$wp_query WP_Query(53)
  • contents
  • Available methods (64)
  • public query -> array(1)
    'fonte' => string(10) "arcigay-it"
    public query_vars -> array(67)
    'fonte' => string(10) "arcigay-it"
    'error' => string(0) ""
    'm' => string(0) ""
    'p' => integer0
    'post_parent' => string(0) ""
    'subpost' => string(0) ""
    'subpost_id' => string(0) ""
    'attachment' => string(0) ""
    'attachment_id' => integer0
    'name' => string(0) ""
    'static' => string(0) ""
    'pagename' => string(0) ""
    'page_id' => integer0
    'second' => string(0) ""
    'minute' => string(0) ""
    'hour' => string(0) ""
    'day' => integer0
    'monthnum' => integer0
    'year' => integer0
    'w' => integer0
    'category_name' => string(0) ""
    'tag' => string(0) ""
    'cat' => string(0) ""
    'tag_id' => string(0) ""
    'author' => string(0) ""
    'author_name' => string(0) ""
    'feed' => string(0) ""
    'tb' => string(0) ""
    'paged' => integer0
    'meta_key' => string(0) ""
    'meta_value' => string(0) ""
    'preview' => string(0) ""
    's' => string(0) ""
    'sentence' => string(0) ""
    'title' => string(0) ""
    'fields' => string(0) ""
    'menu_order' => string(0) ""
    'embed' => string(0) ""
    'category__in' => array(0)
    'category__not_in' => array(0)
    'category__and' => array(0)
    'post__in' => array(0)
    'post__not_in' => array(0)
    'post_name__in' => array(0)
    'tag__in' => array(0)
    'tag__not_in' => array(0)
    'tag__and' => array(0)
    'tag_slug__in' => array(0)
    'tag_slug__and' => array(0)
    'post_parent__in' => array(0)
    'post_parent__not_in' => array(0)
    'author__in' => array(0)
    'author__not_in' => array(0)
    'post_type' => string(15) "rassegna-stampa"
    'ignore_sticky_posts' => boolFALSE
    'suppress_filters' => boolFALSE
    'cache_results' => boolTRUE
    'update_post_term_cache' => boolTRUE
    'lazy_load_term_meta' => boolTRUE
    'update_post_meta_cache' => boolTRUE
    'posts_per_page' => integer12
    'nopaging' => boolFALSE
    'comments_per_page' => string(2) "50"
    'no_found_rows' => boolFALSE
    'taxonomy' => string(5) "fonte"
    'term' => string(10) "arcigay-it"
    'order' => string(4) "DESC"
    public tax_query -> WP_Tax_Query(6)
    • contents
    • Static class properties (1)
    • Available methods (11)
    • public queries -> array(1)
      array(5)
      'taxonomy' => string(5) "fonte"
      'terms' => array(1)
      string(10) "arcigay-it"
      'field' => string(4) "slug"
      'operator' => string(2) "IN"
      'include_children' => boolTRUE
      public relation -> string(3) "AND"
      protected table_aliases -> array(1)
      string(25) "cG2o16_term_relationships"
      public queried_terms -> array(1)
      'fonte' => array(2)
      'terms' => array(1)
      string(10) "arcigay-it"
      'field' => string(4) "slug"
      public primary_table -> string(12) "cG2o16_posts"
      public primary_id_column -> string(2) "ID"
    • private $no_results :: array(2)
       0
      "join"""
      "where""0 = 1"
    • public __construct($tax_query)
      Constructor.
      
      @since 3.1.0
      @since 4.1.0 Added support for `$operator` 'NOT EXISTS' and 'EXISTS' values.
      @access public
      
      @param array $tax_query {
      Array of taxonomy query clauses.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed tax query.
      
      @type string           $taxonomy         Taxonomy being queried. Optional when field=term_taxonomy_id.
      @type string|int|array $terms            Term or terms to filter by.
      @type string           $field            Field to match $terms against. Accepts 'term_id', 'slug',
      'name', or 'term_taxonomy_id'. Default: 'term_id'.
      @type string           $operator         MySQL operator to be used with $terms in the WHERE clause.
      Accepts 'AND', 'IN', 'NOT IN', 'EXISTS', 'NOT EXISTS'.
      Default: 'IN'.
      @type bool             $include_children Optional. Whether to include child terms.
      Requires a $taxonomy. Default: true.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:121
      public get_sql($primary_table, $primary_id_column) -> array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.1.0
      
      @static
      @access public
      
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:261
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query) -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a "first-order" query clause.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array $parent_query Parent query array.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:401
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'tax_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Ensures that each query-level clause has a 'relation' key, and that
      each first-order clause contains all the necessary keys from `$defaults`.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of queries clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:143
      public sanitize_relation($relation) -> string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      Sanitize a 'relation' operator.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param string $relation Raw relation key from the query argument.
      @return string Sanitized relation ('AND' or 'OR').
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:215
      public transform_query(&$query, $resulting_field)
      Transforms a single query, from one field to another.
      
      @since 3.2.0
      
      @global wpdb $wpdb The WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $query           The single query. Passed by reference.
      @param string $resulting_field The resulting field. Accepts 'slug', 'name', 'term_taxonomy_id',
      or 'term_id'. Default 'term_id'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:606
      protected static is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a clause is first-order.
      
      A "first-order" clause is one that contains any of the first-order
      clause keys ('terms', 'taxonomy', 'include_children', 'field',
      'operator'). An empty clause also counts as a first-order clause,
      for backward compatibility. Any clause that doesn't meet this is
      determined, by process of elimination, to be a higher-order query.
      
      @since 4.1.0
      
      @static
      @access protected
      
      @param array $query Tax query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:240
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|false Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table
      join. In the case of WP_Tax_Query, this only applies to 'IN'
      clauses that are connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array       $clause       Query clause.
      @param array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|false Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:520
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Tax_Query::get_sql(), this method
      is abstracted out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:284
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:318
      private clean_query(&$query)
      Validates a single query.
      
      @since 3.2.0
      @access private
      
      @param array $query The single query. Passed by reference.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-tax-query.php:562
    public meta_query -> WP_Meta_Query(9)
    • contents
    • Available methods (12)
    • public queries -> array(0)
      public relation -> NULL
      public meta_table -> NULL
      public meta_id_column -> NULL
      public primary_table -> NULL
      public primary_id_column -> NULL
      protected table_aliases -> array(0)
      protected clauses -> array(0)
      protected has_or_relation -> boolFALSE
    • public __construct($meta_query = false)
      Constructor.
      
      @since 3.2.0
      @since 4.2.0 Introduced support for naming query clauses by associative array keys.
      
      @access public
      
      @param array $meta_query {
      Array of meta query clauses. When first-order clauses or sub-clauses use strings as
      their array keys, they may be referenced in the 'orderby' parameter of the parent query.
      
      @type string $relation Optional. The MySQL keyword used to join
      the clauses of the query. Accepts 'AND', or 'OR'. Default 'AND'.
      @type array {
      Optional. An array of first-order clause parameters, or another fully-formed meta query.
      
      @type string $key     Meta key to filter by.
      @type string $value   Meta value to filter by.
      @type string $compare MySQL operator used for comparing the $value. Accepts '=',
      '!=', '>', '>=', '<', '<=', 'LIKE', 'NOT LIKE',
      'IN', 'NOT IN', 'BETWEEN', 'NOT BETWEEN', 'REGEXP',
      'NOT REGEXP', 'RLIKE', 'EXISTS' or 'NOT EXISTS'.
      Default is 'IN' when `$value` is an array, '=' otherwise.
      @type string $type    MySQL data type that the meta_value column will be CAST to for
      comparisons. Accepts 'NUMERIC', 'BINARY', 'CHAR', 'DATE',
      'DATETIME', 'DECIMAL', 'SIGNED', 'TIME', or 'UNSIGNED'.
      Default is 'CHAR'.
      }
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:139
      public get_cast_for_type($type = "") -> string MySQL type.
      Return the appropriate alias for the given meta type if applicable.
      
      @since 3.7.0
      @access public
      
      @param string $type MySQL type to cast meta_value.
      @return string MySQL type.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:293
      public get_clauses() -> array Meta clauses.
      Get a flattened list of sanitized meta clauses.
      
      This array should be used for clause lookup, as when the table alias and CAST type must be determined for
      a value of 'orderby' corresponding to a meta clause.
      
      @since 4.2.0
      @access public
      
      @return array Meta clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:667
      public get_sql($type, $primary_table, $primary_id_column, $context = NULL) -> false|array {
      Generates SQL clauses to be appended to a main query.
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param string $type              Type of meta, eg 'user', 'post'.
      @param string $primary_table     Database table where the object being filtered is stored (eg wp_users).
      @param string $primary_id_column ID column for the filtered object in $primary_table.
      @param object $context           Optional. The main query object.
      @return false|array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:325
      public get_sql_for_clause(&$clause, $parent_query, $clause_key = "") -> array {
      Generate SQL JOIN and WHERE clauses for a first-order query clause.
      
      "First-order" means that it's an array with a 'key' or 'value'.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param array  $clause       Query clause, passed by reference.
      @param array  $parent_query Parent query array.
      @param string $clause_key   Optional. The array key used to name the clause in the original `$meta_query`
      parameters. If not provided, a key will be generated automatically.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a first-order query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:500
      public has_or_relation() -> bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      Checks whether the current query has any OR relations.
      
      In some cases, the presence of an OR relation somewhere in the query will require
      the use of a `DISTINCT` or `GROUP BY` keyword in the `SELECT` clause. The current
      method can be used in these cases to determine whether such a clause is necessary.
      
      @since 4.3.0
      
      @return bool True if the query contains any `OR` relations, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:749
      public parse_query_vars($qv)
      Constructs a meta query based on 'meta_*' query vars
      
      @since 3.2.0
      @access public
      
      @param array $qv The query variables
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:244
      public sanitize_query($queries) -> array Sanitized array of query clauses.
      Ensure the 'meta_query' argument passed to the class constructor is well-formed.
      
      Eliminates empty items and ensures that a 'relation' is set.
      
      @since 4.1.0
      @access public
      
      @param array $queries Array of query clauses.
      @return array Sanitized array of query clauses.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:163
      protected find_compatible_table_alias($clause, $parent_query) -> string|bool Table alias if found, otherwise false.
      Identify an existing table alias that is compatible with the current
      query clause.
      
      We avoid unnecessary table joins by allowing each clause to look for
      an existing table alias that is compatible with the query that it
      needs to perform.
      
      An existing alias is compatible if (a) it is a sibling of `$clause`
      (ie, it's under the scope of the same relation), and (b) the combination
      of operator and relation between the clauses allows for a shared table join.
      In the case of WP_Meta_Query, this only applies to 'IN' clauses that are
      connected by the relation 'OR'.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param  array       $clause       Query clause.
      @param  array       $parent_query Parent query of $clause.
      @return string|bool Table alias if found, otherwise false.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:692
      protected get_sql_clauses() -> array {
      Generate SQL clauses to be appended to a main query.
      
      Called by the public WP_Meta_Query::get_sql(), this method is abstracted
      out to maintain parity with the other Query classes.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to the main query.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:379
      protected get_sql_for_query(&$query, $depth = 0) -> array {
      Generate SQL clauses for a single query array.
      
      If nested subqueries are found, this method recurses the tree to
      produce the properly nested SQL.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Query to parse, passed by reference.
      @param int   $depth Optional. Number of tree levels deep we currently are.
      Used to calculate indentation. Default 0.
      @return array {
      Array containing JOIN and WHERE SQL clauses to append to a single query array.
      
      @type string $join  SQL fragment to append to the main JOIN clause.
      @type string $where SQL fragment to append to the main WHERE clause.
      }
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:413
      protected is_first_order_clause($query) -> bool Whether the query clause is a first-order clause.
      Determine whether a query clause is first-order.
      
      A first-order meta query clause is one that has either a 'key' or
      a 'value' array key.
      
      @since 4.1.0
      @access protected
      
      @param array $query Meta query arguments.
      @return bool Whether the query clause is a first-order clause.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-meta-query.php:232
    public date_query -> boolFALSE
    public queried_object -> WP_Term(10)
    • contents
    • Available methods (5)
    • public term_id -> integer6093
      public name -> string(10) "Arcigay.it"
      public slug -> string(10) "arcigay-it"
      public term_group -> integer0
      public term_taxonomy_id -> integer6093
      public taxonomy -> string(5) "fonte"
      public description -> string(0) ""
      public parent -> integer0
      public count -> integer32
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($term_id, $taxonomy = NULL) -> WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      Retrieve WP_Term instance.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      @static
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int    $term_id  Term ID.
      @param string $taxonomy Optional. Limit matched terms to those matching `$taxonomy`. Only used for
      disambiguating potentially shared terms.
      @return WP_Term|WP_Error|false Term object, if found. WP_Error if `$term_id` is shared between taxonomies and
      there's insufficient data to distinguish which term is intended.
      False for other failures.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:125
      public __construct($term)
      Constructor.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param WP_Term|object $term Term object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:204
      public __get($key) -> mixed Property value.
      Getter.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $key Property to get.
      @return mixed Property value.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:243
      public filter($filter)
      Sanitizes term fields, according to the filter type provided.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @param string $filter Filter context. Accepts 'edit', 'db', 'display', 'attribute', 'js', 'raw'.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:218
      public to_array() -> array Object as array.
      Converts an object to array.
      
      @since 4.4.0
      @access public
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-term.php:230
    public queried_object_id -> integer6093
    public request -> string(441) "SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts LEFT JOIN cG2o16_te…"
    SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  cG2o16_posts.ID FROM cG2o16_posts  LEFT JOIN cG2o16_term_relationships ON (cG2o16_posts.ID = cG2o16_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND ( 
      cG2o16_term_relationships.term_taxonomy_id IN (6093)
    ) AND cG2o16_posts.post_type = 'rassegna-stampa' AND (cG2o16_posts.post_status = 'publish' OR cG2o16_posts.post_status = 'acf-disabled') GROUP BY cG2o16_posts.ID ORDER BY cG2o16_posts.post_date DESC LIMIT 0, 12
    public posts -> array(12)
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152600
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-18 08:40:17"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-18 06:40:17"
      public post_content -> string UTF-8(68910) "<a href="http://maqualegender.it/"><img class="alignnone size-full wp-image-1526…"
      <a href="http://maqualegender.it/"><img class="alignnone size-full wp-image-152602" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/MaQualeGender-70x100-base_testo.jpeg" alt="" width="500" height="714" /></a>
      
      <strong>OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY STILA IL REPORT 2017: "NELL'ANNO DELLE UNIONI CIVILI ESPLODE L'HATE SPEECH NELLE ISTITUZIONI. ALLARME PER IL FENOMENO BABY GANG"</strong>
      
      196 le storie monitorate durante gli ultimi 12 mesi. Al via la campagna #maqualegender che tenta di smontare le bufale dei movimenti no-gender
      
      17 maggio 2017 - Nei dodici mesi trascorsi tra il 17 maggio 2016 e oggi, sono 196 le storie di omotransfobia censite da Arcigay attraverso il monitoraggio dei mass media, e descritte nel report che ogni anno, in occasione della Giornata internazionale contro l'omotransfobia, Arcigay licenzia. "Un numero quasi doppio rispetto a quello dello scorso anno e che merita una riflessione e la ricerca delle opportune chiavi di lettura", dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. Innanzitutto, il report è stato stilato monitorando i quotidiani e i periodici locali e nazionali e i principali siti web di informazione: le storie che riporta sono quindi quelle che hanno superato il filtro della notiziabilità, cioè che sono state innanzitutto denunciate e in secondo luogo ritenute di pubblico interesse dagli operatori dell'informazione. Non si tratta quindi di un censimento esaustivo del fenomeno, semmai di una fotografia che all'interno del fenomeno complessivo dell'omotransfobia pemette di distinguere i contesti e le forme in cui si verifica. E' insomma un report qualitativo, che entra nel merito del racconto dei fatti e cerca di individuare tratti comuni e tendenze. Proprio per questo il report è stato suddiviso in 6 sezioni: la prima è dedicata all'omofobia istituzionale e ai movimenti omofobi, cioè a tutti i casi in cui parole e azioni d'odio hanno come responsabile un rappresentante istituzionale, luoghi istituzionali, o realtà che tentano di confezionare il discorso d'odio in contenitori "autorevoli" (convegni ad esempio), affinché sia assunto come valido da chi ascolta. Nel report sono segnalate ben 61 storie sotto questa categoria, un numero esorbitante sul quale pesano in particolare due fattori: da un lato l'approvazione della legge sulle unioni civili, con il suo strascico di sindaci "disobbedienti" che hanno tentato di intralciarne la piena applicazione; dall'altro lato le elezioni amministrative, che come ogni appuntamento elettorale hanno prodotto una notevole quantità di hate speech, utilizzato come leva di consenso. L'omofobia istituzionale va guardata con estrema attenzione perché ha un effetto a cascata su tutte le altre forme di hate speech e hate crimes, in virtù della legittimazione che ad essi forniscono. Saltano all'occhio quindi le 15 storie del secondo capitolo del report, quello dedicato alla Scuola: in parte si tratta di storie di bullismo, aggravate dal fenomeno del cyberbullismo, ma in parte troviamo in questo capitolo i casi in cui contenuti attinenti ai diritti delle persone lgbti siano stati respinti dalle classi o dai dirigenti scolastici, evidentemente persuasi dalla retorica omonegativa delle istituzioni e dei gruppi "anti-gender". La scuola, perciò, è uno dei contesti che più subisce l'impennata dei discorsi d'odio: a questo proposito non è un caso che nell'ultimo capitolo del report (quello dedicato a hate crimes e hate speech più strettamente intesi) si verifichi un abbassamento significativo dell'età dei carnefici e un dilagare del fenomeno delle baby gang, spesso protagoniste di fatti violentissimi. Occhi puntati sullo sport, dove il fenomeno omotransfobia inizia ad essere denunciato, diventando perciò visibile. Inoltre, nonostante l'approvazione della legge sulle unioni civili, si registrano ancora casi di discriminazione delle persone lgbt, da sole o in coppia, escluse da negozi, offerte commerciali, luoghi. Si contano 12 casi che sono però evidentemente solo la punta di un iceberg. Le ultime due categorie (cioè gli omicidi e gli atti e le parole d'odio) contengono un dato inequivocabile: gay, lesbiche e trans sono ancora percepiti come soggetti deboli e vulnerabili. Sono perciò vittime di ricatti, rapine, agguati. Il numero di episodi segnalati dai media indica una frequenza allarmante, di circa un caso ogni tre giorni. "In definitiva - commenta Piazzoni - il report ci consegna la fotografia di un Paese che non riesce a iniettare anticorpi efficaci contro l'omotransfobia. E non lo fa perché la stessa classe politica è parte del problema e non sembra avere alcuna intenzione di censurare se stessa. Infatti, il testo di legge approvato alla Camera, giace da anni sepolto al Senato, senza alcuna prospettiva. E nessun'altra iniziativa di legge si intravede all'orizzonte. Ci sono poi le leggi regionali, che tentano di parlare di prevenzione del fenomeno e di mettere a sistema le azioni di contrasto: l'ultima ad essersene dotata quest'anno è stata l'Umbria, dopo una battaglia durata molto tempo. Ma sono tante le Regioni che ancora non si sono date questo importantissimo strumento". In occasione del 17 maggio, Arcigay parte con la campagna #maqualegender che ha come oggetto diretto i cosiddetti no-gender, movimenti omo-transfobici protagonisti di numerose notizie riportate nel report. La campagna richiama il gioco del monopoli, e fa riferimento alle sue celebri carte degli imprevisti: tutti aspirano ad essere se stessi, l'unico imprevisto in questo percorso è la paura. E' una campagna che cerca di spiegare, e attraverso la parola vuole superare i fantasmi prodotti da chi specula sulla paura. Nelle numerose iniziative che Arcigay mette in campo in questa giornata in tutto il territorio nazionale, verranno distribuite cartoline che rimandano al sito <a href="http://maqualegender.it/">http://maqualegender.it</a>, dove si articoleranno nei prossimi mesi tutte le fasi della campagna.
      
      <strong>17 maggio 2017 - Report omotransfobia </strong>
      
      <h1>Movimenti omofobi e Omofobia istituzionale</h1>
      
      &nbsp;
      
      1. 30 aprile 2017 Corriere della Sera “Nozze gay, esposto alla Corte dei Conti per il Comune di Stezzano” (Stezzano)- ​Il Comune di Stezzano vuole ricorrere al Consiglio di Stato contro la bocciatura del Tar sulle unioni civili. La lista civica di minoranza «Stezzano bene comune» annuncia un esposto alla Corte dei conti. È la vicenda di Germano Gasparini e Giuliano Inselvini che non volevano celebrare la loro unione nello «sgabuzzino», poi sistemato dalla giunta leghista. Al Tar hanno vinto. Ma prima del loro «sì» del primo aprile, a febbraio l'amministrazione del sindaco Elena Poma aveva deliberato il ricorso. «Il comune è stato condannato a sborsare, tra rimborso delle spese di giudizio e compenso al legale 12.000 euro»,
      
      2. 29 aprile 2017 Libero Milano “Convegno contro la “filosofia arcobaleno” (Monza Milano) - ​«Delirio arcobaleno». Si intitola così il convegno in programma questo pomeriggio alle 15 all'Euro Hotel di Concorezzo (Monza). Il riferimento è alla dittatura delle associazioni Lgbt, una sorta di totalitarismo secondo gli organizzatori.
      
      3. 19 aprile 2017 Corriere del Mezzogiorno “Allontanate da un militare per un bacio lesbo” (Napoli) - ​Loredana e Valeria - i nomi sono di fantasia - erano abbracciate quando si è avvicinato un militare in servizio in città nell'operazione strade sicure. E ha invitato le due a sciogliersi dall'abbraccio e ad allontanarsi dalla piazza.
      
      4. 16 marzo 2017 Corriere della sera “Lo spettacolo per i bambini e la polemica anti gender” (Genova) -​Su input di Generazione fa-miglia, da gennaio sono state raccolte oltre 100 mila firme contro lo spettacolo sotto una petizione che inizia con le parole «Allarme rosso!» e termina con un appello a nonni e genitori a impedire che le scuole portino i bambini ad assistere allo spettacolo.
      
      5. 23 marzo 2017 Avvenire “Identità sessuale e identità di genere, un dibattito a Francavilla al Mare” (Francavilla al Mare - Chieti) - ​Dopo aver spiegato la teoria del gender anche con un excursus storico, nel quale ha delineato le principali tappe di sviluppo di questa idea, si è fermata a riflettere sul perché il gender è pericoloso. Perché pretende non solo di influire sul modo di pensare, di educare, mediante scelte politiche ma anche di vincolare sotto il profilo penale chi non si
      adegua (in Italia c’è il decreto legge Scalfarotto); inoltre, impone atti amministrativi per cui Comuni ed enti hanno sostituito i termini ‘padre’ e ‘madre’ con ‘genitore 1’ e ‘genitore 2’.
      
      6. 7 marzo 2017 Repubblica.it “​Lgbt, la Lega accusa il Comune per il film della Pivetti​” (Milano)
      
      7. 3 marzo 2017 Avvenire “Ricorso contro la sentenza dei due padri omosessuali” (Trento) -​Il Sostituto procuratore generale presso la Corte d’appello di Trento non ci sta, dichiara di voler impugnare in Cassazione la sentenza che ha riconosciuto la genitorialità di due uomini su altrettanti gemelli, partoriti e consegnati loro in Canada attraverso il contratto di maternità surrogata. È contraria all’ordine pubblico, afferma Giuseppe Maria Fontana.
      
      8. 31 marzo 2017 La Stampa “Frase volgare verso i gay Gancia sospesa per una seduta” (Cuneo) - ​Un’espressione volgare, usata proprio mentre si discuteva di estendere alle coppie omosessuali la legge salva-sfratti per gli inquilini morosi delle case di edilizia popolare, come prevede la legge Cirinnà. «Un mio amico gay dice che è facile fare i froci con il ... degli altri» ha esordito nel suo intervento Gianna Gancia, capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale ed ex presidente della Provincia di Cuneo.
      
      9. 30 marzo 2017 Corriere del Trentino “​Omofobia, lite governatore-Ferrari. Gilmozzi: Rossi garantisca le sensibilità” (Trento) -​L’assessora alle pari opportunità ha lasciato la seduta di giunta dopo pochi minuti, in disaccordo con il governatore sul tema dell’obbligatorietà delle giustificazioni per i corsi anti-omofobia.
      
      10.15 febbraio 2017 Il Giornale “Battuta volgare sui transessuali. Indignazione in rete per Grillo” - “Una volta c’erano solo i travestiti e non c’erano i transgender...un trans è una donna col belino oppure un uomo che parla tanto”. Un video girato durante “Grillo vs Grillo”, lo stand up del leader del M5S trasmesso da Netflix dove il comico genovese prende in giro i trans sollevando indignazione e proteste
      
      11.6 febbraio 2017 La Repubblica “Le scene saffiche nei “Bastardi” mettono in crisi i neo-oscurantisti” - MOLTE le reazioni alle di- chiarazioni di qualche politico, tese forse più a conquistare i favori di qualche potente di oltretevere che a compiere opera moralizzatrice, sulle scene saffiche ne “I bastardi di Pizzofalcone”, di cui stasera va in onda l’ultima puntata.
      
      12.2 gennaio 2017 La Repubblica “L’incontro anti-gender nella Sala di Consiglio” (Melegnano - Milano) -C​ONTRO ​il gender che «vuole sostituirsi all’uomo e alla donna», e quindi alla famiglia tradizionale. Parleranno pubblicamente della «battaglia per la tutela della famiglia» contro la “minaccia gender” il 26 gennaio dalle ore 21 nella sala consiliare del Comune di Melegnano, in piazza Risorgimento.
      
      13.10 gennaio 2017 Il Tirreno “Bambino o bambina? Quella favola gender che divide Pistoia” (Pistoia)
      
      14.11 gennaio 2017 Messaggero Veneto “Ossessione Gender, proteste per lo show” (Pordenone)
      
      15.12 gennaio 2017 Il Resto del Carlino “”caso Gender in Parlamento “Famiglie non informate””” (Castello d’Argile - Bologna) - ​Lo spettacolo sul bambino gender “non doveva essere fissato da preside e insegnanti senza un confronto con i genitori: lo sostiene il deputato Massimo Palmizio in un’interrogazione​.
      
      16.19 gennaio 2017 Il Gazzettino «Fermate lo spettacolo sul bimbo senza sesso» (Venezia) - «Quello spettacolo va bloccato, mina la stabilità dei bambini». L’assessore regionale Elena Donazzan boccia senza appello un testo teatrale in programma nei prossimi mesi a Vicenza e a Mira, in provincia di Venezia, dove è in programma l’8 marzo a Villa dei Leoni.
      
      17.23 gennaio 2017Il resto del Carlino “Bufera sul vademecum per i medici “Un assalto alla famiglia tradizionale””(Ferrara)
      
      18.23 gennaio 2017 Il Tirreno “Ceccardi nega l’unione civile. il Pd attacca: «È imbarazzante»” (Pisa) ​- L'amministrazione leghista di Cascina le ha respinte. Pisa le ha accolte. Si
      sono sposate in Palazzo Gambacorti Michela Maccioni e Debora Musetti che avevano chiesto la sala consiliare di Cascina per il 21 gennaio. Celebra l’assessore Marilù Chiofalo. Tanti sorrisi, felicità, fiori colorati oltre alle foto di rito. Subito dopo si è riaccesa la polemica. Cascina aveva respinto la loro richiesta dicendo che per quel giorno la sala era impegnata. Sabato però il municipio di Cascina era chiuso
      
      19.21 gennaio 2017 Il Tirreno “Gender, dibattito sotto scorta” (Cascina) - ​Duecento persone all’evento dal titolo “Gender e omodittatura, colonizzazione ideologica”, una conversazione con il dottor Renzo Puccetti e l’avvocato Simone Pillon. Il dibattito è stato moderato da Lorenzo Gasperini, ex capo di gabinetto della sindaca leghista Ceccardi.
      
      20.20 gennaio 2017 Il Gazzettino “No alle ideologie a scuola” (Mira - Venezia) -​Anche il senatore dell’Udc Antonio De Poli si sta interessando allo spettacolo proposto a Mira chiedendo al Ministero di verificare se la rappresentazione proposta rispetti le direttive del Miur. «La scuola – afferma De Poli - non può sostituirsi al ruolo educativo delle famiglie. Una cosa è lottare contro le discriminazioni di qualsiasi natura, ben altra è introdurre nelle scuole ideologie e orientamen- ti di pensiero come quella gender»
      
      21. 28 dicembre 2016 ​Corriere della Sera “​Unioni gay, l’ira dei cattolici per il programma di Bignardi” - Polemica per la trasmissione su Rai3 in prima serata, alle 20.05 (dal 26 dicembre e per sei sere consecutive), del programma «Stato civile», condotto da Daria Bignardi sul tema delle unioni civili. La trasmissione, denunciano Maurizio Lupi e Carlo Giovanardi, che come Mario Adinolfi ne contestano aspramente l’opportunità, era già andata in onda a novembre in seconda serata.
      
      22.16 dicembre 2016 La Prealpina “Nasce il fronte anti Gay Pride” (Busto Arsizio Varese) - ​Matteo Sabba, personaggio di riferimento della lista Busto Grande, che nel dibattito accorato con Giampaolo Sablich (Movimento X) ha sparato a zero: «Facciano tranquillamente ciò che più li aggrada ma mi fanno schifo, ripeto, schifo: l’insegnamento ai bambini di queste schifezze, le donne con la barba, gli uomini con la gonna e le persone stupide che difendono una tale m...a che neanche capiscono».
      
      23.4 novembre 2016 Libero “Basta unioni gay. Le sindache leghiste fanno dietrofront” (Musile sul Piave - Venezia) - ​Le unioni civili non saranno più celebrate dai sindaci leghisti: alle prime cittadine del Carroccio che avevano osato sfidare i diktat del partito, Salvini è riuscito a mettere il bavaglio. E anche senza troppi sforzi. Sono bastate le minacce di epurazione a far arrivare un inatteso dietrofront del sindaco di Musile di Piave Silvia Susanna, che si era fatta paladina dei diritti civili “sposando” il primo ottobre Lucia Ducceschi e Beatrice Giuseppi.
      
      24.4 novembre 2016 Il Resto del Carlino “Unioni civili, è scontro a Persiceto. Sindaco: “Non sposiamo coppie gay” - (San Giovanni in Persiceto - Bologna) “​La Giunta comunale di San Giovanni in Persiceto ha preso la decisione di non officiare le unioni civili di coppie dello stesso sesso”. A parlare è il sindaco di San Giovanni in Persiceto, Lorenzo Pellegatti.
      
      25.30 novembre2016Il Resto del Carlino “Teoria gender, arriva Amato di Giuristi per la vita” (Ascoli) - ​Gender (d)Istruzione - la sfida dell’ideologia Gender alla famiglia. “Si registra purtroppo - spiegano gli organizzatori - ancora una sostanziale inconsapevolezza della comunità sulla tematica gender che sta interessando diversi ambiti della vita sociale con inevitabili conseguenze di carattere etico”
      
      26.16 novembre 2016 Il Secolo XIX “Libretto ai trans, scontro Rettore-Regione” (Genova) - ​Un’iniziativa surreale e becera», hanno scritto i consiglieri in un documento, diramato ieri mattina. «In questo modo l’Università - prosegue Rosso - , va contro le mozioni approvate dalla Regione Liguria in materia di contrasto alla diffusione, in luoghi deputati alla formazione, delle teorie gender».
      
      27.12 novembre 2016 La Stampa “Gender, sportello per le famiglie. Esplode polemica” (Genova) - ​La Regione appro​va uno sportello rivolto alle famiglie e contro la teoria del gender ed esplode la polemica.
      
      28.10 novembre 2016 ​Il Mattino “Il sindaco avverte: «Sì alla festa ma che non diventi uno show»” (Saletto - Padova) - ​Il sindaco Michele Sigolotto frena in parte gli entusiasmi di Rosario Barbera e Fabrizio Milanello, la coppia gay di Saletto che domenica mattina, in municipio, dirà
      "sì" alla prima unione civile nella Bassa. «Ho appreso dalla stampa che il rito vedrà presenziare 150 persone, che sarà affiancato da alcune promesse e ci sarà anche una marcia nuziale», commenta Sigolotto. «Sinceramente la cosa mi ha indispettito. Questo non è un matrimonio, ma è una unione civile, avviene in una sede istituzionale e il rito non prevede manifestazioni come quelle annunciate dalla coppia.
      
      29.10 novembre 2016 veronasera.it “​Le Sentinelle in Piedi tornano in piazza a Verona "in difesa della Famiglia"​ (Verona)
      
      30.20 novembre 2016 La Prealpina «Non celebrerò mai matrimoni omosex» (Gallarate - Milano) - ​Si celebra la prima unione omosessuale in Comune. Se ne occupa l’ufficiale dello stato civile perché il sindaco Andrea Cassani è categorico: «Non celebrerò mai matrimoni gay».
      
      31.19 ottobre 2016 Il Corriere della sera ​«Unioni civili fuori dal salone delle feste» (Stezzano - Bergamo) - ​Un salone con gli affreschi per chi sceglie il matrimonio civile. Un piccolo ufficio tra faldoni e scrivanie per gay e lesbiche che si uniscono civilmente. Il sito ​www.imille.org racconta (anche con le immagini sopra) ciò che sta succedendo a Stezzano, Comune guidato dalla leghista Elena Poma.
      
      32.21 ottobre 2016 La Repubblica “La Caprioglio: ‘Le unioni civili? Le celebro solo in forma riservata’ (Savona) -​SE una coppia cerca solo visibilità non sono disponibile a sposarla. Se però chiede espressamente di essere sposata da me e riesco a garantire loro la riservatezza, celebro le unioni civili, perché sono un sindaco e rispetto la legge»: le parole della sindaca di Savona, Ilaria Caprioglio, su un’eventuale celebrazione di un matrimonio omosessuale
      
      33.28 ottobre 2016 Il Tirreno “La sindaca: «Non celebro nozze gay, lo farà qualcun altro» (Pontremoli - Massa Carrara) “​Il mio timore è sempre stato quello di perdere gli effetti delle ricadute sociali di questa legge, per rincorrere i diritti altrui, che sappiamo finiscono quando iniziano i nostri. Occorreva una riflessione ed una discussione più profonda”. Detto questo, come è noto, il sindaco Baracchini non celebrerà matrimoni gay.
      
      34.27 settembre 2016 il Sole 24 ore “Sindaco si oppone a nozze gay: chiedo obiezione di coscienza” (Favria - Torino) -Niente sposi gay a Favria, 5.200 abitanti in provincia di To​rino. Il sindaco, Serafino Ferrino, si è rifiutato di celebrare il matri monio di due ragazzi.
      
      35.12 settembre 2016 Il Giornale “Via al telefono antigender” (Milano) - La Regione Lombardia attiva una linea telefonico di sostegno alle famiglie per contrastare “l’ideologia gender”
      
      36.6 settembre 2016 La Prealpina “Unioni gay, il caso esplode”
      
      37.6 settembre 2016 ​La Preaplina “Fagioli:«Io non li sposo di sicuro» (Saronno) - ​Per me i matrimoni fra omosessuali non sono una cosa da fare». Alessandro Fagioli, sindaco leghista di Saronno, non ha dubbi.
      
