United States of Tara

United States of Tara
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (2 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

United States of Tara

United States of Tara è una serie televisiva statunitense nata da un’idea di Steven Spielberg e sviluppata dalla sceneggiatrice premio Oscar Diablo Cody. La serie, con protagonista Toni Collette, racconta le vicende di Tara, una casalinga e madre di famiglia, affetta da personalità multipla. Tara, sposata con Max e madre di due figli adolescenti, gestisce una famiglia tutt’altro che ordinaria. Marshall, il più sensibile dei figli, è gay dichiarato e vive una cotta per un suo compagno di corso, invece Kate è una problematica adolescente che affronta diversi problemi di ragazzi, causati dai suoi bizzarri gusti. I problemi dei figli e il lavoro del marito, sono alcune della cause di stress per Tara, che si ritrova a soffrire di un disturbo della personalità, dando vita a tre ben distinti caratteri (T, Alice e Buck). Marshall (chiamato spesso nell’originale con l’amichevole “Moosh”), il figlio gay, è un 14enne sensibile, un po’ all’antica, appassionato di film classici e con il desiderio di diventare regista. La creatrice Diablo Cody ha detto che la sessualità di Marshal è semplicemente un dato di fatto e non diventerà un problema all’interno della serie. Sebbene la famiglia sostenga Marshall, Buck (una delle personalità di Tara, che conosceremo a stagione inoltrata) è leggermente omofoba e spesso farà commenti sprezzanti. Cody ha spiegato che ha visto come “un meccanismo divertente” la dicotomia tra Tara assolutamente sostenitrice di Marshal e Buck invece un’omofoba che comunque lo ama sempre moltissimo. L’interpretazione gay di Gilchrist è davvero eccezionale, lontana dai soliti stereotipi, altamente espressiva al punto da commuovere lo spettatore in diverse scene. Jason (Andrew Lawrence), figlio di un Pastore locale, è l’oggetto del desiderio di Marshall, ma ha una sessualità ancora indecisa. Nell’episodio 9 vedremo che risponde al bacio di Marshall, ma quando T gli chiederà (episodio 10) se gli piacciono gli uomini o le donne non saprà rispondere (dice “può essere” per entrambi i casi)…

Visualizza contenuti correlati

Condividi

5 commenti

  1. Nella seconda serie ho invece notato una diffusa regressione: le storie sono meno brillanti, la capacità gestionale della malattia, della vita domestica e anche del rapporto di coppia sembra scemata come se Tara e il marito fossero all’inizio della loro avventura e non già una squadra consolidata, con la labile scusa della crisi prima dell’alba, e anche Marshall sembra diventato molto più infantile, non si capisce perché, sia dal punto di vista puramente caratteriale sia per quanto riguarda l’accettazione e la conoscenza di se, questa regressione coinvolge anche la sua migliore amica che da simpatica e brillante ragazza diventa una specie di pazza, l’interessante amicizia tra Kate e poi la stessa Tara e un’artista hippy nera si conclude bruscamente in modo piuttosto rattoppato e nel complesso tutto sembra molto più banale. Ma nonostante tutto questo è comunque un bel prodotto e la Collette è bravissima

  2. ho visto le prime due serie.
    La prima mi è molto piaciuta, sceneggiatura ben studiata, allegra e allo stesso tempo mai banale, attori bravi, e Marshall è adorabile. Davvero forse uno dei migliori personaggi che abbia mai visto, dal modo di vestire a come parla a quanto è dolce nella sua cotta a come si rapporta con i familiari: il mio ideale di adolescente gay…

  3. perles75

    deliziosa serie con il ritmo della commedia che lascia spazio a qualche situazione amara, senza banalizzare il problema della malattia psicologica. Grande prova virtuosistica di Toni Colette supportata da un ottimo cast.

    Ottimo trattamento del personaggio gay, piuttosto anomalo nel panorama televisivo americano, abbastanza secondario ma con un ruolo importante nella famiglia, quello di voce della calma e della ragione. La sua sessualità è abbastanza data per scontata fin dall’inizio e la serie ci risparmia la solita storyline sul coming out in famiglia, e mostra aspetti anche politically incorrect (il cruising nel parco). Nel corso delle 2 serie compie uno sviluppo per niente over the top e piuttosto realistico, cosa abbastanza rara. Forse darei 2G a questa serie.

