Fratellanza - Brotherhood

Fratellanza - Brotherhood
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (190 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Fratellanza - Brotherhood

Una storia d’amore e identità. Lars lascia l’esercito ed entra a far parte di un gruppo neonazi, che organizza raid punitivi contro arabi e omosessuali. L’apprendistato alla ‘fratellanza’ è duro e Lars viene affiancato dal mentore Jimmy incaricato di testarne l’affidabilità e la preparazione sui testi fondamentali stile Mein Kampf. Imprevedibilmente, tra i due scoppia la passione. Un’amore vissuto in segreto, finchè alla fine le regole razziste e violente del gruppo metteranno gli amanti di fronte all’inevitabile contraddizione: tradire i ‘fratelli’ di ideologia o tradire l’altro e i propri sentimenti. Qualunque sia la scelta, porterà dritti alla violenza, fisica o mentale. (Roma Film Festival)

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 30/7/2010 al 1/8/2010 16 € 6.113 € 407
dal 23/7/2010 al 25/7/2010 17 € 6.561 € 410
dal 16/7/2010 al 18/7/2010 16 € 11.006 € 524
dal 9/7/2010 al 11/7/2010 11 € 18.371 € 734
dal 2/7/2010 al 4/7/2010 13 € 29.540 € 1.094

Condividi

60 commenti

  1. DrFeelings

    La prima scena d’amore tra i due protagonisti è bellissima.. sotto los fondo di una colonna sonora meravigliosa ed emozionante… Un film che mi ha colpito moltissimo per la sua violenza, ma anche per i momenti di magica passione che il regista ha rappresentato con forte maestria… Un film che non dimentichero’ ..

  2. oltreparis

    Davvero un bel film,molto bravi anche i due attori principali. Forse disturbano le scene di violenza, ma rispecchia, purtroppo, alcune realta ancora presenti anche nei cosidetti paesi civili ed è un bene che se ne parli nei film, nei libri e dovunque.
    Lascia un po di amaro la scena finale incerta ma a me personalmente mi piace pensare ad un lieto fine.
    Un ottimo film da vedere.

  3. zonavenerdi

    Davvero un bel film. Bella la trama, la recitazione e tutto sommato anche il finale perchè nonostante tutto la vita continua sempre. Per quanto riguarda come è stato trattato il film, purtroppo dobbiamo considerare che è un filnm di nicchia. E’ già tanto che abbia vinto un festival cinematografico importante come quello di Roma.

  4. Concordo che lo sguardo sia un po’ troppo superficiale, i personaggi non approfonditi..ma le intense interpretazioni dei protagonisti riescono ad emozionare. Non un capolavoro ma da vedere!

  5. belozoglu

    senz’altro non è un capolavoro… ciò che resta è il conflitto tra essere e dover essere. il film tuttavia cattura e quando lars e jimmy sono sul tetto, avremmo voluto che scegliessero di andarsene subito lontano…da qualche parte..

  6. Il film è bello senz’altro, ma in qualche modo mi ha dato l’impressione che troppe cose sono date per scontate e nel film sono lasciate nel vago, questi personaggi non hanno quasi nessuna caratterizzazione personale, e quel poco che c’è viene appena accennato, il rapporto di uno con i genitori e dell’altro con il fratello, i sogni di carriera nell’esercito, gli ideali di partenza, esperienze di vita… niente. Chi sono? Due neonazisti. Perché? Non si sa. E poi? Uno era un militare e l’altro crede nell’ecologia. Che altro? non si sa.

  7. thediamondwink

    Film lineare, molto semplice, ben interpretato, caratteristiche che lo rendono molto interessante e che consiglio vivamente. Aspetto il blu-ray, semmai lo faranno uscire!

  8. Un film come da tempo non ne vedevo. Ottimo il soggetto e l’ambientazione, l’unica pecca sta forse nel doppiaggio in italiano. Consigliato anche se, alla fine (come ha già accennato qualcuno), lascia un fortissimo magone.

  9. Aborted_666

    Rispetto a quello che è già stato detto, non credo ci sia altro da aggiungere. Posso solo unirmi ai bellissimi commenti di quelli che mi hanno preceduta. In ogni caso, se posso dare un consiglio, NON guardatelo in italiano, perché il doppiaggio a mio modesto avviso è tremendo e fa perdere moltissimo alla recitazione pulita e più che verosimile dei protagonisti.

  10. rinaldo720

    Buon film, anche perchè è veramente poco americano, e si vede.
    Tratta il tema dei gay nazi in modo non banale e non scontato.
    A mio avviso uno dei due protragonisti non è giusto nel ruolo, e alle volte ci sono tempi morti un po’ lunghi, ma è tipico del cinema del nord europa.
    Però è una bella riflessione sull’impossibilità dell’ideologia di reprimere la natura umana.
    Consiglato.