      38.6 settembre 2016 Il Quotidiano di Puglia “«Gay? Andate altrove». Il sindaco: «Tornate in Comune, vi sposo io»” (Tricase - Lecce) - ​Nei giorni scorsi una coppia si è presentata a Palazzo Gallone, all’ufficio di Stato Civile, per chiedere informazioni sulla documentazione necessaria da presentare per l’unione civile e scegliere una data, ma dall’ impiegato comunale avrebbe ricevuto una risposta negativa e sgarbata. Il dipendente, infatti, avrebbe affermato che il Comune di Tricase non si è ancora organizzato, che mancherebbero i registri appositi ed il programma e che sarebbe stato meglio rivolgersi ad un altro Comune
      
      39.11 settembre 2016 LiberoMilano “Il sindaco leghista di Pontida nega gli alloggi popolari ai gay“ (Pontida - Bergamo) -La giunta leghista di Pontida ha licenziato nei mesi scorsi un regolamento che vieta alle coppie gay di avere una casa popolare. Il caso è stato sollevato dalla Cgil di Bergamo.
      
      40.11 agosto 2016 Corriere della Sera “​Trieste, critiche dopo il «no» alla sala matrimoni per le unioni civili” (Trieste) - ​Niente sala dei matrimoni per le unioni civili a Trieste: si celebreranno nella Sala 101 dell’anagrafe comunale e negli orari di ufficio, dal lunedì al venerdì.
      
      41.31 agosto 2016 La Repubblica “Protesta di Arcigay oggi a Diano Marina contro il sindaco” (Diano -Imperia) - L’esponente della Lega, in occasione della prima unione civile in
      Liguria celebrata a Sanremo la scorsa settimana, aveva detto di essere contrario alle unioni gay pur riconoscendo che si tratta di un obbligo di legge, per il quale avrebbe incaricato l’ufficiale di stato civile. Aveva anche aggiunto di voler vietare fiori e lanci di riso
      
      42.19 agosto2016Corriere delle Sera “Sessa: «Sbagliato ufficializzare una cosa contro natura»” (Torre Boldone - Bergamo) - «Se due vogliono stare insieme, niente da dire. Ma non mi sembra corretto ufficializzare un’unione che è contro natura. Sembra quasi di equipararla a un matrimonio. L’unione civile mi sembra sia un modo per pretendere dei diritti, scavalcando i doveri che il matrimonio impone».
      
      43.9 agosto 2016 La Repubblica “La sindaca “Non farò le unioni civili”” (Cascina - Fi)
      
      44.23 agosto 2016 Il Resto del Carlino “La messa contro i gay di Don Lasagni” (Ravenna) - ​Il prelato ha farcito la predica con invettive contro i gay e contro le loro unioni.
      
      45.26 agosto 2016 Il Giorno “Sindaco e assessori della Lega in coro: “Non celebreremo i matrimoni gay” (Corsico - Mi) - ​“no ai matrimoni omosessuali” : a Corsico né il sindaco né il presidente del consiglio comunale celebreranno le unioni samesex
      
      46.6 agosto 2016 La Repubblica ““Le unioni civili solo il mercoledì” Il sindaco leghista fa infuriare i gay” (Padova) - Unioni civili sì, ma solo il mercoledì mattina. E con il divieto di scegliersi il celebrante. A Padova l’unione tra persone dello stesso sesso potrà essere sancita solo dai funzionari comunali, ma mai nel fine settimana. Sono le regole imposte dal sindaco leghista Massimo Bitonci.
      
      47.30 luglio 2016 Novara La Stampa “Gay e lesbiche contro Canelli “Discrimina le unioni civili” (Novara) - ​Il sindaco Alessandro Canelli non celebrerà le unioni civili: «Sono contrario». Ma la sua decisione ha scatenato la protesta dell’associazione per i diritti gay
      
      48.5 agosto 2016 La Libertà “No alle unioni civili al Farnese” (Piacenza) - ​Niente Salone Pierluigi a palazzo Farnese per le unioni civili? Dopo l’annuncio di ieri con cui l’assessore del Comune di Piacenza Giorgia Buscarini dava conto della procedura nuova di zecca per pronunciare i primi “sì” arcobaleno di Piacenza - evidenziando che la location sarà l’ufficio di Stato civile di via Beverora e non palazzo Farnese - monta la protesta.
      
      49.21 agosto 2016 Il Gazzettino “Villa vietata alle unioni civili «Il sindaco discrimina i gay»” (Villorba - Treviso) - ​Le unioni tra omosessuali infatti non possono essere celebrate a villa Giovannina, sede nobile del Comune e gli orari sono limitati a quelli di apertura dell'ufficio di stato civile.
      
      50.31 luglio 2016 Il Mattino “Offesa in ospedale, la trans rifiuta il ricovero” (Napoli) «Preferisco morire a casa piuttosto che essere umiliata in ospedale». Nunzia pronuncia queste parole con gli occhi gonfi di lacrime ed il suo dolore diventa un vero e proprio grido di denuncia che non vuole e non può trattenere. «Sono finita al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco per un’ischemia cardiaca - racconta la trans 54enne, al secolo signora Nunzia Napoletana Lo Preiato - il personale sanitario mi ha derisa, trattandomi come se non avessi una dignità e lo stesso trattamento me l’hanno riservato i degenti, per questo ho deciso di rifiutare il ricovero».
      
      51.31 luglio 2016 lacittadisalerno.it “​«Avete votato una banda di froci» Il post del consigliere imbarazza​” (Salerno)
      
      52.10 luglio 2016 La Repubblica ““Li sposeranno altri, non io parola di sindaco obiettore” “ (Rovigo) - ​E se un bel giorno si presentano in tre? O se qualcuno viene qua con un cavallo e vuole sposare quello? Mai e poi mai, con la fascia da sindaco, celebrerò il matrimonio tra due persone dello stesso sesso. Ci sono problemi molto più importanti da affrontare».
      
      53.27 luglio 2016 Il nuovo Quotidiano di Puglia “Unioni civili, l’assessore avverte: «Non sposerò mai due omosessuali» “ (Mesagne - Brindisi) - ​«Non celebrerei mai una unione civile tra persone dello stesso sesso». Così il neo assessore ai Servizi sociali di Mesagne, Antonella Catanzaro, che intervenendo sulle unioni civili ha scatenato la polemica. «La mia fede mi porta a dire no», ha detto.
      
      54.19 luglio 2016 ​Il Messaggero “Tagliato bacio gay nella serie su Rai2, è polemica. E la puntata torna in onda” - ​La seconda rete censura una scena d’amore tra due uomini nell’episodio Le regole del delitto perfetto (venerdì sera su Raidue) e scoppia l’ennesima polemica.
      
      55.3 giugno 2016 La Stampa ““Noi, umiliate allo sportello solo perché siamo lesbiche”” (Torino) - «Perché dovremmo rinunciare a un nostro diritto, solo perché un impiegato si rifiuta di fare il suo dovere e ci nega qualcosa che ci spetta?». Monica e Lucia sono le due donne che allo sportello per la casa popolare di Torino si sono viste rifiutare la pratica per convivere perchè omosessuali.
      
      56.19 giugno 2016 Corriere della sera “Il sindaco è contrario: unioni gay, celebra il segretario” (Telgate - Milano) - ​Non sono una priorità per la maggioranza. Non lo sono per l’opposizione. Intanto però, a Telgate, le unioni civili tra omosessuali finiscono in una delibera di giunta e al centro dell’ennesima polemica. Il sindaco leghista Fabrizio Sala, già famoso per le sue battaglie (dalle panchine anti clochard all’ordinanza anti ebola), si rifiuta di celebrarle. «Il matrimonio è tra uomo e donna», sentenzia.
      
      57.19 giugno 2016 Repubblica “Offesa omofoba dell’ex rugbista bufera su Lo Cicero assessore” (Roma)
      
      58.16 giugno 2016 Il Fatto quotidiano “Morte ai gay, riti e pistole: le omelie di don Max” (Cagliari) - ​La sua omelia contro gli omosessuali ha scatenato un inferno di polemiche. Don Massimiliano Pusceddu, prete sardo di una piccola parrocchia a Decimopuztu, in provincia di Cagliari, ha attaccato anche il governo e le unioni civili. Il messaggio lanciato ai fedeli recitava: “I gay meritano la morte”.
      
      59.26 giugno 2016​ Il Gazzettino “Antigay: pochi ma agguerriti” (Treviso)
      
      60.25 giugno 2016 Il Mattino “«No Gay pride», parte la crociata delle associazioni: stop al corteo (Caserta) - ​«Gay pride, vade retro». Le associazioni di stampo cattolico insorgono contro l’evento in programma oggi a partire dalle 15 con raduno in piazza Vanvitelli nell’ambito del «Caserta Campania Pride»
      
      61.18 maggio 2016 La Libertà “ Quattro sindaci rifiutano di celebrare le unioni gay” (Piacenza) - ​Legge Cirinnà, Ziano Caorso, Ferriere e Castellaquarquato dicono no. E si rifiuteranno di celebrare le unioni di fatto. Almeno i loro sindaci che si appellano all’obiezione di coscienza.
      <h1>Scuola</h1>
      &nbsp;
      1. 25 aprile 2017 Corriere della Sera “&lt;Omofobia sul giornalino&gt;. La provincia bacchetta il liceo”
      
      2. 7 marzo 2017 Corriere della sera “​Il film sul bullismo scuote la Regione «Propaganda delle comunità gay»” (Milano) - «Quel film è pura propaganda Lgbt, guai a trasmetterlo ancora nelle scuole». La Lega è pronta alla nuova crociata anti- gender. La pellicola da censurare si chiama​Né Giulietta né Romeo
      ​ e nelle intenzioni della regista Veronica Pivetti si tratterebbe di una storia contro il bullismo e le discriminazioni.
      
      3. 7 marzo 2017 La Repubblica “Stop ai corsi sul bullismo: “No ai trans”” (Napoli) «Alcuni genitori, emotivamente non vogliono far partecipare i propri figli a questa “cultura di genere” - si legge nella lettera inviata all’Arcigay - in quanto il tutto è stato fatto su minori senza coinvolgere le famiglie». La scuola sospende gli incontri.
      
      4. 23 marzo 2017 Il Centro “Attivista lesbica a scuola L’incontro diventa un caso” (lanciano - Chieti) - Tutto è iniziato con l’invito rivolto dalla preside dell’istituto superiore frentano Fermi-De Titta, Daniela Rollo, ai genitori degli studenti. Per chiedere di esprimersi sull’opportunità di ospitare a scuola, il prossimo 1° aprile, la scrittrice e attivista per i diritti Lgbt Francesca Vecchioni, figlia del cantautore Roberto.
      
      5. 23 marzo 2017​ Il Centro “E a Pescara è scontro sui transgender”
      
      6. 17 marzo 2017 ​Gazzetta del Sud “Opuscolo contro gli omosessuali distribuito all’Università” (Rende - Cosenza) - Gli iscritti di un’associazione studentesca, regolarmente accreditata dall’università della Calabria ha messo in circolo un opuscolo in cui si parla dell’omosessua lità e di come guarirne. La brochure, colorata e accattivante, presenta gli omosessuali come persone per cui nutrire sentimenti di accoglienza nella misura in cui siano intenzionati a curarsi.
      
      7. 29 marzo 2017 La Prealpina “Assemblea sui diritti dei gay. Scontro fra studenti e preside” (Verbania)- ​A​l Ferrini-Franzosini ci sarebbe il veto, tacito, della presidenza a discutere dei diritti delle coppie omosessuali. Il condizionale è d’obbligo perché l’accusa, formulata nel comunicato diffuso ieri dai rappresentanti degli studenti in consiglio d’istituto, viene respinta dal dirigente scolastico, Santo Mondello.
      
      8. 27 gennaio 2017 Il Tirreno “Persecuzione gay, 3 classi danno forfait” - “​Bent”, la pièce teatrale sulle persecuzione degli omosessuali nei campi di sterminio na- zisti andata in scena ieri mattina al Verdi per le scuole superiori pisane. Uno dei primi (e dei tanti) appuntamenti pensati dall’amministrazione per celebrare la Giornata della Memoria, e che eppure ha innescato le proteste e una petizione lanciata dal Comitato Famiglia Scuola Educazione. L’accusa: aver preso a pretesto l’eccidio per «sponsorizzare l’ideologia gender». A ieri sera, 1.215 firme.
      
      9. 14 gennaio 2017La Gazzetta del Sud “Incontro sulla teoria del gender in una scuola È polemica”
      
      10.14 gennaio 2017 Pisatoday.it “​Scuola: insulti omofobi nei confronti di un giovanissimo​” (Pisa)
      
      11.16 dicembre 2016 Il Messaggero veneto “«Film gender a scuola, genitori all’oscuro» (Pordenone) - «Genitori e insegnanti vengo- no ancora una volta scavalcati in nome della lotta al bullismo: siamo davanti ai soliti trucchi che con la scusa del bullismo fanno da apripista a teorie e messaggi destabilizzanti per gli studenti, spesso poco più che adolescenti» è l’accusa. Il tenta- tivo di diffondere la teoria gender – in base alla quale la differenza tra maschi e femmine e l’orientamento sessuale sarebbero frutto di una libera scelta – secondo Zilli e Ciriani si celerebbe anche dietro la proiezione, avvenuta in alcuni istituti scolastici del pordenonese, del film “Un bacio” di Ivan Cotroneo.
      
      12.21 settembre 2016 Corriere della sera “«Nostro figlio è omosessuale. Rifiutata l’iscrizione a scuola»" (Monza - Milano) -​Sembrava una storia chiusa. La denuncia di un anno fa per presunti atteggiamenti discriminatori a scuola nei confronti del figlio gay, il clamore, le polemiche. Poi le acque si sono calmate, e per i genitori di Daniel (nome di fantasia), studente sedicenne omosessuale iscritto a una scuola religiosa del capoluogo brianzolo, era forse arrivato il momento di dimenticare. Ma ora nuove polemiche sono destinate a montare. Perché secondo la mamma e il padre adottivo del ragazzo, l’Ente cattolico di formazione professionale di Monza (Ecfop) dove Daniel avrebbe dovuto frequentare il terzo anno del corso per baristi, ha rifiutato l’iscrizione al giovane per via del suo orientamento sessuale.
      
      13.11 settembre 2016 QN “&lt;Cicciona lesbica negra&gt; I compagni contro Sophie” (Milano) - ​La ragazzina veniva presa in giro sul gruppo Whatsapp della classe, dove le scrivevano “cicciona, lesbica, negra”
      
      14.1 luglio 2016​ Il Corriere della sera “Chat omofoba, processo a 5 studenti” (Roma) 15.15 giugno 2016 ​Il Tirreno “Offese omofobe e razziste in classe Poi una bocciatura” (Pontedera) - Prese in giro di stampo omofobo e, di rimando, offese razziste per il colore della pelle. Sono gli ingredienti di un pasticcio figlio dei tempi in cui un certo tipo di vocabolario può uscire dalle bocche ancora acerbe di ragazzini delle medie. È successo nel Cascinese nei mesi scorsi, con i due compagni di scuola che si sono ritrovati nella stanza del dirigente scolastico.
      <h1>Sport</h1>
      &nbsp;
      1. 24 aprile 2017 Repubblica Torino “Le ragazze del Torino si scusano. “Noi vogliamo solo giocare””
      
      2. 15 marzo 2017 La Repubblica “Stop a Tiffany e nuove regole per le atlete transgender” (Reggio Calabria) - ​Stop a quelle come Tiffany. La pallavolo italiana dice no alle atlete come la brasiliana Pereira de Abreu, 32 anni, diventata donna e ora giocatrice nella nostra Serie A2 a Palmi, a Reggio Calabria, ma nata uomo con il nome di Rodrigo e come tale schiacciatore in Belgio fino a poco tempo fa, al Jtv Dero Zele-Berlar dove militava nel campionato maschile.
      
      3. 17 marzo 2017 Il Gazzettino “Frase omofoba rivolta a un’atleta mister dell’Uniongaia fermato 4 mesi” (Longarone - Belluno) - ​Frasi omofobe a una calciatrice del Longarone femminile: quattro mesi di squalifica per l’allenatore dell’Uniongaia Andrea Roveda.
      
      4. 14 gennaio 2017 milano.fanpage.it “​Insulti omofobi ai ragazzini che giocano a volley in squadra mista: rissa tra i genitori​” (Bergamo)
      <h1>Discriminazioni</h1>
      &nbsp;
      1. 15 aprile 2017 ​Il Tirreno “Arcigay denuncia: «Casa negata a coppia omosex»”
      
      2. 24 marzo 2017 La repubblica “”Solo famiglie” A coppia gay rifiutato l’affitto” (Torino) - Non vi affitto la casa perché non siete una famiglia». Una coppia gay di Torino si è vista rifiutare una proposta da una agenzia immobiliare.
      
      3. 5marzo2017Gay.it “​Sorrento, coppia gay cacciata dall’hotel per un bacio​” (Sorrento - Napoli)
      
      4. 3 febbraio 2017 La Repubblica “Volevano negare il funerale a Franco” (Torino) Gianni Reinetti, 80 anni, vedovo di Franco Perrello, con il quale cinque mesi fa erano stati protagonisti della prima unione civile a Torino, reagisce aspramente alle dichiarazioni di monsignor Cesare Nosiglia. E svela un antefatto doloroso rimasto sinora inedito: «Il parroco di Santa Rita voleva negare i funerali a Franco​»
      
      5. 15 febbraio 2017 Messinaora.it “​Omofobia a Messina nel giorno di San Valentino​” (Messina)
      
      6. 5 febbraio 2017 Libero “San Valentino solo per etero: bufera su MediaWorld” Giocando sulle parole Valentino e volantino regalava 100 secondi di shopping gratuito all’interno di un punto vendita. Requisito fondamentale correre “in coppia” ossia insieme ad un partner di gara, da lui scelto, purché maggiorenne e di «sesso opposto al proprio».
      
      7. 16 dicembre 2016 Il Gazzettino “ Chiesetta concessa all’Arci. Scoppia subito la polemica“
      
      8. 24 novembre 2016 Repubblica.it “​Omofobia, a bari è rivolta per un cartello in un negozio​” (Bari)
      
      9. 4 novembre 2016 Repubblica “Sconti alle coppie” ma i gay sono esclusi
      
      10.2 agosto 2016 napoli.fanpage.it “Ischia: “​La parrucchiera è trans”. E i genitori portano via dal salone i figli​” (Ischia- Napoli)
      
      11.3 agosto 2016 Il Messaggero “I parrocchiani contro la band femminile le Rivoltelle: sono gay, niente concerto” (Rossano Calabro) - Concerto cancellato per omosessualità. Vittima del pregiudizio sessista è la rock band calabrese tutta al femminile de Le Rivoltelle
      
      12.23 giugno 2016 meridionews.it “​Siracusa, due uomini allontanati da bar dopo bacio. Il titolare: «Omofobia? Mantengo soltanto il decoro​” (Siracusa)
      <h1>Omicidi</h1>
      &nbsp;
      1. 16 aprile 2017 Il Centro “Il padre: «Ora lo denuncio Sta calunniando mia figlia»” - ​Il loro era un matrimonio che durava da 25 anni, hanno visto diventare grandi i loro tre figli, erano nonni, io bisnonno», racconta. E su queste premesse smentisce ancora una volta le voci di un rapporto omosessuale tra le due vittime, di cui Marfisi si era convinto. «Come gli può venire in mente che una donna con sulle spalle 25 anni di matrimonio sia lesbica?»
      
      2. 10 agosto 2016 La Prealpina “Fermato il presunto assassino” (​JERAGO CON ORAGO - Varese) - Come noto Claudio era frequentatore di via De Magri, a Gallarate, meta di gay in cerca di incontri al buio. L’avevano messo più volte nei guai, visto che oltre agli omosessuali in quella zona proliferano malviventi che fingono di desiderare rapporti per poi approfittare della situazione. Silvestri poche set- timane prima di essere ucciso aveva vissuto un’esperienza di quel genere: ospitò in casa un uomo trovato a Gallarate e quell’uomo lo derubò di una collanina d’oro.
      <h1>Vandalismi, insulti, minacce, ricatti, aggressioni</h1>
      &nbsp;
      1. 16 maggio 2017 ​Repubblica.it ​“​Commenti omofobi sul cameriere, Arcigay denuncia direttore di hotel caprese” (Napoli)
      
      2. 15 maggio 2017 Il Mattino “La gogna web per il trans 15enne” (EBoli) -​Insultato da un compagno di scuola, un adolescente minaccia di togliersi la vita.
      
      3. 11 maggio 2017 Il Corriere della sera “Pestati dalla baby gang perché gay” (Milano) Arrestato il branco del Corvetto, gli otto ragazzi (tra i quali sei minorenni) che il 22 gennaio scorso avevano aggredito due giovani fuori dalla discoteca «Karma». Se l’erano presa con loro perché omosessuali. Gli aggressori hanno precedenti per rapina e lesioni
      
      4. 6 maggio 201​7 Gay.it “Omofobia, aggredito a Taranto il presidente Arcigay: “Ma non dobbiamo più nasconderci””
      
      5. 6 maggio 2017 ​Gazzetta di Reggio “''È omofobia non vandalismo'', polemica a Reggio Emilia sul manifesto strappato”
      
      6. 6 aprile 2017​ Il Mattino “Incontri gay segreti poi ricatta l'amante”
      
      7. 4 aprile 2017 Gay.it “​Coppia lesbica uccide bambino: una bufala che stava per rovinare la vita a Francesca​” (ROma)
      
      8. 2 aprile 2017​ Il Tirreno “Operatore turistico aggredito da venditore”
      
      9. 27 aprile 2017 Vesuviolive.it “​Aversa. Oggi Alessia si sposa: scritte omofobe alla Gomorra sul Municipio”
      
      10.7 marzo 2017 ​Il Messaggero “Diciassettenne in manette: aggancia gay in chat e li ricatta” (perugia) - ​Lo ha agganciato su un sito di incontri, specializzato tra quelli per persone dello stesso sesso, intrattenendo conversazioni a sfondo intimamente personale per alcuni giorni. Così un
      17enne ha ottenuto un appuntamento dalla sua vittima, un perugino del ’58, riuscendo a farsi invitare nel suo appartamento. Ma una volta giunto a casa dell’uomo, approfittando di una sua momentanea distrazione, ha arraffato la sua borsa con tutto il contenuto dandosi alla fuga.
      
      11.30 marzo 2017 Il Fatto quotidiano “Shalpy insultato in strada: “Frocio” “Mi sento praticamente morto” (Roma) - ​Uno scambio di sguardi tra due uomini, poi uno dei due abbassando gli occhi bisbiglia “frocio” rivolgendosi all'altro a cui sputa sui pantaloni.
      
      12.17 marzo 2017 Il Mattino “Scampia, gay preso a bastonate: denunciati due minori” (Napoli) - ​Lo hanno umiliato, deriso e infine preso a bastonate, per punirlo per quella relazione che a loro proprio non andava a genio. Non un episodio di gelosia morbosa da parte di un amante respinto, ma di intolleranza.
      
      13.9 marzo2017Gay.it “​Manifesti omofobi e sessisti contro il Gay Center nella Giornata Internazionale della Donna”​ (Roma)
      
      14.10 marzo 2017 La repubblica “Ragazzini insultano attivista gay. “Le maestre in silenzio” (Palermo) - Lo hanno insultato in pieno centro storico mentre andava al lavoro a bordo della sua bicicletta rosa adornata di fiori e pupazzi di peluche. Più volte gli hanno gridato con- tro “pezzo di frocio” e lui si è fermato per capire il perché.
      
      15.16 marzo 2017 Il Gazzettino “Manifesti omofobi sul muro del Foscarini” (Venezia) non più tardi del pomeriggio di due giorni fa, sul muro dello stesso liceo europeo sono apparsi manifesti contro gli omosessuali, firmati “razza italica”, che invitano ad un fantomatico sit-in venerdì prossimo al liceo, con vendita e degustazione di frittata di finocchi.
      
      16. ​7 marzo 2017 ​Corriere del Veneto “​Unioni omosex, blitz di Forza Nuova” (Thiene Vicenza) - ​«Mamma e papà: la base della società». Recitava così lo striscione affisso da Forza Nuova e Lotta Studentesca domenica notte all’esterno del teatro Civico di Thiene. Il manifesto di protesta dei movimenti di destra era riferito allo spettacolo andato in scena sabato sera, dal titolo «Il marito di mio figlio». Un testo che mette in luce lo spaccato delle unioni omosessuali, con due uomini che vanno a sposarsi all’estero.
      
      17.25 marzo 2017 Libero “Tredicenne disabile violentato Gli aguzzini sono undici coetanei” (Napoli) - era finito nelle grinfie di un manipolo di ragazzi fuori controllo. Informati i carabinieri e la procura presso il tribunale dei minorenni, scattano le indagini che faranno emergere uno spaccato sconvolgente, specie se si considera la disabilità del ragazzino: sopru- si, minacce, abusi, a turno o in gruppo, in molti casi veri e propri stupri, certificati anche dai medici intervenuti sul caso. «Vostro figlio è gay, ecco perché succedono queste cose».
      
      18.24 marzo 2017Liberopensiero.it “L’incubo di Dario: violenza e omofobia tra Quarto e Napoli”​ (Napoli)
      
      19.16 marzo 2017 Il nuovo quotidiano di Puglia “Esorcismo sul ragazzo gay: nell’inchiesta il video delle Iene” (Lecce) -​C’è un fascicolo in Procura sul filmato messo in onda domenica sera nel programma “Le Iene” in cui un sacerdote della dio- cesi di Nardò-Gallipoli sembra ricorrere alle formule in uso dagli esorcisti per tentare - sì, sembra proprio questo l’ obiettivo - di tirare fuori ed annientare l’omosessualità di Stefano Romano, 32 anni, di Matino.
      
      20.30 marzo 2017 Il nuovo quotidiano di Puglia “Il presidente dell’Arcigay aggredito e derubato” (Taranto) - Intorno alle ore 16, un gruppo di ragazzi di età varia dai 15 ai 20 anni circa, posizionati sulla passerella in legno, ha iniziato ad apostrofare il noto militante lgbtiq con epiteti facilmente immaginabili e a lanciare pietre contro Pignatelli, senza riuscire a colpirlo.
      
      21.2 marzo 2015 napoli.fanpage.it “​Scomparso Luigi Celentano, 18 anni: veniva umiliato e picchiato. La storia a Chi l’ha visto​?” (Napoli)
      
      22.5 marzo 2017 Il Resto del Carlino “Notti gay con rapine e botte”(Pesaro) - P​aura a Pesaro nella comunità gay. Al parco Mirafiori, luogo dove spesso avvengono gli incontri gay, almeno cinque persone (tra i 40 e i 50 anni)sono state picchiate e rapinate
      
      23.28 febbraio 2017 ​La Stampa “Cambiò sesso, sfruttata si ribella” (Fossano - Torino) Diciottenne transessuale viene allontanata dai genitori adottivi e finisce a prostituirsi in strada.
      24.28 febbraio 2017 Gay.it “​Cremona, 17 anni, gay: “il bullismo ha reso la mia vita un inferno​” (Cremona)
      
      25.4 febbraio 2017 La Repubblica “Candelora, imbrattata la targa contro l’omofobia” (Napoli) - ​Il giorno dopo la Candelora, il tradizionale pellegrinaggio dei “femminielli” al Santuario della Madonna di Montevergine, sono entrati in azione i vandali. Con spray nero hanno imbrattato la targa affissa dal Comune di Ospedaletto d’Alpinolo all’ingresso del paese, le offese (“Ricchioni, pedofili”) ora coprono il messaggio che il sindaco Antonio Saggese aveva voluto lanciare contro l’omofobia.
      
      26.9 febbraio 2017 Il Resto del Carlino “Corte, ferite, interrogazioni. Il “funerale” ora è un caso” (Cesena) - .​Il sindaco Paolo Lucchi ha unito in matrimonio i due cesenati Matteo Capacci e Marco Zaccaria. Un gruppo di Forza Nuova ha inscenato una sorta di corteo funebre ai piedi del municipio.
      
      27.15 febbraio 2017 Gonews.it “​Scritta omofoba su un’auto​” (Santa Croce sull’Arno)
      
      28.8 febbraio2017Il Gazzettino “Paga o dico a tutti che sei gay” (Abano - Padova) -​Per mesi ha ricattato la sua vittima, minacciando di rendere nota la loro relazione omosessuale. Continue richieste di denaro e addirittura minacce di morte nei riguardi del malcapitato. Che alla fine, però, ha deciso di raccontare tutto ai carabinieri.
      
      29.22 febbraio 2017 Il Mattino “Terzigno, strappato il maxi-manifesto del bacio gay” (Napoli) - ​Roberto Menzione, il fotografo di Terzigno che per promuovere la sua attività ha fatto affiggere tre manifesti “6x3” nell’area vesuviana e nolana raffiguranti due uomini che si baciano, è il primo ad essere stupito di tanto clamore: «Il mio voleva essere un messaggio d’amore». E invece, prima ci sono state le polemiche, con la gente del paese che si è divisa, poi il raid: ignoti hanno strappato via il manifesto, prendendosi la briga di arrampicarsi sul tabellone per portare a termine l’atto vandalico.
      
      30.5 gennaio 2017 La Repubblica “Presidente Arcigay minacciato e insultato” (Napoli)​ «Sono chiuso all’ Arcigay preoccupato e spaventato: all’ingresso in sede, in un vicoletto con poca illuminazione, un gruppo di 15 ragazzini, il più grande non oltre i 15 anni, muniti di cacciavite e mazze, hanno iniziato a insultarmi (ovviamente non vi ripeto i noti epiteti) e a insultare la sede dell’Arcigay, molti sono del quartiere». É l’allarme lanciato in un post su Facebook da Antonello Sannino, presidente dell’Arcigay di Napoli, la cui sede è in vico San Geronimo.
      
      31.19 gennaio 2017 La Stampa “La dottoressa omofoba rischia la radiazione” (Torino)​ la crociata contro i gay che la dottoressa Silvana De Mari ha lanciato sul suo blog da una settimana a questa parte è sotto la lente dell’Ordine dei Medici di Torino e Provincia: se- gnalazioni, proteste, richieste di radiarla. Praticamente arriva di tutto.
      
      32.15 gennaio 2017 Repubblica.it “​Omofobia, il leader dell’Arcigay Taranto: Aggredito in piazza​” (Taranto)
      
      33.11 gennaio 2017 Ntr24.tv “​Benevento, nuovo caso di omofobia: 17enne insultato e minacciato per i “capelli lunghi​”. Lo sfogo su Facebook” (Benevento)
      
      34.25 gennaio 2017 Il Resto del Carlino “Minacce e insulti dopo le nozze gay. Le associazioni al fianco dell’assessore” - ​L’assessore alle pari opportunità insultata sui social media per aver celebrato un’unione civile
      
      35.24 gennaio 2017 Repubblica.it “​Roma, lo insultano e poi lo aggrediscono​: “è omofobia”” (Roma)
      
      36.25 gennaio 2017 Il Giorno “Dodici secondi di calci e pugni “Ci hanno gridato froci di m…”” (Milano) - Aggressione lampo all’uscita di una disco gay milanese. Otto ragazzi ne accerchiano altri due, li insultano e li pestano.
      
      37.24 gennaio 2017 Il Resto del Carlino “Minacce dopo le nozze gay “C’è qualcuno che si sente impunito”” (Civitanova Marche - Macerata) - ​Il sindaco e l’assessore dopo aver celebrato l’unione civile tra due ragazze diventano bersaglio sui social media di insulti e minacce.
      
      38.10 gennaio 2017 Il Mattino “Volantino contro un operatore: «Quell’animatore è omosessuale» (Padova): ​«Che schifo un animatore omosessuale». Un volantino diffuso nel
      patronato di una chiesa, in un comune della cintura urbana, riaccende la questione dell’omofobia e delle discriminazioni all’interno delle parrocchie, in particolare tra i genitori che portano i loro figli ai momenti aggregativi organizzati dalle associazioni.
      
      39.6 gennaio 2017 La Nuova Sardegna “Il Mos accanto alla coppia gay minacciata” -​Le due ragazze di Domusnovas, infatti, sono state ricoperte di minacce e insulti dopo la partecipazione alla trasmissione televisiva Stato Civile di Rai- tre e dopo un appello di Adinolfi che avrebbe indirizzato la rabbia di decine di militanti contro la trasmissione. E nel calderone del web sono finite anche Simona, Stefania e sua figlia, appena dodicenne, che sono state minacciate dei morte con frasi esplicite che inneggiavano alla fucilazione immediata o alla morte sul rogo.
      
      40.26gennaio 2017 Il Giorno “Gli incontri organizzati sui siti gay tra “regalini” e lettere di minacce”
      
      41.15 dicembre 2016 La Repubblica “Insulti omofobi a un collega. richiamo ufficiale per due poliziotti” (Milano) - ​Due poliziotti — entrambi in servizio alla questura di Milano ai tempi dei fatti contestati — la scorsa estate avevano scritto “frocio” sull’armadietto di un agente. E avevano fatto circolare voci su una sua presunta (e assolutamente falsa) frequentazione con una prostituta transessuale.
      
      42.22 dicembre 2016 Il Mattino “«Razzisti e omofobi padroni a Solesino»”(Solesino Padova) - Pubblicato un filmato, in palese violazione della privacy, in cui si dà dei "froci" a due ragazzini ripresi a danzare, senza che sia stato riportato alcun danno ai locali o ci siano altri comporta menti censurabili.
      
      43.12 dicembre 2016 Il Resto del Carlino “Perseguitato e ricattato dall’amante gay” (Rimini) - ​Due uomini si conoscono a cena: dopo qualche drink finiscono a letto. Iniziano una relazione ma quando uno dei due decide di troncarla, l’altro inizia a minacciarlo di rivelare la sua omosessualità.
      
      44.29 novembre 2016 ​La Repubblica “Omofobia, 25enne pestato in un bar” (Napoli) «Buttate fuori ‘sto ricchione!», ha ringhiato la commessa del bar. E due uomini si sono avventati contro Kostantin. Uno spintone, poi calci, pugni, schiaffi. Kostantin, 25 anni, è scappato con l’aiuto di due amici, e di lì a qualche ora è andato al pronto soccorso per farsi medicare.
      
      45.4 novembre 2016 Libero “Radio Maria sulle scosse: castigo divino per le nozze gay” - Il popolo della Rete all’assalto dell’emittente cattolica, diretta da padre Livio Fanzaga, rea di avere parlato del sisma come di un castigo divino che l’Italia ha ricevuto per avere approvato la legge sulle unioni civili.
      
      46.27 novembre 2016 La Stampa “Sgarbi, insulti ai gay anziani. “Si sposano? è una truffa” - ​Vittorio Sgarbi, interpellato dal presentatore a proposito di matrimonio, tocca il tema delle unioni gay: «Due omosessuali perché c... si sposano? Si amino e non rompano i c...».
      
      47.3 novembre 2016 ​La libertà “Piroli sul fatto denunciato dall’Arcigay “Un inaccettabile attacco omofobo” (Piacenza) - ​in un locale del centro storico, due ragazze lesbiche sono state oggetto di provocazioni e commenti sgradevoli da parte di alcuni avventori.
      
      48.17 novembre 2016 Il Mattino “Unioni civili, spunta lo striscione omofobo” (Nocera Inferiore - Salerno) - ​Nocera Inferiore è «nel degrado» perché si «sposano i gay». Sotto accusa è finito il sindaco Manlio Torquato. Lo striscione fa riferimento alla prima unione civile celebrata sabato scorso al municipio di Nocera Inferiore.
      
