Englishman in New York, An

Englishman in New York, An
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (4 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Englishman in New York, An

Dopo 30 anni John Hurt riprende il ruolo del leggendario Quentin Crisp, il più famoso omosessuale britannico, che aveva già interpretato nel bellissimo film del 1975 “The Naked Civil Servant”. Questo potremmo definirlo un sequel in quanto si sofferma maggiormente sugli ultimi anni di Quentin, quelli del suo successo mediatico. Nel 1981 Quentin accetta un ingaggio teatrale a New York. La sua agente, Connie Clausen, ottiene come parte dei suoi introiti un permesso permanente come “resident alien” e la rappresentazione continuativa del suo one-man-show, ‘How to be Happy’. Entro breve tempo Quentin è il personaggio più popolare e chiacchierato di New York. Un giorno Connie presenta a Quentin Phillip Steele, l’editore della rivista “The Village Voice”. I due diventano amici intimi e Quentin trova anche molteplici occasioni per sfoggiare in pubblico il suo stile sgargiante, acuto e tagliente. Tuttavia il suo modo distratto lo porta a dichiarare durante un’intervista che l’Aids è semplicemente “una moda”, cosa che gli procura subito parecchi nemici nella comunità gay di New York ed anche una rottura con Phillip Steele. In seguito Quentin inizia una relazione con un giovane artista chiamato Patrick Angus. Quando Angus contrae l’Aids e in poco tempo muore, Crisp riesce ad ottenere da Steel la pubblicazione di un servizio con foto dedicato ad Angus sul “The Village Voice”. Crisp e Steel riprendono così la loro vecchia relazione che anzi si dimostra ancora più intensa ed intima. Diventerà sempre più forte anche quando l’artista Penny Arcade presenterà Quentin a un pubblico giovane e d’avanguardia che adora il suo stile, sempre pungente ed effervescente nonostante i suoi novant’anni d’età. (Berlinale 2009)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Varie

An English Man in New York racconta gli ultimi venti anni di vita del famoso scrittore e attore gay britannico Quentin Crisp.
Negli anni Settanta l’ormai 66enne Crisp decide di lasciare la sua patria, quell’Inghilterra che sembra mal tollerare i suoi modi e la sua omosessualità così apertamente esibita, e si trasferisce a New York, cornice ideale per il suo stile di vita fuori dagli schemi. Il suo show off-Broadway, How To Be Happy, lo consacra come istrionico one-man-show. In poco tempo Quentin diventa una presenza d’obbligo nel circuito dei party e delle inaugurazioni, grazie anche alla sua collaborazione con il magazine The Village Voice.
Sono gli anni del grande successo mediatico, delle dichiarazioni controverse (durante uno dei suoi show definisce l’Aids, che stava cominciando a diffondersi nella comunità del Village, come “una moda, niente di più”, creando sconcerto nell’opinione pubblica), dell’incontro con il giovane artista gay Patrick Angus, la cui morte per Aids lascerà nel cuore di Quentin un vuoto incolmabile.
An English Man in New York (il titolo riprende l’omonima canzone di Sting, che la dedicò proprio a lui) ci restituisce il ritratto di un uomo che fu fino alla fine dei suoi giorni un esempio di intelligenza, sagacia, sfrontatezza e talento versatile (indimenticabile la sua prova d’attore nei panni della Regina Elisabetta I in Orlando di Sally Potter). Nei panni di Quentin Crisp ritroviamo John Hurt, che lo aveva già interpretato nel 1975 in The Naked Civil Servant. (Gender Bender)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.