Dream Boy

Dream Boy
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (99 voti)
  • Critica

Cast

Dream Boy

Ambientato nell’america del sud e tratto da una novella best seller di Jim Grisley, Dream Boy è l’affresco sentimentale e nostalgico dei tormenti e dell’estasi di un amore adolescenziale. Per il quindicenne Nathan è l’anno delle scoperte emotive. Trasferitosi da poco in un paesino della Louisiana con i genitori, middle class, padre alcolizzato e violento, madre comprensiva e disperata, Nathan è figlio unico e senza amici, isolato e sognatore. Una domenica mattina di ritorno da messa, riconosce il giovane vicino di casa. è Roy, il diciassettenne compagno di classe, autista del bus giallo che tutti i giorni porta gli studenti a scuola. Lui ha già una ragazza, di cui pare molto innamorato. Ma da quel primo sguardo di curiosità e turbamento al primo pomeriggio a casa insieme per fare i compiti, non passa molto tempo. Finchè una sera Roy prende Nathan per mano e camminando senza dire una parola, lo porta in posto isolato, non lontano dal villaggio. è una radura silenziosa e abbandonata. Qui si scambiamo il primo bacio. Impacciati, emozionati, senza schemi. Teneramente attratti da emozioni sconosciute e irresistibili. In pochi giorni sono perdutamente trascinati nel vortice di una romantica e pericolosa storia d’amore, tanto appassionata quanto segreta. Ma durante un week end avventuroso, organizzato insieme ai due compagni di merende di Roy, Burke e Randy, salta fuori tutta la verità. Il giovane James Bolton, riesce nel difficile compito di commuoverci con i silenzi. Un film che si vede tutto d’un fiato. (Migay 2008)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

30 commenti

  1. Morgenstern

    Un film semplice, ma mi è piaciuto tanto. Fino a un certo punto mi sembrava una favola bellissima che avrei voluto vivere (apparte il padre di Nathan) poi purtroppo è andato a finire male. Non so, forse questo finale, come molti film gay ci fa pensare che le storie gay non possono mai andare bene, ma è stato anche un buon modo per far capire che l’amore va oltre la morte, e questo amore tra Nathan e Roy mi ha proprio toccato il cuore anche grazie a questo doloroso finale.
    Mi sono emozionato molto…….
    È uno di quei film che mi fanno amaramente pensare: “Perché io non posso avere una storia d’amore così?”.
    Il fatto di averlo trasformato verso la fine in un horror, forse è un po’ un’esagerazione, ma non rovina il film.
    Vorrei un ragazzo come Roy!!!!!!!

  2. maurizio

    Avevo visto il film ma non avevo capito nulla 🙁 grazie a
    “G ” per le delucidazioni , ora e tutto chiaro!!! col senno di poi posso dire bello , leggerò anche il libro , una sola nota di demerito è inverosimile che l’attore principale sia adolescente un po troppo grandicello per rappresentare quella parte!!!

  3. Molto bello e gentile, certo uno strano ragazzo che si va ad inventare di morire come prima cosa quando vede uno che gli piace… ma già, la paura dei propri sentimenti gioca brutti scherzi… Davvero ben fatto, bravi i due ragazzi, e di una sensibilità rara il tutto
    @Gionata: Come sarebbe “escluderei il fatto che Nathan abbia sognato tutto”? è evidente che è tutta una fantasticheria, creata nel momento in cui Roy gli sorride dallo specchietto del bus il primo giorno che si incontrano…
    @per chi a letto il libro? perché come finisce?

  4. Gionata

    Vorrei fare una considerazione: presa per buona l’interpretazione secondo la quale Nathan effettivamente muore e dell’amore tra lui e Roy non resta che un fantasma, non trovate eccessivamente tragico e troppo carico un finale di questo tipo ( escluderei infatti il fatto che Nathan abbia sognato tutto ), considerando che l’amore tra i due, nel resto del film, viene trattato in modo fulmineo e troppo affrettato??
    Ho notato che qualcuno ha avuto modo di leggere il libro, magari potrebbe rivelarci qualche particolare o differenza con il film, per meglio completare il quadro. Grazie.

  5. nn ho capito il finale , ki me lo potrebbe spiegare grazie ..
    bel film cmq ma troppo triste troppo .Nn doveva finire cosi ..
    quste tipologie di film mi attirano molto, nn so xkè, forse dalle emozioni che mi trasmettono ogni volta, nonostante tutto lo guardato anke se sapevo detro di me k nn poteva avere un finale bello.secondo me dream boy, ti fa stare col fiato sospeso, vorresti sentire dire all’interno del film quello ke vorresti ke fosse detto insomma ti travolge in 1 secondo e nemmeno te ne accorgi ed è x questa ragione ke alla fine stai male se senti o vedi scene che nn aspettavi cosi crude cmq bellissimo… ma roy nn centra niente vero cn l’omocidio di nathan? nn ho capito …. rispondetemi grazie mille

  6. Monique

    Nonostante non sia ancora riuscita a procurarmi questo film, per rispondere ad Alessandro Paesano: C’è “Shelter”, del 2007. Sempre americano, che posso assicurare, non ha nulla a che fare con uccisioni, droghe, stupri e merde varie. Lieto fine, film davvero bello.

  7. Alessandro Paesano

    Un film rivoltante, pieno di cliché e di luoghi comuni, dove l’omosessualità non è mai l’argomento principale della storia ma solo ancella di altri problemi, altre tematiche, padri stupratori, madri tremebonde, amici omofobi (ma che, con la scusa che la penetrazione anale è umiliante, fanno sesso con altri ragazzi) e assassini, una società inerme che ignora molestie sessuali e amori omoerotici.
    Il finale del film è poi memorabile. Mentre nemmeno sai se l’assassino stupratore viene consegnato alla giustizia o meno il fantasma dell’ucciso torna ad abbracciare il suo amore. Agnizione finale (come insegna Brokeback Mountain).
    A quando un film in cui l’omosessualità (maschile) è raccontata con leggerezza? A quando un lieto fine, uno? Quando un film in cui non muore nessuno anche se non tutti “vissero felici e contenti”?

  8. VitaminA

    Tristissimo…ho pianto come una deficiente…l’immagine di Nathan che compare come fantasma per continuare un amore che va oltre la morte…mi si è stretto il cuore!!!

  9. l’apparente banalità del film è venuta meno nel rapporto di Nathan col padre, ben rappresentato.
    peccato poi invece si sia voluti cadere nel solito splatter all’americana,
    dove si poteva anche solo far intuire lo svolgimento dei fatti,
    anziché trasformare il film in un horror a tutti gli effetti e terminare con un finale abbastanza scontato e prevedibile.
    inoltre come ha detto qualcuno all’uscita, si è voluto mettere troppo.
    tutto sommato il film non è malissimo, se non altro è girato bene,
    personalmente però se avessi saputo che era così drammatico
    avrei evitato di andare a vederlo.
    ok che era un’anteprima, ma il rispetto per chi è particolarmente sensibile a certe scene..!

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.