      49.11 novembre 2016 Il Resto del Carlino “Scoprono che la figlia è gay. Insultata e pestata dai genitori” (Rimini) - ​Pestata e maltrattata dai propri genitori perché gay. E’ arrivata in ospedale con addosso i segni delle percosse. E non era la prima volta che una giovane di 20 anni chiedeva di essere curata.
      
      50.20 novembre 2016 Il Tirreno “Preso a sassate perché gay” (Castelfiorentino Firenze) - È stato preso a sassate da una banda di ragazzini perché gay. È una terribile disavventura – fortunatamente senza conseguenze fisiche – quella capitata al 29enne Christian Ciciliano, un giovane di Castelfiorentino che stava tornando a casa dopo una giornata di lavoro passata a Poggibonsi.
      51.22 ottobre 2016 La Repubblica “No al salone delle nozze gay” Blitz nella notte di Forza Nuova” (Roma) - BLITZ di notte contro il Gay Wedding, il primo salone della Capitale sulle unioni civili, non lontano dall’hotel Ergife dove da ieri è di scena la manifestazione. La mano è quella di Forza Nuova, la costola romana del movimento politico di ultradestra, che passata da un po’ la mezzanotte organizza l’incursione non lontano dall’albergo sull’Aurelia. Un’azione che si conclude con manichini impiccati e l’affissione di uno striscione con scritto “State uccidendo la famiglia, nogaywedding”.
      
      52.12 ottobre 2016 Repubblica.it “​Omofobia e proteste a Bari: nel menù la pizza dei froci”​ (Bari )
      
      53.12 ottobre 2016 Sardiniapost.it ​“Omofobia, picchiato a sangue a Cagliari perché amico di un transgender”​ (Cagliari)
      
      54.4 ottobre 2016 ​Il Fatto quotidiano “Russo squalificato dopo le parole omofobe e sessiste” - “Devi abbandonare la casa stasera stessa”. Il verdetto lo ha comunicato in diretta ieri sera Ilari Blasy a Clemente Russo, l’ex pugile in forza alle Fiamme Azzurre e ora concorrente del Grande Fratello Vip, in seguito alle affermazioni del pugile all’interno della casa del reality fatte durante le “confidenze” fattegli dall’altro concorrente.
      
      55.4 ottobre 2016 Il Gazzettino “Sulle nozze gay l’ira omofoba” (Feltre - Belluno) - ​Le nozze dell'anno tra la coppia omosessuale Luca De Paoli e Carmine De Sanctis stanno scatenando l'ira dei benpensanti. Terreno privilegiato di commenti al vetriolo, inni alla famiglia tradizionale e condanne al limite della denuncia è, ancora una volta, il web.
      
      56.9 ottobre 2016 Il Messaggero “«Vergognati» Giovane gay aggredito da un islamico” (Roma) - ​Aggredisce un brasiliano in nome dell’Islam a colpi di bottiglia perché è gay. Ma si ferisce e corre al pronto soccorso per farsi medicare. La polizia lo scopre e Mostaphà, 29 anni, marocchino, viene arrestato.
      
      57.16 ottobre 2016 Il Secolo XIX “Insulti omofobi sui social due spezzini a giudizio” (La Spezia) - AVREBBERO rivolto minacce e insulti omofobi a un albergatore della provincia spezzina. Secondo quanto sostenuto dagli investigatori, Stefano Bozzato e Andrea Camaiora, 30 e 45 anni, si sarebbero mostrati impietosi, pubblicando motti molto pesanti su Facebook. Lo avrebbero fatto rivolgendosi direttamente alla vittima che, dopo aver letto alcune frasi ingiuriose, ha presentato denuncia all’’autorità giudiziaria.
      
      58.1 ottobre 2016 La Stampa “Ragazzo gay aggredito: “Denunciare rende liberi” (Roma) - Lunedì scorso mentre passeggiava nei pressi di piazzale Flaminio a Roma. Gerardo è stato afferrato per i capelli e trascinato in un vicolo. È stato schiaffeggiato, preso a calci e pugni, insultato da tre ragazzi poco più grandi di lui. «Ti devi vergognare per quello che sei», questa è stata la frase che più l’ha colpito.
      
      59.20 ottobre 2016 Il Resto del Carlino “Manifesti funebri per l’unione civile. Arcigay denuncia Forza nuova”
      
      60.26 settembre 2016 Corriere della sera “Dalla mamma e dal papà botte alla ragazza della figlia” (Roma) - ​La prognosi è di 15 giorni, la ragazza ha ferite a uno zigomo, al naso e a una mano. La ferita che per rimarginarsi avrà bisogno di più tempo, però, è un’altra. La storia è questa: due genitori che piombano come furie nella Gay Street, davanti al Colosseo, per portar via la figlia sedicenne da uno dei locali dove la giovane si stava incontrando con la sua ragazza, una ventunenne. Una relazione osteggiata dalla famiglia che ha scatenato il panico, giovedì sera, innescando anche la reazione di chi ha assistito alla scena
      
      61.29 settembre 2016 Corriere della sera “Schiaffi e calci a un ventenne «I gay devono fare una brutta fine»” (Roma) - ​Era appena uscito dalla fermata della metropolitana al Flaminio, quando tre giovani lo hanno fatto cadere gridandogli insulti omofobi, del genere «frocio di m...», e altri. Poi hanno cominciato a schiaffeggiarlo e a tirargli dei calci, ma l’arrivo dei passanti li ha fatti desistere e fuggire.
      62.16 settembre 2016 Il Messaggero “Ricatti gay, giovane verso il processo” (Lanciano - Pescara) - ​Un trentaduenne bulgaro, residente alle porte di Lanciano, dopo aver allacciato per oltre un anno un rapporto con un gay lancianese lo ha spremuto come un bancomat, dietro anche minacce di morte.
      
      63.8 settembre 2016 Il Resto del Carlino “Mi tirano vermi e urina. Ora basta, ho paura” (Ferrara): ​Aggredita e umiliata per un gioco vigliacco. Colpita con secchiate di urina e vermi e lasciata sul ciglio della strada, moralmente e fisicamente devastata. Uno stillicidio che va avanti da mesi e al quale Giada, transessuale 37enne, ha voluto dire basta.
      
      64.4 settembre 2016 La Stampa “Incendi a Mortola, spunta presunta pista omofoba Le indagini su altri roghi” (Ventimiglia - Imperia) ​Secondo gli inquirenti potrebbe i essere un movente omofobo che avrebbe spinto il presunto piromane, riconosciuto da alcuni testimoni, ad appiccare il fuoco a ridosso delle spiaggette frequentate soprattutto da naturisti e note anche per gli incontri omosessuali.
      
      65.4 settembre 2016 ​baritoday.it “​Corato, "noi vittime di omofobia in un locale pubblico​" (Corato - Bari)
      
      66.15 settembre 2016 Il Secolo XIX “«Gay morirete di Aids» il dantista Manuguerra finisce bufera” (La Spezia) - Nel mirino, i termini di spregio usati, e la funerea previsione: «Morirete tutti di Aids...». Manuguerra ha citato il XV canto dell’Inferno, scrivendo che per Dante i gay sono “solo delle m...”.
      
      67.26settembre2016Il Mattino “Offese omofobe sul web, l’ira di Forte «Insultato da chi lavora per i Pisano” (Modena) ​A prendere di mira la sua omosessualità e a tingere di discriminazione la vertenza della fabbrica di via dei Greci è stato Antonello Coppolecchia. La stessa persona che, poco più di die- ci giorni fa, aveva rivolto allo stesso Forte una frase minatoria. L’espressione allora usata dall’uomo aveva un tono intimidatorio: «Lo vedrò prima o poi in un forno crematorio».
      
      68.1 settembre 2016 La Prealpina “Omofobia, c’è un altro episodio” (Varese) -Eravamo seduti su una panchina, abbracciati - avrebbero raccontato i due giovani innamorati - e alcuni ragazzi ci hanno chiesto se non ci vergognavamo a comportarci così in pubblico, che facciamo schifo perché siamo contro natura e altre contumelie. Ce ne siamo andati via perché gli animi si stavano scaldando e non volevamo che finisse male».
      
      69.10 settembre 2016 Il Fatto quotidiano ““Se lo racconti, per te sarà peggio” Minacciato e deriso. “Sei un frocio” (Milano) ​Ha paura di uscire di casa perché il suo compagno frequenta il suo quartiere. È stato difficile per lui parlarne: a casa, a scuola, era minacciato da quello stesso compagno: gli ripeteva che se avesse riferito qualcosa avrebbe fatto peggio. Ma al peggio c’era già arrivato: sputi, spintoni, schiaffi.
      
      70.30 agosto 2016 La Repubblica “Violenza a piazza Bellini gay preso a schiaffi” (Napoli)- ​«Mi hanno afferrato per la nuca, erano in tre e mi hanno schiaffeggiato con forza, poi hanno sputato e sono scappati».
      
      71.24 agosto 2016 Il Mattino “Arcigay, un proiettile all’ingresso della sede “(Napoli) L’ultimo brutto, inquietante episodio risale a tre giorni fa, anche se soltanto ieri se ne è avuta notizia. Un bossolo di proiettile poggiato sul lucchetto di chiusura dell’ingresso della sede di vico San Geronimo, a due passi da Santa Chiara.
      
      72.17 agosto 2016 ​La Stampa “Sputi e insulti omofobi a un ragazzo” (Aosta) - ​Insulti omofobi per tutto l’anno scolastico, sul pullman che lo porta ogni giorno a scuola. Un gruppo di bulli gli urla contro i più classici insulti troppe volte sdoganati al rango di bravata. Poi la sera di Ferragosto, uscendo da una pizzeria di Aosta, la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
      
      73.31 agosto 2016 ​Il Giorno “Insulti a una coppia gay in centro “Vergognatevi, siete contronatura” (Varese) - “non vi vergognate i abbracciarvi in pubblico? siete contronatura”: sono le frasi che un gruppo di ragazzi ha rivolto a una coppia gay nel centro di Varese.
      
      74.3 agosto 2016​ Il Resto del Carlino “ Unione gay tra Marco e Piergiorgio, frasi omofobe sul web” (Reggio Emilia) - ​Numerosi insulti via web all’indirizzo della coppia che ha inaugurato l’istituto delle unioni civili a Reggio Emilia
      
      75.30 agosto 2016 Il Mattino “Schiaffi e sputi contro un trans. Allarme Arcigay” (Napoli) - ​Domingo stava aspettando l’autobus che lo avrebbe portato a casa è stato avvi- cinato da tre uomini scesi da un’auto che lo hanno aggredito e schiaffeggiato con violenza.
      
      76.28 agosto 2016 Il Resto del Carlino 2016 “Imbrattati i volantini di de.sidera” (Fermignano - Urbino) - ​Le locandine con gli appuntamenti dell’associazione di sessuologia e psicologia sono stati imbrattati da una mano anonima. Sopra il titolo delle giornate sull’amore la scritta “gay”
      
      77.20 agosto 2016 Il Messaggero “Finto escort aggrediva ragazzi all’Eur arrestato” (Roma) - ​Finto escort e vero rapinatore. Un romeno, giovanissimo, di quelli col fascino delle periferie, ha adescato un ragazzo gay proponendo prestazioni a pagamento, ma dietro ai cespugli del Parco del Turismo le moine e i sorrisi affettuosi sono diventati botte e minacce
      
      78.5 agosto 2016 Il Mattino “Data alle fiamme la capanna sul Brenta della comunità gay” (Padova) - ​Fuoco e fiamme sulla capanna in Brenta della comunità gay: la polizia locale di Fontaniva e la Forestale di Cittadella, armati di motoseghe, per la seconda volta hanno demolito mercoledì la colorata installazione di legno, teli e ombrelloni a due passi dalla “busa” di Giaretta, ma nella notte tutti i pezzi ammucchiati sono stati dati alle fiammeo da qualche teppista probabilmente omo fobo.
      
      79.31 luglio 2016 Parma “Un uomo aizza il suo rottweiler contro coppia gay” (Parma) Due uomini hanno denunciato ai carabinieri di Parma di essere stati vittime di un’aggressione omofoba lunedì sera al campo sportivo Gandolfi. Una grosso cane, hanno spiegato, è stato aizzato contro di loro.
      
      80.25 luglio 2016 ​bergamonews.it “​Aggressione omofoba al cimitero: “Ora basta, ribelliamoci” ​(Bergamo)
      
      81.15 agosto 2016​ Blastingnews.it “​Benji e Fede insultati durante il Battiti Live​” (Matera)
      
      82.14 agosto 2016 Il Centro “Agguato al gay, preso a sassate e ferito” (Avezzano -L’Aquila) - ​Verso le 22.30 il giovane percorreva la via Cicolana appena uscita di casa. Nella strada, al centro storico, è stato avvicinato da una Fiat Punto con a bordo cinque persone. « Ho appena fatto in tempo a togliere le cuffiette che ho sentito un colpo alla gamba e gli insulti». La macchina subito dopo è fuggita a grande velocità dileguandosi per il centro di Magliano. Lui ha cercato di rincorrerla per leggere almeno la targa, ma non ce l’ha fatta. È tornato sui suoi passi e ha visto per terra l’oggetto che gli è stato scagliato contro: non precisamente un sasso ma un pezzo di asfalto.
      
      83.13 luglio 2016 Il Resto del Carlino “Offeso e insultato perché sono un gay, colpa di un clima di odio e di rabbia” (Rovigo)
      
      84.3 luglio 2016 La Repubblica “La sindaca copre gli insulti sui manifesti del “Gay Pride” “ (Torino) - ​COLLA e scopa per sostituire i manifesti del “Torino Pride” imbrattati con croci celtiche e svastiche.
      
      85.14 luglio 2016 Il Giornale ”Frasi omofobe e razziste. Il fotografo di Sala finisce nella bufera” (Milano) - ​“Prima me ne vado da questa fortissima Montenapoleone piena di ricchioni e meglio sto” . Ne ha anche per Nichi Vendola, “frocio indegno”
      
      86.9 luglio 2016 La Repubblica “Ponticelli, aggredito perché gay” (Napoli) - ​Aggredito e picchiato selvaggiamente perché gay. Lino Fusco, 25 anni, ha denunciato due sconosciuti che l’hanno fermato, insultato e preso a calci e pugni a Ponticelli, in una traversa di via Argine, martedì scorso.
      
      87.8 luglio 2016 La Nuova Sardegna “Manifesti gay bruciati: quattro denunce” (Palmas Arborea - Oristano) - ​Sono stati dati alle fiamme i manifesti di una campagna contro l’omofobia affissi a Palmas Arborea.
      
      88.30 giugno 2016 La Stampa “Insulti omofobia a Mika e Elton John “paura del diverso”” (Torino) - «Facebook è una piazza selvaggia, dove il sentimento che spesso prevale è la
      rabbia. Lo sapevamo e lo sappiamo, ma ciò non è bastato a mitigare lo stupore e il dispiacere con cui abbiamo letto gli insulti omofobi scritti sul profilo di Collisioni del social network, contro la presenza di Elton John e di Mika a Barolo».
      
      89.22 giugno 2016 Il Gazzettino “Organizzatori del gay pride pestati Un coro: «Aggressori vigliacchi» “ (Treviso) - Condanna unanime contro i violenti e misteriosi aggressori di Simone Carnielli ed Elena Toffolo, due degli organizzatori del Treviso Pride attaccati da un gruppetto di omofobi sabato notte.
      
      90.19 giugno 2016 La Repubblica “Omofobi contro il carro del Pride” ( Firenze) - ​«La natura non si cambia, un figlio non si cambia». Questa la scritta apparsa ieri su uno dei carri, allestito alla Limonaia di Villa Strozzi, che partecipavano alla sfilata del Toscana Pride a Firenze, «vandalizzato e smontato»
      
      91.27 giugno 2016 La Repubblica“Fuorigrotta trans rapinata e picchiata. è il terzo caso in tre mesi” (Napoli) -​L’ultimo caso sabato notte : una rapina a una trans, che è stata picchiata e ha riportato pesanti ferite al volto. È in prognosi riservata, perché rischia di perdere un occhio.
      
      92.21 giugno2016Gazzetta “Agguato a Messori, solidarietà Arcigay” (Rubiera - Reggio Emilia) - Davide Messori, 50enne fotografo amatoriale, all’una della notte tra sabato e domenica, mentre attraversava il parco Andreoli, è stato colpito alle spalle da una o più persone con un corpo contundente: caduto e svenuto per qualche minuto.
      
      93.4 giugno 2016 Il Messaggero “Papà ordina un raid punitivo contro l’amante del figlio gay” (Benevello - Cuneo) - ​Pugni e bastonate per dissuadere l’amante del figlio diciottenne, un extracomunitario, a proseguire quell’amore gay. Non un tentativo di rapina, ma un vero e proprio raid punitivo, l’aggressione a tre giovani avvenuta nella notte dello scorso 16 maggio in un’area di servizio di Benevello, in provincia di Cuneo.
      
      94.17 giugno 2016 ​Corriere del Trentino “Sessantenne minacciato dall’amante. Contanti per non rivelare la storia gay” (Trento) - ​Per due anni un sessantenne è stato minacciato dall’ex amante, che lo avrebbe ricattato chiedendogli del denaro per non rivelare la relazione e quindi orientamento sessuale.
      
      95.10 giugno 2016 Gazzetta del Sud “Dopo il voto i volantini omofobi” (Sangineto Cosenza) - ​Ciò che “ferisce” gran parte della cittadinanza sono infatti quelle parole contenute nel fo glio, che passa di mano in mano, con toni ironici e sarcastici rivolti in particolare a Pietro Palermo, alla sua professione come ex responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune e alla sua famiglia. «Voi dovevate vivere in Sicilia o nella Locride. Due colpi di pistola e via».
      
      96.16 giugno 2016 Il Resto del Carlino “Io, perseguitato da sempre perché sono gay” (Modena) -​Mi hanno avvicinato e chiesto una sigaretta, poi hanno iniziato a parlare tra loro. Mi hanno fatto domande sullo smalto e sulla giacca. Poi la domanda come una doccia fredda: ma sei frocio. Mi sono allontanato ma uno di loro mi ha raggiunto e mi ha colpito.
      
      97.26 giugno 2016 Il Resto del Carlino “Vandali nella sede Arcigay “Abbiamo fatto denuncia”” (Modena)- ​Prima le minacce di morte, poi i vandali: è successo nella sede Arcigay di Modena
      
      98.27 giugno 2016 Il Mattino “Aggredito un trans: paura e proteste” (Agnano - Napoli)​ Una spedizione punitiva. Un gesto assurdo, quello che ha lasciato tramortita Lia, finita nel mirino di alcuni balordi che hanno sfogato la loro violenza contro una transessuale. L’episodio è accaduto sabato, poco dopo mezzanotte.
      
      99.26 giugno 2016 Il Nuovo quotidiano di Puglia “Omofobia targata Taranto: picchiato in strada perché gay” (Taranto) - ​La testa scaraventata con violenza contro una vetrina, poi tre pugni. Sono le sequenze dell’ aggressione subita in pieno giorno e in pieno centro da Luigi Pignatelli, artista tarantino di 29 anni presidente dell’ Arcigay jonica. Una punizione pubblica ed esemplare con la quale l’aggressore ha voluto punire il giovane tarantino “colpevole” di essere omosessuale.
      
      100. 24 maggio 2016 Corriere della sera “Pietre sul corteo dei gay «Temiamo l’emulazione»” (Roma) - Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, racconta con particolari
      l’ultima aggressione subìta da un gruppo di giovani che stavano festeggiando il Testaccio Rainbow nella serata di domenica, una manifestazione contro l’omofobia. Dal terrazzo o da quei balconi è stato lanciato un pezzo di calcestruzzo pesante quasi due chili e di una quindicina di centimetri di diametro che ha sfiorato alcuni ragazzi che si trovavano giù in strada con le bandiere del Gay Center.
      
      101. 20 maggio 2016 Il Corriere della sera “«Insulti razziali, poi ci hanno pestato» Agguato al locale di artisti e gay” (Bergamo) ​- «Ci siamo trovati davanti due uomini con un cane che hanno iniziato a insultarci», racconta al bancone quando già la storia sta passando di bacheca in bacheca (Facebook). Insulti razziali e omofobi, precisa il libraio-barista, ai quali sono seguite le botte
      
      102. 28 maggio2016Gazzetta “«Paga o a tua moglie racconto che sei gay» (BORGO VIRGILIO -Mantova).
      public post_title -> string(151) "OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY STILA IL REPORT 2017: "NELL'ANNO DELLE UNIONI CIVILI ESPL…"
      OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY STILA IL REPORT 2017: "NELL'ANNO DELLE UNIONI CIVILI ESPLODE L'HATE SPEECH NELLE ISTITUZIONI. ALLARME PER IL FENOMENO BABY GANG"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(134) "omotransfobia-arcigay-stila-report-2017-nellanno-delle-unioni-civili-esplode-lha…"
      omotransfobia-arcigay-stila-report-2017-nellanno-delle-unioni-civili-esplode-lhate-speech-nelle-istituzioni-allarme-fenomeno-baby-gang
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-18 11:58:19"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-18 09:58:19"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152600"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152587
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-18 07:00:45"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-18 05:00:45"
      public post_content -> string UTF-8(2641) "<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/7rHT6tda0LM"…"
      <iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/7rHT6tda0LM" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>
      
      <strong>Gay. Cyber bullismo: al via lo spot delle scuole ed associazioni lesbiche e gay #IoStoConTe</strong>
      
      
      In occasione del 17 Maggio Giornata Mondiale contro l’Omofobia, nell’ambito dei progetti del MIUR e del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, le associazioni Arcigay, Arcilesbica ed Agedo con il Coordinamento di Gay Center hanno elaborato una campagna guidata dall’Istituto tecnico Cine-TV Rossellini di Roma contro il cyber bullismo verso le persone lesbiche e gay.
      
      Le parole che emarginano e discriminano fanno male. Ne fanno esattamente quanto un atto di violenza fisica. E fanno male nella vita di tutti i giorni, come in Internet o sui social network, che non sono luoghi di anonimato e senza regole. Le studentesse e gli studenti devono essere educati quali cittadine e cittadini responsabili e rispettosi dei diritti di ciascuna persona, fuori e dentro la Rete. Devono imparare a conoscere e governare il linguaggio d’uso comune, la nostra lingua madre, come quello digitale, per farne codici di inclusione e condivisione e non come armi con le quali danneggiare le altre e gli altri. È questo il compito che il nostro sistema d’istruzione si prefigge: creare, attraverso le nuove generazioni, una società di pari opportunità, di uguali diritti, di rispetto e di libertà, in cui ciascuna e ciascuno sentano di potersi esprimere senza condizionamenti. Una società che sia comunità che accoglie la diversità e ne fa occasione di crescita. #IoStoConTe, campagna che come Miur sosteniamo, va proprio in questa direzione” Dichiara la ministra Valeria Fedeli
      
      Lo spot elaborato dagli studenti del Rossellini di Roma, viene diffuso in molte scuole coinvolte nel progetto con l’obiettivo di contrastare le discriminazioni che avvengono tra i giovani attraverso i social o le chat, dove molto spesso i ragazzi e le ragazze lesbiche, gay e trans vengono derisi, stalkerizzati, senza che nessuno intervenga.
      
      Dopo diversi incontri di formazione sulle tematiche della non discriminazione, tramite dei laboratori esperenziali ed in ambienti multimediali, gli studenti hanno voluto produrre così un messaggio rivolto a tutti quei ragazzi che sui social fanno da spettatori o che in modo a volte anche inconsapevole supportano i “bulli” del web.
      
      Questo spot cerca di far comprendere la violenza che può passare attraverso i social e lancia un messaggio positivo ai ragazzi con #IoStoConTe. Le scuole gli studenti invitano tutti i loro coetanei a condividerlo sui loro social.
      public post_title -> string(91) "Gay. Cyber bullismo: al via lo spot delle scuole ed associazioni lesbiche e gay …"
      Gay. Cyber bullismo: al via lo spot delle scuole ed associazioni lesbiche e gay #IoStoConTe
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(86) "gay-cyber-bullismo-al-via-lo-spot-delle-scuole-ed-associazioni-lesbiche-gay-iost…"
      gay-cyber-bullismo-al-via-lo-spot-delle-scuole-ed-associazioni-lesbiche-gay-iostoconte
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-18 09:27:58"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-18 07:27:58"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152587"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer150584
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-03-24 06:21:52"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-03-24 05:21:52"
      public post_content -> string UTF-8(2571) "<strong>Coppie gay “sierodiscordanti”: ultimi 3 mesi per partecipare all’importa…"
      <strong>Coppie gay “sierodiscordanti”: ultimi 3 mesi per partecipare all’importante studio Partner</strong>
      
      
      Lo studio europeo Partner sta “arruolando” le ultime coppie di uomini “sierodiscordanti”, in cui uno ha l’Hiv e prende la terapia antiretrovirale e l’altro non ha l’Hiv, e che abbiano autonomamente deciso di fare sesso tra di loro senza usare sempre il preservativo. Lo studio continuerà ancora per pochi mesi, gli arruolamenti chiuderanno a giugno 2017 (tra tre mesi) e le coppie saranno seguite fino a gennaio-marzo 2018. Quindi l’impegno richiesto per partecipare non è tanto: ogni 6 mesi un questionario sulla vita sessuale per entrambi i partner e il test Hiv per il partner che non ha l’HIV.
      
      Lo scopo della ricerca è capire definitivamente quale sia il rischio per il partner che non ha l’Hiv di contrarlo facendo sesso senza preservativo con il suo compagno sieropositivo in terapia. Si tratta di uno studio molto importante per la nostra comunità, che dirà probabilmente una parola conclusiva sull’efficacia della TasP (Treatment as Prevention – Terapia come Prevenzione) anche per i rapporti tra uomini sierodiscordanti. La TasP è una delle tecniche di prevenzione più efficaci non basate sul condom. Insieme alla PrEP è uno degli elementi chiave della strategia di prevenzione combinata su cui negli ultimi anni tutte le istituzioni e le associazioni che lavorano sulla prevenzione dell’HIV stanno puntando, inclusa Arcigay.
      
      Lo studio Partner ha già presentato alcuni risultati intermedi nel corso del 2016, che indicavano già un probabile rischio ZERO per tutti i tipi di rapporti sessuali: questa, infatti, dopo in media un anno e tre mesi di osservazione è stata la percentuale di infezioni in 888 coppie sierodiscordanti (etero e gay), coppie in cui non si utilizzava il preservativo e in cui il/la partner con HIV aveva viremia non rilevabile. Per varie ragioni, di cui si può leggere una sintetica discussione su salutegay.it, lo studio ha proseguito gli arruolamenti solo per le coppie di uomini e si concluderà nel 2018.
      
      Ci sono cinque centri attivi in Italia per entrare nello studio, Milano, Modena, Genova, Roma e Catania, ma è possibile partecipare allo studio anche se non si vive in una di queste città: alcune coppie partecipano anche da “remoto” inviando i questionari e i risultati dei test ai centri di riferimento.
      Per qualsiasi informazione potete rivolgervi a Giulio Maria Corbelli (giuliomariacorbelli@gmail.com) o indirizzare alla pagina Facebook Partner Study Italia (https://www.facebook.com/partnerstudyitalia/).
      public post_title -> string UTF-8(90) "Coppie gay “sierodiscordanti”: ultimi 3 mesi per partecipare all’importante stud…"
      Coppie gay “sierodiscordanti”: ultimi 3 mesi per partecipare all’importante studio Partner
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(82) "coppie-gay-sierodiscordanti-ultimi-3-mesi-partecipare-allimportante-studio-partn…"
      coppie-gay-sierodiscordanti-ultimi-3-mesi-partecipare-allimportante-studio-partner
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-03-24 08:22:58"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-03-24 07:22:58"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=150584"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer147435
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-01-11 07:06:34"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-01-11 06:06:34"
      public post_content -> string UTF-8(2839) "<img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/01/370111-arci-teatro…"
      <img src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/01/370111-arci-teatro.jpg" alt="" width="427" height="640" class="alignnone size-full wp-image-147436" />
      
      <strong>In una stanza d’hotel, poco prima del Gay Pride: a Napoli debutta “Quei ragazzi del ’96”. Biglietti in promo Arcigay.</strong>
      
      Nuovo Teatro Sanità
      presenta
      
      13, 14, 15 gennaio
      
      presso
      GRAND HOTEL PARKER’S
      
      <em>Quei ragazzi del 96</em>
      
      scritto da Claudio Finelli
      
      con Riccardo Ciccarelli, Fabiana Fazio, Gennaro Maresca, Alessandro Palladino, Ciro Pellegrino, Fabio Rossi
      
      regia di Carlo Caracciolo e Fabio Rossi
      
      Il Nuovo Teatro Sanità rinnova la sua collaborazione col Grand Hotel Parker’s, riproponendo il format ideato da Mario Gelardi e Claudio Finelli, Do not disturb – il teatro si fa in albergo, le cui stanze teatrali hanno riscosso grande successo nel corso degli ultimi due anni.
      Venerdì 13 e sabato 14 alle ore 21.00, con ultima replica domenica 15 alle ore 18.00, andrà in scena nella suite presidenziale dell’albergo una nuova versione del format, Quei ragazzi del 96, che racconta le difficoltà e le contraddizioni nascoste dietro il tema dell’omosessualità, sul finire del secolo scorso, quando veniva alla luce anche negli ambienti più benestanti della vita partenopea. Quei ragazzi del 96 è scritto da Claudio Finelli, la direzione è di Fabio Rossi e Carlo Caracciolo, e vede in scena Riccardo Ciccarelli, Fabiana Fazio, Gennaro Maresca, Alessandro Palladino, Ciro Pellegrino e Fabio Rossi.
      
      Do not disturb, il teatro nelle stanze d’albergo, ha ormai consolidato il suo successo grazie al riscontro avuto con il pubblico a partire dalle prime innovative messinscena, fino alle più recenti Shakespeare’s rooms. Questa volta il fortunato format teatrale torna e si rinnova ancora una volta proponendo una long form. Gli spettatori, nella camera insieme ai protagonisti della vicenda, torneranno indietro di vent’anni e si troveranno ad essere testimoni silenziosi di uno spaccato di vita di un ragazzo gay della Napoli bene e dei suoi amici, assistendo a confessioni e risvolti inaspettati.
      
      E’ la primavera del 1996 e a Napoli soffia un vento nuovo. Un vento di liberazione. Un vento arcobaleno. Forse qualcosa sta per cambiare. Un cambiamento lento ma inesorabile. A pochi giorni dal primo Gay Pride convocato a Napoli, un gruppo di amici si riunisce per festeggiare il compleanno di uno di loro. Ma la festa si trasforma in un ironico “gioco della verità”. Tra silenzi, paure e rancori, un affresco intenso e commovente di un’umanità che iniziava a sperimentare l’euforia e la difficoltà di uscire alla luce del sole.
      
      Riduzioni Promo Arcigay e Under25 10€
      
      Lo spettacolo è per un massimo di 35 spettatori a replica per cui si consiglia la prenotazione.
      
      Info e prenotazioni: 3396666426
      
      www.nuovoteatrosanita.it
      public post_title -> string UTF-8(117) "In una stanza d’hotel, poco prima del Gay Pride: a Napoli debutta “Quei ragazzi …"
      In una stanza d’hotel, poco prima del Gay Pride: a Napoli debutta “Quei ragazzi del ’96”. Biglietti in promo Arcigay.
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(91) "stanza-dhotel-poco-del-gay-pride-napoli-debutta-quei-ragazzi-del-96-biglietti-pr…"
      stanza-dhotel-poco-del-gay-pride-napoli-debutta-quei-ragazzi-del-96-biglietti-promo-arcigay
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-01-11 09:18:18"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-01-11 08:18:18"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=147435"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer146435
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-12-20 09:17:37"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-12-20 08:17:37"
      public post_content -> string UTF-8(13337) "<strong>…e i regali? Strenne natalizie dalla Fiera della Piccola e Media Editori…"
      <strong>…e i regali? Strenne natalizie dalla Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma</strong>
      
      Si avvicina Natale. Dunque, è tempo di regali. Di corse convulse per le strade, tra i negozi, fendendo la folla alla ricerca del regalo perfetto. Della novità assoluta. E, ovviamente, del gay gift di ultimissima produzione.
      
      Qualche settimana fa, curiosando tra gli stand della Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma, Più Libri, Più Liberi, abbiamo intercettato alcuni titoli “freschi di stampa” che, senza dubbio, le vostre amiche e i vostri amici lgbt (e non solo) sarebbero felici di ricevere in dono. E quale occasione migliore del Natale (o della Befana, perché no?) per regalarglieli?
      
      Inizierei da un romanzo di grande attualità ambientato nella drammatica realtà delle megalopoli mediorientali, <strong>ULTIMO GIRO AL GUAPA</strong> di Saleem Haddad (edizioni e/o), storia del giovane gay Rasa e delle atrocità inflitte dal fondamentalismo islamico alle persone lgbt. I sentimenti e le emozioni conflittuali dei personaggi, che si mescolano ai complessi rapporti di relazione del Mondo Arabo, sono tutte racchiuse nelle parole che Taymour dice, una mattina, al risveglio, al suo amato Rasa: Per molto tempo il mondo mi è sembrato un deserto. Nulla di quello che facevo mi dava gioia. Mi ero rassegnato a vivere così, come se fossi morto. Ma poi tutto è cambiato. La sera in cui ci siamo incontrati. È stata la più importnte della mia vita. Tu mi hai insegnato a provare sentimenti…Adesso non so se ti amo o ti odio per questo.
      
      E, a proposito di omosessualità costretta al silenzio, e di identità negate, un libro importantissimo, ristampato da poco con una significativa introduzione iniziale rispetto alla precedente edizione, è <strong>CARAVAGGIO, ICONA GAY</strong> di Placido Seminara Battiato di Lampedusa (Iacobelli), un volume che scioglie in maniera ineccepibile diversi grumi tematici relativi alla sessualità e all’affettività del nostro grande pittore partendo dall’osservazione attenta e dalla contestualizzazione necessaria delle opere di Caravaggio. Una risposta netta e senza appello ai tanti storici dell’arte, alcuni di gran fama, che hanno attribuito a Caravaggio relazioni eterosessuali senza alcun fondamento, censurando e facendo sparire al contempo pitture murali e tele d’argomento sodomitico pur di negare ipocritamente l’omosessualità del grande maestro della pittura italiana. Placido Seminara risponde a questi tristi “censori” dell’arte e della vita con la sua puntuale operazione filologica per lasciare agli omosessuali di domani la loro storia, come i loro modelli, e i loro eroi. Perché la verità non può che liberarci.
      
      Volendo restare nel campo dei miti e delle icone, ci imbattiamo nella recentissima pubblicazione delle Edizioni La Conchiglia di Capri: <strong>I MISTERI DI VILLA LYSIS – TESTAMENTO E MORTE DI JACQUES FERSEN</strong> di Fausto Esposito, magistrato di Cassazione che ha studiato alcuni documenti inediti relativi al nobile dandy omosessuale reso celebre dal romanzo L’ESULE DI CAPRI di Jacques Peyrefitte. A partire proprio dalla lettura del suo testamento, Fausto Esposito sottolinea come Fersen abbia lasciato tutti i beni capresi, tutto il denaro liquido e tutte le azioni prontamente realizzabili al bellissimo modello italiano Nino Cesarini, la cui presenza a Villa Lysis, insieme ad un altro giovanetto, proprio la notte in cui Fersen morì per overdose di cocaina, sollecitò all’epoca una celebre indagine penale. In realtà, il giudice istruttore escluse, almeno formalmente, l’ipotesi dell’omicidio ordito dall’amante ed erede Nino Cesarini, lasciando invece il dubbio sulla natura del decesso, cioè se si fosse stato di un collasso accidentale o di un suicidio premeditato da Jacques per “punire” l’amore ormai inaridito o per fugare un insopportabile stato d’angoscia.
      
