L' Educazione sentimentale di Eugenie

L' Educazione sentimentale di Eugenie
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Eros
  • Media voti utenti
    • (11 voti)
  • Critica
Varie

Cast

L' Educazione sentimentale di Eugenie

“E’ dal 1975, anno del film di Pierpaolo Pasolini ‘Salò’, che un’opera del marchese De Sade non veniva portata sul grande schermo – ha detto il regista palermitano in conferenza stampa – mentre io ritengo che sia ancora di grande attualità. Il Settecento e l’opera di De Sade rimangono insuperate per quello che riguarda la libertà nei temi della morale sessuale”. Ma il film è molto deludente, indeciso tra un soft-core e una ricostruzione d’ambiente non riesce a convincere nemmeno come trasposizione letteraria. La fotografia è inspiegabilmente di pessima qualità, probabilmente voluta per dare un tocco di originalità assai poco apprezzabile. Il protagonista omosessuale è il massimo dello stereotipo, quasi rivoltante. Da dimenticare.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

4 commenti

  1. Francesco

    Pessimo, pietoso, recitato male, un film veramente di merda. Se poi avete letto il libro da cui è tratto (“La filosofia nel bodoir” di De Sade)allora resterete ancora più delusi dalla povertà di questo film!

  2. Mah, io lo trovo filosofico e divertente XD mi piace questo modo di recitare molto artificioso e pomposo, mi fa ridere XD
    L’ho guardato con piacere. Dopotutto le scene di sesso non sono da buttare, suvvia. Per un pomeriggio noioso come questo è più che sufficiente! sicuramente meglio di Mean Girls!

  3. Jim Puff

    Grimaldi peggiora di film in film.
    Com’è distante la tragica bellezza e la dolorosa partecipazione di “La discesa di Aclà a Floristella”.
    La trasposizione dell’opera del marchese De Sade è assai povera, curiosa: conti e marchese si scrivono in italiano perchè si sa, la lingua dell’epoca in Francia era l’italiano!
    Qui siamo assai vicino al porno-soft (in verità + parlato che mostrato!).
    Una recitazione da cani (mi perdonino i cani!) ma forse non era richiesta, bastava avere dei corpi discreti per sollecitare le “pruderie” dei guardoni.
    Aurelio speriamo nel prossimo film!

Commenta


Varie

Madame de Saint Ange ha finalmente ottenuto l’incarico dal duca di Mistival di occuparsi dell’educazione sentimentale della virginale figlia Eugénie. Madame è assai attratta dalla ragazzina ma, contemporaneamente, ha architettato il modo di sedurre anche il marchese di Dolmancé, dotto e giovane filosofo, famoso per la sua intelligenza e il suo fascino, ma noto omosessuale. Madame vuole cogliere due piccioni con una fava: educare (in senso settecentesco: nei costumi, nella conoscenza filosofica, nella vita sessuale) Eugénie, e con l’occasione sedurre il marchese assegnando a lui l’incarico di presiedere la sezione culturale della formazione della ragazza. Si fa aiutare dal suo giovane fratello, nonché suo amante, Cavalier de Mirvel, e dal giovane servo Augustin. Saranno due giorni di inganni, astuzie, lezioni, seduzioni, filosofie. E Madame raggiungerà entrambi i suoi obiettivi…

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.