Nessuna festa per la morte del cane di Satana

Nessuna festa per la morte del cane di Satana
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (5 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Nessuna festa per la morte del cane di Satana

Il film vuole essere una feroce critica al servilismo intellettuale. “…L’alienazione culturale è rinforzata da un’alienazione fisica: uno come Kranz non ha nemmeno il coraggio di accettare il corpo. Per quanto sia pronto a farsi ogni donna che incontra, anche pagandola, compie un’ignominioso voltafaccia nei confronti dell’omosessualità, quando cerca di imitare George fino in fondo.
L’alienazione di Kranz potrebbe forse essere integrata e redenta da questa forma di esperienza fisica primaria (ed è questa la storia di Fassbinder stesso, se vogliamo – o di Pasolini ): ma da maschio piccolo-borghese qual è, Kranz non è disposto a concedere, solo a trafugare…” (D.Ferrario; Il Castoro)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

2 commenti

  1. Francesco

    Il film fa semplicemente cagare, è noioso ma non è una novità per questo regista che, spaccaiando i propri lavori del cazzo per film d’autore, realizza dei polpettoni pieni di merda, pallosi e inguardabili.

Commenta


Varie

Walter Kranz (Kurt Raab), poeta ex rivoluzionario a corto d’ispirazione, prima si dà all’omicidio, poi si circonda di pederasti coi soldi di un’ammiratrice (Margit Carstensen): ma suo fratello ritardato (Volker Spengler) rischia di far finire tutto in tragedia.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.