      Parlando d’inchieste e di morti sospette, un libro davvero interessante è <strong>ACCADDE ALL’IDROSCALO – L’ULTIMA NOTTE DI PIER PAOLO PASOLINI</strong> di Fabio Sanvitale e Armando Palmegiani (Sovera Edizioni) con una prefazione di Federica Sciarelli. L’inchiesta di Sanvitale e Palmegiani, ricca di documenti e indizi inediti, fornisce un nuovo movente per l’omicidio, nuove piste e nuove coincidenze, nuovi sospetti e nuove riflessioni. E ci proietta, a quarantuno anni da quella tragica notte, all’interno di uno dei casi più drammatici del nostro Novecento. I capitoli del libro portano ciascuno il nome di una zona significativa per la ricostruzione dell’omicidio. Sullo sfondo, del resto, c’è Roma. Un gigante di marmo e tapparelle abbassate. Troppo lontana e troppo indifferente per proteggere il grande poeta.
      
      Il nuovo romanzo di Stefano Paolo Giussani, <strong>FARÀ NEBBIA</strong> (Robin Edizioni), ci viene presentato sin dall’inizio come un Romanzo Partigiano poiché la Resistenza è al centro della narrazione e la storia si svolge nel Nord Italia durante la seconda guerra mondiale, in un clima culturale, politico e sociale decisamente omofobico. I protagonisti sono Ervé che, prima fascista, si unisce poi ai gruppi partigiani e Sebastiano, scultore omosessuale e membro di un cenacolo di artisti gay. La nebbia, probabilmente, non è solo quella che ricopre in banchi fitti le terre padane, ma è anche la nebbia della ragione, della coscienza e della consapevolezza. La nebbia che si abbatte sulla strada di chi non riesce a vivere e a viversi in maniera autentica e serena. Farà nebbia, e più la nebbia è fitta e meno capisci se la strada è quella giusta. Se serve cambiare aria, ascolta quello che viene da dentro e cambiala senza pensarci troppo sopra. Devi scegliere tu i tuoi desideri ragazzo. Con queste parole un sacerdote ricorda ad Ervé l’importanza della scelta e del cambiamento e soprattutto ricorda ai lettori che, nonostante la nebbia, qualsiasi tipo di nebbia, bisogna dar sempre retta a quel che c’è nel cuore.
      
      Fuori da qualsiasi nebbia delle convenzioni sociali e degli stereotipi ci conduce, invece, il romanzo di Ferran Torrent, <strong>WHISKY E CHICCHI DI CAFFÈ</strong> (Gran Via Editore). Ferran Torrent è uno dei più popolari e prolifici narratori catalani contemporanei e in questo romanzo, dichiaratamente autobiografico, ambientato a Valencia negli anni Sessanta, ci racconta la storia di un’educazione familiare e sentimentale decisamente sui generis e di uno zio omosessuale, Ramonet, altruista e taciturno, un ragazzone virile che attendeva il mercoledì per vivere la propria omosessualità, di nascosto, per poche ore, in una società spagnola ancora repressiva, franchista e bigotta. La storia di Ramonet è, in qualche modo, la storia di tante donne e di tanti uomini che hanno dovuto vivere, o ancora vivono, il proprio amore e il proprio desiderio di nascosto, come una colpa o una vergogna, perché ritenuti immorali da società che hanno disprezzato o continuano a disprezzare gli omosessuali. Per Ramonet, l’appuntamento del mercoledì non era quello di un amante che attende impaziente che arrivi l’ora concordata, bensì una sorta d’incontro segnato dal conto alla rovescia di una felicità fugace.
      
      Questa capacità di fondere narrazione particolare e testimonianza universale è dote peculiare del lavoro letterario di un grande intellettuale italiano, Franco Buffoni, che nel suo ultimo libro, <strong>IL RACCONTO DELLO SGUARDO ACCESO</strong> (Marcos Y Marcos) consegna al lettore una serie di tessere narrative che non sono solo il risultato di perlustrazioni sentimentali, geografiche, professionali e sociali dell’autore, quanto una vera e propria lezione di vita. Di come la vita può e deve essere affrontata. Di come la vita può e deve essere osservata. Di come la vita può e deve essere amata. Pagine importanti sono quelle che anche Buffoni dedica all’omicidio di Pier Paolo Pasolini. Pagine importanti non solo perché fissano l’omicidio di Pasolini nell’ambito dell’assassinio politico, che l’omofobia ha reso più cruento e “mascherato”, ma perché raccontano dell’enorme inganno che per anni ha celato la verità anche agli sguardi più attenti e illuminati. Tra i “racconti” che ci restituisce Buffoni, ricordiamo quello in cui il poeta ripercorre le prime tappe della propagazione del contagio da HIV, agli inizi degli anni ottanta, tra sgomenti personali, reazioni sociali e diffusa idiozia italiota, quella che – per intenderci – suggerì al ministro democristiano Carlo Donat Cattin di dichiarare che l’Aids capitava “a chi se lo va a cercare”.
      
      A proposito di AIDS, dobbiamo assolutamente segnalare <strong>ADDIO RAGAZZO DI LUCE</strong> di Padre Jan van Kilsdonk s.j. (Armando Editore), un libro che racconta il rapporto molto particolare di un sacerdote olandese con il mondo LGBT negli anni in cui la società fu improvvisamente sconvolta dalla diffusione dell’AIDS, fornendo una chiave inedita d’approccio alle urgenze delle persone omosessuali. D’altronde, la rilevanza di questo libro è confortata dal fatto che promotore della pubblicazione e della diffusione del testo è l’Eurispes che, nell’attuale fase contraddittoria della nostra storia, ha ritenuto questo testo funzionale a promuovere l’etica della solidarietà e della conoscenza. Il libro riporta trentuno discorsi del sacerdote olandese, morto nel 2008; sono discorsi pronunciati in occasione dei funerali di alcuni giovani omosessuali morti di AIDS, tra anni Ottanta e anni Novanta, cioè quando la malattia era nel pieno della sua violenza pandemica. E mentre la Chiesa stigmatizzava gli omosessuali come “portatori” della malattia, definendo addirittura l’AIDS una sorta di punizione divina per i “peccatori”, Van Kilsdonk respingeva esplicitamente queste assurdità, confortava quotidianamente chi era malato e aiutava gli stessi omosessuali, che vivevano con vergogna la propria condizione, a liberarsi dell’inutile e doloroso fardello di disprezzo che avevano interiorizzato dalla società.
      
      Restiamo in un clima “teologico” e non convenzionale con il libro di Teresa Forcades, <strong>SIAMO TUTTI DIVERSI!</strong> (Castelvecchi). Teresa Forcades è una suora e una teologa “rivoluzionaria” che sostiene con convinzione le istanze della comunità LGBT, spiega con puntualità d’informazione perché il matrimonio omosessuale è un sacramento e non è in contraddizione con la parola di Dio e si dichiara totalmente d’accordo all’adozione da parte di coppie omogenitoriali. L’excursus del libro, seguendo l’originale interpretazione teologica del concetto queer, pone In filigrana, attraverso il flusso di una vita d’eccezione, una domanda spiazzante: cosa significa essere una teologa femminista nel XXI secolo?
      
      Infine, qualche consiglio più marcatamente saggistico.
      
      Iniziamo con <strong>GENITORI G.A.Y.GOOD AS YOU</strong> di Sara Kay (Tempesta editore), libro che prende le mosse dal blog in cui la giovanissima Sara Kay appuntava le proprie riflessioni sulle realtà omogenitoriali. Il libro, invece, ha una struttura più sistematica e intende osservare in maniera specifica l’omogenitorialità da tre punti di vista: quello degli psicologi, quello dei genitori e quello degli avvocati. Insomma, una trattazione corale e dettagliata, in cui si dà voce perfino ai detrattori, per arrivare ad una conclusione incontrovertibile: i figli cresciuti da genitori omosessuali sono uguali in tutto e per tutto ai figli degli eterosessuali, tanto etero o gay, i genitori sbagliano sempre qualcosa ma sono errori fisiologici del proprio “ruolo” a prescindere dall’orientamento.
      
      Altro saggio che ha focalizzato la nostra attenzione è <strong>PORNOCULTURA</strong> di Claudia Attimonelli e Vincenzo Susca (mimesis), sociologi che hanno attraversato il territorio brulicante della varia fenomenologia legata alla pornografia e all’erotismo, da YouPorn a Grindr, dal proliferare dei locali con dark room alle fucking machine, per comprendere origini, genealogia ed effetti di questa scena convulsa. Giunta al suo stadio apicale, la società dei consumi sfoggia ormai senza indugi la sua neanche tanto occulta struttura motrice pornoerotica – ci spiegano Attimonelli e Susca – La pornocultura si è fatta spazio. Se è vero che le reti senza fili, le memorie senza fili, i telefoni senza fili e gli altri dispositivi del cloud computing stanno progressivamente intessendo di trame simboliche, affettive e oniriche il territorio fisico, modificando le forme comunicative dell’abitare in geografie del vissuto, è altrettanto evidente che queste forme sono innanzitutto sensibili e sensuali.
      
      Infine, un saggio davvero “rivoluzionario” e proteso verso paradigmi affettivi e relazionali futuri, <strong>PIÙ DI DUE</strong> di Franklin Veaux e Eve Rickert (Odoya), una guida pratica al poliamore etico. Si tratta di un vero e proprio manuale 2.0 sul poliamore che spiega come poter avere più partner senza gelosie e senza menzogne, sia dal punto di vista pratico che psicologico. D’altronde, negli ultimi anni tante persone hanno scoperto il poliamore come un’opzione legittima e auspicabile per condurre le proprie relazioni e questo libro ci racconta un po’ di storie e ci prospetta un po’ di soluzioni, senza pregiudizi e senza voler convincere nessuno. Gli autori vogliono solo provare a farci superare le nostre insicurezze, costruendo una way of life in grado di esprimere appieno la nostra personalità, nel rispetto di noi stessi.
      (Claudio Finelli)
      public post_title -> string UTF-8(81) "…e i regali? Strenne natalizie dalla Fiera della Piccola e Media Editoria di Rom…"
      …e i regali? Strenne natalizie dalla Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(70) "regali-strenne-natalizie-dalla-fiera-della-piccola-media-editoria-roma"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-12-20 10:39:55"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-12-20 09:39:55"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=146435"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer145089
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-11-17 07:01:44"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-11-17 06:01:44"
      public post_content -> string UTF-8(5932) " <strong>Gay nei clan, il racconto di Saviano: “Per i boss sono una vergogna”</s…"
      <strong>Gay nei clan, il racconto di Saviano: “Per i boss sono una vergogna”</strong>
      
      È sabato mattina. Ma non è un sabato come tutti gli altri. Infatti, oggi è il 12 novembre e al Rione Sanità di Napoli, è arrivato Roberto Saviano che si appresta a presentare, in anteprima nazionale, il suo nuovo romanzo, La Paranza dei bambini, edito da Feltrinelli.
      
      L’evento avrà luogo nel pomeriggio, nella sala del Nuovo Teatro Sanità, diretto dal drammaturgo e regista Mario Gelardi. E non è una scelta casuale, perché Gelardi, amico e sodale di Saviano, ha trasformato questo spazio in un vero avamposto di diritti, impegno civile e legalità.
      
      Poiché per la presentazione si prevedono vere e proprie folle oceaniche, approfittiamo della disponibilità di Gelardi per incontrare Saviano un paio d’ore prima dell’evento e fargli qualche domanda.
      
      Roberto, tu hai sempre avuto una posizione molto netta e chiara a favore delle istanze della comunità lgbt. Nel discorso che inviasti ad Arcigay in occasione dell’ultimo Congresso Nazionale, svoltosi a Napoli nel 2015, marcavi l’arretratezza di un Paese che nega diritti ai cittadini lgbt. Dopo la legge Cirinnà sulle Unioni Civili, a che punto è la notte?
      
      Secondo me, c’è ancora molto da fare. La legge sulle unioni civili è un bel traguardo ma non è tutto. Quello che mi stupisce è questa specie di percorso a doppio binario: da un lato la politica, così prudente, così bloccata e così terrorizzata di poter perdere consensi – d’altronde per questo è stata stralciata la cosiddetta “adozione del figliastro” dalla legge – dall’altro la magistratura che si dimostra illuminata e interviene spesso a “sanare” mancanze della legge. La strada è come sempre, in Italia, contraddittoria: si fa un passo avanti e uno indietro. Il problema è la conoscenza, tutto parte dalla diffusione della conoscenza, unica strategia per distruggere il pregiudizio.
      
      Il tuo ultimo romanzo, La Paranza dei bambini, pone un’attenzione forte sulla condizione dei ragazzi. Come fare per combattere pregiudizi e stigma tra i più giovani?
      
      In questo romanzo racconto proprio di come questi ragazzi di paranza usino moltissimo un vocabolario sessista per parlare dei propri stati d’animo e di quello che vivono. Cosa c’è da fare coi più giovani? È sempre un problema di conoscenza, non credo ci sia molto altro. E soprattutto bisogna fare tanta educazione sessuale. Del resto, anche quando andavo io a scuola, l’omofobia era nella sintassi privata dell’aula scolastica. Ed anche io, da giovanissimo, sono stato attraversato da sentimenti omofobici perché vivevo nell’entroterra campano che è ancora più chiuso e difficile. E poi bisogna dire ai ragazzi che è sbagliato identificare le persone con una sola “caratteristica”, ridurre le differenti individualità ad un’unica espressione soggettiva. E infatti, quando sento qualcuno che dice “io ho tanti amici ebrei…” o “io ho tanti amici gay…”, io percepisco il pregiudizio omofobo o antisemita perché chi si esprime in questo modo riduce delle individualità ad un’unica attribuzione che non descrive e non racconta la complessità di una donna o di un uomo. Bisogna smetterla di sintetizzare la complessità dell’altro ad una sola caratteristica o ad un’unica appartenenza.
      
      Quanta omofobia c’è negli ambienti mafiosi?
      
      L’omofobia è molto presente nell’ambiente della criminalità. E il tasso d’omofobia varia da clan a clan. I Casalesi e i Mallardo sono molto omofobi, gli affiliati al clan Giugliano e i Misso lo sono meno: ogni clan ha la propria interpretazione dello stigma omofobico. Tutto ciò che è libertà, libertà sessuale e coscienza del proprio corpo mette in crisi le dinamiche mafiose. Negli anni ’80, non potevi entrare in Cosa Nostra se eri omosessuale, se avevi parenti omosessuali e se i tuoi genitori erano divorziati. Il rigore moralistico, rigore apparente s’intende, di queste organizzazioni è enorme perché si ha paura di qualsiasi cosa sia espressione di libertà.
      
      Ricordi casi in cui i crimini mafiosi avevano anche un elemento d’omofobia?
      
      In diversi casi l’omofobia ha avuto a che fare con omicidi o fatti di mafia e camorra. Ricordo un affiliato in carcere negli anni ’90, a Santa Maria Capua Vetere , impiccato perché in cella aveva avuto un rapporto omosessuale con un ragazzo tunisino e il clan, per la vergogna, l’ha fatto fuori. Spesso ci sono pestaggi e minacce a parenti di affiliati ai clan perché omosessuali. La presenza di persone omosessuali sporca l’immagine del clan. Addirittura, durante un processo, un grande boss della camorra provò a screditare le dichiarazioni di un altro boss del centro storico di Napoli dicendo “signor giudice ma voi date ascolto a questo che ha il figlio ricchione?” e l’altro, “accusato” di non essere attendibile perché padre di un omosessuale, rispose “no, non è vero, non è ricchione, è solo molto sensibile”. Si ha persino paura di pronunciare la parola omosessuale nel mondo della camorra e della mafia.
      
      Nonostante tutto, Napoli è, secondo te, una città accogliente e inclusiva per le persone lgbt?
      
      Secondo me sì. Napoli ha una tradizione di accoglienza ed è una città di mare in cui l’omosessualità ha sempre avuto dignità di cittadinanza. Paradossalmente, a Napoli la parte più chiusa è sempre stata la borghesia mentre il popolo è da sempre naturalmente “poroso” e quindi accogliente.
      
      Lasciamo Roberto Saviano alle domande degli altri giornalisti che, intanto, sono arrivati in teatro. Negli scatoloni di cartone ammonticchiati nel foyer, centinaia di copie de La Paranza dei bambini. Intorno a noi, oltre ai colleghi delle maggiori testate italiane, scorgo tantissimi ragazzi. Sono i ragazzi che portano avanti la lotta quotidiana per un mondo migliore. Sono tutti del Rione Sanità. E nell’era dei social, hanno scelto il teatro per trasformare il proprio futuro e quello di chi crede in una società più giusta.
      
      (Claudio Finelli, responsabile Cultura Arcigay)
      public post_title -> string UTF-8(68) "Gay nei clan, il racconto di Saviano: “Per i boss sono una vergogna”"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(43) "gay-nei-clan-racconto-saviano-boss-vergogna"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-11-17 09:38:12"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-11-17 08:38:12"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=145089"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer144541
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-11-07 08:21:09"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-11-07 07:21:09"
      public post_content -> string UTF-8(7308) "<img class="alignnone size-full wp-image-144542" src="https://www.cinemagay.it/w…"
      <img class="alignnone size-full wp-image-144542" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2016/11/361107-arcigay-pamela-villoresi.jpg" alt="361107-arcigay-pamela-villoresi" width="680" height="380" />
      
      <strong>I figli non ci appartengono ma dobbiamo favorire la loro felicità. Intervista a Pamela Villoresi, nonna arcobaleno</strong>
      
      Tutte e tutti conosciamo Pamela Villoresi perché è una grandissima interprete del teatro e del cinema ed è stata diretta da maestri come Strehler, Gassman, Bellocchio e Abel Ferrara. E la sua bravura, d’altronde, è stata premiata con numerosi riconoscimenti prestigiosi, tra cui due Maschere d’Oro, due Grolle D’oro, due premi Ubu.
      
      Un altro merito che dobbiamo riconoscere alla Villoresi è quello di essere ormai una paladina delle famiglie omogenitoriali, una nonna arcobaleno sempre attenta a testimoniare il diritto alla genitorialià delle famiglie omosessuali.
      
      Circa un mese fa, all’indomani di una brutta aggressione omofobica registratasi in Gay Street a Roma, la Villoresi era intervenuta per stigmatizzare duramente l’accaduto che aveva come vittime una coppia di giovanissime ragazze e come aggressori i genitori di una delle due.
      
      L’attrice è poi intervenuta nel corso della puntata del 3 ottobre della trasmissione radiofonica L’Altra Frequenza – Lgbt on Air (90.80 FM – ww.radioamorenapoli.it) per ribadire la propria solidarietà alle persone lgbt. Ne riportiamo, di seguito, l’estratto.
      
      <strong>Pamela, qualche giorno fa, a Roma, a pochi passi dal Colosseo, una coppia di studentesse sono state aggredite violentemente dai genitori di una delle due perché lesbiche. Ci racconti le ragioni del tuo intervento in difesa delle vittime?</strong>
      
      Sono intervenuta perché l’aggressione al Coming Out è stata una cosa davvero ignobile. Da sempre sostengo l’Agedo, un’associazione di genitori, parenti e amici di persone LGBT. L’Agedo svolge un ruolo importantissimo perché aiuta proprio i genitori impreparati a confrontarsi con il diverso orientamento sessuale e affettivo dei figli. E allora, prima di fare sciocchezze difficilmente rimediabili, i genitori e i parenti delle persone LGBT possono confrontarsi e parlare con altri genitori e capire la normalità, la bellezza e la gioia di vivere in una famiglia felice e di fare stare sereni i propri figli.
      
      <strong>Cosa ti senti di dire ai genitori che sono impreparati ad affrontare l’omosessualità dei propri figli, oltre al fatto di contattare l’Agedo?</strong>
      
      I figli non ci appartengono, lo dico sempre e lo dico anche da figlia. Io decisi di fare l’attrice quando ero davvero molto giovane, avevo appena finito di frequentare le scuole medie e avevo già deciso di andare all’Accademia, i miei genitori si occupavano di commercio di tessuti, per loro una figlia che voleva fare l’attrice era una specie di alieno ma io iniziai ugualmente a fare teatro e andai via di casa a quindici anni. Era uno scandalo ma i miei genitori con molta fatica decisero di credere in me e mi lasciarono andare. Alla fine io ho avuto ragione: loro hanno avuto le loro soddisfazioni e io la mia vita. Non è detto che i nostri figli ci assomiglino. I nostri figli hanno le proprie preferenze professionali o affettive. E devono seguire la loro strada e noi non possiamo che dar loro gli strumenti per affrontare al meglio la loro vita ed essere felici. Gli strumenti culturali soprattutto. E poi, dopo, la vita è loro.
      
      <strong>Rispetto al coming out in famiglia, i genitori lo sanno già da prima che i figli sono lesbiche o gay, non credi? Casomai non vogliono vederlo o hanno difficoltà a prenderne consapevolezza…</strong>
      
      Sì probabilmente molti non lo vogliono vedere. Nel mio caso non saprei. Cioè bisognerebbe sentire un buon analista per capire se io sapessi già di mia figlia prima che me lo dicesse. A livello conscio, però, a me non era venuto in mente. Mia figlia ha avuto un’adolescenza inquietissima. Non voleva studiare, offendeva le compagne di classe più deboli. Ha avuto un’adolescenza assai tormentata. Poi, verso i diciassette anni mi scrisse una lettera, in cui mi raccontò di essere lesbica e allora io le risposi: amore mio ma è tutto qui? Potevamo finire di romperci le scatole prima. Tirai davvero un sospiro di sollievo quando capii che la sua inquietudine nasceva dal suo orientamento sessuale perché per me non era affatto un problema. Anche se la sua fatica era più ad accettarsi che ad essere accettata.
      
      <strong>Sei anche una donna che ha un rapporto molto forte con la spiritualità e infatti hai vinto la medaglia d’oro del Vaticano perché sei tra le cento artiste che favoriscono il dialogo con la Spiritualità. Come ti relazioni con una certa contraddizione di atteggiamenti dell’attuale pontefice che mentre sembra voglia aprire uno nuova frontiera dell’accoglienza per le persone lgbt, si esprime anche in maniera molto discriminatoria come ha fatto recentemente in Georgia?</strong>
      
      La Chiesa è un grande calderone che abbraccia personalità eccezionali come Madre Teresa di Calcutta ma anche prelati corrottissimi, fino ad arrivare alla storia di Calvi. Io ho amici molto religiosi, carissimi amici, e con loro spesso discuto allorché si parla di manifestazioni come il Family Day perché mi domando dove fossero quando nella Chiesa sono scoppiati scandali tremendi legati alla pedofilia o quando abbiamo assistito alle stragi di bambini durante gli sbarchi dei rifugiati. Mi arrabbio per il Family Day perché la gente invece di scendere in piazza per difendere dei bambini davvero maltrattati e violentati, si prende la briga di scendere in piazza per “salvare” bambini che sono amati, anzi “stra-amati”, cioè i figli delle coppie omosessuali, strumentalizzando la storia dell’utero in affitto e dello sfruttamento dei paesi poveri. Allora, schieriamoci tutti contro il fatto che i paesi ricchi si permettono di comprare i corpi dei paesi poveri, per esempio per gli organi, e allora scenderemmo tutti insieme in piazza. E poi, basta analizzare i dati per capire che pratiche come la gestazione per altri – volgarmente definita utero in affitto –eseguita in paesi del terzo mondo, come l’India, in cui davvero assistiamo al brutale sfruttamento dei corpi, sono pratiche svolte quasi esclusivamente dalle persone eterosessuali, non omosessuali, anche perché in quei paesi la gestazione per altri è consentita solo agli eterosessuali. Questo ci fa capire che manifestazioni come il Family Day sono spinte da argomentazioni addotte in malafede. Comunque, la mia è un spiritualità molto anarchica. Mi piace fare yoga, mi piace seguire le lezioni di tanti illuminati di religione ebraica ma anche di tanti laici. E, ovviamente, di tanti cristiani. Rispetto al potere della Chiesa, invece, nutro forti riserve.
      
      Al termine della chiacchierata, Pamela Villoresi si è rivolta ai genitori dei ragazzi omosessuali, ricordando loro di contattare l’Agedo per superare possibili resistenze nei confronti della vita affettiva dei figli e ha ricordato che confrontarsi è il modo più semplice e diretto per superare paure e perplessità. Contattare l’Agedo non costa nulla e può rendere migliori la vita dei propri figli e la vita con i propri figli. Cosicché gli stessi genitori siano aiutati a non privarsi della gioia di un rapporto bello e pieno con figli e nipoti.
      public post_title -> string UTF-8(114) "I figli non ci appartengono ma dobbiamo favorire la loro felicità. Intervista a …"
      I figli non ci appartengono ma dobbiamo favorire la loro felicità. Intervista a Pamela Villoresi, nonna arcobaleno
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(100) "figli-non-ci-appartengono-dobbiamo-favorire-la-felicita-intervista-pamela-villor…"
      figli-non-ci-appartengono-dobbiamo-favorire-la-felicita-intervista-pamela-villoresi-nonna-arcobaleno
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-11-07 08:21:10"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-11-07 07:21:10"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=144541"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer144422
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-11-03 07:01:34"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-11-03 06:01:34"
      public post_content -> string UTF-8(6407) "<img class="alignnone size-full wp-image-144273" src="https://www.cinemagay.it/w…"
      <img class="alignnone size-full wp-image-144273" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2016/10/medico-in-famiglia-03.jpg" alt="medico-in-famiglia-03" width="770" height="433" />
      
      <strong>Un bacio gay su RaiUno? Si può! Intervista all’attore Paolo Sassanelli</strong>
      
      Giovedì 27 ottobre, in prima serata, su Rai Uno è accaduta una cosa davvero senza precedenti.
      
      All’interno di Un Medico in Famiglia, fiction molto popolare della rete tradizionale per eccellenza della Rai, due personaggi si sono baciati. E si è trattato di un bacio gay. Il bacio tra Oscar Nobili, interpretato dal bravissimo Paolo Sassanelli e il Prof. Gardini, interpretato da Leonardo Santini.
      
      Quella che riportiamo è l’intervista rilasciata da Paolo Sassanelli, lunedì 31 ottobre, nella puntata de L’ALTRA FREQUENZA – LGBT on Air su Radio Amore Napoli (90.80 Fm o www.radioamorenapoli.it).
      
      <em>Paolo, il bacio gay tra il tuo personaggio e il prof. Gardini sembra abbia avuto un impatto molto positivo anche sui social. Te l’aspettavi?</em>
      
      Per nulla, non mi aspettavo affatto un successo così evidente anche sui social. Anzi avevo paura che avrebbero tagliato quel bacio. Ne ero quasi convinto. Invece l’hanno mandato in onda e sono molto felice.
      
      <em>Secondo te, questo è il segno che il nostro Paese è ormai pronto ad accettare serenamente le persone omosessuali e i loro amori?</em>
      
      In realtà, non so se il Paese sia pronto, la cosa bella è che il bacio ha suscitato tanto commenti positivi. E la cosa che mi ha maggiormente colpito è che sulla mia pagina Facebook, una mamma mi ha scritto di aver utilizzato il bacio gay nella puntata di Un Medico in Famiglia per parlare di amore, serenamente, con il suo bambino di otto anni. E questo è stato motivo di grande gioia per me.
      
      <em>Chi come te è protagonista di serie di successo che sono anche popolari, poi ha anche una grande responsabilità, cioè quella di educare ed accompagnare il pubblico…</em>
      
      Certamente e puoi immaginare che importanza abbia avuto in questa prospettiva un bacio gay andato in onda in prima serata su RaiUno. Non dico che sia stato un fatto epocale ma ha segnato senza dubbio una svolta nell’immaginario dello spettatore medio. Non era un bacio scandaloso, nessuno si è sentito colpito o turbato. Ha suscitato delle discussioni ma non critiche negative. Io sono davvero felicemente sorpreso e contento.
      
      <em>Insomma, era un bacio necessario all’azione della fiction, non si poteva evitare…</em>
      
      Infatti, io l’ho detto da subito che noi quel bacio dovevamo darcelo…e avevo ragione!
      
      In effetti, non è la prima volta che Paolo Sassanelli esprime la propria solidarietà alla comunità lgbt. Già in passato sul blog Pride Time aveva aveva dichiarato la propria sintonia con la rivendicazione di diritti della comunità LGBT
      
      <hr />
      
      
      
      <hr />
      
      da Elle.it
      
      Un medico in famiglia: arriva il bacio gay in prima serata sulla RaiCade l’ultimo tabù: finalmente anche l’amore arcobaleno rappresentato in una fiction Rai Mercoledì, 2
      
      Valentina Maran
      
      Era ora: finalmente anche la Rai scagiona il tabù del bacio gay in prima serata grazie all’ultima puntata di Un medico in famiglia e l’amore arcobaleno invade gli schermi. Non sono un’amante della fiction, men che meno di quelle lunghe anni e che propongono figure stereotipate, non ho mai visto una sola puntata né di quello né di migliaia di altre serie andate in onda sulla rai, però mi fa molto piacere sapere che finalmente abbiamo scagionato il grande tabù del bacio gay e dell’amore tra omosessuali. Certo, una magra vittoria al momento, si tratta solo di un castissimo bacio, e dal poco che ho visto non c’è nemmeno la lingua di mezzo, ma va bene, si comincia sempre dalle piccole rivoluzioni per farne di grandi.
      Cosa c’è di incredibile in tutto questo? Che finalmente non leggiamo di genitori cattolicissimi scandalizzati, di nonne che spengono indignate la tv per il tradimento delle aspettative. L'amore omosessuale entra di diritto in una fiction per famiglie all'ora di punta serale, quando il tg è finito e tutti sono con la bolla al naso sul divano, telecomando in una mano e cellulare nell'altra mentre i bambini urlano perché vogliono che metti su RaiYoYo. Nessuno - o molto pochi- si sono scandalizzati, soprattutto sul web - probabilmente perché la rete è territorio di un pubblico più smart e pronto alle novità. Aveva alzato un polverone ben più disastroso qualche tempo fa il taglio voluto dalla Rai ai danni di alcune scene di film celebri: “Le regole del delitto perfetto” e anche “Brokeback Mountain” andarono in onda senza le scene di effusioni tra i protagonisti. Pruderie immotivate: siamo da tempo pronti alla realtà. Perché se non lo sapete uno dei primi baci che abbiamo visto tra persone dello stesso sesso è stato anni e anni fa, quando quelli della mia generazione erano poco meno che adolescenti: in “Georgie” il cartone animato della bella biondina coi due fratelli super fighi accadeva il fattaccio- in viaggio verso l’America lei, travestita da maschio, viene baciata sulla bocca da una ragazza. In quel momento lei indietreggia e si toglie il cappello svelando la sua vera identità. Nulla che ci abbia scandalizzato. Anzi. Noi sapevamo. Certo, quello fu un bacio lesbo dettato dal caso, non dal desiderio di entrambe, ma tant’è: era successo e a noi piacque. Da lì tutto in discesa? Macché! A parte la grande cinematografia in tv è stata calma piatta, anzi, calma etero, soprattutto sui canali Rai. Abbiamo dovuto aspettare parecchio fino a che quest’anno la buona Maria De Filippi ha inaugurato su Mediaset il trono Gay e ha sdoganato anche questo tabù rendendo giustizia ed equità all’amore.
      Sono piccoli passi verso un palinsesto più attento a descrivere la realtà, ma pur sempre un percorso che finalmente è cominciato. Perché le cose, se cominci a raccontarle, smettono di sembrare strane e fuori luogo e diventano normali, esattamente come dovrebbe essere. Evviva.
      Detto questo no, maledette fiction rai, non mi avrete perché comunque non mi piace come siete scritte e girate. E quel che è peggio, col cavolo che mi metto a guardare una roba che è già alla decima stagione o giù di lì: non mi basterebbe una vita per rimettermi in pari!
      Voi invece guarderete un medico in famiglia ora che la storia ha finalmente preso una piega davvero interessante? Lo guardavate già e siete felici quanto me del tabù superato?
      public post_title -> string UTF-8(70) "Un bacio gay su RaiUno? Si può! Intervista all’attore Paolo Sassanelli"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(64) "un-bacio-gay-raiuno-si-puo-intervista-allattore-paolo-sassanelli"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-11-03 08:19:36"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-11-03 07:19:36"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=144422"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer81304
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2016-01-27 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2016-01-26 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(7911) "27/01/2016 Il film "Il Rosa Nudo" in occasione della Giornata della Memoria alla…"
      27/01/2016
      
      Il film "Il Rosa Nudo" in occasione della Giornata della Memoria alla Valvassori Peroni
      
      Milano - In occasione della Giornata della Memoria, il Consiglio di Zona 3 e le Sezioni ANPI di Zona 3 presentano il film di Giovanni Coda
      
      IL ROSA NUDO 
      
      La deportazione degli omosessuali nei campi di sterminio nazisti, una tragedia spesso dimenticata che  viene rievocata nel film di Giovanni Coda IL ROSA NUDO.  
      
      Il Rosa Nudo è un lavoro di cinematografia sperimentale ispirato alla vita di Pierre Seel e si concentra su un episodio della sua biografia, che ne segnerà tutta l'esistenza: l'arresto da parte dei nazisti all'età di 17 anni con l'accusa di omosessualità e l'internamento.Deportato nel campo di Schirmeck, torturato e violentato, fu costretto ad assistere impotente all'atroce morte del suo compagno. Alla liberazione non parlò con nessuno della sua drammatica esperienza, si sposò ed ebbe tre figli. Solo nel 1982 decise di parlare e dire il perché del suo internamento. Il Rosa Nudo è stato inserito quale evento speciale, "per il suo alto valore artistico, storico e morale", all'interno della 7ª edizione del Queer Lion Award nel corso della 70ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2013.Il film ha riscosso il plauso del pubblico e della critica in tutti i festival internazionali in cui è stato presentato.
      
      Sarà presente il regista Giovanni Coda
      
      -------------------------
      
      Arcigay.it
      
      Triangoli rosa e neri per non dimenticare
      
      Il 27 gennaio è la giornata individuata dall’Assemblea internazionale delle Nazioni unite per ricordare le vittime della sterminio nazifascista. Insieme a Ebrei, Rom, Sinti, Jenisch e testimoni di Geova, anche numerosi omosessuali furono internati nei campi di concentramento durante il Terzo Reich.  Secondo i dati rinvenuti negli archivi di diversi lager, presso i tribunali e gli uffici di polizia, nel 1943 i campi di concentramento avevano già ospitato 46.436 persone omosessuali. A distinguere gli omosessuali dagli altri prigionieri era, nel caso degli uomini, un triangolo rosa cucito sulla divisa all’altezza del petto; nel caso delle donne, un triangolo nero. Contrariamente a quanto avvenne in Germania, in Italia il regime fascista, nel replicare le persecuzioni naziste,  preferì ignorare l’omosessualità. Sulla base di questa politica del silenzio, il codice penale italiano non previde mai la penalizzazione dell’omosessualità, demandandone la repressione alla sfera morale e religiosa. Qualora fosse stato necessario intervenire, si affermò, le forze dell’ordine possedevano già gli strumenti necessari. Tali strumenti erano tre tipi di provvedimenti: la diffida (una sorta di avvertimento pubblico a abbandonare un comportamento “criminoso”, pena l’incorrere in provvedimenti più severi), l’ammonizione (una specie di arresti domiciliari della durata di due anni) e soprattutto il confino, cioè la residenza coatta in un luogo lontano da quello in cui la persona viveva, con limitazioni della libertà personale.
      
