Ti guardo

Ti guardo
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (3 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Ti guardo

Folgorati sulla via di Caracas! Il film “Desde allà”, opera prima di Lorenzo Vigas, autore già segnalatosi per l’apprezzato corto “Los elefantes nunca olvidan“, nonché primo titolo venezuelano a partecipare in concorso alla Biennale Cinema di Venezia, ci ha letteralmente conquistati. Sapevamo che in fase di selezione aveva entusiasmato anche il direttore Alberto Barbera, ma ora che l’abbiamo potuto vedere di persona ne capiamo appieno le ragioni! Melò teso come un noir e al contempo straordinaria metafora dell’America Latina contemporanea si serve del tema omosessuale per narrare ben più di quanto non mostri. Al centro della vicenda troviamo Armando, tecnico odontoiatrico oltre i 50 che lavora in un appartato laboratorio della megalopoli, oasi di tranquillità nell’infernale caos della periferia cittadina. E’ single, di carattere solitario e chiuso, ha una sorella con cui è in disaccordo perché lei vuole adottare un figlio, si divide tra il lavoro e la casa, e si concede frequenti svaghi sessuali adescando a suon di bigliettoni ben esibiti i ragazzotti che bazzicano la stazione degli autobus. Li porta nel suo salotto, li mette al centro della stanza di schiena in modo che non possano vederlo, e mentre lui si posiziona sul divano li fa spogliare e si masturba ammirandone le nudità posteriori. Sempre a distanza (come suona il titolo del film) e assolutamente senza mai un contatto fisico. Talora va pedinando nei quartieri alti un ricco e anziano borghese che vediamo accompagnato ogni volta da un qualche bambino di età prescolare e al quale si intuisce è legato da un mistero del passato. Il fato lo mette in contatto con Elder, adolescente alfa dominante nel gruppo dei ragazzi del barrio, sfrontato e violento (l’attore 19enne Louis Silva che ha vissuto in prima persona la violenza della vita di strada), occasionale garzone d’autofficina, impegnato a sopravvivere con le sue sole forze, giorno dopo giorno, nella giungla della vita urbana. Dopo il primo drammatico incontro in cui il giovane deruba e massacra il volto dell’adulto, si instaura tra i due un rapporto travagliato e complesso che li porta passo passo ad aprirsi e confidarsi reciprocamente. Elder si dimostra un ragazzo in cerca di una figura adulta di riferimento, Armando di contro rivela che vorrebbe vedere morto il proprio anziano padre che ancora vive (è l’elegante borghese pedinato di nascosto). Fino a quando per dimostrargli il suo affetto e la sua gratitudine per avergli salvato la vita ed essersi sentito trattato per la prima volta da essere umano, il giovane si fa carico in segreto dell’omicidio del vecchio. Il dramma non può che essere dietro l’angolo e dopo il primo totale rapporto sessuale tra i due piomba un epilogo amarissimo che non è bene qui svelare, avendo già detto fin troppo della trama. L’aspetto gay si sviluppa in particolare nel percorso di avvicinamento reciproco tra l’adulto e il ragazzo, nella frantumazione del reciproco isolamento emotivo, ma non si pone come la forza trainante del film. Il tema fondante è il rapporto maschile tra generazioni, il rapporto padre-figlio. Armando vuole cancellare la figura paterna; il segreto della sua vita lasciato nell’ombra dal regista è un probabile abuso sessuale subìto nell’infanzia da parte del genitore. Da lì deriva il suo odio, da lì il desiderio di corpi maschili, da lì il timore consapevole di replicarne le azioni e le conseguenze su altri giovani. Elder viceversa va cercando la presenza di un padre adulto, che gli sia di guida e di sostegno; dunque la tragedia esplode proprio dallo scontro di tali opposte tensioni affettive. Il tutto calato in una Caracas mirabilmente filmata in ogni suo differente quartiere, i popolari, le faveals, i blindati residence per vip, e che si rivela vera protagonista della storia, ben più di un’ambientazione scenografica. Tra le sue strade e i suoi palazzi l’attuale generazione degli adulti vive una vita castrata avendo subito la totale violenza civile, economica e politica da parte della precedente generazione ed è consapevole di avere, come lascito per i propri figli, solo una totale miseria morale e materiale. E Caracas si fa l’intero Venezuela e il Venezuela si fa l’intero Latino-America. VOTO: 9/10 (Sandro Avanzo)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

