Comme des voleurs (A l’est)

Comme des voleurs (A l’est)
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (8 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Comme des voleurs (A l’est)

All’indomani di Natale, Lionel, figlio di un pastore valdese, apprende che il suo bisnonno era polacco. Lui che si credeva valdese puro, si lancia ora alla ricerca delle sue origini, trascinando con se la sorella Lucie. Come dei ladri, s’inoltrano nella notte al volante di una vettura “presa in prestito” alla Radio Suisse. Ma ora niente è più sicuro. Di sicuro c’è solo questa corsa in Slovacchia, l’omosessualità di Lionel, le officine abbandonate della Slesia, l’auto rubata, il matrimonio bianco, lo studente di Cracovia, i passaporti falsi, le reali difficoltà, la strada per Varsavia, infine, l’avventura. E da qualche parte in Polonia un cavallo che si annega, notte dopo notte. “Il film ripercorre controcorrente il fenomeno dell’immigrazione: quello di un giovane svizzero, il cui padre, pastore protestante, accetta più facilmente l’omosessualità del figlio che non le sue pretese di risalire alle sue origini polacche” (Il Manifesto – Maria-Delfina Bonada).

Visualizza contenuti correlati

Condividi

3 commenti

  1. istintosegreto

    Va detto subito che non è propriamente un film a tematica gay. Lionel convive col suo fidanzato che, come sempre succede, vorrebbe ricevere più attenzioni (anche in pubblico). Lucie è sposata con un maschione fisicato e peloso che, come sempre succede, non la ascolta (nemmeno in privato). Il loro viaggio alla scoperta delle origini diventa essenzialmente una via di fuga per entrambi; un’occasione per guardarsi dentro; un’avventura da condividere. Eccellente prova di attori. Trama ricca di piccole sorprese. Da vedere.

  2. pinzimonio

    Un ragazzo gay svizzero, risolto e integrato, è ossessionato dall’idea di essere polacco nell’anima. Sarà questa l’ultima frontiera del sentirsi diversi? Il film è interessante nell’assoluta follia del suo assunto.

Commenta


Varie

Girato con grande leggerezza e umorismo, il film ci conduce in un viaggio rocambolesco tra Losanna e Varsavia. Una sorta di road movie che affronta i temi fondamentali della ricerca della propria identità sessuale e delle proprie origini. Il film ripercorre controcorrente il fenomeno dell’immigrazione: quello di un giovane svizzero, il cui padre, pastore protestante, accetta più facilmente l’omosessualità del figlio che non le sue pretese di risalire alle sue origini polacche. (Dolmen)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.