      La condanna al confino significava l’allontanamento da parenti, amici, compagni, ma anche la condanna pubblica e l’ostracismo sociale. L’arresto portava con sé traumatiche conseguenze: molti parenti rifiutarono di avere contatti con i confinati per omosessualità; vittime di una mentalità in cui l’omosessualità era un peccato imperdonabile, gli omosessuali stessi soffrirono per il disonore gettato sulle proprie famiglie. Nessun riconoscimento spettò agli ex confinati omosessuali alla fine della guerra. Alcuni di loro chiesero la pensione come ex confinati. Nulla però risultava dai loro dossier, dove solo un numero in codice indicava la loro reale condizione. Nessuno riuscì ad ottenerla, così come nessuno riuscì ad ottenere la riabilitazione da parte dello Stato.
      
      In occasione della Giornata della Memoria, diversi circoli Arcigay mettono in capo iniziative per divulgare la memoria dell’Omocausto. A Udine, ad esempio, il Comitato Territoriale Arcigay Friuli Nuovi Passi dà appuntamento alle 19:15 in Piazzetta Lionello (davanti alla sede del Comune di Udine) per mettere in atto la performance teatrale DISCORSI d’ODIO a cura del gruppo teatrale CCFT, seguito degli interventi dei rappresentanti di Arcigay e Arcilesbica, il sindaco di Udine Furio Honsell e il presidente di ANPI Udine Dino Spanghero.  A Bologna, alle 10 le associazioni lgbt parteciperanno alla commemorazione ufficiale delle vittime LGBT del nazifascismo, alla presenza di autorità e istituzioni presso il monumento a loro dedicato nei Giardini di Villa Cassarini. Durate la giornata, inoltre, verranno distribuiti segnalibri con triangoli rosa e neri, a ricordo dei deportati gay e delle deportate lesbiche nei campi di concentramento. A Roma, nella sede del Gay center, è in programma dalle 19 il laboratorio di caviardage sulle vittime omosessuali del nazifascimo. In quegli stessi spazio è allestita fino al 31 gennaio una mostra sull’Olocausto. A  Torino, CasArcobaleno ospita fino al 30 gennaio due mostre dedicate all Giornata della memoria: la prima,  Adelmo e gli altri – omosessuali al confino nel Materano, a cura di Cristoforo Magistro, raccoglie documenti risalenti al periodo fascista, quando le persone omosessuali venivano mandate al confino. I dossier recuperati, contenenti le testimonianze fotografiche non solo delle persone omosessuali, ma anche delle forze dell’ordine, sono stati catalogati e sono esposti  per la prima volta in Italia; la seconda mostra, Rosa cenere, a cura di Jacopo Campagni e prodotta da Arcigay Il Cassero di Bologna, raccoglie le tavole di diciannove giovani artisti, attivi nel campo dell’illustrazione e del fumetto, alle prese con il racconto per immagini di raccontano undici storie di gay e lesbiche perseguitati durante il nazifascismo. Il 27 gennaio, alle 20.30, sempre a CasaArcobaleno verrà proiettato film Aimée & Jaguar, ispirato alla storia vera di Lilly Wust e della sua relazione con Felice, una ragazza ebrea che militava nella resistenza berlinese durante la fine della seconda guerra mondiale. Infine, venerdì 29 gennaio alle 20.30 verrà proiettato il documentario Le rose di Ravensbrück – Storia di deportate italiane, con la regia di Ambra Laurenzio. A Trento per la prima volta quest’anno la celebrazione ufficiale della Giornata della Memoria del Comune sarà dedicata all’omocausto: il 27 gennaio alle 17, nella Sala Falconetto di Palazzo Geremia (via Belenzani 20) Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo storico del Trentino. Parlerà di “La persecuzione nazi-fascista dell’omosessualità“; giovedì 28 gennaio alle 21 al Cinema Astra Multisala (corso Buonarroti 16) è in programma la proiezione del film “Bent” di Sean Mathias. A Perugia il 27 gennaio alle 19.30 è in programma l’incontro  “Omosessuali: dalla deportazione di ieri alla negazione dei diritti di oggi” in collaborazione con Circolo Arci Island, ANPI Perugia e ANPI Studentesca UniPG. Il 29 gennaio alle 21 si terrà al Teatro di Figura Umbro lo  spettacolo teatrale Le fate della notte. A  Pavia lunedì 1 febbraio alle 21 in Aula del ‘400, Piazza Leonardo da Vinci, Arcigay Pavia “Coming-aut” e Universigay presentano “La Memoria sono anch’io”, una serata per tributare a ciascuna minoranza, a ciascuna vittima, il doveroso ricordo. A  Mantova venerdì 5 febbraio alle 21 allo  Spazio Studio Sant’Orsola (via Bonomi 3), Arcigay la Salamandra di Mantova con ars Creazione e Spettacolo presenta “Un’altra memoria – un reading per ricordare”, Iniziativa didattica aperta al pubblico delicata agli allievi delle per  medie e superiori. A Genova resta allestita nella Sala Dogana di Palazzo Ducale fino al 7 febbraio  la mostra Diritti e pregiudizi – ieri e oggi  a cura di Alice Merlo e Valentina Marzi (da martedì a domenica, dalle 15 alle 20. Ingresso libero).
      
      - See more at: http://www.arcigay.it/triangoli-rosa-e-neri-per-non-dimenticare/#sthash.u4v0DSvg.dpuf
      public post_title -> string(41) "Triangoli rosa e neri per non dimenticare"
      public post_excerpt -> string(97) "Il film "Il Rosa Nudo" in occasione della Giornata della Memoria alla Valvassori…"
      Il film "Il Rosa Nudo" in occasione della Giornata della Memoria alla Valvassori Peroni di Milano
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(41) "triangoli-rosa-e-neri-per-non-dimenticare"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2016-01-27 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2016-01-26 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(94) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2016/01/27/triangoli-rosa-e-neri-per-no…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2016/01/27/triangoli-rosa-e-neri-per-non-dimenticare/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer70400
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2013-03-30 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2013-03-29 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(5815) "Pubblichiamo, grazie al lavoro del gruppo traduzioni di Arcigay, la lettera a fi…"
      Pubblichiamo, grazie al lavoro del gruppo traduzioni di Arcigay, la lettera a firma Elsa Fornero, Ministro italiano per le Pari opportunità, Joëlle Milquet, ministro belga degli Interni e delle Pari Opportunità, e Najat Vallaud-Belkacem, ministro francese per i diritti delle donne sulla necessità di una strategia europea di contrasto all’omotransfobia. La lettera è stata pubblicata dal quotidiano “Liberation” il 25 marzo 2013 in occasione della Conferenza sui diritti delle persone lgbt in Europa organizzata dal Governo francese con la collaborazione del Governo polacco a Parigi, il 26 marzo 2013.
      
      ------------------
      
      Una strategia europea contro le discriminazioni omofobe
      
      Di Elsa Fornero, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Joelle Milquet, ministro belga dell’Interno e per le Pari Opportunità e Najat Vallaud-Belkacem, ministro dei Diritti delle donne e portavoce del Governo francese.
      Il mondo moderno si è evoluto, riconoscendo sempre di più il diritto di ognuno a essere se stesso.
      Gli omosessuali non dovranno più essere esclusi da questo progresso. Il diritto degli omosessuali a essere se stessi è, ancora oggi, uno degli ultimi diritti dell’uomo che la comunità internazionale non è riuscita a proteggere, nonostante i molteplici tentativi per riconoscerlo intrapresi in questi ultimi anni.
      La dichiarazione per la depenalizzazione universale dell’omosessualità, presentata all’ONU nel 2008, ha costituito la prima tappa. Ciò che può sembrare un’ovvietà, tuttavia non si è dimostrata tale: 68 paesi hanno firmato l’appello e 57 l’hanno rifiutato; solo nel 2011 è stata adottata una prima risoluzione.
      Ci riuniamo a Parigi in occasione della conferenza sui diritti delle persone LGBT in Europa per rifiutare questa fatalità e riaffermare i valori universali della libertà e del rispetto delle differenze individuali.
      Nessuno può ignorare che nella maggior parte dei paesi del mondo per un omosessuale è pericoloso essere se stesso. Per due uomini o due donne è pericoloso tenersi per mano in pubblico. Gli omosessuali sono ancora perseguitati e repressi come fossero malati o criminali, in spregio alla dignità degli esseri umani che abbiamo posto all’inizio della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Le differenze di cultura o di tradizioni non sono una giustificazione in caso di violazione dei diritti dell’uomo. Tali diritti non accettano alcun compromesso. L’omofobia rappresenta una violenza per tutta la società, poiché essa impedisce rapporti liberi ed eguali fra gli individui, siano essi omosessuali o eterosessuali.
      Facciamo appello a coloro che permettono ancora discriminazioni o violenze, o peggio, che considerano l’omosessualità come un crimine o un delitto, affinché rivedano la propria legislazione. Invitiamo coloro che credono nella libertà a riunirsi per la protezione contro le violenze e le discriminazioni commesse a causa dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere. Domani proporremo una nuova strategia sulla scena internazionale. Questa strategia si appoggia su tre pilastri.
      Il primo pilastro è la definizione e l’applicazione di strategie nazionali di lotta contro l’omofobia. L’uguaglianza è sulla giusta strada nei nostri paesi. Essa non deve più aspettare. Affinché le violenze e le discriminazioni diminuiscano dappertutto, bisogna agire in numerosi ambiti: nella scuola, nel mondo del lavoro, nell’ambito della sanità, della sicurezza, delle prigioni, dei media e della comunicazione, così come in tutti i servizi e gli spazi pubblici. Non si può pensare ai giovani omosessuali senza pensare ai drammi che fa pesare su di loro l’omofobia ordinaria, quella degli insulti così come quella dei silenzi, quella della famiglia così come quella della società. Non si può rispondere a queste sfide senza agire in un quadro globale, che coinvolga tutti i poteri pubblici. La lotta contro l’omofobia deve diventare una politica di pieno diritto dei governi moderni. Noi ci impegneremo a tale scopo.
      Il secondo pilastro di questo impegno è europeo. Gli Stati membri dell’Unione europea collocano il rispetto dei diritti fondamentali all’apice dei loro valori. Noi vogliamo tenere alti questi valori, la difesa della libertà e il rifiuto delle discriminazioni. Vogliamo ritrovare questi valori nella politica estera dell’Unione europea, che seguirà presto delle linee direttrici impegnate in materia. Vogliamo adottare una nuova legislazione europea contro l’omofobia per avere un quadro giuridico più efficace. Vogliamo vivere in uno spazio europeo, nel quale i diritti delle persone siano effettivamente garantiti, qualunque sia il loro orientamento sessuale o la loro identità di genere. Tutto ciò non può più attendere. Un simile rinnovamento è in corso in seno al Consiglio d’Europa, il cui Comitato dei Ministri ha adottato nel 2010 delle raccomandazioni su alcune misure, che mirano a combattere la discriminazione fondata sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere.
      Il terzo pilastro è il coordinamento delle nostre azioni su un piano multilaterale, in particolare nel quadro delle Nazioni Unite. La conferenza europea di Parigi non è un’iniziativa isolata. Contemporaneamente sono state organizzate altre due conferenze, una a Katmandu e una a Brasilia. “Se vuoi andar veloce, vai da solo, ma se vuoi andare lontano, vai in compagnia”, dice un proverbio francese. Contro l’omofobia noi vogliamo andare lontano. E’ per questo che noi ci andiamo insieme, riuniti con i partner europei, con i paesi del sud, con le organizzazioni internazionali e con le società civili.
      Noi, europei, dobbiamo essere uniti  e riunire il massimo di energie intorno a noi. Solo a queste condizioni potremo portare il progetto di un pieno riconoscimento del diritto di tutti i cittadini del mondo al rispetto della loro identità.
      public post_title -> string(55) "Una strategia europea contro le discriminazioni omofobe"
      public post_excerpt -> string UTF-8(142) "Pubblichiamo, grazie al lavoro del gruppo traduzioni di Arcigay, la lettera a fi…"
      Pubblichiamo, grazie al lavoro del gruppo traduzioni di Arcigay, la lettera a firma Elsa Fornero, Ministro italiano per le Pari opportunità...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(57) "una-strategia-europea-contro-le-discriminazioni-omofobe-2"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2013-03-30 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2013-03-29 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(110) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2013/03/30/una-strategia-europea-contro…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2013/03/30/una-strategia-europea-contro-le-discriminazioni-omofobe-2/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer69848
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2013-02-26 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2013-02-25 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(862) "<img src="/imm_rs/vari330226arcigay.jpg"> Gentile direttore de “Il Messaggero”, …"
      <img src="/imm_rs/vari330226arcigay.jpg">
      
      Gentile direttore de “Il Messaggero”,
      
      immaginavamo che titolazioni improbabili come “omicidio gay” fossero ormai ampiamente superate da una stampa ormai più rispettosa nei confronti sia delle vittime di omicidio  che della minoranza omosessuale.
      Dobbiamo ricrederci, almeno stando al titolo che leggiamo oggi 25 febbraio 2013 sul quotidiano che lei dirige a pagina 48. Le chiediamo: si è mai visto un “omicidio etero”?
      
      L’accento che fa il vostro quotidiano all’orientamento sessuale della vittima oltre che inutile non fa altro che alimentare il pregiudizio che sta nella disparità di trattamento che ricevono le vittime eterosessuali o omosessuali. E meno male che almeno siamo un passo oltre la cronaca nera anni ’60 che parlava di “omicidi negli squallidi ambienti gay”…
      
      Flavio Romani, presidente Arcigay
      public post_title -> string UTF-8(66) "“Omicidio gay”. Basta pregiudizi, Arcigay scrive a “Il Messaggero”"
      public post_excerpt -> string UTF-8(144) "...L’accento che fa il vostro quotidiano all’orientamento sessuale della vittima…"
      ...L’accento che fa il vostro quotidiano all’orientamento sessuale della vittima oltre che inutile non fa altro che alimentare il pregiudizio...
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(60) "omicidio-gay-basta-pregiudizi-arcigay-scrive-a-il-messaggero"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2013-02-26 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2013-02-25 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(113) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2013/02/26/omicidio-gay-basta-pregiudiz…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2013/02/26/omicidio-gay-basta-pregiudizi-arcigay-scrive-a-il-messaggero/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer69462
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2013-01-25 00:00:00"
      public post_date_gmt -> string(19) "2013-01-24 23:00:00"
      public post_content -> string UTF-8(24663) "Comunicato stampa. Arcigay. La Memoria fermi la strage continua di gay, lesbiche…"
      Comunicato stampa. Arcigay. 
      
      La Memoria fermi la strage continua di gay, lesbiche e trans
      
      Anche quest’anno Arcigay è impegnata su tutto il territorio nazionale, grazie ai suoi circoli locali, in decine di iniziative a commemorazione delle vittime del nazi-fascismo per la Giornata della Memoria (tutte le iniziative al link: http://www.arcigay.it/39379/giornata-della-memoria-tutte-le-iniziative-di-arcigay/).
      Da pochi anni le vittime gay, lesbiche e trans dei totalitarismi sono ricordate nelle celebrazioni ufficiali. Fino a ieri "i triangoli rosa" erano vittime di serie B, ignorate dalla Storia e dalla Memoria.
      “Ricordare deve servire per agire, le vicende del passato devono essere un monito continuo per analizzare il presente e progettare il futuro, ed è per questo che l’associazione parteciperà con rinnovato impegno alle iniziative istituzionali e non per la Giornata della Memoria”, dichiara Flavio Romani, presidente di Arcigay.
      “Anche quest’anno, insieme ai triangoli rosa, piangiamo le vittime del pregiudizio e della violenza omo-transfobica: chiusi infatti i campi di sterminio, il sangue di fratelli e sorelle omosessuali e transessuali continua ad essere versato, in Italia e nel mondo, dalla stessa mano che arma l’odio sia esso religioso, etnico o per orientamento sessuale.
      Nel 2012 sono stati quattro gli omosessuali uccisi dall’odio omo-transfobico. Solo tra il 1980 e oggi abbiamo contato almeno 140 omosessuali uccisi in  Italia dall’odio (vedi: http://www.wikipink.org/index.php?title=Omocidi). E’ un numero di vittime impressionante che dà testimonianza di una strage che continua. Vorremmo che questo 27 gennaio 2013 diventasse  un monito soprattutto per chi si candida a guidare il paese, perché prenda un impegno preciso per fermare questa strage di innocenti con iniziative concrete contro odio, pregiudizio e omo-transfobia”.
      
      Tutte le iniziative di Arcigay: Bari | Barletta, Andria Trani | Bergamo | Bologna | Cosenza | Cuneo | Ferrara | Grosseto | Lecce | Mantova | Messina | Milano | Modena | Napoli | Pavia | Perugia | Piacenza | Pordenone | Siena | Reggio Emilia | Salerno | Torino | Trento | Trieste | Udine | Vercelli| Verona
      
      Bari
      In occasione della giornata della memoria delle vittime della Shoa Arcigay Bari presenta: La storia di un amore speciale. Una storia nella Storia che attraversa l’Europa degli anni ’40 tra omofobia e campo di sterminio, tra tenerezza e scoperta della propria sessualità, tra night clubs e Auschwitz. Ore 21.00.
      
      Barletta Andria Trani
      
      Domenica  Dalle 19.30 alle 23.00 27 Gennaio Giornata Mondiale della memoria: La Shoa e l’omocausto.
      
      Titolo originale: Paragraph 175
      Regia: Jeffrey Friedman, Rob Epstein
      Genere: Documentario
      Produzione: Gran Bretagna/Germania/Usa
      Anno: 2000
      Durata: 81 min.
      Temi: nazismo, omocausto
      
      Trama: Il documentario ricostruisce la deportazione degli omosessuali nei campi di sterminio nazisti tramite soprattutto interviste ad alcuni superstiti.
      
      Il nostro cineforum questa volta vuole omaggiare tutte le vittime dell’omocausto durante l’epoca nazi-fascista.
      Seguirà un momento di ricordo attraverso un dibattito.
      Non mancate. (Mappa: http://it.bing.com/maps/default.aspx?v=2&pc=FACEBK&mid=8100&rtp=adr.~pos.41.225015638951_16.3031845875_Arcigay+Bat_Barletta&cp=41.225015638951~16.3031845875&lvl=16&sty=r&rtop=0~0~0~&mode=D&FORM=FBKPL1&mkt=it-IT)
      
      Bergamo
      
      Giorno della memoria I triangoli rosa Proiezione del documentario Paragraph 175
      di Ron Epstein e Jeffrey Friedman Vincitore del Sundance Film Festival e del Festival del Cinema di Berlino nella sezione documentari (USA, 2000; 76 minuti)
      Triangoli rosa ieri e oggi. Una mappa del mondo In collaborazione con Arcigay Bergamo Cives
      Presentazione della RETE RE.A.DY Rete Nazionale delle Pubbliche Anti Discriminazioni per orientamento sessuale identità di genere 25 gennaio 2013, ore 20.30 Sala Civica di Levate
      
      Bologna
      Omocasuto e memoria storica LGBT @ Liberamente domenica 27 gennaio ore 18
      
      In occasione della giornata internazionale della memoria dedicata alle vittime della Shoa (olocausto) anche Liberamente vuole ritornare a rivestire i soliti panni seriosi dopo la puntata dedicata ai giochi.I volontari e le volontarie di Liberamente stanno infatti preparando la puntata di domenica 27 gennaio (18.00-20.00) tutta dedicata all’omocausto (cioè gli omosessuali e i transessuali morti e morte nei lager nazisti) e alla memoria storica LGBT.
      
      Vi aspettiamo domenica a Liberamente per approfondire insieme queste tematiche.
      
      Non sono necessarie tessere e l’entrata è gratuita.
      
      Via Don Minzoni, 18 Bologna (BO)
      
      per informazioni:
      
      liberamente@cassero.it
      jonnymast@msn.com
      
      FB: Liberamente Cassero
      
      Catania
      
      Cosenza
      
      Per quest’anno Eos Cosenza ha deciso di non fare attività a parte,ma di inserire l’omocausto nelle celebrazioni organizzate dall’università della Calabria.
      
      In particolare domani, 25 Gennaio saremo presenti alla marcia organizzata dalla città verso l’università, indossando i simboli che venivano dati a gay e lesbiche nei campi di sterminio (triangolo rosa e triangolo nero),ed proponendo di indossarli a tutti i presenti.
      
      Cuneo
      
      Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime del nazismo e del fascismo, dell’Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati. Il testo dell’articolo 1 della legge italiana definisce così le finalità del Giorno della Memoria: « La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.» In occasione della ricorrenza del Giorno della memoria, il Comitato Arcigay Cuneo “Figli della luna” vi invita alla proiezione del film “La finestra di fronte” di Ferzan Ozpetek La finestra di fronte mercoledì 23 gennaio alle ore 21 presso l’Associazione “Liberospazio” in Via Meucci,1 a Cuneo. Sarà l’opportunità per un momento di condivisione e di riflessione, nel ricordo di tutte le vittime dell’olocausto.
      
      Ferrara
      Sabato 26 gennaio Libreria Ibis Ferrara
      In occasione del Giorno della Memoria, sabato 26 gennaio Arcigay Ferrara ha programmato un incontro dal titolo: “Dal confino degli omosessuali durante il fascismo ai diritti mancati nell’Italia di oggi”.
      Saranno ospiti Gianfranco Goretti e Tommaso Giartosio, genitori arcobaleno nonché autori del saggio “La città e l’isola” (Ed. Donzelli). Modera: Massimiliano De Giovanni.
      
      Grosseto
      
       
      
      Lecce
      
      Sabato 26 gennaio due proiezioni di “Love Story”. Cliccare sulla locandine per maggiori informazioni.
      
      Mantova
      
      SCUSI, SIGNORE, HA CONOSCIUTO MIO PADRE? Lettura teatrale a quattro voci e piano di Elena Buccoliero
      
      Per i testimoni dell’orrore nazifascista il tempo è passato, sono altri uomini altre donne. Hanno nipoti, anni di lavoro, cattiva memoria; hanno acciacchi, pensieri migliori… Solo il loro persecutore, il boia Michael Seifert, SS nel lager di Bolzano, è ancora lo stesso ventenne biondo. Però durante le deposizioni tutto si avvicina, un testimone ultraottantenne si alza in piedi per mimare una delle tante prepotenze, secondo immagini note solo ai suoi occhi. E intanto Seifert ci si presenta in altri panni – anziano innocuo signore col berretto da pescatore – e contribuisce a farci sembrare tutto insensato, tutto un po’ impossibile…
      
      INIZIO SPETTACOLO ORE 21.30 PRESSO Cubostudio  via XX Settembre 31 Mantova  INGRESSO LIBERO
      
      Messina
      
      Venerdì 25/01/013 dalle 22,00 serata disco Pink (rosa) all’Amarcord sulla panoramica di Messina.
      
      Sabato 26/01/013 insieme alla manifestazione/corteo del movimento antifascista e liberatore del Pinelli, porteremo in piazza anche le ragioni della giornata della Memoria. Ore 14,00 partenza Piazza Cairoli.
      
      Domenica 27/01/013 ore 17,00 al Teatro in fiera (simbolo di liberazione) si proietterà un film dedicato alla memoria.
      
      Domenica 27/01/013 ore 18,30 dibattito sulla memoria a 360° al Teatro in fiera Pinelli; ore 19,30 al Teatro in fiera Pinelli, cena sociale insieme alla comunità Rom.
      
      Domenica 27/01/013 in via Croce Rossa 39 al Retronouvea ore 22,00 serata disco con triangolo Rosa per ricordare anche divertendosi che la libertà di pensiero, e quant’altro è un bene comune intoccabile. Invitiamo tutti/e a partecipare, per non dimenticare. Rosario Duca, Presidente Arcigay Messina
      
      Milano
      
      Il C.I.G. Comitato Provinciale Arcigay Milano, Sportello Trans di ALA Milano Onlus e il Comitato Solidale Antirazzista LGBT di Milano “Alziamo la testa” propongono martedì 29 gennaio alle 20,30 presso il negozio civico ChiAmaMilano, in Largo Corsia dei Servi 11, la visione del film-documentario “Il colore del silenzio” (Italia, 2005, 55’) del filmmaker indipendente Raffaele Piscitelli che rievoca i punti salienti delle persecuzioni naziste nei confronti di omosessuali e transessuali, e testimonianze tratte da “Il mio nome è Lucy” si Gabriella Romano (Roma, Donzelli Editore, 2009).  Aderisce all’iniziativa anche il Circolo di Cultura Omosessuale Harvey Milk di Milano. Completano il ricordo dell’Omocausto alcune testimonianze tratte da “Il
      mio nome è Lucy”, pubblicato dall’Editore Donzelli di Roma nel 2009, della documentarista Gabriella Romano, sulla vita di una transessuale italiana, Lucy-Luciano appunto, tradotta nel campo di concentramento di Dachau sul finire del 1944 sulla scorta di reati politici. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR), istituito nel 2003 presso il Ministero per le Pari Opportunità. Alla serata parteciperanno un rappresentante del Direttore generale dell’UNAR, il regista Raffaele Piscitelli e gli attori Conte Galé, che interpreta il ruolo di Hitler, e Irina Dobnik nella parte di Henny Schermann, giovane tedesca lesbica ma di origini ebraiche arrestata nel 1940 e uccisa nelle camere a gas nel 1942.  Antonia Monopoli Marco Mori Antonello Lenza
      
      Evento su facebook: https://www.facebook.com/events/127381484095938/
      
      Modena
      
      23 gennaio, h 18-20 , Spazio Pucci, via Canaletto 108  Vladimir Luxuria presenterà a Modena il suo romanzo “Eldorado”
      (Edizioni Bompiani /Collana Narratori Italiani).
      
      25 gennaio, h 18-21 , Spazio Pucci, via Canaletto 108L’omofobia nel mondo e il diritto di asilo in Italia.
      Con Giorgio Dell’Amico Referente nazionale “Immigrazione ed Asilo” di Arcigay Nazionale.
      
      27 gennaio , h 18, Spazio Pucci , via Canaletto 108 Curare i gay? Oltre l’ideologia riparativa dell’omosessualità
      ne parliamo con gli autori :Rigliano Paolo, Ciliberto Jimmy, Ferrari Federico
      
      Scarica la locandina delle iniziative
      
      Napoli
      
      Pavia
      
      LA MEMORIA SONO ANCH’IO, 28 gennaio 2013 alle ore 20.30 in Aula del ‘400. Il 28 gennaio 2013 dalle ore 20.30 presso l’Aula del ’400 dell’Università degli Studi di Pavia, Universigay e Arcigay Pavia presentano la seconda edizione de “La Memoria sono anch’io”, per ricordare assieme tutte le vittime della follia nazista: omosessuali, persone disabili, ebrei, rom,
      oppositori politici.
      
      Diversi saranno i linguaggi utilizzati per riflettere e ricordare: accanto agli interventi delle associazioni promotrici – Universigay e Arcigay Pavia – e di UILDM, Comitato di Coordinamento pavese per i problemi dell’handicap, Ci Siamo Anche Noi ONLUS – , vi saranno le perfomance artistiche dei danzatori di ELSE4motion e quelle canore del gruppo 4/4 Ensemble, che interpreterà
      delle preghiere in ebraico.
      
      Nel corso della serata, la storica Gina Pisano racconterà l’esperienza di alcune famiglie di Pavia durante gli anni della deportazione. Saranno inoltre esposti in copia documenti sulla deportazione concessi dall’Archivio di Stato di Pavia e dall’Archivio del Comune di Pavia.
      
      L’evento ha ottenuto il patrocinio dal Comune di Pavia, dalla Provincia di Pavia e il riconoscimento dell’UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – come di interesse nella lotta contro le discriminazioni. Evento su Facebook: http://www.facebook.com/events/438797789524072/
      
      Perugia
      
      ome ogni anno il circolo Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia vuole ricordare i TRIANGOLI ROSA, ovvero le migliaia di vittime omosessuali e transessuali morte nei campi di concentramento.
      
       
      
      L’appuntamento è per DOMENICA 27 GENNAIO alle ore 21 presso la nostra sede per visionare insieme il film “Essere Lucy“, un documentario del 2011 sull’unica donna transessuale italiana sopravvissuta alla prigionia nel campo di Dachau.
      
       
      
      Nelle stesse giornate sarà possibile visitare la mostra temporanea dei “Triangoli rosa“, presso la Sala dei Notari a Palazzo dei Priori, in pieno centro storico. Vi aspettiamo numerosi per ricordare insieme un pezzo importantissimo della nostra storia.
      
       
      
      La scheda del film: http://www.onthedocks.it/it/00023/140/essere-lucy.html
      
      Pordenone
      
      Film documentario PARAGRAPH 175 CINEMAZERO
      Lunedì, 4 febbraio – ore 20,45 Piazza Maestri del Lavoro 33170 Pordenone
      
      Paragraph 175 è un documentario del 2000 diretto da Rob Epstein e Jeffrey Friedman, e raccontato da Rupert Everett. Il film raccoglie la testimonianza di diversi uomini e donne che furono arrestati dai nazisti per omosessualità in base al paragrafo 175, la legge contro la sodomia del codice penale tedesco, che risaliva nella prima stesura al 1871, e che fu inasprito dai nazisti. Tra il 1933 e il 1945, 100.000 persone furono arrestate in base al paragrafo 175. Alcuni di essi vennero imprigionati, altri mandati in campo di concentramento. Solo 4.000 sopravvissero (vedi la voce paragrafo 175 per maggiori informazioni). Nel 2000, si sapevano ancora in vita meno di dieci di questi uomini. Cinque di loro uscirono allo scoperto nel documentario e raccontarono le loro storie, considerate le ultime del Terzo Reich rimaste ancora sconosciute, per la prima volta:  Karl Gorath, Heinz Dormer, Pierre Seel, Albrecht Becker, Heinz F.  Paragraph 175 racconta di un vuoto nella memoria storica ufficiale e ne rivela le conseguenze che ancora persistono, raccontate dalle storie private di uomini e donne che le hanno vissute: il combattente della resistenza gay e per metàebreo che negli anni della guerra aiutò i rifugiati a Berlino; l’ebrea lesbica che fuggì in Inghilterra con l’aiuto della donna che amava; il fotografo tedesco, cristiano, che, arrestato e incarcerato per omosessualità e successivamente rilasciato, si arruolò nell’esercito poiché “voleva stare con degli uomini”; Pierre Seel, un ragazzo dell’Alsazia-Lorena che vide il suo amante torturato e ucciso in un lager.
      
      Reggio Emilia
      
      Promossa da Arcigay Gioconda, inaugura sabato 26 Gennaio alle 15.00 alla caserma Zucchi di Viale Allegri a Reggio Emilia GAY PERSEGUITATI DAI NAZISTI, UNA MOSTRA A REGGIO
      (Reggio Emilia, 22 Gennaio 2013) Una mostra sull’eccidio degli omosessuali durante la Seconda Guerra Mondiale. Si chiama “Omocausto, la persecuzione invisibile”, ed inaugura a Reggio Emilia sabato 26 gennaio, ospitata dalla sede universitaria della Caserma Zucchi di viale Allegri, promossa da ArciGay Gioconda con il patrocinio e finanziamento della Circoscrizione Città Storica. L’esposizione arriva in occasione della giornata della memoria – il 27 gennaio, in cui vengono ricordate le vittime dell’Olocausto ed è realizzata in collaborazione con Centro Teatrale Europeo “Etoile”, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Comitato Diritti Umani, Provincia di Reggio Emilia. La mostra rimarrà aperta sino al 2 febbraio. L’inaugurazione ufficiale è in programma sabato 26 gennaio, alle 15.30 alla Caserma Zucchi, in viale Allegri 9. Al taglio del nastro, interverranno Salvatore Trapani di Istoreco, esperto di cinema, un rappresentante della provincia di Reggio Emilia, Katia Pizzetti del comitato Diritti Umani e Fabio Astrobello, presidente di Arcigay Reggio Emilia. Al termine, chiusura con un rinfresco. Un secondo appuntamento è in programma il giorno dopo, domenica 27 gennaio alle 16.30, con le letture di brani tratti dal libro “BENT” di Martin Sherman, Rüdiger Lautmann, Giovanni Dall’Orto a cura del centro culturale ETOILE di Reggio Emilia. La mostra rimarrà visitabile sino a sabato 2 febbraio, tutti i giorni dalle 10 alle 18. LA MOSTRA “Omocausto, la persecuzione invisibile” offre un breve percorso storico culturale aperto a tutta la cittadinanza, per tramandare la memoria di uno sterminio dimenticato per decenni. L’Omocausto ha coinvolto circa 14 mila tra gay, lesbiche, bisex e transgender internati nei campi di concentramento nazisti. Di questi solo quattromila sono riusciti a salvarsi. Nella Germania di Hitler, infatti, gli atteggiamenti omosessuali erano regolati dal Paragrafo 175 del Codice penale: “Un atto sessuale innaturale commesso tra persone di sesso maschile o da esseri umani con animali è punibile con la prigione. Può essere imposta la pena accessoria della perdita dei diritti civili”. In Italia la situazione era differente, ma certo non migliore. Alla stesura del codice penale, la norma che prevedeva l’omosessualità come reato, venne stralciata perché si diceva che “in Italia, sono tutti maschi” e che grazie al regime fascista, in Italia questo “problema” degenerativo, non era di così grande portata da dover mettere nero su bianco una simile norma per contrastarlo. Fu adottata la tecnica del silenzio: se non si parla del problema, il problema non esiste. Ma bastava essere indicati o etichettati da maldicenza o anche solo sospettati come omosessuali per essere mandati al confino, in condizioni disumane. Anche nel nostro Paese quindi, l’omosessuale era considerato un “depravato dedito a turbare la moralità e l’ordine pubblico e come tale doveva essere punito” (come redigevano sui verbali a quei tempi). Finita la guerra, gli omosessuali sopravvissuti erano costretti al silenzio per non rivangare una simile “vergogna”, quale che fosse il confino o il triangolo rosa, e in Germania, questi deportati non potevano chiedere risarcimenti dallo Stato, perché erano ancora punibili in base al paragrafo 175, che fu abrogato qualche decennio dopo.
      
      Salerno
      
      Siena
      
      Il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria, anniversario della liberazione del campo di concetramento di Aushwitz.
      
      Il Movimento Pansessuale si unisce non solo al semplice ricordo quanto all’attiva memoria di quel che accadde in quei luoghi in quegli anni.
      
      Quest’anno presenteremo l’attento lavoro di Jean Le Bitoux “Triangolo rosa” finalmente tradotto dalla Manni Editore.
      
      La presentazione del libro avrà inizio alla 18.30 presso le Stanze della Memoria dell’Istituto Storico della Resistenza Senese in via Malavolti n°9 a Siena.
      
      Con nostro grande piacere avremo la partecipazione e l’intervento dell’ANPI Siena. Oltre al libro a riflettere sul libro attraverso brani estrapolati, saranno proiettati filmati di varia natura repertoria o artistica.
      
      Al termine della presentazione la serata proseguirà come ogni mercoledì al Bar Termini in via dei termini 43
      
      Torino
      
      Domenica 27 gennaio, si celebra il Giorno della Memoria in commemorazione delle vittime del nazismo, del fascismo e dell’Olocausto. Appuntamenti della giornata:
      a partire dalle ore 15,30
      
      Il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà di Corso Valdocco 4 a, attento e sensibile alle tematiche sull’identità di genere, dedica il Giorno della Memoria 2013 alle vittime omossesuali delle persecuzioni nazifasciste con l’inaugurazione della “panchina rosa triangolare” progettata da Corrado Levi e da lui donata al Museo.
      