  11. daniele

    Entusiasmante storia d’amore, affatto banale… Triste, ma anche colmo di speranza. Bellissima la scena del primo bacio. Insomma, dopo “a single man” il più bel film a tematica uscito quest’anno.

  12. Un assunto possibile di questo film potrebbe in effetti essere ” anche i nazi-razzisti hanno un cuore ” nel senso che possono anche avere dei lati positivi. Per fortuna questa non mi sembra davvero la chiave della pellicola. Jimmy è una testa bacata come tutti gli altri suoi odiosi compagni , solamente è gay e si innamora. Questo sì , anche i nazi si innamorano. E forse secondo l’antico adagio Amor Omnia Vincit da qui potrebbe partire il suo riscatto , se sopravvive. Gli attori protagonisti sono decisamente bravi e da soli reggono l’impalcatura di tutto il film che non gode di una eccelsa sceneggiatura. Sceneggiatura che però fortunatamente non abusa di una troppo insistita raccapricciante violenza (che ovviamente abbonda dato l’argomento) ma privilegia l’evolversi emotivo della relazione dei due amanti. Un film senz’altro da vedere.

  13. istintosegreto

    Mi unisco alle lodi di coloro che mi hanno preceduto nei commenti. Il film merita: nessuna esibizione gratuita di violenza, nessun gusto del “provocatorio ad ogni costo”. L’analisi psicologica dietro alle scene di violenza lascia intravedere il lato oscuro che è in ognuno di noi. Nessuno è solo vittima o solo carnefice. E in mezzo al male, a volte, nasce l’amore. Incontrollato come la furia che spinge ad annientare il più debole. Magistrale la scena in cui il “branco” invita Jimmy a picchiare Lars per rinnegare la sua omosessualità e tornare a far parte del gruppo.

  14. Un bel film, consigliato anche se lascia un forte magone. Una storia di due persone che si innamorano, ma ancor + bello un ragazzo del gruppo nazista che scopre di essere gay. Molto triste la rappresentazione di questo gruppo nazista, ma purtroppo è la tragica realtà. Consigliatissimo

  15. Veramente toccante. Un punto di vista particolare, uno sguardo originale all’omosessualità e al disagio in generale. Alcune cose sarebbe stato bello vederle più approfondite, ma è un film che si vede bene e che lascia qualcosa.

  16. il tema è quello del neonazismo e dell’omosessualità… due parole che sembrano inassociabili, ma che come mostra questo film possono collidere fino a creare una situazione esplosiva fra ciò che una folle e cieca ideologia insegna da una parte e ciò che al contrario il cuore ricerca dall’altra…
    Non è sicuramente un film semplice, ne lo si può definire bello nel senso più classico del termine, ma io consiglio comunque di guardarlo, difficilmente lascerà indifferente…

  17. Concordo film bellissimo e molto bravi i due protagonisti! a pelle non mi ispirava però mi sono completamente ricreduto. Davvero un peccato che film del genere vengono discriminati per lasciare il posto a delle pellicole insulse e mal confezionate. Anche per me uno dei film più belli visti quest’anno. Consiglio a tutti di vederlo

  18. Giuseppe81

    Bellissimo!!!il film più emozionante ke ho visto qst’anno!!! stupendo il modo in cui il regista racconta “la costruzione” dei loro sentimenti e della lora intimità!!!

  19. Fra1977

    Ho visto il film ieri sera a Cavriago (RE) ad una rassegna di film con il teme “l’amore”, il cinema era pieno. Il film ha tratti è prevedibile, però interessante l’opposizione dei 2 mondi quello violento, xenofobo ed omofobo e il mondo d’intimità creato dai 2 protagonisti. A me è piaciuto, infatti gli ho dato un volto alto, lo consiglio di vederelo grazie anche alla bravura degli attori.

  20. Fra1977

    Ho visto il film ieri sera a Cavriago (RE) ad una ressegna di film con il teme “l’amore”, il cinema era pieno. Il film ha tratti è prevedibile, però interessante l’opposizione dei 2 mondi quello violento, xenofobo ed omofobo e il mondo d’intimità creato dai 2 protagonisti. A me è piaciuto, infatti gli ho dato un volto alto, lo consiglio di vederelo grazie anche alla bravura degli attori.

  21. francyfra79

    Finalmente sono riuscita a vederlo anch’io, a Padova, in una sala con solo 12-13 persone (ma pensavo anche peggio, visto il tipo di film non mainstream, e il periodo). Mi è piaciuto molto… qualche buco nella sceneggiatura (non si capisce perchè Lars, persona intelligente, si faccia convincere a entrare in quel gruppo di dementi…), ma ci si passa sopra tranquillamente, perchè la recitazione è fantastica, i due attori protagonisti in particolare. Film che alterna momenti di violenza a momenti di tenerezza. Super consigliato!