2 commenti

  1. SiSEMEN

    Concordo … la storia è pessima.
    Alla fine (scontatissima !!!) il tasso di noia ha prevalso.
    Fa proprio mostra di Venezia questo film, fa bene agli etero bene che vogliono sentirsi bene nel loro mondo per bene : di gay non c’è nulla in questo film, di come i cosiddetti intellettuali etero vedono i gay c’è proprio tutto !
    A chi scrive “E Caracas si fa l’intero Venezuela e il Venezuela si fa l’intero Latino-America” vorrei dire che a mio parere poteva proseguire la frase con ” e l’intera Latino-America si fa intero Occidente” … e sai che novità aggiungerei. Se una storia gay rabberciata serve a raccontare il rapporto padri-figli degli anni 2010, beh … speriamo che gli etero si estinguano in fretta !

  2. solokiefer

    Una grande regia per una storia che non mi ha convinto, e questo lo dico subito.
    Quello che per i moltissimi che lo hanno apprezzato è solo un errore veniale, per me è stato fondamentale: la storia ha troppe falle. Per me è impossibile che un etero, un pasoliniano ragazzo di strada che vive facendo a botte, rubando e picchiando, si possa invaghire nel giro di qualche settimana di un uomo sulla sessantina. Baciandolo pure con passione. E’ un innamoramento troppo repentino che incrina il valore di questo racconto basato su una sorta di redenzione del ragazzo.
    Armando, uomo maturo che vive a Caracas lavora in uno studio dove si costruiscono protesi dentali, conduce una vita piatta ed ha frequenti e fugaci incontri sessuali con ragazzini dai quali pretende solamente che si spoglino, si eccita guardandoli, niente effusioni e nessuno scambio di fluidi corporei. Ha un pessimo rapporto col padre – appena tornato in città – ma il motivo di questo odio non viene mai spiegato (dalle numerose foto della madre che ha in casa si può pensare che avesse con lei un rapporto speciale e che il padre l’abbia fatta soffrire, ma è solo un’intuizione).
    In uno dei suoi soliti adescamenti conosce Elder, giovane poco più che adolescente (bravo l’attore) che conduce una vita sgangherata, un personaggio tipico nel cinema, soprattutto gay, perchè tipico anche nella realtà delle strada e delle metropoli, soprattutto nel sud del mondo.
    Il loro rapporto lentamente si evolve grazie alla generosità di Armando che, dal pagare le prestazioni sessuali, passa ad occuparsi delle vita di Elder fino ad accudirlo e ospitarlo in casa dopo un pestaggio che lo aveva portato in fin di vita. Il finale è un’escalation di questo legame ed arriva ad un epilogo che, purtroppo, avevo immaginato già da metà film.
    La regia di Vigas è strepitosa, quadri con fotografia ottima, primi piani di volti disperati che sottolineano la narrazione del film (bravo tutto il cast) ma resto dell’idea che la storia non funzioni, di storie simili e ben più credibili ce ne sono a bizzeffe, la Virgen de lo sicarios, su tutte, presentato a Venezia una ventina d’anni fa e in cui il rapporto, anche se approfondito, restava sempre realisticamente mercificato.