      Ore 21.00  presso il TEATRO ARALDO di via Chiomonte 3 va in scena I Will Survive sul tema dell’Homocausto.
      Lo spettacolo è della compagnia Teatro In Genere del Comitato Arcigay di Udine per la regia di Serena Di Blasio ed è parte del cartellone di Va tutto bene… Madama la Marchesa? (www.madamalamarchesa.it), la prima rassegna teatrale italiana a tematica LGBT di cui Arcigay Torino è partner, Alla fine dello spettacolo ci sarà un dibattito con il pubblico, organizzato da Arcigay Torino e Arcigay Udine-Pordenone, sul tema dell’Homocausto, in collaborazione con le associazioni Thealtro e Barbari Invasori.
      
      I will survive – compagnia Teatro in genere  di Serena di Blasio
      Berlino, 1934. La vita di Max e Rudy viene sconvolta dall’avvento del nazismo che, oltre agli ebrei, perseguita anche gli omosessuali. Max, fintosi ebreo pur di non essere marchiato con l’infame triangolo rosa come tutti i gay, finisce nel campo di concentramento di Dachau. Lì incontra Horst, deportato proprio perché omosessuale. I due s’innamorano, cercando di sopravvivere agli stenti e ai lavori forzati. Gli attori danno voce a Max, Rudy, Horst, protagonisti di Bent, toccante testo teatrale di Martin Sherman, agli spietati ufficiali delle SS nei campi di concentramento, a Lilly e Felice, protagoniste dell’emozionante romanzo di Erica Fischer, Aimée & Jaguar, alle storie di tante donne e uomini sterminati solo per la loro “diversità”. Storie d’amore, odio, paura e amicizia, ma anche di speranza. Nel giorno della memoria, e non solo, …con l’obbligo morale di ricordare i circa 100 mila omosessuali che durante il nazismo e il fascismo vennero perseguitati, rinchiusi nei campi di concentramento, marchiati con il triangolo rosa, uccisi nelle camere a gas o a causa di stenti e malattie.
      
      Trento
      
      Trieste
      
      Trieste 27 gennaio 2013 ore 11 Risiera di San Sabba
      Nel corso della cerimonia solenne, le volontarie e i volontari del Circolo Arcobaleno deporranno due corone di fiori, a forma di triangolo nero e triangolo rosa, per ricordare le donne e gli uomini omosessuali e transessuali, vittime del nazifascismo
      
      ore 17.30 Auditorium del Civico Museo Revoltella
      Ricerche, memorie, storia: la repressione della mascolinità deviante nella Venezia Giulia
      “Rapporti Chiesa Regime: il confino di un Monsignore” Conferenza di Marco Reglia Introduzione di Davide Zotti
      
      a cura del Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica Trieste In collaborazione con il Civico Museo della Risiera di San Sabba
      
      Udine
      
      UDINE / PIAZZETTA LIONELLO OMOCAUSTO: MAI PIU’
      
      Sabato, 26 gennaio – ore 18,00 piazzetta Lionello – Udine (di fronte al Comune) Con la partecipazione del Comune di Udine
      
      Letture a lume di candela: uniti nel ricordo, uniti nella denuncia! Sit-in e letture tematiche per commemorare le vittime omosessuali dell’olocausto e per denunciare ciò che ancora oggi minaccia tante e tanti omosessuali. Nonostante le 100mila vittime nei lager nazisti, ancora oggi 80 Paesi nel mondo prevedono pene per le persone omosessuali.
      Per solidarietà alle nostre sorelle e fratelli gay che in Uganda rischiano in questi giorni di vedere approvata una legge omofoba che prevede addirittura la pena di morte e in ricordo di David Kato, attivista ugandese vittima dell’omofobia!
      
      UDINE / MISSKAPPA
      
      Film documentario PARAGRAPH 175
      
      Lunedì, 28 gennaio – ore 21,00 presso Circolo Arci MIsskappa – via Bertaldia, 38 – Udine
      
      Vercelli
      
      ARCIGAY RAINBOW VALSESIA-VERCELLI ORGANIZZA con ISTITUTO STORICO PER LA RESISTENZA VERCELLI-BIELLA il 25 gennaio alle ore 21 presso la sede dell’Istituto in di via D’Adda,6 a Varallo Sesia, la proiezione di PARAGRAPH 175 Prima della visione ci sarà l’introduzione dell’esperto dell’ Istituto Storico,poi un nostro intervento e a termine della visione si aprirà il dibattito.
      
      Verona
      
      Dal 7 GENNAIO al 9 FEBBRAIO 2013 MOSTRA AL MILK
      
      Per non dimenticare quello che è accaduto e continuare a restare vigili nel tempo è importante che la memoria non si esaurisca… continui! Oggi e domani.
      
      Ciò che è accaduto ieri, purtroppo oggi continua a riproporsi in altre parti del mondo. La stessa matrice ideologica che poco più di sessant’anni fa ha portato allo sterminio milioni di esseri umani, oggi rispunta sotto varie forme e in nuovi e pericolosi movimenti che chiedono le stesse cose.
      
      Memoria. Continua… attraverso il mezzo della creatività visiva e grafica vuole portare all’attenzione di tutti, quello che è stato, quello che è, nella speranza che non accada più in futuro.
      
      Memoria. Continua…. Esposizione e percorso creativo-grafico-visivo contro il nazifascismo e tutte le ideologie totalitarie, politiche e religiose.
      INFO : Arcigay Pianeta Urano (VR) 346.9790553 o scrivete a info@arcigayverona.org
      public post_title -> string(59) "Giornata della memoria 2013. Tutte le iniziative di Arcigay"
      public post_excerpt -> string UTF-8(248) "Il 27 gennaio di ogni anno si celebra la Giornata della Memoria, a commemorazion…"
      Il 27 gennaio di ogni anno si celebra la Giornata della Memoria, a commemorazione delle vittime del nazi-fascismo. Per l’occasione Arcigay è impegnata su tutto il territorio nazionale, con i suoi circoli, con decine di iniziative di commemorazione.
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(6) "closed"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(58) "giornata-della-memoria-2013-tutte-le-iniziative-di-arcigay"
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2013-01-25 00:00:00"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2013-01-24 23:00:00"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(111) "https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2013/01/25/giornata-della-memoria-2013-…"
      https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2013/01/25/giornata-della-memoria-2013-tutte-le-iniziative-di-arcigay/
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public post_count -> integer12
    public current_post -> integer-1
    public in_the_loop -> boolFALSE
    public post -> WP_Post(24)
    • contents
    • Available methods (6)
    • public ID -> integer152600
      public post_author -> string(1) "2"
      public post_date -> string(19) "2017-05-18 08:40:17"
      public post_date_gmt -> string(19) "2017-05-18 06:40:17"
      public post_content -> string UTF-8(68910) "<a href="http://maqualegender.it/"><img class="alignnone size-full wp-image-1526…"
      <a href="http://maqualegender.it/"><img class="alignnone size-full wp-image-152602" src="https://www.cinemagay.it/wp-content/uploads/2017/05/MaQualeGender-70x100-base_testo.jpeg" alt="" width="500" height="714" /></a>
      
      <strong>OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY STILA IL REPORT 2017: "NELL'ANNO DELLE UNIONI CIVILI ESPLODE L'HATE SPEECH NELLE ISTITUZIONI. ALLARME PER IL FENOMENO BABY GANG"</strong>
      
      196 le storie monitorate durante gli ultimi 12 mesi. Al via la campagna #maqualegender che tenta di smontare le bufale dei movimenti no-gender
      
      17 maggio 2017 - Nei dodici mesi trascorsi tra il 17 maggio 2016 e oggi, sono 196 le storie di omotransfobia censite da Arcigay attraverso il monitoraggio dei mass media, e descritte nel report che ogni anno, in occasione della Giornata internazionale contro l'omotransfobia, Arcigay licenzia. "Un numero quasi doppio rispetto a quello dello scorso anno e che merita una riflessione e la ricerca delle opportune chiavi di lettura", dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. Innanzitutto, il report è stato stilato monitorando i quotidiani e i periodici locali e nazionali e i principali siti web di informazione: le storie che riporta sono quindi quelle che hanno superato il filtro della notiziabilità, cioè che sono state innanzitutto denunciate e in secondo luogo ritenute di pubblico interesse dagli operatori dell'informazione. Non si tratta quindi di un censimento esaustivo del fenomeno, semmai di una fotografia che all'interno del fenomeno complessivo dell'omotransfobia pemette di distinguere i contesti e le forme in cui si verifica. E' insomma un report qualitativo, che entra nel merito del racconto dei fatti e cerca di individuare tratti comuni e tendenze. Proprio per questo il report è stato suddiviso in 6 sezioni: la prima è dedicata all'omofobia istituzionale e ai movimenti omofobi, cioè a tutti i casi in cui parole e azioni d'odio hanno come responsabile un rappresentante istituzionale, luoghi istituzionali, o realtà che tentano di confezionare il discorso d'odio in contenitori "autorevoli" (convegni ad esempio), affinché sia assunto come valido da chi ascolta. Nel report sono segnalate ben 61 storie sotto questa categoria, un numero esorbitante sul quale pesano in particolare due fattori: da un lato l'approvazione della legge sulle unioni civili, con il suo strascico di sindaci "disobbedienti" che hanno tentato di intralciarne la piena applicazione; dall'altro lato le elezioni amministrative, che come ogni appuntamento elettorale hanno prodotto una notevole quantità di hate speech, utilizzato come leva di consenso. L'omofobia istituzionale va guardata con estrema attenzione perché ha un effetto a cascata su tutte le altre forme di hate speech e hate crimes, in virtù della legittimazione che ad essi forniscono. Saltano all'occhio quindi le 15 storie del secondo capitolo del report, quello dedicato alla Scuola: in parte si tratta di storie di bullismo, aggravate dal fenomeno del cyberbullismo, ma in parte troviamo in questo capitolo i casi in cui contenuti attinenti ai diritti delle persone lgbti siano stati respinti dalle classi o dai dirigenti scolastici, evidentemente persuasi dalla retorica omonegativa delle istituzioni e dei gruppi "anti-gender". La scuola, perciò, è uno dei contesti che più subisce l'impennata dei discorsi d'odio: a questo proposito non è un caso che nell'ultimo capitolo del report (quello dedicato a hate crimes e hate speech più strettamente intesi) si verifichi un abbassamento significativo dell'età dei carnefici e un dilagare del fenomeno delle baby gang, spesso protagoniste di fatti violentissimi. Occhi puntati sullo sport, dove il fenomeno omotransfobia inizia ad essere denunciato, diventando perciò visibile. Inoltre, nonostante l'approvazione della legge sulle unioni civili, si registrano ancora casi di discriminazione delle persone lgbt, da sole o in coppia, escluse da negozi, offerte commerciali, luoghi. Si contano 12 casi che sono però evidentemente solo la punta di un iceberg. Le ultime due categorie (cioè gli omicidi e gli atti e le parole d'odio) contengono un dato inequivocabile: gay, lesbiche e trans sono ancora percepiti come soggetti deboli e vulnerabili. Sono perciò vittime di ricatti, rapine, agguati. Il numero di episodi segnalati dai media indica una frequenza allarmante, di circa un caso ogni tre giorni. "In definitiva - commenta Piazzoni - il report ci consegna la fotografia di un Paese che non riesce a iniettare anticorpi efficaci contro l'omotransfobia. E non lo fa perché la stessa classe politica è parte del problema e non sembra avere alcuna intenzione di censurare se stessa. Infatti, il testo di legge approvato alla Camera, giace da anni sepolto al Senato, senza alcuna prospettiva. E nessun'altra iniziativa di legge si intravede all'orizzonte. Ci sono poi le leggi regionali, che tentano di parlare di prevenzione del fenomeno e di mettere a sistema le azioni di contrasto: l'ultima ad essersene dotata quest'anno è stata l'Umbria, dopo una battaglia durata molto tempo. Ma sono tante le Regioni che ancora non si sono date questo importantissimo strumento". In occasione del 17 maggio, Arcigay parte con la campagna #maqualegender che ha come oggetto diretto i cosiddetti no-gender, movimenti omo-transfobici protagonisti di numerose notizie riportate nel report. La campagna richiama il gioco del monopoli, e fa riferimento alle sue celebri carte degli imprevisti: tutti aspirano ad essere se stessi, l'unico imprevisto in questo percorso è la paura. E' una campagna che cerca di spiegare, e attraverso la parola vuole superare i fantasmi prodotti da chi specula sulla paura. Nelle numerose iniziative che Arcigay mette in campo in questa giornata in tutto il territorio nazionale, verranno distribuite cartoline che rimandano al sito <a href="http://maqualegender.it/">http://maqualegender.it</a>, dove si articoleranno nei prossimi mesi tutte le fasi della campagna.
      
      <strong>17 maggio 2017 - Report omotransfobia </strong>
      
      <h1>Movimenti omofobi e Omofobia istituzionale</h1>
      
      &nbsp;
      
      1. 30 aprile 2017 Corriere della Sera “Nozze gay, esposto alla Corte dei Conti per il Comune di Stezzano” (Stezzano)- ​Il Comune di Stezzano vuole ricorrere al Consiglio di Stato contro la bocciatura del Tar sulle unioni civili. La lista civica di minoranza «Stezzano bene comune» annuncia un esposto alla Corte dei conti. È la vicenda di Germano Gasparini e Giuliano Inselvini che non volevano celebrare la loro unione nello «sgabuzzino», poi sistemato dalla giunta leghista. Al Tar hanno vinto. Ma prima del loro «sì» del primo aprile, a febbraio l'amministrazione del sindaco Elena Poma aveva deliberato il ricorso. «Il comune è stato condannato a sborsare, tra rimborso delle spese di giudizio e compenso al legale 12.000 euro»,
      
      2. 29 aprile 2017 Libero Milano “Convegno contro la “filosofia arcobaleno” (Monza Milano) - ​«Delirio arcobaleno». Si intitola così il convegno in programma questo pomeriggio alle 15 all'Euro Hotel di Concorezzo (Monza). Il riferimento è alla dittatura delle associazioni Lgbt, una sorta di totalitarismo secondo gli organizzatori.
      
      3. 19 aprile 2017 Corriere del Mezzogiorno “Allontanate da un militare per un bacio lesbo” (Napoli) - ​Loredana e Valeria - i nomi sono di fantasia - erano abbracciate quando si è avvicinato un militare in servizio in città nell'operazione strade sicure. E ha invitato le due a sciogliersi dall'abbraccio e ad allontanarsi dalla piazza.
      
      4. 16 marzo 2017 Corriere della sera “Lo spettacolo per i bambini e la polemica anti gender” (Genova) -​Su input di Generazione fa-miglia, da gennaio sono state raccolte oltre 100 mila firme contro lo spettacolo sotto una petizione che inizia con le parole «Allarme rosso!» e termina con un appello a nonni e genitori a impedire che le scuole portino i bambini ad assistere allo spettacolo.
      
      5. 23 marzo 2017 Avvenire “Identità sessuale e identità di genere, un dibattito a Francavilla al Mare” (Francavilla al Mare - Chieti) - ​Dopo aver spiegato la teoria del gender anche con un excursus storico, nel quale ha delineato le principali tappe di sviluppo di questa idea, si è fermata a riflettere sul perché il gender è pericoloso. Perché pretende non solo di influire sul modo di pensare, di educare, mediante scelte politiche ma anche di vincolare sotto il profilo penale chi non si
      adegua (in Italia c’è il decreto legge Scalfarotto); inoltre, impone atti amministrativi per cui Comuni ed enti hanno sostituito i termini ‘padre’ e ‘madre’ con ‘genitore 1’ e ‘genitore 2’.
      
      6. 7 marzo 2017 Repubblica.it “​Lgbt, la Lega accusa il Comune per il film della Pivetti​” (Milano)
      
      7. 3 marzo 2017 Avvenire “Ricorso contro la sentenza dei due padri omosessuali” (Trento) -​Il Sostituto procuratore generale presso la Corte d’appello di Trento non ci sta, dichiara di voler impugnare in Cassazione la sentenza che ha riconosciuto la genitorialità di due uomini su altrettanti gemelli, partoriti e consegnati loro in Canada attraverso il contratto di maternità surrogata. È contraria all’ordine pubblico, afferma Giuseppe Maria Fontana.
      
      8. 31 marzo 2017 La Stampa “Frase volgare verso i gay Gancia sospesa per una seduta” (Cuneo) - ​Un’espressione volgare, usata proprio mentre si discuteva di estendere alle coppie omosessuali la legge salva-sfratti per gli inquilini morosi delle case di edilizia popolare, come prevede la legge Cirinnà. «Un mio amico gay dice che è facile fare i froci con il ... degli altri» ha esordito nel suo intervento Gianna Gancia, capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale ed ex presidente della Provincia di Cuneo.
      
      9. 30 marzo 2017 Corriere del Trentino “​Omofobia, lite governatore-Ferrari. Gilmozzi: Rossi garantisca le sensibilità” (Trento) -​L’assessora alle pari opportunità ha lasciato la seduta di giunta dopo pochi minuti, in disaccordo con il governatore sul tema dell’obbligatorietà delle giustificazioni per i corsi anti-omofobia.
      
      10.15 febbraio 2017 Il Giornale “Battuta volgare sui transessuali. Indignazione in rete per Grillo” - “Una volta c’erano solo i travestiti e non c’erano i transgender...un trans è una donna col belino oppure un uomo che parla tanto”. Un video girato durante “Grillo vs Grillo”, lo stand up del leader del M5S trasmesso da Netflix dove il comico genovese prende in giro i trans sollevando indignazione e proteste
      
      11.6 febbraio 2017 La Repubblica “Le scene saffiche nei “Bastardi” mettono in crisi i neo-oscurantisti” - MOLTE le reazioni alle di- chiarazioni di qualche politico, tese forse più a conquistare i favori di qualche potente di oltretevere che a compiere opera moralizzatrice, sulle scene saffiche ne “I bastardi di Pizzofalcone”, di cui stasera va in onda l’ultima puntata.
      
      12.2 gennaio 2017 La Repubblica “L’incontro anti-gender nella Sala di Consiglio” (Melegnano - Milano) -C​ONTRO ​il gender che «vuole sostituirsi all’uomo e alla donna», e quindi alla famiglia tradizionale. Parleranno pubblicamente della «battaglia per la tutela della famiglia» contro la “minaccia gender” il 26 gennaio dalle ore 21 nella sala consiliare del Comune di Melegnano, in piazza Risorgimento.
      
      13.10 gennaio 2017 Il Tirreno “Bambino o bambina? Quella favola gender che divide Pistoia” (Pistoia)
      
      14.11 gennaio 2017 Messaggero Veneto “Ossessione Gender, proteste per lo show” (Pordenone)
      
      15.12 gennaio 2017 Il Resto del Carlino “”caso Gender in Parlamento “Famiglie non informate””” (Castello d’Argile - Bologna) - ​Lo spettacolo sul bambino gender “non doveva essere fissato da preside e insegnanti senza un confronto con i genitori: lo sostiene il deputato Massimo Palmizio in un’interrogazione​.
      
      16.19 gennaio 2017 Il Gazzettino «Fermate lo spettacolo sul bimbo senza sesso» (Venezia) - «Quello spettacolo va bloccato, mina la stabilità dei bambini». L’assessore regionale Elena Donazzan boccia senza appello un testo teatrale in programma nei prossimi mesi a Vicenza e a Mira, in provincia di Venezia, dove è in programma l’8 marzo a Villa dei Leoni.
      
      17.23 gennaio 2017Il resto del Carlino “Bufera sul vademecum per i medici “Un assalto alla famiglia tradizionale””(Ferrara)
      
      18.23 gennaio 2017 Il Tirreno “Ceccardi nega l’unione civile. il Pd attacca: «È imbarazzante»” (Pisa) ​- L'amministrazione leghista di Cascina le ha respinte. Pisa le ha accolte. Si
      sono sposate in Palazzo Gambacorti Michela Maccioni e Debora Musetti che avevano chiesto la sala consiliare di Cascina per il 21 gennaio. Celebra l’assessore Marilù Chiofalo. Tanti sorrisi, felicità, fiori colorati oltre alle foto di rito. Subito dopo si è riaccesa la polemica. Cascina aveva respinto la loro richiesta dicendo che per quel giorno la sala era impegnata. Sabato però il municipio di Cascina era chiuso
      
      19.21 gennaio 2017 Il Tirreno “Gender, dibattito sotto scorta” (Cascina) - ​Duecento persone all’evento dal titolo “Gender e omodittatura, colonizzazione ideologica”, una conversazione con il dottor Renzo Puccetti e l’avvocato Simone Pillon. Il dibattito è stato moderato da Lorenzo Gasperini, ex capo di gabinetto della sindaca leghista Ceccardi.
      
      20.20 gennaio 2017 Il Gazzettino “No alle ideologie a scuola” (Mira - Venezia) -​Anche il senatore dell’Udc Antonio De Poli si sta interessando allo spettacolo proposto a Mira chiedendo al Ministero di verificare se la rappresentazione proposta rispetti le direttive del Miur. «La scuola – afferma De Poli - non può sostituirsi al ruolo educativo delle famiglie. Una cosa è lottare contro le discriminazioni di qualsiasi natura, ben altra è introdurre nelle scuole ideologie e orientamen- ti di pensiero come quella gender»
      
      21. 28 dicembre 2016 ​Corriere della Sera “​Unioni gay, l’ira dei cattolici per il programma di Bignardi” - Polemica per la trasmissione su Rai3 in prima serata, alle 20.05 (dal 26 dicembre e per sei sere consecutive), del programma «Stato civile», condotto da Daria Bignardi sul tema delle unioni civili. La trasmissione, denunciano Maurizio Lupi e Carlo Giovanardi, che come Mario Adinolfi ne contestano aspramente l’opportunità, era già andata in onda a novembre in seconda serata.
      
      22.16 dicembre 2016 La Prealpina “Nasce il fronte anti Gay Pride” (Busto Arsizio Varese) - ​Matteo Sabba, personaggio di riferimento della lista Busto Grande, che nel dibattito accorato con Giampaolo Sablich (Movimento X) ha sparato a zero: «Facciano tranquillamente ciò che più li aggrada ma mi fanno schifo, ripeto, schifo: l’insegnamento ai bambini di queste schifezze, le donne con la barba, gli uomini con la gonna e le persone stupide che difendono una tale m...a che neanche capiscono».
      
      23.4 novembre 2016 Libero “Basta unioni gay. Le sindache leghiste fanno dietrofront” (Musile sul Piave - Venezia) - ​Le unioni civili non saranno più celebrate dai sindaci leghisti: alle prime cittadine del Carroccio che avevano osato sfidare i diktat del partito, Salvini è riuscito a mettere il bavaglio. E anche senza troppi sforzi. Sono bastate le minacce di epurazione a far arrivare un inatteso dietrofront del sindaco di Musile di Piave Silvia Susanna, che si era fatta paladina dei diritti civili “sposando” il primo ottobre Lucia Ducceschi e Beatrice Giuseppi.
      
      24.4 novembre 2016 Il Resto del Carlino “Unioni civili, è scontro a Persiceto. Sindaco: “Non sposiamo coppie gay” - (San Giovanni in Persiceto - Bologna) “​La Giunta comunale di San Giovanni in Persiceto ha preso la decisione di non officiare le unioni civili di coppie dello stesso sesso”. A parlare è il sindaco di San Giovanni in Persiceto, Lorenzo Pellegatti.
      
      25.30 novembre2016Il Resto del Carlino “Teoria gender, arriva Amato di Giuristi per la vita” (Ascoli) - ​Gender (d)Istruzione - la sfida dell’ideologia Gender alla famiglia. “Si registra purtroppo - spiegano gli organizzatori - ancora una sostanziale inconsapevolezza della comunità sulla tematica gender che sta interessando diversi ambiti della vita sociale con inevitabili conseguenze di carattere etico”
      
      26.16 novembre 2016 Il Secolo XIX “Libretto ai trans, scontro Rettore-Regione” (Genova) - ​Un’iniziativa surreale e becera», hanno scritto i consiglieri in un documento, diramato ieri mattina. «In questo modo l’Università - prosegue Rosso - , va contro le mozioni approvate dalla Regione Liguria in materia di contrasto alla diffusione, in luoghi deputati alla formazione, delle teorie gender».
      
      27.12 novembre 2016 La Stampa “Gender, sportello per le famiglie. Esplode polemica” (Genova) - ​La Regione appro​va uno sportello rivolto alle famiglie e contro la teoria del gender ed esplode la polemica.
      
      28.10 novembre 2016 ​Il Mattino “Il sindaco avverte: «Sì alla festa ma che non diventi uno show»” (Saletto - Padova) - ​Il sindaco Michele Sigolotto frena in parte gli entusiasmi di Rosario Barbera e Fabrizio Milanello, la coppia gay di Saletto che domenica mattina, in municipio, dirà
      "sì" alla prima unione civile nella Bassa. «Ho appreso dalla stampa che il rito vedrà presenziare 150 persone, che sarà affiancato da alcune promesse e ci sarà anche una marcia nuziale», commenta Sigolotto. «Sinceramente la cosa mi ha indispettito. Questo non è un matrimonio, ma è una unione civile, avviene in una sede istituzionale e il rito non prevede manifestazioni come quelle annunciate dalla coppia.
      
      29.10 novembre 2016 veronasera.it “​Le Sentinelle in Piedi tornano in piazza a Verona "in difesa della Famiglia"​ (Verona)
      
      30.20 novembre 2016 La Prealpina «Non celebrerò mai matrimoni omosex» (Gallarate - Milano) - ​Si celebra la prima unione omosessuale in Comune. Se ne occupa l’ufficiale dello stato civile perché il sindaco Andrea Cassani è categorico: «Non celebrerò mai matrimoni gay».
      
      31.19 ottobre 2016 Il Corriere della sera ​«Unioni civili fuori dal salone delle feste» (Stezzano - Bergamo) - ​Un salone con gli affreschi per chi sceglie il matrimonio civile. Un piccolo ufficio tra faldoni e scrivanie per gay e lesbiche che si uniscono civilmente. Il sito ​www.imille.org racconta (anche con le immagini sopra) ciò che sta succedendo a Stezzano, Comune guidato dalla leghista Elena Poma.
      
      32.21 ottobre 2016 La Repubblica “La Caprioglio: ‘Le unioni civili? Le celebro solo in forma riservata’ (Savona) -​SE una coppia cerca solo visibilità non sono disponibile a sposarla. Se però chiede espressamente di essere sposata da me e riesco a garantire loro la riservatezza, celebro le unioni civili, perché sono un sindaco e rispetto la legge»: le parole della sindaca di Savona, Ilaria Caprioglio, su un’eventuale celebrazione di un matrimonio omosessuale
      
      33.28 ottobre 2016 Il Tirreno “La sindaca: «Non celebro nozze gay, lo farà qualcun altro» (Pontremoli - Massa Carrara) “​Il mio timore è sempre stato quello di perdere gli effetti delle ricadute sociali di questa legge, per rincorrere i diritti altrui, che sappiamo finiscono quando iniziano i nostri. Occorreva una riflessione ed una discussione più profonda”. Detto questo, come è noto, il sindaco Baracchini non celebrerà matrimoni gay.
      
      34.27 settembre 2016 il Sole 24 ore “Sindaco si oppone a nozze gay: chiedo obiezione di coscienza” (Favria - Torino) -Niente sposi gay a Favria, 5.200 abitanti in provincia di To​rino. Il sindaco, Serafino Ferrino, si è rifiutato di celebrare il matri monio di due ragazzi.
      
      35.12 settembre 2016 Il Giornale “Via al telefono antigender” (Milano) - La Regione Lombardia attiva una linea telefonico di sostegno alle famiglie per contrastare “l’ideologia gender”
      
      36.6 settembre 2016 La Prealpina “Unioni gay, il caso esplode”
      
      37.6 settembre 2016 ​La Preaplina “Fagioli:«Io non li sposo di sicuro» (Saronno) - ​Per me i matrimoni fra omosessuali non sono una cosa da fare». Alessandro Fagioli, sindaco leghista di Saronno, non ha dubbi.
      
      38.6 settembre 2016 Il Quotidiano di Puglia “«Gay? Andate altrove». Il sindaco: «Tornate in Comune, vi sposo io»” (Tricase - Lecce) - ​Nei giorni scorsi una coppia si è presentata a Palazzo Gallone, all’ufficio di Stato Civile, per chiedere informazioni sulla documentazione necessaria da presentare per l’unione civile e scegliere una data, ma dall’ impiegato comunale avrebbe ricevuto una risposta negativa e sgarbata. Il dipendente, infatti, avrebbe affermato che il Comune di Tricase non si è ancora organizzato, che mancherebbero i registri appositi ed il programma e che sarebbe stato meglio rivolgersi ad un altro Comune
      
      39.11 settembre 2016 LiberoMilano “Il sindaco leghista di Pontida nega gli alloggi popolari ai gay“ (Pontida - Bergamo) -La giunta leghista di Pontida ha licenziato nei mesi scorsi un regolamento che vieta alle coppie gay di avere una casa popolare. Il caso è stato sollevato dalla Cgil di Bergamo.
      
      40.11 agosto 2016 Corriere della Sera “​Trieste, critiche dopo il «no» alla sala matrimoni per le unioni civili” (Trieste) - ​Niente sala dei matrimoni per le unioni civili a Trieste: si celebreranno nella Sala 101 dell’anagrafe comunale e negli orari di ufficio, dal lunedì al venerdì.
      
      41.31 agosto 2016 La Repubblica “Protesta di Arcigay oggi a Diano Marina contro il sindaco” (Diano -Imperia) - L’esponente della Lega, in occasione della prima unione civile in
      Liguria celebrata a Sanremo la scorsa settimana, aveva detto di essere contrario alle unioni gay pur riconoscendo che si tratta di un obbligo di legge, per il quale avrebbe incaricato l’ufficiale di stato civile. Aveva anche aggiunto di voler vietare fiori e lanci di riso
      
      42.19 agosto2016Corriere delle Sera “Sessa: «Sbagliato ufficializzare una cosa contro natura»” (Torre Boldone - Bergamo) - «Se due vogliono stare insieme, niente da dire. Ma non mi sembra corretto ufficializzare un’unione che è contro natura. Sembra quasi di equipararla a un matrimonio. L’unione civile mi sembra sia un modo per pretendere dei diritti, scavalcando i doveri che il matrimonio impone».
      
      43.9 agosto 2016 La Repubblica “La sindaca “Non farò le unioni civili”” (Cascina - Fi)
      
      44.23 agosto 2016 Il Resto del Carlino “La messa contro i gay di Don Lasagni” (Ravenna) - ​Il prelato ha farcito la predica con invettive contro i gay e contro le loro unioni.
      
      45.26 agosto 2016 Il Giorno “Sindaco e assessori della Lega in coro: “Non celebreremo i matrimoni gay” (Corsico - Mi) - ​“no ai matrimoni omosessuali” : a Corsico né il sindaco né il presidente del consiglio comunale celebreranno le unioni samesex
      
      46.6 agosto 2016 La Repubblica ““Le unioni civili solo il mercoledì” Il sindaco leghista fa infuriare i gay” (Padova) - Unioni civili sì, ma solo il mercoledì mattina. E con il divieto di scegliersi il celebrante. A Padova l’unione tra persone dello stesso sesso potrà essere sancita solo dai funzionari comunali, ma mai nel fine settimana. Sono le regole imposte dal sindaco leghista Massimo Bitonci.
      
      47.30 luglio 2016 Novara La Stampa “Gay e lesbiche contro Canelli “Discrimina le unioni civili” (Novara) - ​Il sindaco Alessandro Canelli non celebrerà le unioni civili: «Sono contrario». Ma la sua decisione ha scatenato la protesta dell’associazione per i diritti gay
      
      48.5 agosto 2016 La Libertà “No alle unioni civili al Farnese” (Piacenza) - ​Niente Salone Pierluigi a palazzo Farnese per le unioni civili? Dopo l’annuncio di ieri con cui l’assessore del Comune di Piacenza Giorgia Buscarini dava conto della procedura nuova di zecca per pronunciare i primi “sì” arcobaleno di Piacenza - evidenziando che la location sarà l’ufficio di Stato civile di via Beverora e non palazzo Farnese - monta la protesta.
      
      49.21 agosto 2016 Il Gazzettino “Villa vietata alle unioni civili «Il sindaco discrimina i gay»” (Villorba - Treviso) - ​Le unioni tra omosessuali infatti non possono essere celebrate a villa Giovannina, sede nobile del Comune e gli orari sono limitati a quelli di apertura dell'ufficio di stato civile.
      
      50.31 luglio 2016 Il Mattino “Offesa in ospedale, la trans rifiuta il ricovero” (Napoli) «Preferisco morire a casa piuttosto che essere umiliata in ospedale». Nunzia pronuncia queste parole con gli occhi gonfi di lacrime ed il suo dolore diventa un vero e proprio grido di denuncia che non vuole e non può trattenere. «Sono finita al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco per un’ischemia cardiaca - racconta la trans 54enne, al secolo signora Nunzia Napoletana Lo Preiato - il personale sanitario mi ha derisa, trattandomi come se non avessi una dignità e lo stesso trattamento me l’hanno riservato i degenti, per questo ho deciso di rifiutare il ricovero».
      
      51.31 luglio 2016 lacittadisalerno.it “​«Avete votato una banda di froci» Il post del consigliere imbarazza​” (Salerno)
      
      52.10 luglio 2016 La Repubblica ““Li sposeranno altri, non io parola di sindaco obiettore” “ (Rovigo) - ​E se un bel giorno si presentano in tre? O se qualcuno viene qua con un cavallo e vuole sposare quello? Mai e poi mai, con la fascia da sindaco, celebrerò il matrimonio tra due persone dello stesso sesso. Ci sono problemi molto più importanti da affrontare».
      
      53.27 luglio 2016 Il nuovo Quotidiano di Puglia “Unioni civili, l’assessore avverte: «Non sposerò mai due omosessuali» “ (Mesagne - Brindisi) - ​«Non celebrerei mai una unione civile tra persone dello stesso sesso». Così il neo assessore ai Servizi sociali di Mesagne, Antonella Catanzaro, che intervenendo sulle unioni civili ha scatenato la polemica. «La mia fede mi porta a dire no», ha detto.
      
      54.19 luglio 2016 ​Il Messaggero “Tagliato bacio gay nella serie su Rai2, è polemica. E la puntata torna in onda” - ​La seconda rete censura una scena d’amore tra due uomini nell’episodio Le regole del delitto perfetto (venerdì sera su Raidue) e scoppia l’ennesima polemica.
      
      55.3 giugno 2016 La Stampa ““Noi, umiliate allo sportello solo perché siamo lesbiche”” (Torino) - «Perché dovremmo rinunciare a un nostro diritto, solo perché un impiegato si rifiuta di fare il suo dovere e ci nega qualcosa che ci spetta?». Monica e Lucia sono le due donne che allo sportello per la casa popolare di Torino si sono viste rifiutare la pratica per convivere perchè omosessuali.
      
      56.19 giugno 2016 Corriere della sera “Il sindaco è contrario: unioni gay, celebra il segretario” (Telgate - Milano) - ​Non sono una priorità per la maggioranza. Non lo sono per l’opposizione. Intanto però, a Telgate, le unioni civili tra omosessuali finiscono in una delibera di giunta e al centro dell’ennesima polemica. Il sindaco leghista Fabrizio Sala, già famoso per le sue battaglie (dalle panchine anti clochard all’ordinanza anti ebola), si rifiuta di celebrarle. «Il matrimonio è tra uomo e donna», sentenzia.
      