  22. Il film ha una trama semplice e lineare. Militare congedato dall’esercito perchè gay,cede alle lusinghe di un gruppo di fanatici nazisti -che non sanno del suo orientamento sessuale- e partecipa a raid punitivi contro le minoranze . Ha una relazione segreta con uno del gruppo – un gay velato che non si accetta- e quando vengono scoperti vengono puniti selvaggiamente.I 2 rimangono comunque assieme perchè l’amore vince su tutto.Colpisce la recitazione dei protagonisiti assolutamente credibili.

  23. Un capolavoro..Da dieci!! Peccato lo vedranno in pochi dato il periodo d’uscita e la scarsità di copie distribuite.. Rispecchia (fra le tante cose e spunti di riflessione) una realtà inquietante e molto dolorosa, l’omofobia interiorizzata, che purtroppo vivono moltissimi omosessuali..rovinandosi la vita e, spessissimo, rovinandola pure a chi ha la (s)ventura di innamorarsi di loro..

  24. nicola83

    L’ho visto al cinema a Padova sabato… non c’era molta gente (una quindicina di persone) ma considerando il periodo non mi aspettavo di più. Comunque mi sembra che gli spettatori presenti abbiano apprezzato il film e a me pure è piaciuto.

  25. pitumpa

    finalmente l’ho visto!! in un piccolo cinema della mia provincia…unico in tt la regione!! e cn uno dietro seduto k sbuffava di continuo xkil film nn era id suo gradimento! bah…
    cmq molto bello cm film. alquanto violento certo in alcune scene. la fine m’ha fatto piangere:'(…speriamo bene. cmq consigliatissimo e bravi sopratt i due attori protagonisti: due delle migliori performance di quest’anno!
    dieci giorni lo lasciano in sto cinema e in dodici in sala gg…mah!

  26. Il film è stato distribuito in 27 sale, sparse in 12 regioni.. Considerato che è uscito in estate è un buon risultato.. Anche se le regioni in totale sono 20.. Per non parlare del fatto che tantissime boiate vengono ditribuite in 100/200 copie..

  27. her mann

    Un pugno nello stomaco certe scene. Ma bello, ottimo. Ben recitato. Tra l’altrodiversamente da quanto si diceva in questo forum è stato ben distribuito. Peccato sia luglio e faccia un caldo porco : lo vedranno in pochi ma merita.
    Ieri sera alla prima proiezione sala vuota, solo una dozzina di spettatori. PECCATO!!!!!

  28. pitumpa

    scusate ma uscirà in tt le regioni o solo in cinema selezionati cm accadde per “il compleanno”?…dico xk nel cinema della mia provincia nn è presente tra i film di prossima programmazione…:'(

Commenta


trailer: Fratellanza - Brotherhood

https://youtube.com/watch?v=0trfhRYarvI%26hl%3Dit_IT%26fs%3D1

Varie

«È innanzitutto una storia d’amore» spiega Donato. «Ispirata al film di Rosa Von Praunheim “Men, heroes and gay nazis”. Puoi essere in disaccordo con la gente riguardo alle proprie idee ma non puoi giudicarle dal colore della loro pelle. È difficile amare tutti ma penso che si debba almeno provarci. Quello che ho appena detto è in effetti un po’ tardo-hippy ma è sicuramente vero che dobbiamo rispettarci a vicenda. La violenza è un tabù, in realtà. Dimostra poca intelligenza. Queste frange radicali mi danno da pensare. Ricorrere alla violenza è la dimostrazione che se si ricorre ad essa, ci si appella a una sorta di diritto ad essere violenti: queste persone hanno tentato di risolvere i loro problemi in altri modi fallimentari e si sentono senza potere. Ecco perché si arriva all’atto violento. Riguardo allo stile del film, bisogna avere rispetto del mezzo. Si può provocare e rompere le regole ma bisogna amarlo e rispettarlo: è meglio che attenersi semplicemente alle regole insegnate dai libri di cinema. Amo Von Trier ma anche Gus Van Sant e il linguaggio cinematografico non si può cambiare». (Gay.it)

“…il bel Fratellanza di Nicolo Donato, che ha collaborato anche con Von Trier e qui coniuga iperrealismo e melodramma giù presenti nei film dell’autore di Dancer in the Dark e Antichrist. Lars (nome casuale?) è un giovane ufficiale dell’esercito rimosso per le sue frequentazioni maschili. Incontra dei coetanei nazisteggianti e sulle prime li critica: il loro capo lo prende sotto la sua ala protettiva e lo affida a Jimmy per educarlo attraverso il lavoro. Ne esce una relazione gay che smonta i pregiudizi omofobici del gruppo di invasati che sfoga sui pakistani e tutti i diversi i propri fallimenti e frustrazioni.” (Nicola Falcinella, La Provincia)

“Il difetto sta già nel soggetto: un ragazzo danese prima diventa neonazista e poi si scopre gay. Che cosa dovrebbe dimostrare? Che anche i razzisti hanno un cuore? O che i macho celano un lato omo? Temi da salotto televisivo, messi in scena con finto realismo. Per chi ci casca” (M. Porro, Corriere della Sera)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.