Foxcatcher - Una storia americana

Foxcatcher - Una storia americana
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (3 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Foxcatcher - Una storia americana

Poteva essere il film più queer della stagione se il regista non avesse deciso di ‘raffreddare’ al massimo il sottotesto gay della vicenda per rispetto delle persone ancora in vita di una tragica vicenda che sconvolse l’America nel 1996. Il miliardario americano John Eleuthère du Pont (1938 – 2010) era l’erede di una delle più ricche dinastie statunitensi, arricchitasi già nell’800 grazie alla produzione di polvere da sparo e sviluppatasi nel secolo successivo con l’invenzione di materiali distribuiti universalmente come nylon e lycra. Appassionato di lotta libera, John fondò nella sua sterminata tenuta in Pennsylvania il ‘Foxcatcher Team’ dove invitò a colpi d’ingaggi stratosferici prima il campione Mark Shultz (un taurino Channing Tatum) e poi il suo simbiotico fratello Dave (Mark Ruffalo, candidato all’Oscar, intensamente calato nella parte) con tanto di famiglia al seguito, entrambi medaglia d’oro alle Olimpiadi dell’84, per prepararli in vista di quelle dell’88 a Seul. Ma il rapporto inizialmente idilliaco con entrambi subisce una degenerazione dalle conseguenze tragiche quando Mark, iniziato tra l’altro alla cocaina dallo stesso du Pont, rende sempre meno in gara e si distanzia progressivamente da colui che considera un mentore paterno e dall’adorato fratello con cui aveva un legame strettissimo (Ruffalo ha definito la tenera lotta ‘danzata’ fra loro come “il massimo livello di intimità che due uomini possono raggiungere senza essere amanti”). Interpretato con una straordinaria capacità mimetica da un imploso Steve Carell dal naso aquilino, quasi irriconoscibile, candidato anch’egli all’Oscar (ignorato dall’Academy nonostante le sue cinque nominations, “Foxcatcher” aveva vinto a Cannes il premio per la miglior regia, classica e calibratissima), John du Pont viene descritto come un uomo solitario e meditabondo, un filantropo appassionato di ornitologia disprezzato dalla matriarca Jean (una magnifica Vanessa Redgrave) che considera la lotta “uno sport minore che sminuisce”. L’attrazione sotterranea tra John e Mark non è mai resa esplicita anche se viene lanciato qualche segnale quando John fa incursioni notturne nello chalet dove viene ospitato Mark e in un’altra scena lo ringrazia con sguardo adorante – “sei un buon amico, Mark!” – rivelandogli di aver avuto “crescendo, un solo, vero amico”, tale Hugh Cherry detto Hubby, figlio dell’autista della madre che lo aveva pagato affinché frequentasse John… Nel film non si fa alcun accenno a presunte compagne nella vita di DuPont ma nel 1983 consumò un matrimonio lampo con la terapista occupazionale Gale Wenk, annullato dopo soli novanta giorni perché lui cercò di ucciderla puntandole un fucile contro e gettandola in un camino acceso. Il rigoroso dramma di Miller non ha nulla dell’epica fanfarona di certi film americani sportivi ma, anzi, destruttura il concetto stesso di sogno americano concentrandosi, attraverso l’estetica algida e decolorata della funzionale fotografia di Greig Fraser e uno stile trattenuto a volte persino troppo indugiante, sulle fatiche degli atleti, la solitudine isolazionista imposta dalla disciplina, il senso di alienazione indotto dal rinchiudersi nella prigione dorata della proprietà dei du Pont. La bravura di Carell sta in una esemplare performance millimetrica giocata su minime variazioni espressive (non sembra nemmeno trapelare la schizofrenia paranoide diagnosticata al vero John dopo la tragedia), nello sperdimento dello sguardo rassegnato, nella postura incassata vagamente animalesca.(R. Schinardi, Gay.it)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


trailer: Foxcatcher - Una storia americana

https://youtube.com/watch?v=IGxdwsWPxr0

Varie

Based on true events, Foxcatcher tells the dark and fascinating story of the unlikely and ultimately tragic relationship between an eccentric multi-millionaire and two champion wrestlers. When Olympic Gold Medal winning wrestler Mark Schultz (Channing Tatum) is invited by wealthy heir John du Pont (Steve Carell) to move on to the du Pont estate and help form a team to train for the 1988 Seoul Olympics at his new state-of-the-art training facility, Schultz jumps at the opportunity, hoping to focus on his training and finally step out of the shadow of his revered brother, Dave (Mark Ruffalo). Driven by hidden needs, du Pont sees backing Schultz’s bid for Gold and the chance to “coach” a world-class wrestling team as an opportunity to gain the elusive respect of his peers and, more importantly, his disapproving mother (Vanessa Redgrave). Flattered by the attention and entranced by du Pont’s majestic world, Mark comes to see his benefactor as a father figure and grows increasingly dependent on him for approval. Though initially supportive, du Pont’s mercurial personality turns and he begins to lure Mark into an unhealthy lifestyle that threatens to undermine his training. Soon du Pont’s erratic behavior and cruel psychological game-play begin to erode the athlete’s already shaky self-esteem. Meanwhile du Pont becomes fixated on Dave, who exudes the confidence both he and Mark lack, knowing that these are things even his money cannot buy. Fueled by du Pont’s increasing paranoia and alienation from the brothers, the trio is propelled towards a tragedy no one could have foreseen. (Sony, IMDB)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.