Il caso

Il caso
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Il caso

Noi pensavamo che l’Islanda, come dicono le statistiche, fosse uno dei pochi paradisi in terra, con un benessere individuale tra i più elevati al mondo, un livello di integrazione esemplare, e soprattutto un’armonia sociale invidiabile. Dimenticatevi tutto questo e preparatevi ad entrare in un mondo di depravazione, droghe, violenza e sfruttamento minorile del tutto inatteso. Caso vuole che mentre usciva questa serie in Islanda accadeva una tragedia simile nella vita reale, cosa che ha fatto tacere tutti coloro che gridavano all’inattendibilità della storia raccontata. Questa serie potrebbe essere considerata la terza stagione di una serie poliziesca, “Rettur” (2009), che è stata interrotta dopo la seconda stagione e che Netflix (dove è disponibile doppiata dal 7 dicembre) ha pensato bene di rimettere in carreggiata. L’ottima regia è tutta di Baldvin Zophoníasson (già regista del film gay “Jitters”).
Dei vecchi personaggi di Rettur ne rimangono solo due, Logi (Magnùs Jónsson), un avvocato dedito all’alcool e facile al sesso, e Brynhildur (Jóhanna Vigdís Arnadóttir) una collega che di lui non si fida troppo. Mentre nella prime due stagioni veniva presentato e risolto un caso in ogni episodio, qui abbiamo un unico caso che per essere risolto ha bisogno di ben nove episodi. Tra i nuovi personaggi abbiamo la poliziotta Gabríela (Steinunn Ólína Þorsteinsdóttir), vera protagonista della serie, lesbica non dichiarata, depressa che più non si potrebbe, ma con una forza di volontà che nessuno riuscirà a scalfire. Abbiamo solo due brevi scene dove si accenna alla sua sessualità, quando il suo partner di lavoro le chiede se è lesbica, assicurandole che per lui non cambierebbe nulla, e quando la moglie di quest’ultimo le chiede come sta andando il suo outing. In entrambi i casi Gabriela non si scompone, non si meraviglia e risponde (ma sarebbe meglio dire non risponde) senza darci troppa soddisfazione. Sarà per questa omosessualità repressa che la vediamo sempre così triste, a volte arcigna (da vecchia zitella), decisamente depressa? Certo è che ci troviamo davanti ad uno dei poliziotti televisivi più curiosi, completamenti fuori dai soliti canoni, ma proprio per questo assolutamente reale, pieno di verità. Guardandolo sembra di uscire da uno spettacolo tv ed entrare in una vera stazione di polizia. Della sua vita privata la serie non ci dice quasi nulla, tranne che ha una sorella bloccata psicologicamente per un trauma giovanile (alla fine, in modo un po’ troppo gratuito, lo conosceremo) che avrebbe bisogno del suo aiuto. Nella serie c’è anche una brevissima ma significativa storia gay della quale possiamo solo dirvi che ci mostra come anche in Islanda l’omosessualità non aiuti la carriera di uno sportivo, e come per nasconderla si costruisca una falsa storia d’amore etero con la complicità di una donna comprensiva.
La storia parte con il suicidio (o forse omicidio) di una 14enne, una giovane ballerina di talento, trovata morta al National Theatre di Reykjavík. Gabriela è incaricata delle indagini obbligatorie e, mentre tutti vorrebbero chiudere al più presto questo triste caso, lei si convince sempre più che dietro a questo apparente suicidio si nascondono crimini ancora più gravi. Raccontata così sembra una storia già vista e rivista, ma un’ottima sceneggiatura, con ripetuti colpi di scena, e una serie di misteriosi personaggi (che pensavi di conoscere ma invece), ci fanno entrare in una storia capace di catturare la nostra attenzione dall’inizio alla fine. Non mancano nudità (quasi eccessive) e sesso estremo (fortunatamente più raccontato che mostrato).

synopsis

When teenager Lara is found hanged at the local ballet school it is assumed that she committed suicide; detective Gabríela believes there is more to it than that and starts digging into the girl’s life. She isn’t the only person investigating; Lara’s parents have employed a lawyer to look into the case. As the series progresses it becomes apparent there are a lot of very unpleasant things going on; a pair of boys are posting videos of girls having sex onto the internet, a ballet teacher who bullies his students and gives them drugs, an adoptive father who clearly has something to hide and some young men who are getting teenage girls hooked on drugs before forcing them into prostitution.

Condividi

Commenta


trailer: Il caso

Varie

Episodio 1
Gudny e Jonas, genitori adottivi della ballerina morta Lara, chiedono all’avvocato Brynhildur di indagare ulteriormente sulla sua morte. La detective Gabriela sospetta di Julius, un membro dello staff del locale centro giovanile.

Episodio 2
Gabriela interroga l’ex fidanzato di Lara Sigmundur, il suo insegnante di danza e gli amici della scuola. L’avvocato caduto in disgrazia Logi irrompe nella casa di Gudny e Jonas e fa una confessione all’ex-collega Brynhildur.

Episodio 3
I partner dello studio legale di Brynhildur sono costernati quando annuncia che ha arruolato Logi per aiutare con il caso di Lara, ma Logi fa progressi quando ottiene l’accesso alle telecamere di sicurezza del centro giovanile

Episodio 4
Logi dà il disco fisso di Julius a Brynhildur e rivolge la sua attenzione a Jonas, che nega il coinvolgimento nella morte di Lara. Ci sono crescenti disordini nella scuola di danza e un amico di Lara viene aggredito.

Episodio 5
Gabriela cerca la sorella di Lara, Hanna, ma Logi è un passo avanti a lei. Uno degli amici di Lara prende il coraggio di parlare con Brynhildur e rivela che la compagnia di ballo nasconde oscuri segreti.

Episodio 6
Prima che Gabriela possa dare informazioni sull’insegnante del balletto Benedetto, è retrocessa per aver lavorato segretamente al caso di Lara. Benedikt licenzia Logi quando si rifiuta di lasciare le indagini alla polizia.

Episodio 7
Gabriela arresta Logi con l’accusa di omicidio ma quando Brynhildur vede il video incriminante di Logi con Hanna, si rifiuta di agire come suo avvocato ed è invece costretto a chiedere aiuto a Benedikt

Episodio 8
Jonas rivela di sapere perché Lara è stato attaccato: perché si era presentato come uno psichiatra per indagare su una serie di aggressioni sessuali contro ragazze e aveva ignorato le minacce anonime di fermarsi

Episodio 9
Logi identifica il sospetto a Gabriela, ma la polizia fatica a crederci. Mentre il video che dimostra l’identità dell’omicida è finalmente trovato, può Gabriela recuperare il colpevole in tempo?

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.