American Crime Story - L'assassinio di Gianni Versace

American Crime Story - L'assassinio di Gianni Versace
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (3 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

American Crime Story - L'assassinio di Gianni Versace

L’assassinio di Gianni Versace è la seconda stagione dell’acclamata serie American Crime Story, creata dal dichiarato Ryan Murphy con intenzioni documentaristiche. Proprio su questa intenzione di raccontare una storia basata su personaggi e situazioni vere (solo in parte drammatizzate), Murphy si è scontrato con la famiglia Versace che non riconosce attendibilità a quanto raccontato. Inutile la difesa di Murphy che dice di essersi basato sul libro documentale “Vulgar Favors” di Maureen Orth, i Versace hanno ribadito che anche quel libro “è pieno di pettegolezzi e speculazioni”, definendolo uno “sforzo per creare una storia sensazionale” con “dicerie di seconda mano piene di contraddizioni” (come la falsa attestazione che Gianni Versace fosse sieropositivo). Anche il personaggio interpretato da Ricky Martin, Antonio D’Amico, l’amante e compagno di Gianni, ha contestato la sua rappresentazione, e definito la serie piena di scene ridicole, sicuramente troppo romanzate. A parte questi diverbi, la serie sta ottenendo un buon giudizio di critica (con un gradimento all’85% di 66 recensioni raccolte dall’aggregatore Rotten Tomatoes). Sorpassando alcuni momenti del secondo e terzo epsisodio (con la patetica insistenza con cui il compagno di Gianni ripete di essere interessato solo a lui) la serie ci sembra un’efficace indagine sull’ambiente gay frequentato da Gianni e soprattutto sul personaggio dell’assassino Andrew Cunanan (interpretato mirabilmente da Darren Criss, l’attore lanciato da Glee), un giovane che dice di essere gay quando si trova in compagnia di gay ed etero quando si trova con etero. La serie è principalmente basata su questo personaggio (almeno nei primi episodi) che (con grande sforzo) si cerca di umanizzare o almeno di comprendere (incredibile la scena delle sue lacrime quando pensa di essere stato abbandonato dall’amato David), sottolineando anche, quando ci sono, le sue intenzioni di denuncia e rivendicazione (come la messa in scena del cadavere del ricco e velato architetto circondato da riviste porno gay per denunciarne l’omosessualità segreta – che l’intelligente moglie conosceva bene). L’assassino seriale Cunanan sarebbe quindi il prodotto di una società agiata e consumistica dove non possono trovare posto personaggi deboli e marginali, dei poveretti che si lasciano abbagliare da tanto sfarzo (la ricchissima villa di Gianni) e che sarebbero disposti a tutto pur di farne parte, anche ad uccidere. Uccidere anche quando si sentono rifiutati, dominati dalla rabbia per l’esclusione e dall’invidia per quello che non possono avere. Il fatto che ci troviamo immersi in un ambiente gay, composto non solo da personaggi ricchi, vedi la bellissima figura del giovane David (commovente la scena del coming out col padre che gli chiede un attimo per cercare la risposta giusta e che poi gli dice di amarlo più di se stesso), vuole probabilmente sottolineare come in quegli anni, tra aids e omofobia, fosse assai difficile per molti omosessuali trovare un equilibrio, sia interiore che esteriore. Anche se a noi sembra impossibile trovare qualsiasi giustificazione per tanta violenza.

synopsis

The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story is the second season of the FX true crime anthology television series American Crime Story. It explores the murder of designer Gianni Versace by serial killer Andrew Cunanan, based on Maureen Orth’s book Vulgar Favors: Andrew Cunanan, Gianni Versace, and the Largest Failed Manhunt in U.S. History.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


trailer: American Crime Story - L'assassinio di Gianni Versace

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.