Oltre le colline

Oltre le colline
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (4 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Oltre le colline

Il film è già stato considerato come il Brokeback Mountain europeo, avendo in comune con il film di Ang Lee, una profonda storia d’amore omosessuale, questa volta lesbica, in un ambiente assolutamente ostile, che la fa terminare nello stesso modo. Il fatto sconvolgente è che questa storia non avviene, come in Brokeback, più di cinquant’anni fa, ma ai nostri giorni. Ancora più sconvolgente è il fatto che la storia raccontata nel film si basa su un fatto realmente accaduto in Romania nel 2005. Due ragazze, Alina (Cristina Flutur) e Voichita (Cosmina Stratan), si sono incontrate nello stesso orfanatrofio ai tempi di Ceasescu. Qui hanno fatto amicizia e si sono innamorate una dell’altra. Nel film non si parla mai di omosessualità e certa critica preferisce parlare di profonda amicizia, ma il regista stesso ha detto più volte che “non è un film sull’amicizia ma sull’amore; un diverso tipo di amore e cosa possono fare le persone in nome dell’amore”. Alina si è poi trasferita in Germania in cerca di lavoro, ed ora, ormai 25enne, si è sistemata e gli manca solo una cosa per essere felice: ritrovare l’unico amore della sua vita, Voichita. Per questo decide di tornare in Romania e convincere Voichita a seguirla in Germania dove ricominciare una vita insieme per sempre. Voichita nel frattempo si è rifugiata in un convento di suore ortodosse, dove ha abbracciato la fede e deciso di dedicare la sua vita e il suo amore a Dio, l’unico che non l’abbandonerebbe mai. Alina giunge nel monastero dove c’è Voichita, un posto freddo e inospitale, senza riscaldamento, senza energia elettrica e nessun collegamento col resto del mondo. Voichita non vuole sentire ragioni, sicuramente l’ama ancora, ma dopo tante soffrenze ed abbandoni è convinta di avere trovato la pace e la serenità nel rapporto con Dio, l’unico che non può tradirla. Alina nel convento, abitato da giovani suore e guidato da un prete ortodosso, è vista con sospetto perchè non è religiosa, non si confessa ed ha un rapporto ambiguo con Voichita. Il prete, temendo di perdere Voichita, si dimostra ancora più intransigente delle suore e le impedisce di uscire dal convento, anche solo momentaneamente. Alina capisce che la sua amata non potrà seguirla, e in un crescendo di dolore e alienazione, tenta tutte le carte. Minaccia di buttarsi nel pozzo del monastero poi assale una monaca. Viene legata con la corda delle campane e trasportata in ospedale, dove i medici si dimostrano ancora più freddi delle monache e la rimandano in convento. Alina non riesce ad abbandonare il suo proposito, è troppo forte l’amore che sente per Voichita, la sua unica ragione di vita. Capisce quanto sia astratto e crudele il modo con cui viene vissuta la religione in quel convento, privo di qualsiasi umanità, di reale contatto con la realtà e i sentimenti umani. Continua quindi la sua battaglia contro quello che sente essere una profonda ingiustizia, una fede crudele ed alienata che sconfina nel fanatismo, nella violenza. Alina è sola contro tutti, sorretta solo dal suo amore per Voichita, che invece, condizionata da una fede lontana dal cuore, non può più ricambiare…

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 31/10/2012 al 4/11/2012 20  86.626  1.767