      57.19 giugno 2016 Repubblica “Offesa omofoba dell’ex rugbista bufera su Lo Cicero assessore” (Roma)
      
      58.16 giugno 2016 Il Fatto quotidiano “Morte ai gay, riti e pistole: le omelie di don Max” (Cagliari) - ​La sua omelia contro gli omosessuali ha scatenato un inferno di polemiche. Don Massimiliano Pusceddu, prete sardo di una piccola parrocchia a Decimopuztu, in provincia di Cagliari, ha attaccato anche il governo e le unioni civili. Il messaggio lanciato ai fedeli recitava: “I gay meritano la morte”.
      
      59.26 giugno 2016​ Il Gazzettino “Antigay: pochi ma agguerriti” (Treviso)
      
      60.25 giugno 2016 Il Mattino “«No Gay pride», parte la crociata delle associazioni: stop al corteo (Caserta) - ​«Gay pride, vade retro». Le associazioni di stampo cattolico insorgono contro l’evento in programma oggi a partire dalle 15 con raduno in piazza Vanvitelli nell’ambito del «Caserta Campania Pride»
      
      61.18 maggio 2016 La Libertà “ Quattro sindaci rifiutano di celebrare le unioni gay” (Piacenza) - ​Legge Cirinnà, Ziano Caorso, Ferriere e Castellaquarquato dicono no. E si rifiuteranno di celebrare le unioni di fatto. Almeno i loro sindaci che si appellano all’obiezione di coscienza.
      <h1>Scuola</h1>
      &nbsp;
      1. 25 aprile 2017 Corriere della Sera “&lt;Omofobia sul giornalino&gt;. La provincia bacchetta il liceo”
      
      2. 7 marzo 2017 Corriere della sera “​Il film sul bullismo scuote la Regione «Propaganda delle comunità gay»” (Milano) - «Quel film è pura propaganda Lgbt, guai a trasmetterlo ancora nelle scuole». La Lega è pronta alla nuova crociata anti- gender. La pellicola da censurare si chiama​Né Giulietta né Romeo
      ​ e nelle intenzioni della regista Veronica Pivetti si tratterebbe di una storia contro il bullismo e le discriminazioni.
      
      3. 7 marzo 2017 La Repubblica “Stop ai corsi sul bullismo: “No ai trans”” (Napoli) «Alcuni genitori, emotivamente non vogliono far partecipare i propri figli a questa “cultura di genere” - si legge nella lettera inviata all’Arcigay - in quanto il tutto è stato fatto su minori senza coinvolgere le famiglie». La scuola sospende gli incontri.
      
      4. 23 marzo 2017 Il Centro “Attivista lesbica a scuola L’incontro diventa un caso” (lanciano - Chieti) - Tutto è iniziato con l’invito rivolto dalla preside dell’istituto superiore frentano Fermi-De Titta, Daniela Rollo, ai genitori degli studenti. Per chiedere di esprimersi sull’opportunità di ospitare a scuola, il prossimo 1° aprile, la scrittrice e attivista per i diritti Lgbt Francesca Vecchioni, figlia del cantautore Roberto.
      
      5. 23 marzo 2017​ Il Centro “E a Pescara è scontro sui transgender”
      
      6. 17 marzo 2017 ​Gazzetta del Sud “Opuscolo contro gli omosessuali distribuito all’Università” (Rende - Cosenza) - Gli iscritti di un’associazione studentesca, regolarmente accreditata dall’università della Calabria ha messo in circolo un opuscolo in cui si parla dell’omosessua lità e di come guarirne. La brochure, colorata e accattivante, presenta gli omosessuali come persone per cui nutrire sentimenti di accoglienza nella misura in cui siano intenzionati a curarsi.
      
      7. 29 marzo 2017 La Prealpina “Assemblea sui diritti dei gay. Scontro fra studenti e preside” (Verbania)- ​A​l Ferrini-Franzosini ci sarebbe il veto, tacito, della presidenza a discutere dei diritti delle coppie omosessuali. Il condizionale è d’obbligo perché l’accusa, formulata nel comunicato diffuso ieri dai rappresentanti degli studenti in consiglio d’istituto, viene respinta dal dirigente scolastico, Santo Mondello.
      
      8. 27 gennaio 2017 Il Tirreno “Persecuzione gay, 3 classi danno forfait” - “​Bent”, la pièce teatrale sulle persecuzione degli omosessuali nei campi di sterminio na- zisti andata in scena ieri mattina al Verdi per le scuole superiori pisane. Uno dei primi (e dei tanti) appuntamenti pensati dall’amministrazione per celebrare la Giornata della Memoria, e che eppure ha innescato le proteste e una petizione lanciata dal Comitato Famiglia Scuola Educazione. L’accusa: aver preso a pretesto l’eccidio per «sponsorizzare l’ideologia gender». A ieri sera, 1.215 firme.
      
      9. 14 gennaio 2017La Gazzetta del Sud “Incontro sulla teoria del gender in una scuola È polemica”
      
      10.14 gennaio 2017 Pisatoday.it “​Scuola: insulti omofobi nei confronti di un giovanissimo​” (Pisa)
      
      11.16 dicembre 2016 Il Messaggero veneto “«Film gender a scuola, genitori all’oscuro» (Pordenone) - «Genitori e insegnanti vengo- no ancora una volta scavalcati in nome della lotta al bullismo: siamo davanti ai soliti trucchi che con la scusa del bullismo fanno da apripista a teorie e messaggi destabilizzanti per gli studenti, spesso poco più che adolescenti» è l’accusa. Il tenta- tivo di diffondere la teoria gender – in base alla quale la differenza tra maschi e femmine e l’orientamento sessuale sarebbero frutto di una libera scelta – secondo Zilli e Ciriani si celerebbe anche dietro la proiezione, avvenuta in alcuni istituti scolastici del pordenonese, del film “Un bacio” di Ivan Cotroneo.
      
      12.21 settembre 2016 Corriere della sera “«Nostro figlio è omosessuale. Rifiutata l’iscrizione a scuola»" (Monza - Milano) -​Sembrava una storia chiusa. La denuncia di un anno fa per presunti atteggiamenti discriminatori a scuola nei confronti del figlio gay, il clamore, le polemiche. Poi le acque si sono calmate, e per i genitori di Daniel (nome di fantasia), studente sedicenne omosessuale iscritto a una scuola religiosa del capoluogo brianzolo, era forse arrivato il momento di dimenticare. Ma ora nuove polemiche sono destinate a montare. Perché secondo la mamma e il padre adottivo del ragazzo, l’Ente cattolico di formazione professionale di Monza (Ecfop) dove Daniel avrebbe dovuto frequentare il terzo anno del corso per baristi, ha rifiutato l’iscrizione al giovane per via del suo orientamento sessuale.
      
      13.11 settembre 2016 QN “&lt;Cicciona lesbica negra&gt; I compagni contro Sophie” (Milano) - ​La ragazzina veniva presa in giro sul gruppo Whatsapp della classe, dove le scrivevano “cicciona, lesbica, negra”
      
      14.1 luglio 2016​ Il Corriere della sera “Chat omofoba, processo a 5 studenti” (Roma) 15.15 giugno 2016 ​Il Tirreno “Offese omofobe e razziste in classe Poi una bocciatura” (Pontedera) - Prese in giro di stampo omofobo e, di rimando, offese razziste per il colore della pelle. Sono gli ingredienti di un pasticcio figlio dei tempi in cui un certo tipo di vocabolario può uscire dalle bocche ancora acerbe di ragazzini delle medie. È successo nel Cascinese nei mesi scorsi, con i due compagni di scuola che si sono ritrovati nella stanza del dirigente scolastico.
      <h1>Sport</h1>
      &nbsp;
      1. 24 aprile 2017 Repubblica Torino “Le ragazze del Torino si scusano. “Noi vogliamo solo giocare””
      
      2. 15 marzo 2017 La Repubblica “Stop a Tiffany e nuove regole per le atlete transgender” (Reggio Calabria) - ​Stop a quelle come Tiffany. La pallavolo italiana dice no alle atlete come la brasiliana Pereira de Abreu, 32 anni, diventata donna e ora giocatrice nella nostra Serie A2 a Palmi, a Reggio Calabria, ma nata uomo con il nome di Rodrigo e come tale schiacciatore in Belgio fino a poco tempo fa, al Jtv Dero Zele-Berlar dove militava nel campionato maschile.
      
      3. 17 marzo 2017 Il Gazzettino “Frase omofoba rivolta a un’atleta mister dell’Uniongaia fermato 4 mesi” (Longarone - Belluno) - ​Frasi omofobe a una calciatrice del Longarone femminile: quattro mesi di squalifica per l’allenatore dell’Uniongaia Andrea Roveda.
      
      4. 14 gennaio 2017 milano.fanpage.it “​Insulti omofobi ai ragazzini che giocano a volley in squadra mista: rissa tra i genitori​” (Bergamo)
      <h1>Discriminazioni</h1>
      &nbsp;
      1. 15 aprile 2017 ​Il Tirreno “Arcigay denuncia: «Casa negata a coppia omosex»”
      
      2. 24 marzo 2017 La repubblica “”Solo famiglie” A coppia gay rifiutato l’affitto” (Torino) - Non vi affitto la casa perché non siete una famiglia». Una coppia gay di Torino si è vista rifiutare una proposta da una agenzia immobiliare.
      
      3. 5marzo2017Gay.it “​Sorrento, coppia gay cacciata dall’hotel per un bacio​” (Sorrento - Napoli)
      
      4. 3 febbraio 2017 La Repubblica “Volevano negare il funerale a Franco” (Torino) Gianni Reinetti, 80 anni, vedovo di Franco Perrello, con il quale cinque mesi fa erano stati protagonisti della prima unione civile a Torino, reagisce aspramente alle dichiarazioni di monsignor Cesare Nosiglia. E svela un antefatto doloroso rimasto sinora inedito: «Il parroco di Santa Rita voleva negare i funerali a Franco​»
      
      5. 15 febbraio 2017 Messinaora.it “​Omofobia a Messina nel giorno di San Valentino​” (Messina)
      
      6. 5 febbraio 2017 Libero “San Valentino solo per etero: bufera su MediaWorld” Giocando sulle parole Valentino e volantino regalava 100 secondi di shopping gratuito all’interno di un punto vendita. Requisito fondamentale correre “in coppia” ossia insieme ad un partner di gara, da lui scelto, purché maggiorenne e di «sesso opposto al proprio».
      
      7. 16 dicembre 2016 Il Gazzettino “ Chiesetta concessa all’Arci. Scoppia subito la polemica“
      
      8. 24 novembre 2016 Repubblica.it “​Omofobia, a bari è rivolta per un cartello in un negozio​” (Bari)
      
      9. 4 novembre 2016 Repubblica “Sconti alle coppie” ma i gay sono esclusi
      
      10.2 agosto 2016 napoli.fanpage.it “Ischia: “​La parrucchiera è trans”. E i genitori portano via dal salone i figli​” (Ischia- Napoli)
      
      11.3 agosto 2016 Il Messaggero “I parrocchiani contro la band femminile le Rivoltelle: sono gay, niente concerto” (Rossano Calabro) - Concerto cancellato per omosessualità. Vittima del pregiudizio sessista è la rock band calabrese tutta al femminile de Le Rivoltelle
      
      12.23 giugno 2016 meridionews.it “​Siracusa, due uomini allontanati da bar dopo bacio. Il titolare: «Omofobia? Mantengo soltanto il decoro​” (Siracusa)
      <h1>Omicidi</h1>
      &nbsp;
      1. 16 aprile 2017 Il Centro “Il padre: «Ora lo denuncio Sta calunniando mia figlia»” - ​Il loro era un matrimonio che durava da 25 anni, hanno visto diventare grandi i loro tre figli, erano nonni, io bisnonno», racconta. E su queste premesse smentisce ancora una volta le voci di un rapporto omosessuale tra le due vittime, di cui Marfisi si era convinto. «Come gli può venire in mente che una donna con sulle spalle 25 anni di matrimonio sia lesbica?»
      
      2. 10 agosto 2016 La Prealpina “Fermato il presunto assassino” (​JERAGO CON ORAGO - Varese) - Come noto Claudio era frequentatore di via De Magri, a Gallarate, meta di gay in cerca di incontri al buio. L’avevano messo più volte nei guai, visto che oltre agli omosessuali in quella zona proliferano malviventi che fingono di desiderare rapporti per poi approfittare della situazione. Silvestri poche set- timane prima di essere ucciso aveva vissuto un’esperienza di quel genere: ospitò in casa un uomo trovato a Gallarate e quell’uomo lo derubò di una collanina d’oro.
      <h1>Vandalismi, insulti, minacce, ricatti, aggressioni</h1>
      &nbsp;
      1. 16 maggio 2017 ​Repubblica.it ​“​Commenti omofobi sul cameriere, Arcigay denuncia direttore di hotel caprese” (Napoli)
      
      2. 15 maggio 2017 Il Mattino “La gogna web per il trans 15enne” (EBoli) -​Insultato da un compagno di scuola, un adolescente minaccia di togliersi la vita.
      
      3. 11 maggio 2017 Il Corriere della sera “Pestati dalla baby gang perché gay” (Milano) Arrestato il branco del Corvetto, gli otto ragazzi (tra i quali sei minorenni) che il 22 gennaio scorso avevano aggredito due giovani fuori dalla discoteca «Karma». Se l’erano presa con loro perché omosessuali. Gli aggressori hanno precedenti per rapina e lesioni
      
      4. 6 maggio 201​7 Gay.it “Omofobia, aggredito a Taranto il presidente Arcigay: “Ma non dobbiamo più nasconderci””
      
      5. 6 maggio 2017 ​Gazzetta di Reggio “''È omofobia non vandalismo'', polemica a Reggio Emilia sul manifesto strappato”
      
      6. 6 aprile 2017​ Il Mattino “Incontri gay segreti poi ricatta l'amante”
      
      7. 4 aprile 2017 Gay.it “​Coppia lesbica uccide bambino: una bufala che stava per rovinare la vita a Francesca​” (ROma)
      
      8. 2 aprile 2017​ Il Tirreno “Operatore turistico aggredito da venditore”
      
      9. 27 aprile 2017 Vesuviolive.it “​Aversa. Oggi Alessia si sposa: scritte omofobe alla Gomorra sul Municipio”
      
      10.7 marzo 2017 ​Il Messaggero “Diciassettenne in manette: aggancia gay in chat e li ricatta” (perugia) - ​Lo ha agganciato su un sito di incontri, specializzato tra quelli per persone dello stesso sesso, intrattenendo conversazioni a sfondo intimamente personale per alcuni giorni. Così un
      17enne ha ottenuto un appuntamento dalla sua vittima, un perugino del ’58, riuscendo a farsi invitare nel suo appartamento. Ma una volta giunto a casa dell’uomo, approfittando di una sua momentanea distrazione, ha arraffato la sua borsa con tutto il contenuto dandosi alla fuga.
      
      11.30 marzo 2017 Il Fatto quotidiano “Shalpy insultato in strada: “Frocio” “Mi sento praticamente morto” (Roma) - ​Uno scambio di sguardi tra due uomini, poi uno dei due abbassando gli occhi bisbiglia “frocio” rivolgendosi all'altro a cui sputa sui pantaloni.
      
      12.17 marzo 2017 Il Mattino “Scampia, gay preso a bastonate: denunciati due minori” (Napoli) - ​Lo hanno umiliato, deriso e infine preso a bastonate, per punirlo per quella relazione che a loro proprio non andava a genio. Non un episodio di gelosia morbosa da parte di un amante respinto, ma di intolleranza.
      
      13.9 marzo2017Gay.it “​Manifesti omofobi e sessisti contro il Gay Center nella Giornata Internazionale della Donna”​ (Roma)
      
      14.10 marzo 2017 La repubblica “Ragazzini insultano attivista gay. “Le maestre in silenzio” (Palermo) - Lo hanno insultato in pieno centro storico mentre andava al lavoro a bordo della sua bicicletta rosa adornata di fiori e pupazzi di peluche. Più volte gli hanno gridato con- tro “pezzo di frocio” e lui si è fermato per capire il perché.
      
      15.16 marzo 2017 Il Gazzettino “Manifesti omofobi sul muro del Foscarini” (Venezia) non più tardi del pomeriggio di due giorni fa, sul muro dello stesso liceo europeo sono apparsi manifesti contro gli omosessuali, firmati “razza italica”, che invitano ad un fantomatico sit-in venerdì prossimo al liceo, con vendita e degustazione di frittata di finocchi.
      
      16. ​7 marzo 2017 ​Corriere del Veneto “​Unioni omosex, blitz di Forza Nuova” (Thiene Vicenza) - ​«Mamma e papà: la base della società». Recitava così lo striscione affisso da Forza Nuova e Lotta Studentesca domenica notte all’esterno del teatro Civico di Thiene. Il manifesto di protesta dei movimenti di destra era riferito allo spettacolo andato in scena sabato sera, dal titolo «Il marito di mio figlio». Un testo che mette in luce lo spaccato delle unioni omosessuali, con due uomini che vanno a sposarsi all’estero.
      
      17.25 marzo 2017 Libero “Tredicenne disabile violentato Gli aguzzini sono undici coetanei” (Napoli) - era finito nelle grinfie di un manipolo di ragazzi fuori controllo. Informati i carabinieri e la procura presso il tribunale dei minorenni, scattano le indagini che faranno emergere uno spaccato sconvolgente, specie se si considera la disabilità del ragazzino: sopru- si, minacce, abusi, a turno o in gruppo, in molti casi veri e propri stupri, certificati anche dai medici intervenuti sul caso. «Vostro figlio è gay, ecco perché succedono queste cose».
      
      18.24 marzo 2017Liberopensiero.it “L’incubo di Dario: violenza e omofobia tra Quarto e Napoli”​ (Napoli)
      
      19.16 marzo 2017 Il nuovo quotidiano di Puglia “Esorcismo sul ragazzo gay: nell’inchiesta il video delle Iene” (Lecce) -​C’è un fascicolo in Procura sul filmato messo in onda domenica sera nel programma “Le Iene” in cui un sacerdote della dio- cesi di Nardò-Gallipoli sembra ricorrere alle formule in uso dagli esorcisti per tentare - sì, sembra proprio questo l’ obiettivo - di tirare fuori ed annientare l’omosessualità di Stefano Romano, 32 anni, di Matino.
      
      20.30 marzo 2017 Il nuovo quotidiano di Puglia “Il presidente dell’Arcigay aggredito e derubato” (Taranto) - Intorno alle ore 16, un gruppo di ragazzi di età varia dai 15 ai 20 anni circa, posizionati sulla passerella in legno, ha iniziato ad apostrofare il noto militante lgbtiq con epiteti facilmente immaginabili e a lanciare pietre contro Pignatelli, senza riuscire a colpirlo.
      
      21.2 marzo 2015 napoli.fanpage.it “​Scomparso Luigi Celentano, 18 anni: veniva umiliato e picchiato. La storia a Chi l’ha visto​?” (Napoli)
      
      22.5 marzo 2017 Il Resto del Carlino “Notti gay con rapine e botte”(Pesaro) - P​aura a Pesaro nella comunità gay. Al parco Mirafiori, luogo dove spesso avvengono gli incontri gay, almeno cinque persone (tra i 40 e i 50 anni)sono state picchiate e rapinate
      
      23.28 febbraio 2017 ​La Stampa “Cambiò sesso, sfruttata si ribella” (Fossano - Torino) Diciottenne transessuale viene allontanata dai genitori adottivi e finisce a prostituirsi in strada.
      24.28 febbraio 2017 Gay.it “​Cremona, 17 anni, gay: “il bullismo ha reso la mia vita un inferno​” (Cremona)
      
      25.4 febbraio 2017 La Repubblica “Candelora, imbrattata la targa contro l’omofobia” (Napoli) - ​Il giorno dopo la Candelora, il tradizionale pellegrinaggio dei “femminielli” al Santuario della Madonna di Montevergine, sono entrati in azione i vandali. Con spray nero hanno imbrattato la targa affissa dal Comune di Ospedaletto d’Alpinolo all’ingresso del paese, le offese (“Ricchioni, pedofili”) ora coprono il messaggio che il sindaco Antonio Saggese aveva voluto lanciare contro l’omofobia.
      
      26.9 febbraio 2017 Il Resto del Carlino “Corte, ferite, interrogazioni. Il “funerale” ora è un caso” (Cesena) - .​Il sindaco Paolo Lucchi ha unito in matrimonio i due cesenati Matteo Capacci e Marco Zaccaria. Un gruppo di Forza Nuova ha inscenato una sorta di corteo funebre ai piedi del municipio.
      
      27.15 febbraio 2017 Gonews.it “​Scritta omofoba su un’auto​” (Santa Croce sull’Arno)
      
      28.8 febbraio2017Il Gazzettino “Paga o dico a tutti che sei gay” (Abano - Padova) -​Per mesi ha ricattato la sua vittima, minacciando di rendere nota la loro relazione omosessuale. Continue richieste di denaro e addirittura minacce di morte nei riguardi del malcapitato. Che alla fine, però, ha deciso di raccontare tutto ai carabinieri.
      
      29.22 febbraio 2017 Il Mattino “Terzigno, strappato il maxi-manifesto del bacio gay” (Napoli) - ​Roberto Menzione, il fotografo di Terzigno che per promuovere la sua attività ha fatto affiggere tre manifesti “6x3” nell’area vesuviana e nolana raffiguranti due uomini che si baciano, è il primo ad essere stupito di tanto clamore: «Il mio voleva essere un messaggio d’amore». E invece, prima ci sono state le polemiche, con la gente del paese che si è divisa, poi il raid: ignoti hanno strappato via il manifesto, prendendosi la briga di arrampicarsi sul tabellone per portare a termine l’atto vandalico.
      
      30.5 gennaio 2017 La Repubblica “Presidente Arcigay minacciato e insultato” (Napoli)​ «Sono chiuso all’ Arcigay preoccupato e spaventato: all’ingresso in sede, in un vicoletto con poca illuminazione, un gruppo di 15 ragazzini, il più grande non oltre i 15 anni, muniti di cacciavite e mazze, hanno iniziato a insultarmi (ovviamente non vi ripeto i noti epiteti) e a insultare la sede dell’Arcigay, molti sono del quartiere». É l’allarme lanciato in un post su Facebook da Antonello Sannino, presidente dell’Arcigay di Napoli, la cui sede è in vico San Geronimo.
      
      31.19 gennaio 2017 La Stampa “La dottoressa omofoba rischia la radiazione” (Torino)​ la crociata contro i gay che la dottoressa Silvana De Mari ha lanciato sul suo blog da una settimana a questa parte è sotto la lente dell’Ordine dei Medici di Torino e Provincia: se- gnalazioni, proteste, richieste di radiarla. Praticamente arriva di tutto.
      
      32.15 gennaio 2017 Repubblica.it “​Omofobia, il leader dell’Arcigay Taranto: Aggredito in piazza​” (Taranto)
      
      33.11 gennaio 2017 Ntr24.tv “​Benevento, nuovo caso di omofobia: 17enne insultato e minacciato per i “capelli lunghi​”. Lo sfogo su Facebook” (Benevento)
      
      34.25 gennaio 2017 Il Resto del Carlino “Minacce e insulti dopo le nozze gay. Le associazioni al fianco dell’assessore” - ​L’assessore alle pari opportunità insultata sui social media per aver celebrato un’unione civile
      
      35.24 gennaio 2017 Repubblica.it “​Roma, lo insultano e poi lo aggrediscono​: “è omofobia”” (Roma)
      
      36.25 gennaio 2017 Il Giorno “Dodici secondi di calci e pugni “Ci hanno gridato froci di m…”” (Milano) - Aggressione lampo all’uscita di una disco gay milanese. Otto ragazzi ne accerchiano altri due, li insultano e li pestano.
      
      37.24 gennaio 2017 Il Resto del Carlino “Minacce dopo le nozze gay “C’è qualcuno che si sente impunito”” (Civitanova Marche - Macerata) - ​Il sindaco e l’assessore dopo aver celebrato l’unione civile tra due ragazze diventano bersaglio sui social media di insulti e minacce.
      
      38.10 gennaio 2017 Il Mattino “Volantino contro un operatore: «Quell’animatore è omosessuale» (Padova): ​«Che schifo un animatore omosessuale». Un volantino diffuso nel
      patronato di una chiesa, in un comune della cintura urbana, riaccende la questione dell’omofobia e delle discriminazioni all’interno delle parrocchie, in particolare tra i genitori che portano i loro figli ai momenti aggregativi organizzati dalle associazioni.
      
      39.6 gennaio 2017 La Nuova Sardegna “Il Mos accanto alla coppia gay minacciata” -​Le due ragazze di Domusnovas, infatti, sono state ricoperte di minacce e insulti dopo la partecipazione alla trasmissione televisiva Stato Civile di Rai- tre e dopo un appello di Adinolfi che avrebbe indirizzato la rabbia di decine di militanti contro la trasmissione. E nel calderone del web sono finite anche Simona, Stefania e sua figlia, appena dodicenne, che sono state minacciate dei morte con frasi esplicite che inneggiavano alla fucilazione immediata o alla morte sul rogo.
      
      40.26gennaio 2017 Il Giorno “Gli incontri organizzati sui siti gay tra “regalini” e lettere di minacce”
      
      41.15 dicembre 2016 La Repubblica “Insulti omofobi a un collega. richiamo ufficiale per due poliziotti” (Milano) - ​Due poliziotti — entrambi in servizio alla questura di Milano ai tempi dei fatti contestati — la scorsa estate avevano scritto “frocio” sull’armadietto di un agente. E avevano fatto circolare voci su una sua presunta (e assolutamente falsa) frequentazione con una prostituta transessuale.
      
      42.22 dicembre 2016 Il Mattino “«Razzisti e omofobi padroni a Solesino»”(Solesino Padova) - Pubblicato un filmato, in palese violazione della privacy, in cui si dà dei "froci" a due ragazzini ripresi a danzare, senza che sia stato riportato alcun danno ai locali o ci siano altri comporta menti censurabili.
      
      43.12 dicembre 2016 Il Resto del Carlino “Perseguitato e ricattato dall’amante gay” (Rimini) - ​Due uomini si conoscono a cena: dopo qualche drink finiscono a letto. Iniziano una relazione ma quando uno dei due decide di troncarla, l’altro inizia a minacciarlo di rivelare la sua omosessualità.
      
      44.29 novembre 2016 ​La Repubblica “Omofobia, 25enne pestato in un bar” (Napoli) «Buttate fuori ‘sto ricchione!», ha ringhiato la commessa del bar. E due uomini si sono avventati contro Kostantin. Uno spintone, poi calci, pugni, schiaffi. Kostantin, 25 anni, è scappato con l’aiuto di due amici, e di lì a qualche ora è andato al pronto soccorso per farsi medicare.
      
      45.4 novembre 2016 Libero “Radio Maria sulle scosse: castigo divino per le nozze gay” - Il popolo della Rete all’assalto dell’emittente cattolica, diretta da padre Livio Fanzaga, rea di avere parlato del sisma come di un castigo divino che l’Italia ha ricevuto per avere approvato la legge sulle unioni civili.
      
      46.27 novembre 2016 La Stampa “Sgarbi, insulti ai gay anziani. “Si sposano? è una truffa” - ​Vittorio Sgarbi, interpellato dal presentatore a proposito di matrimonio, tocca il tema delle unioni gay: «Due omosessuali perché c... si sposano? Si amino e non rompano i c...».
      
      47.3 novembre 2016 ​La libertà “Piroli sul fatto denunciato dall’Arcigay “Un inaccettabile attacco omofobo” (Piacenza) - ​in un locale del centro storico, due ragazze lesbiche sono state oggetto di provocazioni e commenti sgradevoli da parte di alcuni avventori.
      
      48.17 novembre 2016 Il Mattino “Unioni civili, spunta lo striscione omofobo” (Nocera Inferiore - Salerno) - ​Nocera Inferiore è «nel degrado» perché si «sposano i gay». Sotto accusa è finito il sindaco Manlio Torquato. Lo striscione fa riferimento alla prima unione civile celebrata sabato scorso al municipio di Nocera Inferiore.
      
      49.11 novembre 2016 Il Resto del Carlino “Scoprono che la figlia è gay. Insultata e pestata dai genitori” (Rimini) - ​Pestata e maltrattata dai propri genitori perché gay. E’ arrivata in ospedale con addosso i segni delle percosse. E non era la prima volta che una giovane di 20 anni chiedeva di essere curata.
      
      50.20 novembre 2016 Il Tirreno “Preso a sassate perché gay” (Castelfiorentino Firenze) - È stato preso a sassate da una banda di ragazzini perché gay. È una terribile disavventura – fortunatamente senza conseguenze fisiche – quella capitata al 29enne Christian Ciciliano, un giovane di Castelfiorentino che stava tornando a casa dopo una giornata di lavoro passata a Poggibonsi.
      51.22 ottobre 2016 La Repubblica “No al salone delle nozze gay” Blitz nella notte di Forza Nuova” (Roma) - BLITZ di notte contro il Gay Wedding, il primo salone della Capitale sulle unioni civili, non lontano dall’hotel Ergife dove da ieri è di scena la manifestazione. La mano è quella di Forza Nuova, la costola romana del movimento politico di ultradestra, che passata da un po’ la mezzanotte organizza l’incursione non lontano dall’albergo sull’Aurelia. Un’azione che si conclude con manichini impiccati e l’affissione di uno striscione con scritto “State uccidendo la famiglia, nogaywedding”.
      
      52.12 ottobre 2016 Repubblica.it “​Omofobia e proteste a Bari: nel menù la pizza dei froci”​ (Bari )
      
      53.12 ottobre 2016 Sardiniapost.it ​“Omofobia, picchiato a sangue a Cagliari perché amico di un transgender”​ (Cagliari)
      
      54.4 ottobre 2016 ​Il Fatto quotidiano “Russo squalificato dopo le parole omofobe e sessiste” - “Devi abbandonare la casa stasera stessa”. Il verdetto lo ha comunicato in diretta ieri sera Ilari Blasy a Clemente Russo, l’ex pugile in forza alle Fiamme Azzurre e ora concorrente del Grande Fratello Vip, in seguito alle affermazioni del pugile all’interno della casa del reality fatte durante le “confidenze” fattegli dall’altro concorrente.
      
      55.4 ottobre 2016 Il Gazzettino “Sulle nozze gay l’ira omofoba” (Feltre - Belluno) - ​Le nozze dell'anno tra la coppia omosessuale Luca De Paoli e Carmine De Sanctis stanno scatenando l'ira dei benpensanti. Terreno privilegiato di commenti al vetriolo, inni alla famiglia tradizionale e condanne al limite della denuncia è, ancora una volta, il web.
      
      56.9 ottobre 2016 Il Messaggero “«Vergognati» Giovane gay aggredito da un islamico” (Roma) - ​Aggredisce un brasiliano in nome dell’Islam a colpi di bottiglia perché è gay. Ma si ferisce e corre al pronto soccorso per farsi medicare. La polizia lo scopre e Mostaphà, 29 anni, marocchino, viene arrestato.
      
      57.16 ottobre 2016 Il Secolo XIX “Insulti omofobi sui social due spezzini a giudizio” (La Spezia) - AVREBBERO rivolto minacce e insulti omofobi a un albergatore della provincia spezzina. Secondo quanto sostenuto dagli investigatori, Stefano Bozzato e Andrea Camaiora, 30 e 45 anni, si sarebbero mostrati impietosi, pubblicando motti molto pesanti su Facebook. Lo avrebbero fatto rivolgendosi direttamente alla vittima che, dopo aver letto alcune frasi ingiuriose, ha presentato denuncia all’’autorità giudiziaria.
      
      58.1 ottobre 2016 La Stampa “Ragazzo gay aggredito: “Denunciare rende liberi” (Roma) - Lunedì scorso mentre passeggiava nei pressi di piazzale Flaminio a Roma. Gerardo è stato afferrato per i capelli e trascinato in un vicolo. È stato schiaffeggiato, preso a calci e pugni, insultato da tre ragazzi poco più grandi di lui. «Ti devi vergognare per quello che sei», questa è stata la frase che più l’ha colpito.
      
      59.20 ottobre 2016 Il Resto del Carlino “Manifesti funebri per l’unione civile. Arcigay denuncia Forza nuova”
      
      60.26 settembre 2016 Corriere della sera “Dalla mamma e dal papà botte alla ragazza della figlia” (Roma) - ​La prognosi è di 15 giorni, la ragazza ha ferite a uno zigomo, al naso e a una mano. La ferita che per rimarginarsi avrà bisogno di più tempo, però, è un’altra. La storia è questa: due genitori che piombano come furie nella Gay Street, davanti al Colosseo, per portar via la figlia sedicenne da uno dei locali dove la giovane si stava incontrando con la sua ragazza, una ventunenne. Una relazione osteggiata dalla famiglia che ha scatenato il panico, giovedì sera, innescando anche la reazione di chi ha assistito alla scena
      
      61.29 settembre 2016 Corriere della sera “Schiaffi e calci a un ventenne «I gay devono fare una brutta fine»” (Roma) - ​Era appena uscito dalla fermata della metropolitana al Flaminio, quando tre giovani lo hanno fatto cadere gridandogli insulti omofobi, del genere «frocio di m...», e altri. Poi hanno cominciato a schiaffeggiarlo e a tirargli dei calci, ma l’arrivo dei passanti li ha fatti desistere e fuggire.
      62.16 settembre 2016 Il Messaggero “Ricatti gay, giovane verso il processo” (Lanciano - Pescara) - ​Un trentaduenne bulgaro, residente alle porte di Lanciano, dopo aver allacciato per oltre un anno un rapporto con un gay lancianese lo ha spremuto come un bancomat, dietro anche minacce di morte.
      
      63.8 settembre 2016 Il Resto del Carlino “Mi tirano vermi e urina. Ora basta, ho paura” (Ferrara): ​Aggredita e umiliata per un gioco vigliacco. Colpita con secchiate di urina e vermi e lasciata sul ciglio della strada, moralmente e fisicamente devastata. Uno stillicidio che va avanti da mesi e al quale Giada, transessuale 37enne, ha voluto dire basta.
      
      64.4 settembre 2016 La Stampa “Incendi a Mortola, spunta presunta pista omofoba Le indagini su altri roghi” (Ventimiglia - Imperia) ​Secondo gli inquirenti potrebbe i essere un movente omofobo che avrebbe spinto il presunto piromane, riconosciuto da alcuni testimoni, ad appiccare il fuoco a ridosso delle spiaggette frequentate soprattutto da naturisti e note anche per gli incontri omosessuali.
      
      65.4 settembre 2016 ​baritoday.it “​Corato, "noi vittime di omofobia in un locale pubblico​" (Corato - Bari)
      
      66.15 settembre 2016 Il Secolo XIX “«Gay morirete di Aids» il dantista Manuguerra finisce bufera” (La Spezia) - Nel mirino, i termini di spregio usati, e la funerea previsione: «Morirete tutti di Aids...». Manuguerra ha citato il XV canto dell’Inferno, scrivendo che per Dante i gay sono “solo delle m...”.
      