Commenta


trailer: Ti guardo

Varie

IL FILM E’ STATO ACQUISTATO DA UN DISTRIBUTORE ITALIANO POCHE ORE PRIMA CHE VINCESSE IL LEONE D’ORO ALLA MOSTRA DI VENEZIA 72

—————–

In the chaotic Caracas, Armando (50), owner of a lab dentures, is looking for young men at bus stops and offers them money to accompany him home. At the same time, Armando has the habit of spying on an old man: he knows where he lives, what places he visits; something in the past of both tie them together. One day Armando takes home Elder (18), leader of a small band of thugs. From this meeting will born a relationship that will change their lives forever.

Premiato dalla European Distributors & Exhibitors con la seguente motivazione:

The jury of European Distributors & Exhibitors presents it as “a fully accomplished vision, a bold and intense film, with great performances, that will travel to many festivals and also to the theaters and the audience worldwide”.

————-

Armando, un uomo benestante di mezza età, proprietario di un laboratorio di protesi dentale, adesca giovani con il denaro alle fermate degli autobus, che poi invita a casa sua. Non vuole toccarli, ma solo vederli da vicino. Segue anche un uomo d’affari più anziano con il quale sembra aver avuto una relazione traumatica. Il primo incontro di Armando con il teppista Elder (18 anni), leader di una banda, è violento, ma non lo scoraggia perché è affascinato dall’adolescente, prepotente e bello. Elder gli fa visita regolarmente per interesse, ma nasce un’intimità inattesa. Quando emerge il tormentato passato di Armando, Elder compie per lui un estremo atto di affetto… Il regista, qui alla sua opera prima, ha spiegato: “Il titolo ‘Desde allá’ si riferisce alla lontananza e alla separazione tra Armando e i suoi oggetti del desiderio, il suo atteggiamento di “guardare e non toccare”. Mi attraeva molto l’idea di realizzare un film su un uomo che non riesce a stabilire relazioni emotive con gli altri. Armando, che non permette a nessuno di avvicinarsi, a sorpresa viene brutalmente colpito dal giovane Elder, e diventa per lui una vera ossessione. Da quel momento, si crea l’illusione di essere in grado di stabilire un rapporto emotivo con qualcuno. Ma è davvero possibile?… Il tema della pellicola è anche quello della paternità, che ho già affrontato in due corti, probabilmente è una mia ossessione… Sono rimasto colpito dalla capacità interpretativa del giovane venezuelano Luis Silva, un attore che ha un talento naturale, con una straordinaria capacità di mostrare le emozioni o di nasconderle.” Film selezionato per il concorso principale della 72 Mostra di Venezia, dove rappresenta per la prima volta il Venezuela e dove ottiene nientemeno che il Leone d’Oro per il miglior film. In gara anche per il Queer Lion, che purtroppo l’ha ignorato.

CRITICA:

“… Desde allá ( Da lontano ) di Lorenzo Vigas non è un film «perfetto» ma è un’opera prima cui si perdonano le esitazioni e qualche «compiacimento» eccessivamente d’autore. Ambientato a Caracas, svela come Armando (Alfredo Castro) paghi degli adolescenti per vederli nudi (senza toccarli, ma «da lontano», come dice il titolo). Una pratica messa in crisi dall’incontro con il violento e sfacciato Elder (Luis Silva), che prima approfitta delle timidezze di Armando e poi ne resta affascinato, alla ricerca di un rapporto che infranga le «lontananze» abituali. Dando il via a un rapporto ambiguo e tormentato, foriero di inevitabili tragedie. Vigas filma questa storia con un rigore formale a volte troppo sottolineato e spesso ellittico ma comunque capace di restituire la tensione di un legame verso cui i due protagonisti si sentono attratti ma dentro cui si sentono anche prigionieri. E che in filigrana racconta i traumi di una generazione che si sente orfana di padri (quello di Elder è in prigione, quello di Armando è un’eco lontana) ma che finisce per ripetere all’infinito gli errori da cui vorrebbe liberarsi.” VOTO: 2,5/4 (P. Mereghetti, Corsera)

—————-

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.