Condividi

4 commenti

  1. Un pugno all’addome che non lascia spazio ad alcuna possibile redenzione. La colpevolezza? Quella di ribellarsi ad un uno stile di vita non corrispondente alle proprie attitudini; questo e’ cio’ che accadra’ a Voichita orfana ribelle desiderosa di rifarsi una vita lontana dal proprio paese d’origine. Oltre le colline e’ una storia d’amore che non trovera’ compimento per il semplice fatto che essa non avra’ mai il modo di spiccare il volo, tentando l’avventura della vita oltre uno spazio circoscritto. Voichita ama Alina senza condizioni, Alina ha amato e ancora forse ama Voichita ma non al punto di rinunciare alla propria stabilita’ personale da poco trovata all’ interno di una Comunita’ Cristiana Ortodossa che impone le sue severe e irremovibili leggi bacchettone. Nel film viene descritta la Romania del dopo Ceaucescu, ove taluni ambienti, risultano ancora essere preda di arretratezze e dolorose crepe sociali, dove la diversita’ viene demonizzata e azzittita al fine di preservare in vita abbietti retaggi culturali con conseguenti odiosi stili di vita. Bravissime attrici, che portano all’interno del film tutto il doloroso carico della propria sofferta nazione e regia magistrale nel descrivere strade e ambienti evidentemente vissuti e conosciuti. Lo spaccato di una realta’ fedelmente riportata, non distante a livello geografico e per certi versi nemmeno poi cosi’ distante a livello culturale (vedi alcuni luoghi del nostro Sud Italia), dalla nostra societa’ italiana. Spero che un giorno anche gli LGBT Rumeni possano trovare quella pace e quella serenita’ che gli spetta umanamente di Diritto.

  2. thediamondwink

    La religione, si sa, può nuocere gravemente alla salute, se poi accompagnata da ignoranza e povertà è l’apoteosi totale! Per me la religione è un male che intrappola le menti delle persone, come ho già detto in diverse occasioni, e qui ne ho la conferma. Questa è una storia “ispirata” ad fatto realmente accaduto, mi sconvolge un po’ pensare alle condizioni in cui vivono ancora certi individui nei paesi dell’est, arretrati di 50 anni e, a grandi linee, molto vicini alla mentalità del Medio-Oriente.
    Alina, imprigionata in un amore ormai perduto, non concepisce le scelte di Voichita, ribellandosi in modo spropositato nei confronti della comunità di quest’ultima. Ma la reazione di Alina, porta nell’ignoranza, a credere che, i problemi mentali, siano causati dal maligno e, la stessa Voichita, sarà mandante della sua crocefissione. Mi chiedo come si possa fare una cosa del genere, esorcizzare, legare e far morire di fame una persona per una presunta, quanto fantascientifica, possessione demoniaca…
    Le protagoniste, comunque, sono davvero brave, ma il film soffre un po’ per la lunghezza, decisamente esagerata per raccontare una storia così semplice!

    I 20 peccati elencati durante la ”redenzione’ io li ho commessi tutti, mi dovrei preoccupare? 😀

  3. Snoopyna

    Questo film mi ha lasciato una tristezza infinita.Amare Dio significa amare gli altri per me amare significa rinunciare anche alla propria vita per donarsi agli altri. Restare chiusi in un convento e rinunciare a vivere è una scelta che non condivido poi ognuno decide delal propria vita ciò che ritiene giusto!
    La sceneggiatura nn mi è piaciuta, le attrici sono brave ma niente di particolare. L’omosessualità è affrontata ma non in modo approfondito, non si va oltre, si parla più di ritualità e di esorcismo. Il finale è orrendo…in poche parole l’ho trovato un film inutile! Orribilmente retrogado, una storia di vita arcaica.

  4. Forse le intenzioni del regista erano anche buone, ma il film non è riuscito. A parte la lunghezza esagerata e la lentezza (le scelte di regia sono veramente pesanti!), è un film che più che parlare di omosessualità o amore o amicizia, ha come tema vero forse quello del bigottismo/fanatismo religioso. Il film ha vinto a Cannes nel 2012 ben due premi importanti (sceneggiatura e migliori attrici). Le lesbiche fanno la solita brutta fine: uccisa (dopo essere stata giudicata pazza, vessata, sottoposta ad esorcismi e privazioni fisiche) una, e “incatenata” ad un amore ipocrita l’altra. Il finale del film è memorabile (si fa per dire!): il pulmino che trasporta le suorine che vanno a deporre al commissariato di polizia si blocca ad un incrocio stradale, inizia a diluviare e sul parabrezza del furgone arriva uno spruzzo di acqua e fango che oscura la visuale. Fine della storia. sigh!