      67.26settembre2016Il Mattino “Offese omofobe sul web, l’ira di Forte «Insultato da chi lavora per i Pisano” (Modena) ​A prendere di mira la sua omosessualità e a tingere di discriminazione la vertenza della fabbrica di via dei Greci è stato Antonello Coppolecchia. La stessa persona che, poco più di die- ci giorni fa, aveva rivolto allo stesso Forte una frase minatoria. L’espressione allora usata dall’uomo aveva un tono intimidatorio: «Lo vedrò prima o poi in un forno crematorio».
      
      68.1 settembre 2016 La Prealpina “Omofobia, c’è un altro episodio” (Varese) -Eravamo seduti su una panchina, abbracciati - avrebbero raccontato i due giovani innamorati - e alcuni ragazzi ci hanno chiesto se non ci vergognavamo a comportarci così in pubblico, che facciamo schifo perché siamo contro natura e altre contumelie. Ce ne siamo andati via perché gli animi si stavano scaldando e non volevamo che finisse male».
      
      69.10 settembre 2016 Il Fatto quotidiano ““Se lo racconti, per te sarà peggio” Minacciato e deriso. “Sei un frocio” (Milano) ​Ha paura di uscire di casa perché il suo compagno frequenta il suo quartiere. È stato difficile per lui parlarne: a casa, a scuola, era minacciato da quello stesso compagno: gli ripeteva che se avesse riferito qualcosa avrebbe fatto peggio. Ma al peggio c’era già arrivato: sputi, spintoni, schiaffi.
      
      70.30 agosto 2016 La Repubblica “Violenza a piazza Bellini gay preso a schiaffi” (Napoli)- ​«Mi hanno afferrato per la nuca, erano in tre e mi hanno schiaffeggiato con forza, poi hanno sputato e sono scappati».
      
      71.24 agosto 2016 Il Mattino “Arcigay, un proiettile all’ingresso della sede “(Napoli) L’ultimo brutto, inquietante episodio risale a tre giorni fa, anche se soltanto ieri se ne è avuta notizia. Un bossolo di proiettile poggiato sul lucchetto di chiusura dell’ingresso della sede di vico San Geronimo, a due passi da Santa Chiara.
      
      72.17 agosto 2016 ​La Stampa “Sputi e insulti omofobi a un ragazzo” (Aosta) - ​Insulti omofobi per tutto l’anno scolastico, sul pullman che lo porta ogni giorno a scuola. Un gruppo di bulli gli urla contro i più classici insulti troppe volte sdoganati al rango di bravata. Poi la sera di Ferragosto, uscendo da una pizzeria di Aosta, la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
      
      73.31 agosto 2016 ​Il Giorno “Insulti a una coppia gay in centro “Vergognatevi, siete contronatura” (Varese) - “non vi vergognate i abbracciarvi in pubblico? siete contronatura”: sono le frasi che un gruppo di ragazzi ha rivolto a una coppia gay nel centro di Varese.
      
      74.3 agosto 2016​ Il Resto del Carlino “ Unione gay tra Marco e Piergiorgio, frasi omofobe sul web” (Reggio Emilia) - ​Numerosi insulti via web all’indirizzo della coppia che ha inaugurato l’istituto delle unioni civili a Reggio Emilia
      
      75.30 agosto 2016 Il Mattino “Schiaffi e sputi contro un trans. Allarme Arcigay” (Napoli) - ​Domingo stava aspettando l’autobus che lo avrebbe portato a casa è stato avvi- cinato da tre uomini scesi da un’auto che lo hanno aggredito e schiaffeggiato con violenza.
      
      76.28 agosto 2016 Il Resto del Carlino 2016 “Imbrattati i volantini di de.sidera” (Fermignano - Urbino) - ​Le locandine con gli appuntamenti dell’associazione di sessuologia e psicologia sono stati imbrattati da una mano anonima. Sopra il titolo delle giornate sull’amore la scritta “gay”
      
      77.20 agosto 2016 Il Messaggero “Finto escort aggrediva ragazzi all’Eur arrestato” (Roma) - ​Finto escort e vero rapinatore. Un romeno, giovanissimo, di quelli col fascino delle periferie, ha adescato un ragazzo gay proponendo prestazioni a pagamento, ma dietro ai cespugli del Parco del Turismo le moine e i sorrisi affettuosi sono diventati botte e minacce
      
      78.5 agosto 2016 Il Mattino “Data alle fiamme la capanna sul Brenta della comunità gay” (Padova) - ​Fuoco e fiamme sulla capanna in Brenta della comunità gay: la polizia locale di Fontaniva e la Forestale di Cittadella, armati di motoseghe, per la seconda volta hanno demolito mercoledì la colorata installazione di legno, teli e ombrelloni a due passi dalla “busa” di Giaretta, ma nella notte tutti i pezzi ammucchiati sono stati dati alle fiammeo da qualche teppista probabilmente omo fobo.
      
      79.31 luglio 2016 Parma “Un uomo aizza il suo rottweiler contro coppia gay” (Parma) Due uomini hanno denunciato ai carabinieri di Parma di essere stati vittime di un’aggressione omofoba lunedì sera al campo sportivo Gandolfi. Una grosso cane, hanno spiegato, è stato aizzato contro di loro.
      
      80.25 luglio 2016 ​bergamonews.it “​Aggressione omofoba al cimitero: “Ora basta, ribelliamoci” ​(Bergamo)
      
      81.15 agosto 2016​ Blastingnews.it “​Benji e Fede insultati durante il Battiti Live​” (Matera)
      
      82.14 agosto 2016 Il Centro “Agguato al gay, preso a sassate e ferito” (Avezzano -L’Aquila) - ​Verso le 22.30 il giovane percorreva la via Cicolana appena uscita di casa. Nella strada, al centro storico, è stato avvicinato da una Fiat Punto con a bordo cinque persone. « Ho appena fatto in tempo a togliere le cuffiette che ho sentito un colpo alla gamba e gli insulti». La macchina subito dopo è fuggita a grande velocità dileguandosi per il centro di Magliano. Lui ha cercato di rincorrerla per leggere almeno la targa, ma non ce l’ha fatta. È tornato sui suoi passi e ha visto per terra l’oggetto che gli è stato scagliato contro: non precisamente un sasso ma un pezzo di asfalto.
      
      83.13 luglio 2016 Il Resto del Carlino “Offeso e insultato perché sono un gay, colpa di un clima di odio e di rabbia” (Rovigo)
      
      84.3 luglio 2016 La Repubblica “La sindaca copre gli insulti sui manifesti del “Gay Pride” “ (Torino) - ​COLLA e scopa per sostituire i manifesti del “Torino Pride” imbrattati con croci celtiche e svastiche.
      
      85.14 luglio 2016 Il Giornale ”Frasi omofobe e razziste. Il fotografo di Sala finisce nella bufera” (Milano) - ​“Prima me ne vado da questa fortissima Montenapoleone piena di ricchioni e meglio sto” . Ne ha anche per Nichi Vendola, “frocio indegno”
      
      86.9 luglio 2016 La Repubblica “Ponticelli, aggredito perché gay” (Napoli) - ​Aggredito e picchiato selvaggiamente perché gay. Lino Fusco, 25 anni, ha denunciato due sconosciuti che l’hanno fermato, insultato e preso a calci e pugni a Ponticelli, in una traversa di via Argine, martedì scorso.
      
      87.8 luglio 2016 La Nuova Sardegna “Manifesti gay bruciati: quattro denunce” (Palmas Arborea - Oristano) - ​Sono stati dati alle fiamme i manifesti di una campagna contro l’omofobia affissi a Palmas Arborea.
      
      88.30 giugno 2016 La Stampa “Insulti omofobia a Mika e Elton John “paura del diverso”” (Torino) - «Facebook è una piazza selvaggia, dove il sentimento che spesso prevale è la
      rabbia. Lo sapevamo e lo sappiamo, ma ciò non è bastato a mitigare lo stupore e il dispiacere con cui abbiamo letto gli insulti omofobi scritti sul profilo di Collisioni del social network, contro la presenza di Elton John e di Mika a Barolo».
      
      89.22 giugno 2016 Il Gazzettino “Organizzatori del gay pride pestati Un coro: «Aggressori vigliacchi» “ (Treviso) - Condanna unanime contro i violenti e misteriosi aggressori di Simone Carnielli ed Elena Toffolo, due degli organizzatori del Treviso Pride attaccati da un gruppetto di omofobi sabato notte.
      
      90.19 giugno 2016 La Repubblica “Omofobi contro il carro del Pride” ( Firenze) - ​«La natura non si cambia, un figlio non si cambia». Questa la scritta apparsa ieri su uno dei carri, allestito alla Limonaia di Villa Strozzi, che partecipavano alla sfilata del Toscana Pride a Firenze, «vandalizzato e smontato»
      
      91.27 giugno 2016 La Repubblica“Fuorigrotta trans rapinata e picchiata. è il terzo caso in tre mesi” (Napoli) -​L’ultimo caso sabato notte : una rapina a una trans, che è stata picchiata e ha riportato pesanti ferite al volto. È in prognosi riservata, perché rischia di perdere un occhio.
      
      92.21 giugno2016Gazzetta “Agguato a Messori, solidarietà Arcigay” (Rubiera - Reggio Emilia) - Davide Messori, 50enne fotografo amatoriale, all’una della notte tra sabato e domenica, mentre attraversava il parco Andreoli, è stato colpito alle spalle da una o più persone con un corpo contundente: caduto e svenuto per qualche minuto.
      
      93.4 giugno 2016 Il Messaggero “Papà ordina un raid punitivo contro l’amante del figlio gay” (Benevello - Cuneo) - ​Pugni e bastonate per dissuadere l’amante del figlio diciottenne, un extracomunitario, a proseguire quell’amore gay. Non un tentativo di rapina, ma un vero e proprio raid punitivo, l’aggressione a tre giovani avvenuta nella notte dello scorso 16 maggio in un’area di servizio di Benevello, in provincia di Cuneo.
      
      94.17 giugno 2016 ​Corriere del Trentino “Sessantenne minacciato dall’amante. Contanti per non rivelare la storia gay” (Trento) - ​Per due anni un sessantenne è stato minacciato dall’ex amante, che lo avrebbe ricattato chiedendogli del denaro per non rivelare la relazione e quindi orientamento sessuale.
      
      95.10 giugno 2016 Gazzetta del Sud “Dopo il voto i volantini omofobi” (Sangineto Cosenza) - ​Ciò che “ferisce” gran parte della cittadinanza sono infatti quelle parole contenute nel fo glio, che passa di mano in mano, con toni ironici e sarcastici rivolti in particolare a Pietro Palermo, alla sua professione come ex responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune e alla sua famiglia. «Voi dovevate vivere in Sicilia o nella Locride. Due colpi di pistola e via».
      
      96.16 giugno 2016 Il Resto del Carlino “Io, perseguitato da sempre perché sono gay” (Modena) -​Mi hanno avvicinato e chiesto una sigaretta, poi hanno iniziato a parlare tra loro. Mi hanno fatto domande sullo smalto e sulla giacca. Poi la domanda come una doccia fredda: ma sei frocio. Mi sono allontanato ma uno di loro mi ha raggiunto e mi ha colpito.
      
      97.26 giugno 2016 Il Resto del Carlino “Vandali nella sede Arcigay “Abbiamo fatto denuncia”” (Modena)- ​Prima le minacce di morte, poi i vandali: è successo nella sede Arcigay di Modena
      
      98.27 giugno 2016 Il Mattino “Aggredito un trans: paura e proteste” (Agnano - Napoli)​ Una spedizione punitiva. Un gesto assurdo, quello che ha lasciato tramortita Lia, finita nel mirino di alcuni balordi che hanno sfogato la loro violenza contro una transessuale. L’episodio è accaduto sabato, poco dopo mezzanotte.
      
      99.26 giugno 2016 Il Nuovo quotidiano di Puglia “Omofobia targata Taranto: picchiato in strada perché gay” (Taranto) - ​La testa scaraventata con violenza contro una vetrina, poi tre pugni. Sono le sequenze dell’ aggressione subita in pieno giorno e in pieno centro da Luigi Pignatelli, artista tarantino di 29 anni presidente dell’ Arcigay jonica. Una punizione pubblica ed esemplare con la quale l’aggressore ha voluto punire il giovane tarantino “colpevole” di essere omosessuale.
      
      100. 24 maggio 2016 Corriere della sera “Pietre sul corteo dei gay «Temiamo l’emulazione»” (Roma) - Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, racconta con particolari
      l’ultima aggressione subìta da un gruppo di giovani che stavano festeggiando il Testaccio Rainbow nella serata di domenica, una manifestazione contro l’omofobia. Dal terrazzo o da quei balconi è stato lanciato un pezzo di calcestruzzo pesante quasi due chili e di una quindicina di centimetri di diametro che ha sfiorato alcuni ragazzi che si trovavano giù in strada con le bandiere del Gay Center.
      
      101. 20 maggio 2016 Il Corriere della sera “«Insulti razziali, poi ci hanno pestato» Agguato al locale di artisti e gay” (Bergamo) ​- «Ci siamo trovati davanti due uomini con un cane che hanno iniziato a insultarci», racconta al bancone quando già la storia sta passando di bacheca in bacheca (Facebook). Insulti razziali e omofobi, precisa il libraio-barista, ai quali sono seguite le botte
      
      102. 28 maggio2016Gazzetta “«Paga o a tua moglie racconto che sei gay» (BORGO VIRGILIO -Mantova).
      public post_title -> string(151) "OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY STILA IL REPORT 2017: "NELL'ANNO DELLE UNIONI CIVILI ESPL…"
      OMOTRANSFOBIA, ARCIGAY STILA IL REPORT 2017: "NELL'ANNO DELLE UNIONI CIVILI ESPLODE L'HATE SPEECH NELLE ISTITUZIONI. ALLARME PER IL FENOMENO BABY GANG"
      public post_excerpt -> string(0) ""
      public post_status -> string(7) "publish"
      public comment_status -> string(4) "open"
      public ping_status -> string(6) "closed"
      public post_password -> string(0) ""
      public post_name -> string(134) "omotransfobia-arcigay-stila-report-2017-nellanno-delle-unioni-civili-esplode-lha…"
      omotransfobia-arcigay-stila-report-2017-nellanno-delle-unioni-civili-esplode-lhate-speech-nelle-istituzioni-allarme-fenomeno-baby-gang
      public to_ping -> string(0) ""
      public pinged -> string(0) ""
      public post_modified -> string(19) "2017-05-18 11:58:19"
      public post_modified_gmt -> string(19) "2017-05-18 09:58:19"
      public post_content_filtered -> string(0) ""
      public post_parent -> integer0
      public guid -> string(65) "https://www.cinemagay.it/?post_type=rassegna-stampa&#038;p=152600"
      public menu_order -> integer0
      public post_type -> string(15) "rassegna-stampa"
      public post_mime_type -> string(0) ""
      public comment_count -> string(1) "0"
      public filter -> string(3) "raw"
    • public static get_instance($post_id) -> WP_Post|false Post object, false otherwise.
      Retrieve WP_Post instance.
      
      @static
      @access public
      
      @global wpdb $wpdb WordPress database abstraction object.
      
      @param int $post_id Post ID.
      @return WP_Post|false Post object, false otherwise.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:210
      public __construct($post)
      Constructor.
      
      @param WP_Post|object $post Post object.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:240
      public __get($key) -> mixed
      Getter.
      
      @param string $key Key to get.
      @return mixed
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:273
      public __isset($key) -> bool
      Isset-er.
      
      @param string $key Property to check if set.
      @return bool
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:251
      public filter($filter) -> self|array|bool|object|WP_Post
      {@Missing Summary}
      
      @param string $filter Filter.
      @return self|array|bool|object|WP_Post
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:316
      public to_array() -> array Object as array.
      Convert object to array.
      
      @return array Object as array.
      
      Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-post.php:331
    public comment_count -> integer0
    public current_comment -> integer-1
    public found_posts -> string(2) "32"
    public max_num_pages -> float3
    public max_num_comment_pages -> integer0
    public is_single -> boolFALSE
    public is_preview -> boolFALSE
    public is_page -> boolFALSE
    public is_archive -> boolTRUE
    public is_date -> boolFALSE
    public is_year -> boolFALSE
    public is_month -> boolFALSE
    public is_day -> boolFALSE
    public is_time -> boolFALSE
    public is_author -> boolFALSE
    public is_category -> boolFALSE
    public is_tag -> boolFALSE
    public is_tax -> boolTRUE
    public is_search -> boolFALSE
    public is_feed -> boolFALSE
    public is_comment_feed -> boolFALSE
    public is_trackback -> boolFALSE
    public is_home -> boolFALSE
    public is_404 -> boolFALSE
    public is_embed -> boolFALSE
    public is_paged -> boolFALSE
    public is_admin -> boolFALSE
    public is_attachment -> boolFALSE
    public is_singular -> boolFALSE
    public is_robots -> boolFALSE
    public is_posts_page -> boolFALSE
    public is_post_type_archive -> boolFALSE
    private query_vars_hash -> string(32) "574ab0b7921a2481b9207f79abfd6c73"
    private query_vars_changed -> boolTRUE
    public thumbnails_cached -> boolFALSE
    private stopwords -> NULL
    private compat_fields -> array(2)
    string(15) "query_vars_hash"
    string(18) "query_vars_changed"
    private compat_methods -> array(2)
    string(16) "init_query_flags"
    string(15) "parse_tax_query"
    public comments -> NULL
    public comment -> NULL
  • public __call($name, $arguments) -> mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    Make private/protected methods readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param callable $name      Method to call.
    @param array    $arguments Arguments to pass when calling.
    @return mixed|false Return value of the callback, false otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3391
    public __construct($query = "")
    Constructor.
    
    Sets up the WordPress query, if parameter is not empty.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string|array $query URL query string or array of vars.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3345
    public __get($name) -> mixed Property.
    Make private properties readable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to get.
    @return mixed Property.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3360
    public __isset($name) -> bool Whether the property is set.
    Make private properties checkable for backward compatibility.
    
    @since 4.0.0
    @access public
    
    @param string $name Property to check if set.
    @return bool Whether the property is set.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3375
    public fill_query_vars($array) -> array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    Fills in the query variables, which do not exist within the parameter.
    
    @since 2.1.0
    @since 4.4.0 Removed the `comments_popup` public query variable.
    @access public
    
    @param array $array Defined query variables.
    @return array Complete query variables with undefined ones filled in empty.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:574
    public get($query_var, $default = "") -> mixed Contents of the query variable.
    Retrieve query variable.
    
    @since 1.5.0
    @since 3.9.0 The `$default` argument was introduced.
    
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $default   Optional. Value to return if the query variable is not set. Default empty.
    @return mixed Contents of the query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1633
    public get_posts() -> array List of posts.
    Retrieve the posts based on query variables.
    
    There are a few filters and actions that can be used to modify the post
    database query.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1665
    public get_queried_object() -> object
    Retrieve queried object.
    
    If queried object is not set, then the queried object will be set from
    the category, tag, taxonomy, posts page, single post, page, or author
    query variable. After it is set up, it will be returned.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return object
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3253
    public get_queried_object_id() -> int
    Retrieve ID of the current queried object.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return int
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3325
    public have_comments() -> bool True, if more comments. False, if no more posts.
    Whether there are more comments available.
    
    Automatically rewinds comments when finished.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return bool True, if more comments. False, if no more posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3203
    public have_posts() -> bool True if posts are available, false if end of loop.
    Determines whether there are more posts available in the loop.
    
    Calls the {@see 'loop_end'} action when the loop is complete.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return bool True if posts are available, false if end of loop.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3123
    public init()
    Initiates object properties and sets default values.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:532
    public is_404() -> bool
    Is the query a 404 (returns no results)?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3927
    public is_archive() -> bool
    Is the query for an existing archive page?
    
    Month, Year, Category, Author, Post Type archive...
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3407
    public is_attachment($attachment = "") -> bool
    Is the query for an existing attachment page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $attachment Attachment ID, title, slug, or array of such.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3439
    public is_author($author = "") -> bool
    Is the query for an existing author archive page?
    
    If the $author parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the authors specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $author Optional. User ID, nickname, nicename, or array of User IDs, nicknames, and nicenames
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3473
    public is_category($category = "") -> bool
    Is the query for an existing category archive page?
    
    If the $category parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the categories specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $category Optional. Category ID, name, slug, or array of Category IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3505
    public is_comment_feed() -> bool
    Is the query for a comments feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3664
    public is_comments_popup() -> bool
    Whether the current URL is within the comments popup window.
    
    @since 3.1.0
    @deprecated 4.5.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3612
    public is_date() -> bool
    Is the query for an existing date archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3625
    public is_day() -> bool
    Is the query for an existing day archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3636
    public is_embed() -> bool
    Is the query for an embedded post?
    
    @since 4.4.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3938
    public is_feed($feeds = "") -> bool
    Is the query for a feed?
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $feeds Optional feed types to check.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3648
    public is_front_page() -> bool True, if front of site.
    Is the query for the front page of the site?
    
    This is for what is displayed at your site's main URL.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_on_front'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true when viewing that page.
    
    Otherwise the same as @see WP_Query::is_home()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True, if front of site.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3684
    public is_home() -> bool True if blog view homepage.
    Is the query for the blog homepage?
    
    This is the page which shows the time based blog content of your site.
    
    Depends on the site's "Front page displays" Reading Settings 'show_on_front' and 'page_for_posts'.
    
    If you set a static page for the front page of your site, this function will return
    true only on the page you set as the "Posts page".
    
    @see WP_Query::is_front_page()
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool True if blog view homepage.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3710
    public is_main_query() -> bool
    Is the query the main query?
    
    @since 3.3.0
    
    @global WP_Query $wp_query Global WP_Query instance.
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3951
    public is_month() -> bool
    Is the query for an existing month archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3721
    public is_page($page = "") -> bool Whether the query is for an existing single page.
    Is the query for an existing single page?
    
    If the $page parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the pages specified.
    
    @see WP_Query::is_single()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $page Optional. Page ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single page.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3739
    public is_paged() -> bool
    Is the query for paged result and not for the first page?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3779
    public is_post_type_archive($post_types = "") -> bool
    Is the query for an existing post type archive page?
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $post_types Optional. Post type or array of posts types to check against.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3419
    public is_preview() -> bool
    Is the query for a post or page preview?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3790
    public is_robots() -> bool
    Is the query for the robots file?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3801
    public is_search() -> bool
    Is the query for a search?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3812
    public is_single($post = "") -> bool Whether the query is for an existing single post.
    Is the query for an existing single post?
    
    Works for any post type excluding pages.
    
    If the $post parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_singular()
    
    @since 3.1.0
    
    @param int|string|array $post Optional. Post ID, title, slug, path, or array of such. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3832
    public is_singular($post_types = "") -> bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    Is the query for an existing single post of any post type (post, attachment, page, ... )?
    
    If the $post_types parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the Posts Types specified.
    
    @see WP_Query::is_page()
    @see WP_Query::is_single()
    
    @since 3.1.0
    
    @param string|array $post_types Optional. Post type or array of post types. Default empty.
    @return bool Whether the query is for an existing single post of any of the given post types.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3878
    public is_tag($tag = "") -> bool
    Is the query for an existing tag archive page?
    
    If the $tag parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for one of the tags specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @param mixed $tag Optional. Tag ID, name, slug, or array of Tag IDs, names, and slugs.
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3537
    public is_tax($taxonomy = "", $term = "") -> bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    Is the query for an existing custom taxonomy archive page?
    
    If the $taxonomy parameter is specified, this function will additionally
    check if the query is for that specific $taxonomy.
    
    If the $term parameter is specified in addition to the $taxonomy parameter,
    this function will additionally check if the query is for one of the terms
    specified.
    
    @since 3.1.0
    
    @global array $wp_taxonomies
    
    @param mixed $taxonomy Optional. Taxonomy slug or slugs.
    @param mixed $term     Optional. Term ID, name, slug or array of Term IDs, names, and slugs.
    @return bool True for custom taxonomy archive pages, false for built-in taxonomies (category and tag archives).
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3576
    public is_time() -> bool
    Is the query for a specific time?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3894
    public is_trackback() -> bool
    Is the query for a trackback endpoint call?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3905
    public is_year() -> bool
    Is the query for an existing year archive?
    
    @since 3.1.0
    
    @return bool
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3916
    public lazyload_comment_meta($check, $comment_id) -> mixed
    Lazyload comment meta for comments in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_comments_for_comment_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $comment_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4103
    public lazyload_term_meta($check, $term_id) -> mixed
    Lazyload term meta for posts in the loop.
    
    @since 4.4.0
    @deprecated 4.5.0 See wp_queue_posts_for_term_meta_lazyload().
    
    @param mixed $check
    @param int   $term_id
    @return mixed
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4088
    public next_comment() -> WP_Comment Comment object.
    Iterate current comment index and return WP_Comment object.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    @return WP_Comment Comment object.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3164
    public next_post() -> WP_Post Next post.
    Set up the next post and iterate current post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @return WP_Post Next post.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3076
    public parse_query($query = "")
    Parse a query string and set query type booleans.
    
    @since 1.5.0
    @since 4.2.0 Introduced the ability to order by specific clauses of a `$meta_query`, by passing the clause's
    array key to `$orderby`.
    @since 4.4.0 Introduced `$post_name__in` and `$title` parameters. `$s` was updated to support excluded
    search terms, by prepending a hyphen.
    @since 4.5.0 Removed the `$comments_popup` parameter.
    Introduced the `$comment_status` and `$ping_status` parameters.
    Introduced `RAND(x)` syntax for `$orderby`, which allows an integer seed value to random sorts.
    @since 4.6.0 Added 'post_name__in' support for `$orderby`. Introduced the `$lazy_load_term_meta` argument.
    @access public
    
    @param string|array $query {
    Optional. Array or string of Query parameters.
    
    @type int          $attachment_id           Attachment post ID. Used for 'attachment' post_type.
    @type int|string   $author                  Author ID, or comma-separated list of IDs.
    @type string       $author_name             User 'user_nicename'.
    @type array        $author__in              An array of author IDs to query from.
    @type array        $author__not_in          An array of author IDs not to query from.
    @type bool         $cache_results           Whether to cache post information. Default true.
    @type int|string   $cat                     Category ID or comma-separated list of IDs (this or any children).
    @type array        $category__and           An array of category IDs (AND in).
    @type array        $category__in            An array of category IDs (OR in, no children).
    @type array        $category__not_in        An array of category IDs (NOT in).
    @type string       $category_name           Use category slug (not name, this or any children).
    @type string       $comment_status          Comment status.
    @type int          $comments_per_page       The number of comments to return per page.
    Default 'comments_per_page' option.
    @type array        $date_query              An associative array of WP_Date_Query arguments.
    See WP_Date_Query::__construct().
    @type int          $day                     Day of the month. Default empty. Accepts numbers 1-31.
    @type bool         $exact                   Whether to search by exact keyword. Default false.
    @type string|array $fields                  Which fields to return. Single field or all fields (string),
    or array of fields. 'id=>parent' uses 'id' and 'post_parent'.
    Default all fields. Accepts 'ids', 'id=>parent'.
    @type int          $hour                    Hour of the day. Default empty. Accepts numbers 0-23.
    @type int|bool     $ignore_sticky_posts     Whether to ignore sticky posts or not. Setting this to false
    excludes stickies from 'post__in'. Accepts 1|true, 0|false.
    Default 0|false.
    @type int          $m                       Combination YearMonth. Accepts any four-digit year and month
    numbers 1-12. Default empty.
    @type string       $meta_compare            Comparison operator to test the 'meta_value'.
    @type string       $meta_key                Custom field key.
    @type array        $meta_query              An associative array of WP_Meta_Query arguments. See WP_Meta_Query.
    @type string       $meta_value              Custom field value.
    @type int          $meta_value_num          Custom field value number.
    @type int          $menu_order              The menu order of the posts.
    @type int          $monthnum                The two-digit month. Default empty. Accepts numbers 1-12.
    @type string       $name                    Post slug.
    @type bool         $nopaging                Show all posts (true) or paginate (false). Default false.
    @type bool         $no_found_rows           Whether to skip counting the total rows found. Enabling can improve
    performance. Default false.
    @type int          $offset                  The number of posts to offset before retrieval.
    @type string       $order                   Designates ascending or descending order of posts. Default 'DESC'.
    Accepts 'ASC', 'DESC'.
    @type string|array $orderby                 Sort retrieved posts by parameter. One or more options may be
    passed. To use 'meta_value', or 'meta_value_num',
    'meta_key=keyname' must be also be defined. To sort by a
    specific `$meta_query` clause, use that clause's array key.
    Default 'date'. Accepts 'none', 'name', 'author', 'date',
    'title', 'modified', 'menu_order', 'parent', 'ID', 'rand',
    'RAND(x)' (where 'x' is an integer seed value),
    'comment_count', 'meta_value', 'meta_value_num', 'post__in',
    'post_name__in', 'post_parent__in', and the array keys
    of `$meta_query`.
    @type int          $p                       Post ID.
    @type int          $page                    Show the number of posts that would show up on page X of a
    static front page.
    @type int          $paged                   The number of the current page.
    @type int          $page_id                 Page ID.
    @type string       $pagename                Page slug.
    @type string       $perm                    Show posts if user has the appropriate capability.
    @type string       $ping_status             Ping status.
    @type array        $post__in                An array of post IDs to retrieve, sticky posts will be included
    @type string       $post_mime_type          The mime type of the post. Used for 'attachment' post_type.
    @type array        $post__not_in            An array of post IDs not to retrieve. Note: a string of comma-
    separated IDs will NOT work.
    @type int          $post_parent             Page ID to retrieve child pages for. Use 0 to only retrieve
    top-level pages.
    @type array        $post_parent__in         An array containing parent page IDs to query child pages from.
    @type array        $post_parent__not_in     An array containing parent page IDs not to query child pages from.
    @type string|array $post_type               A post type slug (string) or array of post type slugs.
    Default 'any' if using 'tax_query'.
    @type string|array $post_status             A post status (string) or array of post statuses.
    @type int          $posts_per_page          The number of posts to query for. Use -1 to request all posts.
    @type int          $posts_per_archive_page  The number of posts to query for by archive page. Overrides
    'posts_per_page' when is_archive(), or is_search() are true.
    @type array        $post_name__in           An array of post slugs that results must match.
    @type string       $s                       Search keyword(s). Prepending a term with a hyphen will
    exclude posts matching that term. Eg, 'pillow -sofa' will
    return posts containing 'pillow' but not 'sofa'. The
    character used for exclusion can be modified using the
    the 'wp_query_search_exclusion_prefix' filter.
    @type int          $second                  Second of the minute. Default empty. Accepts numbers 0-60.
    @type bool         $sentence                Whether to search by phrase. Default false.
    @type bool         $suppress_filters        Whether to suppress filters. Default false.
    @type string       $tag                     Tag slug. Comma-separated (either), Plus-separated (all).
    @type array        $tag__and                An array of tag ids (AND in).
    @type array        $tag__in                 An array of tag ids (OR in).
    @type array        $tag__not_in             An array of tag ids (NOT in).
    @type int          $tag_id                  Tag id or comma-separated list of IDs.
    @type array        $tag_slug__and           An array of tag slugs (AND in).
    @type array        $tag_slug__in            An array of tag slugs (OR in). unless 'ignore_sticky_posts' is
    true. Note: a string of comma-separated IDs will NOT work.
    @type array        $tax_query               An associative array of WP_Tax_Query arguments.
    See WP_Tax_Query->queries.
    @type string       $title                   Post title.
    @type bool         $update_post_meta_cache  Whether to update the post meta cache. Default true.
    @type bool         $update_post_term_cache  Whether to update the post term cache. Default true.
    @type bool         $lazy_load_term_meta     Whether to lazy-load term meta. Setting to false will
    disable cache priming for term meta, so that each
    get_term_meta() call will hit the database.
    Defaults to the value of `$update_post_term_cache`.
    @type int          $w                       The week number of the year. Default empty. Accepts numbers 0-53.
    @type int          $year                    The four-digit year. Default empty. Accepts any four-digit year.
    }
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:751
    public parse_query_vars()
    Reparse the query vars.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:560
    public parse_tax_query(&$q)
    Parses various taxonomy related query vars.
    
    For BC, this method is not marked as protected. See [28987].
    
    @access protected
    @since 3.1.0
    
    @param array $q The query variables. Passed by reference.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1066
    public query($query) -> array List of posts.
    Sets up the WordPress query by parsing query string.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query URL query string.
    @return array List of posts.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3235
    public reset_postdata()
    After looping through a nested query, this function
    restores the $post global to the current post in this query.
    
    @since 3.7.0
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:4071
    public rewind_comments()
    Rewind the comments, resets the comment index and comment to first.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3219
    public rewind_posts()
    Rewind the posts and reset post index.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3149
    public set($query_var, $value)
    Set query variable.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @param string $query_var Query variable key.
    @param mixed  $value     Query variable value.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1650
    public set_404()
    Sets the 404 property and saves whether query is feed.
    
    @since 2.0.0
    @access public
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1612
    public setup_postdata($post) -> true True when finished.
    Set up global post data.
    
    @since 4.1.0
    @since 4.4.0 Added the ability to pass a post ID to `$post`.
    
    @global int             $id
    @global WP_User         $authordata
    @global string|int|bool $currentday
    @global string|int|bool $currentmonth
    @global int             $page
    @global array           $pages
    @global int             $multipage
    @global int             $more
    @global int             $numpages
    
    @param WP_Post|object|int $post WP_Post instance or Post ID/object.
    @return true True when finished.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3975
    public the_comment()
    Sets up the current comment.
    
    @since 2.2.0
    @access public
    @global WP_Comment $comment Current comment.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3178
    public the_post()
    Sets up the current post.
    
    Retrieves the next post, sets up the post, sets the 'in the loop'
    property to true.
    
    @since 1.5.0
    @access public
    
    @global WP_Post $post
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3095
    protected get_search_stopwords() -> array Stopwords.
    Retrieve stopwords used when parsing search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @return array Stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1411
    protected parse_order($order) -> string The sanitized 'order' query variable.
    Parse an 'order' query variable and cast it to ASC or DESC as necessary.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $order The 'order' query variable.
    @return string The sanitized 'order' query variable.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1594
    protected parse_orderby($orderby) -> string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    If the passed orderby value is allowed, convert the alias to a
    properly-prefixed orderby value.
    
    @since 4.0.0
    @access protected
    
    @param string $orderby Alias for the field to order by.
    @return string|false Table-prefixed value to used in the ORDER clause. False otherwise.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1502
    protected parse_search(&$q) -> string WHERE clause.
    Generate SQL for the WHERE clause based on passed search terms.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $q Query variables.
    @return string WHERE clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1294
    protected parse_search_order(&$q) -> string ORDER BY clause.
    Generate SQL for the ORDER BY condition based on passed search terms.
    
    @param array $q Query variables.
    @return string ORDER BY clause.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1446
    protected parse_search_terms($terms) -> array Terms that are not stopwords.
    Check if the terms are suitable for searching.
    
    Uses an array of stopwords (terms) that are excluded from the separate
    term matching when searching for posts. The list of English stopwords is
    the approximate search engines list, and is translatable.
    
    @since 3.7.0
    
    @param array $terms Terms to check.
    @return array Terms that are not stopwords.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:1378
    private init_query_flags()
    Resets query flags to false.
    
    The query flags are what page info WordPress was able to figure out.
    
    @since 2.0.0
    @access private
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:497
    private set_found_posts($q, $limits)
    Set up the amount of found posts and the number of pages (if limit clause was used)
    for the current query.
    
    @since 3.5.0
    @access private
    
    @param array  $q      Query variables.
    @param string $limits LIMIT clauses of the query.
    
    Defined in <ROOT>/wp-includes/class-wp-query.php:3033