasi sempre indifferente, talvolta ostile. In queste famiglie uno dei due genitori per la legge italiana non esiste, la sua iscrizione all’anagrafe è vietata perché “contraria all’ordine pubblico”. Non sempre le scuole sono pronte ad accogliere i bambini, nonostante la buona volontà degli insegnanti. La politica considera la vita di queste persone un campo di battaglia per raccogliere facili voti, anche a costo di seminare odio negando che gay e lesbiche con figli possano dirsi famiglie. Famiglie che, come tutte, hanno bisogno di tutele e riconoscimenti. Questo libro racconta la storia e le storie, pubblica e private, di questi fratellastri d’Italia discriminati combattivi eppure serenamente convinti che anche nel nostro paese il vento stia cambiando e che i loro bambini non dovranno essere più cittadini di serie B. Le storie delle Famiglie arcobaleno – così hanno scelto di chiamarsi – sono storie di viaggi all’estero per concepire i propri figli grazie a tecniche di fecondazione artificiale qui vietate.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.