    Voto 9

Commenta


trailer: United States of Tara

https://youtube.com/watch?v=1zlBBkKyM_g%26color1%3D0x6699%26color2%3D0x54abd6%26hl%3Dit_IT%26feature%3Dplayer_embedded%26fs%3D1

Varie

La serie ha debuttato sul canale americano Showtime il 18 gennaio 2009, con l’episodio pilota scritto da Diablo Cody e diretto da Craig Gillespie. In Italia è trasmessa dal canale digitale terrestre Mya di Mediaset Premium dal 2 dicembre 2009. In produzione la seconda stagione.

PERSONAGGI della prima stagione:

Toni Collette – è Tara Gregson, una donna affetta da personalità multipla, con quattro ben distinte personalità molto diverse tra loro:
Tara, alle prese con il duro lavoro di madre e moglie, che spesso si sente in colpa per le bizzarre situazioni create dalle sue personalità.
Alice, è una casalinga perfetta che crede nei sani valori tradizionali
Buck, è l’unica personalità maschile di Tara, amante della birra, delle motociclette e delle risse.
T, è una ribelle e fumatrice adolescente con tendenze da cleptomane.

John Corbett – è Max Gregson, padre e marito, che nonostante i suoi duri impegni lavorativi cerca di aiutare a modo suo la famiglia.

Keir Gilchrist – è Marshall Gregson, figlio buono e senbile di Tara e Max, innamorato del suo compagno di classe.

Brie Larson – è Kate Gregson, figlia problematica di Tara e Max.
Rosemarie DeWitt – è Charmaine, l’indipendente e solitaria sorella di Tara.

STAGIONE 1 (titolo originale – titolo italiano data prima USA / data prime Italia):

1 Pilot – Alter ego 18 gennaio 2009 / 2 dicembre 2009
2 Aftermath – Conseguenze 25 gennaio 2009 / 2 dicembre 2009
3 Work – Lavoro 1º febbraio 2009 / 9 dicembre 2009
4 Inspiration – Ispirazione 8 febbraio 2009 / 9 dicembre 2009
5 Revolution – Rivoluzione 15 febbraio 2009 / 16 dicembre 2009
6 Transition – Transizione 22 febbraio 2009 / 16 dicembre 2009
7 Alterations – Alterazioni 1º marzo 2009 / 23 dicembre 2009
8 Abundance – Abbondanza 8 marzo 2009 / 23 dicembre 2009
9 Possibility – Possibilità 15 marzo 2009 / 30 dicembre 2009
10 Betrayal – Tradimento 22 marzo 2009 / 30 dicembre 2009
11 Snow – Neve 29 marzo 2009 / 6 gennaio 2010
12 Miracle – Miracolo 5 aprile 2009 / 6 gennaio 2010

STAGIONE 2 (titolo originale – titolo italiano data prima USA / data prime Italia):

1 Yes! – Yes! 22 marzo 2010 / 18 ottobre 2010
2 Trouble Junction – Guai in vista 29 marzo 2010 / 25 ottobre 2010
3 The Truth Hurts – La verità fa male 5 aprile 2010 / 1 novembre 2010
4 You Becoming You – Tu diventi te 12 aprile 2010 / 8 novembre 2010
5 Doin’ Time – Autarchia analitica 19 aprile 2010 / 15 novembre 2010
6 Torando! – Tornado 26 aprile 2010 / 22 novembre 2010
7 Dept. of F’d Up Family Services – Dipartimento Servizi Sociali per Famiglie Incasinate 3 maggio 2010 / 29 novembre 2010
8 Explosive Diorama – Diorama esplosivo 10 maggio 2010 / 6 dicembre 2010
9 The Family Portrait – Ritratto di famiglia 17 maggio 2010 / 13 dicembre 2010
10 Open House – Open house 24 maggio 2010 / 20 dicembre 2010
11 To Have and to Hold – Avere e stringere 31 maggio 2010 / 27 dicembre 2010
12 From this Day Forward – A partire da questo giorno 7 giugno 2010 / 3 gennaio 2011

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.