A Horse Is Not A Metaphor

A Horse Is Not A Metaphor
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

A Horse Is Not A Metaphor

La regista barbara Hammer combatte il cancro alle ovaie con visioni di cavalcate e nuotate nel fiume in questo suo film sperimentale.
Come una “cancro vincente” piuttosto che che come “sopravvissuta”, Barbara Hammer cavalca sulle rosse colline del ranch di Georgia O’Keefe nel New Mexico, sulle basse e verdi colline di Big Horn nel Wyoming, e sui frondosi sentieri di Woodstock, New York, accompagnando la malattia verso la guarigione. L’ammaliante e fantastica musica di Meredith Monk sottolinea e celebra in questo film sperimentale la possibilità di essere sollevati e di buon umore anche quando invece potremmo essere scoraggiati. Il film ha vinto il Teddy Award 2009 come miglior cortometraggio con la seguente motivazione: “Un intimo racconto del viaggio di Barbara Hammer nella lotta per sopravvivere al cancro ovarico mentre il film prosegue la sua personale indagine su corpo e sessualità così come sulle mutanti possibilità di speranza e guarigione con tutti noi.”

Condividi

Commenta


Varie

In questo cortometraggio Barbara Hammer, attraverso il suo riconoscibile stile sperimentale, testimonia la sua lotta contro il cancro. L’ammaliante musica di Meredith Monk è la suggestiva colonna sonora che fa da sfondo alle cavalcate sulle rosse colline del ranch di Georgia O’Keefe nel New Mexico, sulle basse e verdi colline di Big Horn nel Wyoming, e sui frondosi sentieri di Woodstock. Il film prosegue anche l’ indagine di Hammer su corpo e sessualità così come sulle possibilità di speranza e guarigione per tutti e tutte noi.

A Horse Is Not a Metaphor ha vinto il Teddy Award per il Miglior Cortometraggio al festival di Berlino del 2009.

Nel 2006 Arcilesbica Bologna le ha dedicato una retrospettiva dal titolo Nitrate bodies: il cinema di Barbara Hammer.

Barbara Hammer, regista sperimentale e figura storica del lesbofemminismo radicale, ha realizzato più di ottanta film che le hanno valso il prestigioso Premio Frameline per aver contribuito in modo significativo alla produzione del cinema lesbico. (Gender Bender)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.