The Neon Demon

The Neon Demon
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT L
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

The Neon Demon

“… Dopo molti e tosti film al maschile, in cui l’omosessualità era più o meno latente – il testosteronico Bronson, il vichingo Valhalla Rising, il pulp Solo Dio perdona – The Neon Demon si consacra alla dimensione del femminino attraverso la virginale Jesse (una bambolinesca Elle Fanning) che tenta la scalata nel fashion system losangelino scatenando la rivalità delle colleghe, pronte a divorarne letteralmente la bellezza svelando una perversa natura di vere e proprie vampire. Il regista cerca di creare una dimensione ipnotica e seducente di raggelato mistero, da rituale cannibalico, complice la raffinata colonna sonora elettro-vibrante di Cliff Martinez, e talora ci riesce: la scena notturna con l’apparizione del puma e il globo oculare divorato sortiscono il loro effetto. Keanu Reeves un po’ sciupato è relegato in un ruolo secondario del proprietario di uno scalcinato motel dove approda Jesse: peccato, avremmo voluto vederlo di più e in una parte più corposa. Il bell’attore di origini italiane Alessandro Nivola interpreta un fashion designer che sintetizza così la sua teoria sull’argomento: “La bellezza è tutto”. Quella che convince meno è la scena saffica necrofila in cui la tanatoesteta, ovvero la truccatrice di cadaveri, interpretata da Jena Malone, prima cerca di sedurre Jesse ma viene respinta con tanto di pedate, e poi si sfoga con un cadavere di donna alla morgue: ma lo sguardo è quello pruriginoso da soft-hard lesbochic povero di idee, in cui l’approccio omosessuale non è altro che vizio in azione. Era molto più eccitante e morbosamente perversa, ai tempi, l’atmosfera ambigua del cult Miriam si sveglia a mezzanotte di Tony Scott.
Winding Refn ha dichiarato di essere entusiasta della prestazione di Jena Malone, “determinante per la creazione di Ruby, un personaggio che nel copione era ancora un mistero. Avevo bisogno di un’attrice capace di trasformarsi e dare corpo al personaggio”.
Per il resto c’è troppo autocompiacimento estetico, patinato e feticista, in lunghe scene dai cromatismi pop con dialoghi ridotti all’osso che si allontanano dal linguaggio cinematografico per calcare gli stilemi dei fashion commercials: non a caso il regista ha lavorato a lungo in pubblicità per Gucci, H&M, Hennessey e YSL. Addirittura nei titoli di testa si firma solo con le iniziali, proprio come quest’ultimo: NWR…” (R. Schinardi, gay.it)

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 9/06/2016 al 12/06/2016 13 € 99.908 € 509

Condividi

Un commento

  1. Bel film, finalmente qualcosa di nuovo, anche se è tutta regia, fotografia e colonna sonora, un mix perfetto a sostenere una trama altrimenti semplice. Ma qui era l’atmosfera che contava e il regista (si vede che viene dalla pubblicità) ha saputo crearla e inchiodarci fin dall’inizio (che mi ha ricordato subito Blade Runner, Arancia meccanica e Eyes Wide Shut messi insieme al femminile). Qualche splatter di troppo forse, ma probabilmente necessario anche quello per ottenere l’effetto allucinante del tutto.

Commenta


trailer: The Neon Demon

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.