Caravaggio (2006)

Caravaggio (2006)
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (8 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Caravaggio (2006)

La produttrice Ida Di Benedetto (grande interprete del film lesbico Immacolata e Concetta) ha dichiarato che è in progetto anche una versione ridotta per il cinema. Le riprese, terminate questa estate, si sono svolte tra la Sicilia, Roma e Belgrado. Insieme alla Titania di Ida Di Benedetto e Rai Fiction sono entrati in coproduzione anche società di Francia, Spagna e Germania. Oltre ad Alessio Boni nella parte del protagonista (che deve vedersela con la magistrale interpretazione di Gian Maria Volontè, che vestì i panni di Caravaggio in uno sceneggiato di circa 40 anni fa) vedremo anche Jordi Molla ( “La Mala Educacion”) nei panni del Cardinal del Monte. Alessio Boni, a proposito del confronto con Volontè, ha recentemente dichiarato: “Confronto impossibile quello con Volontè, quel film tv era quasi un documentario teatrale, una cosa diversa. In questo caso si è scelto di raccontare la verità biografica, l’omicidio, l’omosessualità, ma soprattutto il Caravaggio artista ieratico, viscerale, tormentato, innovativo, amato dal popolo che si ritrovava nelle sue opere. Anche violento e a suo agio nei bassifondi, ma proprio perché rispecchiava la società in cui viveva”.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. thediamondwink

    discreto, a tratti noiosi, storia ovviamente storpiata dalla cattolicissima RAI, che maschera spudoratamente le ambiguità sessuali dei personaggi. Alessio Boni è un personaggio perfetto all’interno del film, che esprime perfettamente la ‘sofferenza’ artistica del Pittore.

Commenta


Varie

Michele a frequentare più volte le patrie galere. Il successo delle opere di Caravaggio lievita di giorno in giorno, nonostante i membri dell’Accademia facciano di tutto per ostacolarlo. Michele entra in contatto in questo periodo con l’altra sua musa per eccellenza, Lena. Caravaggio è all’apice del suo successo, incontra il Papa e ne fa il ritratto, quando le sue intemperanze raggiungono il limite: uccide in un duello Ranuccio Tomassoni ed è costretto a scappare a Napoli per non farsi uccidere a sua volta o arrestare. Qui, sempre sotto la protezione di Costanza Colonna, non ha difficoltà a trovare delle commissioni importanti, ormai la sua fama lo precede, tanto che viene invitato a Malta, dove l’ordine dei Cavalieri può forse intercedere col Papa e fargli ottenere la grazia. … segue

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.