Commenta


trailer: Oltre le colline

Varie

NOTE DI REGIA:

Beyond the Hills is for me primarily a film about love and free will: mostly about how love can turn the concepts of good and evil into very relative ones. Most of the greatest mistakes of this world have been made in the name of faith, and with the absolute conviction they were done for a good cause.
Beyond the Hills also speaks about a certain way of experiencing religion. It has always concerned me how much attention believers place on respecting religious habits and rules and how little on applying the essence and wisdom of Christianity to their dayto-day life, for example.Preparing for the film I read carefully the list of sins compiled by the Orthodox Church. There are quite a lot (464) and reading them, you cannot but ask yourself all kind of questions. Still, there is a sin that is not listed and which is amongst the most important things about which the film wishes to speak: the sin of indifference.
Or maybe it is not a sin, since it’s not listed. But then what is it? Is it dangerous or not? The film also speaks about the various ways in which Evil can manipulate people, and the subtle ways in which it can manifest itself. I wonder whether indifference is not one of them.
Deep down, I hope, Beyond the Hills speaks about options and choices in life deriving from education or from the lack of education, and about how many things in life derive from things that you cannot influence, or of which you are not guilty: where you were brought into the world, by whom, and in the middle of which community.
The film also speaks about a region of the world – like many others – where longtime exposure to an endless succession of misfortunes and atrocities of all kinds has led to a breed of inert people who have lost their normal reactions in front of normal stimuli. This is not necessarily their fault – it is just a natural survival mechanism, but one which is experienced as an extra burden for those still alive amongst them.
(Cristian Mungiu)

———————–

Romanian director Cristian Mungiu said Saturday he didn’t necessarily expect audiences to like his latest film, about exorcism in the modern-day Orthodox church.
“I don’t want the film to be liked,” Mungiu told a press conference marking the premiere of the movie, Dupa dealuri (Beyond the Hills) at the Cannes Film Festival. “I want to challenge (audiences) to have an opinion,” he said.
The film comes five years after Mingiu became the first Romanian to win the festival’s coveted Palme d’Or for his exploration of daily life in Romania under former dictator Nicolae Ceausescu in 4 Months, 3 Weeks & 2 Days.
Set in an Orthodox monastery in rural Romania, Beyond the Hills is about two young women who formed an intense and intimate bond during a difficult childhood in one of Ceausescu’s notorious orphanages.
But while Voichita, played by Cosmina Stratan, later turned to religion, Alina, played by Cristina Flutur, has struggled to establish a life for herself.
When Alina arrives at the monastery where Voichita lives, she believes Voichita will leave with her so the two can start a new life together. But Voichita has found a family in the monastery and is reluctant to leave.
“What are you afraid of?” Alina angrily asks Voichita early in the film. “Are you afraid of living?”
Running for two and half hours, Beyond the Hills draws on a true story about a young woman who died seven years ago during an exorcism attempt by an Orthodox priest to save her from the clutches of Satan in the remote Romanian monastery.
In developing his film, Mungiu was also inspired by books by writer Tatiana Niculescu-Bran, who set about documenting the case, which caused a media sensation.
“It is not a film about friendship but about love; different kinds of love and what people do in the name of love,” said Mingiu.
“It’s also about abandonment,” he said, since the film touches on the horrors of life for the two women in the orphanage.
But at the heart of Mungiu’s story is a clash between faith and emotional need with Alina increasingly challenging the church and the authority of the priest, played by Valeriu Andriuta.
The priest, who is a man with little interest in the outside world, declares at one point: “The west has lost the true faith.”
Beyond the Hills is Mingiu’s third feature film. It is also the standardbearer for Eastern European cinema in the 22-movie race for the Palme d’Or award for best picture.
Mingiu said he wanted to shed light on other aspects of Romania’s post-communist life, such as the under-resourced hospitals, the high price of medicine and the backward systems of bureaucracy.
He also wants to examine the Orthodox church, to which many people have flocked in the new democratic era, disorientated and emotionally scarred by what was once one of Eastern Europe’s most brutal dictatorships.
However, the Orthodox church portrayed in Beyond the Hills offers a return to an almost feudal world. The monastery in the film has no electricity and the nuns spend their days pursuing their faith alongside menial tasks.
Faced with Alina’s increasingly disturbed and aggressive behaviour, the priest declares her “an enemy of the church” and sets about releasing her demons.
She is chained to a cross-like structure and not fed for days, while the priest reads her sections of a religious text aimed at drawing her away from the devil.
Still, Mingiu does not see his film as taking a stand on who was right or wrong in the story. “I’m trying not to criticize anyone,” he said. The film is more about superstitions.”

(http://theorthodoxchurch.info/)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.